skip to main | skip to sidebar
42 commenti

Sapete il russo? Mi serve una mano

A caccia del primo libro lunacomplottista della storia


Se sapete il russo, ho una cortesia da chiedervi: ho bisogno di sapere cosa dice questo documentario lunacomplottista russo (o comunque doppiato in russo) nei primi tre-quattro minuti. La ragione è abbastanza curiosa: tantissimi siti citano un libro, Did Man Land on the Moon? del matematico James J. Cranny, come primissimo libro lunacomplottista, pubblicato in Texas nel 1970. Ma di cosa dica questo libro non c'è traccia in Rete, e il libro non è reperibile in nessuna libreria o biblioteca online. Paradossalmente, l'unica traccia che ne ho trovato è appunto nei primi minuti di questo documentario russo, dove viene mostrata (a 2:50 circa) la sua copertina.

Se volete i dettagli dell'indagine, li trovate qui su Complotti Lunari. Chi volesse collaborare alla traduzione mi contatti via mail o nei commenti.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (42)
Spiacente, niente russo qui. Se pero' trovi roba complottista in cinese (e limitatamente, in giapponese) posso dare una mano.
Come tu stesso fai notare, quella copertina (e quel formato) non fan pensare a una pubblicazione editoriale classica... Anche perché (penso) sarebbe stato difficile trovare un editore per un libro del genere già nel 1970, con 2 missioni fresche di conclusione e una terza in pista.
Sarebbe peraltro interessante sapere se quella pubblicazione è datata prima o dopo l'Apollo 13...
Tipico dei complottisti, citare fonti irreperibili. L'autore ha sbagliato i tempi, perché a pochi mesi dal successo degli USA nessuno aveva voglia di credere a queste buffonate, specialmente quando il tema del giorno era ancora il Vietnam.
Certo che non ne trovi traccia! L'hanno fatto sparire!!! :D :D :D
Si potrebbe chiedere al tuo amico che abita a Kaluga ;)
@L'economa domestica
LOL!
@L'economa domestica

Io ho ricevuto una sua mail un mesetto fa in cui chiedeva aiuto e soldi per comprare un condizionatore ed un frigorifero/congelatore poiché a Kaluga si moriva letteralmente di caldo questa estate.

;-)
Se sapete il russo
Si potrebbe chiedere a qualche collaboratrice familiare dell'est europeo.
Ho visto il fotogramma che raffigura il libro. A me sembra la classica dispensa. Probabilmente il libro è circolato manoscritto e non è mai stato stampato da una casa editrice.
I chiederei ai lunacomplottisti americani se ne sanno qualcosa.
Dato che non so il russo e che non è molto in alto nella lista di lingue che intendo imparare, non posso essere d'aiuto.

Però, dato che ho buona memoria, segnalo questo post nei cui commenti ci sono state varie proposte d'aiuto. Magari le stesse persone sono disponibili, chissà.

@L'economa domestica:
Si potrebbe chiedere al tuo amico che abita a Kaluga ;)

Anche tu hai buona memoria, vedo ;-)
non so se può essere d'aiuto, ma cercando su google "james cranny moon" tutti i risultati che escono sono riferiti al tuo post. Nessun articolo complottista, quindi.
Possibile?
Ho chiesto a un collega che conosce il russo.

Ti faccio sapere.
Come altri, anch'io sospetto che Did man land on the Moon? non fosse un libro; casomai un volantino ciclostilato e distribuito a quattro amici al bar durante una bevuta. È decisamente implausibile che nessuna biblioteca americana ne sia in possesso (io almeno non ne ho trovato traccia): il diritto di stampa esiste anche là, si chiama mandatory deposit.
Fermo restando che trovarne una copia sarebbe interessante comunque.
Mi han fatto una traduzione al volo (non da madrelingua russa ma da persona in grado di sostenere una conversazione in russo) di quanto detto nel documentario intorno al minuto 2:50.
Il succo che interessa Paolo: quel libro su cui si sosteneva che l' uomo non è mai sbarcato sulla Luna non è mai stato pubblicato.

Ciao

Carson
Appena in un blogroll ho letto il titolo ho subito pensato all'uomo a cui accennava l'economa domestica :)
Secondo il mio modesto parere, sono i bufalari che devono portare il libro a conoscenza degli altri. Pur consapevole del fatto che, anche fosse reperibile, non produrrebbero la prova, ritengo non ci sia da cercare più di tanto.

Se già le "prove" che i bufalari hanno per smentire lo sbarco sulla Luna non sono sufficienti a tenere in piedi il costrutto mentale che berciano ai quattro venti, che differenza può fare un'ennesima prova, della quale si dubita pure l'esistenza?

Si può cercare di capire chi fosse sto JJ, ma solo per spirito di ricerca, a tempo perso. Non ritengo importante un libro forse inesistente portato come prova di fatti inventati.

Hasta IMHO siempre...
Ciao Paolo,
a 2:50 si dice solo che il libro e' stato scritto nel 70, ma subito dopo si parla di Bill Kaysing.. ho visto solo i primi 12 minuti, dove le prove mostrate sono le stesse di sempre: la bandiera, lo scafandro, le stelle... appena ho tempo proseguo la visione, e ti informo se dicono altro del libro...
@Stupidocane

Si può cercare di capire chi fosse sto JJ

Ho provato a seguire quella strada ma l'unica informazione che ho trovato è dove è sepolto.

Come autore di libri non credo abbia lasciato il segno; né nella biblioteca del congresso statunitense né nella British Library si trovano informazioni su di lui o sulle sue opere. Ho cercato anche nelle biblioteche e nelle università Texane ma senza risultati.

Tutti i riferimenti che si trovano su di lui portano sempre al suo (fantomatico?) libro ma senza mai riportare un accenno o uno stralcio di quello che ha scritto.

Comunque non è stato lui il primo a insinuare che sulla luna non ci siamo mai stati; in un articolo del The New York Times datato 18.12.1969 (purtroppo a pagamento) si racconta che alcuni professionisti scaldasgabelli da bar di Chicago affermavano che era tutta una messa in scena Hollywoodiana:

A Moon Landing? What Moon Landing?

;)
O.T., ma manco tanto, per il padrone di casa: hai visto questo?
http://tinyurl.com/39vuse3
è passato attraverso anonymouse per non far salire il ranking.
@Vittorio

Che figata:
Vedo Sento e parlo alla CDC

Deve essere fratello di
Vedo sento e non capisco un CDC
Ed in più, risulta che Paolo ha addirittura uno staff ! Acciddenti, ma qunanti soldi prendi ?!?!?!
hai visto questo?

Visto grazie a Google Alerts, e prontamente ignorato, grazie!
risulta che Paolo ha addirittura uno staff ! Acciddenti, ma qunanti soldi prendi ?!?!?!

Soldi? Se non sgobbano abbastanza, non somministro loro l'antidoto contro le scie chimiche che viene fornito a tutti i prezzolati disinformatori rettiliani.
Soldi? Se non sgobbano abbastanza, non somministro loro l'antidoto contro le scie chimiche che viene fornito a tutti i prezzolati disinformatori rettiliani.

Mi ricorda i membri della quinta colonna di V-Visitor, i quali dovevano prendere il vaccino contro la polvere rossa per poter sopravvire :)

Ora che ci penso, la quinta colonna, era ostile all'invasione dei visitors, e quindi anche i rettiliani di Paolo sono ostili all'invasione dei rettiliani.
Questo significa che le scie chimiche servono a tenere i rettiliani lontani dalla Terra (esattamente come accadeva con i batteri della polvere rossa).
E visto che ciò era stato previsto anche nella serie televisiva, allora è sicuramente vero.
C.V.D.

Chiaro, no?
è possibile anche tradurre con google traduzione i commenti dal russo. Non vengono discorsi troppo sensati, ma forse si riesce a capire qualcosa... meglio se si traduce dal russo all'inglese.
All'inizio del filmato l'intervistato mette in guardia dalle speculazioni fatte in merito a chi è stato per primo sulla luna, non gli americani; per quanto riguarda i russi invece cita in proposito il cosmonauta Jurij Gagarin, di cui si conoscevano a fondo i movimenti all'epoca. Successivamente presenta tutta una serie di esperti (ingenieri, scienziati etc.) onde evitare di chiamare il XX secolo il "secolo dell'inganno". Poi menziona appunto il libro in oggetto: uno dei collaboratori del Progetto Saturno 5 in California ha dichiarato che nessun americano è mai stato sulla luna per le impossibilità tecniche di raggiungerla; altra pubblicazione menzionata "L'America ci ha ingannato", il cui autore, incontrato da chi ha prodotto questo video, ha dichiarato che mai nessun americano ha messo piede sulla luna. L'attenzione qui è posta sul fatto che la bandiera statunitense sul suolo lunare non oscilla o lo fa in maniera innaturale e ci si chiede se sulla luna non vi sia affatto aria: qualcosa di strano si ravvisa in questa fissità, appunto. Iniziano così pareri concordi sui forti dubbi rispetto a questo accadimento: forse è stata posta una macchina per generare il moto della bandiera? Comunque i pezzi girati sono troppo brevi per poterci vedere chiaro.
Anche rispetto agli scafandri si nutrono ulteriori forti dubbi circa la loro composizione (come sono stati costruiti) ed il movimento che dovrebbero generare in atmosfera lunare e che dai filmati non risulta appropriato: il discorso qui è sull'aria e il vuoto all'interno delle mute.
Altro argomento: nel cosmo non sono visibili le stelle e gli astronauti non ne hanno viste poiché terra e luna sono più chiare ed emanano una luce che farebbe sparire appunto la visione delle stelle; lo stesso Gagarin afferma di aver visto un "cielo nero e vuoto" ma poi altri pareri discordi affermano che le stelle sono ben visibili ad occhio nudo e dipenderebbe dal sole, dal fatto che sia giorno o meno o da altre emanazioni elettriche. Più o meno dal 12' del video un altro esperto si riferisce a Las Vegas e rimane ombra sulla verità, che forse non si saprà mai. Poi cita l'astronauta soprannominato Gas, un pilota d'esperienza eccezionale, che ha lavorato con altri cosmonauti noti negli anni '60: due mesi e mezzo di tentativi inutili con una capsula che creava problemi e si è incendiata più volte (per principi fisici ben noti).
Con altra testimonianza si arriva circa a metà filmato: se serve posso riassumere ancora quando trovo tempo, ok?
Ho inviato riassunto ma troppo lungo ed è andato purtroppo perso! In estrema sintesi: si discute sul mancato arrivo sulla luna da parte degli americani, non solo nel libro citato ma anche in "L'America ci ha ingannato" sul XX sec. come inganno; testimonianze dalla California - progetto Saturno 5 e da Las Vegas, e fatti: la strana oscillazione della bandiera USA sul suolo lunare, la composizione degli scafandri ed i conseguenti movimenti innaturali, la visione mancata delle stelle da parte degli astronauti e la capsula, incendiatasi più volte nonostante i tentativi di ripararla. Con questo si arriva circa a metà video ma altro commento era fatto meglio e più dettagliato, mi spiace. Se serve posso vedere oltre_
@ Laura

Io vedo 2 commenti: uno delle 20.02 ed uno dellle 20.15.
Ed entrambi mi pare che parlino della stessa cosa, solo che il primo è più dettagliato.
un po' distratto ma ho visto tutto il video... nello specifico del libro, nessun dettaglio. l'unica cosa "interessante", che non ricordo di aver letto nel tuo libro, e' la presunta spiegazione del silenzio dei russi sul complotto: gli americani avrebbero venduto in piena guerra fredda, con un contratto firmato il 8/7/1972, le scorte di grano a 1.63$, prezzo inferiore alla media mondiale...
@Laura

Poi cita l'astronauta soprannominato Gas, un pilota d'esperienza eccezionale, che ha lavorato con altri cosmonauti noti negli anni '60:

Probabilmente si riferivano a "Gus" Grissom, astronauta nel Programma Mercury deceduto nell'incendio dell'Apollo 1.

L'incendio fu uno solo e fu causato da un cortocircuito che incendiò la miscela di ossigeno puro in pressione della navicella (come in una camera iperbarica). Ma da quella volta non usarono più solo ossigeno ma una miscela di ossigeno e azoto, simile a quella che respiriamo.
@Andrea

Quella del grano era già stata sbufalata da Paolo nel suo libro "Luna? Sì, ci siamo andati!" a pag 243.

;)

Ps. Se vuoi una copia guarda a destra della finestra dei commenti.
@Accademia dei pedanti ♂ ha commentato:

Come altri, anch'io sospetto che Did man land on the Moon? non fosse un libro; casomai un volantino ciclostilato e distribuito a quattro amici al bar durante una bevuta.

Sospetto anche che James J. Cranny non fosse 'sto gran scrittore; né la biblioteca del congresso né la British Library né la più modesta Library of Texas ne hanno mai sentito parlare.

Ps Paolo mi sa che stai cercando il Santo Graal dei lunacomplottisti ;)
COMPLOTTO!

L'ANNO FATTO SPARIRE IL LIBRO DALLA CIRCOLAZIONE XE' TROPPO SCOMODO, RIVELA TUTTALA VERITA, FACEVA TUTTI I NOMI DEI UOMINI COINVOLTI, PORTAVVA LE PROVE DEFINITIVE E INCONTORV... INCONRTVO... VERE KE SULLA LUNA NON CI SIAMO MAI ANDATI!

... Tra non molto salterà fuori qualche bimbominkia in abuso di mariagiovanna a scrivere tutto ciò. Refusi, sgrammaticazioni, orrori ortografici ed ignoranza palese naturalmente compresi...
O.T.
Paolo hai visto questo?
http://scienzaintv.ning.com/
E' sicuramente un bel progetto!
Domani ti faccio sapere la traduzione!
Ho inviato riassunto ma troppo lungo ed è andato purtroppo perso

Io l'ho ricevuto, grazie, direi che è sufficiente: mi interessava principalmente la parte in cui parlava del libro mostrato.

Mi hai confermato che il video presenta le solite noiose tesi.
gli americani avrebbero venduto in piena guerra fredda, con un contratto firmato il 8/7/1972, le scorte di grano a 1.63$, prezzo inferiore alla media mondiale...

Nel mio libro c'è. Ed è ben diversa, la realtà: fu l'URSS ad operare segretamente per accaparrarsi il grano.
Ps Paolo mi sa che stai cercando il Santo Graal dei lunacomplottisti ;)

Infatti, la cosa mi intrigava proprio per questo più che per l'eventuale contenuto del libro.
Sono arrivato tardi, ma almeno ho scoperto che la cognata interprete s'interessa al luna-complottismo.
COMPLOTTO!

L'ANNO FATTO SPARIRE IL LIBRO DALLA CIRCOLAZIONE XE' TROPPO SCOMODO, RIVELA TUTTALA VERITA, FACEVA TUTTI I NOMI DEI UOMINI COINVOLTI, PORTAVVA LE PROVE DEFINITIVE E INCONTORV... INCONRTVO... VERE KE SULLA LUNA NON CI SIAMO MAI ANDATI!
Mi viene un dubbio.
Il "libro" mostrato nel documentario è visibilmente artigianale e minimalista nella grafica.
Se ne vede solo la copertina.
Non escluderei l'ipotesi che sia una copertina fittizzia realizzata appositamente per documentario. Un po' - per intenderci - come la finta orma di Armstrong pubblicata da un quotidiano italiano.
Non so perché, ma mi viene da considerarla un'ipotesi molto verosimile.
@ Vittorio:
Ogni volta che qualcuno di voi scrive la parola rank (nel tuo caso ranking) mi viene inevitabilmente in mente questo (il particolare al min. 0.54)
http://www.youtube.com/watch?v=DiKAw925yV4&NR=1

Posso autoLOLlarmi? :-)