skip to main | skip to sidebar
122 commenti

Bombe H nello spazio!

"L'esplosione nucleare di stasera potrebbe essere abbagliante: probabile ottima visibilità"


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "diegobar*" e "belmerlo".

Così titolava l'Honolulu Advertiser nel 1962 in occasione di Starfish Prime: che non era il titolo di un film di fantascienza, ma il nome dato al progetto statunitense – assolutamente, incredibilmente, follemente reale – di far esplodere nello spazio una bomba termonucleare mille volte più potente di quella di Hiroshima, per vedere cosa sarebbe successo.

L'esperimento fu effettivamente realizzato il 9 luglio di quell'anno, caricando una bomba all'idrogeno da 1,4 megatoni su un missile che la portò a 400 chilometri di quota sopra l'Oceano Pacifico. Sono state da poco rese pubbliche molte immagini e riprese inedite dell'esplosione, finora tenute segrete.

È difficile, oggi, immedesimarsi nello stato d'animo di allora. C'era la Guerra Fredda: l'Unione Sovietica e gli Stati Uniti si puntavano addosso a vicenda migliaia di testate nucleari, sufficienti a distruggere la razza umana più volte, e studiavano metodi sempre più efficaci e letali per compiere questa distruzione reciproca assicurata.

Nel 1958, l'astrofisico James Van Allen aveva annunciato la scoperta delle fasce di particelle energetiche (protoni ed elettroni) che circondano la Terra e che oggi portano il suo nome. Lo stesso giorno in cui fece l'annuncio, Van Allen si mise d'accordo con i militari per una serie di lanci di bombe atomiche allo scopo di vedere se erano in grado di distruggere queste fasce.

Questi esperimenti avevano anche obiettivi militari: per esempio, scoprire se le radiazioni di una detonazione nucleare avrebbero reso più difficile localizzare missili nemici in arrivo o se li avrebbero invece distrutti, se l'esplosione avrebbe spinto fino a terra le letali fasce di particelle in corrispondenza di un bersaglio (per esempio Mosca) e se avrebbe interferito con le comunicazioni militari.

La disinvoltura nucleare di quegli anni è incredibile, se vista con gli occhi di oggi. Vari lanci fallirono e fu necessario distruggere i missili mediante l'apposito comando radio, disperdendo frammenti radioattivi su una vasta zona. In un caso (Bluegill Prime), il missile fu distrutto sulla rampa di lancio, contaminando l'area della torre di lancio di plutonio e con i residui chimici del carburante.

L'esplosione di Starfish Prime, la bomba lanciata da Johnston Island su un missile Thor, fu visibile dalle Hawaii alla Nuova Zelanda. A Honolulu, negli alberghi si tennero "Feste della Bomba Arcobaleno" ("Rainbow Bomb Parties") con il naso all'insù. La detonazione nucleare, infatti, produsse aurore artificiali e lampi multicolore dovuti all'interazione fra le radiazioni emesse dalla bomba e l'atmosfera.


Ma gli effetti della bomba all'idrogeno furono molto più significativi di semplici lampi giganti policromi. L'impulso elettromagnetico prodotto dalla bomba fu di gran lunga superiore al previsto e causò blackout elettrici alle Hawaii, a circa 1450 chilometri dal punto di detonazione, fece saltare circa 300 lampioni e almeno un collegamento telefonico in microonde. Tre satelliti artificiali furono resi permanentemente inservibili e le radiazioni emesse causarono il progressivo danneggiamento di un terzo di tutti i satelliti in orbita bassa. Una delle vittime di Starfish Prime fu il primissimo satellite commerciale per telecomunicazioni, Telstar.

Qui su Youtube potete vedere uno dei documentari recentemente pubblicati che mostrano i dettagli dell'esperimento, presentati con un tono che sembra tratto, non a caso, dal Dottor Stranamore di Stanley Kubrick.







Se volete saperne di più, potete consultare un documentario, Nukes in Space, narrato da William Shatner (il capitano Kirk di Star Trek), un dettagliato articolo di NPR.org e i video presentati da Make a History.com.

La prossima volta che qualcuno lamenta che i giovani d'oggi sono irresponsabili, provate a ricordare che i loro nonni facevano scoppiare bombe atomiche nello spazio per fare fuochi d'artificio, senza pensare alle conseguenze.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (122)
Due cose mi han fatto ridere: i tecnici con le camicie hawaiiane, e il ricordo dello sciroccato che asseriva che l' Apollo 13 aveva caricato una termonucleare per tirarla agli alieni.

Grande Storia come sempre Paolo, Grazie.
Sempre di Peter Kuran, c'è anche "Trinity and beyond", dove già mostra alcuni test atomici oltre l'atmosfera.

Suggerisco anche una correzione: più che "contaminando l'area con radiazioni alfa", consiglierei di scrivere "contaminando l'area (la torre di lancio) di plutonio".
Sono state da poco rese pubbliche molte immagini e riprese inedite dell'esplosione, finora tenute segrete.

GOMBLODDO!
Ricordo che in quegli anni Krusciov sbandiero` l'intenzione di far esplodere una bomba nucleare da 50 Megaton sopra il cielo degli USA.
O fu una sbruffonata, o venne fermato in tempo.

Riguardo l'intensita` della Guerra Fredda, ho ancora in mente la prima pagina di un quotidiano con l'annuncio, a caratteri cubitali, della prima bomba H sovietica.
Mi trovavo nel giardino della casa dei miei cugini. Avevo imparato da poco a leggere, ma quella pagina la ricordo ancora.
Sono Pazzi Questi Umani
Mi sembra di aver letto di questo esperimento sul IL LIBRO DI FISICA di Asimov che oltre ad essere stato un grande scrittore di fantascienza è stato anche un grande divulgatore scientifico.Nello stesso, se non ricordo male, viene citato un esperimento meno catastrofico in cui per sondare il campo magnetico terrestre furono dispersi nello spazio tanti aghi per vedere come si sarebbero disposti.Se interessa cerco il riferimento!
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Era anche l'epoca in cui si facevano esplodere le atomiche nei deserti del Nevada e subito dopo ci si mandavano a marciare i soldati dell'esercito... e poco più in là ci si giravano i film western!
Come non citare uno dei racconti di Isaac Asimov? Si intitola Razza di Deficienti e si trova abbastanza facilmente in rete (anche se temo che siano tutte trascrizioni illegali, dunque non metto nessun link).

Nonostante sia uno dei racconti un po' "moralistici" di I.A. e` comunque molto gradevole. Leggetelo!
Salve a Tutti.. Inanzitutto se si parla del Nucleare bisognerebbe parlare per pagine e pagine... Infatti come si può escludere dal parlare dei test con i soldati, alla super bomba H da 100Gigaton Russa??? Questo è tutto che sappiamo e quello che non sappiamo??? Proviamo a non pensarci.. Comunque Riguardo al video posso dire che il test era uno sperimento per le prime versioni di antimissile intercontinentali(ABM) prima che venissero Abolite.. Comunque Grazie Paolo per l'argomento..
A 20:07 del primo documentario c'è una pareidolia .... da paura!
@Marco
Faccio notare che non è mai esistita alcuna bomba da 100 gigaton. Il "meglio" che è mai stato fatto esplodere è stata la "Tsar Bomb": progettata per liberare 100 megaton, al momento del test era stata modificata per liberarne "solo" 50.
ricordo che nell'estate del 2007 ho visitato un osservatorio meteo sui monti Sudeti al confine tra Polonia e Cekia. C'era esposto un grafico con la radiazione beta misurata nell'acqua piovana. per tutti gli anni '50 si manteneva stabilmente a livelli molto alti, per poi cadere a partire da metà anni '60. C'era poi uno stretto picco nel 1986 ed infine tornava a livelli bassi gli anni successivi fino ai giorni nostri. Il picco del 1986 quasi raggiungeva il livello dell'"altopiano" degli anni '50. Tradotto: l'incidente di Chernobyl quasi raggiunse gli effetti dei test nucleari in atmosfera degli anni ' 50. Rabbrividisco ogni volta che ci penso.
Mio dio. Fuochi d'artificio nucleari.
Se non lo diceva l'Attivissimo, era una bufala!
Sarebbe opportuno anche ricordare gli esperimenti francesi a Mururoa... L'ultimo è vecchio solo di 14 anni!
Sapevo che l'esplosione di una bomba nucleare nel cielo potrebbe danneggiare i sistemi elettrici ma non credevo che al riguardo ci fossero dati provenienti da un esperimento reale.

Ottimo articolo
articolo veramente interessante! grazie Paolo!
Grazie Claudio, ho corretto.
@ Paolo Attivissimo: se riesco a trovare quel grafico di cui parlavo al commento #14, ti interesserebbe avere una copia?
@Mammifero Bipede (commento #9): scusa la pignoleria, ma il film a cui ti riferisci - quello nel corso del quale Wayne e altri sarebbero stati esposti alle radiazioni - era "The Conqueror", che non era un film western, ma semmai molto "eastern", visto che John Wayne vi interpretava Gengis Khan!
se riesco a trovare quel grafico di cui parlavo al commento #14, ti interesserebbe avere una copia?

Certamente!
Interessante articolo come al solito.

Concederei ai nostri nonni o genitori l'attenuante dell'epoca storica e della poca coscienza degli effetti a breve e lungo termine di quel che andavano sperimentando.
Da un certo punto di vista fu un'epoca esaltante ed esaltata.
non posso fare a meno di pensare che avrebbero potuto benissimo spazzarci tutti via

in altre parole, secondo voi un Ahmadinejad si farebbe scrupoli a sganciare una bomba, in modo ineluttabilmente autolesionistico? no, perché lo farebbe "per la gloria" della sua idea di Dio

quindi, in fin dei conti, forse non erano così malaccio 'sti nonni, nonostante tutte le loro schifezze
X Giuliano47
"Riguardo l'intensita` della Guerra Fredda, ho ancora in mente la prima pagina di un quotidiano con l'annuncio, a caratteri cubitali, della prima bomba H sovietica.
Mi trovavo nel giardino della casa dei miei cugini. Avevo imparato da poco a leggere, ma quella pagina la ricordo ancora."


Primo capitolo di Underwold di De Lillo: con la scusa della finale del campionato di baseball USA descrive magistralmente l'America nel moento in cui il presidente USA dovrò dire alla nazione che anche l'URSS ha la bomba H. Pazzescamento ben scritto, mi pare di vedere realmente i personaggi di quell'America come in un cinegiornale in bianco e nero.
Per quanto riguarda i documentari,c'è anche "Atomic Journeys - Welcome To Ground Zero",dove si vedono esplosioni nucleari (5 megaton)a scopo civile per la ricerca di gas naturale!
Su youtube se ne trovano vari spezzoni.
http://it.wikipedia.org/wiki/HANE
@Flomar
Hai ragione, Chernobyl fu un grosso disastro ambientale. Faccio però notare che a livello "locale" europeo fu una specie di singola bomba atomica, di discreta potenza.
Il picco che hai potuto vedere è perché il particolato era concentrato in una zona "ristretta", facendo salire molto i valori di radiazioni. Su un numero de "Le Scienze" di qualche anno fa, in un articolo sulla datazione del vino con la radioattività in esso contenuta, mostravano un grafico (non so quanto fosse qualitativo) in cui approssimativamente Chernobyl arrivava a metà.

Invece, se prendi le misurazioni effettuate nell'emisfero sud, non vedresti neanche un picco.

Facendo i dovuti calcoli, il rilascio di Chernobyl è un valore compreso fra un centesimo e un millesimo dei rilasci di tutti i test atomici effettuati:
http://www.iaea.org/Publications/Booklets/Chernoten/facts.html

Termino facendoti una richiesta: posso avere anche io quel grafico ? Grazie
theDRaKKaR: lo so che adesso la moda vuole questi come i cattivi di turno ma basterebbe fare due conti per capire chi opprime chi e miete più vittime (direttamente o indirettamente). Poi è ovvio, noi siamo i buoni, però non riesco a ben comprendere come si possa giustificare, parlo dell'ultima guerra che ci ha visto coinvolti, la morte di 35 mila civili. E soprattutto mi stupisce che qualcuno creda ancora che il terrorismo si sconfigga facendo morti. Quello lo causa. Il terrorismo lo si sconfigge lanciando piuttosto casse di viveri e medicinali sulla povera gente.

Sembra una frase fatta, ma è assolutamente vera: il male non si sconfigge con altro male. La verità è che ci fa comodo mantenere la posizione di predominanza globale che abbiamo; di conseguenza fatico a dire che i buoni siamo noi.

Ps: il Claudio dei commenti precedenti non sono io =)
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
articolo eccezionale e spaventoso. davvero interessante.
ho riso come uno scemo quando ho letto GOMBLODDO in uno dei primi commenti :)

@secondo claudio:
no, lanciare casse di viveri è da vigliacchi.
"sfamatevi e noi avremo la coscienza a posto."
e domani?
è il know-how quello che bisogna "lanciargli"
Io ho solo detto che i politici mondiali attuali mi sembrano più irresponsabili di quelli di 50 anni fa: il presidente dell'Iran è esemplificativo.

Il resto sono tue riflessioni che vanno oltre il mio commento!
Claudio Bis: Purtroppo è fare il gioco dei terroristi, ma temo che l'unico modo per eliminare la paura del terrorismo sia fare più paura ai terroristi. Poi spero di sbagliarmi.

Tornando "a bomba".... è incredibile come l'umanità era incosciente solo 50 anni fa. E la stessa incoscienza però ci ha portato sulla Luna.

Se non siamo morti tutti allora in una esplosione nucleare forse è destino che non succeda.
Mi raccomando bambini, non provate a rifarlo a casa.
@gino lucrezi grazie per la citazione di "Silly Asses" di I.A. ,sono passati piu' di 25 anni da quando ho letto quella short story, la realtà spesso supera di gran lunga la fatasia, a parte gli alieni naturalmente.
BBG
Il sottoscritto è nato nel settembre 1962... poco dopo i "fuochi artificiali nucleari" e gli esperimenti in aria di USA e URSS....
Vuoi che la mia generazione non abbia risentito a livello medico di tutto ciò?
@danilo

che vuoi dire?...
Ma veramente volevano anche vedere se riuscivano a distruggere le fasce di Van Allen ?
Robe da pazzi...


@ Claudio

credo che Drakkar volesse sottolineare che oltre ad essere pericolose in se, la pericolosità delle armi atomiche dipende anche dal governo che può "premere il bottone".
C'è chi si preoccupa - a mio avviso giustamente - dell' eventualità che certi armi siano in mano a fanatici ( più dell' Iran, che dire dell' ambiguo Pakistan, che le atomiche le ha già ed ha pure i suoi "amici-nemici" talebani alla porte ? )
E se USA ed URSS, teoricamente più responsabili, si divertivano a far esplodere le atomiche come mortaretti nello spazio, c'è poco da stare allegri.

Quanto al terrorismo le soluzioni non sono certo facili, sia il "pugno di ferro" che il lassismo hanno della controindicazioni.
Nel caso del terrorismo islamico poi, credo che non si possano non considerare fattori quale la religione, che impone ad ogni buon mussulmano di far diventare tutto il mondo "Dar al islam" (casa dell' islam) attraverso la "Jihad" (guerra santa) e, se necessario, anche usando la "taquiva" (menzogna).

Poi sono d'accordo anch'io che bisognerebbe lanciargli il "know-how" invece del cibo bello e pronto ...
In ogni caso, visto che parliamo di paesi arabi e non del terzo mondo africano, una volta lessi una stima di quanto avevano guadagnato i paesi OPEC con il petrolio: si parlava di milioni di milardi di dollari negli ultimi 30 anni ... certo che se si usano per farsi i bagni d'oro, la collezione di super-car e l' harem di bionde ex modelle di play-boy, il palaghiaccio e l' hotel da 7 stelle nel deserto, nonchè finaziare la costruzione di mosche in occidente invece di pensare alla popolazione dei loro paesi ...
@Mammifero Bipede (commento #9): scusa la pignoleria
No, anzi, grazie per la precisazione!
Penso di aver letto anni fa che era un film western (o magari l'ho dedotto io facendo "John Wayne+Nevada").
Immagino un Gengis Kahn wasp e moooolto plausibile... :-)
Andrea B.: ci si preoccupa se c'è l'interesse a preoccuparsi. La Corea del Nord ha avuto un atteggiamento estremamente più aggressivo dell'Iran in particolar modo sul discorso atomica, eppure non se la filano manco di striscio (per modo di dire). Puta caso i nemici del bene sono sempre quelli che hanno delle risorse... come dire... "interessanti".

Sulla questione della guerra santa... Ma siamo ancora qui? Quando sento certe cose mi sembra di stare al bar. Tu ne conosci di musulmani? Io si, e pure molto religiosi. E ti garantisco che le loro preoccupazioni sono quelle di tutti: la famiglia, il lavoro, la salute, eccetera. E hanno un loro Dio come noi abbiamo il nostro.

Poi ci sono sicuramente anche i fanatici, così come li abbiamo noi. Tu mi dirai "ma non fanno scoppiare la gente con le bombe". Peggio: fanno scoppiare le gente con le bombe, ma quelle intelligenti che costano gran soldi e fanno girare l'economia, e poi fanno molto peggio depredando delle loro ricchezze tutto il resto del mondo perché altrimenti... l'occidente non si sostiene. Conta le morte dirette e indirette e mettiti le mani nei capelli. Anche se vuoi tirare in ballo la guerra santa, ma per lo meno lì c'è un'ideale discutibile ma alto. Noi ammazziamo e deprediamo (per inciso: per me un morto per una bomba o perché mancano le risorse per la sanità e non si può curare è un morto tanto quanto) e per cosa? Per un tenore di vita inutilmente alto, per il superfluo, per avidità.

Chiudo con la questione delle moschee. In Italia è sancito per legge il diritto di culto. I testimoni di Geova fanno le sale del Regno, i musulmani fanno le moschee. Ti pare giusto che i musulmani che conosco io, brave persone, debbano pregare in luoghi assurdi come garage adattatati alla meglio? Che colpa hanno per cui non dovrebbero avere diritto a un luogo di culto?

E anche l'opposizione "eh ma loro là non ci fanno costruire le Chiese!" è ignorante e priva di logica. Come prima cosa non è vero che non ci sono Chiese nei paesi arabi, dipende dal paese arabo. In Iraq c'erano, ad esempio. Come seconda cosa che cosa vuol dire cosa fanno loro a casa loro? Se a casa mia lascio fumare, con quale logica vengo a casa tua e pretendo di poter fumare perché a casa mia si può fumare? A casa tua le dinamiche e le scelte possono essere diverse.

Se noi abbiamo la civiltà di garantire il diritto di culto, perché altri non fanno la stessa cosa dovremmo quindi anche noi chiudere? Possiamo essere un esempio che nel corso del tempo potrebbe venir recepito: cerchiamo di esserne fieri al posto di giocare al ribasso. Altrimenti diventiamo quelli che critichiamo.
@claudio

tendi ad avere una visione non equilibrata: ricorda sempre che per quanto fallaci, fallite, corrotte, putride, schifose, egoiste, diaboliche, ecc. ecc. ecc. le nostre sono democrazie

in Iran o in Corea del Nord, per continuare l'esempio, la situazione è, dal punto di vista della gente comune, molto peggiore e non per colpa delle nostre democrazie, ma per colpa dei vari ducetti che sfruttano e spremono la loro stessa gente

questo non dimentichiamolo mai
Per theDRaKKaR

tendi ad avere una visione non equilibrata: ricorda sempre che per quanto fallaci, fallite, corrotte, putride, schifose, egoiste, diaboliche, ecc. ecc. ecc. le nostre sono democrazie

in Iran o in Corea del Nord, per continuare l'esempio, la situazione è, dal punto di vista della gente comune, molto peggiore...


In Coreo del Nord sì. In Iran, grazie agli introiti derivanti dal petrolio, di gente che muore di fame per fortuna non ce n'è. La situazione grave è a livello politico, senz'altro, non economico e sociale.
non ne sarei tanto sicuro, vai a farti un giro nelle zone rurali dell'est o del nord
la cosa più semplice da dire è che il mio medico, iraniano, si vergogna a dire che viene dall'Iran e dice che viene dalla Persia
Per theDRaKKaR

non ne sarei tanto sicuro, vai a farti un giro nelle zone rurali dell'est o del nord

Le sacche di povertà e arretratezza esistono anche in Italia, ma a livello di dire che i locali muoiono di fame, be', ce ne passa.
Una volta lessi di un progetto destinato a spazzolare con un satellite le fasce di Van Allen per creare un corridoio di sicurezza per le missioni spaziali, una volta infatti erano ritenute per la loro pericolosita` un limite invalicabile - `nec plus ultra` - questo solo poco tempo prima della conquista lunare.

Mi pare pure di ricordare che Van Allen non sia il reale scopritore delle fasce, ma un tedesco o slavo che le teorizzo` molto tempo prima, e che se si chiamano cosi` e` perche quest`ultimo ha un nome impronunciabile :-)
no Acca non c'è confronto: in Iran ci sono zone di povertà assoluta

http://www.payvand.com/news/10/may/1316.html
@ Claudio

la Corea del Nord se la filano eccome anche se ultimamente è passata in secondo piano ... per il tuo ragionamento potevi citare qualche altro stato dotato di atomica, tipo Isreale.

Le risorse "interessanti" ? Quelle le vogliono tutti ...tu stai buono dove stai ad aspettare, nell' illusione che, siccome i cattivi siamo solo noi occidentali, gli altri si comportino meglio e lascino qualcosa anche a te.
E mi raccomando "quando il leopardo si toglierà zanne ed artigli e si metterà a fare la mucca da latte" fammi un fischio...

Sulla la questione delle moschee e ti dico che sei "off-target": non ho mai affermato che non si possano costruire luoghi di culto da noi, nè tantomeno invocavo reciprocità (quella l' hai tirata fuori te ... a proposito di discorsi da "bar sport" !) ... quello era solo uno dei tanti esempi di come sprecano i soldi dei "fantastiliardi" che guadagnano con il petrolio ( che strano ... non gli stavamo a depredare ? ) ... informati con i tuoi amici musulmani moderati che genere di islam viene propagandato nel mondo dai Wahabiti sauditi e di quanti soldi ci buttino.

Evito qualsiasi commento sugli "alti ideali" della jihad...
@andrea

qualcuno ha cominciato a capire che le vacche grasse del petrolio prima o poi finiranno e sta cercando intelligentemente di costruire qualcosa che possa attrarre altri investimenti: industrie, servizi, turismo

mi riferisco all'ormai notissima Dubai
@ Drakkar

si hai ragione, e stanno investendo pure parecchio anche in ricerca scientifica negli Emirati, eccezioni ce ne sono... ma come in tutte le cose basta anche solo un gruppetto di facinorosi organizzati per trascinare tutti verso situazioni più pericolose.
1) @ Claudio:
Infatti il senso del mio commento finale era questo: ai tempi di Chernobyl ci furono misure di sicurezza più o meno efficaci e ci fu quasi il panico. Per tutti gli anni '50 ci furono livelli globali di radiottività artificiale anche superiori a quelli conseguenti all'incidente di Chernobyl e non si fece nulla.
2) Grafico: ho spolverato il mio minimo polacco da cerimonia ed inviato la richiesta. incrociamo le dita e speriamo bene.
3) nessuno si ricorda di un film dei primi anni '60, credo si intitolasse "viaggio in fondo al mare" o qualcosa di simile? La trama era questa: la Terra è in pericolo perché le fasce di Van Allen hanno preso fuoco e una ondata di calore sta uccidendo l'Umanità. Dopo varie dispute tra militari e scienziati, il comandate di un sottomarino della marina USA, salva il pianeta, lanciando bombe nucleari nello spazio, con lo scopo di spazzare via le fasce di Van Allen, per, come disse il capitano, "...fare come le tonsille infiammate, si elimiano".
Per Andrea B.

Sulla la questione delle moschee e ti dico che sei "off-target": non ho mai affermato che non si possano costruire luoghi di culto da noi, nè tantomeno invocavo reciprocità (quella l' hai tirata fuori te ... a proposito di discorsi da "bar sport" !)

Forse Claudio ha sbagliato a tirarla fuori senza che tu ne accennassi. Ma posso confermare che, nei bar sport (e anche fuori dai bar sport) chi usa l'argomento della costruzione delle moschee è innanzitutto contrario, anche se fossero pagate da uno Stato estero fino all'ultimo centesimo, e usa strumentalmente il discorso della reciprocità un attimo dopo. Sai, dire che si è contrari perché gli islamici ci fanno schifo e non hanno diritti è politicamente scorretto: potrebbe portare a reazioni non proprio piacevoli. Una scusa bisogna pur trovarla.

Se tu sei una rara eccezione, tanto meglio. Non voglio addossare a nessuno opinioni che non ha. Sottolineo solo che certe polemiche politiche fini a sé stesse si assomigliano un po' tutte, per la meschinità degli argomenti usati.

... quello era solo uno dei tanti esempi di come sprecano i soldi dei "fantastiliardi" che guadagnano con il petrolio ( che strano ... non gli stavamo a depredare ? ) ... informati con i tuoi amici musulmani moderati che genere di islam viene propagandato nel mondo dai Wahabiti sauditi e di quanti soldi ci buttino.

L'esempio della costruzione delle moschee non regge comunque. Hanno una ricchezza del sottosuolo, hanno saputo sfruttarla, il loro Stato non è basato sul socialismo: i pochi o molti che si sono arricchiti, avranno diritto a spendere i soldi come meglio credono, o devono essere gli Stati occidentali a stabilire il buon uso degli introiti da petrolio?
Uno dei grandi produttori di petrolio al mondo è il Texas, Usa. Ebbene, non ci sono poveri in Texas, secondo te? Ma per favore!
Per theDRaKKaR

no Acca non c'è confronto: in Iran ci sono zone di povertà assoluta

http://www.payvand.com/news/10/may/1316.html


La fonte è una radio in lingua persiana con sede ad Amsterdam: Radio Zamaneh. No, mi spiace, o trovi dati dell'ufficio di statistica iraniano di prima mano, o queste accuse potenzialmente inventate da esuli iraniani nemmeno le leggo.
quando fai così sei odioso..

mi hai fatto perdere un sacco di tempo

eccoti la notizia: http://isna.ir/isna/NewsView.aspx?ID=News-1546052
@ Accademia dei pedanti

ecco, non mi addossare opinioni e discorsi di altri, ognuno è singolarmente responsabile per le proprie e basta.

Sull' argomento mi limito a dire che tutti i popoli e le religioni mi vanno bene e sono tutti benvenuti ... ma se qualcuo si vuole stabilire qui e diventare cittadino di questo stato, allora c'è una sola Costituzione, con i suoi principi fondamentali senza eccezioni per nessuno ed una sola lealtà.
Se sono considerati discorsi da bar sport non mi interessa


Infine ognuno è libero di spendere i soldi che ha come gli pare, chi ha detto il contrario.

Ho solo risposto a chi affermava che il terrorismo nasce dalla fame, facendogli notare che certi stati da cui arriva il terrorismo hanno una montagna immensa di quattrini sotto il terreno e che se questi soldi, invece di essere spesi per il bene delle loro popolazioni, vengono mangiati da dittatori e famigle regnanti e sprecati in ALTRO (non solo costruire moschee e scuole coraniche fondamentaliste in occidente) ...beh allora hanno poco da lamentarsi.

E tantomeno i dhimmi nostrani hanno da giustificarli.

Poi ci sono le eccezioni come diceva Drakkar... speriamo che prevalgano loro...
@ theDRaKKaR
qualcuno ha cominciato a capire che le vacche grasse del petrolio prima o poi finiranno e sta cercando intelligentemente di costruire qualcosa che possa attrarre altri investimenti: industrie, servizi, turismo

mi riferisco all'ormai notissima Dubai


certo, se eviti di guardare la gente che vive segregata sotto terra o sotto i ponti, nascosti alla vista degli sceicchi e dei turisti

migliaia di persone del bangladesh, egiziani, turchi, ecc sfruttati 24/7 per pochi spiccioli al giorno e tenuti in condizioni realmente disumane che poco hanno a che spartire con il lusso sfrenato che trasuda da ogni singola costruzione dell' emirato

per ogni nuovo e splendente Burj Dubai c'è un esercito di persone di cui moltissime neanche arrivano vive alla fine della costruzione, altro che povertà in italia o iran..
Per Yume

mi riferisco all'ormai notissima Dubai

certo, se eviti di guardare la gente che vive segregata sotto terra o sotto i ponti, nascosti alla vista degli sceicchi e dei turisti

migliaia di persone del bangladesh, egiziani, turchi, ecc sfruttati 24/7 per pochi spiccioli al giorno e tenuti in condizioni realmente disumane che poco hanno a che spartire con il lusso sfrenato che trasuda da ogni singola costruzione dell' emirato


Ammiro il tuo slancio sindacalista e terzomondista, ma francamente sarebbe bene che tutte queste tue energie le usassi per i lavoratori italiani: ne hanno bisogno, in questo momento.
Ai diritti dei poveri lavoratori del Bangladesh, dell'Egitto e della Turchia penseranno le rispettive ambasciate.

per ogni nuovo e splendente Burj Dubai c'è un esercito di persone di cui moltissime neanche arrivano vive alla fine della costruzione, altro che povertà in italia o iran..

Se arrivano in Dubai, qualcosa li attirerà pure. Ci saranno sicuramente promesse di lavoro mai mantenute e condizioni capestro non dichiarate all'inizio, ma queste persone lì ci sono giunte con le proprie gambe e di propria volontà; non sono state rapite e caricate dalle navi di mercanti di schiavi. Diciamo che rimanendo nel loro Paese d'origine sarebbero morte di stenti. Quindi, il problema non è evidentemente lo statuto dei lavoratori in Dubai.
Per theDRaKKaR

quando fai così sei odioso..

mi hai fatto perdere un sacco di tempo

eccoti la notizia: http://isna.ir/isna/NewsView.aspx?ID=News-1546052


Boh, se hai una traduzione migliore di quella di google translate, forse mi rivela pieghe del testo che io non ho proprio notato. Si parla di difficoltà economiche e di sperperi. Notizie di gente che muore di fame, come avviene talvolta in Corea del Nord, non ne ho trovate.
Domanda stupida:
e se il razzo decideva che no, quel giorno non aveva voglia di andare su e che sarebbe stato molto più divertente esplodere?

O_O
"secondo voi un Ahmadinejad si farebbe scrupoli a sganciare una bomba, in modo ineluttabilmente autolesionistico? no, perché lo farebbe "per la gloria" della sua idea di Dio"

No, neanche per idea, per me se ne frega della religione. Gli interessa solo il potere e abbaia tanto per vedere quanto può tirare la corda. Piuttosto, non mi stupirei se un giorno o l'altro vendesse piccole bombe alle varie fazioni terroriste, questo sì. Purché possa poi negare di avere una responsabilità diretta in eventuali stragi.
"Noi ammazziamo e deprediamo (per inciso: per me un morto per una bomba o perché mancano le risorse per la sanità e non si può curare è un morto tanto quanto) e per cosa? Per un tenore di vita inutilmente alto, per il superfluo, per avidità."

...Non poteva mancare il solito pistolotto moralistico su quanto siamo malvagi noi occidentali. Beh, mi dispiace, ma non mi sento affatto in colpa se con quello che guadagno ci vivacchio decentemente, anziché provare l'impulso di contribuire all'altrui moltiplicazione irresponsabile.

E' comodo fare sempre le vittime e gridare al razzista, sarebbe meglio suggerire soluzioni APPLICABILI e pratiche invece di utopie tipo "rinunciamo tutti al superfluo". Tanto per cominciare, chi ha il diritto di stabilire cosa per me è superfluo e cosa non lo è? Se parliamo esclusivamente di risorse necessarie a sopravvivere, chi di voi sarebbe REALMENTE disposto a rinunciare a:
-auto/moto
-condizionatore/ventilatore/riscaldamento (i nostri nonni mica li avevano)
-computer e ADSL
-energia elettrica a volontà
-lavatrici e lavastoviglie (se rispondete di sì è ovvio che di bucato e piatti se ne occupa qualcun altro, eh?)
-musica e divertimenti vari, concerti, discoteche, rave e quant'altro.

Ma via....
Per Andrea B.

ecco, non mi addossare opinioni e discorsi di altri, ognuno è singolarmente responsabile per le proprie e basta.

Non dirmi però che la storiella della reciprocità per quanto riguarda le moschee in Europa non l'avevi mai sentita prima d'ora...
A volte solo l'accostamento con certi movimenti è imbarazzante.

Infine ognuno è libero di spendere i soldi che ha come gli pare, chi ha detto il contrario.

Meno male.
@Slowly

"In un caso (Bluegill Prime), il missile fu distrutto sulla rampa di lancio, contaminando l'area della torre di lancio di plutonio e con i residui chimici del carburante."

Il problema si porrebbe nel caso in cui l'esplosione determinasse il raggiungimento della massa critica e quindi la reazione termonucleare.

In ogni caso concordo con te: O_O
@ Accademia

ma francamente, secondo te, ti pare possibile che il concetto di "reciprocità" non l' abbia mai sentito ?

Ho espresso dei concetti che sei liberissimo di criticare o meno, però atteniamoci a quanto dico e scrivo, non ad altro ... altrimenti mi viene da pensare che non sai come ribattere ;-)
Cioè in pratica per "innescare" la bomba non basterebbe in condizioni normali l'esplosione del vettore?
Ciò comporta solo delle perdite ma nn l'esplosione della bomba vera e propria?
@ǚşå÷₣ŗẻễ
O quel che è...

"Il problema si porrebbe nel caso in cui l'esplosione determinasse il raggiungimento della massa critica e quindi la reazione termonucleare."

Il problema delle armi al plutonio è che richiedono un preciso innesco per far raggiungere la massa critica: un qualunque contrattempo, difetto o altro, causarebbe un "fizzle", o ancora meglio una fusione del materiale fissile (causata da un avvio della reazione di fissione), senza innescare una esplsione.
Negli anni si sono affinati sempre di più i meccanismi per impedire un'esplosione accidentale della bomba, e mi pare che esistessero già con "The Gadget" e "Fat Man".

Claudio Fe (per distinguermi dall'altro Claudio)
ǚşå÷₣ŗẻễ ha commentato:

"In un caso (Bluegill Prime), il missile fu distrutto sulla rampa di lancio, contaminando l'area della torre di lancio di plutonio e con i residui chimici del carburante."

Il problema del carburante non fu tanto l'inquinamento che produsse quanto il fatto che trascinò con se particelle di plutonio che contaminarono tutta l'area e il mare circostante l'atollo; oltre a quelle che si dispersero in aria sospinte dai fumi dell'incendio.

Ps. qui un filmato dell'esplosione ma guardate le operazioni di bonifico e l'equipaggiamento di protezione che indossano gli operai:
Bluegill Prime

Stranamente l'85 % di loro poi morì di cancro :(

Link: http://rmit.nautilus.org/forum-reports/JohnstonAtollarticle.doc
Ma che cazzo di sillogismi farai alla fine di ogni articolo? Denotano una logica ferrea, complimenti.
Denotano una logica ferrea, complimenti.

Grazie. È seconda sola alla tua finezza nell'eloquio.
@Claudio motogio & slowly

Appunto, credo che stiamo tratteggiando lo stesso scenario: non si ha l' "esplosione" della bomba atomica, ma comunque succede un macello fastidioso e duraturo.

Vedi Chernobyl (ma poi si innesca un flame fossile, e quindi chiudiamo qui ;))

Comunque il problema è come un mattone da portarsi sulla schiena da qui all'eternità: anche se bandissimo le armi da fuoco, rimarrà il know how per realizzarle, lo stesso dicasi per le armi nucleari.
perche' non si parla di quello che per me e' un
bel mistero?
adolf hitler copio' charlie chaplin per il modo
di tagliare i baffi? e poi colmo si ebbe quando
chaplin pote' impersonare hitler data la somiglianza......
ne parliamo?
@unopertutti

Guarda, recentemente in TV sono stati riproposti i video mondani di Hitler, Eva Braun e dei vari gerarchi: una normalità borghese, sconcertante.

Iunsomma, è come se ci fosse un girato di Attivissimo ritratto al mattino con la famiglia a guardare Star Wars, e che poi al pomeriggio va ad Auschwitz e ordina di gremare 1000 ebrei. E' proprio in questa contraddizione che si nasconde l'orrore...l'orrore...
@ Accademia dei pedanti ha commentato:

Ammiro il tuo slancio sindacalista e terzomondista, ma francamente sarebbe bene che tutte queste tue energie le usassi per i lavoratori italiani: ne hanno bisogno, in questo momento.
Ai diritti dei poveri lavoratori del Bangladesh, dell'Egitto e della Turchia penseranno le rispettive ambasciate.


che qualunquismo e che dimostrazione di arroganza mista a ben pochi altri contenuti.. fermorestando che le mie "energie" (pensa te che cosa mi tocca leggere.. Oo) le posso spendere come più mi aggrada

@ Accademia dei pedanti ha commentato:

queste persone lì ci sono giunte con le proprie gambe e di propria volontà; non sono state rapite e caricate dalle navi di mercanti di schiavi

esattamente come i lavoratori italiani, ne più ne meno, con la differenza che la le condizioni sono realmente disumane e fanno da contro altare a questa magnificenza di Dubai che tanto viene ammirata. ed è quello a cui rispondevo, non ho tirato su una diatriba sindacalista per gli extracomunitari. bello vedere i grattacieli, diverso farci un giro sotto, peccato che la stragrande maggioranza della gente pensa al km di altezza del' edificio e non guarda alla base cosa c'è..

@ Accademia dei pedanti ha commentato:

Se arrivano in Dubai, qualcosa li attirerà pure. Ci saranno sicuramente promesse di lavoro mai mantenute e condizioni capestro non dichiarate all'inizio, ma queste persone lì ci sono giunte con le proprie gambe e di propria volontà; non sono state rapite e caricate dalle navi di mercanti di schiavi. Diciamo che rimanendo nel loro Paese d'origine sarebbero morte di stenti. Quindi, il problema non è evidentemente lo statuto dei lavoratori in Dubai.

se vabbhè, ciao ci becchiamo eheh, proprio voler per forza voltare lo sguardo dall' altra parte, tanto è una questione distante lol, complimenti per il fine acume e la dimostrazione di consapevolezza globale eheh, continua pure a pensare al tuo orto che quello del vicino tanto non ha niente a che fare con te

eh povero mondo.. alcuni commenti in questo blog, al pari di quello di straker, sono realmente da fantascienza e spiegano davvero molto della situazione in cui ci troviamo. non perchè sono espressi in italiano corretto i contenuti sono da ammirare, anzi..
se vabbhè, ciao ci becchiamo eheh

sei per caso di Roma? No, perché io odio i romani, profondamente.

PS sono di Roma
theDRaKKaR ha commentato:
se vabbhè, ciao ci becchiamo eheh

sei per caso di Roma? No, perché io odio i romani, profondamente.

PS sono di Roma

nu, sono "vicino di casa" di straker, per modo di dire, ma cmq ligure eheh
allora dovevi dire se vedemu
"nu, sono "vicino di casa" di straker"

Allora se lo vedi, vagli alle spalle e poi fagli "PSSSHHHH", come quando si spaventano i gatti! :D
Per Yume

Ammiro il tuo slancio sindacalista e terzomondista, ma francamente sarebbe bene che tutte queste tue energie le usassi per i lavoratori italiani: ne hanno bisogno, in questo momento.
Ai diritti dei poveri lavoratori del Bangladesh, dell'Egitto e della Turchia penseranno le rispettive ambasciate.

che qualunquismo e che dimostrazione di arroganza mista a ben pochi altri contenuti..


Temo che di gente che tira fuori il fazzoletto e scoppia in un pianto a dirotto per la sorte dei lavoratori in Dubai ne troverai ben poca in questo forum: siamo scettici allegri, e per mantenere l'allegria dobbiano essere anche un filino cinici.
Ma tu insisti, insisti, vedessi mai...

fermorestando che le mie "energie" (pensa te che cosa mi tocca leggere.. Oo) le posso spendere come più mi aggrada

O le puoi sprecare: dipende dal risultato ottenuto.

queste persone lì ci sono giunte con le proprie gambe e di propria volontà; non sono state rapite e caricate dalle navi di mercanti di schiavi

esattamente come i lavoratori italiani, ne più ne meno, con la differenza che la le condizioni sono realmente disumane e fanno da contro altare a questa magnificenza di Dubai che tanto viene ammirata.


Giusto: buttiamo giù il Colosseo e tutto il complesso di San Pietro con la Cappella sistina: sono state costruite senza rispetto di tutti gli articoli dello statuto dei lavoratori!

ed è quello a cui rispondevo, non ho tirato su una diatriba sindacalista per gli extracomunitari.

Peggio: hai fatto del pietismo.

bello vedere i grattacieli, diverso farci un giro sotto, peccato che la stragrande maggioranza della gente pensa al km di altezza del' edificio e non guarda alla base cosa c'è..

Boicottiamo Dubai. Avrà pure dato il voto alle donne, ma sfrutta i lavoratori per grattacieli che non servono a nulla!
Poi boicottiamo anche i prodotti fatti in Cina: perché sai, anche lì, non è che per gli operai non qualificati sia tutto rose e fiori. Avanti, chi comincia, chi cessa da oggi di acquistare ogni prodotto elettronico che abbia qualcosa di cinese al suo interno?

se vabbhè, ciao ci becchiamo eheh, proprio voler per forza voltare lo sguardo dall' altra parte, tanto è una questione distante lol, complimenti per il fine acume e la dimostrazione di consapevolezza globale eheh, continua pure a pensare al tuo orto che quello del vicino tanto non ha niente a che fare con te

Malgrado i segnali discorsivi della risata (LOL) e della risatina (eheh), non sei per nulla spiritoso. Ti sei inventato una causa nobile tutta per te che, finché rimarrai in Italia, è pura teoria accademica, non cambierà di un millimetro né la situazione dei lavoratori in Dubai, né dei lavoratori, soprattutto immigrati, che in Italia raccolgono pomodori o fanno i muratori pagati in nero.

non perchè sono espressi in italiano corretto i contenuti sono da ammirare, anzi..

È tutta invidia. Io almeno so scrivere né più né meno con gli accenti al posto giusto.
non sei cinico, e spero davvero che tu non creda di farlo perchè ti assicuro ti riesce davvero male

di personaggi cosi ne conosco a bizzeffe e, umanamente eh, fanno sempre una magra figura ma gia, voi siete tutti vulcaniani rotfl

sei assurdo eheh, davvero credo che tu possa essere ritenuto una delle incarnazioni migliori del qualunquismo, supponenza e pressapochismo espressi nei commenti di questo blog

metti pure gli accenti al posto giusto, pensa alla forma e non alla sostanza, spreca pure l' intelligenza che non fatico neanche nel riconoscerti

purtroppo trai conclusioni completamente campate in aria, subdolamente e indirettamente mi attribuisci ragionamenti che mai ho fatto (tipo il "boicottiamo dubai", ecc..) e palesano una chiusura mentale da manuale

sono questi i comportamenti che, purtroppo, portano sullo stesso piano questo blog e tankerenemy, ma sei troppo occupato a fare dell' "allegria" per rendertene conto asd

sei uno scettico allegro eheh, l' umorismo (??) che ti pervade è sicuramente la tua qualità migliore eheh
Yume la tua visione di Dubai è distorta, renditene conto...
Vulcaniani? ... Magari! O_o Avremmo molti, ma molti problemi in meno. A livello planetario.
la mia visione è distorta? eheh, ma per quanto ne sai potrei abitare anche a Dubai Marina eheh, ma poi chi ha mai detto niente?

hai citato Dubai indicandolo come esempio di modernità e intelligenza nello sviluppo, ho espresso solo una incontrovertibile postilla

cioè che non tutto quello che luccica è poi oro e che la sfavillante maschera di Dubai sul retro, in verità, mostra una miseria e delle condizioni di vita che raramente si vedono in altre parti del mondo ben più disagiate

non c' era vena polemica nel mio commento, ma solo rendere partecipi altre persone del fatto che Dubai non è solo Burj Dubai, Atlantis, tecnica e tecnologia e la pista da scii al coperto, ma anche moltissima miseria, sfruttamento, ecc.. molto più di quanto subisca un lavoratore extracomunitario in italia per esempio

il resto l' ha fatto Accademia, stravolgendo il senso del mio discorso e addirittura tentando indirettamente di buttare tutto in caciara col qualunquismo più sfrenato, tirando in ballo i lavoratori italiani e suggerendomi come impiegare le mie energie

e certo che è molto difficile non rispondere ad uno che ti si rivolge con una supponenza tale..
hai citato Dubai indicandolo come esempio di modernità e intelligenza nello sviluppo

pronto? ho citato Dubai come esempio di investimento dei petroldollari in attività che possano sostituire in futura quella fonte di reddito da idrocarburi che prima o poi cesserà

scrivi male e pensi male come direbbero i miei colleghi commentatori
pronto? ho citato Dubai come esempio di investimento dei petroldollari in attività che possano sostituire in futura quella fonte di reddito da idrocarburi che prima o poi cesserà

pronto???

e io ti dico di si, MA con la piccola nota che questo sta causando una quantità indescrivibile di miseria, morti, la creazione di una nuova classe sociale con tutti i problemi relativi e in un mondo che fondamentalmente è islamico, ecc

oltre al fatto che Dubai è stata prossima al fallimento visto che tutto si sta spostando ad Abu Dabi ed è proprio grazie a questo emirato che Dubai sta sopravvivendo

quindi NO, dubai NON è un esempio positivo di sviluppo alternativo al petrolio, lo è stato finchè il reggente era il padre dell' attuale re, ora non lo è più e non è neanche più epoca perchè lo diventi

poi oh, nn vedo cosa ci sia di complesso da capire nel mio discorso, sbaglierò anche gli accenti, ma mi sembra davvero molto chiaro

posso essere d' accordo con te, MA tutto ciò ha creato migliaia di poveri, migliaia di morti ed ha consumato le risorse del' emirato fino a dover importare pure quelle dai "vicini di casa"

bon, fine, non voglio contestare la tua affermazione ma aggiungercene un pezzo visto che per diversi motivi conosco bene la situazione dell' emirato, quantomeno al di la dei grattacieli e di tutte le opere di tecnica che han tirato su.. a sto punto anche se non s'è capito ci lascio perdere eheh
Per Yume

a sto punto anche se non s'è capito ci lascio perdere eheh

Ecco, ottima idea. Sei irrecuperabile: l'unica cosa che si capisce è che hai voglia di insultare qualcuno.
e io ti dico di si, MA

No, forse non ci siamo capiti. Tutto quello che viene dopo il "ma" neanche l'ho letto, non mi interessano le tue elucubrazione. Quello che mi interessa è che tu capisca che io non ho "citato Dubai indicandolo come esempio di modernità e intelligenza nello sviluppo".

Mi basta che tu acquisisca consapevolezza di questo fondamento della discussione.

Saluti.
Accademia dei pedanti ♂ ha commentato:

Ecco, ottima idea. Sei irrecuperabile: l'unica cosa che si capisce è che hai voglia di insultare qualcuno.

col modo di fare che hai questo desiderio nei tuoi confronti viene di sicuro lol e a giudicare dai commenti in questo e in altri post non sono il solo

theDRaKKaR ha commentato:

No, forse non ci siamo capiti. Tutto quello che viene dopo il "ma" neanche l'ho letto

ah bhè, allora certo che così si instaura una discussione pregna di significato e c'è un ottimo scambio di vedute e sicuramente ci sarà un accrescimento generale ahah, ovviamente non hai capito una mazza di quello che ho scritto, se neppure lo leggi.. ma tant'è.. e pensare che neppure ti davo completamente torto, anzi, era solo un'aggiunta al tuo commento..

la presunzione scorre potente in questo blog..
Ciao e grazie.
Per Yume

Ecco, ottima idea. Sei irrecuperabile: l'unica cosa che si capisce è che hai voglia di insultare qualcuno.

col modo di fare che hai questo desiderio nei tuoi confronti viene di sicuro lol e a giudicare dai commenti in questo e in altri post non sono il solo


Yume, a un certo punto ti stuferai pure di fare battute e di ridere da solo. E chissà che ti metta pure a rileggere i tuoi vecchi commenti e a capirne la totale inconsistenza.
@Accademia
O le puoi sprecare: dipende dal risultato ottenuto.

Giusto: buttiamo giù il Colosseo e tutto il complesso di San Pietro con la Cappella sistina: sono state costruite senza rispetto di tutti gli articoli dello statuto dei lavoratori!

Accademia, mi sa che un troll ha rubato la tua password e si sta spacciando per te.

Seriamente, ragazzi, avete creato un flame dal nulla veramente, non capisco tutto questo gusto nell'accanirsi sul commentatore occasionale.
@gwilbor

può darsi sia il caldo :D

comunque se io scrivo

qualcuno ha cominciato a capire che le vacche grasse del petrolio prima o poi finiranno e sta cercando intelligentemente di costruire qualcosa che possa attrarre altri investimenti: industrie, servizi, turismo

mi riferisco all'ormai notissima Dubai


e uno mi risponde

certo, se eviti di guardare la gente che vive segregata sotto terra o sotto i ponti, nascosti alla vista degli sceicchi e dei turisti
migliaia di persone del bangladesh, egiziani, turchi, ecc sfruttati 24/7 per pochi spiccioli al giorno e tenuti in condizioni realmente disumane che poco hanno a che spartire con il lusso sfrenato che trasuda da ogni singola costruzione dell' emirato
per ogni nuovo e splendente Burj Dubai c'è un esercito di persone di cui moltissime neanche arrivano vive alla fine della costruzione, altro che povertà in italia o iran..


dimmi se posso prenderlo sul serio....
@theDrakkar

può darsi sia il caldo :D

Saggia risposta :-)

dimmi se posso prenderlo sul serio....

Sì e no. Cioè è la sua glossa, non era una replica su quello che era l'argomento in corso, è solo che a lui quando si parla di Dubai gli viene in mente quella cosa lì e la esprime. Se ne legge tante di bischerate dette per fare colore su questo blog (nei commenti intendo), non capisco perché andare a fare il contropelo a lui, mentre un altro, che pretende di sapere cosa c'è nella testa di Ahmadinejad (*wink wink*), la passa liscia, ad esempio.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
@gwilbor

beh, sicuramente è lecito glossare, ma non è lecito far passare l'annotazione come correzione: se eviti di guardare, altro che povertà in Italia o Iran, mentre io mi riferivo solo, come si è ben capito, alla trasformazione economica

inoltre, quel qualcuno che "pretende di sapere cosa c'è nella testa di Ahmadinejad" in realtà ha fatto una valutazione senza spacciarla per verità assoluta, tanto che qualcaltro (*wink wink*) ha risposto che forse il presidente dell'Iran farebbe una cosa del genere per altri motivi, e quel qualcuno ha preso e portato a casa la pertinente osservazione senza problemi...
errata: che forse il presidente dell'Iran farebbe una cosa del genere per altri motivi = che NON farebbe una cosa del genere
Per theDRaKKaR

errata: che forse il presidente dell'Iran farebbe una cosa del genere per altri motivi = che NON farebbe una cosa del genere

No, era meglio la prima versione. Era un riassunto più fedele del commento di Lohengrin.
@ǚşå÷₣ŗẻễ

Comunque il problema è come un mattone da portarsi sulla schiena da qui all'eternità: anche se bandissimo le armi da fuoco, rimarrà il know how per realizzarle, lo stesso dicasi per le armi nucleari.

Il mattone che ci portiamo sulla schiena non è il know how ma sono le carcasse che marciscono nei porti di Murmansk o le bare di acciaio "dimenticate" su un isola di quello che fu il mare di Aral.

Ma questi sono solo due esempi :-(
esempi terrificanti però
@motogio

L'ora è tarda e la stanchezza è tanta: può darsi che sia per questo che non riesco a comprendere la tua obiezione alla mia affermazione.
Caro Paolo,
una cosa interessante e' come la valutazione personale delle cose possa cambiare. Immaginiamoci per un attimo negli anni 60 e proviamo a pensare a come avremmo reagito in quella situazione. Forse avremmo tacciato chi avesse denunciato i pericoli legati a esperimenti del genere come "complottismo"?

Non voglio difendere la categoria (sono uno scienziato e me ne guardo bene), al contrario voglio dire che la storia e' sempre la stessa: non e' importante cio' a cui si "crede", ma l'atto stesso di credere invece di pensare e documentarsi.
@theDrakkar
beh, sicuramente è lecito glossare, ma non è lecito far passare l'annotazione come correzione:

Perché no? Era sì una correzione, ma su un'aspetto accessorio. Capisco comunque quello che vuoi dire, purtroppo è una cosa che succede spessissimo su internet, l'ho vista accadere su forum blog e newsgorup: si puntualizza, poi ci si accapiglia sulla puntualizzazione appunto perché non è per niente chiaro se si voleva contraddire qualcuno o piuttosto dirottare l'attenzione su un'aspetto che sta a cuore al tizio che interiviene.


se eviti di guardare, altro che povertà in Italia o Iran, mentre io mi riferivo solo, come si è ben capito, alla trasformazione economica


Ed infatti lui non ha negato la trasformazione economica, è che per lui quando si parla di Dubai è importante parlare anche di come stanno i poveri di Dubai.


inoltre, quel qualcuno che "pretende di sapere cosa c'è nella testa di Ahmadinejad" in realtà ha fatto una valutazione senza spacciarla per verità assoluta,


Uhm... rileggiamo e confrontiamo:

Drakkar: "no, perché lo farebbe "per la gloria" della sua idea di Dio"

"migliaia di persone del bangladesh, egiziani, turchi, ecc sfruttati 24/7 per pochi spiccioli al giorno e tenuti in condizioni realmente disumane che poco hanno a che spartire con il lusso sfrenato che trasuda da ogni singola costruzione dell' emirato"

Nel tuo intervento non vedo una premessa del tipo "secondo me", "a mio modesto avviso", o simile. In quello di Yume, non si legge niente del tipo "È stupido negare che". Tu hai fatto la tua valutazione e Yuma la sua.

tanto che qualcaltro (*wink wink*) ha risposto che forse il presidente dell'Iran farebbe una cosa del genere per altri motivi, e quel qualcuno ha preso e portato a casa la pertinente osservazione senza problemi...

I toni delle due risposte erano molto diversi. Lohengrin si è messo al pari tuo: è stato franco e deciso ma è intervenuto interamente nel merito della questione. Non è partito mettendosi in cattedra con un qualche consiglio su come dovresti impiegare le tue energie.

Ah, e visto che Accademia ancora non l'ha corretto: "qualcaltro"??? Orrore! Non si scrive così! :-P
@gwilbor

Non mi sta bene la tua equivalenza tra il mio commento e il commento del tizio.

Il mio intervento era una riflessione personale che non andava ad appoggiarsi ad un affermazione x altrui precedente e inoltre non usava roba come "altro che affermazione x".

Inoltre le frasi "non posso fare a meno di pensare" e "quindi, in fin dei conti, forse" denotano la mia affermazione in modo ben diverso da quella del tizio.

Ricapitolando: Yume m'ha detto che è "se evito di guardare la gente che vive segregata e sotto i ponti" allora la mia affermazione è "certa" con l'accezione di condivisibile. Inoltre m'ha detto "altro che povertà in italia o iran.." con l'accezione "è molto più importante la povertà a Dubai, che non hai citato, di quella in Italia e Iran che hai citato".

Io ho che "forse" i precedenti politici erano migliori di quelli attuale e che "non posso fare a meno di pensare".
Per Gwilbor

Ah, e visto che Accademia ancora non l'ha corretto: "qualcaltro"??? Orrore! Non si scrive così! :-P

Devi sapere che in questo forum ci sono persone che hanno brevettato le loro crasi. Una volta ho tentato di correggere un "comai", crasi di "come mai", e mi hanno ribattuto di avere la licenza esclusiva d'uso.
Insomma, meglio non azzardarsi a correggere le crasi altrui. Ci sono altri errori, quelli sì, a prova di licenza poetica.
dico la verità, mi piaceva qualcaltro per fare "rima" con qualcuno, anche se il correttore automatico ha protestato vivacemente...
@theDrakkar
Il mio intervento era una riflessione personale che non andava ad appoggiarsi ad un affermazione x altrui precedente e inoltre non usava roba come "altro che affermazione x"

Va bene, ci sono delle differenze, ma il punto è che questi giudizi sono molto soggettivi e quindi sarebbe il caso di attaccarsi a questi difetti nei messaggi altrui per montare una polemica inutile. Voglio dire, il discorso "ma posso io prendere sul serio..." che hai fatto prima lo potrei rigirare su di te: posso prendere sul serio uno che pretende di sapere non solo cosa farebbe Ahmadinejad, ma anche che lo farebbe per il suo ardore religioso?

Io ovviamente mi sono astenuto dal partire così, perché lo so che su internet molte sfumature si perdono, che magari nella fretta si tralascia di giustificare o relativizzare il proprio pensiero e così via. E soprattutto, so che partendo su questo tono non ne esce niente di buono. Da qui il mio invito ad Accademia di darci un taglio perché la situazione era ormai degenerata.

Inoltre le frasi "non posso fare a meno di pensare" e "quindi, in fin dei conti, forse" denotano la mia affermazione in modo ben diverso da quella del tizio.

Il tuo intervento era composto da più affermazioni, il "forse" ed il "non posso fare a meno di pensare" si riferivano al giudizio sui nostri nonni, non a quello su Ahmadinejad.

Yume m'ha detto che è "se evito di guardare la gente che vive segregata e sotto i ponti" allora la mia affermazione è "certa" con l'accezione di condivisibile. Inoltre m'ha detto "altro che povertà in italia o iran.." con l'accezione "è molto più importante la povertà a Dubai, che non hai citato, di quella in Italia e Iran che hai citato".

Ma sì sono d'accordo, ha fatto la sua sparata sicuramente poteva argomentare meglio, forse poteva introdurla meglio. Ma non capisco cosa autorizza Accademia a rispondere con un tono ancora peggiore. Voglio dire, il punto è che se è censurabile la condotta di Yume allora lo è anche quella di Accademia.
@Gwilbor

A me basta che sia chiaro che *almeno* quel mio messaggio era sufficientemente rispettoso (quello eh, per altri miei messaggi non garantisco...) mentre quello di Yume lo era un po' meno (ma niente di trascendentale, sia chiaro).

Per quanto riguarda Acca non posso rispondere per lui, e poi non sono francamente preparato, dovrei andare a rileggermi bene lo scambio.

Comunque sia non è bello presentarsi come ha fatto Yume. E mi piacerebbe sapere se ti sembra giusto il tono che ha Lince nei miei confronti, nel thread sulla pantera.
Su internet è facile essere sbruffoni, maleducati, arroganti ecc. e bisogna costantemente esercitare attenzione a porsi nella maniera giusta. Ma entrare a gamba tesa è ben altra faccenda, non credi?
Per Gwilbor

Ma sì sono d'accordo, ha fatto la sua sparata sicuramente poteva argomentare meglio, forse poteva introdurla meglio. Ma non capisco cosa autorizza Accademia a rispondere con un tono ancora peggiore. Voglio dire, il punto è che se è censurabile la condotta di Yume allora lo è anche quella di Accademia.

Ti sbagli, io ho cominciato con un tono normalissimo. Ho solo detto che ammiravo il suo senso della giustizia sociale davanti allo sfruttamento di manodopera del terzo mondo a Dubai, ma che sarebbe stato meglio concentrarsi sullo sfruttamento più sottile presente in Italia. Leggi il commento n° 58.
Se poi lui ha preso questo commento come un'offesa personale, la colpa non è mia. Poteva tranquillamente far capire di essere seccato per il tono e contemporaneamente rispondere nel merito e puntualizzare: invece, guarda caso, mi ha attaccato frontalmente: commento n° 74.
@theDrakkar
Comunque sia non è bello presentarsi come ha fatto Yume.

Ok, ma... niente di trascendentale. E comunque non è una giustificazione per abbassarsi al suo livello.

E mi piacerebbe sapere se ti sembra giusto il tono che ha Lince nei miei confronti, nel thread sulla pantera.

Eh oh calma :-) mica posso leggere tutte le discussioni su questo blog! Se ho tempo e voglia ci do una sbirciata.

@Accademia
Ti sbagli, io ho cominciato con un tono normalissimo. Ho solo detto che ammiravo il suo senso della giustizia sociale davanti allo sfruttamento di manodopera del terzo mondo a Dubai, ma che sarebbe stato meglio concentrarsi sullo sfruttamento più sottile presente in Italia.

Che ne fossi consapevole o no, in quel messaggio si notava una certa dose di sarcasmo. Se l'avessi scritto con le parole che hai usato ora, avrebbe avuto un altro effetto.

Se poi lui ha preso questo commento come un'offesa personale, la colpa non è mia. Poteva tranquillamente far capire di essere seccato per il tono e contemporaneamente rispondere nel merito e puntualizzare:

Accademia, non difendo Yume. Ha sbagliato a replicare sul personale, ma tu prima ce lo hai spinto col tuo sarcasmo e poi, lo hai seguito a ruota. Fammi capire il tuo punto di vista: pretendi che gli altri rispondano sempre in modo impeccabile, mentre tu sei autorizzato a fare i tuoi attacchi frontali come quello del commento #79?
Se ho tempo e voglia ci do una sbirciata.

:-(

secondo me, merita, è paradigmatica
Per Gwilbor

Ti sbagli, io ho cominciato con un tono normalissimo. Ho solo detto che ammiravo il suo senso della giustizia sociale davanti allo sfruttamento di manodopera del terzo mondo a Dubai, ma che sarebbe stato meglio concentrarsi sullo sfruttamento più sottile presente in Italia.

Che ne fossi consapevole o no, in quel messaggio si notava una certa dose di sarcasmo. Se l'avessi scritto con le parole che hai usato ora, avrebbe avuto un altro effetto.


Ma io qui parlo con persone adulte o vaccinate, o con bambini della scuola materna che solo a usare il tono sbagliato battono i piedi per terra frignanti? Tra l'altro ammetti che il suo primo intervento era a gamba tesa, non è che quell'incipit giustificasse un trattamento coi guanti.

Se poi lui ha preso questo commento come un'offesa personale, la colpa non è mia. Poteva tranquillamente far capire di essere seccato per il tono e contemporaneamente rispondere nel merito e puntualizzare:

Accademia, non difendo Yume. Ha sbagliato a replicare sul personale, ma tu prima ce lo hai spinto col tuo sarcasmo e poi, lo hai seguito a ruota. Fammi capire il tuo punto di vista: pretendi che gli altri rispondano sempre in modo impeccabile, mentre tu sei autorizzato a fare i tuoi attacchi frontali come quello del commento #79?


No. Semplicemente: a cafone, cafone e mezzo.
Tra l'altro essendo un fuori tema sul fuori tema, la discussione non ne avrebbe certo sofferto. Non so se si è capito dal prosieguo che a lui non fregava nulla di bomba all'idrogeno del 1962, non fregava nulla di equilibri mediorentali, non fregava nulla nemmeno dell'economia di Dubai. Aveva il dente avvelenato per i lavoratori sfruttati per la costruzioni di lusso, e da quella fissa non usciva. Spero la prossima volta vada ad azzannare col suo dente avvelenato in articoli più appropriati.
Ma io qui parlo con persone adulte o vaccinate, o con bambini della scuola materna che solo a usare il tono sbagliato battono i piedi per terra frignanti?

Ah be' anche questo sarebbe da valutare. Quando capita di leggere un messaggio scritto da un bambino di dieci anni, forse è perche è veramente un bambino di dieci anni.

Tra l'altro ammetti che il suo primo intervento era a gamba tesa,

Lo ammetto? Ho detto che non era granche, ma niente da giustificare un comportamento così aggressivo. E comunque, che significa? "Signora maestra, ha cominciato lui per primo..." che ragioni così tu?

non è che quell'incipit giustificasse un trattamento coi guanti.

Può anche darsi, ma è totalmente scorrelato dalla giustificazione o meno di un trattamento da troll. Lo esprimo nel linguaggio dei logici: la non giustificazione di X non comporta la giustificazione dell'opposto di X.

No. Semplicemente: a cafone, cafone e mezzo.

Oh, finalmente ammetti di esserti comportato da cafone. Bene, era quello che ti stavo suggerendo, felice di sapere che sei d'accordo. Ora, siccome questo non è il tuo spazio privato, magari è meglio se certi comportamenti da troll li eviti, per rispetto del padrone di casa e degli altri che leggono.

Non so se si è capito dal prosieguo che a lui non fregava nulla di bomba all'idrogeno del 1962, non fregava nulla di equilibri mediorentali, non fregava nulla nemmeno dell'economia di Dubai.

Neanche a te se è per questo, siete pari.
Per Gwilbor

Ma io qui parlo con persone adulte o vaccinate, o con bambini della scuola materna che solo a usare il tono sbagliato battono i piedi per terra frignanti?

Ah be' anche questo sarebbe da valutare. Quando capita di leggere un messaggio scritto da un bambino di dieci anni, forse è perche è veramente un bambino di dieci anni.


Un bambino di dieci anni che si appassiona ai lavoratori stranieri di Dubai? Non esageriamo.


Tra l'altro ammetti che il suo primo intervento era a gamba tesa,

Lo ammetto? Ho detto che non era granche, ma niente da giustificare un comportamento così aggressivo. E comunque, che significa? "Signora maestra, ha cominciato lui per primo..." che ragioni così tu?


Fermo restando che io non avevo alcuna intenzione di litigare, il mio primo commento rivolto a Yume era magari provocatorio ma privo di attacchi personali e insulti, ricordo che viene automatico rispondere adeguandosi alla maniere e al galateo dell'interlocutore. È proprio un istinto, non è nemmeno un fatto premeditato.
Chi vuol discutere davvero, non dà gran peso al tono usato: conta la sostanza.


non è che quell'incipit giustificasse un trattamento coi guanti.

Può anche darsi, ma è totalmente scorrelato dalla giustificazione o meno di un trattamento da troll.


Ma chi ha detto che era un folletto?
Era tragicamente fuori tema, e toccava un problema che non è che proprio tolga il sonno ai lettori del Disinformatico, secondo me. In altri spazi magari con questi slogan furoreggia; qui no.


Lo esprimo nel linguaggio dei logici: la non giustificazione di X non comporta la giustificazione dell'opposto di X.

Nella vita reale la logica non vale più: a chi entra in un bar e alza la voce, sbraita, impreca contro persone assenti (e poco dopo, anche contro i presenti), si fa capire in maniera ferma che non è aria. O comunque non lo si tratta come un ospite d'onore.


No. Semplicemente: a cafone, cafone e mezzo.

Oh, finalmente ammetti di esserti comportato da cafone. Bene, era quello che ti stavo suggerendo, felice di sapere che sei d'accordo. Ora, siccome questo non è il tuo spazio privato, magari è meglio se certi comportamenti da troll li eviti, per rispetto del padrone di casa e degli altri che leggono.


Tengo a precisare che l'ammissione si riferisce solo dal commento 79 in poi. :-)


Non so se si è capito dal prosieguo che a lui non fregava nulla di bomba all'idrogeno del 1962, non fregava nulla di equilibri mediorentali, non fregava nulla nemmeno dell'economia di Dubai.

Neanche a te se è per questo, siete pari.


Ma no, perché dici così? Ho fatto anche commenti nel merito sulla situazione in Iran, vedi lo scambio con theDRaKKaR.
Ho fatto anche commenti nel merito sulla situazione in Iran, vedi lo scambio con theDRaKKaR.

e ancora non hai imparato il Farsi o Parsi dir si voglia...

anzi per la precisione:

tu - il Farsi - non hai ancora imparato
ho mostrato l'articolo a mio nonno (95 anni) e ha riso dicendo che la parte divertente delle cose mai fatte prima è farle e vedere che succede.

Ho ribattuto dicendo che io oggi potrei far fare simulazioni precise col PC senza rischi, e lui ha sbuffato dicendo che così è noiosissimo!

Mitico nonno! :D
Supermitico!

Nonni così sono per me la cosa *reale* che si avvicina di più al concetto di divinità :)
Solo una curiosità: ma come ha fatto l'utente che ha messo il video "Declassified U.S. Nuclear Test Film #62" su Youtube a mettere un video di più di un'ora quando il limite è circa 10 minuti? :stupit:!
Comunque gli esperimenti nucleari ad alta quota di quel tipo non erano certo fatti per il gusto di vedere i fuochi artificiali, ma per cercare di capire meglio il fenomeno EMP (Electro-Magnetic Pulse).

Gli esperimenti condotti in precedenza a Bikini avevano dimostrato che un'esplosione nucleare produce, oltre ad effetti di altro tipo, anche un fortissimo impulso elettromagnetico, in grado di mettere fuori uso la maggior parte delle apparecchiature elettroniche, in modo temporaneo o definitivo, anche a grandi distanze.

Vennero quindi condotti degli esperimenti come quello citato, per studiare l'effetto EMP in termini sia di portata che di efficacia. Questo sia a scopi offensivi (valutare la possibilità/convenienza di far esplodere un certo numero di testate nucleari ad alta quota, per mettere immediatamente fuori uso tutti i sistemi elettronici di comando, controllo e comunicazioni del nemico) che a scopi difensivi (proteggere i propri sistemi dell'effetto EMP di armi nucleari sia proprie che nemiche). Ad esempio, le specifiche per la cosidetta protezione TEMPEST, che almeno all'epoca della Guerra Fredda (ma credo anche adesso) doveva obbligatoriamente essere applicata a tutti gli edifici in paesi NATO che ospitano sistemi elettronici importanti, vennero appunto formulate in seguito a questi esperimenti.
I possessori di vecchi account, che avevano questa possibilità l'hanno mantenuta.

Ciao
VB
@Accademia

Un bambino di dieci anni che si appassiona ai lavoratori stranieri di Dubai? Non esageriamo.

Parlavo in generale, sono d'accordo anch'io che non è questo il caso.

Nella vita reale la logica non vale più: a chi entra in un bar e alza la voce, sbraita, impreca contro persone assenti (e poco dopo, anche contro i presenti), si fa capire in maniera ferma che non è aria. O comunque non lo si tratta come un ospite d'onore.

Ok, su questo sono perfettamente d'accordo. Solo faccio notare che dato che ciò che dà fastidio è lo "sbraitare", indipendentemente da chi lo fa, magari è meglio intervenire cercando sempre di raffreddare gli animi invece che di scaldarli.

Mi sono letto l'exploit di lince sull'altro post, quello che theDrakkar mi aveva consigliato di leggere. Ecco, lì theDrakkar direi proprio che si è comportato in modo impeccabile: ha risposto in modo fermo ma non provocatorio, ha chiesto spiegazioni ma ha evitato di dargli spago.

Chi vuol discutere davvero, non dà gran peso al tono usato: conta la sostanza.

Posso anche essere d'accordo, ma mi sono accorto che spesso anche il tono conta molto, quando si vuole disinnescare un flame.
Per Gwilbor

Nella vita reale la logica non vale più: a chi entra in un bar e alza la voce, sbraita, impreca contro persone assenti (e poco dopo, anche contro i presenti), si fa capire in maniera ferma che non è aria. O comunque non lo si tratta come un ospite d'onore.

Ok, su questo sono perfettamente d'accordo. Solo faccio notare che dato che ciò che dà fastidio è lo "sbraitare", indipendentemente da chi lo fa, magari è meglio intervenire cercando sempre di raffreddare gli animi invece che di scaldarli.


Che ci vuoi fare? Son così. Quando uno irrompe in una discussione in quel modo, e con argomenti così fuori dal tema della discussione, mi interessa molto di più far uscire il meglio della sua personalità che approfondire l'argomento. Obiettivo raggiunto. 8-)
A riprova che è vero il proverbio "il buon giorno si vede dal mattino".

Chi vuol discutere davvero, non dà gran peso al tono usato: conta la sostanza.

Posso anche essere d'accordo, ma mi sono accorto che spesso anche il tono conta molto, quando si vuole disinnescare un flame.


Ma io non volevo disinnescarlo. Mi interessava molto di più mostrare cosa si nascondesse davvero dietro gli Alti Ideali e le Storie Strappalacrime in stile Porta a Porta. Avevo un sospetto, e ne ho avuto la conferma.
Che ne dire di questa?
http://en.wikipedia.org/wiki/Tsar_Bomba

Denis