skip to main | skip to sidebar
56 commenti

Le cose che non colsi - 2011/02/12

Debunking medico, pietre fluttuanti, razzi riciclati, scene inedite di Guerre Stellari e altre chicche


Stasera alle 20 sarà a Lugano Salvo Di Grazia, alias WeWee, il medico autore del blog Medbunker, noto per le sue indagini sulle medicine e terapie “alternative”. L'appuntamento è all'Hotel Pestalozzi, in Piazza Indipendenza 9. La conferenza è organizzata dal CICAP Ticino e io sarò presente come moderatore. Il biglietto d'ingresso è di cinque franchi (4 euro) per i soci CICAP che presentano la tessera d'iscrizione e dieci franchi (8 euro) per i non soci. L'ingresso per la stampa è gratuito. Per informazioni: ticino@cicap.org.

James Randi, celeberrimo debunker, ha sfidato gli omeopati mettendo sul piatto un milione di dollari (da devolvere eventualmente in beneficenza) per il primo che riuscirà a dimostrare l'efficacia dei prodotti omeopatici. Ecco il video:


È scaricabile qui la puntata del Disinformatico di ieri, dedicata al presunto cratere meteorico scoperto in Canton Ticino, alla nuova versione 10.2 di Flash Player, alla tecnica per rubare le password dell'iPhone in sei minuti, all'eliminazione dell'Autorun per XP e Vista, e al kit per fabbricare "virus" per Facebook.

Ho fatto un'indagine su una storia di paranormale religioso islamico: la credenza che ci sia un masso che una volta l'anno rimane a mezz'aria a Gerusalemme o (in alcune versioni) al Al-Hassa. Il risultato è su Wired.

L'UE avrà finalmente un alimentatore unico per tutti i telefonini (o almeno per gli smartphone). Si ridurranno l'inquinamento e il numero di alimentatori da portare in giro, ma caleranno anche i prezzi?

Per i cultori della Trilogia Originale di Guerre Stellari segnalo Star Wars Begins: una curatissima raccolta di scene inedite o alternative e di chicche disponibile su Youtube (via Siamogeek).

L'Ares 1 non è morto, anzi si potrebbe accoppiare. Il vettore spaziale americano per il trasporto di passeggeri, bloccato da Obama dopo un primo lancio di prova e anni di sviluppo, sta continuando a crescere (ormai i fondi sono stati stanziati e dalla ricerca si ricavano comunque dati preziosi) e ora arriva la proposta di accoppiarlo con un secondo stadio europeo tratto dall'Ariane. Il nome del progetto è Liberty (SpaceflightNow).

Tra poco ci sarà l'ultima occasione di fotografare uno Shuttle attraccato alla ISS. Ma significa rischiare parecchio (SpaceflightNow).

La dichiarazione d'indipendenza del ciberspazio compie 15 anni ed è più attuale che mai. Il linguaggio un po' retorico di John Perry Barlow calza a pennello con gli eventi in Tunisia ed Egitto e anche, su scala ben più modesta, con la battaglia (persa) contro i "pirati" del copyright e i censori.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (56)
hahaha...allora perchè quel furbone non si legge questo

http://www.informasalus.it/it/articoli/omeopatia-trattamento-irregolarita-mestruali.php
hehehehehe perchè allora l'omeopata che pubblicizza quel sistema non gli chiede il milione di dollari?
@Lupo:

LOL!
I fuffari sono molto brillanti nei forum e sui loro siti personali: spiritosissimi, con una battuta pronta per ogni occasione. In un confronto dal vivo, molto meno. Ecco perché non li si vede quasi mai. Unica eccezione, finora: Tom Bosco.
E guarda caso, dove è stato pubblicato lo studio? Su Homeopathy, mi sembra ovvio! Ma una rivista seria mai, eh?
Non riesco a immaginare come si accoppiano due vettori... boh...
Per un attimo ho creduto che Wewee assomigliasse molto a Randy :D
ivabellini,

hahaha...allora perchè quel furbone non si legge questo

La tua ingiustificata maleducazione nel dare del "furbone" a WeWee non meriterebbe risposta, ma per evitare agli altri di leggersi l'ennesima ricerca scorretta, segnalo solo che manca il controllo in doppio cieco, per esempio.

Vediamo sei hai il coraggio di venire a dare del "furbone" a qualcuno stasera o se ti senti potente sol al riparo del tuo computer.
E' inutile Paolo, ivabellini sul blog di WeWee ha già detto che non ci sarà. Ecchecaso...
@ Attivissimo

veramente ce l avevo con Randi, non con Di Grazia
Segnalo solo la versione italiana della dichiarazione di indipendenza del Cyberspazio...che potrebbe essere piu' leggibile per gli italiani, rispetto a quella scritta da John Perry Barlow (che ricordo, e' uno dei fondatori dell' EFF, la Elettronic Frountier Foundation, che lotta per la liberta' di espressione in internet...)

Per chi lo volesse leggere in italiano...lo trova qui:
http://www.olografix.org/loris/open/manifesto_it.htm
@ivabellini: speculare sulle malattie altrui spacciando come validi trattamenti che non sono passati attraverso trial clinici e' IMHO una cosa ignobile. Capisco spacciare come validi trattamenti contro i malanni stagionali che passano da soli, ma speculare su patologie piu' gravi e' veramente da avvoltoi di infimo livello. Vergogna!
@ ivabellini

Clara Palomba.

http://medbunker.blogspot.com/2010/05/che-male-vuoi-che-faccia3.html

il resto è silenzio.
Bravo Sir. Ricordare sempre il male che fanno queste pratiche irrazionali. Non si tratta solo di ridere dei vari IvaBellini purtroppo. Tali deficit di discernimento possono causare danni a persone incolpevoli.
ivabellini,

veramente ce l avevo con Randi, non con Di Grazia

Le tue parole sono comunque maleducate.
Perchè limitarsi solo al primo film?

http://www.youtube.com/view_play_list?p=076D70E4E09C22E2
Caro ivabellini, propongo qui il medesimo esperimento che ho proposto nei commenti a medbunker ad arancia meccanica: perché non compri dei prodotti omopatici e li mandi ad un laboratorio di tua fiducia ad analizzare, e ci fai sapere che sostanze ci trovano dentro?
C'è qualcuno che mi spiega come funziona questa teoria della memoria? Se l'acqua ha memoria dovrebbe ricordarsi un sacco di cose, perciò oltre alla sostanza che l'omeopata ha diluito fino a farne scomparire ogni traccia ci dovrebbe essere la memoria di tutte le altre sostanze venute in contatto con l'acqua.
Esiste un sistema per cancellare la memoria dell'acqua?
Quanto dura questa idromemoria?
Ci sono molecole che se idromemorizzate fanno male?
Tutte le molecole possono essere idromemorizzate?
Se la risposta è no, perchè?
Per Rottweiler Faust

C'è qualcuno che mi spiega come funziona questa teoria della memoria?

Come sarebbe a dire teoria, miscredente? Certezza! Qualsiasi omeopata che abbia ottenuto il diploma te lo può assicurare.

Esiste un sistema per cancellare la memoria dell'acqua?

Certo: hai presente quelle pasticche che mettono nelle bibite in discoteca per cancellare la memoria di eventi nelle ultime ventiquattr'ore? I produttori di rimedi omeopatici ne usano in quantità: non sia mai che l'acqua si ricordi dell'uso bidet.
Correggetemi se sbaglio,ma sulla pagina di Cnet linkata nell'articolo in cui si parla del connettore MicroUSB scelto per i caricabatterie universali,viene mostrata una foto con un cavo che in realtà ha il connettore MiniUSB.
Si ridurranno l'inquinamento e il numero di alimentatori da portare in giro, ma caleranno anche i prezzi?

Secondo me, comprare il telefono con o senza caricabatterie allegato, non porterà ad un risparmio più grande di 10 euro.
Penso che la gente che deciderà di comprare un nuovo telefono senza caricabatterie allegato lo farà più per motivi di ordine casalingo (un aggeggio in meno da tenere sullo scaffale) che per motivi economici.
probabilmente succederà come le stampanti, i cellulari saranno venduti senza caricatore.
@ Ivabellini

hahaha...allora perchè quel furbone non si legge questo

http://www.informasalus.it/it/articoli/omeopatia-trattamento-irregolarita-mestruali.php


Perché leggere barzellette che non fanno ridere è più istruttivo di una ricerca che non serve a nulla.
Alquanto ironicamente...

La medicina tradizionale è estremamente interessata alla campana d'oro ed al debito di sonno, mentre l'omeopatia non ha in mano alcun risultato concreto.

(Se "quello che dice la medicina tradizionale a riguardo è corretto" è un risultato concreto allora ne hanno uno :D)
Ormai è un settore economico ben presente e potente. Per anni ci hanno convinto che anche fumo alcol facevano bene alla slaute, nelle giuste dosi, perche mai non si dovrebbe credere che un prodotto omeopatico faccia bene?
@Gregorio

Che il fumo facesse bene alla salute non ricordo di averlo mai sentito. Qualche pezza d'appoggio?

Per quanto riguarda l'alcool, forse fai confusione col vino. Il vino in effetti contiene alcuni polifenoli che hanno effetti positivi sull'organismo. Ovviamente il vino contiene anche l'alcool, e in quantità molto maggiore, quindi è consigliabile assumerne quantità molto ridotte.
Per theDRaKKaR

Che il fumo facesse bene alla salute non ricordo di averlo mai sentito. Qualche pezza d'appoggio?

Alcune pubblicità di vari decenni fa lo affermavano più o meno direttamente, almeno così ho sentito dire. Speravo di trovarle su ebay o altri servizi simili, ma per ora nulla. :-/
In Italia la pubblicità alle sigarette è vietata dal 1962, quindi né io, né te, né Paolo Attivissimo possiamo ricordarcele.
Paolo sì, i rettiliani hanno vita lunga.

Ora che mi ci fai pensare hai effettivamente acceso qualche sinapsi... mumble mumble...
Voglio dire, per sentito dire da mio padre, ex fumatore. Io non sono rettiliano (credo).
In Svizzera però il divieto è arrivato molto più tardi, quindi magari motogio può scovare qualche esempio in italiano.
Che il fumo facesse bene alla salute non ricordo di averlo mai sentito. Qualche pezza d'appoggio?

Però non si può negare che il cinema, per molti anni, ci ha fatto credere che fumare ci rendesse più fighi...e quindi che il fumo facesse bene alla nostra "salute sociale".
Si dice che le multinazionali del fumo pressassero Hollywood affinchè gli attori fumassero il più possibile (non so quanto siano vere queste storie), mentre l'Italia vanta una grandissima tradizione di pubblicità occulta delle varie marche di sigarette.
Ciò che è sicuro è che, per un regista, far fumare un personaggio è il metodo più semplice ed efficace per creare dinamicità ad una scena che, da sola, risulterebbe statica.
Ecco che se il personaggio, non sta facendo nulla (es. perchè sta aspettando una persona o ne sta ascoltando un'altra che gli parla assieme), nel momento in cui gli si fa accendere o rollare una sigaretta, lo si tiene occupato, rendendolo più "piacevole" rispetto al personaggio che rimane fermo immobile o che inizia a tamburellare le dita.

Per quanto riguarda l'alcool, forse fai confusione col vino. Il vino in effetti contiene alcuni polifenoli che hanno effetti positivi sull'organismo. Ovviamente il vino contiene anche l'alcool, e in quantità molto maggiore, quindi è consigliabile assumerne quantità molto ridotte.


Beh, negli anni 80 andava in onda questo spot con Renzo Arbore, che non mi sembra ci vada proprio leggero :D
Soprattutto l'immagine finale...
@Accademia dei pedanti ♂

Di pubblicità che affermavano che fumare facesse bene alla salute non ricordo di averne mai viste.
@Repli

Quello è un caso più unico che raro :-) Ce ne sono altri?
perche mai non si dovrebbe credere che un prodotto omeopatico faccia bene?

Perché la sua efficacia non è dimostrata.
Quello è un caso più unico che raro :-) Ce ne sono altri?

Beh, però intanto non va sottovalutato. Io ero piccolo in quegli anni, ma mi ricordo che quello spot era molto trasmesso. E poi la presenza di Arbore dava un valore aggiunto, essendo lui un personaggio che (opinione mia, ma mi sembra condivisibile) ispira più fiducia e simpatia rispetto ad altri testimonial famosi.
Se fossimo negli Stati Uniti probabilmente avrei potuto fare causa ad Arbore per pubblicità ingannevole, dato che la mia pancetta alcolica in continuo sviluppo reclama giustizia :D

Scherzi a parte...mi ricordo che anni fa, Striscia La Notizia mostrò un vecchio articolo di Quattroruote, in cui si parlava dei presunti effetti benefici del bere birra prima di mettersi alla guida (che non è molto diverso da ciò che Arbore lascia intendere nell'ultima scena dello spot).
Facendo una breve googlata ho trovato questa pagina, che mi ha ricordato come l'articolo fosse uscito dopo una diatriba con Grillo e con lo stesso Ricci. Sappiamo entrambi quanto siano vendicativi questi due tizi quando vengono contraddetti...però, di fatto, l'articolo esisteva (tralaltro nell'thread, anche l'utente cita studi a favore del fumo, pur non portando delle fonti).
Per Replicante Cattivo

Scherzi a parte...mi ricordo che anni fa, Striscia La Notizia mostrò un vecchio articolo di Quattroruote, in cui si parlava dei presunti effetti benefici del bere birra prima di mettersi alla guida (che non è molto diverso da ciò che Arbore lascia intendere nell'ultima scena dello spot).

O forse addirittura gli effetti benefici di una bevuta abbondante agli Autogrill, che fosse birra o vino non faceva differenza. Io così lo ricordo. :-)

Facendo una breve googlata ho trovato questa pagina, che mi ha ricordato come l'articolo fosse uscito dopo una diatriba con Grillo e con lo stesso Ricci. Sappiamo entrambi quanto siano vendicativi questi due tizi quando vengono contraddetti...

Sì, fu probabilmente una "vendetta trasversale": non potendo attaccare Quattroruote su questioni attuali, hanno riesumato un articolo del 1966: sicuramente il direttore era un altro, anche se la rivista ne ha cambiati solo quattro: Gianni Mazzocchi, Raffaele Mastrostefano, Mauro Coppini e Mauro Tedeschini. E l'autore dell'articolo incriminato molto probabilmente all'epoca della citazione di Striscia la notizia era in pensione da tempo.
Per quanto sembri strano, nel 1966 non c'era alcuna legge che esplicitamente vietasse di guidare ubriachi: questo a Striscia la notizia non lo hanno detto.

però, di fatto, l'articolo esisteva (tralaltro nell'thread, anche l'utente cita studi a favore del fumo, pur non portando delle fonti).

Tra l'altro nel thread.
Io ricordo che a una trasmissione contro il fumo condotta da Piero Angela negli anni Ottanta citarono una rivista che aveva pubblicato un articolo che sosteneva, credo col supporto di "esperti", che fumare facesse bene. Non fu citato il nome della rivista, ma non credo fosse un caso isolato.
Per alcuni mesi, verso il 1981, campeggiavano manifesti per la città: "M.... ....e, la sigaretta che respira", e il volto di un nuotatore in piscina in primissimo piano. Il messaggio non era propriamente che facesse bene, ma che fosse più sana delle altre per i polmoni. Fu ritirata poche settimane dopo, e, credo, sanzionata.
Ma che fai censuri il nome della sigaretta? Ma sei scemo? :-)
Per theDRaKKaR

Ma che fai censuri il nome della sigaretta? Ma sei scemo? :-)

È una marca che esiste tuttora. Alcuni aspetti della vicenda (non tutti) sono narrati in questo articolo.

http://tinyurl.com/6jz3haf

Devo rettificare, nel 1966 il codice della strada già prevedeva sanzioni per la guida in stato di ebbrezza: reato punito con l’arresto e l’ammenda (art. 132 del codice della strada del 15 giugno 1959). Era applicato di rado, in mancanza dell'etilometro.
Appunto, diciamolo, le Milde Sorte sono dannose. Come tutte le altre sigarette. Avere l'abitudine di fumare equivale ad avere l'abitudine di inalare l'esaustione di un tubo di scappamento.

La cosa era proprio truffaldina, giacché la pubblicità diceva che le Milde Sorte riducevano di quasi della metà il rischio del cancro. Questa frase poteva significare addirittura che avessero un effetto curativo!
@Accademia dei pedanti ♂

anche se la rivista ne ha cambiati solo quattro: Gianni Mazzocchi, Raffaele Mastrostefano, Mauro Coppini e Mauro Tedeschini.

E Carlo Cavicchi?

;)
@motogio

Ma punto e virgola e parentesi tonda chiusa è la tua firma?

;)
Per motogio

anche se la rivista ne ha cambiati solo quattro: Gianni Mazzocchi, Raffaele Mastrostefano, Mauro Coppini e Mauro Tedeschini.

E Carlo Cavicchi?


Non ero aggiornato.
Ma da qualche parte si può risalire a che direttore c'era nel 1966? Io non l'ho trovato...
@Accademia dei Pedanti

Io sono del 1963 e ricordo la pubblicità delle sigarette "più gusto e meno nicotina", o quella della "Marlbo.. man" o anche "Cam.. adventure" che per aggirare il divieto furono trasformate in pubblicità di agenzie di viaggi o robaccia simile.
Evidentemente il divieto alla pubblicità delle sigarette fu introdotto ben dopo il 1962, a me risulta che sia la Legge 52 del 22/02/1983 quella interessata.
@Accademia dei pedanti ♂

Ma da qualche parte si può risalire a che direttore c'era nel 1966? Io non l'ho trovato...

Il secondo era Raffaele Mastrostefano, dal mese d'ottobre del 1984 all'aprile del 1996, quindi prima l'editore era anche il direttore: Gianni Mazzocchi.

@t

Ma punto e virgola e parentesi tonda chiusa è la tua firma?

No.

(^_~)
@motogio

=:-O
Per Mauro

Io sono del 1963 e ricordo la pubblicità delle sigarette "più gusto e meno nicotina", o quella della "Marlbo.. man" o anche "Cam.. adventure" che per aggirare il divieto furono trasformate in pubblicità di agenzie di viaggi o robaccia simile.

Normalmente erano fondazioni con lo stesso nome del marchio.

Evidentemente il divieto alla pubblicità delle sigarette fu introdotto ben dopo il 1962, a me risulta che sia la Legge 52 del 22/02/1983 quella interessata.

No, la pubblicità in sé è stata vietata nel 1962, precisamente la legge 10 aprile 1962, n. 165 (quella del 1983 modifica solo le sanzioni). Purtroppo non era possibile colpire le pubblicità indirette con gli strumenti di allora, e non lo è nemmeno oggi. E ogni tanto qualcosa di troppo sfuggiva, come l'esempio della "sigaretta che respira".
Alcuni anni fa mi è capitato di vedere un vecchio film di Visconti alla cineteca di Copenaghen; iniziava: "Questo film è stato restaurato grazie alla fondo ... per la cultura". Colpi di tosse in sala. :-)
Ammetterai che non è facile prevedere una contromossa per i multiformi camuffamento dei marchi di sigarette, peggio di Stanislao Moulinsky.
Grazie al fondo ...
Cmq è ridicolo che censuriate i nomi di sigarette. Tra l'altro chi fuma? Chi fumava? E cosa? Chi non ha mai fumato?

Io ho cominciato con Marlboro Light nell'adolescenza, come molti (dico l'età, non la marca). Poi ho proseguito fino ai 20 anni circa e ho smesso. Ho ricominciato a 24 anni con le Pall Mall rosse e ho smesso a 30. Definitivamente. :)
Ovviamente il vino contiene anche l'alcool, e in quantità molto maggiore, quindi è consigliabile assumerne quantità molto ridotte

La mortalità diminuisce (per la dimunuzione della mnalattie cardiovascolari) fino a un consumo di circa mezzo litro di vino al giorno*, poi ricomincia ad aumentare.

*Ovviamente è un dato sulla media di tutta la popolazione studiata; fattori importanti come la massa corporea possono far variare sensibilmente questo valore
Quindi non bere durante la settimana e ubriacarmi pesantemente il sabato sera è curativo... saranno giustappunto un mezzo litro al giorno :D
@Accademia

Grazie per la spiegazione
Negli anni 50 del secolo scorso, soprattutto negli USA, ci fu una forte flessione del consumo di sigarette. Da allora fino ai '60 inoltrati ci fu tutto un florilegio di pubblicità in cui si decantavano le doti di numerose sigarette con slogan tipo "il 60% dei medici fuma sigarette xxx". Un'altra marca aveva come testimonial nientemeno che John Wayne che dichiarava tutto pomposo "da quando fumo yyy non ho più avuto problemi di voce e posso recitare anche dopo aver fumato".
Ironia della sorte, l'attore americano morì di cancro, anche se si dice sia stato provocato dalle radiazioni accumulate durante la lavorazione dei numerosi western in New Mexico nelle vicinanze dei poligoni di armi nucleari.

Avevo trovato (forse su cracked.com) una raccolta di vecchi poster veramente tremendi, visti col senno di poi.
Per il Lupo della Luna

Avevo trovato (forse su cracked.com) una raccolta di vecchi poster veramente tremendi, visti col senno di poi.

Se è solo per vedere esempi statunitensi, ti puoi scialare qui:

http://tinyurl.com/6emw545

Io ero interessato a vedere esempi italiani o svizzeri. :-)
@Per il Lupo della Luna

Avevo trovato (forse su cracked.com) una raccolta di vecchi poster veramente tremendi, visti col senno di poi.

Come queste?

Top 48 des vieilles pubs nauséabondes qui feraient scandale aujourd’hui

Sessiste, razziste, assurde ecc ecc.

@Accademia dei pedanti ♂

Di pubblicità svizzere sulle sigarette trovi solo quella della serie Parisienne people firmate da registri come Lynch, Polanski, Godard, Tornatore e molti altri.

Ma di quelle che elogiano le qualità curative del tabacco non ne trovo.

Anche tra quelle francesi; comunque interessanti e molto belle queste della Gauloises risalenti ai tempi della guerra:

Les Gauloises enfantines
Motogio: tipo quelle..
Leggende che fanno fluttuare le palle, più che altro.