skip to main | skip to sidebar
10 commenti

“Palla di fuoco” dal cielo causa esplosione in Argentina?

Esplosione in Argentina, sensazionalismo spaziale e palle. Di fuoco


Non accenna a calare la febbre da satellite in caduta che sta affliggendo il giornalismo sensazionalista dopo il rientro innocuo del satellite UARS.

A Monte Grande, alla periferia di Buenos Aires, c'è stata un'esplosione che ha causato la morte di una donna e il ferimento di altre otto persone, distruggendo alcune case e automobili. Subito TGCom ha titolato “Argentina, misteriosa "palla di fuoco" dal cielo”, dicendo che “testimoni hanno riferito di aver visto cadere dal cielo una "palla di fuoco"” e parlando senza mezzi termini di “impatto”.

Paid2write (classificato come sito di notizie da Google) scrive senza mezzi termini “Meteorite Cade Sulla Terra In Argentina” e ipotizza subito un insabbiamento (“sembra che ci siano già alcune autorità (chissà perché) che cercano d’insabbiare il tutto e farlo passare come un normale incidente domestico”). Russia Today parla addirittura di “palla di fuoco aliena” (“‘Alien fireball’ blamed for wrecking Argentine town”); per La Tercera si tratterebbe di un relitto spaziale o di un meteorite. Anche l'agenzia AGI titola “ARGENTINA: 'PALLA DI FUOCO' DAL CIELO, UN MORTO E 8 FERITI”.

Ma è tutta una bufala che un briciolo di buon senso e di analisi delle foto e dei video che ritrarrebbero la “palla di fuoco” avrebbero evitato di far montare. Infatti MeteoWeb, dopo aver pubblicato la notizia iniziale, ha segnalato che il testimone della “palla di fuoco” ha confessato di essersi inventato tutto e di aver falsificato la fotografia della scia infuocata (quella mostrata qui sopra), come riferisce anche Infobae.com.

La causa della distruzione è con tutta probabilità molto più terrena, secondo queste ultime fonti: una bombola di gas collegata in modo improvvisato a un forno. Bad Astronomy ha una lista di eventi normalmente banali che l'eccitazione di questi giorni sta attribuendo a satelliti e meteore.

Si conferma, insomma, la sensazione frequente che certi giornalisti credono che il rasoio di Occam sia quello che usa la moglie per depilarsi e vivono secondo un motto che ha ben poco a che fare con la deontologia: mai farsi intralciare dalla verità se c'è una storia ghiotta da raccontare.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (10)
Mica solo i giornalisti si scordano cos'è il rasoio di Occam. :-)
Il motto è una perla! XD
Vivo in Argentina e si è fatto un gran parlare di questa notizia (ovviamente). L'esplosione è stata forte, secondo quanto dicono conoscenti miei che vivono in zona, si è sentita fino a 3-4 km di distanza ma non di più. Ha impressionato la distruzione che ha fatto, più che altro; il dubbio è come l'esplosione di una bombola può causare tanti danni. Il proprietario dell'immobile sostiene che in un primo sopralluogo della polizia due bombole siano state trovate ancora sigillate e inesplose e una terza bombola fosse chiusa "correttamente". Il tipo che aveva messo in circolazione la foto contraffatta è stato arrestato per falsa testimonianza.

Comunque devo ammettere che i media, che qua sono ultrasensazionalisti (in Italia in confronto sono dei pivelli), hanno dato poca corda a questa tesi "spaziale", e sono stati piuttosto accorti. Ma a parte questi dettagli l'ipotesi del "ciel nous tombe sur la tête" di Asterixiana memoria è gia data per scartata.

Saludos!

http://www.minutouno.com.ar/minutouno/nota/152712-un-escape-de-gas-ya-esla-principal-hipotesis/

http://www.lanacion.com.ar/1409605-conmocion-por-una-explosion-mortal
Questa notizia starebbe benissimo in uno di quei giornali di "gossip" che i Men in Black leggono per tenersi aggiornati sulle attività aliene sulla Terra, tipo Weekly World News.
Ahinoi, speriamo che non ne parlino anche a Mistero! :)
"Tra la realtà e la leggenda, si stampi la leggenda"
(Chi diavolo era? Rockefeller?)
@martinobri
"Tra la realtà e la leggenda, si stampi la leggenda"
(Chi diavolo era? Rockefeller?)

Rockfeller chi? Il corvo?
A me ricorda "L'uomo che uccise Liberty Valance"
John Davison Rockefeller (1839-1937). Ma probabilmente ricordo male.
Faccio notare come nelle esplosioni di gas contenuto nelle classiche bombole per uso domestico la bombola non esplode come una granata. Ma il gas che fuoriesce dalla perida se non trova vie di fuga al momento dell'espansione (incendio) allora il botto è inevitabile.

È per questo che non ci scoppia l'accendino in mano quando ci accendiamo una sigaretta. Ho letto qualche commento sui soliti forum di disinformazione complottistica dove si lamentava il fatto che la bombola inquadrata nel servizio sia ancora intatta.
John Davison Rockefeller (1839-1937)...
Nel cui sterminato impero economico, pare non ci fosse l'editoria. E' improbabile che abbia detto quella frase.
Ribadisco è una citazione imprecisa da l'uomo che uccise Liberty Valance "When the legend becomes fact, print the legend" oppure è stato il corvo Rockfeller.
L'evento in sè sembra una citazione precisa della comic novel "L'Eternauta", ambientata, guardacaso, proprio in Argentina.