skip to main | skip to sidebar
0 commenti

25 anni fa il primo virus per PC

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

Festeggiamo in questi giorni (si fa per dire) il venticinquennale del primo virus per personal computer basati su MS-DOS: risale infatti al gennaio del 1986 Brain, che non può vantarsi di essere il primo virus in assoluto per gli allora esordienti personal computer (prima di lui ci fu Elk Cloner, per Apple II, nel 1982), ma è memorabile per una particolarità pressoché unica.

Brain fu infatti un virus sostanzialmente innocuo (rallentava soltanto un po' il computer e occupava qualche kilobyte di memoria), ma soprattutto fu un virus firmato. Si sapeva infatti chi l'aveva scritto: i fratelli Basit e Amjad Farooq Alvi, che abitavano vicino a Lahore, in Pakistan. Lo avevano creato come sistema anticopia per difendere il proprio software medico di monitoraggio delle funzioni cardiache opppure, secondo alcuni storici, come primissima forma di marketing virale: un PC infettato, infatti, visualizzava il nome della ditta sullo schermo.

Brain conteneva il nome, l'indirizzo e il numero di telefono della ditta dei fratelli, la Brain Computer Services, e un invito a contattarli per la "vaccinazione". Il virus si diffondeva copiandosi automaticamente su ogni dischetto inserito in un PC infetto e sfuggì al controllo dei suoi autori, che rimasero stupiti nel ricevere telefonate di protesta da tutto il mondo da parte di utenti inferociti che reclamavano l'intervento dei fratelli Alvi per disinfestare il loro computer.

Alla fine le loro linee telefoniche furono staccate e Brain, dopo essere stato modificato da mani ignote, girò per il mondo per anni, finché l'MS-DOS fu soppiantato da Windows e altri sistemi operativi immuni a questo specifico virus. Oggi i fratelli Alvi sono ancora attivi in Pakistan: sono fornitori di accesso a Internet.

Fonti: DF-Secure, Securityfocus, Brain.net.pk.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).