skip to main | skip to sidebar
62 commenti

Caccia al tesoro fotografica: trovatemi una foto della “pubblicità hard” del postribolo svizzero sui muri di Milano

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2011/01/10.

Amici mi hanno segnalato questa bizzarra lamentela di Roberto Poletti su Libero di oggi: sui muri di Milano ci sarebbero dei poster pubblicitari nei quali “una signorina nuda si pulisce il lato b con un bandierone della Svizzera”. Ovvio che è nuda: pulirsi le terga da vestita sarebbe piuttosto impegnativo. Si tratterebbe di “una reclàme [sic] di un bordello oltreconfine” (qui in Svizzera i postriboli sono legali se rispettano le norme di settore).

La descrizione del poster mi sembra un po' improbabile: a parte il vilipendio alla bandiera, non capisco il senso di maltrattare così il vessillo della nazione che la pubblicità vuole promuovere. Riuscite a farmi avere una foto del poster incriminato? Se vi fermano e rimproverano dandovi del maniaco manifesto, dite che vi mando io. Buona caccia!


14:30 Fulminei come sempre!


Ecco i primi risultati: grazie a Grolla, Nnexcio. Sapete fare di meglio? Ho mascherato il nome del locale reclamizzato per non fare pubblicità. A me sembra che la signorina non si stia affatto pulendo ma coprendo: di solito la mano, durante le operazioni di pulizia del lato b, sta nella scollatura dell'idraulico, non di lato. Se questo secondo Poletti è un poster hard, mi sa che ha bisogno di aggiornarsi.


14:55. Marco, dai commenti, ha aggiunto questa, che mostra chiaramente che la signorina sta reggendo il drappo e non lo sta usando per pulizie personali qualsivoglia:

Direi che il caso è chiuso e che anche stavolta la malizia sta negli occhi di chi guarda e vuole a tutti i costi tirar fango e far polemica sul nulla. Grazie di aver giocato e di aver dato una bella dimostrazione di citizen journalism!


2011/01/10


I poster della discordia sarebbero piuttosto vecchi, stando a quanto leggo su Ticinonline: quelli con la ragazza e la bandiera svizzera risalirebbero a un anno fa, almeno per Varese, mentre la campagna promozionale corrente mostrerebbe soltanto “un semplice cuore e l'indirizzo internet del locale”.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (62)
Trovato su google.
Non mi pare che "si pulisca": certo è volgarotta.
http://webstorage.mediaon.it/media/2010/04/132010_2045445_PUBBLICITA_10394131_medium.jpg
Dopo mi manda Picone, mi manda Attivissimo! :-)
Volgarotto, ma dire che la formosa signorina si pulisce il deretano con la bandiera mi pare sin troppo!
Dopo aver attentamente esaminato il materiale di cui trattasi, il Radioamatore Ladino fa notare che per quanto poco si possa intravedere dall'immagine, la ragazza in questione ha un gran bel deretano.
Detto questo, corro ad ammazzarlo!
"Fango"? "Polemiche sul nulla"? Chi, quelli di libero? :-)
Qualcuno dà ancora credito a Poletti? Non ne vale la pena...sembrava essere sulla via dei bravi giornalisti, ma con il tempo si è perso dietro alla politica (intesa nel peggiore dei modi, quella polemica e sterile) e al protagonismo, condito con una certa maleducazione.
"""Sapete fare di meglio? Ho mascherato il nome del locale reclamizzato per non fare pubblicità. """

Però hai lasciato l'url nella seconda foto
...di solito la mano, durante le operazioni di pulizia del lato b, sta nella scollatura dell'idraulico...

Curiosità lessicografica anatomica: per anni mi sono chiesto che nome avesse in italiano, un nome preciso e non allusivo. Finora solo due dizionari mi hanno dato risposta: Gianfranco Lotti, Le parole delle gente (Mondadori, Milano 1992), che riporta il poco fine "crenna delle chiappe". E il Grande dizionario italiano dell'uso a cura di Tullio De Mauro (Utet, Torino 2000), che riporta un più anodino "crena anale".
Il problema è che utilizzandoli nessuno capisce, sono lemmi ricercatissimi.
Però hai lasciato l'url nella seconda foto

Sì, ma non è l'URL del locale.
Ho ben presente quella roba, è 1 anno che gira quella pubblicità. Per fortuna che c'è tale Poletti che comunica al mondo l'esistenza dell'immagine, dopo che a Como erano stati tolti su ordine della Questura e a Varese ne era stato ordinato l'oscuramento su ordine dell'assessore al commercio di Varese.

Da parte mia, come svizzero, non mi ci scompiglio su troppo, perché a casa mia l'imbecillità dell'idea viene superata dall'imbecillità di non sapere com'è fatta esattamente la bandiera svizzera: le misure della croce sono sbagliate.

Curiosità: non mi risulta che la stessa foto nella versione precedente, con la bandiera brasiliana, abbia provocato la benché minima reazione :-D
"un nome preciso e non allusivo"

Il sorriso della vita.

:-)
@ Rodri

Avevo segnalato a Paolo via mail l'esistenza della foto carioca!
Viva la multietnicità... :D
No, ma è fantastico che nel sito del postribolo faccia bella mostra di sé il banner di questa agenzia...

Come dire "massima discrezione"...
Bello anche il "reperto storico originale" italiano d'epoca fascista: il tariffario della fantomatica "Casa del piacere Sora Gemma".

A parte la poca credibilità della foto di una prostituta col cliente nudo su una targa dell'epoca, interessantissima rimane la datazione:

1936 - XV E.F.

mmmmhhhh....
@Fry:
1936 - XV E.F.

Non ho capito se stai segnalando l'errore e nel frattempo correggendolo, se è già stato corretto in alcune immagini che circolano, o se il tuo è un lapsus.
In tutte le immagini che trovo io c'è scritto 1932 in alto a sinistra e XV E.F. in alto a destra, mentre il XV E.F. dovrebbe essere l'anno compreso tra il il 29 ottobre 1936 e il 28 ottobre 1937.

Comunque credo che si tratti sempre di questo articolo su ebay di un negozio che vende anche altri oggetti del genere (la datazione di quest'altro invece è giusta), che sono descritte come "nuove, volutamente invecchiate" quindi credo non abbiano nessuna pretesa di autenticità.
@Fry Simpson
scusa, dove vedi il tariffario che citi?

e poi
1936 - XV E.F. mmmmhhhh....
Intuisco perplessità. Perché?
vedi: http://blog.terminologiaetc.it/2009/02/27/difficile-da-tradurre-plumbers-cleavage/
@Accademia dei pedanti:
Il termine tecnico con più risultati su Google (quindi presubilmente più utilizzato) sembra essere "solco intergluteale", mentre tra quelli popolari, anche se comunque con pochi risultati, è "spacco tra/fra le natiche", seguito da "linea tra/fra le natiche".
Per rigorosità scientifica mi correggo da solo, "solco tra/fra le natiche" è decisamente più diffuso.
@Tukler:
@granmarfone:

La targhetta è qui.

E, sì, caspita! In un cortocircuito mentale ho messo 1936 (che come giustamente noti è il primo dei due "pezzi di anno" compreso nell'anno XV) al posto dell'errato 1932 che compare sulla targa.

Ho visto le inserzioni su e-bay che lo dichiarano correttamente "nuovo - volutamente invecchiato".
Però se uno se lo vede esposto in un negozio (magari dell'angiporto) senza didascalia esplicativa è indotto a pensarlo come autentico, invece è un tarocco.

E sulla riproduzione sarei anche d'accordo (basterebbe una piccolissima scritta FACSIMILE in un angolo, per esser corretti), ma se nella riproduzione ti prendi delle "licenze poetiche" non immediatamente individuabili come tali, è un (seppur infimo) inquinamento storico...
Tra l'altro nell'altro articolo che ho linkato i prezzi sono completamente diversi, a 4 anni di distanza.
Chissà quali dei due prezzari sarebbe più realistico, considerato che non mi risulta che in quegli anni ci sia stata un'inflazione così elevata.
Per Tukler

Il termine tecnico con più risultati su Google (quindi presubilmente più utilizzato) sembra essere "solco intergluteale", mentre tra quelli popolari, anche se comunque con pochi risultati, è "spacco tra/fra le natiche", seguito da "linea tra/fra le natiche".

Va bene tutto: chiamiamolo "regione che, dal medio perineo, e separando i due grandi glutei, giunge fino alla quarta o quinta vertebra lombare". Queste sono perifrasi, sono definizioni. Io cercavo un nome secco.
Non ho sottomano il Grande dizionario italiano dell'uso, per gli amici GRADIT, ma mi par di ricordare che si può dire solo "crena".
Carioca designa solo chi è nato nella città di Rio de Janeiro e non tutti i brasiliani. E' come riferirsi agli italiani tutti come i "meneghini" o "partenopei"...
Per asfasd

vedi: http://blog.terminologiaetc.it/2009/02/27/difficile-da-tradurre-plumbers-cleavage/

M'era sfuggito il tuo commento, scusa.
Alla fine, suggerisce una soluzione di compromesso come quella adottata in questa articolo. Non è risolutivo, ahimè.
x Accademia:

Da quel che ricordo dalle mie letture dantesche al liceo (parlo di quasi 30 anni fa ...), il sommo poeta lo chiamava "fesso" (che sta per fessura ...), descrivendo il punto dove confluivano le lacrime dei dannati che dovevano correre con la testa all'indietro (forse erano gli ignavi, boh, comunque era nella prima cantica, l'inferno). La parola effettivamente in quel contesto rendeva bene l'idea con un'unica, secca parola.
10, 100, 1000 articoli come questo!
Da quel che ricordo dalle mie letture dantesche al liceo (parlo di quasi 30 anni fa ...), il sommo poeta lo chiamava "fesso" (che sta per fessura ...),

Esatto:
Le natiche bagnava per lo fesso — (Purg. 9, v. 73)

Comunque è meglio il solco di pesca. C'è anche un film.
Per Paul

Da quel che ricordo dalle mie letture dantesche al liceo (parlo di quasi 30 anni fa ...), il sommo poeta lo chiamava "fesso" (che sta per fessura ...), descrivendo il punto dove confluivano le lacrime dei dannati che dovevano correre con la testa all'indietro (forse erano gli ignavi, boh, comunque era nella prima cantica, l'inferno). La parola effettivamente in quel contesto rendeva bene l'idea con un'unica, secca parola.

Controllerò nell'Enciclopedia dantesca della Treccani, lì vi lavorano filologi sopraffini.
.
.
.
.
.
E tanto per cambiare blogspot trattiene prigioniero un commento di 5 righe. Uff...
Non è nemmeno necessario controllare sull'Enciclopedia dantesca, anche se per scrupolo lo farò. Sul TLIO - Tesoro della lingua italiana delle origini, un progetto che va con la stessa speditezza della fabbrica del Duomo, al lemma fesso, c'è l'accezione 3.1 "Linea che separa le natiche". Ecco gli esempi d'autore:

[1] Restoro d'Arezzo, 1282 (aretino), La composizione del mondo colle sue cascioni, ed. critica a cura di Alberto Morino, Firenze, Accademia della Crusca, 1976, L. II, dist. 6, pt. 4, cap. 4, pag. 167.35

"e passa per lo mezzo del spondile, e divide le coste e li lombi lo ritto dal manco; e passa per lo feso de le nateche, e pone la ritta da l'uno lato e la manca da l'altro..."

[2] Dante, Commedia, avanti 1321, Inferno 20.24:
Se Dio ti lasci, lettor, prender frutto
di tua lezione, or pensa per te stesso
com'io potea tener lo viso asciutto,
quando la nostra imagine di presso
vidi sì torta, che 'l pianto de li occhi
le natiche bagnava per lo fesso.

[3] Francesco di Bartolo da Buti, 1385/95 (pisano), Commento di Francesco da Buti sopra la «Divina Commedia» di Dante Alighieri, a cura di Crescentino Giannini, 3 voll., Pisa, Nistri, 1858-62:
pensa per te stesso, com'io potea tenere il volto asciutto, quand'io vidi la nostra immagine d'appresso sì torta, che il pianto delli occhi bagnava le natiche per lo fesso.
"""Sì, ma non è l'URL del locale."""

Ok, ma è pur sempre un sito dove delle graziose signorine offrono la propria pisella a pagamento.
Ok, ma è pur sempre un sito dove delle graziose signorine offrono la propria pisella a pagamento.

E questo è un problema?

Non è il sito di cui parla il giornalista e quindi si evita l'effetto Streisand.
Per mattia

"""Sì, ma non è l'URL del locale."""

Ok, ma è pur sempre un sito dove delle graziose signorine offrono la propria pisella a pagamento.


Nelle foto del locale con l'URL omesso, pure signorini. Non Gianluca Signorini, signorini con la minuscola.
@L'economa domestica

la ragazza in questione ha un gran bel deretano.
Detto questo, corro ad ammazzarlo!


Sii comprensiva, è un uomo e va accettato
cosi com’è.

;)
@Accademia dei pedanti ♂

al lemma fesso, c'è l'accezione 3.1 "Linea che separa le natiche". Ecco gli esempi d'auto-re:

Ma “fesso” compare anche in altri canti:

Inferno • Canto XXVIII
vedi come storpiato è Mäometto!
Dinanzi a me sen va piangendo Alì,
fesso nel volto dal mento al ciuffetto.


Purgatorio • Canto III
«Sanza vostra domanda io vi confesso
che questo è corpo uman che voi vedete;
per che 'l lume del sole in terra è fesso.


Purgatorio • Canto IX
Noi ci appressammo, ed eravamo in parte
che là dove pareami prima rotto,
pur come un fesso che muro diparte


ed è inteso come fenditura / crepa / spaccatura o diviso in due, ma anche sgradevole (credo nel caso della descrizione del volto di Maometto).

Il Sommo Poeta, quando ha scritto fesso, non ha semplicemente omesso di scrivere una brutta parola come culo dopo l'aggettivo?

A te l'ardua sentenza.

;)
E questo è un problema?

No, certo. Non mi scandalizzo mica.
Libere di offrire la pisella al miglior offerente.
Pensavo solo che avessi mascherato il nome del locale perché NSFW. Tutto sommato nel DisinformaticoNSFW hai pubblicato foto ben più innocenti, rispetto al contenuto di quell'url.
Poi vabbe', libero di invocare l'effetto Streisand quanto vuoi, ci mancherebbe.
Per stare in tema... Un po' di tempo tra le consuete catene di email ne ho ricevuta una contro le pubblicità sessiste e tra gli esempi c'era una pubblicità della Swiss Post, la cui immagine trovate per esempio qui:
http://www.mambro.it/dl/pacco.jpg
La foto è la pagina di luglio del calendario di Charlotte Krona per il calendario di Fox del 2004, come potete vedere per esempio qui:
http://www.qnm.it/bellezze/calendari/calendari_2004/calendario_charlotte_2004/foto/8/
Ovviamente la Swiss Post potrebbe aver acquistato i diritti all'uso dell'immagine per usarla per la sua campagna pubblicitaria, ma mi viene il dubbio: pubblicità reale o bufala photoshoppata?
Ciao Paolo,
onore al merito, la foto che ti ho spedito proviene da Chiarulez, che l'aveva postata poche ore prima:
www.chiarula.tumblr.com
Quanto a Poletti... che dire ancora di Poletti?
grazie, Grolla
(ma qui su google sono Signorina Quiproquo - che spiega bene il buffo equivoco quando ho frainteso il tuo tweet: "una signorina che si pulisce" con "una signorina che si punisce" ahahahahaha che ridere!)
(scusate se scado nel politico da quattro soldi) Libero è allineato col governo italiano, nel quale più di qualcuno ha detto di voler fare la stessa cosa che il giornalista ha detto faccia la signorina della foto, ma con la nostra bandiera... Vorrei sapere se il giornalista si sia mai scandalizzato per questa cosa, altrimenti sarebbe doppiopesismo, per lo meno.
Per motogio

al lemma fesso, c'è l'accezione 3.1 "Linea che separa le natiche". Ecco gli esempi d'auto-re:

Ma “fesso” compare anche in altri canti:
[...]
ed è inteso come fenditura / crepa / spaccatura o diviso in due, ma anche sgradevole (credo nel caso della descrizione del volto di Maometto).
Il Sommo Poeta, quando ha scritto fesso, non ha semplicemente omesso di scrivere una brutta parola come culo dopo l'aggettivo?


No, fesso era parola polisemica già prima che Dante iniziasse a scrivere. Il TLIO riporta due accezioni in quanto aggettivo, quattro accezioni, con numerose sfumature secondarie, in quanto sostantivo e aggettivo.
Ma è vero: essendo "fesso" poco specifico, forse era meglio crena.
Cos'è l'effetto Streisand (Barbra)?
P.S.: ho cercato con Google, ma non ci ho capito nulla :-(
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
ed è inteso come fenditura / crepa / spaccatura o diviso in due, ma anche sgradevole (credo nel caso della descrizione del volto di Maometto).

a mio avviso il significato è sempre diviso spaccato, Mamometto viene considerato da Dante uno scismatico e la spaccatura è il contrappasso
Per marcov

ed è inteso come fenditura / crepa / spaccatura o diviso in due, ma anche sgradevole (credo nel caso della descrizione del volto di Maometto).

a mio avviso il significato è sempre diviso spaccato, Mamometto viene considerato da Dante uno scismatico e la spaccatura è il contrappasso


Esatto, mi era sfuggito quel particolare.
Dovrei andare a rileggere i canti XXVIII e XXIX, ma Dante, per suo personale pensiero religioso, trovava sgradevoli tutti coloro che avevano provocato scismi, non solo Maometto.
questa dovrebbe essere una pubblicità hard???
@marcov

a mio avviso il significato è sempre diviso spaccato, Mamometto viene considerato da Dante uno scismatico e la spaccatura è il contrappasso

Hai ragione, anche sul dizionario fesso (fésso) viene descritto come diviso/ spacco e viene citato come esempio il canto di Dante dedicato a Maometto:
fesso nel volto dal mento al ciuffetto.
Per Guido

questa dovrebbe essere una pubblicità hard???

Be', è messo fra virgolette, quindi immagino sia una citazione letterale dell'articolo del giornalista Roberto Poletti.

Spero mi perdonerai se non vado a cercare l'articolo in questione per controllare, vista la nullità sia del personaggio, sia della testata su cui scrive.
Ma ben venga se qualcuno lo vuol fare. :-)
@Guido

questa dovrebbe essere una pubblicità hard???

No, quella non è pubblicità hard, almeno se confrontata a questi spot tv:

LOVE LIFE STOP AIDS

Anche se le scene incriminate durano solo un secondo.

;)
La storia della pubblicità è costellata di accuse di immagini hard, borderline, cochon e altri eufemismi stranieri.
Io ricordo l'IKEA vittima di una decisione del giurì di autodisciplina: unica colpa, l'uso di un doppio senso, e nemmeno dei più volgari. Eccola:
http://tinyurl.com/36y6dt5 .
Accademia: conosco personalmente l'autore dell'annuncio :D
E in effetti non ci vedo niente di così terribile. Ironia, si chiama. Evidentemente alcuni miei colleghi pubblicitari ne sono privi.
Per il Lupo della Luna

Accademia: conosco personalmente l'autore dell'annuncio :D

Com'è piccolo il mondo del Disinformatico: un'altra volta avevo parlato di una figuraccia storica di un concorrente a Chi vuol essere milionario? (nota bene: su un articolo che parlava d'altro), e un commentatore ha raccontato che lui era presenta fra il pubblico proprio in quella puntata.
@ Accademia dei Pedanti

Com'è piccolo il mondo del Disinformatico: un'altra volta avevo parlato di una figuraccia storica di un concorrente a Chi vuol essere milionario? (nota bene: su un articolo che parlava d'altro), e un commentatore ha raccontato che lui era presenta fra il pubblico proprio in quella puntata.

Rispose anche il ragazzo che si era presentato sui Duran Duran ad un quiz di Mike Bongiorno!
@ Motogio

Sii comprensiva, è un uomo e va accettato
cosi com’è.

;)


Siore e siori, si rientra in topic con il celebre slogan della Stihl: "Perché farlo ancora a mano?"

La Stihl produce motoseghe
Dal barile dello sciocchezzaio alcune immagini di pubblicità diversamente intelligente (gc).
Purtroppo ho dovuto recuperarle da pdf in bassa e le immagini sono quel che sono.
L'immagine in basso fa parte di una parodia che cita personaggi e cerimonie di tipo religioso.
Altre due immagini sul tema.

Potrei averne altre ma ora smetto.
Il mio consiglio è: occhio alle tariffe composte, o la magiara alta 6 piedi rischia di costare quasi quanto una mediterranea di un quintale coi baffi.

Scherzi a parte (ma sono scherzi?) L'esistenza di un postribolo a portata di scooter fa piacere all'intelligente di entrambi i sessi, anche se non ci va as cliente o professionista, perchè costringe "gli onesti" (rigorosamente fra virgolette) a rivedere i PROPRI prezzi.

Quindi il mio parere, lungamente ponderato è che è bene far sapere che tale luogo c'è. Magari insegna ai giovani il valore del risparmio.
P.S.
Parere statistico: Chi ricorre a professionisti/e in generale (ma non sempre) non compra la cosa in sè, ma la garanzia che "finita la prestazione, finito il rapporto."
Gianluca Signorini

Un accademia genoano ?
Per Rado il Figo

Gianluca Signorini

Un accademia genoano ?


Assolutamente no, è strano: ho sostituito il nome di Alfonso a quello di Gianluca. E un Gianluca Signorini famoso esisteva davvero, a mia insaputa, probabilmente l'ho sentito di sfuggita quando parlavano di Sla...

Il gioco di parole funziona sia con Alfonso sia con Gianluca, se non fosse che Gianluca è morto. :-(
Infatti mi pareva un po' "fuori stile accademia" tirare in mezzo i morti...
uhe decina di giorni fa ho visto la nuova pubblicità della nota casa d'appuntamenti. Un grande cartellone con la foto di un preservativo, il nome del locale seguito da casa d'appuntamenti. nient'altro ma abbastanza esplicito! ;)
Il colmo è che l'hanno piazzato davanti ad un noto night di Chiasso!
Il cartellone è durato solo qualche giorno.