skip to main | skip to sidebar
135 commenti

17/9, giornata anti-superstizione, debutta il CICAP Ticino [UPD 2010/09/16]

Venerdì 17 debutta il gruppo CICAP ticinese


Dal 17 settembre sarà disponibile anche in Canton Ticino un Gruppo locale del CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale), del quale ho il piacere di presiedere il consiglio direttivo di avvio.

L'obiettivo del CICAP Ticino è offrire un nuovo punto di riferimento scientifico locale per chiunque sia interessato a indagare con rigore i misteri e l'insolito di ogni sorta, dalle case stregate alle superstizioni, dai sensitivi alle medicine alternative, dall'archeologia di confine all'ufologia, dalle "bufale" alle tesi di complotto, per sgomberare questi campi controversi dai fenomeni solo apparentemente anomali e permettere ai cittadini di difendersi meglio dalle truffe e dagli inganni che spesso caratterizzano il mondo dell'insolito e della scienza di confine.

La presentazione ufficiale del gruppo si terrà venerdì 17 settembre (alle ore 18 presso l'Hotel Holiday Inn di Lugano-Paradiso), in coincidenza con la "Giornata anti-superstizione" organizzata anche quest'anno dal CICAP in varie città d'Italia (dettagli su Facebook e Cicap.org). Parteciperà anche Marco Morocutti, noto per le sue indagini sul mistero di Canneto di Caronia, sulle presunte voci dall'aldilà e sull'ufologia. Ci saranno alcune dimostrazioni di fenomeni apparentemente misteriosi e piccoli percorsi a ostacoli per superstiziosi: romperemo specchi, apriremo ombrelli e inviteremo a passare sotto una scala aperta. Seguirà un rinfresco.

Per maggiori informazioni potete contattare direttamente il segretario del CICAP Ticino, Tarcisio Bee, presso ticino@cicap.org.

Il CICAP Ticino è un gruppo senza connotazioni politiche o confessionali e non persegue fini di lucro: è aperto a chiunque sia interessato alla diffusione e divulgazione della scienza, con un approccio rigoroso ma divertente e appassionante, e allo studio razionale dei fenomeni insoliti, senza preconcetti, per offrire un'alternativa al crescente analfabetismo scientifico diffuso anche da alcuni media, vero controsenso in un'era in cui dipendiamo così tanto da scienza e tecnologia.

Per chi non lo sapesse, il CICAP è un'organizzazione scientifica ed educativa senza fini di lucro, fondata nel 1989 da Piero Angela, che vede tra i suoi garanti scientifici Silvio Garattini, Margherita Hack, Tullio Regge, Umberto Veronesi, Edoardo Boncinelli e Giuliano Toraldo Di Francia e tra i suoi membri onorari Rita Levi Montalcini, Carlo Rubbia e Umberto Eco.


2010/09/16


Hanno parlato del CICAP Ticino Il Caffé del 12 settembre, Ticinonline del 16/9 e il Corriere del Ticino del 16/9. C'è stato interesse anche da parte delle radio locali e sono già arrivate le prime richieste di informazioni, adesioni e collaborazioni. Un buon inizio.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (135)
Beh, innanzitutto complimenti!
A proposito di CICAP si sa nulla dell'articolo di quello là che fa la sindone in laboratorio?
Si diceva sarebbe uscito sul numero di Luglio/Agosto di una rivista, e ormai siamo a Settembre....

Piesse: che il CICAP non abbia connotazioni confessionali era evidente. Connotazioni anticonfessionali invece? Mi interesserebbe...
Ci saranno alcune dimostrazioni di fenomeni apparentemente misteriosi e piccoli percorsi a ostacoli per superstiziosi: romperemo specchi, apriremo ombrelli e inviteremo a passare sotto una scala aperta.

E rovesciare il sale, no?!? ;-)
A proposito di CICAP si sa nulla dell'articolo di quello là che fa la sindone in laboratorio?

Si chiama Luigi Garlaschelli.

Si diceva sarebbe uscito sul numero di Luglio/Agosto di una rivista, e ormai siamo a Settembre....

Infatti è uscito tempo addietro qui insieme ad altri lavori sindonologici.


Piesse: che il CICAP non abbia connotazioni confessionali era evidente. Connotazioni anticonfessionali invece? Mi interesserebbe...

Non parlo a nome del CICAP, ma che io sappia il CICAP si occupa di fenomeni oggettivi, non di fede. Se una fede fa un'affermazione che dovrebbe produrre un fenomeno oggettivo (Sindoni, stigmate, ectoplasmi, ecc.), quell'affermazione è verificabile. Se l'affermazione riguarda solo la sfera spirituale (tutti i bambini vanno in Paradiso), non è verificabile.
E rovesciare il sale, no?!? ;-)

Anche. Non ho messo la lista completa.
Il CICAP ha appena provato a Voyager l'esistenza degli aridomanti.

Il Sig. Antonio, chiamato a scovare l'acqua che scorreva di volta in volta in uno dei quattro tubi di gomma approntati per l'esperimento, su 12 tentativi ne ha azzeccato uno solo.

Il Sig. Antonio è un rabdomante al contrario, un aridomante.

James Randi, comincia a contare i soldi!

ROTFLONE! :D
percorsi a ostacoli per superstiziosi: romperemo specchi, apriremo ombrelli e inviteremo a passare sotto una scala aperta. Seguirà un rinfresco.

E lo fate pure di venerdì 17. Ma siete matti? Come minimo vi andranno di traverso i tramezzini!
Io non verrei MAI!!! XD
A Napoli mai niente...
Che goduria lo sbufalamento del rabdomante! Insieme alle leggende Lunari-Natali è una delle più dure a morire. Forse perchè ha una componente romantico bucolica molto spiccata.
O.T. Ma Giacobbo non ha i soldi per cambiare giubbotto?
Ciao!
Grande iniziativa!!!

Auspicherei il millennio anti-superstizione! ;)

Queste credenze possono rovinare la vita ad alcune persone fragili ed essere il fattore scatenante di terribili nevrosi!

Saluti!
A Napoli mai niente...

Spetta ai napoletani fare il gruppo locale, mica ai ticinesi :-)
Buffalo Paul verrà vestito da cacciatore? :-P
Ottima iniziativa e un bell'"in bocca al lupo" (oddio visto il titolo del mio blog forse se dici "crepi" me la prendo :p).

Difficilmente potrò essere dei vostri a Lugano, ma se capito in Largo La Foppa a Milano, un giro lo faccio sicuramente, e magari mi iscrivo pure!

Però Paolo, ora stai attento agli sciacomici, diranno che sei segretamente a capo del CICAP! Il vero Presidente potrebbe averne a male :D
sciacomici, diranno che sei segretamente a capo del CICAP!

No perché gli statuti dell'NWO impediscono di essere a capo di due enti segreti diversi.
Rodri, si ma gli sciacomici mica lo sanno!
In effetti è gente che non distingue un elefante da una fragola...
Scusate, ma perché non farla alle 17,17? Così, per cattiveria!
Piero Angela poi ce l'ha fatta a laurearsi?
Piero Angela poi ce l'ha fatta a laurearsi?

No, sta ancora ripetendo le elementari.

Come al solito, Marco White, non sai trattenerti dal fare domande stupidamente polemiche.
Paolo: anche tu affermi che andrete a Paradiso, senza toccare la sfera spirituale. :)

Fa ridere il "Comitato Italiano [...] Ticino"... Non so come siano i rapporti tra il Ticino e l'Italia confinante, ma se sono come quelli tra Valtellina e Val Poschiavo allora riassume bene l'amicizia che lega le persone al di là dei confini geopolitici.

A.L. Marco White: Wikipedia afferma che ha 8 lauree honoris causa (e ci mancherebbe altro).
Che ci fa un Comitato Italiano in Svizzera? Si delocalizza anche questo perché in Italia non si trova più nessuno disposto a fare queste cose?
Come minimo mettete la sede a Campione, tanto per salvare la forma.
Che ci fa un Comitato Italiano in Svizzera?

"Italiano" è nell'accezione linguistica, non in quella politica.

Del resto, la parte italofona della Svizzera si chiama "Svizzera Italiana". Questo non implica pretese territoriali o fedeltà al Tricolore.

Comunque sì, l'outsourcing ha colpito anche questo settore. Troppi ostacoli in patria.
Per Claudio

Non so come siano i rapporti tra il Ticino e l'Italia confinante, ma se sono come quelli tra Valtellina e Val Poschiavo allora riassume bene l'amicizia che lega le persone al di là dei confini geopolitici.

Strano, spesso i vicini di casa si guardano in cagnesco...
Va detto che fino al 1797 la Valtellina era parte del Libero Stato delle tre Leghe, una nazione indipendente de facto e non facende parte della Confederazione Elvetica. Forse è questo ricordo a rendere più amichevoli i rapporti fra le due sponde della frontiera.
@L'economa domestica:
Scusate, ma perché non farla alle 17,17? Così, per cattiveria!

Se guardi il link, puoi notare che in Piemonte, Lombardia, Liguria e Veneto è davvero alle 17:17. A Trieste è "solo" alle 17.

@Mousse:
Ottima iniziativa e un bell'"in bocca al lupo"

Tsk, tsk. In questi casi bisogna dire "buona fortuna", perché "in bocca al lupo" è l'eufemismo usato da chi pensa che dire "buona fortuna" porti sfiga.
Turz wrote

Se guardi il link, puoi notare che in Piemonte, Lombardia, Liguria e Veneto è davvero alle 17:17. A Trieste è "solo" alle 17.

Ed il mio commento era il numero...17!
Io non verro` perche' il 17 porta sfiga :-(
Bello! ricordo una puntata di uno show di Derren Brown (non ricordo se era Trick of the Mind o Mind Control) in cui invitava un'amica a fare un esperimento. Durante la passeggiata verso il luogo dell'esperimento, la ragazza subiva ogni genere di "incidente" legato alla superstizione (era costretta a passare sotto una scala, un gatto le attraversava la strada etc). Poi Derren faceva la sua cosa, e la ragazza centrava con una freccetta proprio la carta da lei scelta a caso da un mazzo di 52. Al di là della bravura prestidigitoriale di Derren, un simpatico modo di sminuire le superstizioni! Alla fine della puntata, nel tipico dissacrante stile Browniano, un avviso recitava: "Questa puntata è dedicata alla memoria di... (l'amica di Derren), tragicamente deceduta durante il suo ritorno a casa dopo le registrazioni." Ovviamente, in realtà non le era accaduto nulla...
:-)
Specchi, ombrelli e scale?? Mamma mia, prevedo uno tsunami in canton ticino prossimamente. Toccherò ferro anche per voi :-)
Scusate, lo so che non c'entra niente, ma ho appena letto questa notizia sulla cronaca di Virgilio.it e mi ha scioccato: vi prego, ditemi che non è vera!
"Approvata la nuova legge sulla vivisezione. Ammessa la sperimentazione sui randagiTra proteste e polemiche, varata la nuova direttiva Ue sulla sperimentazione animale. Ammessa, in casi particolari, su cani e gatti randagi e scimpanzé. Ogni anno 12 milioni di animali utilizzati per esperimenti scientifici"
Questo dovrebbe essere il link alla notizia :-(
http://tinyurl.com/35xjx5e
Anche io sono un socio CICAP della campania e, purtroppo, qui non c'è un gruppo locale nè, a mia memoria, è stata recentemente organizzata qualche iniziativa.

Spero che quando prima i "cicappini" della campania aumentino e si possa iniziare a mettere in cantiere qualche manifestazione, conferenza o iniziativa :-)
@ ué

La direttiva è stata approvata ieri. La sperimentazione sui randagi è vietata se non in casi molto particolari (epidemie).
Scusate, lo so che non c'entra niente, ma ho appena letto questa notizia sulla cronaca di Virgilio.it e mi ha scioccato: vi prego, ditemi che non è vera!
"Approvata la nuova legge sulla vivisezione. Ammessa la sperimentazione sui randagiTra proteste e polemiche, varata la nuova direttiva Ue sulla sperimentazione animale. Ammessa, in casi particolari, su cani e gatti randagi e scimpanzé. Ogni anno 12 milioni di animali utilizzati per esperimenti scientifici"


Già sbufalata qui
http://www.butta.org/?p=4425
Per L'economa domestica:
Ma perché vivi?
Hai visto la foto della scimmietta?
Io mi sento male...
@ ué

Per L'economa domestica:
Ma perché vivi?
Hai visto la foto della scimmietta?
Io mi sento male...


Io vivo perché è una cosa che mi aggrada parecchio, grazie.
Stai scherzando vero? :-)
@ uè

No. Non sto scherzando. La petizione che gira è fortemente fuorviante, come ha già detto Mattia.
calma.
dico solo che è singolare che un divulgatore scientifico non riesca a laurearsi in ingegneria e abbandoni gli studi.
dico solo che è singolare che un divulgatore scientifico non riesca a laurearsi in ingegneria e abbandoni gli studi.

È più singolare che tu critichi tanto gli altri ma non fai nulla per rimediare alle tue carenze e ti accanisci contro quelle (vere o presunte) degli altri.

Guardarsi allo specchio, prima di aprire bocca e fare il critichino, no, eh?
Certo, solo che il mio "vivi" si riferiva agli animali, non a te.
@ uè

Ti consiglio di leggere la direttiva CEE, che è molto esplicativa, a differenza dei proclami che ho letto in questi giorni.
Senz'altro, grazie.
Marco White, è una bellissima giornata, vattene a giocare in autostrada.
Accademia dei pedanti: hai perfettamente ragione, probabilmente interviene anche la percezione di distanza che abbiamo nel nostro piccolo mondo, per cui magari ci si guarda in cagnesco tra le diverse contrade di una frazione oppure tra paesi confinanti che nemmeno con i cugini elvetici.

Per il resto non so quanto i buoni rapporti siano frutto di una storia lontana, quel che so è che quando attraversi il confine ti senti comunque a casa, cambiano solo alcuni dettagli (c'è ordine, non ci sono capannoni a vacca, la segnaletica stradale non è meramente ornamentale); in più nella storia recente si sono moltiplicate le iniziative italia-svizzera.

Il fatto che il famoso trenino rosso del Bernina parta da Tirano e sia orgoglio anche valtellinese la dice lunga. :)
A.L. Marco White: o stai deliberatamente provocando, oppure sei prigioniero di alcuni stereotipi. Una laurea è un pezzo di carta la cui presenza (o assenza) non è sufficiente per effettuare valutazione alcuna, anche volendo restringere il campo alla sola preparazione scolastica. E' un elemento di tanti. Non a caso ci sono laureati che - anche nel loro campo - sono degli emeriti imbecilli e viceversa persone estremamente valide e preparate che la laurea non l'hanno conseguita.

Poi bisognerebbe anche fare alcune valutazioni di carattere pratico: non l'ha conseguita perché non ne aveva le capacità o perché ha interrotto gli studi? E poi: tieni conto che il contributo che da qualche decennio apporta Angela poco ha a che vedere con l'ingegneria. Non progetta ponti, divulga la scienza. Per fare questo non servono conoscenze verticali ma orizzontali. Non ti serve una conoscenza estremamente specifica in un settore ma ti serve sapere di tutto un po'. E Angela di tutto mi sembra sappia parecchio: se anche volessi rifarti allo stereotipo di cui parlavo prima, avere otto lauree (ad honoris o meno) dovrebbe essere per te un'indicazione molto chiara.
Marco White,

Piero Angela è un divulgatore, non uno scienziato! Chissenefrega se non ha conseguito una laurea, non è mica lui stesso la fonte di ciò che divulga.
Scusate, la memoria mi gioca brutti scherzi: comprimibilità dei liquidi e mascotte di qualche evento sportivo che sono in realtà “mascotte” degli illuminati?
@ Marco White

Francesco Guccini non ha terminato il percorso di laurea in lingue, ma non mi sembra che questo faccia di lui un analfabeta.
Forse trascuri il fatto che si può non arrivare alla laurea anche perché si ottiene prima della fine tutto ciò che si desidera, rendendo inutile (o superflua) la prosecuzione degli studi.
Guccini ha iniziato a cantare prima della laurea, probabilmente Piero Angela ha iniziato a lavorare in Rai prima della laurea. In ogni caso questo non lo rende necessariamente meno preparato di tanti altri che al "pezzo di carta" ci sono arrivati.
Ad esempio, Vittorio Sgarbi e Roberto Giacobbo sono laureati.......e ho detto tutto!
Francesco Guccini non ha terminato il percorso di laurea in lingue, ma non mi sembra che questo faccia di lui un analfabeta.

L'accostamento a Piero Angela mi sembra un po' ardito.... :-)

Diciamo che ci sono delle professioni che richiedono una laurea, altre che non la richiedono. Tra le seconde il cantante e il divulgatore scientifico.
@ Hammer

Non mi sembra molto ardito!
Ho nominato uno dei maggiori cantautori italiani dell'ultimo secolo...mi sembra che possa reggere il confronto con Piero Angela in fatto di preparazione e successo nel proprio campo.
e poi volendo uno la laurea se la può sempre photoshoppare, no?
Alessandro,

Ho nominato uno dei maggiori cantautori italiani dell'ultimo secolo...mi sembra che possa reggere il confronto con Piero Angela in fatto di preparazione e successo nel proprio campo.

Certamente!

Volevo dire che fanno due lavori completamente diversi. Concordo con te che entrambi non necessitano di una laurea.
ho capito. poca voglia di studià!
le lauree honoris causa non valgono niente
Marco White, le tue credenziali?
Alexandre,

te le do io: Marco White ha all'attivo valanghe di insulti e volgarità nei confronti del gruppo Undicisettembre, tutt'ora consultabili sul sito.
Vado a memoria, ma mi sembra che Piero Angela sia laureato in giurisprudenza. O ricordo male?
il ticino è un po' lontano per me... vorrà dire che romperò uno specchio, passerò sotto una scala e cercherò di fare in modo che un gatto nero mi attraversi la strada.

@A.L. Marco White
"Poca voglia di studiare" mi pare un discorso un po' semplicistico. I motivi per cui qualcuno non si laurea possono essere molteplici. Non sarebbe il primo ad es. che smette di studiare perché lavorando non ha più tempo (NB è un esempio, non so perché P.Angela non si sia laureato).
Va considerato poi che lui si fa solo portavoce di ciò che afferma chi quella laurea (e titoli superiori) ha conseguito (NB lo dicono perchè hanno la fisica, la chimica, la biologia... che affermano le stesse cose). Il non essere Dott. non rende il suo operato meno valido.
scusa Paolo ma con tutto il rispetto mi sembra che abbocchi alla grande alle provocazioni di questo Marco White. E' l'unico a godere del privilegio di una risposta praticamente sicura da te ogni volta che scrive... :)

saluti
Secondo me Marco White è pagato da Paolo per far aumentare il numero di commenti sul suo blog.
Senza di lui questo post si sarebbe fermato a meno di 40, e invece...

Ovviamente i soldi con cui lo paga sono parte di quelli che Paolo riceve dai vari governi per insabbiare tutto, o dai rettiliani, o che ricava vendendo le feci del Sacro Unicorno come Viagra naturale nei paesi del terzo mondo.

Sì, c'è un complotto che lega Marco a Paolo: dimostratemi che non è così!
Dicendo queste cose Marco White sta diffamando insigni intelletuali come Valentino Rossi e Mike Bongiorno..vergogna
@pgc

Paolo si comporta cosi` perche teme che altrimenti Marco White gli lanci il malocchio.
Per L'economa domestica:
Non ce la faccio a leggere tutto, mi prende lo stomaco e mi si riempiono gli occhi di lacrime.
Ciò che mi sembra di capire è che comunque l'uso di animali vivi per la ricerca, pur se con tutte le restrizioni del caso, non è escluso.
Invece io pensavo che fosse una pratica clandestina e perseguibile; così non è e ciò, a prescindere dal falso allarme e dall'esagerazione dell'articolo che ho linkato, mi addolora ugualmente. Ad ogni modo, Paolo, non ti sarebbe possibile scrivere uno sbufalamento di detto articolo? Grazie a priori.
@ pgc

Suvvia, anche l'animale più sfigato di uno zoo merita un pezzo di pane ogni tanto ;-)
@ué

Ad ogni modo, Paolo, non ti sarebbe possibile scrivere uno sbufalamento di detto articolo? Grazie a priori.

Cosa c'è che non ti torna della debunkata che ti ho linkato?
Paolo si comporta cosi` perche teme che altrimenti Marco White gli lanci il malocchio.

LOL!

In realtà, a giudicare dalle sue figuracce precedenti, probabilmente se ci provasse colpirebbe qualcun altro.
Un piccolo appunto, perchè agli ignoranti bisogna sempre mettere sotto il naso il prodotto della loro ignoranza, come dicono di fare coi cani, in modo che si rendano conto che magari è meglio farla nel vasino e non per tutta la casa:

http://www.edscuola.it/archivio/norme/decreti/rd1592_33.pdf

articolo 169: la "laurea honoris causa" può essere conferita soltanto a persone viventi che, per opere compiute o pubblicazioni fatte, siano venute in meritata fama di singolare perizia nelle discipline della Facoltà per cui è concessa.

Signolare perizia. Quindi non è vero che “non vale niente”. Non varrà niente per te, che prendi l’ignoranza e la elevi a sistema di vita, ma si vuole che una laurea honoris causa sia assegnata a qualcuno veramente bravo in quel determinato campo. Valentino Rossi ha una laurea in Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni, che può sembrare ridicolo, ma in realtà trattasi di grande comunicatore, che vende i prodotti che pubblicizza e riesce, grazie alla sua fama e alla sua capacità personale di far leva sul “pubblico”, a penetrare il mercato e convincere il destinatario della pubblicità.

Quindi anche una laurea honoris causa vale di più del tuo blaterare senza senso e privo di ogni educazione. Quelli si che non valgono niente.
Per mattia:
Nulla di personale, è proprio il tuo articolo che ho letto, compreso l'allegato, per quanto mi sia riuscito prima di avere i conati di vomito, ma è antecedente all'articolo di stamani e debunkava la petizione, non qualche articolo di qualche giornalista. Siccome stiamo sempre ad additare i giornalisti o pseudo tali per le ca§§ate che scrivono, desideravo che lo si facesse anche stavolta.
Vado a memoria, ma mi sembra che Piero Angela sia laureato in giurisprudenza. O ricordo male?


si, ricordi male. Ha solo il diploma
Forse non avrà una laurea (conosco certi laureati io che...vabbè, lasciamo stare) però "Ha scritto ventotto libri, alcuni dei quali tradotti in inglese, tedesco e spagnolo, con una tiratura di oltre due milioni e mezzo di copie. Ottiene premi non solo in Italia ma anche all'estero (negli Stati Uniti e in Giappone) e ha ricevuto a Parigi il prestigioso premio internazionale Kalinga dell'Unesco per la divulgazione scientifica."

Tu quanti libri hai scritto? Quanti ne hai venduti? Quanti premi hai ricevuto?
ALEXANDRE ma sai di che parli!?
le lauree honoris causa sono cosa seria e giusta!

Bssta solo pensare a quella conferita ad Altero Matteoli.
Il ragionier ministro Matteoli Altero è stato promosso ad ingegnere!
Grati per aver ricevuto vari finanziamenti, come candidamente spiegano nella motivazione, i docenti dell’Università di Perugia hanno voluto infatti ricambiare.
Interessante il nome del professore designato a promotore della cerimonia che incoronerà il ministro dell’Ambiente. Si chiama Franco Cotana e per pura coincidenza è direttore del Centro Ricerca Biomasse voluto dal ministero dell’Ambiente.

Sarà commovente, trovarsi tra amici.
Caro Paolo, intanto Marco White e' l'unico che sembra meritarsi il privilegio di una tua risposta personalizzata praticamente ad ogni suo commento. Pensaci.

un saluto
Mi accodo ai commenti che chiedono di non dare più da mangiare al troll. Anche perché c'è la possibilità di incappare nel rischio prospettato dalla seguente citazione:

If you argue with an idiot, after a while it is hard to tell who the real idiot is.

Colgo l'occasione per fare un piccolo OT: l'altro giorno stavo riflettendo su come la possibilità che ognuno di noi ha di insinuare, sputtanare o dubitare del prossimo (cosa che accade tanto più spesso quando il prossimo ha parecchi meriti e tu parecchio pochi) venga chiamata libertà.

Allo stesso modo diffondere bugie, fare disinformazione, manipolare la realtà è ammesso sempre nel nome di questo valore assoluto che è la libertà.

Ho pensato per un attimo poi come sarebbe il mondo se i politici non fossero liberi di tirare per il culo il mondo universo, se i giornali non fossero liberi di scrivere quel cazzo che gli pare (al di là delle bufale penso a cose ben più gravi come il caso Boffo), se la pubblicità non potesse più pubblicizzare il "più latte e meno cacao" come una cosa positiva; per lo meno non nei termini attuali.

Ho quindi concluso, pensando ai vari significati attribuiti alla parola "libertà": sarà forse che non abbiamo capito un cazzo?
Dalla biografia di Piero Angela:
"« Proviamo ad essere di mente aperta, ma non tanto da far cadere il cervello a terra »"

LOL!
i membri del cicap si sa perchè son pagati, inutile continuare; http://www.xmx.it/grigi.htm
è utile però dire che denigrare cosi tutto ciò che non riescono a spiegare con la cosiddetta scienza attuale, è darsi la zappa sui piedi. Per fortuna. Continuate pure:)
@A.L smettila di ragliare, anche perché tu rimarrai sempre un ignorante incompetente che, pur non capendo una beata fava, spari cazzate su cose che non capisci ed offendi le persone, mentre Piero Angela è un "Signor Divulgatore" con una preparazione che la tua forma mentis (Minus Habens)ti impedisce di raggiungere
@marco white
E infatti QUEL caso ha suscitato scandalo. Altri esempi? Una qualsiasi delle lauree honoris causa di angela ti sembra strana per qualche ragione?
Ancora una volta, chiedo: le tue credenziali? come mai glissi su quel punto?
Vado a memoria, ma mi sembra che Piero Angela sia laureato in giurisprudenza. O ricordo male?

Salve, qui è il tuo Moderatore Compagnone.

Ti è già stato detto cortesemente -- ma forse in modo non sufficientemente chiaro -- che di questa tua ossessione sui titoli di studio di Piero Angela non gliene frega assolutamente nulla a nessuno.

Ho quindi preparato un bel cestino tutto nuovo, tutto per te, dove mettere i tuoi commenti inutili da questo momento in poi.

Il tuo Moderatore Compagnone ti saluta. Addio, e grazie per tutto il pesce.
@A.L. Marco White
Mi sembra l'invidia del pene, questa....
Sottolineare che non è laureato è solo una meschina e piccola (molto piccola) rivincita verso qualcuno che non si sopporta..?
Se il metro fosse questo (il titolo di studio), cosa potremmo dire, che ne so, della Clerici? Forse guadagna meno di Angela e fa una trasmissione in cui è richiesta una competenza specifica...?
Quark rimane praticamente un oasi di divulgazione scientifica in un panorama di palinsesti culturalmente devastanti. Condotto da un vero signore, oltretutto: mai cadute di stile, pacato, ironico, familiare e competente.
Non è laureato: e allora? Sono sviluppatore software da ormai 25 anni, ma non ho alcun titolo di studio inerente l'informatica: sono un abusivo?
Caro Paolo, intanto Marco White e' l'unico che sembra meritarsi il privilegio di una tua risposta personalizzata praticamente ad ogni suo commento. Pensaci.

C'era una mosca noiosa, in ufficio, oggi. Mi sono alzato e l'ho spiaccicata. Negli ultimi istanti della sua coprofaga esistenza, si sarà sentita lusingata dal privilegio di una mia reazione personalizzata?
"coprofaga"

Che bello, mi sembra di essere tornata a scuola, ogni tanto a cercar qualche vocabolo sul dizionario, grazie :-) e LOL per l'allusione.
@per vivere meglio
Quel link è ricolmo di imprecisioni e pure e semplici vaccate. Nessuno scienziato dice “garantiamo noi”. Il metodo scientifico è a disposizione di chiunque, e chiunque può ripetere un esperimento scientifico e vedere che risultato ottiene. Nessuno garantisce. Si prova da soli, indipendentemente, fra ricercatori di tutto il mondo.
Visto che questo pseudo scienziato che scrive in quel link (che scienziato non è, altrimenti saprebbe come si fanno gli esperimenti e come si verificano) dice che (cito testualmente): “Una schiera di ricercatori coraggiosi si sono dedicati anima e corpo alla vera scienza, proprio indagando sul paranormale. Grazie a loro sono stati studiati con metodo scientifico molti fenomeni prima incomprensibili, con notevoli risultati.”

Pregasi presentare tali risultati. Tutti quelli presentati fino ad ora sono stati verificati indipendentemente e sbufalati. Così funziona il metodo scientifico. Mi stupisco che colui che scrive non lo sappia. E citi Rhine come un esempio di studioso serio. In tal caso, perchè i suoi risultati non sono mai stati duplicati? Perchè si rifiutò di dare i nomi dei partecipanti beccati ad imbrogliare? Eccetera.

Insomma, fuffa fuffa e mai niente di concreto. Siete tutti uguali. Se un fenomeno è verificabile in laboratorio, lo si verificherà. Questo non è mai successo con i fenomeni paranormali. Pregasi citare i “milioni di prove effettuate in condizioni ontrollatissime e di assoluto rigore scientifico, in ambiti universitari” Sono milioni, citarne una decina non sarà difficile.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
1) Sui titoli accademici. ALCUNE lauree honoris causa non valgono nulla perchè per far parlare di sè una neonata università le conferisce a gente come Valentino Rossi.
Che sa guidare bene la moto, per carità, ma per me "laurea" vuol dire un'altra cosa.

2) Sulla Svizzera. Da confinante, io concordo con quello che diceva Orson Welles: "Sotto i Borgia, l'Italia ha dato al mondo Leonardo e Michelangelo. In cinque secoli di pace, la Svizzera ha dato al mondo l'orologio a cucù"
Tutti,

non date da mangiare al troll. Grazie.
Marco White,

se sei laureato perché la tua homepage di facebook indica solo la scuola superiore (un liceo di Viareggio)?
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Tutti,

ripeto. Non date da mangiare al troll. Grazie.
Per martinobri

2) Sulla Svizzera. Da confinante, io concordo con quello che diceva Orson Welles: "Sotto i Borgia, l'Italia ha dato al mondo Leonardo e Michelangelo. In cinque secoli di pace, la Svizzera ha dato al mondo l'orologio a cucù"

È una cattiveria, probabilmente riciclata, pare che la storia che gli svizzeri abbiano inventato solo l'orologio a cucù risalga a prima. Tanto per citare un'invenzione in tema, sempre in Svizzera è stato inventato il cioccolato al latte.
Giusto per riassumere la situazione: Marco White ha abusato dell'ospitalità avviando una polemica inutile.

Dopo essere stato richiamato obiettando l'inconsistenza delle sue polemiche, vista la sua insistenza a proseguire su questo tono, ho deciso di intervenire con la moderazione.

L'ospitalità in un blog non è un diritto. Esistono delle regole di cortesia. Chi le viola è invitato a smetterla. Se insiste, gli viene tolta l'ospitalità.

Salutate Marco che se ne va.
Tanto per citare un'invenzione in tema, sempre in Svizzera è stato inventato il cioccolato al latte.

Ah, beh, allora...
;-)
Per martinobri

Tanto per citare un'invenzione in tema, sempre in Svizzera è stato inventato il cioccolato al latte.

Ah, beh, allora...
;-)


Ritengo noioso un elenco delle invenzioni e delle scoperte svizzere. Era per ricordare che siamo già a due invenzioni: orologio a cucù, e cioccolato al latte. Di molte nazioni piccole o medie sarebbe difficile, per un italiano, esprimere sui due piedi i più grandi personaggi che ha dato all'umanità: Estonia, Repubblica ceca, Islanda, Malta, perfino la Danimarca. Abbiamo un rinascimento che straripa per numero di personaggi di valore, che ci possiamo disinteressare degli stranieri.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Tanto per precisare una mosca spiaccicata e' improbabile che continui a infastidirti, un troll cui si risponde stizziti si.

Comunque apprezzo che ci hai pensato.

Scusa l'intervento un po critico nei tuoi confronti ma il problema di questo blog e' che comunque sono sempre quei 2-3 commenti fuori luogo, inopportuni, inutilmente polemici, sterili etc. che appaiono un po' ovunque a polarizzare il 90% delle attenzioni, il che ne genera altri, e altri ancora e ancora. Ed e' un peccato (come ti ho scritto gia' altrove) perche' penso che il tuo blog abbia una funzione unica nel panorama dei blog in Italiano. Io amo la moderazione, quella stessa che e' molto comune in ottimi blog dove si sacrifica una presunta "liberta' di fare e dire quello che mi pare" per la possibilita' di chi legge di informarsi seriamente su questi problemi (alcuni dei quali molto seri e con un impatto notevole sulla realta', come quando si parla di indurre la gente a credere a certe fesserie) senza perdere tempo dietro a evidenti scempiaggini. Non e' un problema di opinioni ma di attinenza o meno al tema. Mi pareva importante fartelo notare. Poi naturalmente lo spazio e' tuo e fai quello che ti pare.

un saluto
Su Svizzera e creatività
L'orologio a cucù mi pare sia un'invenzione bavarese.
Per fare il cioccolato al latte si è resa necessaria una certa fantasia nel trasformare un prodotto tropicale
Svizzeri invece sono Dürrenmatt e Robert Walser.

Comunque quella frase Orson Welles la dice nel film "il terzo uomo" dove interpreta un personaggio spregevole che vende medicinali annaccquati. Non so se fosse anche nel romanzo originale di Greene, su wikiepedia (no flame grazie) c'è scritto che fu un'invenzione di welles. Di solito quando si mette in bocca una frase ad un personaggio del genere vuol dire che non la si condivide.
Sulla Svizzera, citerei Elio e le Storie Tese (La vendetta del Fantasma Formaggino)
E se uno svizzero ti dice:"Italiano pizza spaghetti mandolino mamma,
mamma lo sai chi c'è? E' arrivato il merendero" tu non arrossire, e non abbassare
il capo, ma digli: primo tu non prendi parte neanche ad una barzelletta. Due eee eeehehe. Tre-no dell'amore portami con te. Qua-tro-vi la gioia,
cinqu-inate il fiume, seeei....
@Martinobi

In cinque secoli di pace, la Svizzera ha dato al mondo l'orologio a cucù"

Dimentichi la Hunziker ;)

Ps in cambio ci avete dato Mina.
E invece estone è Paul Keres..
Per motogio

Dimentichi la Hunziker ;)

Ps in cambio ci avete dato Mina.


Be', se viri sui cantanti, la lista si dilata: e Anita Traversi (chi si ricorda delle sue canzoni dei Sessanta, e i duetti con Adriano Celentano, ad esempio Ritorna lo shimmy?); e Paolo Meneguzzi (Quel ti amo maledetto); e Patrick Juvet (Lady night).
Dimentichi la Hunziker ;)

Ps in cambio ci avete dato Mina.


Eh, la Mina ve l'abbiam sbolognata a fine carriera. Michelle, invece...
Ci si puo'iscrivere e partecipare attivamente a distanza?
Per Camicius

E se uno svizzero ti dice:"Italiano pizza spaghetti mandolino mamma,
mamma lo sai chi c'è? E' arrivato il merendero" tu non arrossire, e non abbassare
il capo, ma digli: primo tu non prendi parte neanche ad una barzelletta.


No, almeno una barzelletta che li contempla c'è:

In paradiso il cuoco è francese, il poliziotto è inglese, l'ingegnere è tedesco, gli amanti sono italiani e il tutto è retto da uno svizzero.
All'inferno il cuoco è inglese, il poliziotto è tedesco, l'ingegnere è francese, gli amanti sono svizzeri, e il tutto è retto da un italiano.

Cattiverie pure in questo caso, ma quinquepartisan.
Notavo ora che tra i garanti del CICAP elencati nel post non ce né uno nato dopo il 1950....non so se ce ne sono altri, più giovani, però che tristezza non essere in grado di subentrare agli anziani.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Scusate, ma perché non farla alle 17,17?

non ce né uno nato dopo il 1950.


A proposito di numeri simili e anni di nascita: stanotte mia moglie, che evidentemente non ha di meglio a cui pensare, mi ha fatto notare che io sono nato nel 64 e ho 46 anni. Lei è nata nel 73 e ha 37 anni. Ovvero, entrambi abbiamo attualmente un'età che è scritta al contrario del nostro anno di nascita.
Ora, questo accade, una volta nella vita, a chiunque viva abbastanza a lungo in qualunque anno nasca. Meno frequente però è che questo avvenga nello stesso anno per entrambi. Il problema è: come scegliere la moglie in maniera che almeno una volta si verifichi tale condizione?
Ci ho dovuto pensare una bella mezz'ora prima di accorgermi che la soluzione è ridicolmente semplice.
Lo dico tra qualche post, così se uno vuole pensarci...
@ martinobri
suppongo se prendi moglie della tua stessa età. Cosa ho vinto?
x Martinobri
Basta che siate coetanei
Coetanei è troppo facile; tanto facile che non mi era neanche venuto in mente...
No, c'è un altro caso. Che però non vale sempre sempre sempre
X Martinobri
La differenza di età deve essere di 9 anni.
Infatti. Era semplice, no?

Però non vale negli anni di passaggio tra un secolo e l'altro. Se nasci nel 1995 e tua moglie è del 2004, non funziona. In questo caso, la differenza di età deve essere 19 anni.
Beh, penso di essermi meritato come minimo un cappellino della CIA autografato da uno dei gerarchi dell'NWO
Poi, parlandone stamattina al consiglio di classe (risparmiatevi battute), è saltato fuori un caso incrociato: un collega è del 59 e la figlia è del 95, per cui attualmente hanno 51 e 15 anni.
Ho rinunciato a cercare una regola generale per casi come questi...troppo difficile
Per ué sulla vivisezione, che fra l'altro non è una legge sulla vivisezione ma una legge sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici e già questo dovrebbe far capire il senso della legge.

Premesso che la legge non introduce la vivisezione ma regolamenta l'uso degli animnali per fini scientifici (la vivisezione è all'interno di questa branca), bisognerebe partire dalle fonti ufficiali, Parlamento Europeo in questo caso.
Cominciamo con la "registrazione" della sessione in cui si è dibattuto la legge:
http://www.europarl.europa.eu/news/public/focus_page/008-80686-195-07-29-901-20100714FCS78876-14-07-2010-2010/default_p001c009_it.htm
Qui si dovrebbe vedere gli scopi e gli obiettivi della legge, un breve sunto nonchè l'intervento dei deputati italiani.

Poi passiamo alla legge stessa:
http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2010:203E:0019:0069:IT:PDF

Detto questo è chiaro che sarebbe bello un mondo dove non serve fare sperimentazione su animali, ma purtroppo non è così, ci sono casi in cui è l'unica soluzione, per es. il test dei medicinali. Utilizzeresti un medicinale solo perchè un test al computer ha dato esito favorevole senza aver fatto nessun tipo di sperimentazione biologica? e se il software avesse un errore? (quale software non ne ha, e in passato ci sono stati decessi a causa di questi errori) O ti offriresti come volontaria per testare un medicinale se non ti possono garantire che almeno sugli animali non ha avuto gravi effetti?
La legge dice che laddove esistono metodi alternativi validi bisogna usarli, negli altri casi cerca di limitarne le sofferenze.

Per fare un esempio, Barnard, primo chirurgo ad effettuare un trapianto di cuore, sai come ci è arrivato? Facendo prima sperimentazione sugli animali, per anni ci aveva provato sui cani, almeno una cinquantina di esperimenti falliti, dopodiché è passato ai primati. Pensi forse che non ne valesse la pena?

Come detto prima, da un lato mi piacerebbe pensare un mondo dove, fra le altre cose, questi esperimenti non servono, ma dall'altro lato quando mi devo affidare a un medicinale o a un chiururgo, lo faccio sapendo che è anche grazie a quegli animali se io o miei cari possiamo continuare a vivere.

Ciao
VB
Per ué sulla vivisezione, che fra l'altro non è una legge sulla vivisezione ma una legge sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici e già questo dovrebbe far capire il senso della legge.

Premesso che la legge non introduce la vivisezione ma regolamenta l'uso degli animali per fini scientifici (la vivisezione è all'interno di questa branca), bisognerebbe partire dalle fonti ufficiali, Parlamento Europeo in questo caso.
Cominciamo con la "registrazione" della sessione in cui si è dibattuto la legge:
http://www.europarl.europa.eu/news/public/focus_page/008-80686-195-07-29-901-20100714FCS78876-14-07-2010-2010/default_p001c009_it.htm
Qui si dovrebbe vedere gli scopi e gli obiettivi della legge, un breve sunto nonché l'intervento dei deputati italiani.

Poi passiamo alla legge stessa:
http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2010:203E:0019:0069:IT:PDF

(continua...)
(...prosegue)

Detto questo è chiaro che sarebbe bello un mondo dove non serve fare sperimentazione su animali, ma purtroppo non è così, ci sono casi in cui è l'unica soluzione, per es. il test sui medicinali. Utilizzeresti un medicinale solo perchè un test al computer ha dato esito favorevole senza aver fatto nessun tipo di sperimentazione biologica? e se il software avesse un errore? (quale software non ne ha, e in passato ci sono stati decessi a causa di questi errori). O ti offriresti come volontaria per testare un medicinale se non ti possono garantire che almeno sugli animali non ha avuto gravi effetti?
La legge dice che laddove esistono metodi alternativi validi bisogna usarli, negli altri casi cerca di limitarne le sofferenze.

Per fare un esempio: Barnard, primo chirurgo ad effettuare un trapianto di cuore, sai come ci è arrivato? Facendo prima sperimentazione sugli animali, per anni ci aveva provato sui cani, almeno una cinquantina di esperimenti falliti, dopodiché è passato ai primati. Pensi forse che non ne valesse la pena?

Come detto prima mi piacerebbe pensare un mondo, dove, fra le altre cose, questi esperimenti non servono, ma dall'altro lato quando mi devo affidare a un medicinale o a un chiururgo, lo faccio sapendo che è anche grazie a quegli animali se io o miei cari possiamo continuare a vivere.

Ciao
VB
La Svizzera ci ha dato anche Le Corbusier e Ursula Andress.
Poi, parlandone stamattina al consiglio di classe (risparmiatevi battute), è saltato fuori un caso incrociato: un collega è del 59 e la figlia è del 95, per cui attualmente hanno 51 e 15 anni.
Ho rinunciato a cercare una regola generale per casi come questi...troppo difficile


Basta nascere in un anno che, considerando solo decine e unità, non contenga zeri e non sia palindromo (quindi niente anni '00, '01, '02, '03, ... , '09, '10, '11, '20, '22, '30, '33, ... , '90, '99) e automaticamente chi nasce nell'anno con cifre invertite compirà gli anni anch'essi a cifre invertite nell'anno 10 del secolo successivo.
@L'economa domestica:
La Svizzera ci ha dato anche Le Corbusier e Ursula Andress.

Anche Jean-Jeacques Dormì, pardon, Rousseau.

E il cioccolato bianco, oltre a quello al latte. Il ganache. Le meringhe. Ma soprattutto i Lindor®.

E l'applicazione del DDT come insetticida, possibilmente non in combinazione con le cose scritte sopra.
i commenti dei troll andrebbero ignorati, non censurati
@axlman:

Basta nascere in un anno che, considerando solo decine e unità, non contenga zeri e non sia palindromo (quindi niente anni '00, '01, '02, '03, ... , '09, '10, '11, '20, '22, '30, '33, ... , '90, '99) e automaticamente chi nasce nell'anno con cifre invertite compirà gli anni anch'essi a cifre invertite nell'anno 10 del secolo successivo.


Ah, quindi per chi è nato nell''80 non c'è speranza? :-(

Aggiungo che la coincidenza non avviene solo nell'anno '10 del secolo successivo, ma anche nel '21, nel '32, nel '43, ... e poi nel '99 del secolo stesso, nell''88, ecc. insomma in tutti i multipli di 11 successivi agli anni di nascita.

Stupite i vostri amici, altro che oroscopi! ;-)
@martinobri:
Però non vale negli anni di passaggio tra un secolo e l'altro. Se nasci nel 1995 e tua moglie è del 2004, non funziona. In questo caso, la differenza di età deve essere 19 anni.

Se nasci nel 1995 e tua moglie è del 2014 (impossibile perché nel 2012 finisce il mondo), quando tu hai 59 anni (nel 2054) lei non ne ha 41 ma 40. Quindi se nasci nel 1995 non ti resta che sposarti con una vecchiona del 1986 :-)
@L'economa domestica:

La Svizzera ci ha dato anche Le Corbusier e Ursula Andress.

Ma se valgono anche gli architetti allora è un altro discorso :-)

Il Ticino ha contribuito, oltre che con la già citata Hünziker, con: Borromini, Domenico Fontana, Carlo Fontana, Maderni [Maderno] Stefano* e Maderni [Maderno] Carlo, ai quali, a breve, si aggiungerà Mario Botta, solo per parlare degli architetti dei Papi. A questi vanno aggiunti anche gli architetti ticinesi nella Venezia del Seicento, Antonio e Giuseppe Sardi, quegli degli zar, Domenico e Giuseppe Trezzini, e altri (non tanti) ancora di cui mi sfugge il nome.

* Su Stefano Maderni i pareri sono discordanti, per alcuni è ticinese per altri laziale.
Per tutti coloro che mi hanno risposto sulla vivisezione.
Scusate se vi possa aver dato l'impressione di essere una complottista. Ho capito che l'articolo che mi ha spaventata non riporta fedelmente la legge, ma la mia paura era che per animali "vivi" si intendesse anche coscienti e che quindi soffrissero dolori indicibili, delle vere e proprie torture.
Quando ero piccola abitavo nei pressi di un ex canile, di quelli che acchiappavano i randagi e li sopprimevano e non sto a dirvi le urla ed i guaiti strazianti che ho udito per anni prima che lo chiudessero.
Oltretutto sentii dire che, dove facevano gli esperimenti sui cani, asportavano loro le corde vocali per non sentirne i lamenti.
Insomma un po' da film horror e, vero o falso, sono cresciuta con quest'angoscia ed oggi veder soffrire un animale (qualsiasi) mi fa star male.
Inoltre in quell'articolo che ho linkato ieri c'era la foto di una scimmietta con dei ferri conficcati in testa e stanotte non riuscivo a dormire perché avevo davanti agli occhi quell'immagine che mi terrorizzava.
Scusate lo sfogo.
i commenti dei troll andrebbero ignorati, non censurati

In un mondo perfetto, sì. Nella realtà, qualcuno risponde sempre al troll e quindi non viene ignorato. E allora, dopo aver dato al troll l'occasione di redimersi, bisogna moderare.
Sono d'accordo con lei signor Attivissimo. E se mi consente un piccolo consiglio amichevole, dia per primo il buon esempio e non risponda a quelle che sono chiaramente delle becere provocazioni, anziché rispondere prima per poi moderare.
dia per primo il buon esempio e non risponda a quelle che sono chiaramente delle becere provocazioni,

Come moderatore, devo rispettare il principio dell'innocenza fino a prova contraria. Quindi devo rispondere.
ué, mai pensato che tu fossi complottista, si cercava solo di darti le giuste informazioni per poterci ragionare sopra.

Ciao
VB
Ah, quindi per chi è nato nell''80 non c'è speranza? :-(

C'è stata ma ora non c'è più.

Io mi ero limitato al caso che la coincidenza avvenga nel 2010 ma se vogliamo fare il caso più generale possibile, bisogna solo rispettare la condizione che le due persone nascano nello stesso secolo e ovviamente non in anni palindromi (altrimenti nascerebbero lo stesso anno).
A questo punto la prima ricorrenza della combinazione presa in esame avviene nell'anno multiplo di 11 subito successivo all'anno maggiore tra i due anni di nascita, e poi si ripete ogni 11 anni, fino a che il più anziano non supera il secolo d'età (se ci riesce, ovvio).

Prendendo come esempio due persone nate nel 1946 e nel 1964 abbiamo:
- nel 1966 la prima compie 20 anni e la seconda 02
- nel 1977 la prima compie 31 anni e la seconda 13
- nel 1988 la prima compie 42 anni e la seconda 24
- nel 1999 la prima compie 53 anni e la seconda 35
- nel 2010 la prima compie 64 anni e la seconda 46
- nel 2021 la prima compie 75 anni e la seconda 57
- nel 2032 la prima compie 86 anni e la seconda 68
- nel 2043 la prima compie 97 anni e la seconda 79

Nel caso specifico che hai proposto tu, il corrispettivo di una persona nata nel 1980 è una persona nata nel 1908:
- nel 1988 la prima compie 08 anni e la seconda 80
- nel 1999 la prima compie 19 anni e la seconda 91
- nel 2010 la prima compie 30 anni e la seconda 102 (quindi superando la persona più anziana il secolo d'età, il giochetto non riesce più).

Insomma l'esclusione degli anni contenenti uno zero che avevo considerato, dipendeva dal fatto che la gente nata nei primi dieci anni del XX secolo avrebbe 100 o più anni nel 2010, rendendo impossibile, in tale anno e in quelli successivi, la combinazione in esame.
La questione posta dalla moglie di martinobri ricorda molto da vicino il Quesito con la Susi della Settimana enigmistica. Che noia la Susi e il suo amico Gianni: mai che la si veda sul luogo di lavoro o mentre sbriga faccende domestiche, perennemente fidanzata con Gianni, e con quegli stivali e quei pantaloni attillati che non vanno più...
La questione posta dalla moglie di martinobri ricorda molto da vicino il Quesito con la Susi della Settimana enigmistica. Che noia la Susi e il suo amico Gianni:

uellid lliche lasusi arlante? prefer forset odique elcorvop useiun aiques itidel isconoq
Per martinobri

uellid lliche lasusi arlante? prefer forset odique elcorvop useiun aiques itidel isconoq

Almeno il corvo parlante ha un modo di parlare personale. La Susi e i suoi amici sanno solo presentare dati e fare domande, di loro non sappiamo altro.