skip to main | skip to sidebar
14 commenti

Disinformatico, podcast del 2011/08/19

Pronto il podcast del Disinformatico


È disponibile temporaneamente sul sito della Rete Tre della RSI il podcast della scorsa puntata del Disinformatico radiofonico. Ecco i temi e i rispettivi articoli di supporto: keylogging degli smartphone tramite accelerometro, dicerie catastrofiste sulla cometa Elenin, furto di PIN Bancomat tramite telecamera termica, guida alla sicurezza di Facebook e videocatena di Sant'Antonio di Teresa Fidalgo, il fantasma che causa incidenti.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (14)
AHAHAHAH cos'è successo quando si è spento il microfono?
Alexandre,

oggi c'era un interruttore in regia (quello che comando io per parlare o per zittire il microfono in caso di emergenza tipo tosse, starnuto) che si commutava da solo senza toccarlo. Tutto qui. Però è stato divertente come solo una diretta può esserlo :-)
Manca il link del fantasma che provoca incidenti, Paolo! :)
No.. scusa Paolo. L'ho capito solo ora che il link c'era.
hehehehe... sentendo i commenti sulla cometa, pensavo fosse caduto addosso qualcosa a qualche interruttore.
Beh, siccome l'ascolto del Disinformatico è per me uno dei riti che definiscono l'inizio del weekend, saluti a tutti e grazie per fare uno dei 3 programmi radiofonici che mi fa voglia ascoltare :P
Per quanto riguarda il bancomat.
Secondo me una soluzione ancora più semplice di quelle che descrivi è ricordarsi, dopo aver concluso l'operazione, di toccare un po' tutti i tasti a caso, in modo da cancellare le "tracce di calore" lasciate digitando il pin. Un'operazione che porta via pochi secondi. Meglio ancora, si potrebbe adagiare tutto il palmo della mano sul tastierino numerico.
"alcuni scienziati russi hanno comunicato al Primo Ministro Medved di mettere in stato di allerta le Forze Armate"

Immagino che intendano Medvedev che è il presidente della federazione russa, il primo ministro è Putin.
Per marcov

"alcuni scienziati russi hanno comunicato al Primo Ministro Medved di mettere in stato di allerta le Forze Armate"

Immagino che intendano Medvedev che è il presidente della federazione russa, il primo ministro è Putin.


Eh sì! :-)

Si tratta di una perla di segnidalcielo. E si sa, chi passa la vita a scrutare il cielo per trovare ciò che vuole lui (il pianeta Nibiru, le scie chimiche), finisce per non vedere ciò che c'è in Terra.
in vacanza mai eh! :) ..per fortuna! :P
Curioso quello della telecamera termica. Però mi sorge un dubbio: Dal calore risalgono ai tasti schiacciati, ma come fanno a risalire alla sequenza di pressione? Sapendo le 5 cifre ci sono 120 disposizioni possibili e si hanno solo tre tentativi.
Non credo che le telecamere termiche siano cosi sensibili da permettere di distinguere differenze di calore di tre decimi di secondo.
p.s. non ho potuto ascoltare il podcast, forse c'è già la risposta lì.
Ciao Jekron,

se guardi la figura 3 dell'articolo originale http://www.usenix.org/events/woot11/tech/final_files/Mowery.pdf vedrai che in certi casi la sequenza e' perfettamente comprensibile con una telecamera termica. Non ho letto per intero l'articolo ma sembra che alcune persone su certe tastiere lascino una traccia termica molto piu' chiara di altre.

Conta che si usa una camera fissa, non una macchina fotografica, puntata direttamente sulla tastiera. Quindi si e' in grado di inquadrarla immediatamente dopo che il cliente ha tolto la mano. Bisogna poi usare un card skimmer (http://gizmodo.com/5453857/atm-card-skimmers-are-getting-frighteningly-sophisticated). Il costo di queste camere puo' essere elevato, 10-20000 USD.

saluti
pgc

p.s. a dire il vero le combinazioni possibili di 5 cifre sono 10^5=100.000, non 120, perche' si possono usare le stesse cifre nel codice, anche se forse un codice fatto di tutte cifre uguali non viene accettato dalle banche. Inoltre, in molti Paesi il codice e' fatto di 4 cifre, non di 5.
@pgc
Grazie, vado a vedere.
In merito alle disposizioni, rimaniamo al caso bancomat Italia, pin a 5 cifre (le carte di credito , anche in Italia, lo hanno a 4 cifre).
Se la telecamera vede 5 pulsanti "caldi" significa che il pin è di 5 cifre diverse e, pertanto, con quelle 5 cifre "calde" si possono fare 120 disposizioni. Se vedo 4 cifre ho una ripetizione e così via. Devo spulciare i miei appunti perchè non ricordo più come si calcolano le disposizioni.
Se non ricordo male in un videogioco della serie Splinter Cell veniva utilizzato il trucchetto della telecamera termica per vedere i tasti premuti.
Se non ricordo male in un videogioco della serie Splinter Cell veniva utilizzato il trucchetto della telecamera termica per vedere i tasti premuti.