skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Antibufala: il video di Teresa Fidalgo, fantasma che causa incidenti

Al Disinformatico è arrivata da Aurora una segnalazione decisamente inquietante: una catena di Sant'Antonio che gira via SMS e social network e cita un nome: Teresa Fidago, Figaldo o Fidalgo.

La catena contiene un annuncio di questo genere: "Ciao, sono Teresa Fidalgo, oggi sono 26 anni che sono morta, se non mandi questo messaggio a 20 persone dormirò accanto a te stanotte PER SEMPRE se non ci credi cerca su Google il mio nome e vedrai."

Cercando questo nome su Internet si trova in effetti un video di un gruppo di ragazzi e ragazze che stanno viaggiando in auto, di notte, e si riprendono mentre chiacchierano del più e del meno.

A un certo punto vedono una ragazza sul ciglio della strada e si fermano per chiederle se ha bisogno un passaggio. La ragazza accetta, sale a bordo e il gruppo riparte. Dopo qualche minuto di conversazione, la ragazza indica un punto della strada e dice che è lì che è morta due anni prima. Poi si volta di scatto verso la telecamera gridando e mostrando il suo vero volto, spaventando tutti: l'auto ha un incidente che la fa cappottare, mentre la telecamera continua a riprendere.

Secondo alcune versioni della storia che accompagna il video, all'incidente sopravvisse solo David, il ragazzo che tiene la videocamera nel video. La ragazza sparì nel nulla e non fu ritrovata; inoltre la polizia confermò che in quel luogo (a Sintra, in Portogallo) due anni prima vi era stato davvero un incidente d'auto nel quale era perita una ragazza di nome Teresa Fidalgo.

Vi siete spaventati? Tranquilli: non è vero niente. Il video è in realtà una messinscena realizzata alcuni anni fa in stile Blair Witch Project, girata da un aspirante regista, David Rebordão, per farsi conoscere, diffondendolo inizialmente come se fosse autentico e poi rivelando l'inganno presso il suo sito Acurva.net.

Fonti: Focus.de, Strange World of Mystery, Socyberty, Snopes.com.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).