skip to main | skip to sidebar
70 commenti

Giornata anti-superstizione

Essere superstiziosi porta iella: oggi è la Giornata Anti-Superstizione


In occasione del venerdì 17, che secondo certe credenze porterebbe sfortuna, ve la sentite di affermare con un gesto che non credete alla superstizione? Ve la sentireste di camminare sotto una scala aperta, rompere uno specchio, versare per terra del sale?

Oggi il CICAP vi offre la possibilità di fare questi e altri gesti iettatori in varie città italiane, come Roma, Brescia, Pisa, Torino, Gorizia e Vicenza: se li farete tutti e tredici, riceverete il diploma di "antisuperstizioso".

Potrete inoltre partecipare a un piccolo esperimento per misurare l'effetto della iella, lanciando dei dadi prima e dopo aver compiuto un gesto portasfortuna.

Tutta la faccenda è all'insegna dell'allegria ed è condita da happy hour, grigliate e cene, e può sembrare assurdo che ancora oggi sia necessario organizzare eventi come questo, ma purtroppo la superstizione è ancora diffusa: provate a chiedere ai vostri amici di fare i suddetti gesti iettatori e scoprirete quanta gente, sotto sotto, ci crede.

 Se vi interessano i dettagli, li trovate nella pagina apposita sul sito del CICAP.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (70)
lanciando dei dati credo sia
lanciando dei dadi
Stasera ho una cena, e a tavola saremo in 17. Neanche a farlo apposta.
Ho conosciuto la mia compagna perché ad una cena tra compagni di università un amico aveva disdetto.
Rimasti in 13 qualcuno ha pensato di rimediare invitando al volo anche lei, tra l'altro senza degnarsi di inventarsi una scusa.
Per fortuna ha accettato!
Ottima iniziativa, ma conosco ottimi razionalisti atei (uno di loro docente di fisica) superstiziosi. Temo sia qualcosa che appartiene ad una sfera primitiva e un po' incontrollabile :-)
Io oggi ho passato (con un bel voto) l'ultimo esame della specialistica in ingegneria elettronica.

Non direi proprio che porta jella :)
Strano, ma vero... in Campania... non è stato organizzato... sarà un caso???
È interessante l'origine delle superstizioni. Per quanto riguarda il 17 o il 13, ho chiesto ad altri matematici di indicarmi il possibile motivo per cui possa portare sfortuna (o fortuna) e ho ricevuto un sacco di ipotesi interessanti.
Shine,

esatto. Ho corretto, grazie.
in merito a:
"sembrare assurdo che ancora oggi sia necessario organizzare eventi come questo, ma purtroppo la superstizione è ancora diffusa"

quel che sinceramente TROVO PIÙ ASSURDO è che, credenze o meno, superstizioni o meno che ognuno si tenga la sua (ce ne sono di tante altre cose irrazionali a questo mondo), CHE IL TUTTO QUANTO FA "BRODO" PER FAR SOLDI CON FESTE O ALTRO...e, secondo il mio modesto parare, centra solo marginalmente il fatto del BUONUMORE O ALLEGRIA...SONO SOLO OCCASIONI IN PIÙ PER FARE DEL MARKETING BELLO E BUONO.
Dunque non la trovo questa gran "TROVATA". Ciao
Io sapevo che la credenza che venerdì 13 sia un giorno sfortunato deriva dal giorno dell'arresto dei Templari in Francia (venerdì 13 ottobre 1307), mentre quella di venerdì 17 deriverebbe dal fatto che Gesù fu crocifisso di venerdì, e 17 in numeri romani si scrive XVII il cui angrammi sarebbe VIXI (sono vissuto). A me la cosa mi ha sempre lasciato indifferente e anche queste spiegazioni mi sembrano "forzate". Tra l'altro ho avuto buone e brutte vicende in entrambe le date, quindi so che con me non funzionano.
Per Vittorio

Io sapevo che la credenza che venerdì 13 sia un giorno sfortunato deriva dal giorno dell'arresto dei Templari in Francia (venerdì 13 ottobre 1307), mentre quella di venerdì 17 deriverebbe dal fatto che Gesù fu crocifisso di venerdì, e 17 in numeri romani si scrive XVII il cui angrammi sarebbe VIXI (sono vissuto).

C'è già stata un'indagine sul venerdì 13:
http://tinyurl.com/6jovtxh
e io sono d'accordo sull'ipotesi più semplice: un romanzo americano di successo. Esiste anche in traduzione italiana:

W. Thomas Lawson, Il venerdì 13 (unica versione autorizzata dall'inglese di Augusto Foa), Roma, Enrico Voghera, 1907.

Mi par di capire che il venerdì 17 sia di diffusione solo italiana, o delle regioni dell'Europa del sud.
SONO SOLO OCCASIONI IN PIÙ PER FARE DEL MARKETING BELLO E BUONO

Neanche andassero a rubare...
quel che sinceramente TROVO PIÙ ASSURDO è che, credenze o meno, superstizioni o meno che ognuno si tenga la sua (ce ne sono di tante altre cose irrazionali a questo mondo), CHE IL TUTTO QUANTO FA "BRODO" PER FAR SOLDI CON FESTE O ALTRO...e, secondo il mio modesto parare, centra solo marginalmente il fatto del BUONUMORE O ALLEGRIA...SONO SOLO OCCASIONI IN PIÙ PER FARE DEL MARKETING BELLO E BUONO.
Dunque non la trovo questa gran "TROVATA".


Frase che puzza di "grillino"! Scherzo ;-)

Mi accodo a Dr.Alzheimer: Neanche andassero a rubare...
ho rotto uno specchio, sono passato sotto la scala e conosciuto Francesco Sblendorio vestito da jettatore a cui ho stretto la mano (e annodato la cravatta:-P) :-)
Io oggi ho osato provare ad installare Debian su un vecchio Acer Aspire One. E' filato tutto liscio come l'olio. E' la miglior dimostrazione che venerdì 17 non funziona.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Essendo nato di 13, le superstizioni mi fanno una pippa!!!
Mah, ogni volta che viene il venerdì 17, devo sentirlo per radio o per TV che nella superstizione questo giorno porterebbe sfortuna. Non ci bado mai, purtroppo conosco molta gente che davvero fa scongiuri e non passa sotto e scale. Una volta stavo lavorando, e per andare a prendere un pezzo sono casualmente passato sotto una scala. Un mio collega mi ha urlato (davvero...) oooh! Non passare sotto la scala che porta sfiga! L'ho solo guardato, poi l'ho mandato a quel paese...

Finchè si tratta di innocue superstizioni posso anche sopportare chi crede in ste robette, il problema arriva quando la questione è patologica e c'è gente che uccide i gatti neri.
Nooooooo l'ho letto solo adesso!!! :( sarà per il prossimo venerdì 17!
SONO SOLO OCCASIONI IN PIÙ PER FARE DEL MARKETING BELLO E BUONO

Come no. Considerato che paghiamo tutto di tasca nostra (sono presidente anch'io di un gruppo CICAP) e ci rimettiamo dei soldi, il tuo discorso non fa una grinza.

Dev'essere bello avere così tante certezze.
Qualcuno studiando i piccioni ha ipotizzato che esista la superstizione anche negli animali. (Skinner?) Potrebbe trattarsi in certi casi di un difetto del comportamento, ma non è stato ancora verificato con certezza. Certi schemi se te li mettono in testa da bambino, difficilmente svaniscono del tutto, qualcosa rimane. Del resto, che senso ha oggi prendersi un'ostia la domenica? Ma se uno si dispera sul serio per del sale a terra, gli conviene cercarsi un buon psichiatra.

P.s
Si potrebbe fare una specie di ponte, dal 13 al 17 di ogni mese; se c'è una grigliata ogni volta, vi verso tutto il sale che volete. :D
Per Giovanni Pili

Certi schemi se te li mettono in testa da bambino, difficilmente svaniscono del tutto, qualcosa rimane. Del resto, che senso ha oggi prendersi un'ostia la domenica?

Ecco, vuoi scatenare a bella posta un infervoramento a catena! :-D
@Accademia dei pedanti ♂
Dici che ricordando il fatto, che la religione sia una forma di superstizione qualcuno si irriterà?
Ok, vado a espiare portando una gallina in sacrificio a Giove. :D
non camminare sotto una scala, più che superstizione lo chiamerei buonsenso :)
Per Accademia dei pedanti

Ecco, vuoi scatenare a bella posta un infervoramento a catena!

Considerando i commenti di molti post precedenti: hai ragione... Magari questa volta passerà inosservata.

Ora devo andare perchè anch'io devo sgozzare un qualsivoglia animale per una divinità ancora da decidersi... ;-)
Io ieri ho rimediato un simil appuntamento per lunedì con una bionda alta 1 e 80 XD XD

La sfiga c'è stata il giovedì però....Avrò il fuso orario di Tokyo...
Io ho un caprone che mi avanza... se serve...
Io ho un caprone che mi avanza... se serve...

Prendi il suo cucciolo e fallo al forno con le patate: vedrai che delizia!!!
Ieri sono andato a farmi trapanare dal dentista in un grosso centro milanese, in genere affollatissimo. Già mi sono stupito in sala d'attesa: deserta, mai successo. Poi sono entrato e c'erano decine di postazioni vuote... insomma, c'eravamo solo io e qualche altro non-superstizioso. Assurdo.
non capisco il senso di queste manifestazioni. tutti soldi che lo Stato deve sprecare per niente.
non capisco il senso di queste manifestazioni. tutti soldi che lo Stato deve sprecare per niente.

Per la serie: non ho letto l'articolo né i commenti, ma la mia castroneria quotidiana la devo pur scrivere, sennò mi ammalo.
non capisco il senso di queste manifestazioni. tutti soldi che lo Stato deve sprecare per niente.

Non capisco il senso di queste affermazioni. Tutti neuroni che l'utente deve sprecare per niente.
Prendi il suo cucciolo e fallo al forno con le patate: vedrai che delizia!!!

Ma no, dai... Marc Marquez mi sta anche simpatico...
Ma no, dai... Marc Marquez mi sta anche simpatico...

???

Non non ho capito cosa centra col capretto...
puoi anche fare lo spiritoso quanto ti mare ma rimane il fatto che queste manifestazioni sono sovvenzionate con l8 per mille con il 5 per mille, con denaro pubblico. il cicap è uno di quegli enti che riceve finanziamenti dallo Stato e io non ho intenzione di finanziare tutti gli enti che chiedono soldi.
insomma: autofinanziatevi.

già ci tocca pagare la Chiesa cattolica ci manca pure il sovvenzionamento di tutti gli enti scientifici.
tutti soldi che lo Stato deve sprecare per niente.

Eccone un altro.

Gianfranco, mi spiace infrangere il tuo castello di assolute certezze, ma il CICAP non prende dallo Stato neanche un quattrino.
il cicap è uno di quegli enti che riceve finanziamenti dallo Stato

Ehm... dare parte delle proprie tasse a un ente non è un finanziamento. E' una donazione privata deducibile.


insomma: autofinanziatevi.

E' quello che facciamo, Gianfranco. Vienici a trovare e lo scoprirai.


già ci tocca pagare la Chiesa cattolica ci manca pure il sovvenzionamento di tutti gli enti scientifici.

Giusto: a che servono questi enti scientifici? A nulla, la scienza è inutile. Ti invito pertanto a boicottare tutti gl'inutili prodotti della scienza. A partire da Internet.
8 per mille

Assurdo!!!

il 5 per mille

Non so se è vero ma non ci sarebbe niente di male!

già ci tocca pagare la Chiesa cattolica ci manca pure il sovvenzionamento di tutti gli enti scientifici.

E come dovrebbero finanziarsi? Con gli sponsor?! O coi privati? Così si ricerca solo ciò che genera profitto per i finanziatori e non ciò che serve alla comunità. Ti ricordo che col 5 per 1000 si finanzia anche la ricerca per la cura di malattie terribili. Voglio vedere se parlerai ancora così se malauguratamente capitasse qualcosa del genere ad una persona che ti sta cara!!!
il 5 per mille

Non so se è vero ma non ci sarebbe niente di male!


Mi ha già risposto Paolo.

E poi: sia l'8 che il 5 per 1000 non sono obbligatori!!!
Io ho avuto una giornata pazzesca, di superlavoro.

Arrivo a Milano da Pavia verso le 17,30 e becco la solita coda in tangenziale: vabbè, è fisiologico, non c'entra di certo Venerdì 17.

Mi dico: "se faccio tutta la Ovest ed esco a Viale Certosa e c'è coda in direzione Venezia, sono fottuto; taglierò per San Siro"

Porca cipolla! C'era il concerto di Vasco! Un casino, ho dovuto aggirare tutta la zona dello stadio e dopo tre quarti d'ora sono arrivato a destinazione, in una traversa di Corso Sempione.

Insomma, sono tornato a casa alle nove di sera, però nel complesso non è stata una giornata particolarmente sfigata.
Non non ho capito cosa centra col capretto...

Marc Marquez, detto il "Cabroncito"...
puoi anche fare lo spiritoso quanto ti mare

profumo di mare

ma rimane il fatto che queste manifestazioni sono sovvenzionate con l8 per mille con il 5 per mille,

quindi il 13 per mille?

con denaro pubblico.

E secondo te le donazioni detraibili dalle tasse del 5 per mille sarebbero denaro pubblico tout court? Sono donazioni volontarie, casomai non lo sapessi. Puoi anche tenertelo il 5 per mille, nessuno ti obbliga a donarlo a chicchessia...

il cicap è uno di quegli enti che riceve finanziamenti dallo Stato e io non ho intenzione di finanziare tutti gli enti che chiedono soldi.

Non farlo. Nessuno te li chiede e, se te li chiede, puoi bellamente rifiutarti. Non è coercitivo (ti traduco per chiarezza: non usano la forza per spillarti i soldi). In questa ottica il CICAP NON è finanziato dallo Stato, ossia lo Stato non stanzia soldi provenienti dal prelievo fiscale nazionale per darli al CICAP. Il CICAP riceve solo le donazioni volontarie rivolte direttamente all'organizzazione. Credi di poterlo capire questo o ti faccio un disegnino?

insomma: autofinanziatevi.

Già lo fanno.

già ci tocca pagare la Chiesa cattolica ci manca pure il sovvenzionamento di tutti gli enti scientifici.

Aridaje, nella cessione del 5 per mille, nessuno obbliga nessuno a cedere niente. Te lo puoi tenere, lo sapevi questo?

A me viene il sospetto che tu non sai nemmeno di cosa stai parlando, in primis e che soprattutto non "paghi" nemmeno il 5 per mille alla chiesa. A meno che non denunci e paghi le tasse sulla paghetta che ti danno i tuoi. Comunque mi raccomando, quando avrai una busta paga, tieniti il 5 per mille in tasca anche per la ricerca contro i tumori. Ne trarrai sicuramente giovamento.
A me viene il sospetto che tu non sai nemmeno di cosa stai parlando

Sospetto?!
ieri, venerdì 17, ho preso il mio primo 30 all'università :-D
"ieri, venerdì 17, ho preso il mio primo 30 all'università :-D "

Sì ma la sfiga sta nel fatto che sarà l'ultimo che prenderai :D
Qui in Germania io non ho scelta: devo per forza dare una parte delle mie tasse alla Chiesa Cattolica, perché i miei genitori mi hanno fatto battezzare da piccolo.
[quote-"papageno"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/06/giornata-anti-superstizione.html#c3123419721391250099"]
Qui in Germania io non ho scelta: devo per forza dare una parte delle mie tasse alla Chiesa Cattolica, perché i miei genitori mi hanno fatto battezzare da piccolo.
[/quote]

Ma non puoi sbattezzarti? Capisco che è una bella scocciatura dover attivarsi per dimostrare allo stato di essere usciti dalla chiesa, però non mi sembra impossibile...
[quote-"Gwilbor"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/06/giornata-anti-superstizione.html#c2430227390465601393"]
Ma non puoi sbattezzarti? Capisco che è una bella scocciatura dover attivarsi per dimostrare allo stato di essere usciti dalla chiesa, però non mi sembra impossibile...
[/quote]

E chi la sente poi mia moglie? Per lei ho pure fatto il matrimonio in chiesa.
E chi la sente poi mia moglie?

Dalle mie parti si dice: trista quela càa dove tas il gal e canta la gaìna
Per papageno

[quote]

[quote]Ma non puoi sbattezzarti? Capisco che è una bella scocciatura dover attivarsi per dimostrare allo stato di essere usciti dalla chiesa, però non mi sembra impossibile...[/quote]


E chi la sente poi mia moglie? Per lei ho pure fatto il matrimonio in chiesa. [/quote]

E allora cosa c'è di strano nel pagare la Chiesa cattolica? Ricevi un servizio che va remunerato. Nemmeno preti e sagrestani vivono d'aria.
[quote-"Accademia dei pedanti ♂"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/06/giornata-anti-superstizione.html#c6683182648209424349"]
Per papageno

[quote]E chi la sente poi mia moglie? Per lei ho pure fatto il matrimonio in chiesa. [/quote]

E allora cosa c'è di strano nel pagare la Chiesa cattolica? Ricevi un servizio che va remunerato. Nemmeno preti e sagrestani vivono d'aria.
[/quote]

Non mi sono sposato in Germania. E comunque abbiamo anche fatto l'offerta al prete dopo il matrimonio.

Quello che è strano, è che non ho scelta a chi dare il 9% (non 8 o 5 per mille).
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
[quote -"Accademia dei pedanti ♂"]E allora cosa c'è di strano nel pagare la Chiesa cattolica? Ricevi un servizio che va remunerato. Nemmeno preti e sagrestani vivono d'aria.[/quote]

Aah, se soltanto la Chiesa potesse andare in fallimento!!!
Per TizFX

E allora cosa c'è di strano nel pagare la Chiesa cattolica? Ricevi un servizio che va remunerato. Nemmeno preti e sagrestani vivono d'aria.


Aah, se soltanto la Chiesa potesse andare in fallimento!!!


Singole diocesi negli Usa hanno dichiarato fallimento per non far fronte a processi. Città del Vaticano, essendo uno Stato sovrano, non può fallire.
Quando si parla di bancarotta di Stato, da quel poco che capisco di economia, si parla di singoli settori lasciati fallire per salvare il salvabile. Una vera e propria bancarotta di Stato significherebbe che può essere acquistato e annesso da un altro. Ma anche a prezzo di saldo, chi se lo compra Città del Vaticano? :-)
Paolo Attivissimo ha scritto

Gianfranco, mi spiace infrangere il tuo castello di assolute certezze, ma il CICAP non prende dallo Stato neanche un quattrino.


e poi ha aggiunto

il cicap è uno di quegli enti che riceve finanziamenti dallo Stato

Ehm... dare parte delle proprie tasse a un ente non è un finanziamento. E' una donazione privata deducibile.


Be', il 5 per mille il Cicap lo chiede
http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=274066
e non è una donazione privata deducibile.
Mattia,

Be', il 5 per mille il Cicap lo chiede
http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=274066
e non è una donazione privata deducibile.


Chiamala come preferisci, ma resta il fatto che il singolo cittadino può decidere personalmente di dare parte delle proprie tasse al CICAP, come ad altri enti riconosciuti. Non è lo Stato italiano a darli: è il privato a a farlo.

Se per te questo è finanziamento da parte dello Stato, abbiamo due definizioni differenti di finanzialmento statale. Per me, finanziamento statale significa che il Cicap chiede "Ehi, Stato, vorremmo 50.000 euro per andare nelle scuole di tutta Italia a spiegare che l'astrologia è una cazzata diseducativa e che nel 2012 non ci sarà la fine del mondo" e lo stato risponde "Certo, eccoli qua".
Se per te questo è finanziamento da parte dello Stato, abbiamo due definizioni differenti di finanzialmento statale.

è un finanziamento da parte dello Stato perché i soldi che ricevono sono soldi dello Stato che in principio andrebbero per fare strade, ponti, scuole...
Invece di andare nella costruzione di strade, ponti e scuole vanno al cicap.

Per me, finanziamento statale significa che il Cicap chiede "Ehi, Stato, vorremmo 50.000 euro per andare nelle scuole di tutta Italia a spiegare che l'astrologia è una cazzata diseducativa e che nel 2012 non ci sarà la fine del mondo" e lo stato risponde "Certo, eccoli qua".

è esattamente quello che succede, perché il cicap alza la mano e dice di essere una organizzazione non lucrativa di utilità sociale e per questa utilità sociale lo stato le dà dei soldi che dovevano essere utilizzati per fare strade, ponti e scuole.
L'unica differenza è che l'ammontare della cifra non viene stabilito dal signor Stato su richiesta del cicap ma dai contribuenti.
Ma sempre soldi dello Stato sono.

In ogni caso non è una donazione deducibile (che è proprio un'altra cosa: è quando tu doni del denaro a una associazione e deduci tale somma dall'imponibile).
[quote-"Mattia"]è esattamente quello che succede, perché il cicap alza la mano e dice di essere una organizzazione non lucrativa di utilità sociale e per questa utilità sociale lo stato le dà dei soldi che dovevano essere utilizzati per fare strade, ponti e scuole.[/quote]
Mattia, allora anche la ricerca sul cancro (finanziata con il 5x1000) o quella sulla sclerosi multipla (sempre 5x1000) oppure altre associazioni no profit rientrano in questa categoria? Allora direttamente togliamo tutti questi finanziamenti, ma poi il giorno che qualcuno a cui tieni si ammalerà e non ci saranno soluzioni perchè la ricerca non è stata finanziata "per fare strade, ponti e scuole" non ti lamentare ...
Per mattia

Temo che la discussione sia inficiata da una questione mal posta. Lo Stato in sé non ha soldi. In una maniera o nell'altra, che si tratto di una puntata al casinò (gestito dallo Stato), di un biglietto della lotteria, del bollo sulle sigarette o dell'IRPEF, lo Stato ha i soldi che i contribuenti italiani pagano.
Sembra che tu voglia fare distinzioni nette fra il denaro pubblico e il denaro proveniente del Modello 730 e Uni.Co. Sempre soldi dei cittadini italiani sono.

in principio andrebbero per fare strade, ponti, scuole...

Non c'è scritto nella Costituzione italiana che lo Stato debba costruire strade, ponti e scuole. Abito in città (le strade che servono alla circolazione ci sono già tutte); non ci sono corsi d'acqua né autostrade che richiedano cavalcavia; non ho figli e non sono interessato all'istruzione per adulti. Capirai che a questo punto posso ritenere molto più importante il sostegno al CICAP rispetto a strade, ponti e scuole che useranno altri.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Vittorio ha scritto

Mattia, allora anche la ricerca sul cancro (finanziata con il 5x1000) o quella sulla sclerosi multipla (sempre 5x1000) oppure altre associazioni no profit rientrano in questa categoria? Allora direttamente togliamo tutti questi finanziamenti, ma poi il giorno che qualcuno a cui tieni si ammalerà e non ci saranno soluzioni perchè la ricerca non è stata finanziata "per fare strade, ponti e scuole" non ti lamentare ...

Calmati, e non inventarti risposte a questioni che non ho posto.
Io ho solo detto che il Cicap riceve fondi dallo Stato. Punto.
Non ho detto che ciò è sbagliato.


accademia dei rompiballe ha scritto

Non c'è scritto nella Costituzione italiana che lo Stato debba costruire strade, ponti e scuole. Abito in città (le strade che servono alla circolazione ci sono già tutte); non ci sono corsi d'acqua né autostrade che richiedano cavalcavia; non ho figli e non sono interessato all'istruzione per adulti. Capirai che a questo punto posso ritenere molto più importante il sostegno al CICAP rispetto a strade, ponti e scuole che useranno altri.

Avrei potuto scrivere ospedali al posto di scuole.
Avresti scritto che tu non ti ammali mai e che avresti preferito un sostegno al cicap che non alla costruzione di ospedali?
Dai, lo so che a flessibilità mentale non sei il massimo, ma cerca di capire che "strade, ponti e scuole" stava per "servizi e opere che lo stato fornisce ai cittadini". La prossima volta lo scrivo così, chissà che magari ci arrivi.

non ho figli

per fortuna.
Ehm... dare parte delle proprie tasse a un ente non è un finanziamento. E' una donazione privata deducibile.

ma il CICAP non prende dallo Stato neanche un quattrino.

il singolo cittadino può decidere personalmente di dare parte delle proprie tasse al CICAP, come ad altri enti riconosciuti. Non è lo Stato italiano a darli: è il privato a a farlo.


Le donazioni private sono una cosa e, detraibili o meno, totalmente o parzialmente, vengono effettuate con soldi propri e attuate, fiscalmente, prima della dichiarazione dei redditi;
la scelta per la ripartizione del 5 o dell’8xmille viene effettuata in sede di dichiarazione dei redditi sulla base di imposte comunque versate o da versare.

Lo Stato italiano ha destinato parte delle entrate fiscali, cioè delle imposte, alla ripartizione dell’8 e del 5 x mille, con queste differenze:
- 8xmille - non è stabilita una cifra in assoluto ma la percentuale appunto dell’8 per mille sul totale delle entrate, la somma da devolvere può così variare con il variare delle entrate;
- 5xmille - è stato stabilito un tetto massimo da devolvere, prima era di 400 milioni, ora ridotto dalla finanziaria a 100 milioni.

I destinatari dell’8 x mille sono stabiliti dallo Stato, sono sei enti religiosi più lo Stato stesso con una destinazione particolare;
per il 5 x mille esiste invece un registro del Ministero delle Finanze che contiene i nominativi di tutti gli enti che, aventi i requisiti previsti, hanno chiesto di essere ammessi alla ripartizione e la cui domanda è stata accettata.

Il cittadino contribuente può scegliere a chi devolvere le due quote, con queste differenze:
- 8xmille - viene devoluta l’intera somma derivante dal calcolo percentuale proporzionalmente alle scelte espresse (questo significa che se per pura ipotesi solo due contribuenti firmano, ad esempio, uno per lo Stato e l’altro per la Chiesa cattolica TUTTA la somma viene divisa in due parti uguali ai due enti indicati);
- 5xmille - il tetto stabilito non può essere superato e nemmeno impegnato totalmente in caso di indicazioni carenti (se le scelte impegnano l’erario per 600 milioni la ripartizione è ricalcolata e si ferma al tetto massimo cioè 100; se le scelte impegnano l’erario per soli 18 milioni vengono distribuiti solo 18 milioni), la ripartizione avviene in base alle scelte epresse.

Da ciò si evince che:
- il contribuente non elargisce nulla di suo ma partecipa attivamente solo a una diversa distribuzione delle proprie tasse, che avrebbe comunque versato;
- le somme distribuite costituiscono una vera e propria voce di "spesa" per lo Stato, in quanto sono somme sottratte al controllo e alla disponibilità diretta dei vari Portafoglio di spesa;
- qualunque ente che riceva una somma derivante dalle ripartizioni dell’8 e del 5xmille ha espressamente chiesto allo Stato di partecipare alla ripartizione.

(quanto sopra non proviene da Google ma dalle istruzioni e circolari dell’Agenzia delle Entrate e del Ministero delle Finanze).

Detto questo io ho sempre firmato sia per l’8xmille che per il 5xmille perchè ritengo giusta la partecipazione attiva dei cittadini.
Per mattia

accademia dei rompiballe

Capisco che essere colti ad aver detto sciocchezze per l'ennesima volta bruci. Ma imponiti un contegno. La moderazione esiste anche per te.

Non c'è scritto nella Costituzione italiana che lo Stato debba costruire strade, ponti e scuole. [...]

Avrei potuto scrivere ospedali al posto di scuole.


Non l'hai scritto. Come mai?
Il diritto alla salute è sancito dalla Costituzione, ma persino in quel caso posso obiettare che rifiuto in toto quella pubblica perché non funziona, e che mi affido interamente a quella privata. Nel qual caso, esattamente come prima, i miei soldi verrebbero usati per cose che usano altri.

Dai, lo so che a flessibilità mentale non sei il massimo, ma cerca di capire che "strade, ponti e scuole" stava per "servizi e opere che lo stato fornisce ai cittadini".

Il ragionamento non regge lo stesso. Da sempre tutti pagano le tasse anche per cose a cui non sono minimamente interessati, o di cui non usufruiranno mai.
La solidarietà sociale è questo.
Mattia, io sono perfettamente calmo. Solo che volevo farti notare che sei tu che decidi quel 5x1000 a chi lo devi destinare, e se non lo decidi credo (se non sbaglio) se lo incameri lo stato. Da come la avevi messa tu (da ciò che avevi scritto) sembrava invece che lo stato desse COMUNQUE tali soldi. Ergo la mia domanda (provocatoria, lo ammetto) di abolire il 5x1000 per tutti. Come ha poi spiegato granmarfone infatti se tu non firmi il tuo 5x1000 se ne va nelle tasse comuni, se a te non sta bene che la spesa pubblica venga ripartita anche per chi se la merita ma non riceve nulla di solito continua a non firmare.
"Ehi, Stato, vorremmo 50.000 euro per andare nelle scuole di tutta Italia a spiegare che l'astrologia è una cazzata diseducativa e che nel 2012 non ci sarà la fine del mondo" e lo stato risponde "Certo, eccoli qua"
Magari fosse così ... pagherei le tasse più volentieri, invece è (quasi) il contrario lo stato paga Giacobbo e astrologi televisivi per dir cazzate in RAI.
Per Massimo M.

"Ehi, Stato, vorremmo 50.000 euro per andare nelle scuole di tutta Italia a spiegare che l'astrologia è una cazzata diseducativa e che nel 2012 non ci sarà la fine del mondo" e lo stato risponde "Certo, eccoli qua"

Magari fosse così ... pagherei le tasse più volentieri, invece è (quasi) il contrario lo stato paga Giacobbo e astrologi televisivi per dir cazzate in RAI.


Non proprio: gli astrologi, a quanto si sa, sulla tv pubblica ci vanno gratis. È una sconcezza lo stesso, perché ricevono pubblicità personale, e perché la tv di Stato alimenta la credulità popolare. Ma almeno non vengono sprecati soldi.

Formalmente Giacobbo è pagato dal canone di abbonamento e dalla pubblicità. Poi sappiamo che non è proprio così, quei soldi in Rai non bastano a coprire i buchi di bilancio, e quindi arriva anche il Tesoro.
Ho festeggiato il mio compleanno Venerdì 17. È stata la giornata migliore da parecchio tempo a questa parte. Al diavolo la superstizione! :-)
è esattamente quello che succede, perché il cicap alza la mano e dice di essere una organizzazione non lucrativa di utilità sociale e per questa utilità sociale lo stato le dà dei soldi che dovevano essere utilizzati per fare strade, ponti e scuole.

Hai usato un espediente retorico molto sottile, ma non attacca, Mattia. Hai detto "per fare strade, ponti e scuole". Non hai detto "per pagare gli stipendi ai parlamentari" o "per finanziare la stampa politica" o "per sovvenzionare gli enti inutili". Mi chiedo perché.

E mi chiedo il perché di questo accanimento contro il CICAP, che fino a prova contraria ha fatto molto di più per far crescere i cervelli in questo paese di quanto abbia fatto Roberto Giacobbo (che per il suo mestiere di spandi-scemenze è pure lautamente pagato in quanto vicedirettore Rai).
Dato che siamo passati alle finanze conviene ragionare sui numeri, anzi sui grandi numeri e tutto si ridimensiona.
E i numeri dicono che ciò che viene ripartito con il 5xmille è veramente pochissima cosa sul bilancio statale e praticamente nulla sottrae agli stanziamenti ordinari.
Prima cosa: il 5xmille non è riferito al complesso del bilancio statale ma solo alla percentuale che ogni cittadino può autonomamente indirizzare.
Infatti il bilancio di previsione di entrata delle imposte dirette (perché di queste e solo di queste si tratta) per il 2011 dovrebbe essere di 167 miliardi - il 5xmille sarebbero 835 milioni.
In effetti, salvo modifiche della finanziaria, la somma disponibile è di 100 milioni come già scritto, pari allo 0,6xmille effettivo, al massimo.
Pertanto che il Cicap o un ente di qualsiasi altra natura riceva ipoteticamente 3.280 oppure 47.635 euro, perché di somme di questo importo alla fine si tratterà, non vuole dire che siano state sottratte somme importanti destinabili a scopi più meritevoli.
Da considerare inoltre che l’entrata di maggior peso dell’erario è costituita da altre imposte, quelle indirette, IVA, accise, tributi, concessioni ecc. che aumentano notevolmente la somma totale a disposizione dello Stato.
Qui trovate il programma di venerd' 17 febbraio 2012
http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=274675