skip to main | skip to sidebar
26 commenti

Google: posta prioritaria, ricerca in tempo reale e telefonate

Aggiornamenti multipli per gli utenti di Google


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Google ha presentato una serie di novità interessanti per chi usa i suoi servizi di ricerca e di posta. La prima farà tremare le gambe a Skype, la società il cui programma omonimo è uno dei più noti e diffusi per effettuare telefonate via Internet a costo bassissimo o nullo: la chat vocale e video di Gmail, che prima consentiva videochiamate solo fra computer, ora permette anche di telefonare ai numeri di telefono normali.

Questa novità è limitata per ora agli utenti che si trovano negli Stati Uniti, ma verrà estesa progressivamente anche agli altri paesi. Senza dover lanciare un'applicazione apposita (come fa invece Skype), si potrà telefonare direttamente dalla pagina Web di Gmail. Per predisporre il servizio occorre andare a gmail.com/call e installare il software per la chat vocale e video, riavviando infine tutti i browser. Il servizio è compatibile con Windows XP o superiore, Mac OS X 10.4 o superiore, e con Linux). Quando sarà attivato, nell'area di chat della pagina di Gmail comparirà l'opzione di fare una telefonata, con tanto di tastiera classica.

A proposito di Gmail c'è un'altra novità: la Priority Inbox, o Posta Prioritaria nella versione italiana. Se il servizio è attivabile sulla vostra utenza, vedrete l'avviso in alto a destra, in rosso, nella pagina Web della vostra posta Gmail. Se scegliete di attivarlo, Google evidenzierà i messaggi di posta che ritiene siano più importanti, sulla base delle vostre abitudini: darà meno risalto ai messaggi dei mittenti che cancellate e più importanza a quelli dei mittenti con i quali scambiate più mail. A differenza di un filtro tradizionale, la Posta Prioritaria impara man mano le preferenze dell'utente: una sorta di antispam alla rovescia. Per chi accede a Gmail usando un programma di posta invece della pagina Web, la Posta Prioritaria avrà un'etichetta in più, denominata "Importante", che verrà applicata appunto ai messaggi che Gmail ritiene siano più importanti.

Visto che si parla di pagine Web, da ieri c'è anche una versione nuova fresca fresca, la 6.0.472.53, di Chrome, il browser di Google, che offre un'interfaccia ancora più semplificata e un'esecuzione ancora più veloce e stabile, oltre alla risoluzione di alcune vulnerabilità. Chi è già utente di Chrome dovrebbe vederlo aggiornarsi automaticamente.

Segnalo infine una novità nel campo delle ricerche con Google: la ricerca in tempo reale, disponibile presso www.google.com/realtime, oppure cliccando su Aggiornamenti nella colonna di sinistra della pagina dei risultati di Google. Questa nuova funzione offre appunto risultati costantemente aggiornati, inclusi quelli di Twitter, Facebook e altri social network, man mano che vengono pubblicati. È ora possibile effettuare ricerche cronologiche, specificando un periodo di tempo dal grafico generato automaticamente che mostra l'andamento temporale delle parole cercate, e circoscrivere i risultati a fonti provenienti da una specifica zona geografica (stato o città) per sapere di cosa stanno discutendo gli internauti di quella zona: una funzione comoda, per esempio, per essere informati sugli eventi della propria città o della località dove andrete in vacanza.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (26)
Rabbrividiamo!

P.S. PRIMO!
Non per fare l'antipatico, ma il branch 5.0.375 di Chrome è stabile dalla 5.0.375.55, di questo Maggio.
Il 19 agosto è uscita l'ultima versione stabile di quel branch (la 5.0.375.127),
Ieri è uscita la 6.0.472.53, prima versione stabile di Chrome 6.0.

E' che loro utilizzano una numerazione delle versioni molto particolare: in sostanza gli ultimi due numeri (gruppi di cifre) seguono una numerazione indipendente dai primi due. Gli uni descrivono le varie branch del codice lato sviluppatori, gli altri numerano le release maggiori. Inoltre ciascuna versione può essere dev, beta o stable senza che questo risulti evidente dalla sua numerazione.

Mi sono perso anche qual'è la "casella di ricerca" eliminata di cui parli, non mi pare esistesse neanche nelle precedenti versioni.
a me chrome risulta essere aggiornato alla 7.0.503.0 dev ...
poi non vorrei dire una fesseria, ma la doppia funzione *barra indirizzi/ricerca Google* esisteva sin dal principio
Tukler, Gian,

avevo sbagliato in pieno. Ho corretto, grazie della segnalazione.
Fra poco vedremo Google lanciare un'applicazione per gestire le nazioni. Vedremo il Parlamento 2.0 aggiornato ogni relase!

Ma mi chiedo: ma GOOGLE come riesce a gestire il tutto?
C'è solo una cosa che non mi torna con Chrome, prontamente portato alla. Non si aggiorna mai in automatico.
Di solito tutte le sere, al primo avvio, verifico la disponibilità di nuove versione, e così faccio per Thunderbird e altri software.

A voi Chrome si aggiorna da solo?

Molto migliorativa la 6, comunque.

P.S.: Avete mai provato un SpeedTest con Chrome o Explorer e vedere la differenza in download? :D
Questa novità è limitata per ora agli utenti che si trovano negli Stati Uniti, ma verrà estesa progressivamente anche agli altri paesi.

A me è stata già attivata da parecchi giorni. Sarà perché ho l'interfaccia in inglese anche se non mi trovo negli Stati Uniti?

Se scegliete di attivarlo, Google evidenzierà i messaggi di posta che ritiene siano più importanti, sulla base delle vostre abitudini: darà meno risalto ai messaggi dei mittenti che cancellate e più importanza a quelli dei mittenti con i quali scambiate più mail.

Lo sto provando, sembra promettente, anche se ha bisogno ancora di molto allenamento.
Ho letto che si possono impostare i filtri, per esempio per dichiarare automaticamente "importanti" tutti i messaggi del proprio capo.

Solo che ora mi tocca leggere tre Inbox al posto di una!
@ Slowly
Ho appena fatto il test con Chrome, firefox ed IE :
Mi da risultati praticamente uguali.
Tra l'altro con google call si può telefonare in stati uniti e canada a costo zero.
Yos, a me invece sia in azienda che a casa da differenze anche abissali.
Meglio per me! :D
Le Google Calls sono attivate anche nel mio account. Non so se è per via del fatto che ho l'interfaccia in inglese o perchè quando è stato attivato il servizio ero negli USA (e quindi usavo un IP ammerigano). Da qualche parte (non mi ricordo dove, ma non era mio cugino a dirlo!) ho letto che per attivarlo anche su utenze non-US bisogna "simulare" un IP USA, per esempio tramite VPN. Bisognerebbe provare ...
Ragazzi, siete INDIETRO! La mia versione di Chrome è 7.0.503.0 *. Siete dei BARBUN! :P

*Ho scaricato l'ultima versione (BETA) di Chrome da Filehippo.com
Le Google calls sono state attivate anche qui in UK.
Google sempre avanti, non c'è niente da fare. Peraltro molte novità (ricerche cronologiche e real time, oltre alla splendida Google Wheel) erano state introdotte da un bel po' su google.com
OT chrome

Approfitto del fatto che sia stato tirato in ballo Chrome/Chromium per fare un paio di domande che probabilmente gli esperti troveranno abbastanza sciocche ma alle quali io non sono mai riuscito a trovare una risposta.

Io sono un felicissimo utilizzatore di Chromium (anche se ho sostenuto e continuo a sostenere di essere soddisfatto anche di IE8) ma a parer mio ha un grave difetto che è quello del pulsante di chiusura posto in alto a destra (la "X" per intenderci).
Con IE8, ad esempio, se ho aperte più schede e clicco il pulsante di chiusura del browser si presenta una maschera che mi chiede conferma della chiusura; con Chromium invece si chiude tutto subito e non vi dico quante volte per errore ho chiuso tutte le schede che avevo aperte dovendole poi riaprire una ad una (incognito) e dovendo ricordarmi anche quali fossero.
Il secondo punto riguarda invece non un problema ma una estensione che mi piacerebbe trovare e che probabilmente non esiste; spesso e volentieri ci si imbatte in riferimenti a pagine di Internet prive di ipercollegamento (hyperlink); che voi sappiate esiste un'estensione che generi automaticamente tale collegamento? So che posso selezionare il riferimento e poi col tasto destro del mouse scegliere "Vai a..." ma nella mia infinita pigrizia troverei più comodo dover solamente cliccare.
Grazie in anticipo per le risposte
Penso abbiate ben presente quando dopo mezz'ora che girate cercando una via finalmente vi fermate e chiedete ad un passante che senza fare un plissè alza la mano e con l'indice vi indica il cartello sopra la sua testa che riporta esattamente il nome della via in questione...
... chiaramente appena dopo avervi chiesto informazioni sulla modalità di chiusura di chrome ho trovato l'estensione per gestirla :-)
https://chrome.google.com/extensions/detail/lnpifgapnmpninomacbhdlconlpikdai?hl=it
Ricordo a chi usa la modalità "incognito" che l'applicazione va attivata manualmente in tale ambito.
L'ho testata sommariamente ma sembra funzionare bene.

Per ciò che riguarda invece il "generatore automatico" di ipercollegamenti navigo ancora alla cieca.
... e due...

CHE RABBIA!!!!
:-)
https://chrome.google.com/extensions/detail/mblbciejcodpealifnhfjbdlkedplodp?hl=it

Anche questa sembra funzionare bene
@Slowly:
Avete mai provato un SpeedTest con Chrome o Explorer e vedere la differenza in download? :D

E' impossibile che ci possano essere grosse differenze nella velocità di download tra un browser e l'altro. Se qualche speed test ti da risultati differenti, allora non funziona lo speed test.
Le differenze di velocità tra browser semmai sono dovute al rendering delle pagine, al precaching o al motore javascript.


@Marco Viano:
A me è stata già attivata da parecchi giorni. Sarà perché ho l'interfaccia in inglese anche se non mi trovo negli Stati Uniti?

Ma hai provato ad usarla? Non è che hai il link attivo ma poi quando provi ad usarla ti dice che non risiedi negli Stati Uniti? A me è successo così.
Confermo che a settare l'interfaccia in inglese (US) la funzione "call" compare ed è effettivamente attiva.
Ho provato a chiamare mia sorella; il telefono ha squillato e lei ha risposto ma né io né lei sentivamo ognun l'altro (bella: mi è uscita così).
Ora si è recata al lavoro ma domani riproviamo.
Aggiungo che nei dati personali ho settato la residenza negli US
44rivax #5

Con una "server farm" enorme. Si stima che sia la compagnia privata con il maggior numero di server; ovviamente si parla di stime, visto che aziende come Google, Microsoft o IBM non rivelano numeri ufficiali.
Il tutto gestito da una compagnia che ha degli ottimi programmatori, ed ecco la risposta (molto semplificata).

p.s. Accademia, perdonami gli errori. Vivendo all'estero, e' da parecchio che non parlo in italiano.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
io vivo al presente in Cile ed ho accesso (testato) al servizio voice call di Google mail.
Vorrei segnalare che google voice, per telefonare sui telefoni, non è vero che sia disponibile solo per gli utenti statunitensi.
Basta impostare gmail in inglese US per poterne fruire.

ciao
Visto che si parla di Chrome vorrei sottolineare indirettamente che attualmente su Windows né Chrome, né Internet Explorer 8, né Firefox sono sicuri, ché c'è una vulnerabilità nell'Adobe Flash Player che è correntemente utilizzata da siti malevoli.
scusate, ho dimenticato la fonte:
http://secunia.com/advisories/41434/