skip to main | skip to sidebar
46 commenti

Dieci anni di 11 settembre

11/9, intervista a un testimone oculare


Hammer, uno dei coautori del blog Undicisettembre al quale collaboro, ha realizzato un'intervista con uno dei testimoni oculari dell'impatto del secondo aereo contro le Torri Gemelle, disponibile in inglese e in italiano. È un altro chiodo nella bara delle tesi demenziali di chi sostiene che non furono aerei ma ologrammi (dico sul serio), ma è soprattutto una testimonianza molto intensa di un momento di smarrimento che tutti abbiamo vissuto quel giorno e che per Hans Kunnen, intrappolato a New York, è stato uno smarrimento non solo spirituale ma anche molto concreto.

Il 2011 è l'anno del decimo anniversario degli attentati dell'11 settembre ed è quindi inevitabile che si riaccenda il dibattito sulle tesi alternative. I preparativi per rispondere alle bordate di sciocchezze che verranno propinate dai complottisti e alimentate dai media sono già in corso, ma nel Disinformatico mi limiterò a segnalarli brevemente: per i dettagli c'è appunto il blog apposito.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (46)
I preparativi per rispondere alle bordate di sciocchezze che verranno propinate dai complottisti e alimentate dai media sono già in corso, ma nel Disinformatico mi limiterò a segnalarli brevemente: per i dettagli c'è appunto il blog apposito.

Questo implica che nel weblog undicisettembre verranno riaperti i commenti? ;-)
Ologrammi??? Assurdo..
Vorrei sapere se i complottisti avrebbero il coraggio di andare davanti a questa persona e dire "ti sei inventato tutto".
MAH!
Lufo88,

la risposta alla tua domanda sta nel fatto che le interviste a sopravvissuti e testimoni le facciamo noi e non loro :-)
Questo implica che nel weblog undicisettembre verranno riaperti i commenti? ;-)

Non necessariamente. Tieni presente che i commenti sono già aperti a chi la serietà di mandarli via mail, e che ogni volta che abbiamo aperto i commenti è stato uno sconquasso di insulti e polemiche sterili.

Chi ha veramente qualcosa da dire sull'11/9 lo dice anche via mail. O con i commenti moderati preventivamente.
Miiii incredibile! Stavo giusto cercando informazioni sugli aerei ologrammi! LOL
@lufo88
Vorrei sapere se i complottisti avrebbero il coraggio di andare davanti a questa persona e dire "ti sei inventato tutto".

Lo sai benissimo che i complottisti "lavorano" solo attraverso un pc, un mouse e sgranocchiando patatine :)

Ma la cosa più divertente è che dopo 10 anni continueranno a dire che doveva essere un complotto necessario a creare il NWO e ottenere il consenso per giustificare le loro guerre.
Peccato che, di due guerre dichiarate in seguito a quella data, una delle due non abbia avuto alcun bisogno di alcun consenso (nè popolare, nè politico), oltre al fatto che non mi sembra abbiano ottenuto molto in termini di potere, prestigio ed economico.

Eppure i complottisti continueranno a dire questa scemenza anche tra altri 10 anni...un po' come quelli che sostengono che le scie chimiche servono ad avvelenare la popolazione, nonostante non si siano ancora viste queste epidemie (e nonostante continuamo noi ad avvelenarci da soli, con le nostre auto).
@replicante cattivo

--"non mi sembra abbiano ottenuto molto in termini di potere, prestigio ed economico"-- controllo di fonti petrolifere irachene e afghane, 10 anni di presenza militare in afghanistan, maggior produttore d'oppio al livello mondiale, gestione degli appalti sulla ricostruzione, mercato delle armi locale, industria militare, solo alcuni esempi e non sono proprio noccioline in termini di interesse economico e di potere. Mi piacerebbe riuscissi a farmi cambiare idea, altrimenti -->"dopo 10 anni continueranno a dire che doveva essere un complotto necessario a ottenere il consenso per giustificare le loro guerre"--> e ne avranno ben d'onde, purtroppo.
@eros

Mi fa sempre ridere questo corollario alla vostra folle teoria... Davvero pensi che gli USA abbiano dovuto abbattersi le torri gemelle per "giustificare" le loro guerre? A parte il fatto che già i contendenti servono sul proverbiale vassoio d'argento un sacco di motivi concreti (ciò a dire: prevedibilmente non molti si sono stracciati le vesti quando hanno visto cadere Hussein o i talebani), a parte questo minutissimo particolare, dicevo, ci sono infiniti modi meno cruenti per "giustificare" guerre: per esempio il "casus belli" della Grande Guerra fece "solo" tre vittime. Quello della Seconda, il cosiddetto "Incidente di Gleiwitz", ne fece forse qualcuna in più. Ed è evidente che sia le guerre sia i nuovi ordini mondiali che ne sono scaturiti sono ben più grandi e rivoluzionari di quelli delle guerre afgana e irachena.

Ma, tant'è, è bello sognare... Saluti dall'Agente NWO numero 328fh8cdigkn232nd8380c2n32f332fd3er3e-f3c32cd-ter-ter
controllo di fonti petrolifere irachene e afghane

E dove sarebbero i giacimenti petroliferi afghani?

10 anni di presenza militare in afghanistan

Caspita, proprio una grande vittoria. Io invece penso che gli USA sarebbero molto più contenti se si fossero ritirati prima, evitando un sacco di perdite umane e risparmiando centinaia di milioni di dollari.

maggior produttore d'oppio al livello mondiale, gestione degli appalti sulla ricostruzione, mercato delle armi locale, industria militare, solo alcuni esempi

Che cosa significa? Forse che il mercato dell'oppio è in mano agli USA? Che gli USA gestiscono la vendita di armi ai locali?

Non c'è che dire, argomenti inoppugnabili con basi solidissime.
@eros

controllo di fonti petrolifere irachene e afghane [...!maggior produttore d'oppio al livello mondiale

In Afghanistan di petrolio non ce n'è e i maggiori produttori d'oppio a livello mondiale sono l'India e la Turchia.
Per eros

Tre commentatori prima di me hanno già confutato nel merito le tue affermazioni, a me non restano che le annotazioni sulla forma:

― afghanistan → Afghanistan.
― 10 anni di presenza → 9 anni, 3 mesi e 3 giorni, per la precisione.
― Al livello mondiale → a livello mondiale
― Ne avranno ben d'onde → meglio: ne avranno ben donde.
Grazie per questa importante, vera, commovente testimonianza.
Eros, leggi qua:

http://tinyurl.com/27xfdnj

Liberogabbiano, grazie a te di averlo letto e apprezzato.
Quoto theDRaKKaR.
I complottisti confondono la strumentalizzazione di un evento con la sua perpetrazione.
Sarebbe come dire che gli ombrellai hanno avuto enormi ed evidenti vantaggi dalle recenti piogge, quindi sono stati loro a far piovere.
@eros
Oltre a quanto scritto aggiungo un paio di cose:
1) Se fosse un controllo del mercato dell'oppio, perché bruciare i campi di papavero?
2) In Afghanistan, al momento, non vi sono grandi quantità di materie prime (alcuni studi parlano di possibili filoni di rame e litio, ma non vi sono conferme), ma la posizione geografica è interessante. Almeno porta qualche motivo sensato, senza che te lo debba suggerire un agente del NWO :-)

Buon anno! :-D
@theDRaKKaR "Davvero pensi che gli USA abbiano dovuto abbattersi le torri gemelle per "giustificare" le loro guerre?" SI: l'America entra in guerra tre settimane dopo l'attacco, la guerra è si contro l'Afghanistan ma è più generalmente la guerra al terrorismo, nemico immaginario e imbattibile e quindi perfetto per portare avanti un conflitto all'infinito (infatti sono ancora là). Per giustificare ciò è necessario un casus belli eclatante, drammatico e spettacolare (siamo nel 2001). Il punto è che come a te fa ridere questa teoria (e rispetto la tua opinione), a me fa ridere chi crede incondizionatamente alla favoletta di Bin Laden l'uomo cattivo. Ma, tant'è, è bello crederci...



@la tigre della malora
"Che cosa significa? Forse che il mercato dell'oppio è in mano agli USA? Che gli USA gestiscono la vendita di armi ai locali?".
Benvenuto nel mondo reale.
@ Eros
Per giustificare ciò è necessario un casus belli eclatante, drammatico e spettacolare

E invece per attaccare l'Iraq qual è stato il casus belli, ecclatante, drammatico e spettacolare?
In Iraq ci sono andati dicendo "provate a fermarci", nonostante non avessero prove e avessero tutti contro.
...la guerra è si contro l'Afghanistan ma è più generalmente la guerra al terrorismo, nemico immaginario e imbattibile e quindi perfetto per portare avanti un conflitto all'infinito (infatti sono ancora là).[...]
A me fa ridere chi crede incondizionatamente alla favoletta di Bin Laden l'uomo cattivo.


Queste due frasi racchiudono perfettamente tutta la logica di siti complottisti, e dei singoli che aderiscono ad essi acriticamente: il nemico è sempre immaginario (o pretestuoso), il nemico è perfetto per quello scopo, il conflitto è infinito, la favoletta di Bin Laden (altre volte la favoletta è un'altra, ma è sempre tale, mai che ci sia qualcosa di vero e reale).

Nel mondo in cui tutto è finto, tranne il cervello dei complottisti, nulla è più credibile.
Per giustificare ciò è necessario un casus belli eclatante, drammatico e spettacolare (siamo nel 2001).

E invece no, non è necessario. Aiuta, ma qualunque piccolo pretesto nella storia ha sempre funzionato per "giustificare" le guerre e chi conosce la storia sa che ogni anno ce n'è qualcuno (solo negli ultimi due mesi ad esempio i casi Yeonpyeong e Wikileaks avrebbero potuto scatenare l'inferno se solo ci fossero state esigenze politiche per una guerra).
Benvenuto nel mondo reale.

eros, sarà il tuo mondo reale. Dopo aver detto castronerie sul petrolio iracheno e afghano (che non esiste) intendi che i kalashnikov agli afghani sono venduti dagli USA? Che quest'ultimi controllano il mercato dell'oppio, e magari lo rivendano alle varie mafie che lo raffinano e inondano di eroina et al. gli USA stessi, tra l'altro?

Lascia perdere certe battute che lasciano il tempo che trovano, per favore, e, sempre se ti va, da' risposte alle mie domande. Poi vedremo chi vive nel mondo delle fiabe e chi no.
Errore mio: "rivendOno", non "rivendAno".
http://tinyurl.com/2v8rqxh

Questa iniziativa coinvolge le forze armate presenti in Afghanistan e provenienti da tutte le nazioni impegnate nel conflitto, ed è appogiata dagli Stati Uniti (precisamente da USAID, che la sostiene quasi interamente)

Quindi:

1) Via l'oppio
2) Via la favoletta del petrolio

Restano le armi, ma eros dovrebbe spiegarmi a chi le venderebbero gli americani...ai terroristi? A quelli che gli fanno due attentati al giorno? Alla polizia locale (che immagino si saranno presi la briga di addestrare)? A chi???

E anche se fosse: Migliaia di morti, Manhattan sfregiata a vita, una crisi economica e di consenso devastante...tutto per smerciare una manciata di m-16 nel buco del c..o del mondo? come usare un rullo compressore per spaccare una noce...
Jollyjumper ha commentato:

..E anche se fosse: Migliaia di morti, Manhattan sfregiata a vita, una crisi economica e di consenso devastante...tutto per smerciare una manciata di m-16 nel buco del c..o del mondo?...


Purtroppo dimentichi la regola aurea di chi "SA":

"Se ha la forma, il colore e le dimensioni di un gatto, se si muove come un gatto, se miagola come un gatto e se si comporta come un gatto...é sicuramente un dromedario abilissimamente travestito da gatto!"
E' assolutamente bello e divertente vedere quanto scombina un singolo commento non allineato, è un pò deludente invece non leggere tra le risposte argomentazioni abbastanza forti da negare indiscutibilmente il dubbio da me suggerito. Mi aspettavo francamente molto di più (eccezion fatta per @Turz & @Hammer).
Visto che comunque tanti hanno risposto mi sembra corretto e rispettoso andare per ordine:

@Replicante Cattivo:
"E invece per attaccare l'Iraq qual è stato il casus belli, ecclatante, drammatico e spettacolare?" - La guerra in iraq fa sempre parte della guerra al terrorismo, è la sua estensione e nessuno può dirci non fosse pensata a priori (anzi spero che qualcuno mi convinca del contrario), mediaticamente la segue sull'onda emotiva e sul panico indotto dalla paura degli attentati. Si disse infatti che andavano trovate le famose armi di distruzione di massa, il collegamento emotivo per la giustificazione popolare è evidente.



@la tigre della malora
"Che quest'ultimi controllano il mercato dell'oppio, e magari lo rivendano alle varie mafie che lo raffinano e inondano di eroina et al. gli USA stessi, tra l'altro?"

Ecco. Lo vedi che piano piano ci arriviamo?



@Accademia dei pedanti:
"il nemico è sempre immaginario (o pretestuoso)"-->
e infatti "il terrorismo" come nemico da sconfiggere è sia immaginario che pretestuoso.

"il nemico è perfetto per quello scopo"-->
infatti lo è.

"il conflitto è infinito"--> è per caso finito? Non me n'ero accorto.

"la favoletta di Bin Laden"
perchè tu ci credi? Ti prego.



@Jollyjumper
"http://tinyurl.com/2v8rqxh Questa iniziativa..."
che dirti? E c'era la marmotta che confezionava la cioccolata?

"Migliaia di morti, Manhattan sfregiata a vita, una crisi economica e di consenso devastante...tutto per smerciare una manciata di m-16 nel buco del c..o del mondo? come usare un rullo compressore per spaccare una noce..."
Se non si hanno scrupoli a fare 100000 dall'altra parte del mondo non se ne hanno certo a farne 5000 a casa propria, il rispetto della vita umana si ha o non si ha, se sai che farai una guerra quel rispetto certo non ce l'hai. Le crisi economiche "dot com" e immobiliare non c'entrano con l'attentato alle torri e come ho scritto sopra non si tratta di smerciare una manciata di m-16.



@Turz & @Hammer
Ho trovato i vostri commenti i più ferrati. Grazie. @Hammer sicuramente prenderò il tempo di leggere con la dovuta attenzione l'articolo. Grazie.




attendo repliche. Dateci dentro.
Thanks.
@Eros
E' assolutamente bello e divertente vedere quanto scombina un singolo commento non allineato, è un pò deludente invece non leggere tra le risposte argomentazioni abbastanza forti da negare indiscutibilmente il dubbio da me suggerito.

Eros, sta tranquillo che non sei "un singolo commento", perchè gente come te spunta come funghi in queste discussioni. E già si capiva, dal tuo primo commento, che a te non interessava capire la verità, ma cercare una conferma delle tue teorie (partendo dal presupposto che siano giuste).
Stai seguendo perfettamente il "credo del fuffaro", di cui non anticipo i prossimi passaggi perchè è molto più bello vedere come vi comportiate tutti allo stesso modo.

La guerra in iraq fa sempre parte della guerra al terrorismo, è la sua estensione e nessuno può dirci non fosse pensata a priori (anzi spero che qualcuno mi convinca del contrario),

Quindi siccome TU pensi così (che la guerra FORSE è stata pensata a priori) tocca agli altri convincerti del contrario?
Eh no, sei tu che devi portare le prove della tua teoria, non sono gli gli altri a doverla smentire. Anche perchè è evidente che non esisterà alcuna prova che ti farà pensare il contrario (perchè diresti che sono bugie o prove manipolate)

mediaticamente la segue sull'onda emotiva e sul panico indotto dalla paura degli attentati. Si disse infatti che andavano trovate le famose armi di distruzione di massa, il collegamento emotivo per la giustificazione popolare è evidente.

Vedo che hai la memoria corta, non so se per motivi anagrafici o perchè fingi di non ricordare...ma nel 2003 (ovvero dopo soli DUE anni dopo l'11/9) il consenso vergo la politica di Bush era crollato miseramente. A nessuno fregava più nulla del terrorismo e nessuno vedeva l'Iraq come una minaccia.
Esattamente come a nessuno fregava nulla della guerra in Vietnam.
Eppure in entrambi i casi gli USA ci sono andati lo stesso.

Per il resto vedo che stai saltando a piè pari le obiezioni che ti hanno posto altri utenti, facendoti notare come la storia del petrolio, armi e oppio non avessero senso.


attendo repliche. Dateci dentro.

Cavoli, stai procedendo in fretta nel Credo Del Fuffaro. Sei già al punto in cui inciti gli altri a prepararti il lavoro, che ovviaente sarai pronto a criticare.
Naaaa, hai già stufato.
Torna a guardarti i video su youtube e mangiare patatine, mentre tu e gli altri complottisti vi date le pacche sulle spalle. Tra 10 anni sarete ancora lì a dire di avere la verità in tasca, ma curiosamente nessuno ha il coraggio di mettere il naso fuori casa per rivelarla al mondo.
Se non si hanno scrupoli a fare 100000 dall'altra parte del mondo non se ne hanno certo a farne 5000 a casa propria, il rispetto della vita umana si ha o non si ha, se sai che farai una guerra quel rispetto certo non ce l'hai.

E allora chissà come mai, tutti quelli che hanno scoperto questo complotto continuano ad andarsene in giro senza essere uccisi o minacciati.
Gli stessi USA che vorrebbero la testa di Assange su un vassoio, se ne fregano di gente come Mazzucco e di tutti i suoi seguaci...anzi, Mazzucco addirittura negli USA ci vive.
E pensare che basterebbe tagliargli la linea ADSL...
Senti eros, non sono qui a sfamare i gatti del circonadario né a farmi prendere in giro da te. Andiamo con ordine:

- innanzitutto, complimenti per i tuo occhio sopraffino: hai scoperto giacimenti di petrolio in Afghanistan a migliaia di chilometri di distanza. Una volta che t'è stata fatta notare la castroneria, hai glissato.

- T'è stato pure fatto notare che gli USA non controllano affatto i giacimenti iracheni. Anche qui, si glissa e si spostano i paletti.

- Se interpreto bene le tue "risposte" (tra virgolette perché non lo sono) gli USA in Afghanistan vendono armi al nemico e incentivano la coltivazione dell'oppio facendo da "mediatori" con le varie mafie che poi smerciano il prodotto finale (anche) negli USA.

Non casco nel giochetto di chiederti "prove" di queste fantasie deliranti, queste teorie sono delle pure e semplici baggianate e non ho neanche tempo da perdere.

Lo vedi che piano piano ci arriviamo?

Non preoccuparti, io son partito e arrivato. Se tu affermi certe cose seriamente, sei solo partito. Eppoi, che marroni la storia del "non allineato" che fa il martire: se uno dice un'idiozia, quella resta, c'è poco da discutere.
Per eros

E' assolutamente bello e divertente vedere quanto scombina un singolo commento non allineato

Ti danno dello scemo, e tu dici che è bello "scombinare", qualsiasi significato abbia il verbo. Contento tu...

"il nemico è sempre immaginario (o pretestuoso)"-->
e infatti "il terrorismo" come nemico da sconfiggere è sia immaginario che pretestuoso.


Va' a dirlo ai parenti delle vittime dell'11 settembre a Nuova York. O, per restare in casa nostra, ai parenti delle vittime del Rapido 904 o della strage di Piazza Fontana. Poi quando torni, se torni, raccontaci come è andata.

"il nemico è perfetto per quello scopo"-->
infatti lo è.


Non sta a te dire se un nemico è perfetto o meno, ma alla storia. Se il natale 2009 un attentato di al-qaeda è stato sventato, più per la prontezza di riflessi dei passeggeri che per le misure di sicurezza, il nemico non può definirsi perfetto: è un dilettante.
Nella vita reale, capita che un dilettante vinca una partita a scacchi, o una partita di calcio, perché ha di fronte a sé uno ancora più dilettante. O semplicemente, uno che ronfa.

"il conflitto è infinito"-->
è per caso finito?


Di nuovo, non sta a te dire se un conflitto lungo è un conflitto infinito, ma alla storia. La Guerra dei Cent'anni durò 116 anni, con varie tregue, ma alla fine si è giunti a un trattato di pace anche in quel caso, guarda un po'.

"la favoletta di Bin Laden"
perchè tu ci credi? Ti prego.


Osama Bin Laden è davvero molto ricco e ha davvero creato un'organizzazione alla base di eventi terroristici già prima dell'11 settembre 2001. Non è mai stato catturato. I dettagli sulla sua vita e sui suoi spostamenti dopo l'11 settembre non li so né io, né tu, né la Cia. Bastano i dati biografici precedenti all'11 settembre 2001 su di lui, che sono provati e che nemmeno il diretto interessato smentisce.
@eros:
Ho trovato i vostri commenti i più ferrati. Grazie.

Non so se essere lusingato o frustrato per aver ricevuto questo complimento da un complottista :-)

Comunque il buon Hammer, oltre ad essere ferrato e a risponderti educatamente, è anche amministratore nonché maggior contributore di un simpatico blog chiamato Undicisettembre. Ti invito a leggere quel blog, non solo l'ultimo articolo, perché troverai moltissime risposte, serie e documentate, ai tuoi dubbi sull'11 settembre.
eros scrive:
la tigre della malora scrive:
"Che quest'ultimi controllano il mercato dell'oppio, e magari lo rivendano alle varie mafie che lo raffinano e inondano di eroina et al. gli USA stessi, tra l'altro?"

Ecco. Lo vedi che piano piano ci arriviamo?


Fammi capire almeno una cosa. Tu ritieni sensato questo meccanismo:
1) Gli USA spendono miliardi per una guerra e ottenere l'ipotetico controllo del mercato dell'oppio
2) Gli USA rivendono l'oppio alle mafie che lo portano negli USA
3) Gli USA spendono altri miliardi per combattere le mafie (Senza considerare le spese sanitarie).

Non ti pare semplicemente folle come teoria?

@replicante cattivo
Non voglio scombinarti i piani, ma il punto 8 del credo, mi sembra pienamente applicato :-)
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
@Turz
Mi dispiace davvero crearti imbarazzo (o ribrezzo vedi tu) per la mia approvazione al tuo commento. Di conseguenza ti pugnalerò al cuore dicendoti che già conosco e leggo Undicisettembre.info. Il fatto che io legga il blog da qualche anno non mi porta automaticamente a condividerne o farne mio l'intero contenuto (quindi sorry @buon hammer) ma neppure al contrario a condividere la maggior parte delle teorie complottiste.
Dicasi immodestamente libertà di pensiero e giudizio o solo una certa resistenza al pensiero per assiomi. Visto che il gioco dei ruoli e tanto caro qua io sarò il complottista e "voi" gli ufficialisti.
Ora, io devo per cavalleria delle ultime risposte meno cortesi a post meno cortesi e visto che oltre a complottare e cospirare ho una vita e un lavoro non penso di avere il tempo per portare oltre questa guerra infinita al monitor.
@lufo88
attribuirmi il tuo ragionamento dei punti 1)2)3) non è corretto, sleale. Quella è una tua interpretazione. Rispondo in merito successivamente @tigre della malora
@Replicante Cattivo

----"Torna a guardarti i video su youtube..."---- Che ingloriosa caduta di stile, con tutte quelle prove a tuo favore…
Forse ti irrita solo il fatto di non avere avuto argomentazioni abbastanza efficaci per convincermi che questa sia una guerra abbastanza conveniente sul piano economico, strategico e di controllo da giustificare un evento come l'attentato del 9-11. Siccome io penso così gli altri dovrebbero convincemi del contrario? Ma magari, e magari non dovrebbero prendersela sul personale se non ce la fanno. Finchè ci muoviamo sul terreno delle opinioni tu dovresti essere pronto ad accettare il fatto che al mondo c'è gente con opinioni diverse dalle tue. Ad esempio dici che non ci sono prove che mi faranno cambiare idea (sbagliando) e mi parli del calo di consensi dell'amministrazione Bush del 2003, questa non è una prova, è un'opinione, la tua opinione sbandierata come prova, Bush fu poi rieletto nel 2004, e quindi? non capisco dove volevi arrivare, davvero. Dici che salto a piè pari le obiezioni. E' vero che mi han fatto notare che le "storie" sul petrolio armi e oppio non avessero senso, non vuol dire che abbia trovato le argomentazioni convincenti, tutt'altro aggiungerei, le trovavo piuttosto deboli. Se non rispondo ad ogni singolo punto è perché altrimenti mi toccherebbe passare il resto del mese su questo post e non ne ho nessuna intenzione/voglia. Non mi sembra di aver saltato le opinioni di altri, ho anche sottolineato e ringraziato i commenti più stimolanti per me, per quanto mi contraddicessero al 1000%, perché mi portavano ad un pensiero ed un confronto meno sterile del solito pensiero ufficialista , potremmo andare avanti dei giorni così. "Tra 10 anni sarete ancora lì a dire di avere la verità in tasca" Ma tu no? non lo stai facendo esattamente ora?
Sarete? Chi? Ah ok, è vero che sono il complottista.
@la tigre della malora

----innanzitutto, complimenti per i tuo occhio sopraffino: hai scoperto giacimenti di petrolio in Afghanistan a migliaia di chilometri di distanza. Una volta che t'è stata fatta notare la castroneria, hai glissato.----
era effettivamente una cazzata se vogliamo stare nel merito del dettaglio, appunto un dettaglio dentro un ragionamento più ampio su cui hai avuto la pazienza di soffermartici. Non è che ho glissato, davo per scontato che non fosse quello il punto della questione. Comunque è vero, cazzata, qua non si dà da mangiare ai gatti ma le bambole le si pettinano bene però.


----Se interpreto bene le tue "risposte" (tra virgolette perché non lo sono) gli USA in Afghanistan vendono armi al nemico e incentivano la coltivazione dell'oppio facendo da "mediatori" con le varie mafie che poi smerciano il prodotto finale (anche) negli USA.----
E mi verrebbe da ripetere quanto sopra sulle bambole e gatti… non devo certo spiegare quanto ogni guerra sia un buon affare per i produttori di armi che per i contrabbandieri su vari livelli e scale, tanto più una guerra ad oggi decennale, e quanto questi mercati coinvolgano sia governi che mafie su vari livelli e scale di importanza, e che, se siamo in afghanistan, maggior produttore di oppio………

………scusa, è quasi pronto il mio riso con lo zafferano.
@accademia dei pedanti
Non riesco a risponderti, non riesco a capire se dici sul serio o no. Sono un po' in difficoltà, ci provo:
dovrei spiegare a qualcuno che il terrorismo è un nemico che non si può sconfiggere? sei serio? E' OVVIO che NON può essere sconfitto. Chi può credere che IL terrorismo possa essere sconfitto? in mediorioente poi...
Puoi migliorare le condizioni economico/sociali di un paese per evitare che nascano i nuclei. E una guerra sarebbe il metodo? O forse occupare militarmente un territorio? Sei davvero convinto?
E poi, quando puoi dire che è stato sconfitto? puoi definire un momento esatto? perché se non lo puoi definire non puoi neanche definire quando finisce la guerra al terrorismo (ta dah! guerra infinita!)
Da qunto non ci sono attacchi terroristici in Spagna? Ti azzarderesti a dire che è stato sconfitto il terrorismo?

----il nemico è perfetto per quello scopo----
ridefiniamo i soggetti e tutto torna più chiaro:
il nemico (il terrorismo) è perfetto per quello scopo (la guerra infinita). Sottoscrivo per le ragioni di cui sopra.



Bin Laden:
per carità, true lies era un gran film ma la scena dell'F-16 era forse un pò irreale.






saluti
Il fatto che io legga il blog [Undicisettembre] da qualche anno non mi porta automaticamente a condividerne o farne mio l'intero contenuto

?
Si tratta di un blog tecnico, non opinionistico. Non si può non condividerlo fino all'ultima virgola, se si vuole mantenere la patente di essere raziocinante. La libertà di pensiero non c'entra un mazza, come al solito; non esiste la libertà di pensare che 2 + 2 = 3 ma solo l'idiozia di pensarlo...

Sei un mediocre fuffaro, ne sono passati di più brillanti
per carità, true lies era un gran film ma la scena dell'F-16 era forse un pò irreale.

Soprattutto perché non era un F-16, ma un Harrier.
Per eros

Non riesco a risponderti, non riesco a capire se dici sul serio o no. Sono un po' in difficoltà, ci provo:

La tua difficoltà è soprattutto nel ribattere punto per punto. Da quando sei entrato qui, hai cambiato argomento più volte.
Quando un'argomentazione era palesemente indifendibile, come il petrolio afghano, sei passato ad altro.

Nel mio caso:

dovrei spiegare a qualcuno che il terrorismo è un nemico che non si può sconfiggere?

Non era proprio quello che hai sostenuto all'inizio, ma va bene. Spiegami perché alcuni tipi di terrorismo passato oggi non esistono più, ma con dati e date, non con slogan per lanciare l'ultimo kolossal.

Puoi migliorare le condizioni economico/sociali di un paese per evitare che nascano i nuclei. E una guerra sarebbe il metodo?

Di nuovo, stai cambiando discorso. Tu devi dimostrare la tua affermazione iniziale: "ma è più generalmente la guerra al terrorismo, nemico immaginario e imbattibile e quindi perfetto per portare avanti un conflitto all'infinito".
La geopolitica o le mille implicazioni etiche di una guerra in atto interessano poco o nulla, qui.

E poi, quando puoi dire che è stato sconfitto? puoi definire un momento esatto?

L'ultimo attentato riuscito, ad esempio, nel giro di un certo numero di anni. L'ideale sarebbe la cattura del capo dell'organizzazione, ma spesso i capi sono intercambiabili, sono traguardi simbolici.

perché se non lo puoi definire non puoi neanche definire quando finisce la guerra al terrorismo (ta dah! guerra infinita!)

Sul fatto che tu non lo possa definire, non ho dubbi. Per fortuna i capi di Stato e i ministeri della difesa hanno idee un po' più chiare delle tue.

Da qunto non ci sono attacchi terroristici in Spagna? Ti azzarderesti a dire che è stato sconfitto il terrorismo?

Parla dell'Italia, che è uno Stato leggermente più conosciuto ai frequentatori di questo forum. Il terrorismo di matrice irredentista sudtirolese degli anni Sessanta, e quello di matrice eversiva degli anni Settanta e Ottanta, se non sconfitti, sono stati drasticamente ridimensionati. Nulla è infinito.

----il nemico è perfetto per quello scopo----
ridefiniamo i soggetti e tutto torna più chiaro:
il nemico (il terrorismo) è perfetto per quello scopo (la guerra infinita). Sottoscrivo per le ragioni di cui sopra.


Sulla carta tutto si può dire. Nella realtà, un conflitto infinito scialacqua risorse infinite, che nessuno Stato, nemmeno il più ricco, possiede. Ad un certo punto qualcuno deve prendersi la responsabilità di interrompere il circolo vizioso, se vuole evitare di trovarsi il terrorismo in casa, quello dei contribuenti inferociti per spese pazze di cui non capiscono la ragione e lo scopo, vista l'assenza di risultati.

Bin Laden:
per carità, true lies era un gran film ma la scena dell'F-16 era forse un pò irreale.


Non avevo dubbi che per te l'attualità si legge attraverso il filtro dei film d'azione americani, nei quali il nemico è sempre perfetto, altrimenti non c'è suspence, e nulla è mai come sembra, altrimenti addio ai colpi di scena.
Dolente deluderti, qui si parla di realtà e ci si basa su fatti e su dati misurabili, non sulle sceneggiature.
Qualcuno ha tenuto il conto di quanti punti del "credo del fuffaro" sono stati toccati?

Io credo di essermi perso un po', ma posso citarne alcuni:
- sarcasmo

- ribadisce che lui è quello educato, perchè si degna di rispondere a noi (tralaltro risponde a delle domande che nessuno ha mai posto)

-"Se non rispondo ad ogni singolo punto è perché altrimenti mi toccherebbe passare il resto del mese su questo post e non ne ho nessuna intenzione/voglia"

- "la mia è un'opinione e, fino a prova contraria, vale come la tua" (peccato che le nostre non siano opinioni e che la 'prova contraria' esiste)

- "non mi convincerete mai, le vostre non sono prove" (vedi punto precedente)

- "sì, è vero, PERO'..."(commento 38, dove si parla del petrolio in Afghanistan: l'utente si accorge di aver detto una fesseria, quindi sposta il paletto della discussione)

- (e qui scatta la standing ovation): il complottista, ad un certo punto deve ribadire che lui ha una vita e/o un lavoro che giustificheranno la sua assenza dal monitor.
Infatti i suoi commenti chilometrici arrivano all' 1:30 di notte, sicuramente durante una "pausa-lavoro" o una "pausa-vita". Perchè una persona che all' 1:30 di notte sta lavorando, ha sicuramente tra le sue priorirtà quella di andare a rispondere su un blog di "cattivoni che credono alla versione ufficiale".
Questa è la classica chiusura da manuale del fuffaro doc.

-"saluti". Il complottista deve sempre salutare: non per educazione, ma per ribadire che quando lui decide di affacciarsi sul blog è un momento importante che stravolge l'equilibrio dei commenti. E quindi, nel momento in cui se ne va, deve farlo capire: sia per permetterci di tornare alla "normalità", sia per ribadire che lui non sta scappando (vedi punto precedente). Anzi, dobbiamo solo essere felici del fatto che ci abbia degnato della sua presenza.
E, "stranamente", da circa 18 ore non commenta più.
Sarà un caso? Noi di boyager crediamo di no :-)
Ah già, ha salutato, quindi se n'è andato, che peccato :-p
eros:

Comunque è vero, cazzata, qua non si dà da mangiare ai gatti ma le bambole le si pettinano bene però.

Bene, qualcosa hai capito. Va' a scopare il mare, allora.
@ué
"E, "stranamente", da circa 18 ore non commenta più".

Ora posso dirlo: l'agente numero 328fh8cdigkn232nd8380c2n32f332fd3er3e-f3c32cd-ter-ter mi ha ordinato di mettere del cianuro nel suo riso con lo zafferano. Dovevamo eliminarlo.
Per Giuliano47

Ora posso dirlo: l'agente numero 328fh8cdigkn232nd8380c2n32f332fd3er3e-f3c32cd-ter-ter mi ha ordinato di mettere del cianuro nel suo riso con lo zafferano. Dovevamo eliminarlo.

Che metodi antiquati: ormai tutti usano il Polonio 210. È un po' più caro, ma vale tutti i soldi spesi.