skip to main | skip to sidebar
36 commenti

Se inquiniamo, ET ci distruggerà, “garantisce” la NASA

No, la NASA non ha detto che gli alieni ci distruggeranno perché inquiniamo


“Gli alieni potrebbero distruggere l'umanità per proteggere altre civiltà, dicono gli scienziati”: così ha titolato il Guardian, subito ripreso dal Giornale (“Uno studio targato NASA avverte l'umanità: se l'inquinamento cresce, aumentano le possibilità di un attacco alieno”, a firma di Alessandro Gnocchi, per fortuna con tono semiserio).

Serissima l'ANSA, che scrive che “ridurre le emissioni di gas serra potrebbe contribuire a salvare l'umanità da un attacco alieno: questa possibilità, è sostenuta da uno scienziato affiliato alla Nasa e i suoi colleghi della Pennsylvania State University”.
Più drastico è BlitzQuotidiano: “Scienziato Nasa: 'Gli alieni ci stermineranno'”. Flavio Vanetti, sul blog del Corriere, titola che “Gli alieni potrebbero distruggerci per proteggere altre civiltà”.

Tranquilli: la NASA non ha annunciato niente del genere. Il Guardian ha lanciato erroneamente la notizia attribuendola a un “rapporto per la NASA” (e ha fatto correttamente pubblica ammenda) e tutti gli altri hanno ripetuto a pappagallo.

In realtà il “rapporto” è un articolo pubblicato un paio di mesi fa su Acta Astronautica e scritto per divertimento da un gruppo di persone, una delle quali ha semplicemente un'affiliazione alla NASA, non è un dipendente dell'ente spaziale statunitense e non parla o scrive a nome della NASA. Il rapporto non è stato finanziato o sostenuto in alcun modo dalla NASA, che anzi ha pubblicato una smentita e linkato la spiegazione di uno degli autori, Shawn Domagal-Goldman.


L'articolo esaminava in via puramente ipotetica i vari possibili scenari di contatto con altre civiltà; fra i tanti scenari positivi e negativi c'era anche quello dell'intervento “ecologista” di ET, che è stato gonfiato oltre misura dal Guardian. Domagal-Goldman ammette di aver commesso l'errore di aver indicato, nell'articolo su Acta Astronautica, la propria affiliazione scrivendo “NASA Headquarters”: è formalmente corretta, visto che è la sua reale affiliazione, ma ha tratto in inganno i giornalisti dal sensazionalismo facile.

Questo articolo vi arriva grazie alla gentile donazione di “andrea.br*”.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (36)
Gatto. Dalek.
L'Economa Domestica
Ma nessuno si è accorto che sembra la trama di Ultimatum alla Terra?
Ma abbiamo davvero bisogno degli alieni per capire quello che non dovrebbe essere fatto?
Ma a nessuno è venuto in mente che quella degli alieni che ci distruggeranno se continuiamo ad inquinare è una trama del film "Ultimatum alla Terra"?
Sempre più convinto della bontà della mia scelta di non comprare più giornali di carta.
Auspico un attacco alieno che miri esclusivamente a rapire, studiare, sondare, analizzare brutalmente nelle maniere più impensate ed infine condizionare mentalmente ogni singolo "parolaio" terrestre che dobbiamo sorbirci come "giornalista".
Intendo coloro che svolgono il loro mestiere copiaincollando senza verificare le notizie, od inventandole di sana pianta, oppure lavorando dimenticandosi volutamente l'etica e la morale a casa.
Magari il giornalismo vero ci guadagna.
Il gatto "dalekato" è qualcosa di unico ((-:

PS-typo: "[...] scrive a nome della NASA. Il rapoorto non è stato finanziato o sostenuto[...]"
Ahahah, l'ho letto ieri sera sul Televideo, ho pensato fosse colpa dell'ondata di caldo...
[quote-"MFH"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/08/se-inquiniamo-et-ci-distruggera.html#c2310542974276180042"]
Ma nessuno si è accorto che sembra la trama di Ultimatum alla Terra?
[/quote]

Se è per questo è anche una storia di Paperino e Paperone degli anni '90...
Sempre stupende le foto dei gatti in questi post ;)
Paolo scusami, hai scritto:

'Serissima l'ANSA, che scrive' e poi hai messo questo link http://www.tuttosport.com/attualita/esteri/2011/08/20-140683/Stop+a+gas+serra,+o+alieni+ci+sterminano

Ma nn è l'ANSA, è tuttosport, e non ho visto riferimenti da li all'ANSA :-)
anzi ho fatto caso ora che l'articolo inzia con (ANSA).
Beh perà allora io scrivo un articolo su www.laterraepiatta.com e inizio con (ATTIVISSIMO) :-)
EX-TER-MEOW!!
Ok, sto zitto, l'ho trovato anche sul sito dell'ansa: http://www.ansa.it/web/notizie/collection/rubriche_mondo/08/20/visualizza_new.html_753688934.html
Paolo,
il link alla smentita mi porta su twitter. Capita solo a me o e' un errore?
ciao
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Se inquiniamo ci autodistruggiamo anche senza bisogno d'aiuto dall'esterno.
Il peggio nel comunicato ANSA è la virgola dopo il soggetto: "questa possibilità VIRGOLA".
Ma pork...!!
[quote-"MFH"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/08/se-inquiniamo-et-ci-distruggera.html#c2310542974276180042"]
Ma nessuno si è accorto che sembra la trama di Ultimatum alla Terra?
[/quote]
Infatti! Klaatu, Barada, Nikto! Comunque stupisce molto il fatto di come i giornali (e non solo!) a volte cadano facilmente, compiendo questi errori, senza controllare la fonte o senza fare controlli di alcun tipo.
Refuso sistemato, grazie!
Dubito che una civilta' possa sviluppare tecnologie come il vero viaggio nello spazio abbracciando una filosofia antiscientifica come l'ecologismo.
Molto piu' probabile che gli alieni siano espansionisti comunisti! =P
Lo avevo letto giusto stamattina quello di Vanetti, che per l'esattezza ha "un" blog del Corriere: Mistero Bufo. Altrimenti può sembrare che lui gestisce l'unico blog della testata.

Sarà interessante adesso vedere quanti pubblicheranno una smentita. Non che si sia creata una psicosi collettiva, ma si sa che le notizie non smentite sono destinate a diventare le prossime "prove" dei complottisti.
@Pietro

Ecologismo filosofia antiscientifica? Forse eccedi un po', anche se concordo che molti ecologisti fanno a pugni con la scienza per portare le loro idee. Ma l'ecologismo o ambientalismo non sono necessariamente antiscientifiche in sè.
Secondo Vanetti per Paolo semplicemente tutto è un complotto ... questo è quanto ha da dire riguardo questa "imprecisione"; cito il commento che mi ha scritto nel suo post:

"Postato da Flavio Vanetti | 21/08/2011
Ho il sospetto che per Attivissimo (senza nulla togliere alla qualità del suo impegno e al suo criterio di lavoro) tutto sia una bufala. Magari un giorno scoprirà... di esserlo a sua volta. Comunque: a) se stampate il pdf, sono 33 pagine; i buontemponi, allora, devono essere anche dei bei perditempo; b) il valore del tema di fondo, anche se dovesse essere derubricato rispetto alla qualifica di studio di una équipe universitaria, secondo me rimane: è uno dei tanti possibili spunti di riflessione sull'argomento "uomo-alieni" e merita di essere discusso. Non vedo il problema..."
Bellissimo il gatto col Dalek. LOL
[quote-"Giovanni Pili"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/08/se-inquiniamo-et-ci-distruggera.html#c5060972011553004974"]

"Postato da Flavio Vanetti | 21/08/2011
Ho il sospetto che per Attivissimo (senza nulla togliere alla qualità del suo impegno e al suo criterio di lavoro) tutto sia una bufala. Magari un giorno scoprirà... di esserlo a sua volta. Comunque: a) se stampate il pdf, sono 33 pagine; i buontemponi, allora, devono essere anche dei bei perditempo; b) il valore del tema di fondo, anche se dovesse essere derubricato rispetto alla qualifica di studio di una équipe universitaria, secondo me rimane: è uno dei tanti possibili spunti di riflessione sull'argomento "uomo-alieni" e merita di essere discusso. Non vedo il problema..."
[/quote]
Stupendo, davvero stupendo.
Quindi secondo il suo ragionamento sarebbe accettabile che io mi inventi di sana pianta una storia su delle piante assassine provenienti da Marte perché indignate della nostra cattiveria verso gli alberi visto che comunque si tratta di un tema "giusto".
Prevedibile ovviamente la solita battutina verso Paolo intesa a screditare il fatto reale e ineluttabile: classico.
TommasoDS
E' stupendo anche il fatto che si preferisca insinuare l'inattendibilità della fonte, a prescindere dal contenuto della stessa, ch'è praticamente difficile da catalogare come mera interpretazione.
@Pietro e Matz

Penso sia cosa buona e giusta fissare un punto fondamentale, prima che nasca una diatriba inutile: è tecnicamente sbagliato definire scientifico o anti-scientifico l'ecologismo, in quanto esso non è una teoria ben definita, ognuno la pensa un po' come vuole a riguardo.
A parte il fatto che in molti si sono accorti che hanno ripreso paro paro la trama di Ultimatum alla Terra (con la variatene che ci distruggerebbero perché pericolosi per altre civiltà e non per puro spirito ecologista, anche loro si sono resi conto che le motivazioni aliene erano un tantino inverosimili o da veri psicopatici.

A parte che come fatto rilevare da altri: Se ci autodistruggiamo, che bisogno avrebbero di farlo loro e sopratutto auto-distruggendoci come potremmo arrecare danno ad altre civiltà?

Ma alla fine di che diavolo di alieni stanno parlando? Sono in contatto con loro? Riescono a comunicarci? Non potrebbero semplicemente dirgli di farsi gli affari loro, visto che magari nel loro pianeta per quel che ne sappiamo possono respirare anche metano o vapori di zolfo?
@Impe

Infatti Pietro ha parlato di "filosofia" e non di "teoria". E una filosofia può essere anti-scientfica. L'ecologismo lo è? Secondo me, no, lo sono suoi ampi settori ma non tutto l'ecologismo.
@ Matz
Eh, il caldo mi stimola alla trollata... ma quest'alieno e' una contraddizione logica.
Da qui, divago.

L'ecologismo non e' una scienza, e' un movimento. La scienza e' l'ecologia.
Fin qui siamo tutti d'accordo.
La posizione dell'ecologismo riguardo alla scienza e' mutevole e spesso contraddittoria, e quindi antiscientifica (prendere arbitrariamente solo alcune cose dalla scienza, e' antiscienza).
Del resto la decisione dell'alieno di distruggerci sarebbe politica, non scientifica (la scienza interagisce il minimo, e solo per studiare).

L'ecologia e' certamente una scienza e, pur non essendo legata alla tecnologia (come invece e' l'astronautica), non credo che abbia niente in contro di essa.

Invece l'ecologismo e' per l'uso e lo sviluppo di sole tecnologie approvate politicamente.
L'ecologista puro (non quello che fa calcoli costi/benefici, che naturalmente esiste e spesso e' un nuclearista) non vuole che si usino razzoni per sparare plutonio in cielo (sonde Voyager).
Certo gli ecologisti di Greenpeace che ho conosciuto sono "a favore" dell'esplorazione spaziale, ma solo se fatta con "altre tecnologie" che ovviamente non esistono. E che nessuno sviluppera', se intanto non gli e' permesso di usare lo stato dell'arte attuale.

E cosi' sarebbe per l'alieno! La politica ecologista di nichilismo autocastrante non gli avrebbe permesso di raggiungerci (anche se, una volta raggiuntici, giustificherebbe la nostra distruzione, che dovrebbe pero' essere culturale e non violenta fisicamente), a meno di non essere cosi' fanatici da accettare di inquinare loro per impedire di farlo noi... come fa Al Gore col suo jet, in effetti :)

L'alieno potrebbe distruggere per primi gli "scettici" del HGW (simpaticamente detti "negazionisti")... andate a spiegargli che invece lo scetticismo anticomplottista e' tutta un'altra cosa.... sempre che invece non sia la stessa cosa, data la tendenza ecologista a credere a complotti di tutti i tipi (Eolo e Biowashball sono 100% ecologisti).

@Impe
Sono d'accordo con te sul fatto che ognuno la pensi come vuole, ma il punto fondamentale che fissi mi pare sbagliato. E mi lancio lo stesso sull'analisi dei motivi che ha l'alieno! =P
Forse quest'alieno e' un troll che frigge nel caldo milanese...
Saluti a tutti!
@Pietro

Mettiamola così: la preoccupazione per la salvaguardia dell'ambiente è una preoccupazione anti-scientifica o no?
Lascia stare che ampi settori del movimento ecologista siano guidati più dall'ideologia che dal ragionamento scientifico, l'ecologismo è qualcosa di più ampio. Se dici che è anti-scientifico sembra quasi che non dobbiamo affatto preoccuparci per l'ambiente.

E' questo quello che volevi dire?
@Pietro

Secondo me l'errore che commetti è che continui a parlare di "ecologismo" come se fosse qualcosa di ben definito, mentre così non è: in altre parole, sapresti indicare cosa afferma esattamente la filosofia ecologista? Quali princìpi ne sono alla base? Esiste una formulazione unificata della filosofia ecologista?
Mettiamola così: secondo me, sarebbe più corretto parlare di "affermazioni ecologiste", slegandole da una categoria più generale: a questo punto, ogni singola affermazione deve essere analizzata in modo scientifico.
Poi sia chiaro, io sono il primo a dar contro a certi ecologisti militanti, però mi sembra giusto cercare di chiarire le cose prima che la situazione degeneri.

@Matz

La tua domanda non ha molto senso: la scienza non dice cosa è giusto e cosa è sbagliato, dice solo se una cosa è possibile o meno, oltre a dare gli strumenti per capire come sia possibile. La scienza ti può aiutare a capire i danni (cosiccome i vantaggi) che potrebbero derivare dalla modifica di un certo ambiente pre-esistente, e nulla più.
Preoccuparsi per l'ambiente non è scientifico, e non è anti-scientifico: è semplicemente non scientifico, nel senso che non è di competenza della scienza rispondere a questa domanda.
[quote-"Paolo"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/08/se-inquiniamo-et-ci-distruggera.html#c2651175070881414767"]Sempre più convinto della bontà della mia scelta di non comprare più giornali di carta. [/quote]

Lo dici come se quelli online fossero affidabilissimi: sfortunatamente la notizia è partita dall'edizione online del Guardian (che ha ammesso di aver preso una cantonata e corretto, come giusto). Certo sull'edizione cartacea non puoi correggere, ma son proprio le edizioni online di Repubblica, Corriere e La Stampa ad essere, talvolta, un florilegio di baggianate.

Non è questione di giornali online vs giornali tradizionali, è questione di giornalisti seri vs mangiapane a ufo (appunto! :p)
Premetto che ho capito; l'Alieno Ecologista Sterminatore non e' Al Gore ma un Beppe Grillo romulano.

@ Matz
Non intendevo affatto che non serva preoccuparsi dell'ambiente, anzi!
Ritengo che la non scientificita' dell'ecologismo sia un problema per chi si preoccupa per l'ambiente senza gli occhiali verdi. Ci sono diversi casi di scelte ecologiste non ecologiche, la prima che i milanesi conoscono bene e' Ecopass (link al mio blog milanese, di NON esperto su Ecopass).
Quindi sulla preoccupazione per l'ambiente sono con te! Anche se condivido quello che dice Impe, la scienza deve limitarsi a capire il piu' possibile di nessi causa-effetto (e riconoscere quando non capisce), indagare etc etc... ma senza prendere decisioni. Un governo di scienziati sarebbe un governo di osservatori.

@ Impe
Visto che mi sembra siamo bravi e non degeneriamo, obietto.
Naturalmente una formulazione precisa dell'Ecologismo come movimento non credo sia mai stata fatta. Cosi' come non c'e' una "guida ufficiale" dei movimenti politici/religiosi in genere. E infatti ecco fiorire ovunque, nella galassia ma anche fuori, diverse correnti interne e movimenti borderline di ogni filosofia umana e aliena.
Esiste pero' una bibliografia di riferimento dell'Ecologismo (terrestre). Il primo libro cui ho visto fare riferimento, nell'analizzare le origini dell'Ecologismo moderno, e' Silent Spring di Rachel Carson, del 1962 (figli dei fiori e principio di precauzione sono un pessimo mix), libro fondamentale per bandire il DDT (l'Africa ringrazia ancora oggi) e dopo il quale nacque Greenpeace. Non l'ho letto, come non ho letto Marx o Hitler. Ho provato con Popper (l'autore, non la pasticca), ma ragazzi che botta!
Pietro

"L'ecologista puro (non quello che fa calcoli costi/benefici, che naturalmente esiste e spesso e' un nuclearista)"

Quante Chernobyl, Three Miles Island, Fukushima ci servono per capire che forse no, non siamo proprio capaci di gestire l’energia atomica?

A parte ciò, l’uranio è una fonte energetica esauribile, e già questo mi sembra un grosso problema da digerire per un convinto ecologista.

Inoltre, direi che i residui della fissione - radioattivi per tempi lunghissimi - rappresentano già di per se stessi una tale sciagura per l’ambiente che difficilmente l’energia atomica potrà mai essere classificata come una risorsa “verde”.

Se poi il ragionamento è: eolico e solare non ci basteranno mai, qualcosa dovremo pur “bruciare”, allora va bene. Ma l’uranio non può evidentemente essere un’alternativa ecologica ai combustibili fossili. Economica forse, ma ho seri dubbi al riguardo. Ecologica davvero no.