skip to main | skip to sidebar
21 commenti

Liz Taylor nuda? Lei no, il giornalismo sì

Avete presente la foto di nudo artistico di Liz Taylor pubblicata da vari giornali? Indovinate quando è stata pubblicata dalla fonte originale. Se vi interessano i dettagli, li trovate in questo mio articolo su Wired.


Aggiornamento (2014/12/12): L'articolo non è più online presso Wired.it, ma l'ho ripubblicato qui.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (21)
Indovinate quando è stata pubblicata dalla fonte originale.

Venerdì scorso? :-)
Comunque l'articolo del Daily Mail è stato pubblicato non prima delle 23:00, un po' tardino per un pesce d'aprile, che in genere si scrive la notte del 31 marzo.
Questo e' il tipico esempio di come Internet aiuti ad aumentare la democrazia, intesa qui in senso etimologico (governo del popolo).

Il popolo riesce a controllare e verificare chi si erge come fonte di indiscutibile attendibilita', sbugiardandolo con lo stesso effetto del rasoio bilama.
Non ne sono molto convinto: il "popolo di internet" ha al suo attivo anche "prodezze" di senso opposto, se è per questo.
@ Rado il Figo

Come tutte le cose rivoluzionarie. Il fuoco, la ruota, la dinamite, la fissione dell'atomo, l'ingegneria genetica....
Per Luigi Rosa

Questo e' il tipico esempio di come Internet aiuti ad aumentare la democrazia, intesa qui in senso etimologico (governo del popolo).

Il popolo riesce a controllare e verificare chi si erge come fonte di indiscutibile attendibilita', sbugiardandolo con lo stesso effetto del rasoio bilama.


Ohibò, dopo il potere legislativo, il potere esecutivo e il potere giudiziario, ora anche il potere giornalistico? Ed è necessaria anche una separazione di quest'ultimo dagli altri tre, per impedire a parlamentari e giudici di scrivere articoli?

Tra l'altro mi lascia perplesso questo modello di democrazia: chi non ha l'accesso a internet, non ne può godere.
Vado off-topic senza passare dal via, due sole parole (Paolo cosa ne dici?): Falcon Heavy
Non ne sono molto convinto: il "popolo di internet" ha al suo attivo anche "prodezze" di senso opposto, se è per questo.

ah ah mi sa che devo concordare!
Le stupidaggini ci sono dappertutto, chiaro, ma il popolo di internet è famoso per bersele quasi tutte :-)
Non sarà stata Liz Taylor ma comunque è sempre un bel guardare. Tutto sommato perdono la bufala se la manza vale.
@Luigi Rosa
Non sono d'accordo. Internet aumenta la possibilità di informare come aumenta la possibilità di disinformare e fare propaganda.
Secondo me, ciò che aumenta la democrazia di un popolo è la sua cultura e di questi tempi ne vedo sempre meno
Io sono scettico proprio sul concetto di "popolo di internet", forse negli anni '90 era un'espressione che poteva avere senso, perché allora gli internauti avevano in comune alcune caratteristiche, ma oggi l'insieme dei navigatori è troppo eterogeneo: popolo di internet sono i professori universitari e le fan di Justin Bieber, i debunker e i boccaloni, gli anticlericali e i baciapile,...
Il "popolo di internet" ha un grandissimo elemento in comune: internet!

E non è una battuta.

Sociologicamente è una cosa estremamente importante. Si dice che le rivoluzioni a cui assistiamo sono state dovute (almeno per una parte) proprio all'uso di internet.
I Paesi totalitari hanno una paura tremenda di internet, anche se sanno che non possono fare a meno se vogliono prosperare.

Il popolo di internet in sostanza misura il digital divide.
"Vado off-topic senza passare dal via, due sole parole (Paolo cosa ne dici?): Falcon Heavy"

Le premesse e le promesse sono buone, ma bisogna stare attenti a non lasciarsi andare a facili entusiasmi.

E in ogni caso lo si potrebbe vedere all'opera nel 2013, dopo la fine del mondo.
Tra l'altro mi lascia perplesso questo modello di democrazia: chi non ha l'accesso a internet, non ne può godere.
---
Piu' o meno cone 100 anni fa, per chi non sapeva leggere o scrivere. Chi non ha infomazioni dirette è costretto a dipendere dalle infomazioni trasmesse e filtrate da altri, 100 anni fa come oggi.
Tutto il mondo è paese: in Cina confondono Bob Dylan con Willie Nelson. Almeno a leggere questo sito, poi la cosa andrebbe approfondita:

http://tinyurl.com/43x5gmg .
@Jotar
Si dice che le rivoluzioni a cui assistiamo sono state dovute (almeno per una parte) proprio all'uso di internet
Personalmente diffido sempre di chi vuol trovare a tutti i costi dei nessi di causalità.
In Libia e nello Yemen la diffusione di Internet è marginale, la Cina ha il maggior numero di navigatori on line. Dove sono le rivolte?

Certo Internet è una grande rivoluzione e si può parlare di un tempo prima e un tempo dopo Internet, ma molti degli esaltatori della Rete cadono in ingenuità che non si sentivano dai tempi del ballo excelsior.
Per Francesco53

Tra l'altro mi lascia perplesso questo modello di democrazia: chi non ha l'accesso a internet, non ne può godere.

Piu' o meno cone 100 anni fa, per chi non sapeva leggere o scrivere. Chi non ha infomazioni dirette è costretto a dipendere dalle infomazioni trasmesse e filtrate da altri, 100 anni fa come oggi.


Sorvolando sull'informazione che perde la R due volte, io intendevo una cosa diversa: anche gli analfabeti che vivevano e vivono in un Paese democratico hanno gli stessi diritti e doveri dei cittadini alfabetizzati. Certo non possono essere eletti, e presumibilmente votano quello che gli dice il parroco, o il marito, o la tv, ma la democrazia non si esaurisce mica con le elezioni.

Chi non ha l'accesso a internet, a questa nuova democrazia, nemmeno sa della sua esistenza. Una democrazia limitata ai fortunati che possono permettersi un PC e la connessione a casa. Strana democrazia, davvero.
Ed è necessaria anche una separazione di quest'ultimo dagli altri tre, per impedire a parlamentari e giudici di scrivere articoli?

Dai, falla-finiscila, è chiamato Quarto potere
Per theDRaKKaR

Ed è necessaria anche una separazione di quest'ultimo dagli altri tre, per impedire a parlamentari e giudici di scrivere articoli?

Dai, falla-finiscila, è chiamato Quarto potere


Preferisco il quinto.
Parliamoci chiaro, Accademia, è inutile che fai lo sborone, tu sei soggetto al seguente potere, e senza possibilità di emancipazione: attenzione! NSFW!
http://www.tgcom.mediaset.it/binary/olycom/1.$plit/C_2_articolo_1005191_imagepp.jpg
io l'ho trovata l'immagine incriminata : il fotomontaggio il tipo l'ha fatto anche piuttosto bene !