skip to main | skip to sidebar
398 commenti (ultimi)

Complottisti senza pudore

Nel giorno della commemorazione i complottisti non hanno il buon gusto di tacere


Uno dei coautori del blog Undicisettembre, John, è stato a New York di recente e ha scritto un toccante resoconto di una città che non dimentica ma guarda avanti, che commemora e ricostruisce. Di complottisti, proprio là dove gli eventi sono accaduti, manco l'ombra.

Dalle nostre parti, invece, non è stato zitto chi poteva cogliere l'occasione per tacere almeno per un giorno e rispettare il dramma di chi ha perso i propri cari negli attentati. A Vigevano, oggi, Tom Bosco, Massimo Mazzucco, Maurizio Blondet, Pino Cabras, Giorgio Iacuzzo e Flavio Oreglio chiedono ben 15 euro a testa per sentirli infangare per l'ennesima volta la memoria dei vigili del fuoco di New York.

Sì, infangare: perché i vigili del fuoco della città ferita sarebbero, secondo costoro, così cretini da non accorgersi che le Torri Gemelle sarebbero state distrutte con gli esplosivi o con la termite o con le microonde. O, peggio ancora, sarebbero stati corrotti per tacere. Ci sarebbe da parlare, poi, di quel ricorrente interesse di Blondet per gli ebrei che emerge dai suoi scritti.

Per chi si meraviglia del patrocinio dato dal comune di Vigevano a questa pantomima, c'è un primo chiarimento da parte di uno degli assessori, che se ne chiama fuori. Inoltre, secondo almeno due fonti, il patrocinio sarebbe stato ottenuto da Bosco e colleghi con l'inganno. I “ricercatori della verità”, a quanto mi risulta, l'avrebbero chiesto annunciando un convegno su UFO e cure alternative, di cui poi hanno cambiato il titolo.

Se qualcuno vuole farsi avanti e fare chiarezza, sono a disposizione. Ma non oggi. Oggi è giorno di silenzio e commemorazione.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (398)
Spero per Flavio Oreglio che anche lui sia vittima di un'inganno... secondo me non si è reso conto di chi lo ha invitato.
Fossi uno dei responsabili del comune non affiancherei il simbolo della città nemmeno agli UFO e alle cure alternative, quindi...
Comunque è un'oscenità che certa gente continui a lucrare sopra i morti.
@Oggi è giorno di silenzio e commemorazione.

Per essere un giorno di silenzio hai scritto anche troppo :P
Giulietto Chiesa su Rainews ha parlato di "presunti dirottamenti", delle 7 scatole nere su 8 che non si sono trovate, ha detto che 2 terroristi sono stati ospitati a casa di un agente dell'FBI e ha detto che l'11 settembre è un "colpo di stato mondiale" fatto per rimandare di 7 anni la crisi economica attuale. Tutto questo mentre pubblicizzava il suo libro e mentre il giornalista di Rainews lo spalleggiava sostenendo che questi sono "fatti" non opinioni. Mi associo al no comment.
Che vergogna!
Mancanza di rispetto, imbrogli e truffe ad ogni livello (titolo cambiato e biglietto di 15e!!!!!!!!!!!!!)
Che schifo!!!
Ci sono anche "giornalisti" (se così si possono definire) che se ne escono con periodi del genere
"Per tutta la vita ho sognato che bombardassero New York e non posso essere così disonesto con me stesso e con i lettori da negarlo ora che il fatto è avvenuto. Eppure ho provato anch'io un instintivo orrore per quella carneficina, per quello sventolar di fazzoletti bianchi, per quegli uomini e quelle donne che si buttavano dal centesimo piano. E allora?"
Link all'articolo originale
http://www.massimofini.it/articoli/la-ritualita-dell-11-settembre

Io credo che ci sia qualcosa di sbagliato, perché pensare che gli USA siano perfetti è una cavolata, ma prendersela con un paese a prescindere è altrettanto sbagliato e porta a scrivere cose di cui sopra!
chiedono ben 15 euro a testa (per) un convegno su UFO e cure alternative, di cui poi hanno cambiato il titolo
Chiamali scemi.

meraviglia del patrocinio dato dal comune di Vigevano a questa pantomima.
Chiamali scemi.

L'intonazione è tutto, nella vita.
Oggi bisognerebbe solo ricordare tutto quello che è successo proprio 10 anni fa, perché al netto di tutto (demolizioni controllate, missile al Pentagono e quant'altro), sono morte quasi 3000 persone da commemorare. Di tutto il resto se ne può discutere un altro giorno e Paolo ha fatto bene a evidenziarlo.
Guarda, onestamente il fatto che sparlino persino oggi senza benche minimo rispetto non mi sorprende affatto, anzi.
Fortuna vuole che abbiamo la facoltà di ignorarli e commemorare questa giornata con più dignità.
Già... ti segnalo la festa dell'Unita di Bologna che ospita "the conspiracy night": http://www.flashvideo.it/eventi/evento/id-16145/day-2011-09-02/

Ti segnalo l'evento di ieri così presentato:
"SABATO 10 SETTEMBRE, ore 22.00
ZERO - INCHIESTA SULL'11 SETTEMBRE di Giulietto Chiesa (Italy, 2009). Nella notte che precede il decennale dell'11/09, come si fa a non occuparsi dell'argomento? Fra i tantissimi documentari "cospirazionisti" sull'11 settembre, questo di Giulietto Chiesa spicca in quanto a rigore giornalistico: fonti chiare, testimonianze dirette, dati concreti. (Come si suol dire: fatti, non pugnette.)"

Tornando a quanto segnali tu... Si bene... UFO... e dare il patrocinio a quattro scoppiati che parlano di UFO non è comunque una pirlata?
Blondet siamo tutti chi sia: un fondamentalismo cattolico e antisemita che guarda al terrorismo islamico con simpatia.

A me fa schifo persino nominarlo.
"John, è stato a New York di recente e ha scritto un toccante resoconto"

La mia compagna e' americana, della Pennsylvania.
Oggi aveva le lacrime agli occhi.
Abbiamo esposto la bandiera americana.
Su Facebook mi stanno facendo venire la nausea con le ipotesi complottiste, pubblico, pubblico, e pubblico il blog di Paolo ma è come se parlassi con un muro.
Vabbè avercela con gli americani, che manco a me stanno simpaticissimi, ma lucrare sulla pelle di migliaia e migliaia di poveri cristi mi pare troppo.
-.-"
Spezzo una lancia in favore di Massimo Fini (di cui non condivido tutte le idee) il quale non nega la natura reale degli attentati, ma si limita a fare una analisi sociale e politica. Legittimo non condividerla, ma non c'entra niente con il complottismo 11settembrino.

Devo dire, anzi, che condivido la sua critica. Inoltre non metterei la mano sul fuco riguardo la possibilità, che ci siano molti parenti delle vittime che sottoscriverebbero quanto ha scritto.

Onore ai vigili del fuoco che sono morti per salvare più persone possibili durante quella tragedia. So che molti non erano nemmeno in servizio e non erano tenuti ad intervenire. Potevano lasciare che intervenissero i colleghi di turno. Non lo hanno fatto.
come direbbe il buon Pino Scotto: datevi fuoco.
[OT]

Paolo, mi sa che ti è caduta la spalla a destra del blog. E' finita in basso sotto i commenti. Probabilmente una div non chiusa.

Scusate l'OT, eliminate pure il commento.

[/OT]
Voglio solo far notare, allacciandomi all'articolo indegno scritto da Massimo Fini, che anche un certo filosofo (Jean Baudrillard) che mi esimo dal commentare, scrisse dopo gli attentati:

"che l'abbiamo sognato quell'evento, che tutti senza eccezioni l'abbiamo sognato - perchè nessuno può non sognare la distruzione di una potenza, una qualsiasi, che sia diventata tanto egemone - è cosa inaccettabile per la coscienza morale dell'Occidente, eppure è stato fatto, un fatto che si misura appunto attraverso la violenza patetica di tutti i discorsi che vorrebbero cancellarlo"

vi sembra sensato?
Giustamente per dare più credibilità alle proprie teorie è necessario cercare validi testimonial. Tecnici di riconosciuta autorevolezza? Professori e studiosi dei settori coinvolti? Ma no, gente di spettacolo! Dario Fo prima e Flavio Oreglio ora. Che non si rendono conto della pessima pubblicità che si fanno
"Oggi è giorno di silenzio e commemorazione." in chiusura di post è una delle cose più ridicole che tu potessi scrivere lo dico proprio da esterno a 'sta faccenda.
Io mi sto meravigliando anche della maggioranza di chi commenta sul Fatto Quotidiano gli articoli su questo tema. Com'è possibile che, a 10 anni di distanza, ci sia tutta questa gente, che ripete ancora a pappagallo le stupidaggini senza senso ed infondate, che vengono strombazzate dai ciarlatani? Sono cose già smontate da anni, ripetutamente, con tanto di evidenze. Davvero la maggior parte della gente è così boccalona? O sono solo i lettori del FQ? Oppure sono quelli che fanno più chiasso e gli altri ormai, dopo 10 anni si sono stufati di smontare i soliti deliri? In ogni caso, non posso fare a meno di sollevare un sopracciglio.
Un patrocinio su UFO e cure alternative?
Passi sugli UFO, argomento divertente e innocuo, ma un'amministrazione comunale dovrebbe pensarci 10 volte a patrocinare un convegno sulle cure alternative e se fosse venuto Simoncini a parlare di bicarbonato? Ci sarebbe da tirare un sospiro di sollievo per la presenza di Bosco e Mazzucco.
Purtroppo questo è il risvolto della medaglia della democrazia; uno come Giulietto Chiesa è libero di lucrare scrivendo panzanate spacciandole per giornalismo d'inchiesta; ma mi mi fa pià arrabbiare il suo nutrito seguito, persone banali, orbe o con la coscienza sporca che preferiscono fare di tutta un'erba un fascio: dalla politica corrotta al complottismo. Mi unisco al coro unanime di cordoglio per le persone che non ci sono più.
Suvvia, si sa che i pompieri sopravvissuti si son fatti iniettare il cancro ai polmoni e alla gola per perpetuare la farsa del "vero attentato", no?

Incredibilmente oggi, fino a 20 minuti fa, son riuscito a stare fuori da ogni discussione complottarda (complice anche il campionato di calcio), ma poco fa non ce l'ho fatta e ho dovuto commentare lo status di un mio amico complottista. E domani a lavoro mi tocca il mio collega che crede ai rettiliani, le scie chimiche e il 2012...
"






"
Secondo me il buon Paolo si è talmente tirato dentro questa querelle da aver preso il peggio dai suoi avversari. I vigili del fuoco sono stati degli eroi e delle vittime, a prescindere da come siano andati i fatti. Se c'è una cosa che i complottisti d'accatto avviliscono è proprio la verità che io personalmente stento a credere sia del tutto aderente alle versioni ufficiali. No, non parlo di strane e macchinose teorie, parlo di connivenze, superficialità gestionali, colpevoli e forse volute reticenze nella gestione di alcuni collaboratori "sospetti" della CIA. Ecco, mettersi in trincea solamente perché dall'altra parte ci sono degli imbecilli che scavano delle trincee, questo mi sembra un atteggiamento che fa torto all'intelligenza di chi lo assume. Cordialmente.
Il disgusto è l'unica reazione.
1941: Pearl Harbor per entrare nella seconda guerra mondiale
1964: Golfo del Tonchino per il Vietnam
2001: New-York per Irak e Afganistan
Sono aperte le scommesse su cosa si inventeranno per attaccare l’Iran…
http://www.nexusedizioni.it/apri/NEXUS-Eventi/Eventi-da-non-perdere/11-Settembre-2001---2011/

pagina online dal 12 luglio scorso...
sarebbe bello se la stessa commemorazione venisse operata anche a favore dei morti in Somalia e in altre parti del mondo ma --ops.. quelli sono di colore non sono mica occidentali come noi..
"a quanto mi risulta, l'avrebbero chiesto annunciando un convegno su UFO e cure alternative,"
Ah allora cambia tutto...
Incredibile...fa tristemente ridere la loro sfrontatezza..quasi quanta quella di Italia 1 che dopo aver fatto un memoriale manda in onda Mistero che parte subito con le tesi di complotto.

Siamo proprio italiani.
Bello l'articolo di John. Scritto bene, a differenza (ad es.) di quello di Fini. E parlo da lettore che acquista praticamente ogni giorno il Fatto.
ti è caduta la spalla a destra del blog

Visto, sistemato, grazie.
in chiusura di post è una delle cose più ridicole che tu potessi scrivere lo dico proprio da esterno a 'sta faccenda.

Spero tu sia così critico anche nei confronti dei vari complottisti che stanno berciando sulle reti TV e sui giornali in questo giorno.
Mi giunge notizia di un altro sciacallaggio in atto su Italia1
avevo commentato l'articolo di paolo col silenzio, che mi sembrava la cosa più giusta.
Ma leggendo per l'ennesima volta commenti come quello di themoga e di Dio (mi toccherà essere blasfemo) mi viene un propotente commento ....

T***E DI ++++ !!!

Scusa Paolo..niente insulti,lo so...ma quanno ce vò, ce vò...!
Mocassino,


il buon Paolo si è talmente tirato dentro questa querelle da aver preso il peggio dai suoi avversari.

Davvero? Mi hai mai visto insultare qualcuno di loro? Raccontare balle senza senso? Rifiutare il confronto in un dibattito faccia a faccia?


io personalmente stento a credere sia del tutto aderente alle versioni ufficiali.

Non ho mai detto che lo sia. Ma i fatti di base sono assodati dalle perizie tecniche, non da una "versione ufficiale".


mettersi in trincea solamente perché dall'altra parte ci sono degli imbecilli che scavano delle trincee, questo mi sembra un atteggiamento che fa torto all'intelligenza di chi lo assume

Da parte mia non c'è nessuna trincea. La trincea implica un nemico e un odio verso quel nemico. Io non odio nessuno. Semplicemente trovo pericolosa la stupidità e nel mio tempo libero mi do da fare per contenerne il dilagare. Tutto qui.

Confronta questo con l'accanimento ossessivo di alcuni cospirazionisti nei miei confronti.
Themoga,

Sono aperte le scommesse su cosa si inventeranno per attaccare l’Iran…

Sono aperte le scommesse su quale sarà il commento più inutilmente istigatore d'odio del thread.
Dio,

quelli sono di colore non sono mica occidentali come noi..

Vero. Non sprecano la propria esistenza a postare luoghi comuni bacati.
Stupor Mundi,

Ho dovuto respingere il tuo commento per via della lunghissima parola senza spazi. Spezzala e verrà pubblicato.
Kra, anche tu, forse, avresti potuto astenerti dal commentare.

Comunque, a me fa veramente ribrezzo che ci sia gente che lucra su una tragedia del genere. Si, lucra: vende libri, DVD, fa conferenze con ingresso a pagamento e ha il coraggio di dire che "gli attentati son stati fatti per avere dei ritorni economici". E i loro, di ritorni economici, dove li mettiamo? Non credo proprio che Chiesa sia andato a Sky gratis (anche se, conoscendo la linea editoriale della Rete, non mi stupirebbe più di tanto).
Stendiamo un velo pietoso (mai abbastanza opaco) su Blondet e sulle bagg... ehm dichiarazioni.

PS: Paolo potresti segnalare sull'altro thread quando aggiungi dei video della tua "conferenza" alla playlist?
@ themoga

Non c'è bisogno che gli americani si inventino qualcosa per attaccare l'Iran. Ci penserai tu per loro a inventarti una spiegazione se dovesse accadere.
Che gente che bazzica questa discussione. Gente come Dio o Mocassino o quell'altro che ancora crede alle panzane complottiste.
Anche io noto con tristezza molte persone che oggi hanno continuanto a sproloquiare e linkare su facebook documentari come In Plane Site e quelli di Mazzucco. Ricordo distintamente di aver consigliato a una di queste persone lo scorso anno il blog di Paolo. E allora cosa puoi fare? C'è gente che ci gode a pensare siano stati gli americani. Gente che puoi metterli davanti tutte le prove ed evidenze ma mai cederà. Ieri riguardavo Ipotesi di complotto su N Geographic, con Griffin, Cage o Gage non ricordo ora il cognome che davanti a tutte le prove con tanto di simulazioni riuscivano a dire " ma questo non prova, questo è fatto male, avete speso tanto e noi vi diciamo che non va bene"
Si ma mi chiedo chi siano queste persone per poter dire che non va bene. Uno è il famoso teologo che ha scritto almeno 5 se non 6 libri sulla presunta cospirazione.
Io resto sempre più allibito, ogni anno che passo. Ogni giorno che passa.
Ma poi caro Dio, che c'entra il colore della pelle? Penso che nelle torri fossero presenti tutte le razze possibili, tutte le religioni e vieni a sparare queste idiozie sul fatto che non si fanno le manifestazioni per i morti somali? Che personaggio triste che sei per carità
segnalo che in edicola potete trovare in allegato all'espresso la trilogia di giulietto chiesa (zero più altre due stronzate di cui non ricordo il nome)!!! NON LASCIATEVELA SFUGGIRE
Paolo potresti segnalare sull'altro thread quando aggiungi dei video della tua "conferenza" alla playlist?

Volevo segnalarlo domani, ma provvedo subito.
Per quanto riguarda gli articoli di Massimo Fini e la citazione del filosofo francese non posso che sostenere la "giustezza" dei loro articoli. È un'idea, un pensiero, condivisibile o meno, che nulla ha di simile ai complottismi undicisettembrini.


Oggi ho letto qualche "bel" (per quanto si possano definire belli articoli su questo tema) articolo, che mi permetto di linkare:
Sulle conseguenze mediche (medbunker):
http://tinyurl.com/628cyxe

Sulla foto del "Falling Man" (ilPost.it):
http://tinyurl.com/6y3ld5q
Frankbat,

ho respinto il tuo commento. Niente insulti personali, neanche ai complottisti.
Ivabellini,

ho respinto il tuo commento perché è un'offesa gratuita ai vigili del fuoco di New York. Non sono così stupidi da non distinguere un crollo da una demolizione intenzionale.
pn404: non credo sia questione di essere boccaloni. Il problema è che i siti tendono ad essere autoreferenziali ed a creare comunità chiuse.
Come un giornale cartaceo tende ad avere lettori che ne condividono concetti e linea editoriale, anche un sito tende a costruirsi un proprio "zoccolo duro" di lettori. La differenza è che siccome il sito è interattivo, i lettori si sentono in dovere di dire la propria, che (anche per un puro motivo statitstico) segue in gran parte la linea editoriale del giornale. Il Fatto Quotidiano poi, magari perchè nasce come testata online, purtroppo attrae un tipo di pubblico (purtroppo molto "rumoroso" in Rete) su cui queste bagg... ehm cose sgli Americani cattivi, le multinazionali assassine, i servizi segreti deviati, lo Stato oppressore eccetera eccetera hanno molta presa.
E su "Mistero" il buon Adam Kadmon straparla e sparge il solito letame dei complottisti, con tante insinuazioni ed imprecisioni... Senza fornire prove e senza "contraddittorio"... Che vergogna!
domandatevi piuttosto come mai c'era una congiunzione planetaria quando le torri sono cadute...
Purtroppo gente online (si vedono troppo su Facebook) che ancora credono a dei complotti, o che fanno dei distinguo "Va bene piangere per questa tragedia, ma perchè non piangere per le altre" ce ne è un sacco.

Ai primi ci pensano quelli come Paolo (ci vorrebbe una statua), ai secondi...secondo me sono ancora più ipocriti. Andate, piangete ogni giorno per le morti che ci sono nel mondo e fate qualcosa, non commentate sarcasticamente le altrui tragedie.
Paolo toglimi una curiosità ma questo post è per commemorare l'11 settembre o per lanciare macumbe e anatemi contro tutti quelli che non pensano che gli Stati Uniti d'America non siano il più grande Paese dell'universo conosciuto?
anche tu ti allinei a quelli che scrivono che la più antica civiltà comparsa su questa Terra è stata quella americana (con buona pace di sumeri, hittiti, greci, romani, cinesi..)e che tutti i popoli diversi da americani (intesi statunitensi)e europei non meritano neanche di esistere?
anche tu prendi per buona l'unità di misura BTM con la quale si misura il valore della vita nei Paesi occidentali?
laddove 1 cittadino americano vale 100000 btm?

nb: btm = bambini del terzo mondo.

dimmi che non è così ti prego!
dimmi che se muore un bambino del terzo mondo non fate festa fino all'alba!

.. o è così!?

dimmi che non siamo al cospetto di una nuova razza ariana..

meglio il complottismo almeno per noi un uomo è un uomo. per gli occidentali occorre distinguere un uomo da un nero o da un giallo, da un giallo di serie A (giapponese), di serie B (cinese), di serie C (coreano) ecc ecc.

molto presto faremo un post dove ricorderemo anche i morti per tutte le guerre e non sono tutti bianchi e non sono tutti americani.

chissà com'è..

ti lascio con un saluto che va molto di moda negli ambienti filoamericani (del KKK)

sieg heil
Dio,

dimmi che non siamo al cospetto di una nuova razza ariana

Se per "ariana" intendi "di cretini", sì.

In quanto alle tue domande, non meritano risposta. Le pubblico e lascio che chi legge rida della loro pochezza.
@pn404

Tra i lettori di giornali come Il Fatto penso sia più probabile trovare complottisti perchè è un giornale tendenzialmente "contro". Il che non significa che la redazione sia favorevole ai complottismi, oggi stesso alla festa organizzata dal Fatto Quotidiano Michele Santoro ha detto chiaramente che i complotti sull'11 settembre sono stupidaggini. La stessa cosa aveva detto tempo fa il vice direttore del giornale.
Alla fine i creduloni o i disinformati ci sono pure tra i lettori di giornali indipendentemente da quale giornale leggano.
E pensare che il Sindaco di Vigevano è pure un architetto...

No Comment...
@Il Lupo della Luna
Quoto quello che dici, però a onor del vero ci sono in quel giornale firme come Travaglio, che ha sempre definito le teorie di complotto (come quella delle scie chimiche, per esempio) delle "monomanie" di gente paranoica. Lo stesso si può dire anche di Gomez e di Telese, che questa sera su La7 non ha fatto mistero del suo disprezzo per chi lucra sulla tragedia del 9/11.

Io credo che semplicemente considerino queste teorie, delle perdite di tempo, essendo che il Fatto parla prevalentemente di cronaca giudiziaria.
Azzardo un Salvatore Santoru alias Dio, via.

Per vedere di nascosto l'effetto che fa...
Perché non vi date una calmata tutti quanti: abbiamo alcuni troll, diversi complottisti, qualche democratico rappresentante della razza bianca che vedrebbe di buon occhio la sospensione di ogni diritto civile purché i complottisti non scrivano le loro solite minchiate e poi il resto lo possiamo osservare oggi in tv. da questa mattina fino a sera.
Ho sentito la frase "Dio benedica l'america" una mezza dozzina di volte in un'ora per non parlare delle vivissime condoglianze del nostro "capo" Berlusconi il quale, dimentico dei trascorsi di amicizie con l'ex dittatore libico, con qualche escort e con un manipolo di pregiudicati e baldracche, si lascia andare in commosse e sentite parole di amore per le vittime.
Per il resto: i fessi complottisti rispolverano gli aerei radiocomandati, democratici e repubblicani rispolverano le più becere e retoriche frasi di circostanza ricordandoci che l'America è sempre l'America e - di fatto - insultando i morti delle torri che non erano tutti americani, tutti bianchi e tutti anglosassoni, e neanche tutti criminali come i politici che li rappresentano.
Insomma ai patetici deliri dei complottisti rispondono i patetici deliri dei nazionalisti (di ogni risma), per la felicità dei terroristi che hanno vinto, avevano già vinto 10 anni fa.
e le vittime sono il solito pretesto per la vanagloria della superiorità occidentale e per qualche altra guerra in giro per il mondo, capitanata magari da qualche pazzoide ultraconservatore del tea party (quelli che si leggono la bibbia per leggittimare ogni proprio atto criminale).
Mi auguro che domani si dia degno risalto anche alla crisi umanitaria in Somalia, agli haitiani che stanno morendo di colera e ai nord coreani che muoiono di fame, e ai tanti altri conflitti dimenticati. Fosse mai che l'uomo imparasse dai suoi errori.

o è chiedere troppo?
leggo sempre con piacere gli articoli sul blog e spesso i commenti... e, ragazzi, spero voi siate troll e che non siate seri con certi commenti, perché altrimenti... c'é da aver paura!
guardatevi intorno, diamine, uscite da questa mentalità complottista che rende bene (economicamente) a pochi e rovina altri (creduloni)!
ma tanto è come parlare a un muro...
ah, qualcuno ha letto il libro sul g8 di giulietto chiesa?
[quote-"Paolo Attivissimo"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/09/complottisti-senza-pudore.html#c4939031110063437677"]
Dio,

dimmi che non siamo al cospetto di una nuova razza ariana

Se per "ariana" intendi "di cretini", sì.

In quanto alle tue domande, non meritano risposta. Le pubblico e lascio che chi legge rida della loro pochezza.
[/quote]

Più che "pochezza", si chiama "trollaggine".

Come direbbe il mio amico Leonida: non! date! da! mangiare! ai! TROLL!!!
Paolo,
ho letto ciò che hai scritto su undicisettembre.
Hai riportato ciò che ha detto il tassista egiziano. Lo riporto anche qua perchè davvero merita:
“Hanno colpito New York perché l'America è una minaccia all'integralismo islamico. Qui ogni musulmano si rende conto che si può vivere e lavorare in pace nella diversità di culture e religioni, nel rispetto reciproco. Non importa se sei ebreo o musulmano, qui puoi lavorare e se ti impegni e hai un po' di fortuna puoi arrivare ovunque. Dipende tutto da te, non dalla tua religione. Una cosa simile è inaccettabile per un integralista”
Mi sono quasi commosso nel leggere quella testimonianza.
Quella è l'America. Quella è New York.
D'accordo, avrà tanti difetti.
Ma a New York ci trovi davvero di tutto. Dalle etnie, dalle religioni, alle persone.
Oops.. mi correggo.
L'articolo su undicisettembre l'ha scritto John.
Rimane comunque commovente.
Però in un certo senso il titolo del convegno era giusto ... sono dieci anni di menzogne dei complottisti! Spero caldamente che non abbiano fatto neppure i soldi della benzina, se cominceranno a rimetterci finalmente la smetteranno!
Caro Paolo, non voglio fare il pignolo puntiglioso, non si può certo paragonare il tuo piglio un po' arcigno (non negarmelo questo) con la furia cieca dei fondamentalisti della verità rivelata dalla loro ignoranza. Quindi se mi chiedi "mi hai mai visto insultare uno di loro?", se in un primo momento potrei essere portato a quotarti espressioni poco lusinghiere, sovvenendomi tutti gli epiteti che ti sono stati dedicati, beh... al cospetto di quell'ignoranza e di quella violenza dialettica la risposta non può che essere "no, certamente".
Sicuramente i fatti di base sono accertati da delle perizie tecniche, ma si sa che quando c'è un dito che indica la luna gli stolti (in questo caso i complottisti d'accatto) guardano il dito. Il fatto è che la mia impressione sia che tu impieghi troppo del tuo (prezioso) tempo a sottolineare come questi individui stiano gingillandosi inutilmente e colpevolmente guardando un dito, mentre ne impieghi troppo poco a sottolineare quanto questa loro idiozia sia controproducente per le loro stesse tesi di fondo, quanto il loro atteggiamento, alla fine della fiera, sia utile a quell'"imperialismo americano" del quale si dichiarano acerrinimi nemici.

In poche parole, qualunque essa sia, ho impressione che "la verità" ne esca fuori sempre e comunque, se non umiliata, ignorata nella sua profonda esssenza.

E' vero, l'odio e chi lo fomenta dovrebbero stare fuori dalle commemorazioni, ma l'11/9 è stato il frutto velenoso dell'odio seminato negli anni. Frutto velenoso coltivato da aguzzini cresciuti all'ombra del totalitarismo religioso ed economico che si vuole contrapporre ad una sommamente ipocrita idea di democrazia.

Trovo che sia una commemorazione zoppa se non si sofferma su ciò che non è stato chiarito (non mi riferisco alle dinamiche complottarde di chi vive in dimensioni alternative dove fisica e chimica sono soggettive), sulle responsabilità oggettive che il dolore immediato ha coperto.
L'elaborazione del lutto ha bisogno di coscienza di sé per essere completa. Io penso che gli Stati Uniti e l'occidente in generale ne abbiano poca, di questa coscienza.

Probabilmente ti ho visto, per troppo tempo (ci sono quasi cresciuto sul tuo blog) quasi come un super-eroe ed ora che mi rendo conto che sei un essere umano ci rimango male, però mi piacerebbe che tu sottolineassi più spesso come questi imbecilli (io posso insultarli, non sono un supereroe, io) siano dei masochisti intellettuali che portano avanti un gioco al massacro nelle quali la prima a morire è la verità.

Cordialmente
Per Paolo attivissimo

Scusa non sapevo una lunga parola senza spazi potesse creare dei problemi...

Anche se non era molto importante ripropongo il mio commento:

"
Giulietto Chiesa spicca in quanto a rigore giornalistico: fonti chiare, testimonianze dirette, dati concreti. (Come si suol dire: fatti, non pugnette.)

AHAHAHAHAHAHAHAHAH!!!

STRA-MEGA-ROTFL!!!

AHAHAHAHAHAHAHAHAH!!!

IPER-LOL!!!

Vi prego fateli smettere o ci lascio le penne!!!

AHAHAHAHAHAHAHAHAH!!!
"
e le vittime sono il solito pretesto per la vanagloria della superiorità occidentale e per qualche altra guerra in giro per il mondo, capitanata magari da qualche pazzoide ultraconservatore del tea party (quelli che si leggono la bibbia per leggittimare ogni proprio atto criminale).

E

Fosse mai che l'uomo imparasse dai suoi errori.

Finché ci sarà gente che scrive cose come queste, credo proprio di no.

Le vittime sono vittime. Rispetto innanzitutto.
Caro Dio invee di stare qui a dire e blaterare perchè non vai tu in Somalia o dove ti pare a fare del volontariato, ad aiutare queste persone?
No, non sia mai. Per te è molto più comodo scrivere, scrivere, scrivere. E mi raccomando contro gli USA. Che avranno mille difetti, sono esagerati in tutto, sono americani insomma come dice Federico Buffa (che qualcuno conoscerà), ma che sono forse la nazione che fa meno distinzioni su razze e quant'altro. Quà sei tu il primo razzista. Sei tu che odi qualcuno e da li partono i tuoi sroloqui. Spero tu sia un troll. Altrimenti cercatene uno bravo.
Ho notato una cosa interessante.
Provate a cercare in google questo:
http://www.nexusedizioni.it/apri/NEXUS-Eventi/Eventi-da-non-perdere/11-Settembre-2001---2011/
Il primo risultato vi porta ad una pagina di "Nexus Edizioni" che avvisa però che il contenuto non è più disponibile.
Il contenuto però lo si può vedere nella copia cache di google con tutto il programma dell'appuntamento di ieri, 11 settembre in quel di Vigevano.
Una coincidenza?
Io credo di no...
:)

(Osteria.. che stia diventando complottista??)
Ecco, è possibile che risulti 'acredinoso' (e cambiando una lettera si rispetta anche il contesto), ma verrebbe cassato se chiedessi in questo commento di poter accedere a qualche atto, ripresa, video sfocato, ologramma et alia di questa loro ultima combriccola?
O dovrei pagare anche qui come nei peggiori siti..
.. diciamo NSFW.
Un senso di rabbia è nausea è la sensazione che ho avuto leggendo i commenti dei complottisti o vedendoli in TV (persino Giulietto Chiesa intervistato sulla TV russa ieri...che tristezza).

Dopo dieci anni in cui nessuna teoria alternativa ha portato a nulla, loro sono ancora lì, imperterriti e senza vergogna, anzi colgono la necessità di "rinverdire" l'argomento da parte dei giornali e ottengono spazi laddove non dovrebbero essere loro concessi. Non per censura, ma per serietà.

Sogno un confronto, diretto ed impietoso fra costoro ed il governo americano che li metta a tacere tutti una buona volta. Sono però consapevole che questi pseudo-informatori (ultimi tra gli ultimi) sono troppo piccoli, troppo marginali, troppo poco importanti ed inutili per suscitare un qualche interesse nelle alte sfere.

Essi sono condannati a sproloquiare sul web, all'infinito finchè c'è qualcuno in buona fede che crede alle storielle.
@lucy

facciamo 13: Dio benedica l'America.
e non ho alcuna paura di dirlo un'altra volta: Dio benedica l'America.
faccio pure una variante per precisare: Dio benedica gli USA.

"per non parlare delle vivissime condoglianze del nostro "capo" Berlusconi il quale, dimentico dei trascorsi di amicizie con l'ex dittatore libico, con qualche escort e con un manipolo di pregiudicati e baldracche, si lascia andare in commosse e sentite parole di amore per le vittime."

ora mi spiegherai cosa c'entrano le baldracche con le sue parole per le vittime dell'undici settembre.
il fatto che possa essere andato a prostitute rende le sue parole meno vere? meno giuste? meno condivisibili?

l'undici settembre rimarrà sempre nella mia memoria, come lo rimarrà quella fantastica ricostruzione televisiva che raccontava gli ultimi momenti di chi era dentro le torri prima del crollo.
I discorsi dei complottisti causano anche (indirettamente, per carità) azioni come queste: http://www.leggo.it/articolo.php?id=138099
Il cospirazionismo è terrorismo psicologico! Vorrei tanto raccontare la vicenda di una ragazza caduta in trappola di un fanatico, infame cospirazionista, ma non voglio regalare soddisfazione a queste persone distorte.
Cari cospirazionisti, sappiate che questa ragazza oggi sta BENISSIMO, è quel "risvegliato" oggi si sta curando con la medicina ufficiale. Per quanto odio questa persona, gli auguro comunque una sana guarigione del suo male.

Scusate questo mio sfogo ingiustificato, e di averlo condiviso su questo blog e sotto questo articolo.
Lucy, lasciami dire. Non è la prima volta che in giro leggo questa consideraizone, ovvero che la commemorazione fatta una volta all'anno dell'11/9 oscurerebbe tutti i mali del mondo.
Io francamente credo che abbiamo 'elasticità mentale per pensare a più di una cosa. L'11/9 si può pensare all'11/9 senza che nualla perdano gli altri problemi del mondo. Che alla gente non freghi nulla dei mali del terzo mondo non è una cosa da ascriversi ai cattivoni americani, ma a tutti noi, in quanto è meglio tenere la testa sotto la sabbia piuttosto che affrontare dei problemi che ahnno una complessa soluzione.
A proposito, tu hai fatto qualche cosa a favore di Haiti e la Somalia ?
Ma sai di cosa si preoccupa buona parte della popolazione occidentale agiata ? se siano meglio gli Iphone o i samsung ! Quindi per favore intervieni in tutti i forum di tecnologia dove ci sono flames war tra melogfili e andoridofili e ricorda loro di somalia e Haiti. Forse serve di più.
Già che ci sono segnalo anche un articolo apparso (con relativi insulti nei commenti ad Attivissimo, ai debunkers e al sottoscritto) su un RC: L'edificio7 del world trade center e le teorie cospirazioniste

The Rebel Ekonomist
Con tutto il rispetto Paolo, ma oggi più che un giorno per il silenzio, lo ritendo un buon giorno per parlare!
Sembra che in pochi sappiano che si sta consumando una tremenda carestia principalmente in Kenya e Somalia.

Già DECINE DI MIGLIAIA sono morti per fame e sete, e sono più di 3 milioni coloro che rischiano la stessa fine nei prossimi mesi.
http://www.un.org/apps/news/story.asp?NewsID=39477&Cr=somalia&Cr1=

Invece che racchiuderci tutti in un ossequioso silenzio ed una (reale?) empatia nei confronti di una tragedia mediaticamente molto invitante... parliamo della tragedia che si sta consumando ORA. e soprattutto vediamo di fare qualcosa: serve pressione perché la questione diventi di primo piano anche per l'informazione e denaro per chi può donare qualcosa.
@Lucy

L'errore è pretendere di insegnare alle persone come dovrebbero vivere.
ho commentato senza leggere prima i commenti degli altri. mea culpa.
l'importante è che se ne parli.
[quote-"lucy]
.. becere e retoriche frasi di circostanza ricordandoci che l'America è sempre l'America e - di fatto - insultando i morti delle torri che non erano tutti americani, tutti bianchi e tutti anglosassoni
[/quote]

Curioso che dette frasi le abbia pronunciate Obama il quale per essere un bianco è parecchio abbronzato.. tanto per precisare che Americano non vuol dire bianco. Ma per curiosità, cosa avrebbe dovuto dire secondo te?
Uffa, ho sbagliato a schìciare il botòn e non ho potuto rileggere XD
Giovanni Pili + Zio Barbocchia: quoto entrambi. Non è che siano tutti complottisti, è che il lettore "complottista" legge testate del genere.
Non mi intendo molto di storia contemporanea, però mi pare che dal casino della seconda guerra mondiale ci han tirato fuori gli Alleati. Tra cui gli americani, almeno per noi del Sud Europa.

Quindi forse almeno un pò di rispetto agli "schifosi yankee" glielo dobbiamo. E leggere cose tipo "ah si ma ci sono anche stati i morti di qui, i morti di lì e quelli di là di cui non si parla" se permetete fa venire un pò la nausea.
Il fatto che gli attentati dell'11 settembre abbiano fatto 3000 vittime, con tutto il rispetto per i morti, è un fatto secondario. Nella storia ci sono stati eventi con un numero di vittime molto maggiore che però sono stati poco incisivi nella storia mondiale e quindi non vengono ricordati. Il motivo per cui si commemora l'11 settembre è il crollo del mito americano. Dirottatori armati con coltelli di plastica hanno abbattuto due grattacieli nel centro culturale ed economico del mondo. Forse dieci anni dopo ci siamo assuefatti all'idea, ma se ci pensiamo bene era davvero una cosa inconcepibile.
e intanto in rete trovo riassuntoni di tutte le cospirazioni :-)
http://www.altrainformazione.it/wp/11-settembre-2001/
ecco un altro che si aggiunge alla lista...
bella la lista dei demeriti a senso unico...
non mi è mai piaciuto questo tizio e da oggi mi piace ancora meno (della serie: anche al cicap ci sono degli imbecilli, parere personale)

http://odifreddi.blogautore.repubblica.it/2011/09/12/la-retorica-dell11-settembre/
Tanto per testimoniare: su RaiNews 24 hanno intervistato Giulietto Chiesa per tipo 15 minuti. Nell'intervista Chiesa ha dato il peggio del peggio dei resoconti complottisti che circolano in rete, li ha presi tutti senza dimenticarne uno (e su questo faccio un plauso alla sua capacità di giornalista di raccogliere fonti). In pratica ha nominato in sequenza la nano termite, la demolizione controllata, il wtc7 (prendendo anche in giro gli ideatori del complotto perchè si sono sbagliati e hanno fatto saltare le cariche sul tetto 2 secondi prima delle altre smascherando chiaramente il complotto), resti di aereo inesistenti, cia ed fbi che andavano a braccetto con i presunti terroristi, scatole nere scomparse (lui dice: è stato un record, solo 1 scatola nera su 8 è stata ritrovata), scatole nere manomesse, gli aerei non erano aerei di linea... tra le tante chicche: una delle prove del complotto e della demolizione controllata sarebbe stato il "record" di vedere crollare 3 grattaceli in acciaio nello stesso giorno. Il tutto condito dalla motivazione di simulare l'attentato non, come ERRONEAMENTE SI CREDE, per avere una scusa per attaccare l'iraq e co., ma per nascondere al mondo che l'america era in crisi economica già nel 2000.

Il dramma era che mia madre, che di certo non si informa su internet sulle cose, pendeva dalle labbra di quell'uomo!!!!

Assurdo... le cose sono due: ho la gente mente sapendo di mentire, oppure veramente ci credono alle cose che dicono
@Mike: "Il fatto che gli attentati dell'11 settembre abbiano fatto 3000 vittime, con tutto il rispetto per i morti, è un fatto secondario."

3000 morti in 1 ora.
sono circa 8 morti ogni 10 secondi.

non è poi tanto il "quanti", ma il "come".
non hai mai visto la famosa foto di quell'uomo (uno dei tanti) che si è gettato dalle torri?

non hai mai visto la ricostruzione cinematografica di come hanno agito le vittime che si trovavano all'interno delle torri?

fidati, non sono cose così ordinarie.
Giulietto Chiesa non si smentisce mai. Uno che non esita a parlare male dei media, come strumento di manipolazione della verità, ma poi è continuamente alla ricerca delle telecamere per mandare in onda la sua Stalin-face mentre recita le stesse panzane.
Io l'ho beccato sul canale Classtv Msnbc, insieme a Rainews, uno dei pochissimi canali free che si è occupato delle commemorazioni: bocciate Rai e Mediaset e pure La7, che al limite sono arrivate a degli speciali preregistrati).

La cosa patetica è che Chiesa, come tutti i complottisti, dopo dieci anni ancora non ha formulato una versione DEFINITIVA di questo complotto: a lui basta continuare a dire "non è vero, questa non è una prova che MI convince" (come se fosse lui quello da convincere), per poi schiaffeggiarsi le orecchie e urlare "lalalalà" e infine guardarsi attorno sorridente per cercare l'approvazione dei presenti.

E così, davanti alla richiesta del giornalista, di elencare la "prova definitiva" del complotto, Chiesa ha tergiversato, tirando in ballo CIA, FBI,alti funzionari...nessuno di loro citato a giudizi (cosa che i complottisti si guardano bene dal fare).
E quando il giornalista gli ha chiesto di citare UNA stranezza che lui ritiene inspiegabile, Chiesa ha citato il crollo del WTC7, a suo dire crollato in maniera inspiegabile e "impossibile". Vabbè...
Sarebbe bastato chiedere a Chiesa perchè, in questo fantomatico complotto, avrebbero fatto esplodere un palazzo senza motivo, ma a quel punto avrebbe sputato sangue dalle orecchie.
Chiesa ha detto che (cit.) "1200 architetti hanno ritenuto impossibile quel crollo". Questa frase è una panzana o, semplicemente, Chiesa ha intervistato 1200 neolaureati?




Ad un certo punto gli ha chiesto qual era la prova definitiva del complotto
@ robinet

Ma sai, questo è un commento meramente politico, che si può condividere o meno. Per fortuna che al mondo ci sono diversi punti di vista.
Mi pare che in questo sito si discuta di come si sono avverati gli eventi, e non mi pare che Odifreddi li neghi.
[quote-"Gwilbor"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/09/complottisti-senza-pudore.html#c227706841998766748"]
Spero per Flavio Oreglio che anche lui sia vittima di un'inganno... secondo me non si è reso conto di chi lo ha invitato.
[/quote]

Ma chi? Quello pseudo-comico sparito nel nulla quando Zelig si è accorto che molti dei cabarettisti ripetevano sempre lo stesso sketch ogni settimana? Quello che, nel XXI secolo, pensa ancora di far ridere mettendo una parolaccia nella punchline?
Naa...semplicemente sta raschiando il fondo del barile.
a leggervi mi viene tanto da fare un'analogia con alcuni italiani.
c'è un pensiero bidimensionale a compartimenti stagni in Italia che oscilla tra il patetico e l'idiota.
Per esempio: se non sei romanista sei juventino; se non sei berlusconiano allora sei comunista; se critichi netanyau sei nazista, se critichi gli usa se antiamericanista; se poi sei complottista non sei degno di vivere.
a me non piace a volte la protervia e l'arroganza dei debunker ma non mi sognerei mai di ucciderli dopo averli torturati.
al contrario - ci scommetto - diversi tuoi utenti, Paolo, godrebbero un mondo a stuprarmi e poi ad uccidermi solo perché sono critica nei confronti degli Usa.
se questo è il vostro rispetto per le opinioni altrui allora forse dovevate andare a vivere in Corea del Nord o in Iran. Lì non sono ammesse critiche e se qualcuno dissente basta sparargli per strada e finisce tutto lì.

dimmi la verità Paolo: quante volte ti è venuta voglia di prendere un mitra e di crivellarmi solo perché - per esempio - mi sono definita un troll?
dai sii sincero.
Robinet,

Odifreddi è una persona vergognosa. Punto e basta. Nel senso che c'è proprio da vergognarsi a frequentarlo o ad avere in casa un suo libro.

Tra l'altro non mi sembra molto attivo nel CICAP: mai visto tenere una conferenza per il CICAP, mai visto scrivere un articolo in rete o su carta per il CICAP, mai visto fare un'indagine.

Mi pare solo uno che ci mette il nome. Meglio così, per il CICAP. (Già che ci sono potrebbero espellerlo per manifesta stupidità, ma capisco che non è facile espellere chicchessia.)
@ robinet
Non sarebbe una cattiva idea ricordare a Odifreddi che senza "la politica di stupro globale dei diritti dei popoli" da parte degli statunitensi, il suo pessimo articolo lo avrebbe, con buona probabilità, scritto in tedesco.

Non gode molto nemmeno delle mie simpatie: nonostante gli sforzi per la divulgazione della matematica e del pensiero razionale, ormai si è trasformato un arrogante tuttologo (ad esempio, l'articolo da te citato) e cabarettista, più che uomo di scienza.
[quote-"robinet"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/09/complottisti-senza-pudore.html#c6090134169804450833"]
ecco un altro che si aggiunge alla lista...
bella la lista dei demeriti a senso unico...
non mi è mai piaciuto questo tizio e da oggi mi piace ancora meno (della serie: anche al cicap ci sono degli imbecilli, parere personale)

http://odifreddi.blogautore.repubblica.it/2011/09/12/la-retorica-dell11-settembre/
[/quote]

eccone un'altro.. affermare che e' giusto gioire davanti alla morte di 3.000 innocenti e' agghiacciante. E questo imb*****e viene anche pagato per scrivere ste st*****te....

Proprio vero che quella certa madre e' sempre incinta....
@lucy

sarà una mia idea, ma la tua "critica" agli USA in questo post è puramente anacronistica.

stiamo parlando di commemorazione delle vittime dell'11 settembre; cosa c'entra la guerra in Afghanistan con questa commemorazione? cosa c'entrano le altre guerre? cosa c'entrano gli altri fatti, discutibili o meno, che hanno commesso gli USA nel corso della loro storia?

cosa c'entra poi il fuoco di fila contro Berlusconi?

non stiamo elogiando gli USA, stiamo ricordando perchè non possiamo permettere che il terrorismo vinca.
mentre tu, ci stai solo ricordando come ci si comporta quando i pregiudizi offuscano il significato delle parole.

un'altra volta: Dio benedica gli USA
diversi tuoi utenti, Paolo, godrebbero un mondo a stuprarmi e poi ad uccidermi solo perché sono critica nei confronti degli Usa

Come commentare queste frasi se non con una risata?
@Zifnab
Il tuo post era perfetto, ma l'ultima frase è esattamente quello che non andava scritto. Ieri si stavano ricordando 3000 persone. Il paese in cui è avvenuto il tutto è irrilevante.
A me il post di Odifreddi sembra in larga parte condivisibile.

chi lo ha criticato ed insultato farebbe cosa gradita a controargomentarne il contenuto, se ne è in grado.
@ Robinet

Non condivido nemmeno una sillaba del discorso di Odifreddi.
Mi chiedo, quanti popoli conquistati dagli antichi romani attraverso il ferro e il sangue e gli stupri, quelli veri, non quelli retorici di Odifreddi, amavano Roma?
E forse che a Roma gliene fregava qualcosa dell'odio dei vinti?
Almeno gli americani la domanda se la pongono.

Nel nostro mondo pochissimi popoli possono permettersi, data la loro storia, di poter fare la predica agli altri, perché la maggior parte dei popoli ha mosso guerre, ha fatto stragi e stuprato gli altri popoli per mantenere il proprio benessere. Gli italiani sono forse esenti da "peccati"? La domanda è assolutamente retorica.
@ Lucy

Non mi pare che qui si faccia apologia dello stupro e dell'omicidio, specie nei tuoi confronti.
Non mi pare nemmeno che qualcuno qui si sia dichiarato sadico e quindi a godere del dolore altrui.
Quindi non vedo perché dovremmo godere a stuprarti e ucciderti.

Se questo è il massimo livello delle tue argomentazioni, c'è ben poco di cui discutere.
Gli USA saranno anche i cattivi, imperialisti ecc ecc, però voglio invitarvi a fare una cosa, un controllo semplice semplice.
Andate a guardere i primi aiuti alle popolazioni colpite da terremoti, tsunami, epidemie, ecc chi li ha dati.
Ops.. Usa ed Europa. Forse non sono quei malvagi che volete che siano.

Non bisogna commemorare i morti perchè così si oscurano i morti nel mondo per altri motivi? Quindi deduco che quando vi muore una persona cara, o quando muore qualcuno che conoscete, non fate le condogliane e non le volete per non oscurare chi muore di fame in africa. D'altronde che valore ha la morte di un italiano che ha avuto una vita decente, e ha goduto delle cure nei confronti di un bambino somalo? Quindi dichiarate qui e ora che mai farete condoglianze a chicchesia e mai ne vorrete.
[quote-"Zifnab"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/09/complottisti-senza-pudore.html#c78941426006859762"]
@lucy

sarà una mia idea, ma la tua "critica" agli USA in questo post è puramente anacronistica.
[/quote]

No... è solo un troll ;)

Non date da mangiare ai troll.
@Mike J. Lardelly
sinceramente mi domando, se i morti non contano cosa si commemora?
la fine degli stati uniti imperialisti?

---

c'è una frase emblematica che spiega bene l'interpretazione che viene data agli eventi: "la storia la fanno i vincitori"

e così la guerra in Vietnam è male, le bombe atomiche sul giappone sono bene, l'attacco alle torri gemelle è male (per ora almeno), l'italia liberata dai partigiani è bene, l'IRA è male, e così via fino al vomito.

togliamoci dalla testa che esistono cose giuste e cose sbagliate.
il tutto è soggettivo.

---

ho pieno rispetto per l'evento in se, ma guardiamoci in faccia adesso e venitemi a dire che tutta questa saturazione (non parlo di questo blog che tratta l'argomento da ben altri punti di vista) mediatica non vi ricorda quelle interminabili giornate dopo la morte di Papa Giovanni Paolo II.
vogliamo veramente vivere nella retorica? io preferisco i fatti, le informazioni e le azioni.
le emozioni possiamo viverle da soli, e sono ben più genuine dei servizi e delle primepagine strappalacrime.
ST ti quoto anche gli spazi fra le parole.
Che schifo.
@ Lucy
[quote-"lucy"]
c'è un pensiero bidimensionale a compartimenti stagni in Italia che oscilla tra il patetico e l'idiota.[...]
[/quote]

Guarda che qui l'unica che si sta esprimendo a stereotipi sei tu. Ti ripeto la mia domanda, cosa avrebbero dovuto dire? "Ce lo siamo presi in quel posto ma almeno abbiamo avuto il pretesto per scatenare guerre qua e là"? "Oggi è l'anniversario dell'11/9 ma parleremo di Somalia e Darfur"?

[quote-"lucy"]
Al contrario - ci scommetto - diversi tuoi utenti, Paolo, godrebbero un mondo a stuprarmi e poi ad uccidermi solo perché sono critica nei confronti degli Usa.
[/quote]

Guarda, questa te la potevi proprio risparmiare! Resta pure sulle tue posizioni e credi quel che ti pare.
A differenza di te per fortuna la maggior parte della gente in questo blog ragiona con la sua testa, se c'è da criticare critica, se c'è da capire capisce.

Buona giornata
Mattsanna dixit:
"Ieri riguardavo Ipotesi di complotto su N Geographic, con Griffin, Cage o Gage non ricordo ora il cognome che davanti a tutte le prove con tanto di simulazioni riuscivano a dire " ma questo non prova, questo è fatto male, avete speso tanto e noi vi diciamo che non va bene"

Penso sia lo stesso documentario che ho ascoltato (stavo facendo altro) ieri sera sempre su "mondi e culture".
A dire la verità, purtroppo i complottisti in quel documentario avevano ragione.
Non nel senso che le loro affermazioni sull'andamento dei fatti abbiano un qualsiasi valore ma nel senso che gli esperimenti mostrati non c'entravano con quanto loro andavano e vanno cianciando.
Ad esempio, non ha senso intraprendere un esperimento con la termite quando i complottisti sostengono che sia stata usata nanotermite; non ha senso mostrare che nei resti di una demolizione si trovano micce ed altri inneschi quando i complottisti dicono che non ce n'era bisogno.
Insomma, purtroppo ho assistito ad esperimenti sensati nei risultati ma errati nello scopo prefisso.
A mio parere la filosofia della trasmissione andava completamente ribaltata: i complottisti dovevano fare gli esperimenti che sostenessero le loro tesi; allora sì (non) ne avremmo viste delle belle.
certo, odifreddi fa una analisi "politica" ma quello che gli contesto è che ha stilato una lista delle cose "cattive" ma si è dimenticato quelle buone (ovviamente già sappiamo che per lui questa lista è vuota).
nota personale: onestamente pensavo di sollevare molte più obiezioni invece noto che la mia disistima del personaggio è più comune di quanto pensassi.
Oooopsss....
Errore di sbaglio.
Ha scritto diversi libri che il cicap...
Non certo io, famoso semianalfabeta.
Roberto ha commentato:
@ Lucy
...
Quindi non vedo perché dovremmo godere a stuprarti e ucciderti.


E dove lo metti il vittimismo?
Ci fa sentire importanti, sai.
[quote-"Replicante Cattivo"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/09/complottisti-senza-pudore.html#c4323881454895988753"]


Ma chi? Quello pseudo-comico sparito nel nulla quando Zelig si è accorto che molti dei cabarettisti ripetevano sempre lo stesso sketch ogni settimana? Quello che, nel XXI secolo, pensa ancora di far ridere mettendo una parolaccia nella punchline?
Naa...semplicemente sta raschiando il fondo del barile.
[/quote]

"Laureato in biologia con specializzazione in ecologia, è stato insegnante di matematica e fisica." Da Wikipedia.
Già. È proprio l'ultimo arrivato.
"odifreddi fa una analisi "politica" ma quello che gli contesto è che ha stilato una lista delle cose "cattive" ma si è dimenticato quelle buone "

Questa affermazione non ha senso: Odifreddi ha illustrato le ragioni per le quali c'era e c'è del risentimento nei confronti degli Stati Uniti. Si può mettere una lita di cose positive per spiegare perché gli altri ce l'hanno con te?
@mocassino
come si fa a controargomentare ad ud uno sproloquio che affastella una serie di fatti senza capo nè coda per dimostrare che gli usa sono gli stupratori del mondo?
Gli Usa come motore unico di tutto il male esistente ti sembra una ipotesi con qualche fondamento?
Ti sembra che gli attentatori volessero vendicare il mondo sofferente per gli abusi dello zio Sam? A me risulta che la loro sia una battaglia contro la libertà religiosa, quella di opinione, quella politica, contro la parità dei sessi e la libertà di orientamento sessuale. Un battaglia con il nobile scopo di instaurare i califfati nel mondo mussulmano e sterminare chi non si converte.
Spiace vedere che uno che dovrebbe avere caro l'attenersi ai dati di fatto si lanci in sparate ideologiche imbarazzanti solo per chi le scrive
Quante critiche all'America...

Tante sono sensate, niente da dire. Per lo meno però con gli USA la verità viene a galla. Con i loro ex-concorrenti (anche loro nostri salvatori comunque nella seconda guerra mondiale) le cose erano ben diverse, genocidio interno, politica estera aggressiva ed economia allo scatafascio nel giro di mezzo secolo...

Allora l'Europa da che parte doveva stare? L'Italiauccia post fascista cosa diamine ha da reclamare a chi l'ha tenuta lontana dal diventare una specie di Bulgaria?

Si critichi, ma si pensi all'alternativa folle del blocco sovietico che mieteva vittime fuori e dentro i suoi confini, annullava libertà fondamentali e impoveriva chi viveva al suo interno.

Abbiamo scelto la violenza minore, quella accettabile, quella che è capace di fare autocritica, di ammettere gli errori, di tornare sui propri passi, quella più umana.
Abbiamo fatto bene. Non siamo perfetti, ma siamo liberi.

La politica estera anni 70-80 americana è costellata di errori, ha spianato la strada a gente come Bin Laden e a disastri come l'11/09, ma quale alternativa c'era? Cedere al nemico? In fondo non si sapeva che sarebbe collassato prima dei '90.

Non sono stati perfetti, ma la cura sarebbe stata peggio del veleno e noi italianucci vediamo solo attraverso la lente antiamericana di derivazione fascio-comunista perchè ci manca una vera tradizione liberale in campo giuridico ed economico e questo è uno dei nostri tanti problemi.
Noi non avremmo mai potuto guidare il mondo come hanno fatto loro, coi pericoli dell'epoca, con la minaccia nucleare, la cortina di ferro....

Alla faccia di Odifreddi che dovrebbe parlare di equazioni e basta a mio avviso.
Cathan: il fatto che abbia una laurea non rende automaticamente sensate le cose che dice.
Tutti,

la discussione sta scivolando verso il battibecco geopolitico, e i luoghi comuni, che trovo assolutamente sterile e inutile. Vi chiedo quindi di chiudere quest'argomento. Grazie.

"Dio",

i tuoi commenti inutilmente offensivi e deliranti non verranno pubblicati. E' inutile che insisti a inviarli. Questo non è un pulpito gratuito per troll ed esibizionisti. Grazie.
@giovbrunetti

a me pare che si vogliano mettere dei contenuti che non ci sono in quel post.

Probabilmente questo deriva dalla tua conoscienza di Odifreddi, da post precedenti o da altri fattori pregiudiziali, ma io nella mia visione limitata mi limito a giudicare solo ed esclusivamente il contenuto del post: un elenco degli errori della politica estera USA, ciascuno dei quali può portare a reazioni altrettanto negative.

"Ti sembra che gli attentatori volessero vendicare il mondo sofferente per gli abusi dello zio Sam?"
Assolutamente no, infatti in un commento precedente li ho descritti con disgusto e riprovazione, tuttavia stiamo confondendo le ragioni degli attentatori con le ragioni del consenso che nutrivano 8o nutrono) in molti paesi. E' molto importante questo fattore.

Inoltre mi spiace rilevare la tua superficialità nel "fare le squadre", perché se è pur vero che anche io aborro l'humus religioso-ideologico degli attentatori, non posso unirmi all'acritico canto con il quale incensi il perfettibile sistema americano. Forse Odifreddi vuole ricordare e ricordarti che sotto una patina di apparente libertà/parità ci sono meccanismi di rimozione e di elusione che ti portano ad ignorare i costi di quel sistema.

Non voglio fare l'apologia in toto allo scritto del matematico, voglio dire che mi sembra ridicolo chi salta su a infangare un ragionamento così scarno e così elementare come quello che compone il suo post. Ripeto, forse dipende da fattori pregiudiziali, forse è che chi come molti di voi ha scelto di schierarsi da tempo immemore non ha più interesse a mettere in discussione la parte per la quale ha scelto di combattere.

Io preferisco coltivare i miei dubbi e il mio raziocinio
Chiudo, dicendo che l'ultimo intervento di Paolo mi trova d'accordo al 100%
Scusatemi ma mi ripeto (come in un thread precedente)
Seguo da tempo questo blog e ringrazio il lavoro di Paolo e di chi collabora. Ma ultimamente devo puntualizzare una cosa.
Ho smesso di leggere spinozapuntoit perchè certi commenti che sto leggendo qui sono decisamente più divertenti ed hanno il grandissimo pregio della spontaneità!
@Lucy: fidati di me. Non ti ucciderei mai, le cose che scrivi sono troppo divertenti.

Vabbè, solo una piccola seria considerazione. Sforzarsi di cercare la verità, non sarebbe più utile a trovare poi un modo di migliorare insieme le cose? Questo è per me il grande merito di Paolo Attivissimo. Non sarò d'accordo con tutti i suoi atteggiamenti e con tutto ciò in cui crede lui (io non credo nei gatti, anzi sono piuttosto allergico), ma la mia stima è enorme!
Se la prima osservazione che si premette è "l'America avrà anche fatto tanti sbagli...ci saranno anche motivi giusti" e roba del genere, per criticare chi manifestamente esprime il proprio antiamericanismo, non è che si fa una gran partenza. Come ogni nanopaese del mondo non riusciamo a concepire il ruolo di una superpotenza, e la visione che della sua politica ha il popolo e gli elettori. Quelle che commentatori come Odifreddi definisce colonie americane sono paesi come l'Italia, la Germania, la Corea del Sud, il Cile. I cui popoli, per un minimo di istinto nazionalista sciovinista che ha ogni uomo connaturato si sentiranno infastiditi, ma vai un pò a chiedere ai Coreani del Nord o ai vietnamiti se non avrebbero preferito un pò di sano imperialismo Yankee. L'11 settembre non si commemora il numero di morti, ma il supremo atto di spregio nei confronti di quei valori di tolleranza e democrazia che qualunque cittadino americano sente di rappresentare; quegli stessi valori che gli americani sentono di aver profuso nelle due guerre mondiali ed in ogni teatro di guerra in cui hanno mandato i loro militari a morire. Per un cittadino americano il fatto che, ad esempio, un paraculo italiano qualsiasi non gli riconosca questo merito è del tutto incomprensibile. Come per loro è incomprensibile che a comunità che non riconoscono dignità al proprio fratello e vicino di casa, come padani-meridionali, Valloni-Fiamminghi, Inglesi-Irlandesi, Spagnoli-Baschi, Francesi-Corsi dia tanto fastidio il loro "God bless america" o "u.s.a.-u.s.a.".
zifnab ma stai scherzando.

praticamente mi stai chiedendo cosa c'entra la guerra contro il terrorismo con l'11 settembre??

afghanistan e iraq non sono state presentate come le guerre contro il terrorismo che si è scatenato l'11 settembre contro l'america?

vi farei leggere una caterva di commenti critici all'11 settembre, a come l'america non sia più forte, come ha detto ieri Obama, a come il terrorismo ancora esiste, al contrario da quello che molti credono ma ormai penso che qui siamo passati dall'11 settembre alla fantascienza quindi a che pro.
qualcuno dice che sono un troll. Bella scoperta! l'ho scritto io di esserlo, e l'avrò scritto almeno 20 volte negli ultimi 2 mesi.
Sull'odio contro i complottisti i vostri commenti mi danno ragione in pieno.
Allora io chiudo qui, nel senso che seguendo l'indicazione di Paolo dico basta pure io a questo sterile battibecco.
l'integralismo non è solo islamico e lo si può notare benissimo da alcuni commenti talebani contro di me.
continuate pure a ragionare a stereotipi e continuate a fare i vanagloriosi giullari degli americani. Ormai siamo sul patologico e sul parossismo e qui non ci voglio più entrare.
ciao a tutti
Odifreddi è una persona vergognosa. Punto e basta. Nel senso che c'è proprio da vergognarsi a frequentarlo o ad avere in casa un suo libro.

E chi risulta essere coautore con Odifreddi di un libro, dovrebbe vergognarsi pure lui?
@Paolo Attivissimo

uh, io avevA due rispostacce in canna, ma in effetti i destinatari non meritano tanta attenzione.

Ho riletto un paio di volte e ritengo che non abbiano detto niente di nuovo.

Ho il sospetto che i signori che hai nominato non siano gli inventori delle tavanate che propinano, secondo me qualcun'altro le produce e glie le regala.
[quote-"yupswing"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/09/complottisti-senza-pudore.html#c2433909971363547489"]
guardiamoci in faccia adesso e venitemi a dire che tutta questa saturazione (...) mediatica non vi ricorda quelle interminabili giornate dopo la morte di Papa Giovanni Paolo II.
vogliamo veramente vivere nella retorica? io preferisco i fatti, le informazioni e le azioni.
le emozioni possiamo viverle da soli, e sono ben più genuine dei servizi e delle primepagine strappalacrime.[/quote]

Direi che sono due situazioni ben diverse. Intanto tu parli dei giorni immediatamente successivi la morte del papa: è logico che la notizia fosse al centro dell'attenzione (nonostante condivida con te l'opinione che ci fu una saturazione mediatica, iniziata addirittura PRIMA della morte), così come è logico che 2001, le immagini dell'11/9 monopolizzarono i tg dei giorni successivi...ma vorrei ben vedere!
Però in entrambi i casi, direi che non c'è mai stato cannibalizzazione dei media negli anni successivi. L'anniversario morte di Karol viene ricordata con qualche speciale o qualche film trasmesso nelle reti minori. Quanto all'11/9, mi pare che solo il primo anniversario divenne un evento mediatico; negli altri anni, l'11/9 è stato trattato quasi come l'anniversario della morte di Lady Diana...con i tg che quasi sembrano preoccupati se la gente non passava l'intera giornata a piangere.

Quello di ieri era il decennale: una commemorazione più sentita è assolutamente giustificata, se non dovuta. Trattandosi di un giorno all'anno (ogni dieci anni) mi sembra un "peso" abbastanza sopportabile, anche se si fa parte di chi, con tutte le ragioni del mondo, preferisce pensare ad altro. Anzi, come ho detto in un altro commento, ieri pomeriggio ho faticato a cercare sui canali in chiaro una diretta televisiva decente. Ovviamente sono felice che sia stato trasmesso il Gran Premio di F1, film, cartoni animati e programmi di svago...ma mi sembra assurdo che tra rai e mediaset, nessuna abbia fatto una diretta completa dell'avvenimento. Un paio di canali hanno trasmesso degli speciali o dei documentari...ma che senso ha non trasmettere la diretta, per mandare in onda una replica? Chi non ha tv satellitare o digitale terrestre è rimasto tagliato fuori.
E' giustissimo non imporre a tutti la commemorazione (come certe radio che, per scelta, non hanno voluto toccare l'argomento), ma non bisogna nemmeno compiere l'errore opposto.
[quote-"Cathan"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/09/complottisti-senza-pudore.html#c1878900947926942265"]

Naa...semplicemente sta raschiando il fondo del barile.
[/quote]

"Laureato in biologia con specializzazione in ecologia, è stato insegnante di matematica e fisica." Da Wikipedia.
Già. È proprio l'ultimo arrivato.
[/quote]

Wow, un biologo.
Wow un ecologo (si dice?)
Wow un matematico.
Peccato che siano tutte specializzazioni che poco centrano con l'argomento di cui è andato a parlare.

Ok è un insegnante di fisica, ma se è laureato in biologia, non credo possa mettersi a parlare di edilizia e ingegneria. Al limite può ripetere a memoria le formule dell'accelerazione che si insegnano in terza liceo.

Se uno ha bisogno di un esperto, non va a chiamare un tizio che è diventato famoso facendo un altro lavoro. E' come se chiamassi Enzo Jannacci ad un convegno di medici o Gene Gnocchi a parlare di avvocatura. Lo faccio solo se mi serve il richiamo dovuto al nome famoso (che magari nel frattempo fa anche uno spettacolino), non certo per le sue competenze.

Sì...in questo caso è l'ultimo arrivato.

(e poi a me fa ribrezzo pure come comico, ma è una mia opinione)
Non sarebbe una cattiva idea ricordare a Odifreddi che senza "la politica di stupro globale dei diritti dei popoli" da parte degli statunitensi, il suo pessimo articolo lo avrebbe, con buona probabilità, scritto in tedesco.

Applausi


"Laureato in biologia con specializzazione in ecologia, è stato insegnante di matematica e fisica." Da Wikipedia.
Già. È proprio l'ultimo arrivato.


Condivido Replicante. Ma non mi torna: che io sappia, in nessuna superiore un laureato in Biologia può insegnare Fisica.
Forse alle medie inferiori, ma allora la materia si chiama Matematica e SCIENZE. (O meglio, si chiamava: adesso ci sono nomi fantasiosi).


conoscienza

ehm...
lucy,

continuate a fare i vanagloriosi giullari degli americani

Questi toni sono inaccettabili. Primo, sono inutilmente provocatori. Secondo, accompagnano un'asserzione falsa.

Ti invito a darti una calmata. Non siamo qui a competere, ma a discutere.
@mocassino
Non si tratta di fare le squadre. Hai invitato i critici dell'articolo di Oddifreddi ad argomentare il loro dissenso ed io l'ho fatto.
Nell'articolo si afferma l'inevitabilità storica degli attentati in quanto gli Usa sono gli stupratori del globo e come si sa chi semina vento raccoglie tempesta.
Però questa tesi l'argomenta malissimo tirando fuori di tutto dal bombardamento di Dresda alla guerra di Corea senza citare fatti concreti.
Da uno che si presenta come un alfiere del pensiero scientifico e razionale mi sarei aspettato moto di più.
Non voglio abusare della pazienza del padrone di casa e degli altri utenti per cui la chiudo qui.
@ Martinobri,
teoricamente un laureato in biologia non potrebbe insegnare fisica alle superiori, però può capitare. Ho un amico che ha studiato scienze naturali, ha fatto la siss ottenendo l'abilitazione come insegnante di sostegno e ora insegna fisica, elettrotecnica e inglese (pur provenendo da soli studi di francese) ad alunni stranieri con difficoltà nella lingua italiana. In questo senso può insegnare fisica.
@DanieleD

belle parole, condivido in toto
[quote-"martinobri"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/09/complottisti-senza-pudore.html#c388053376797419536"]
Ma non mi torna: che io sappia, in nessuna superiore un laureato in Biologia può insegnare Fisica.
Forse alle medie inferiori, ma allora la materia si chiama Matematica e SCIENZE. (O meglio, si chiamava: adesso ci sono nomi fantasiosi).[/quote]

Mi ricordo che, alla maturità, la mia professoressa di matematica era in commissione anche come professoressa di fisica.
Però non era bi-laureata; non so se potesse anche insegnarla
Non è che l'abilitazione all'insegnamento della fisica (quella delle formulette che si insegna nei licei) sia qualcosa compreso nella laurea in matematica?
In ogni caso mi pare chiaro Oreglio non è propriamente un esperto.

PS: qualcuno può dirmi velocemente se la frase d Chiesa "1200 architetti reputano impossibile il crollo del WTC7" è una falsità o se si tratta di un campione selezionato ad hoc dal fuffaro di staliniano aspetto per darsi ragione?
Altra domanda per i segugi del blog: qualcuno conosce un sito che possa svolgere le stesse funzioni di Backype e permetta di leggere tutti i commenti di un determinato utente?
Ho l'impressione che uno dei commentatori di questo articolo sia un personaggio apparso altre volte sotto altro nome (no, non parlo di Acca XD) sempre con fini provocatori.

Se non volete mandare il link qui sopra, mandatemelo in privato sul forum dei disinformatici, grazie :)
Lucy
Ormai siamo sul patologico e sul parossismo e qui non ci voglio più entrare.


ecco vai e chiudi bene la porta che fa corrente, ciao
"Non sarebbe una cattiva idea ricordare a Odifreddi che senza "la politica di stupro globale dei diritti dei popoli" da parte degli statunitensi, il suo pessimo articolo lo avrebbe, con buona probabilità, scritto in tedesco."

ma quali applausi, un argomentazione capziosa e stupidissima. Altrettanto avrebbe potuto dire un vecchio abitante di Praga, nel '68, ai giovani che contestavano il regime sovietico "eh, giovinastri, senza Stalin adesso stavate a protestare in tedesco".

Argomentazioni come questa danno ragione a Lucy, capacitatevene.
Robinet,

anche al cicap ci sono degli imbecilli

"Imbecilli" non mi sembra il termine giusto, ma ci sono persone che hanno idee anche fortemente opposte. Non è un'organizzazione di androidi mossi dal Pensiero Unico.
Riguardo alle insinuazioni di libidine...

è offensivo rispondere: "Anche avendo il permesso... Neanche se Sarah Palin recitasse Moby Dick in ungherese"
"Non è un'organizzazione di androidi mossi dal Pensiero Unico."

Ah no!? Che delusione! :D

Stasera ricomincia Voyager, nuovo motto della stagione è Voyager-Indagare per Conoscere.

Indagare!?

CONOSCERE!?

ROTFL, lo guarderò e poi vi dirò, ma non qui, questo thread è già stato sporcato abbastanza.
Mi ricordo che, alla maturità, la mia professoressa di matematica era in commissione anche come professoressa di fisica.

Attenzione Replicante: Oreglio è laureato in Biologia, o almeno così dice Minchiopedia.

ma quali applausi, un argomentazione capziosa e stupidissima.

Maiuscola a inizio frase e apostrofo dopo "un", grazie. Dopo ti ascolto volentieri.
@giovbrunetti

condivido in parte ciò che dici, nel senso che il post pecca di superficialità e risulta essere un po' grossolano.

Tuttavia non mi sembra di aver letto delle argomentazioni degne della severità dei giudizi espressi. anche quello che scrivi, ora, non sembra una confutazione del suo ragionamento, ma un'accusa (condivisibile) di superficialità nelle argomentazioni usate per sostenerlo.

Comunque, se vogliamo essere sinceri, dice anche altro. Si può non condividere quel post, lo si può criticare, ma a me (a parte qualche lodevole quanto rara eccezione) è sembrato solamente di leggere una masnada di talebani arrabbiati che lo lapidava di giudizi senza argomentare. Del resto anche il tuo giudizio, nelle argomentazioni, sembra essersi stemperato non poco.
Letto tutto, anche i links... non sapendo che dire, intanto basisco...

Trovo strana l'acredine generalizzata in questo thread. Di solito si è più distesi, meno assolutisti, più inclini al dibattito che al proclama. E Odifreddi e Oreglio e Berlusconi e Obama... maccheè? Stress accumulato che esplode in post pieni di rabbia? Che oggi ci siamo svegliati tutti con la Luna di traverso?

Mah. Birra al primo che posta una faccina.
"Imbecilli" non mi sembra il termine giusto

In questo caso invece mi sa proprio di sì. Odifreddi ha la stessa dignità dei neonazisti o del Ku-Klux-Klan.
Lucy,

dimmi la verità Paolo: quante volte ti è venuta voglia di prendere un mitra e di crivellarmi solo perché - per esempio - mi sono definita un troll?

Obvious troll is obvious.
@Mocassino
Non confrontiamo le due cose! Nel '68 a Praga se dicevi A anziché B ti fucilavano, qua in Italia potevi farlo! Gli USA sono meno che perfetti, ma confrontarli con il regime sovietico è come confrontare un gatto con una iena!
@Lupo e Zio
Sono abbastanza d'accordo, però i commenti filo-teorici del complotto in questione davano *contro* agli articolisti del Fatto Quotidiano. ;) Praticamente hanno lapidato gli articolisti perché non sostenevano le teorie del complotto.
Beh.. a me dato fastidio invece pure questo: su un forum che frequento spesso, un complottista ha pubblicato, ieri, un "collage" di foto di tutte le vittime dell' 11 settembre, per ricordare i caduti di quel terribile giorno, diventando di colpo " paladino della verità e della giustizia".
Quando gli ho chiesto se in mezzo a quelle foto ci fossero pure le vittime del volo United 93 e dell'aereo che si è schiantato contro il Pentagono ( dato che fino all'altro ieri lui ed altri negavano che questi aerei fossero mai esistiti) questa persona, invece di rispondere alla domanda, ha pensato bene di offendere dandomi del "viscido" e dell'irrispettoso...
Io????
"Dio",
i tuoi commenti inutilmente offensivi e deliranti non verranno pubblicati. E' inutile che insisti a inviarli. Questo non è un pulpito gratuito per troll ed esibizionisti.

e pensare che molti si interrogano sul suo silenzio(http://www.google.it/search?q=silenzio%20di%20DIo&um=1&hl=it&biw=1024&bih=649&ie=UTF-8&sa=N&tab=iw), è Paolo che non lo fa parlare.
Mocassino,

ma quali applausi, un argomentazione capziosa e stupidissima. Altrettanto avrebbe potuto dire un vecchio abitante di Praga, nel '68, ai giovani che contestavano il regime sovietico "eh, giovinastri, senza Stalin adesso stavate a protestare in tedesco".

+1
Faccio un esempio più calzante. Questo articolo riguarda, tra altri argomenti, una conferenza di Maurizio Blondet.

Ebbene, che differenza c'è tra Blondet e Odifreddi? Uno antisemita, l'altro antiamericano: stesso odio.

Per me sono solo due persone impresentabili.
Replicante,

qualcuno può dirmi velocemente se la frase d Chiesa "1200 architetti reputano impossibile il crollo del WTC7" è una falsità o se si tratta di un campione selezionato ad hoc dal fuffaro di staliniano aspetto per darsi ragione?

Credo si riferisca ad Architects and Engineers for 9/11 Truth, visto che Chiesa cita spesso quest'associazione. La cita, ma non va a vedere cosa dicono i suoi membri. Torri demolite con bombe atomiche e altre perle.

Il loro capo, Richard Gage, "dimostra" il crollo delle Torri usando due scatole di cartone.

Se fosse gente seria, pubblicherebbe un articolo tecnico su una rivista d'ingegneria strutturale invece di vendere DVD.

Come segnalavo, AE911Truth ha incassato oltre 300.000 dollari nel 2009. Difensori della verità? Mi sembrano più difensori del portafogli. Il loro.
@lufo88

non faccio nessuna confusione, è il ragionamento in sé che è stupido. Non è che siccome gli americani sono sbarcati ad Anzio allora poi (teoricamente) hanno carta bianca su tutto.
Mettiamola così: confrontare gli Americani* della seconda guerra mondiale con quelli di anche solo vent'anni dopo è esattamente come confrontare gli USA con l'URSS.

Rimane un modo quantomeno sciocco di sostenere una tesi: un atteggiamento infantile di sostenere una fazione.

*perdonatemi l'espressione sciocca e superficiale "gli americani", come se fossero un'entità omogenea ed impersonificata


p.s. @Stupidocane, fiero sbufalatore :D
@ Paolo Attivissimo
"Imbecilli" non mi sembra il termine giusto...

Errore: nel caso specifico di Odifreddi, solo cretino non sarebbe stato il termine giusto, imbecille va benissimo. :-)
Sono l'unico qui ad attendere che qualche alto esponente Americano (magari in fin di vita), in carica in quel periodo, confessi che hanno lasciato morire migliaia di esseri umani per interessi economici in altri paesi?

Solo in tempo ce lo dirà.
Posso fare un piccolo OT? Paolo, l'email topone è attiva e funzionante? Grazie!
Ciao,
Simone
Per Hammer

Ebbene, che differenza c'è tra Blondet e Odifreddi? Uno antisemita, l'altro antiamericano: stesso odio.

Per me sono solo due persone impresentabili.


A grandi linee posso essere anche d'accordo ma non metterei nella stessa barca i due personaggi. Si possono criticare le opinabili idee politiche di Odifreddi (e l'uso che ne fa...), ma almeno al livello professionale è una persona che ha i suoi meriti anche per quel che riguarda la divulgazione del pensiero scientifico fra il grande pubblico.

Mentre di quell'altro che dire? Niente è un'antisemita paranoide vecchio stile e non ha mai fatto niente di positivo.

Inoltre non metterei sullo stesso piano "antiamericanismo" e "antisemitismo" sono due cose molto distinte che hanno implicazioni di gravità ben diverse per svariati motivi tra cui la storia (soprattutto quella del '900) ed il tipo di "desideri" (o "odi") che i singoli individui provano: credo siano pochi gli antiamericanisti che vogliano sterminate tutti gli statunitensi. Mentre, purtroppo, sono ancora molti quelli che desiderano completare l' "opera" di Hitler.
Infine un conto è credere ai complotti su Kennedy, Pearl Harbor, golfo del Tonchino (non sto considerando volutamente l'11/9 perchè implicherebbe per me un'altro lungo capitolo riguardante sia gli antiamericani che gli antisemiti e vorrei tagliare corto...). E un conto è negare (o ridimensionare) anche l'olocausto e la morte di 6000000 di innocenti...

Però sul fatto che entrambi si fanno guidare (se non accecare) dall'odio senza riuscire a valutare oggettivamente i fatti hai ragione al 100%. Chiesa è il classico esempio di antiamericanista troglodito ed ignorante.

Per Stupidocane, fiero sbufalatore

Birra al primo che posta una faccina.

Accademia ti direbbe che si chiamano "emoticon"...

Comunque:
:-) ;-) XD :-b :-( >-\

Bastano? Quante birre o vinto?
@AFMcrime
Quelle che commentatori come Odifreddi definisce colonie americane sono paesi come l'Italia, la Germania, la Corea del Sud, il Cile.

Non metterei il Cile sullo stesso piano degli altri paesi, che citi, visto quello che è successo l'11 Settembre 1973.
Almeno su quello Odifreddi ha ragione...
semplicemente geniale:

http://www.thedailymash.co.uk/news/international/conspiracy-theorists-deny-9%1111-anniversary-201109094287/
ciao Paolo, volevo farti una domanda
sto guardando ora i video di lugano, sabato 4, e comprendo bene, anche perche' sei molto chiaro, la risposta che dai al signore, la prima domanda, rispetto alle famose esercitazioni. ecco, perche' in ambienti complotto fascisti, questa questione riguardante le esercitazione viene cosi' tanto gonfiata? se, come dici e come avrebbe anche un certo senso ( da un punto di vista della difesa ), queste azioni sono piuttosto comuni e presumibilmente "pulite" ma che cavolo le tirano fuori ogni volta? ad esempio, su i fatti di Utoya, anche li' esercitazione, implicitamente si vuole dire che facciano "le prove" per poi ammazzare la gente? c'e' un fondamento ( lo so che e' assurdo ma vorrei vedere se questo "ragionamento" partisse da presupposti sani) in questo ragionare?
Comunque su Pearl Harbor ho letto non troppo tempo fa(credo verso Marzo) un articolo di Xavier Batalla che sosteneva che dopo un periodo in cui si era totalmente esclusa l'ipotesi complottista, alcuni documenti ritrovati di recente (non ricordo se da storici o da giornalisti) tenderebbero ad avvallare l'idea che Roosvelt e altri membri del governo sapessero effettivamente dell'attacco.
Ci tengo a precisare che Batalla si è espresso più volte contro i complottismi su vari avvenimenti storici.
@Mocassino
Proprio questo è il punto, gli USA da quando hanno il peso che hanno, sono comunque meglio di tante altre cose. Non sto dicendo W gli USA, ma gli USA non sono il male assoluto.
@Stupor Mundi: "Bastano? Quante birre o vinto?"

Hai vinto una fucilata da Accademia... ;)
E sei già stato battuto più sopra :D
@ tutti quelli per i quali "perché 3000 morti americani valgono più di X bambini somali/iracheni/ecc":

naturalmente, immagino che analoghe considerazioni le facciate ogni anno in occasione dell'anniversario della strage di Bologna, o delle Fosse Ardeatine, o di Piazza Fontana.

@ tutti quelli per i quali Odifreddi fa un'analisi politica più o meno condivisibile:

trovereste altrettanto condivisibile un articolo che il 24 marzo dettagliasse (con un'analisi, si intende, puramente politica) i motivi atavici dell'odio verso ebrei e italiani?
Astars
"Sono l'unico qui ad attendere che qualche alto esponente Americano (magari in fin di vita), in carica in quel periodo, confessi che hanno lasciato morire migliaia di esseri umani per interessi economici in altri paesi?
Solo in tempo ce lo dirà."

Beh, qualcuno sta aspettando da quarant'anni la gola profonda per i "finti" allunaggi; 40 anni eh, e bastavan poche righe in qualche testamento. testamento
"ma quali applausi, un argomentazione capziosa e stupidissima. Altrettanto avrebbe potuto dire un vecchio abitante di Praga, nel '68, ai giovani che contestavano il regime sovietico "eh, giovinastri, senza Stalin adesso stavate a protestare in tedesco".

Se per te con Hitler si stava benone, non saprei come controbattere.
Ma certamente gli Americani sono sbarcati in Italia con il secondo fine di impossessarsi dei nostri giacimenti di pizze, la liberazione dal nazismo era solo un pretesto.
Va là, va là.

@ Paolo Attivissimo
Chiedo scusa, ma non ho capito il +1 a questo commento
@Replicante Cattivo
mi trovo senza dubbio d'accordo con te.
volevo semplicemente mettere in luce il fatto che c'è una sovraesposizione che per altre cose invece non c'è.
la provocazione serviva solo da spunto di riflessione.
Bastano? Quante birre o vinto?

Manco una. Evochi Acca e poi mi cadi sul verbo...
Due gran bei boccali di vergate sulle nocche, altro che... XD

Comunque vincette Mocassino. :P

Dai, continuate a fare i bravi sennò vi spezzo le faccine e poi le uso come frisbee da lanciare al cane, ossia me stesso... (patetica manipolazione di una battuta di Aldo, Giovanni & Giacomo)...
S.O.S.!!!
Un mio familiare è appena stato contaminato!
Mi sta raccontando come creda assolutamente perché ha visto un programma su...

OHM
OHM

Attivissimo, pregoti con urgenza di indicarmi tutti i passaggi di posa in quarantena dell'area in quanto terribilmente sconvolto dall'evento.
Un'evenienza gravissima perché questa persona prima non aveva nessun tipo di scervellamento del genere.

Il complottismo a questi livelli è criminale, un'operazione di brainwashing (anzi brainwaterboarding) che manco i lagoai.
@ mocassino
"Rimane un modo quantomeno sciocco di sostenere una tesi: un atteggiamento infantile di sostenere una fazione"

No caro, è un modo rapido per contestare una tesi faziosa. Alla disamina di Odifreddi mancavano diverse attività americane casualmente, ma neanche tanto, dimenticate: io mi son limitato a citarne una. Al limite sei tu che hai fatto un esempio sciocco e infantile con Stalin. Nella prossima risposta chi ci metterai?Dart Fener?
Cari complottisti,
su questo blog, l’amministratore non ha mai sostenuto che l’America sia il più grande Paese del mondo. Ve lo siete inventato. Su undicisettembre neppure, è solo una raccolta di dati ed analisi tecniche.
Cari complottisti, qui nessuno vi odia. Si, lo so che crederlo vi fa sentire importanti, ma su questo blog si discute, anche animatamente, si portano dati e fonti e si cerca di arrivare a delle conclusioni. Poi arriva l’ignorante di turno, che crede di saperla più lunga dei tecnici di settore, e tocca rispondere con “si vabbé, dai, grazie per aver fatto la stessa domanda che altri duecento hanno fatto prima di te. Và a ciapà i rat, su”. Non è odio, è indifferenza, che poi è l’unica cosa che vi si addice.
Cari complottisti, il decennale dell’11 settembre è stato un momento per fare mente locale, vedere le cose in prospettiva, rendersi conto di quante cose sono cambiate e di quante sono rimaste le stesse. Abbiamo studiato i fatti e i dati, abbiamo letto le ricostruzioni e le testimonianze, abbiamo passato dieci anni a dimostrare che le teorie cospirazioniste non hanno riscontri solidi, mentre i fatti e i dati raccolti puntano nella direzione di una ricostruzione precisa e dettagliata. A qualcuno questo fa dolere il sederino, pazienza, i fatti sono fatti, e se non vuoi prenderli in considerazione, problema tuo, non per questo cessano di essere fatti.
Cari complottisti, sono passati dieci anni. Sono morte oltre tremila persone, e per gli eventi dell’11 settembre si sono scatenate guerre che hanno avuto centinaia di migliaia di vittime, in molti casi innocenti. È ora di guardare avanti, di fare tesoro di quanto imparato e di cercare di capire meglio cosa ha portato a questi attacchi. Sono passati dieci anni, e voi state ancora cercando di far passare per buone delle teorie sconclusionate per cui non avete la minima prova. Siete stati sbufalati in mille modi, e adesso cercate di spostare i paletti, di passare dal 9/11 all’antiamericanismo a berlusconi alle carestie in somalia. Sembrate ridicoli, se fate così. Avete avuto dieci anni per dimostrare le vostre tesi. Avete fallito miseramente. Avete dimostrato che non sapete la differenza fra termite ed esplosivi, avete dimostrato di non sapere niente di architettura, avete dimostrato che sapete solo inventarvi storielle ridicole ed offensive, senza niente per supportarle. Dieci anni passati a rendervi ridicoli. E a dare soldi a chi specula sulla morte di gente normale, che stava solo andando a lavorare, a guadagnarsi il pane. Nessuno vi odia, non vi meritate tanto dispendio di energie.
Ma fate pena. Da dieci anni a questa parte. Un branco di pagliacci ignoranti, che si crede un’élite di furboni che hanno capito tutto. Non avete idea della pena che una scena simile suscita.
@mocassino
non confuto il ragionamento di Oddifreddi perchè non si può confutare ciò che non c'è.
Dove sono i fatti che dimostrerebbero che l'attentato é il frutto di odio nei confronti dell'America per la sua politica di potenza, quali sono i passaggi logici che vanno dalla guerra in Vietnam alle torri gemelle?
Quell'articolo é solo un cattivo esercizio di retorica.
@ Mocassino

Il risentimento è un'emozione che in ogni epoca viene manifestato verso le superpotenze del tempo.

"non enim ignavia magna imperia contineri" - Tacito.

Oggi potremmo tradurlo, adeguandolo alla fase storica: "Le grandi potenze non si conservano con la debolezza".
Le superpotenze sono tali perché manifestano la loro forza, la impongono agli altri.

Il modo come la usano fa una grande differenza.
Potremmo stare ore a discutere se gli americani sono la peggiore o la migliore superpotenza di tutti i tempi ma non servirebbe. La gente proverebbe sempre risentimento, anche fosse la migliore possibile.

Non sempre la forza si misura sul potere economico o militare. Gli Stati Uniti hanno una grande forza culturale, con il loro cinema, le loro serie televisive. Dettano la moda, modi di pensare, modi di essere. In molti paesi, i ragazzi imitano i loro eroi del cinema e della tv preferiti e sognano quello stile di vita perché lo vedono migliore della loro realtà quotidiana.

Ovviamente c'è chi si oppone a questa cultura. Vuoi per difesa della tradizione locale e quindi dei propri usi e costumi (tipo genitore islamico che uccide la figlia che vuol vivere all'occidentale), vuoi perché ha un'opposta visione politico - economico - sociale.

Odifreddi fa quindi una discussione "inutile". Gli Stati Uniti pagano lo scotto di essere una super potenza.
Il fatto che Odifreddi li definisca "stupratori" di popoli fa capire che anche lui prova risentimento verso gli Stati Uniti. Idee politico-culturali differenti? Una sua ex gli ha messo le corna con un americano? Non ha importanza.

Quelli che per Odifreddi sono "errori" dal suo punto di vista e di chi la pensa come lui, sono in molti casi l'esercizio necessario della forza che una super potenza deve praticare per mantenersi tale. Che questo piaccia oppure no.
C'è chi usa la forza in modo più leggero e chi in modo più pesante. Bisognerebbe riconoscere lo sforzo di provare a usare la forza facendo meno vittime possibili. I romani per esempio questo problema non se lo ponevano proprio.

Il termine "stupratori" di popoli è decisamente esagerato. Lo stupro è anche e soprattutto un fatto che incide sull'intimità psichica di una persona. Io me li ricordo molti atleti sovietici o del Patto di Varsavia che sembravano di ghiaccio e non gioivano e non si commuovevano di fronte anche a strepitose vittorie. Altri connazionali non ce la facevano a contenersi allo stesso modo, ma si limitavano a piccole manifestazioni composte di gioia (soprattutto le donne), per poi tornare in pochi istanti freddi e inespressivi.
Gli americani invece esultavano alla grande, sempre.

Oggi gli atleti che provengono dalle nazioni dell'ex URSS e del patto di Varsavia, gioiscono come gli americani. Si commuovono quando suona l'inno e invece di avere espressioni serie e fredde sorridono.
La manifestazione della propria gioia e della propria commozione è quanto di più umano esiste.

Se c'è stato un sistema culturale, politico ed economico che ha "stuprato" l'intimità delle persone non era e non è quello americano, con buona pace del parere di Odifreddi.
Per Ippo e Stupidocane, fiero sbufalatore

Hai vinto una fucilata da Accademia... ;)
E sei già stato battuto più sopra :D

Manco una. Evochi Acca e poi mi cadi sul verbo...
Due gran bei boccali di vergate sulle nocche, altro che... XD


Oh mio Dio!!! Che umiliazione!!! Chiedo sommessamente perdono del mio ridicolo errore ovviamente di battitura (che Zeus mi fulmini in caso contrario!!!). E soprattutto chiedo scusa ad AdP per averlo citato nello stesso commento in cui è presente quell'obrobrio...
Mi faccio perdonare andando sul classico classico:

Errata corrige: "ho" al posto di "o".

Comunque la prossima birra la vincerò di sicuro! Ahahahah! XD
astars,

Sono l'unico qui ad attendere che qualche alto esponente Americano (magari in fin di vita), in carica in quel periodo, confessi che hanno lasciato morire migliaia di esseri umani per interessi economici in altri paesi?

Sì. Il resto del mondo ha di meglio da fare.
Attivissimo, pregoti con urgenza di indicarmi tutti i passaggi di posa in quarantena dell'area in quanto terribilmente sconvolto dall'evento.

Isolamento. Se prova a ripeterti le sue teorie, digli con fermezza che l'argomento non ti interessa.

Non sprecare tempo a tentare di convincerlo ragionando. Se uno si mette in testa un'idea senza ragionarci, non c'è ragionamento che gliela possa levare.
va ora in onda la demonizzazione di Odifreddi e solo perché ha osato esprimere un parere contrario al vostro.
Complimenti un concetto molto democratico.
e poi che intendete per antiamericano. io non sono contrario al continente americano e neanche agli argentini o ai messicani e neanche agli americani per carità.
sono contrario però ad una certa pesante retorica politica americana, mezza puritana e un po' troppo ipocrita.
Mi danno fastidio le persone come Bush (e Berlusconi per rimanere a casa nostra) che mentono dalla mattina alla sera e - nel caso di Bush - giustificano le loro azioni con la bibbia, con Dio e con qualche altra entità soprannaturale.
non ce l'ho con gli americani ci mancherebbe. Del resto i veri americani vivono in riserve federali e contano come il due di briscola.
Chissà perché non si istituisce una giornata del ricordo dei genocidi (di ogni genocidio: curdi, armeni, nativi americani, etiopi, ruandesi ecc ecc.).
va be sto divagando

buona demonizzazione di Oddifredi.
Gian Piero,

Chiedo scusa, ma non ho capito il +1 a questo commento

E' un indicatore conciso di approvazione. Concordo sulla sua precisazione della differenza USA/URSS, ma il fatto di aver aiutato l'Europa a salvarsi dal nazismo non è un'assoluzione eterna.

Coloro che diedero la vita per noi non sono coloro che hanno occupato le poltrone a Washington nei decenni successivi. Se le colpe dei padri non devono ricadere sui figli, come si dice spesso, non devono farlo neanche i meriti.
Max Cady,

perche' in ambienti complotto fascisti, questa questione riguardante le esercitazione viene cosi' tanto gonfiata?

Non lo so. Dovresti chiederlo a loro.
Paolo ma di che discussione stai parlando. qui stiamo litigando fra due fazioni: voi che negate il genocidio dei nativi di america, due bombe atomiche, casini vari tra Nicaragua e Guantanamo (per non parlare del vietnam. ma fa comodo negare che usassero il napalm!!)e lo stesso imperialismo americano e noi che siamo oggetto dei vostri insulti.

faccio notare per la miliardesima volta che mi sono già presentata come troll quindi puoi anche evitare di scriverlo. pensavo fosse chiaro. Devo scrivere in democrito per farlo capire?

io pensavo che il negazionismo storico fosse prerogativa solo di una certa destra xenofoba e invece devo ricredermi. Avete praticamente riscritto la storia contemporanea degli Usa.
manca solo che scriviate che sono la più antica civiltà apparsa sulla terra e che le piramidi egizie sono state costruite da Clinton il gioco è fatto.

complimenti all'obiettività.
Faccio un mio riassunto, facendo finta interessi...
1:@ Stupor Mundi 83 antiamericanismo e antisemitismo no, ma ma antiamericanismo e antiisraeliani si; chiedere a Odifreddi ed agli ambienti a lui vicini, se le due cose non vanno strettamente a braccetto (coincidono, via...)

2 @spacesurfer "Non metterei il Cile sullo stesso piano degli altri paesi, che citi, visto quello che è successo l'11 Settembre 1973"
Non lo dico io, lo dice la maggioranza dei cileni, che di quel periodo condanna la drammatica brutalità ma ringrazia l'aver evitato il socialismo Castrista e oggi il Cile è il paese più ricco del sudamerica. Molto in sintesi, eh...

3 @ZIO BARBOCCHIA "su Pearl Harbor ... un articolo di Xavier Batalla". Uno dei più grandi scoop del dopoguerra. E io, appassionato di storia politica e militare ed in particolare di storia della crittografia e crittanalisi, non ne so niente? Ti prego, dammi le fonti!! Tu o chiunque altro ne sappia qualcosa... Fino ad allora, rimane la certezza storica che nessun messaggio AN1 trasmesso in qualsiasi momento del 1941 fu mai letto prima del 7 dicembre.

Io noto un pò troppi: "degli Americani, o di Israele, si può dire tutto, ma...", "hanno tanti difetti, ma..". Si può dire tutto un corno, hanno tanti difetti, un piffero. Oppure diciamo altrettanto dei francesi, degli svizzeri (quelli si, ma via...) magari anche degli africani e non dimentichiamo i musi gialli. Una nazione democratica e tollerante pressochè senza pari, vista la dimensione, in particolare. E parlo di tolleranza istituzionale, legislativa, oltre che culturale. E' con ogni probabilità il miglior modello proponibile oggi nel mondo. A meno che non vi piaccia il nostro...

Un'altra annotazione, già evidenziata in un altro post, che ci sono anche diversi "che schifo i complottisti dell'11 settembre, ma Pearl Harbour, o JFK, o il golfo di Tonkino, Ustica..." Ecco, senza dover ricominciare la storia ogni volta dall'inizio, non è il caso di informarsi PRIMA di postare con troppa sicurezza?
@Attivissimo: non capisco dove vedi l'istigazione all'odio nel mio post (l'istigazione è "spingere a fare cose non buone"). Pensi davvero che quei simpaticoni che VERAMENTE menano il carrozzone USA si decidano ad attaccare l'Iran leggendo il mio post?

@Roberto: ti ricordo che per la costituzione americana per poter usare le forze armate fuori dal paese bisogna che prima il paese venga attaccato, e che sia sotto pericolo imminente. Ed è ciò che avviene ogni volta che a loro viene comodo dal 1898 ad oggi. Ed avverrà ancora dato che se smettessero a depredare le risorse altrui cadrebbero in una profondissima recessione.

@Capitan A: complimenti per la serie di post costruttivi
[quote-"max cady"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/09/complottisti-senza-pudore.html#c1594689891226074464"]
ciao Paolo, volevo farti una domanda
sto guardando ora i video di lugano, sabato 4, e comprendo bene, anche perche' sei molto chiaro, la risposta che dai al signore, la prima domanda, rispetto alle famose esercitazioni. ecco, perche' in ambienti complotto fascisti, questa questione riguardante le esercitazione viene cosi' tanto gonfiata? se, come dici e come avrebbe anche un certo senso ( da un punto di vista della difesa ), queste azioni sono piuttosto comuni e presumibilmente "pulite" ma che cavolo le tirano fuori ogni volta? ad esempio, su i fatti di Utoya, anche li' esercitazione, implicitamente si vuole dire che facciano "le prove" per poi ammazzare la gente? c'e' un fondamento ( lo so che e' assurdo ma vorrei vedere se questo "ragionamento" partisse da presupposti sani) in questo ragionare?
[/quote]

max, anche se non l'hai fatta a me, la domanda (e Attivissimo t'ha dato una risposta) provo a risponderti.

Secondo me per i complottisti la cosa più importante non è dimostrare l'attinenza o il nesso di causalità tra (ad es.) le "esercitazioni" e i vari attentati. Per il loro "modo di pensare" (parola grossa) i due fatti non possono costituire una serie di coincidenze. Loro dicono "vedete? E' successa la stessa cosa a Utoya/New York/Londra/ecc. poco tempo prima di un attentato, quindi..." Poco importa che sia successo un'ora o una settimana o un mese o sa il cavolo quando prima. Direbbero lo stesso anche se fosse successo dopo. E' la solita "logica": siccome è accaduta una serie di fatti prima (o dopo, ripeto) un evento eclatante - eufemismo - questa serie dimostra quindi che l'evento è il frutto di un complotto.

Banalizzando: m'è capitato un po' di volte di partecipare a esercitazioni antincendio sul luogo di lavoro; grazie al cielo non è successo nulla né prima né dopo. Se fosse accaduto un disastro, non mi sarebbe mai passata per la testa l'"idea" che le due cose fossero connesse.

Ma forse son fatto male io o chi la pensa come me, nel senso che non riesco a trovare nella routine quotidiana per forza la cospirazione.

E' quel che io chiamo la (anti)logica del quindi.
@ Paolo Attivissimo
"E' un indicatore conciso di approvazione."
Ok, grazie per la risposta. Sospettavo un'approvazione Google style ma non ne ero certo. Troppo criptico per me. :-)

"Concordo sulla sua precisazione della differenza USA/URSS, ma il fatto di aver aiutato l'Europa a salvarsi dal nazismo non è un'assoluzione eterna"
Mica volevo assolvere gli USA: Odifreddi parla di "tempeste di fuoco su Dresda e Amburgo" come atti di colpevolezza degli Stati Uniti, ma la liberazione dal nazismo in Europa, indipendentemente da come sono avvenute le spartizioni dei territori, è un favore fatto all'umanità, non uno stupro dei diritti dei popoli.

"Coloro che diedero la vita per noi non sono coloro che hanno occupato le poltrone a Washington nei decenni successivi. Se le colpe dei padri non devono ricadere sui figli, come si dice spesso, non devono farlo neanche i meriti."
L'esempio dell'Italia l'ho preso perchè riguarda gli italiani molto da vicino. Potevo parlare di Libia, anch'essa stranamente dimenticata, ma sarebbe stato meno efficace.
Ma anche di Kuwait o di Bosnia in cui, sarebbe bene precisare, si trattò di interventi ONU e non solo statunitensi (come del resto Afghanistan e Iraq).

Riassumendo, l'articolo di Odifreddi è di per se una cozzaglia di imprecisioni e lacune che hanno il solo fine di giustificare un'ipotetico odio nei confronti degli USA da parte del resto del pianeta. Non mi sembra corretto come ragionamento... e men che meno matematico.
sempre @ Paolo Attivissimo
lungi da me l'idea di trascinarti in una dibattito storico-politico (perlatro sterile) per cui non è necessario rispondere al mio commento precedente.
Era solo un chiarimento della mia posizione. Più indirizzato a mocassino.
Saluti a tutti
Hola gente,

sapete se esiste un sito sull'11/9 organizzato a mo' di FAQ, cioe' con tutte le varie obiezioni e domande (di complottisti e curiosi) e con una risposta per tutte in maniera razionale e poco emotiva?

gracias
@Gian Piero Biancoli

non mi stupiesce che tu non abbia capito il +1 di Paolo al mio commento, visto che dalla tua replica è evidente che non hai affatto còlto la logica della mia affermazione. Vorrei dire che non mi sono spiegato bene, te lo giuro, per rispettare la netiquette, ma in realtà sei proprio tu a non aver capito e ad aver replicato con un'affermazione sciocca.

Se vuoi meritarti un po' di considerazione devi, mi dispiace, rileggerti tutto e capire che hai fatto più di un salto logico.

L'esempio di Stalin non è infantile, o meglio, lo è nella misura in cui riprende il filo logico del ragionamento stupido che stavo contestando.

Se ti sembra infantile vuol dire che il tuo cervello è d'accordo con te, ma il tuo ostinato pregiudizio irrazionale ti impedisce di ammmetterlo :)

@contekofflo

trovo condivisibili molti aspetti di quell'articolo, invece di fare paralleli poco consoni, trova un modo razionale e semplice di spiegare eventuali ragioni contrarie, non sparare iperboli sciocche che hanno significato solo per te.

@lufo88

Ed infatti io non sto dicendo che gli usa siano il male assoluto. Vedi, cominciamo a relativizzare e ragionare ;)

@Roberto

"Potremmo stare ore a discutere se gli americani sono la peggiore o la migliore superpotenza di tutti i tempi"

ma figurati se mi metto a perdere tempo con uan discussione così inutile! Cos'è: superman contro l'uomo ragno? Siamo seri, dai....

Il problema del tuo approccio è che è manicheo: o con loro o contro di loro. Niente è criticabile perché tutto è funzionale.

Sono sciocchezze, secondo me.

Tante idiozie della politica estera americana sono state solamente idiozie (o nella "migliore" delle ipotesi erano atti utili a far guadagnare pochi), coperte da false esigenze che sono funzionate da alibi.

Questa la mia opinione e questo spazio, per fortuna o purtroppo, non è adatto a sviscerare adeguatamente il discorso in tutte le sue sfaccettature.

Il baubau del comunismo è stato uno degli alibi che megli hanno funzionato negli States, e tu lo usi ancora nelle tue speculazioni senza renderti conto che è un'arma a doppio taglio.
Vuoi sapere, a titolo di esempio, qual è il più grande danno che ha causato il comunismo in Italia?



Berlusconi.


@giovbrunetti

il fatto che tu non sia in grado di individuare un ragionamento, non vvuol dire che questo non ci sia.
La tua scarsa capacità di cogliere i messaggi negli scritti si evidenzia già nel fatto che tu non abbia còlto che in precedenza io ho già scritto una risposta alla tua domanda. Non bisogna confondere l'influenza del risentimento nei confronti degli americani nel consenso ricevuto dagli attentatori, con le motivazioni degli attentori (direi più con i mandanti, che un attentatore suicidia possa essere mosso solo ed esclusivamente dall'odio mi pare lapalissano).

Dovresti fare esercizio di lettura piuttosto che giudicare presunti esercizi di retorica altrui.
@Roberto: ti ricordo che per la costituzione americana per poter usare le forze armate fuori dal paese bisogna che prima il paese venga attaccato, e che sia sotto pericolo imminente. Ed è ciò che avviene ogni volta che a loro viene comodo dal 1898 ad oggi. Ed avverrà ancora dato che se smettessero a depredare le risorse altrui cadrebbero in una profondissima recessione.


Suvvia, invece di organizzare mega complotti non sarebbe più comodo modificare la costituzione (assumendo per buono ciò che dici).
Sarà mica che invece due o tre volte pure loro si son trovati nei guai.
War never determines who is right. Only who is left.
Il mio precedente commento è rivolto a "The Moga",pardòn, da come ho scritto non si capisce
"Riassumendo, l'articolo di Odifreddi è di per se una cozzaglia di imprecisioni e lacune che hanno il solo fine di giustificare un'ipotetico odio nei confronti degli USA da parte del resto del pianeta. Non mi sembra corretto come ragionamento... e men che meno matematico."
Coincide con quanto volevo dire io solo scritto in un italiano decente.
vorrei ricordare a odifreddi altri due eventi:
madrid 11/03/04
londra 07/07/05
rimango in trepidante attesa di altrettanti articoli privi di retorica dove l'insigne matematico traccerà un percorso logico spiegante gli avvenimenti (che ne so, la cacciata dei mori dalla penisola iberica e la progenia degli americani come colpa grave per i secondi...)
dai odifreddi facce sognà!!

@paolo: ok, ritiro l'imbecille.
uh? chi è che ha negato il massacro dei nativi americani, il bombardamento atomico, il Nicaragua, l'uso del napalm?

Comunque non riesco a vedere differenze qualitative fra l'atteggiamento che gli Annamiti avevano coi Cocincinesi, quello che i giapponesi avevano coi manciuriani, quello che i cow boys avevano con i nativi o quello che i boeri avevano con i bushmen.

Così come non vedo differenze fra salvare la Bolivia o salvare l'Iraq.

Tutto questo per condividere una procedura.

Quando leggo un articolo su una azione commessa, per decidere se la trovo criminale, eroica, lungimirante o cretina, lo rileggo immaginando le posizioni invertite.
OT
@AFMcrime
penso che la lettura di "Processo ad Henry Kissinger" di Hitchens ti farebbe riconsiderare la tua opinione sul Cile.
@ pgc
"un sito sull'11/9 organizzato a mo' di FAQ, cioe' con tutte le varie obiezioni e domande (di complottisti e curiosi) e con una risposta per tutte in maniera razionale e poco emotiva"

In pratica hai descritto http://undicisettembre.blogspot.com/ :-)

Nella colonna di destra, scrollando in basso ci sono le FAQ che cerchi.
pgc,

sapete se esiste un sito sull'11/9 organizzato a mo' di FAQ, cioe' con tutte le varie obiezioni e domande (di complottisti e curiosi) e con una risposta per tutte in maniera razionale e poco emotiva?

Hai provato le FAQ di Undicisettembre.info? Sono nella colonna di destra del sito. Le sto aggiornando e "disemotivando" progressivamente.
"Devo scrivere in democrito per farlo capire?"

Cara Lucy, mi spiace per te, ma Democrito non è una lingua, era un filosofo dell'antica Grecia. "Democrito nacque intorno il 460 a.c. ad Abdera, dove era nato anche Protagora. Egli fu atomista, ovvero seguì quelle dottrine che per un verso presuppongono l'indagine naturale dei primi pensatori e la riflessione degli eleati, ma per l'altro anche i dibattiti sui rapporti tra natura (fusiV) e legge convenzionale (nomoV). Democrito, a differenza degli altri pensatori e a somiglianza dei suoi contemporanei sofisti, scrisse una miriade di opere: tramite un catalogo stilato da Trasillo nel primo secolo d.C., sappiamo che dovevano aggirarsi intorno alla cinquantina. Purtroppo ci sono pervenuti solo pochi frammenti di esse." (http://www.filosofico.net/democ.html)
Astenersi da mezzucci del tipo 'l'ho scritto apposta per vedere chi se n'accorgeva' :-)
Themoga,

non capisco dove vedi l'istigazione all'odio nel mio post

La tua tesi è che gli americani si fanno gli attentati da soli per avere una giustificazione per invadere ("Sono aperte le scommesse su cosa si inventeranno per attaccare l’Iran… ").

La tua tesi non è fondata sui fatti e quindi lancia accuse infondate. Questo istiga all'odio esattamente tanto quanto un "lo sanno tutti che gli ebrei controllano le banche, sono strozzini e vogliono dominare il mondo".

Speravo non fosse necessario spiegarlo.
"Ed avverrà ancora dato che se smettessero a depredare le risorse altrui cadrebbero in una profondissima recessione". Ecco, c'è chi pensa che questo sia un ragionamento serio. Togliamo il serio. Già pensare che sia ragionamento, è fare onore a qualcosa che non lo merita.
lucy,

voi che negate il genocidio dei nativi di america

Sono veramente stanco di queste accuse false e demenziali.

Non intendo regalare altro spazio a questa diarrea verbale.
"Dio",

va ora in onda la demonizzazione di Odifreddi e solo perché ha osato esprimere un parere contrario al vostro.

Quello che ho scritto a Lucy vale anche per te.
Mocassino,

Vuoi sapere, a titolo di esempio, qual è il più grande danno che ha causato il comunismo in Italia?

Berlusconi.


PER FAVORE teniamo la politica e i massimi sistemi fuori da questo blog. Grazie.