skip to main | skip to sidebar
17 commenti

Antibufala: il “mostro marino” scozzese

Mostro marino in Scozia? È solo un globicefalo decomposto


Una lettrice, Cristina, mi segnala questa notizia: “Enorme, verdastro, dalle sembianze di un essere preistorico. Un animale mai visto precedentemente è stato ritrovato su una spiaggia scozzese. Morto. Gli esperti brancolano ancora nel buio nell'identificazione della razza”.

Inizia così l'articolo di Affaritaliani.it, a firma di Fabio Arrigoni, sul “mostro marino” che sarebbe stato trovato in Scozia. La stessa notizia è riportata un po' meno drammaticamente da Express-news.it, che parla di “mostro marino” ma inizia a chiarire che gli esperti non brancolano affatto nel buio.

Infatti basta immettere in Google News i nomi dei protagonisti della scoperta, Margaret e Nick Flippence, per scoprire che la notizia è vecchiotta: risale al 20 luglio e proviene dal Daily Mail e dal Sun britannici, secondo i quali iIl “mostro” sarebbe lungo 30 piedi (circa nove metri). Inoltre il ritrovamento in sé è ancora più vecchio di queste notizie iniziali e la creatura era già stata esaminata dagli esperti, che non vi avevano trovato niente di speciale.

Stv.tv, infatti, riferisce che la carcassa era già stata segnalata a maggio scorso, quando era stata “esaminata dal Dott. Andrew Brownlow dello Scottish Agricultural College, che l'aveva identificata come un giovane esemplare di globicefalo [pilot whale in originale] [...] Quando era stata segnalata inizialmente, la carcassa giaceva in una posizione differente e aveva ancora la mascella. Da allora si è decomposta ulteriormente e la marea l'ha rovesciata sul dorso. La mascella è stata trascinata via dall'acqua, scoprendo il palato duro del globicefalo e facendo pensare alla gente che si tratti della carcassa di una creatura preistorica misteriosa”.

Niente mostro marino, insomma: solo qualche giornalista che non sa resistere alla tentazione di fare sensazione con poca fatica. Per gli appassionati di animali misteriosi, segnalo invece Cryptomundo, sito meno sensazionalista ma molto interessante e interamente dedicato a questo genere di ritrovamenti. È molto educativo per evitare di abboccare alle sparate dei giornalisti a caccia di click facili e per evitare che un globicefalo vi faccia fare la figura del fallocefalo.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (17)
Mi permetto, sperando che non sia considerabile come spam, in qual caso me ne scuso, di segnalare due miei articoli sull'argomento "strane carcasse di mostri marini e plausibili attribuzioni zoologiche":

http://tinyurl.com/5w66os6
http://tinyurl.com/5uftfev
Fallocefalo?????
ROTFL!!!!!
Non so come fosse il giornalismo prima, ma ora ci sono migliaia di persone che si improvvisano giornalisti o soprattutto pubblicisti scopiazzando qua e là articolo di vario genere e ricomponendoli insieme per alcune "testate" on line. Una mia conoscente lo fa e cerca di tirarci fuori un po' di guadagno. Però se quello è giornalismo (tralasciando gli errori che talvolta le correggo come passatempo), io sono bello come Alain Delon. :)
Piccolo refuso sul link AffariItaliani...
Ma già l'intonazione dell'articolo denota a quale pubblico sia destinata l'informazione: pubblico ignorante.

Giornalisti che brancolano nel buio, altro che esperti.
È ovvio che da una carcassa decomposta si può vedere di tutto, se si chiedesse prima ad un esperto non si cadrebbe in questo tipo di errori.
Refuso sistemato, grazie.
E dire che di vere nuove specie scoperte ce ne sono tantissime tanto che esistono pure le "top ten"!

Quanti articoli seri, e molto più senzazionali a perer mio, si potrebbero scrivere se certi giornalisti partissero dalle fonti giuste?
Che pena... (scuoto la testa sconsolato)

Grazie per aver smontato questa ennesima bufala!!! :-)
@ Lorenzo

Solo per curiosità, ma non è che in passato hai bazzicato un newsgroup su star wars?
Per la criptozoologia seria segnalo anche questo link:
http://www.criptozoo.com/
È come il cervo (il giornalista) che dà del cornuto al cane (l'esperto, Dr. Brownlow).
"Fallocefalo"... bellissima!
Te la copierò... :-)
Come mai non hanno provveduto a rimuovere la carcassa dopo la prima analisi?
"Una coppia di coniugi scozzesi sono rimasti"

A parer mio hanno violentato anche la lingua italiana. Questa frase ha un suono davvero orribile, altro che mostro marino.
Che sia una deviazione genetica?

Mi riferisco al giornalista, non al paffuto cetaceo.
La notizia risale alla metà di Luglio. Avevo scritto anche io qualcosa a riguardo e ora posso essere certo che si tratti proprio di una pilot whale e non di un Grongo o, peggio ancora, un essere preistorico.