skip to main | skip to sidebar
94 commenti

Le cose che non colsi - 2011/01/30

Egitto, Shuttle, Marte e altro in breve


Aerei di carta dallo spazio (o quasi). Portati a 36 km di quota da un pallone sopra la Germania, sembra che gli aeroplanini di Project Space Planes abbiano viaggiato fino in America e Sud Africa con i loro messaggi caricati su schedine SD da 8 giga. In attesa di conferme, godetevi il video: comunque sia, l'immagine di un aereo di carta contro il cielo nero e la curva dell'orizzonte è notevole.

Password di Amazon, occhio. Amazon accetta anche variazioni della password (se non è stata cambiata da tempo) e non gli importa se la si scrive in maiuscolo o minuscolo. Soluzione: cambiate la vostra password su Amazon (Wired.com).

Panorama dalla superficie di Marte. Da sette anni, un robot fedele esplora il pianeta rosso per noi. Questa è una delle più belle immagini che ci ha mandato Wall-E, ehm, voglio dire, Opportunity (APOD).


Venticinque anni fa il disastro del Challenger. Sette astronauti morti al decollo con il loro Shuttle, lanciato nonostante le raccomandazioni dei tecnici che sapevano che il freddo della notte danneggiava le guarnizioni dei motori laterali a propellente solido. Msnbc e Boston.com hanno delle fotografie struggenti; Gizmodo ha il video della diretta TV e del discorso di Reagan. Per chi ha lo stomaco di vedere la cabina di pilotaggio precipitare ancora intera dopo la deflagrazione e capire in dettaglio cosa andò storto, Airboyd.tv ha un'impietosa, clinica e meticolosa analisi video.

Egitto, rivoluzione via Internet. Fa impressione notare che il governo egiziano ha così tanta paura di Internet da disattivarla completamente in seguito alle sommosse popolari antigovernative. Chi può s'ingegna con connessioni dial-up vecchio stile e guarda Al-Jazeera. Dal paese escono foto e video impressionanti. C'è chi si chiede se poi toccherà alla Libia, grazie al contributo di Wikileaks che sta rivelando la corruzione della famiglia Gheddafi.

Rimborso per Windows indesiderato, parte la class action in Italia. L'ADUC ha depositato l'atto di citazione presso il Tribunale di Milano: il consumatore ha il diritto, indicato dalla licenza, di rifiutare Windows e ottenere un rimborso, ma questo diritto viene ostacolato in mille modi (HWfiles, ADUC).

Rapidshare nuovo covo di pirati? Non proprio. Rapidshare respinge l'accusa di Markmonitor e RIAA di essere la più grande piattaforma online di pirateria audiovisiva e di essere il rimpiazzo del P2P: Rapidshare rimuove i contenuti vincolati da copyright non appena ne riceve segnalazione, esattamente come fanno tutti i fornitori di servizi analoghi, compreso Youtube, come previsto dalla legge (The Inquirer). Prassi confermata anche in Germania nella causa intentata da Atari contro Rapidshare (Ars Technica). Interessante. Concordo su una cosa: chi usa il P2P è indietro e rischia e tribola inutilmente.

Worm per iPhone. Lo segnala Sophos, ma è solo per iPhone jailbreak-ati. Bah.

Anche Mac e Linux sono vulnerabili ai virus. Siamogeek fa il punto della situazione sulla diffusione di Jnanabot/Koobface/Boonana, malware scritto in Java che s'insedia su qualunque sistema operativo dotato di interprete Java, e mette in guardia contro i falsi e vecchi miti riguardanti il malware.

Stuxnet. Wikileaks pubblica un documento riservato in cui gli USA si preoccupano perché la Siemens continua a esportare in Iran prodotti sensibili usabili per produrre uranio adatto a bombe atomiche. F-Secure pubblica un dossier che suggerisce che Stuxnet sia il risultato di uno sforzo congiunto USA-Israele per sabotare in modo incruento le ambizioni nucleari iraniane e definisce Stuxnet il malware probabilmente più significativo del decennio. Fa il punto della situazione anche in video. Il manuale dei dispositivi Siemens colpiti da Stuxnet è online grazie a Cryptome.

Wikileaks e Svizzera. Rudolf Elmer rivelò a Wikileaks documenti scottanti sulle attività offshore della banca dove lavorava, la Julius Baer, i cui clienti evadevano il fisco. Ora è sotto processo per violazione del segreto bancario: sanzione (sospesa) di circa 6000 franchi. Wikileaks pubblicherà prossimamente i nomi degli imprenditori e politici che hanno usato la Julius Baer per evasioni fiscali. Giusto per ricordare che Wikileaks non è nata con i recenti documenti diplomatici trafugati e non fa sconti a nessuno (BBC).

Esaurimento degli indirizzi IP. Finiranno il 2 febbraio, scrive il Messaggero sulla base di una previsione piuttosto arbitraria. Ma niente panico. L'8 giugno Google, Yahoo e Facebook faranno una giornata di collaudo dell'IPv6. Tenetevi forte.

Cellulari spia, nuove tecniche. Complessa ma originale ed elegante l'idea del baseband hacking, che sfrutta bachi nel modo in cui il firmware dei chip presenti in molti cellulari comunica con le reti GSM (Computerworld).

Fotoacustica, scienza che pare fantascienza. Vedere l'interno del corpo umano senza usare i raggi X, ma soltanto grazie a impulsi luminosi che causano un minutissimo riscaldamento: l'espansione dei tessuti che ne consegue genera un'onda d'urto captabile da appositi microfoni ed elaborabile per generare immagini (Ars Technica).

Mappa dell'intero universo di Guerre Stellari. Non serve altro, se non il link.

PDF sempre più insicuri. Julia Wolf spiega al Chaos Communication Congress come annidare dentro un documento PDF uno scanner di reti che si attiva quando viene stampato, come inserire un virus dentro un file PDF e altre simpaticissime tecniche d'intrusione basate sulle falle di questo formato, nato come idea intelligente per la compatibilità universale dei documenti e oggi malato di gigantismo (H-Online).

Antimateria nei temporali? Forse. Interessante, ma da confermare. I lampi di raggi gamma emessi dai temporali sono noti, ma il telescopio spaziale Fermi in orbita intorno alla Terra ha rilevato il tipico segnale dell'annichilazione di elettroni e positroni in relazione ai temporali. Che bisogno c'è di UFO e pseudoscienze, quando la scienza vera ci mostra che l'universo è già pieno di fascino e di cose incredibili, come i raggi di antimateria lanciati verso lo spazio dai temporali terrestri? (Discover Magazine).

Facebook sfrutta gli utenti con Sponsored Story. Se un Facebookiano clicca sul "Mi piace" di un prodotto, Facebook diffonde l'evento alle pagine dei suoi amici, presentandola come una "Storia sponsorizzata" pagata dagli inserzionisti. Non c'è modo di evitarlo. Praticamente Facebook fa diventare l'utente un testimonial pubblicitario involontario (The Inquirer).
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (94)
Ricordo come se fosse oggi la notizia dello Shuttle: per la mia generazione ha segnato il passaggio dall'infanzia all'età adulta.
Egitto: ho sentito l'ultima volta giovedì un mio cliente da Il Cairo, gli ho chiesto della situazione e ha minimizzato dicendo che era tutto a posto. Non so se non voleva dire cose sconvenienti al telefono o effettivamente la situazione non è così disastrosa. Fino a quel giorno ci siamo anche scambiati delle email, questo è quanto.
Iran: avendo un grosso cliente in Iran ci siamo informati su come poter esportare. Si tratta di prodotti già forniti da anni e muniti di tutti i certificati che attestano la destinazione d'uso estranea al nucleare. I funzionari della banca ci hanno detto che le ultime restrizioni sono state subito recepite in Germania, dove hanno immediatamente stilato delle norme chiare e dettagliate. Chi vuole esportare dalla Germania sa cosa fare e può facilmente trovare evase le pratiche in tempi rapidi, qui in Italia c'è una vaga direttiva del Ministero degli affari esteri, manca il personale per evadere le pratiche e si resta nell'incertezza sino alla fine. Non so cosa esporti la Siemens, ma di sicuro ha mosso le cose meglio di noi, e tutte le aziende tedesche più piccole ne beneficiano. Qui al limite si incrociano le dita.
Wikileaks e Svizzera.

Segnalo una vecchia intervista a Rudolf Elmer

Wikileaks deve continuare ad esistere

Un particolare interessante, emerso in questa intervista, è che la Julius Bär ha fornito false informazioni a Wikileaks per tentare d'infangare il loro lavoro e Wikileaks le ha pubblicate senza verificarle.

Ma la cosa è passata inosservata.

Sempre in merito a Wikileaks segnalo anche questo articolo:

Whispering at Autocrats

Se in occidente le rivelazioni di Wikileaks sono passate quasi inosservate, nel pieno rispetto del motto gattopardiano "Cambiare tutto, per non cambiare nulla", lo stesso non si può dire per il medio oriente e l' Africa del nord.

@L'economa domestica

Concordo.
Piccolo errore: "situazione sula diffusione".
Paolo a proposito dei rover marziani vuoi commuoverti?

http://xkcd.com/695/
Egitto: A quanto pare l'unica cosa che si è ottenuta bloccando internet è di raddoppiare la visibiltà dei media, facendone parlare anche quelli che solitamente non si occupano di cronaca. Gli altri invece di avere decine di collegamenti al giorno ne fanno uno solo e comunque non usavano internet manco prima.

I manifestanti si sono riuniti ugualmente e hanno protestato lo stesso. E le notizie ci arrivano esattamente come arrivavano con internet anche se mancano le fonti "non ufficiali", la cui attendibilità però è IMHO tutta da dimostrare.

Iran: Beh, gli americani allora dovrebbero prendersela anche coi fabbricanti di viti, dato che anche quelle si possono usare per la costruzione delle centrifughe di arricchimento. Sono sempre più ridicoli.

Worm dell'Iphone: forse sono paranoico ma se fossi la Apple lo farei diffondere così da scoraggiare chi fa il jailbreak dei telefoni.

Virus Java: questo è decisamente interessante, gli antivirus come si comportano?
Refuso sistemato, grazie!
Di quel gioiello di Opportunity io preciserei qualcosa tipo:

Da sette anni, in una missione che si prevedeva durasse 3 mesi, un robot fedele esplora il pianeta rosso per noi.
Vorrei anche ricordare l'altro rover, Spirit. Anche lui è rimasto attivo per anni nonostante fosse progettato per durare 90 giorni.
Purtroppo, dopo essersi impantanato, dal 22 marzo scorso è silente. Ma i tecnici del JPL sperano che possa di nuovo riattvarsi in futuro.
Che bisogno c'è di UFO e pseudoscienze, quando la scienza vera ci mostra che l'universo è già pieno di fascino e di cose incredibili, come i raggi di antimateria lanciati verso lo spazio dai temporali terrestri?

Ed ecco che l'indomito paladino della "scienza vera" dà l'ultima stoccata alla realtà degli UFO, accostandola arbitrariamente alla pseudoscienza.

Con buona pace della "ufologia seria" da lui stesso citata altrove.
Paolo,

tu sai se nella sala di controllo e/o a bordo del Challenger si resero conto della situazione durante i primi istanti dell'ascesa e quando? Conosci un link a qualche dialogo registrato che dimostri cosa accadde nella Control Room. Immagino che le variazioni di certe parametri siano stati sufficienti ad allertare qualcuno immediatamente. Non so se qualcuno che monitorava le relativamente poche riprese in diretta allora disponibili si rese conto dell'imminente disastro e lo comunico' al Flight Director.

grazie per ogni eventuale suggerimento.
Attenzione! Erano i FONDI stanziati per Opportunity e per Spirit che bastavano solo per i primi 90 giorni. Ciò è abbastanza normale: visti i rischi legati al lancio e all'atteraggio dei rover si accettò che i fondi fossero limitati.
Gli stanziamenti successivi arrivarono quando fu chiaro che le missioni potessero continuare senza problemi. Quindi quei 90 giorni non erano relativi all'autonomia (tecnica) prevista dei rover, ma all'autonomia (ecnomica) prevista per la base di supporto a terra che coordinava i rover.
Noi Europei viviamo queste tragedie "spaziali" in maniera completamente diversa, se vogliamo un po' distante. Andando al Johnson Space Center, girando per gli uffici, mi sono trovato in mezzo a molte patch, poster, quadri in memoria degli astronauti caduti. E mi sono reso conto di come vivano la cosa le migliaia di persone che lavorano là, considerando che tutti lì conoscono di persona gli astronauti, che sono lavoratori come gli altri, e hanno gli uffici negli stessi corridoi...
Ho letto l'articolo sui positroni e i temporali... Ma credo di essermi perso un passaggio.
Allora, gli scienziati sanno già che i lampi di raggi gamma sono prodotti dai temporali, e fin qui ci sono. Mi manca però come hanno fatto a capire che il segnale rilevato da fermi fosse dovuto all'annichilazione di positroni e neutroni, provenienti da un temporale in zambia, piuttosto che a qualche altro fenomeno...
Ed ecco che l'indomito paladino della "scienza vera" dà l'ultima stoccata alla realtà degli UFO, accostandola arbitrariamente alla pseudoscienza.

Meglio essere paladino della scienza vera che paladino della polemica sterile.
Pgc,

A quanto ne so, no, nessuno ebbe tempo di rendersi conto del problema. Dalla telemetria si sarebbe notato qualcosa solo negli ultimi secondi, con il calo di pressione e potenza dell'SRB bucato.

Considerato che all'epoca le riprese tecniche con teleobiettivi ad alta potenza erano su pellicola, dubito che qualcuno potesse notare qualcosa visivamente. Del resto, anche la diretta e i filmati che ho linkato mostrano la lingua di fiamma solo pochi secondi prima del disastro.
grazie Paolo, coincide con quello che avevo capito.

I motori a propellente solido sono praticamente dei grossi petardi incontrollabili. Ci sono sensori ma non c'e' alcuna elettronica o automazione in grado di intervenire in caso di malfunzionamenti. Forse sono i motori piu' semplici meccanicamente esistenti al mondo, e per questo i piu' "antiquati". Saprai certamente della loro relazione con una mucca...
@Sergio

È anche un po' normale, ché per noi erano molto più distanti. Ora, con le missioni spaziali internazionali questa distanza si è molto accorciata se non annullata. Ovviamente voglio rimanere nel dubbio.
@Paolo

Non per fare il Mubarak del momento, ma è proprio necessario lasciare i messaggi d'astio del Custuma?
@jacopo

Non sono documentato, ma immaginano dalla direzione: venivano dalla Terra. Giocoforza la prima cosa da studiare erano i temporali, noti produttori di positroni e negatroni (il nome è mia invenzione, sono gli elettroni :D )
Per chi ha lo stomaco di vedere la cabina di pilotaggio precipitare ancora intera dopo la deflagrazione

Ho visto il filmato: quando cade nell'acqua dell'oceano si vede che è subito circondata da mezzi: pensavano forse di poter trovare sopravvissuti?
@Marco

Veramente la nasa dice testualmente:
"...these rovers were designed for only a 90-day mission on the surface of Mars"

http://www.nasa.gov/mission_pages/mer/news/mer20100519.html

Per la precisione si parla di SOL, ovvero di giorni marziani. 90 Sols corrisponodono a circa 93 giorni

Oltretutto simpaticamente il JPL nella pagina dedicata alla missione indica ogni giorno passato oltre i 90 come "Sols past warranty" :)

Comunqe (senza considerare Spirit il cui destino per ore è incerto) oltre 2400 giorni per un robot a sei ruote su una superficie aliena ostile (soggetto a tempeste di sabbia, gelo, impantanamenti e altre intemperie) è un risultato comunque eccezionale.
Ciao*.*
Forse sono i motori piu' semplici meccanicamente esistenti al mondo, e per questo i piu' "antiquati". Saprai certamente della loro relazione con una mucca...

Dai, spara
ma è proprio necessario lasciare i messaggi d'astio del Custuma?

Direi di sì. Sono utili promemoria di come si può buttare via la propria esistenza crogiolandosi nell'inutilità.
grande bel blog! mi chiedo come fate e da dove estrapolate certe notizie!
mi chiedo come fate

... a sopportarci a vicenda, vuoi dire?
Meglio essere paladino della scienza vera che paladino della polemica sterile.

Guarda che sei tu a proclamarti "hoax debunker", mica io. Permetti che quando l'hoax debunker si beve una bufala come quella di "All News Web" qualcuno debba sbufalarlo?

Da questa "polemica sterile" poi nascono altre considerazioni. Tu stesso hai dichiarato di non aver svolto un'indagine vera e propria. Viene da pensare allora che nell'hoax debunking riguardo agli UFO tu sia alquanto deficitario, in quanto non fai le indagini ma ti limiti alle castronerie. Tanto c'è il principio di Babbo Natale, vero?

Direi di sì. Sono utili promemoria di come si può buttare via la propria esistenza crogiolandosi nell'inutilità.

Da che pulpito!

Riquoto:

"No serious UFO researcher has ever, or could ever, take Mr. Cohen’s site seriously. AllNewsWeb is a pure waste of time." - Richard Dolan
@RacingPolitics

E tu come fai a linkare Oggi Scienza e NWO-TruthResearch nello stesso blog? Ma soprattutto a linkare sotto il titolo "complottistixcaso" Perle Complottiste? Ma soprattutto ancor di più a scrivere "ha votato Si" e "un'altro"?
@Custuma

E basta con questa storia... Paolo non si è bevuto nulla: non ha dato un giudizio, che è diverso.

Basta, OK? Grazie :-)
La storia del diametro degli SRBs dello Space Shuttle e' questa. Sono sicuro che Paolo e molti di voi la sappiate gia'...

I SRBs sono i piu' grandi razzi a propellente solido mai impiegati. Ognuno di essi e' lungo 46 m e largo 3.71. Perche' proprio questo diametro? Perche' e' il diametro massimo che consenta di trasferirli da un luogo all'altro in treno. dopo ogni lancio per il "refurbishment". Il diametro e' stato infatti deciso in modo da consentirne il trasporto su ferrovie ordinarie.

Questo diametro e' determinato dallo scartamento delle ferrovie stesse. E perche' i treni hanno questo scartamento? Perche' e' lo stesso che consente di caricare un qualsiasi veicolo autorizzato a circolare sulle strade su un treno. E perche' un veicolo ha quella larghezza? Perche' le carreggiate stradali hanno una certa larghezza per ogni senso di marcia. E perche' proprio quella? Perche' cosi' decisero gli antichi romani, i primi a progettare sistematicamente la loro rete stradale. E in base a che presero questa decisione? In base al principio che la corsia doveva essere in grado di far transitare un carro tirato da una coppia di buoi (o di vacche).

Quindi il diametro dei SRBs dello Space Shuttle dipende in definitiva dalla larghezza del sedere di una vacca: infatti se le vacche fossero piu' grandi (o piu' piccole) gli SRBs avrebbero un diametro diverso.

:)
Bella questa :-)
Custuma: trovo abbastanza ridicolo che i fUFfOlogi eh cioè no gli ufologi parlino di "indagini serie". Quelli che partono dal presupposto che UFO = extraterrestri non ne hanno sicuramente fatte.

Stranamente tutti gli avvistamenti di UFO hanno delle spiegazioni, quelli che non sono fotomontaggi sono fotografie male interpretate ed illusioni ottiche perfettamente spiegabili.

E non ho ancora trovato un ufologo che utilizzi seriamente il metodo scientifico per analizzare gli avvistamenti. O meglio, quelli che lo fanno identificano gli oggetti come non extraterrestri.
Pgc,

io la conosco in questa versione e la considero bufala: http://tinyurl.com/7djrg
ma sai, io la considero niente piu' che una storiella molto divertente, che mi e' stata raccontata da un ingegnere.

Comunque, scusa se scrivo qua e non sui suggerimenti ma vorrei essere certo che tutti leggono questo intervento.

Stasera mi e' successo che google mi ha DISABILITATO l'account. Ho combattuto con questa storia per ore, cercando di percorrere tutti i link che partono dalla pagina che mi buttava fuori al login dicendo solo che il mio account e' stato disabilitato (non ricordo bene il messaggio) perche' avevano notato un uso strano dell'account. Il fatto e' che c'e' un modo per farsi inviare un messaggio vocale con un codice sul cellulare, ma nonostante abbia tentato diverse volte, questo messaggio non e' mai arrivato. Alla quinta, il sistema chiede di usare un altro cellulare...

C'era anche la possibilita' di farsi inviare un SMS ma bisogna abilitare questa possibilita' loggandosi nel proprio account, cosa impossibile per me, e in piu' il servizio non e' abilitato in molti paesi del mondo, incluso quello dove risiedo (il Cile). Ho letto su internet che molte persone non sono mai piu' state in grado di accedere al loro personal account! Ero gia' nel panico avendo sfruttato tutte le (poche, talvolta assurde) possibilita' offerte da google, quando ho provato ad usare il cellulare di un collega. Per qualche motivo il suo cellulare ha ricevuto il messaggio vocale, e sono stato quinndi in grado di ricevere questo benedetto codice numerico e riaccedere. In alternativa si rischia di PERDERE TUTTO, incluse e-mail, picasa, docs, calendars, etc...

Tu sai niente di questa storia? E' mai capitato a qualcuno? E' vero che nell'affidarsi a un servizio gratuito si rischia sempre, ma a me sembra che dare ad un'azienda il diritto di disabilitare di colpo e senza preavviso il proprio account di posta mi sembra veramente ASSURDO. Potrebbe capitare anche con questo blog, se google lo decidesse, e senza alcun preavviso... Prevedo che tu sappia gia' tutto di questa storia ma volevo farlo presente a tutti in modo che possano prendere in anticipo qualche contromisura (backup, fetching delle mail da account alternativi, backup sul computer, anche se e' proprio a causa di un disastro accidentale ad un file avuto su thunderbird che decisi diversi anni fa di usare gmail)>

Io avevo una copia di tutte le e-mail ricevute sul mio mac tramite un client (il mail di apple), e inoltre per il lavoro uso un altro account. Pero' trovo terrificante la prospettiva che persone che usano gmail per la propria corrispondenza di lavoro (e sono tante!) si possano trovare di punto in bianco buttate fuori senza piu' alcuna prospettiva di riaccedere al proprio archivio (non solo di posta ma anche di documenti google docs etc.). E' quello che e' successo probabilmente a migliaia di persone, almeno a giudicare dal numero di complaints che si trovano su internet.

Forse la cosa merita un'inchiesta, se gia' non l'hai fatto?

un saluto
pgc
@pgc

Sei l'ennesima vittima del filtro antispam di blogger. Normalmente quando dai un n° di telefono, come hai fatto, per un po' non hai più problemi ma visto la tua particolare situazione ti consiglio di creare un nuovo account su blogger utilizzando una email sacrificabile.
forse non ho capito bene...
il problema e' il mio account su google. Non ho un account su blogger. Ma come ripeto probabilmente non ho cpaito che cosa intendi... Puoi spiegarti meglio?

grazie
Lacrimuccia!!! Da piccolo (avrò avuto 8 o 9 anni) ho fatto una cosa simile.
Ho legato a 4 palloncini una lettera e una busta (affrancata) con la richiesta di rispedirla scrivendo dove erano finiti i palloncini e tutto quanto. Non ho mai avuto risposta, ma per parecchio tempo ci ho sperato.
pgc,

non ne ero al corrente. Grazie della segnalazione.
se vuoi ti mando uno screenshot della schermata che ottieni quando si presenta il problema con la richiesta di un numero di cellulare. E' stato veramente un incubo, e se non hai un cellulare sei fritto.
fatto - te l'ho mandato all'indirizzo di posta elettronica...
@pgc

Quello che è successo a te è già successo anche a me, a the drakkar e a Accademia.
Se vai su segnalazioni e suggerimenti al Commento #1092 – del 29/1/11 00:17 troverai la nostra discussione in merito.

Purtroppo stamattina non ho tempo per scendere in dettagli.
si questo spiega tutto - grazie per la segnalazione! Mi sa che non mi vedete piu' su questo (o altri) blogger. Troppi rischi! :(
Quello che è successo a te è già successo anche a me, a the drakkar e a Accademia.

Io però avevo già in partenza conti gmail sacrificabili (tranne uno, ma insomma, non c'era dentro nulla di importante).
Tra l'altro, leggo ora che il messaggio si può inviare solo al cellulare. Le persone come me che il cellulare non l'hanno mai avuto sono automaticamente tagliate fuori. 0__0
Mi pare che fino a un mesetto fa ci fosse la doppia opzione, telefono fisso/cellulare. O ricordo male?
@pgc

Mi dispiace se ci abbandoni. Seguivo sempre con malcelata invidia i racconti delle tue esperienze in giro per il mondo.

A presto.
@pgc

tu sai se nella sala di controllo e/o a bordo del Challenger si resero conto della situazione durante ...

Probabilmente trovi molte informazioni su su "Che ti importa di cosa dice la gente?" di Richard Feynman che fece parte della commissione che indagò sull'incidente e nel libro citato dedica un'ampia parte a questa sua esperienza. Se non ricordo male - lo lessi molti anni fa - parte della colpa del disastro era anche nel fatto che i tecnici che utilizzavano un termometro ad infrarossi per verificare le temperature delle varie parti esterne della navicella sulla rampa di lancio non seguivano le corrette procedure e quindi rilevarono una temperatura errata (grazie alla quale e a un modello termodinamico dello strumento R.F. ricavò quella corretta).

IMHO per me un libro assolutamente da leggere.
@Accademia dei pedanti

Ti serve un cellulare perché t'inviano un sms con un numero di codice da inserire nella richiesta d'attivazione del tuo account ma anche su un fisso possono mandartelo; arriva sottoforma di un messaggio vocale, con tutti gli annesi e
connesi.

;-)
Per motogio

arriva sottoforma di un messaggio vocale, con tutti gli annesi e
connesi.


Passi per "sottoforma". Ma annesi e connesi? Non esistono più le geminate?
@Jacopo. Beh intanto i positroni non si annichilano con i neutroni ma con gli elettroni. Poi la "firma" è ben chiara: annichilandosi creano due raggi gamma che si propagano in direzioni opposte aventi un'energia ben precisa (511keV) pari alla massa dei positroni (e degli elettroni), secondo la nota e celebrata legge E=mc^2. E' lo stesso principio che si una nella tomografia PET. Il fatto che ciò sia stato scoperto solo oggi è per l'estrema risoluzione energetica del satellite FERMI/GLAST (in cui l'Italia tramite l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare ha una nutrita partecipazione), mai raggiunta da esperimenti precedenti. Prima d'ora era quasi impossibile distinguere raggi gamma con un'energia così ben precisa.
Aggiungo che l'esperimento è in grado di rilevare la direzione della particella incidente, quindi effettivamente che arriva dalla terra e non dallo spazio.
@pgc

Quoto Motogio!
Aereoplanini nello spazio

Non ho ben capito il meccanismo di sgancio degli areoplanini, qualcuno mi aiuta?
theDRaKKaR l'Omeopata ha commentato:
@pgc

Quoto Motogio!


Anch'io: non te ne andare :-(
"si questo spiega tutto - grazie per la segnalazione! Mi sa che non mi vedete piu' su questo (o altri) blogger. Troppi rischi! :("

Ma scusa... creati un account su blogger utilizzando un indirizzo email che non sia di Google...ad esempio tiscali, libero, oppure qualche altro provider che fornisca email gratuite in Cile...
email gratuite in Cile

Per es. il famosissimo provider La Silla Telecomunicación...
Accademia dei pedanti ♂

Passi per "sottoforma". Ma annesi e connesi? Non esistono più le geminate?

Non so se dare la colpa alla minuscola tastiera del mio smartphone o a un attacco di "analfabetismo di ritorno" fulminante.

;)
Passi per "sottoforma"

No, non passi
:-)

Mi associo: resta con noi, pgc, che il giorno ormai volge al declino
Custuma: trovo abbastanza ridicolo che i fUFfOlogi eh cioè no gli ufologi parlino di "indagini serie". Quelli che partono dal presupposto che UFO = extraterrestri non ne hanno sicuramente fatte.

Sì, certo. Little green men, anyone?

Stranamente tutti gli avvistamenti di UFO hanno delle spiegazioni, quelli che non sono fotomontaggi sono fotografie male interpretate ed illusioni ottiche perfettamente spiegabili.

Spiega questo:
http://en.wikipedia.org/wiki/1976_Tehran_UFO_incident

E non ho ancora trovato un ufologo che utilizzi seriamente il metodo scientifico per analizzare gli avvistamenti. O meglio, quelli che lo fanno identificano gli oggetti come non extraterrestri.

http://www.narcap.org/
Non alimentate i folletti (e i folli).
Mappa dell'intero universo di Guerre Stellari. Non serve altro, se non il link.

Wow!
Fotoacustica, scienza che pare fantascienza.

Doppio wow!
Venticinque anni fa il disastro del Challenger
Che tristezza: andando a cercare altri video (è la memoria che mi gioca brutti scherzi o ci fu un incidente anche al rientro di uno Shuttle?) ho trovato questa perla.
Chiedo scusa se è già stata sbufalata qui o altrove.
Se non alimento in folle, si spegne l'auto.
Stupidocane: LOL. Tò un osso che mi è avanzato dall'ultimo cervo!

Come? non ci sono cervi sulla Luna? ... ah..

Torno nella mia tana.
Bellissima la mappa di Star Wars, grazie!

[OT] usare i Nine Inch Nails per lo spot di Mistero e` una vera bassezza, piu` infima della stessa puntata sui cyborg, immagino.
Ciao. Ho delle grosse perplessità riguardo alla definizione di "blocco totale" di internet. Nei giorni scorsi sono riuscito a navigare su siti egiziani (peraltro senza capirci niente, essendo scritti in arabo) con il dominio .eg, e su altri siti sempre egiziani ma con il dominio .org. Inoltre ho chattato con egiziani di Assuan, del Sinai e del Cairo.
@marco

Il fatto che un sito abbiamo come dominio di primo livello .eg non significa che sia in qualche modo collegato fisicamente a una rete egiziana: il sito potrebbe essere ospitato in qualsiasi server di qualsiasi parte del mondo. A maggior ragione quelli col dominio di primo livello. org

Il fatto che tua abbia chattato con amici egiziani, ammesso e non concesso che essi fossero davvero in Egitto, non dimostra nulla: avresti dovuto fare una statistica su almeno un migliaio di egiziani sparsi nel Paese, con relativo questionario su tipo di connessione...

Quello che invece dimostra che la maggior parte dell'Egitto è stato tagliato fuori, sono le connessioni registrate a livello di "ossatura", o meglio il rifiuto di tali connessioni: i grandi apparati di rete che smistano il traffico da e per l'Egitto non rispondono più.
ammesso e non concesso?? Mi potrei offendere. Ti ho anche detto dove abitano. In questo momento sto chattando con alcuni di loro. Ai quali si è pure aggiunto uno di Luxor. Tutti, tranne uno che usa la rete satellitare, hanno una connessione normalissima. Nessuno di loro è un mago del PC, o delle reti, o cose del genere.
@Marco

Offenditi pure, se ti fa piacere. Ammesso e non concesso significa solamente che, a maggior ragione non essendo maghi del pc, probabilmente potrebbero sbagliare persino sul nome del provider che stanno usando.
Non si può basare un ragionamento rigoroso su tre amici con cui si chatta.
Si può basare un ragionamento rigoroso sui 24 ore di dati raccolti dagli apparati di rete di internet.

Trovi così strano questo mio modo di ragionare?
accademia dei pedanti mi verrà in aiuto. "blocco TOTALE", a casa mia, vuol dire TOTALE. To-ta-le.
Invece, per quanto paia dispiacerti, e per quante ironie tu voglia fare, la gente (server, non server, statistiche, non statistiche) in Egitto accende il PC come tutti i giorni, si connette come tutti i giorni, naviga come tutti i giorni. Come blocco totale mi pare debolino.
Poi, se ti piace continuare a pensare che lo sia, vai libero!
Non ho tempo per controllare ora, ma mi pare di aver letto su alcune fonti che il blocco totale è durato solo mezz'ora. Non so se in seguito è stato tolto spontaneamente, o se qualche "talpa" che lavora con un server ha impostato un proxy estero per i propri clienti, in modo da salvare capra e cavoli.
Se qualcuno a sua volta ha letto una cosa del genere, può mettere il link?
blocco TOTALE[...] la gente in Egitto accende il PC come tutti i giorni

Quindi, la logica è questa: siccome una manciata di tuoi amici si connettono a internet "la gente in Egitto" può accedere a internet.

Mentre le statistiche fatte su più di 3500 grandi apparati di rete che indicano che l'Egitto praticamente non è più raggiungibile, sono sbagliate.

Ho capito bene?
@Acca

No, non mi risulta nessuna mezz'ora. E fino a ieri Renesys segnala il perdurare dell'isolamento dell'Egitto.

Poi che qualcuno possa connettersi è un altro paio di maniche, come sto cercando di spiegare...
@Accademia dei pedanti

Sembra che la situazione stia tornando alla normalità:

Il blackout della rete sul territorio egiziano è proseguito per tutta la giornata di venerdì e per tutto il fine settimana: solo nelle prime ore di oggi, 31 gennaio, sembra che la situazione stia lentamente tornando alla normalità.

http://tinyurl.com/62p5okm
@motogio

A me non risulta, mi piacerebbe sapere la fonte del giornalista.

A tuttora internet in Egitto è "spenta. Fra i cosiddetti "work-around" c'è anche questo
Però, the DRaKKaR, abbi pazienza, ma Marco non ha tutti i torti.
So per esperienza sul territorio che i giornali (o i tele/radiogiornali) quando vogliono loro ingigantistocono o minimizzano i problemi (vedi le varie emergenze campane che poi non sempre sono emergenze). Quindi potrebbe darsi che ci sia stato un black-out temporaneo e nulla di più.
A tal proposito, non per vestirmi da complottista, la domanda mi sorge spontanea (cit.) come mai dell'attentato a Mosca se n'è parlato a stento per un paio di giorni e nulla più?
@theDRaKKaR l'Omeopata

Forse era un po' ottimista; notizia dell'ultima ora:

Migliaia di persone stanno affluendo ordinatamente attraverso un checkpoint organizzato dall'esercito. C'è musica, molti slogan che inneggiano alla fine del regime di Mubarak e la folla è molto eterogenea: uomini, donne velate e non, bambini, molti con bandiere e cartelli con slogan. Continua il blackout dei sistemi di comunicazione. Non funziona Internet e non funzionano i messaggini sui telefoni cellulari, che però sono ancora attivi.

01 febbraio 2011 - 11:10
Egitto: marcia 1 mln, dimostranti affluiscono in piazza Tahrir

http://tinyurl.com/62drm6s
@Ué

Tu non sei una complottista, no? Lo vuoi un parere tecnico? Le autorità hanno spento internet. Hanno semplicemente ordinato ai provider di spegnere i router. Niente di più, niente di meno. Poi, come si sa, internet è una cosa molto complessa, giacché ad internet ci si connette in mille mila modi: per es. con le connessioni dial-up che viaggiano sulle linee telefoniche fino a un router che può essere benissimo negli USA (vedi link postato) oppure ancora con i telefonini, se funzionano.

Ma l'informazione tecnica è che il governo dell'Egitto ha bloccato internet, facendo spegnere migliaia di apparati di rete dei provider (non i routerini che abbiamo a casa, ma instradatori di reti geografiche).

Ripeto, l'Egitto ha oscurato internet.
Ok Drak, non ti scaldare ché poi diventi antipatico :-)
Ohibò, fine del flirt?
Ohibò, fine del flirt?

Sì, non c'è più nulla ormai, è tutto finito tra noi (cit. ma non mi ricordo chi)
(cit. ma non mi ricordo chi)

Vita vissuta??? :D

Oggi mi girano comunque.. si vede per caso? >_>
Vita vissuta??? :D

Boh?!

Oggi mi girano comunque.. si vede per caso? >_>

Per Accademia dei pedanti:

Stavolta io non c'entro nulla eh!
@ Orwell1974
Per favore non diciamo cavolate sulle esportazioni in Iran. Salvo prodotti appartenenti a specifiche liste di restrizione (armi, parti di centrali nucleari e simili) basta una semplice autocertificazione fatta dalla ditta per effettuare l'operazione di export in dogana.
Io sono direttore di uno spedizioniere specializzato in Ex-URRSS, Asia Centrale, Caucaso e Medio Oriente.
Mediamente ci vuole mezza giornata per fate una bolletta export per l'Iran.

Il "problema" attuale è che il governo Iraniano ha ristretto il numero di spedizionieri europei ritenuti affidabili quindi ora siamo in 5 o 6 in tutta Europa a poter entrare... beh problema per gli altri, non per noi.

Fra l'altro di recente l'Italia ha sbloccato i flussi di pagamento Italia\Iran e viceversa (basta far preparare un paio moduli in banca).

Ti rivelo un segreto: la Siemens esporta in Iran quello che vuole perché i prodotti non sono strettamente ad uso nucleare, possono essere usati anche in altri ambiti di produzione energetica e industriale. Ergo nessuno glielo può impedire.

L'unico paese che ha intrapreso misure drastiche è la Repubblica Ceca che ha totalmente vietato le esportazioni verso l'Iran.... certo anche lì l'ostacolo è aggirabile in maniera molto, molto facile. :D
Per farti un esempio le Germania introducesse simili restrizioni Siemens dovrebbe solo fare questo giro fatturazione:
Siemens DE ---> Siemens Italia --> Iran.
@Iilaiel

A) sei sempre così amabile oppure oggi sei particolarmente euforico
B) non eri una donna?!??!
C) si scherza eh :-P
Per Iilaiel

Per favore non diciamo cavolate sulle esportazioni in Iran. Salvo prodotti appartenenti a specifiche liste di restrizione (armi, parti di centrali nucleari e simili) basta una semplice autocertificazione fatta dalla ditta per effettuare l'operazione di export in dogana.
Io sono direttore di uno spedizioniere specializzato in Ex-URRSS,


Ex Urss.

Asia Centrale, Caucaso e Medio Oriente.
Mediamente ci vuole mezza giornata per fate una bolletta export per l'Iran.


Fare.

Il "problema" attuale è che il governo Iraniano

Il governo iraniano.

ha ristretto il numero di spedizionieri europei ritenuti affidabili quindi ora siamo in 5 o 6 in tutta Europa a poter entrare... beh problema per gli altri, non per noi.

Ho il vago sospetto che Orwell1974 lavori per una delle ditte escluse. Un pizzico di scorno è comprensibile. :-D

Per farti un esempio le Germania introducesse simili restrizioni

Se la Germania.

Siemens dovrebbe solo fare questo giro

La Siemens.
Incredibile. Gli egiziani che trovo in chat io, son tutti nella rosa dei superfortunati che scavalcano il blocco della rete!! Devo avere una sorta di capacità medianica per intercettare TUTTI i superganzi del PC egiziani (connessi in questo momento da Il Cairo, Hurgada, Sharm, Alessandria, Mansoura, ecc: 65. Mica pochi, per una chattina qualunque).
Ps: aspetto ancora l'esaustivo elenco.
Gli egiziani che trovo in chat io, son tutti nella rosa dei superfortunati che scavalcano il blocco della rete!

La connettività è stata ripristinata.
Per Marco

Ps: aspetto ancora l'esaustivo elenco.

Tolto che educazione vorrebbe che quando si chiede qualcosa ci si cita anche la persona a cui ci si rivolge, l'elenco è già pubblicato da ieri pomeriggio, ma sotto l'articolo giusto, che è un altro:

http://tinyurl.com/6k82a8z

A furia di chattare con gli egiziani hai dimenticato le buone maniere italiane.
Alla periferia della mappa di Star Wars, in basso, c'è un mondo chiamato Terminus. :-)
Non può essere un caso. Ma un nanosecondo dopo la commozione penso a Emmerich e mi sale un impulso omicida...

AnDrEa
Incredibile. Gli egiziani che trovo in chat io, son tutti nella rosa dei superfortunati che scavalcano il blocco della rete!! Devo avere una sorta di capacità medianica per intercettare TUTTI i superganzi del PC egiziani (connessi in questo momento da Il Cairo, Hurgada, Sharm, Alessandria, Mansoura, ecc: 65. Mica pochi, per una chattina qualunque).

Ti devo dire un segreto: non c'è nessun blocco, è tutto un complotto di noi agenti NWO. Ci hai scoperto, dannazione.
Alla periferia della mappa di Star Wars, in basso, c'è un mondo chiamato Terminus. :-)
Non può essere un caso.


Ci dovrebbe anche essere un Trantor, ma non lo trovo sulla mappa. Un complotto dei Sith?
Però c'è uno Spice Terminus, come se non ci fossero abbastanza riferimenti (se siano "omaggi" o "plagi" lo lascio decidere al lettore) a Frank Herbert in Guerre Stellari!

Ma un nanosecondo dopo la commozione penso a Emmerich e mi sale un impulso omicida...

Gulp e doppio gulp! Non lo sapevo! Lo farà davvero?
Impulso omicida, impulso omicida!
Il mio commento contiene 5 link a 5 siti diversi e non è in coda ... altri con un link solo finiscono in coda, bel mistero questo filtro antispam!
Van Fanel,
vieni anche tu nel gruppo Facebook
"Roland EMMERICH is really a bad choice for Asimov's FOUNDATION!"
:-)
Ah, allora mi iscrivo a Facebook all'istante! :P