skip to main | skip to sidebar
1 commento

Allarme su Facebook: bambini usati come esche per stupri

Su Facebook gira questo annuncio:

"Qst msg è per le ragazze che vanno fuori casa, ufficio o scuola, da sole. Se trovate un bambino che piange sulla strada che vi mostra il suo indirizzo e chiede di essere accompagnato a quell'indirizzo, prendete il bambino e portatelo alla stazione di polizia e non a quell'indirizzo. Questo è un nuovo modo che hanno le gang per stuprare le ragazze. Copiate e incollate per la massima diffusione!!!"

Secondo quanto riportato da Urbanlegends.about.com, si tratta di un falso allarme che risale almeno al 2005 ed è diffuso in vari paesi (Singapore, Sud Africa, Stati Uniti, Malesia) in numerose varianti che attribuiscono l'allarme alle forze di polizia locali (che hanno ripetutamente smentito) o alle emittenti televisive CNN o Fox News.

In alcuni casi l'allarme è condito da vari dettagli fatti apposta per impressionare e indurre gli internauti a inoltrare il messaggio: per esempio, il campanello della casa corrispondente all'indirizzo è elettrificato e stordisce le vittime. Ma resta una bufala.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (1)
Ciao, volevo segnalare che a Vicenza è stato adottato uno stratagemma simile per rapinare una persona: una madre in cerca d'aiuto.

http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/446_vicenza/1050946_si_ferma_e_aiuta_una_madre_e_una_trappola_rapinato/