skip to main | skip to sidebar
232 commenti (ultimi)

Gli USA e il sistema metrico decimale: perché gli Stati Uniti usano ancora un sistema così bizzarro?

Durante le mie peregrinazioni in Rete mi sono imbattuto in questo grafico molto eloquente che paragona il sistema di misure anglosassone ancora in uso negli Stati Uniti con quello metrico decimale utilizzato nel resto del mondo.


Avrebbe bisogno di una traduzione in italiano, ma in sintesi il grafico mostra l'assurdità di avere 12 pollici in un piede, tre piedi in una iarda e 1760 iarde in un miglio, oppure di pesare le cose usando libbre che si dividono in sedici once. Per non parlare della bizzarria di usare mese/giorno/anno al posto di giorno/mese/anno nelle date, causando confusione interminabile ("9/10/2011" è il 10 settembre o è il 9 ottobre?).

Eppure su questo sistema balordo, concepito in un'epoca preindustriale nella quale serviva che le unità avessero molti divisori senza resto (12 si divide per 6, 4, 3, e 2; 10 si divide per 5 e per 2), si regge sostanzialmente l'intera industria degli Stati Uniti. E avanzi di questa follia persistono in aviazione, dove per esempio le quote si misurano ancora in piedi. Pazzesco.

Io continuo a dirlo ai miei padroni Rettiliani: invece di gingillarvi con le scie chimiche, gli UFO e i complotti assortiti, dovreste sistemare le cose serie. Imporre il sistema metrico decimale, pena la disintegrazione immediata. Abolire l'ora legale e imporre l'uso di un'ora uguale per tutti i fusi orari (senza am e pm). Introdurre una presa di corrente universale e uno scartamento standard per i binari dei treni. E sistemare la disposizione delle lettere sulle tastiere. Ma mi dicono che è con questi inciampi, con la nostra stessa stupidità e incapacità di organizzarci, che ci tengono a bada.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (232)
Per non parlare delle frazioni di pollice. Nei disegni tecnici c'è di che divertirsi a convertirli in mm... si trovano amenità come "2 pollici e 13 trentaduesimi" o "1 pollice e 15 sessantaquattresimi". Una pacchia...

Ma se non tutti gli europei sanno usare il sistema anglosassone, gli americani sanno invece usare il sistema metrico decimale. Perché sono costretti dal resto del mondo e soprattutto perché per uno abituato a dividere o moltiplicare le unità di misura secondo regole assurde, ci vuole ben poco ad imparare a dividere o moltiplicare per 10.
'Ora legale' è una terminologia errata.

L'ora solare è l'ora indicata dal sole, quindi gli abitanti di Trieste hanno un orario differente da un geometra a caso che abita a Sanremo. Il sole è in due posizioni differenti rispetto al suolo.
Per questo è stata adottata l'ora legale, che è stabilita, appunto, per legge ed è uguale in tutta Italia. Quando d'estate spostiamo di un'ora indietro gli orologi, attiviamo l'ora estiva (che gli anglosassoni chiamano giustamente Daylight saving time). Sarebbe giusto chiamarla quindi era estiva e non ora legale, come invece tutti chiamano, perchè anche l'ora invernale è un'ora legale.
Sarebbe giusto chiamarla quindi era estiva e non ora legale

Sarebbe ancora più giusto sbarazzarsene una volta per tutte.

Se non ricordo male, il risparmio economico pro capite dell'ora estiva era di una decina di euro. Io pagherei volentieri dieci euro per non farmi sballare due volte l'anno tutti gli orari dei pasti e per non dover fare il giro di tutti gli orologi di casa (e dell'auto) due volte l'anno.
gli americani sanno invece usare il sistema metrico decimale

Alcuni sì. Chiacchierando con Charlie Duke (l'astronauta) mi diceva che loro sulla Luna e per buona parte della missione ragionavano in metri. Quarant'anni fa.

Ragione in più per smetterla con questo sistema arcaico.
Solo una considerazione dal punto di vista informatico sulle date.

In un sistema testuale, con la date espressa all'americana inserendo prima il mese è possibile già fare il controllo sul numero di giorni (28/30/31) senza costringere l'utente a ritornare al campo precedente. Anteponendo anche l'anno poi si risolverebbe anche la questione degli anni bisestili.
E dai, non togliermi una delle poche cose legali rimaste in Italia...
Anche anno-mese-giorno è molto interessante, perché si possono mettere le date in ordine crescente o decrescente semplicemente ordinandole alfabeticamente.
Io (come tanti altri) lo uso per distinguere i diversi aggiornamenti di uno stesso file.
Per esempio oggi è 2011-11-02, o più sinteticamente ancora (per i file che uso io) 111102.
Anche perchè utilizzare due sistemi di misura possono creare problemi molto grossi.
Mars Climate Orbiter venne persa nel 1998 perchè si utilizzavano due sistemi di misura per misurare le distanze, il sistema imperiale per misurare la distanza del viaggio e il metrico per misurare l'altezza dal suolo (se non erro).
Al momento dell'entrata in atmosfera marziana, qualcuno (il computer o da terra) si dimentico di passare da imperiale a metrico, la sonda azionò tardi i retrorazzi e si schiantò al suolo.
non ho capito esattamente cosa vorresti fare con i fusi orari. No xche' per esempio Beijing e Urumqi hanno lo stesso fuso orario, pero' x colpa di quel birichino del sole, quando a Beijing sono le 9 di sera ad Urumqi c'e' un sole pomeridiano..
non dover fare il giro di tutti gli orologi di casa (e dell'auto) due volte l'anno

Beh dai ormai il 99% degli orologi si auto-regolano. Io l'unico orologio che ho dovuto sistemare è stato quello dell'auto. :-)

Comunque se riesci a chiedere ai Rettiliani di sostituire anche la settimana di 7 giorni con una settimana da 5 mantenendone 2 di weekend sarebbe anche più spettacolare. :-D
E avanzi di questa follia persistono in aviazione, dove per esempio le quote si misurano ancora in piedi. Pazzesco.

Pazzesco per chi non sa che ogni tanto è necessario fare qualche veloce calcolo a mente per non ammazzarsi ;-)
non è affatto vero che gli americani sanno usarlo.. qua in Olanda ho conosciuto diversi exchange student americani.. sono molto confusi dal sistema metrico.. diciamo che sanno che un metro sono circa 3 piedi, un po' come noi sabbiamo che un piede è circa 30 centimetri.

E sono sconvolti anche dall'usare i celsius e non i farenheit..

Questo per dire che l'americano medio non sa una cippa del sistema metrico ;)
Bell'argomento. Per non parlare di unità di volume dei liquidi, i gradi Fahrenheit, e tutte le misure di svariate grandezze fisiche. Bisogna lanciare la campagna: "Una Terra, un sistema di misura", che tra l'altro esiste già, il Sistema Internazionale. Pare che precedenti governi Usa ci abbiano provato ad introdurre il cambiamento ma la gggente non ne vuole sapere di cambiare.
"Abolire l'ora legale"

Non sono d'accordo: ammesso che il risparmio pro capite sia di 10 euro come dici tu, ne vale comunque la pena.

"E sistemare la disposizione delle lettere sulle tastiere."

Anche qui dovresti spiegare cosa intendi. Sistemare come?

Per il resto, concordo in pieno ;)
Magari è una bufala pure questa, ma avevo sentito che l'esercito americano usa già l'ora senza am e pm e i chilometri (che abbreviando chiamano clicks).
Questione annosa ma con una risposta pratica, in caso di calamità non sapremmo misurare in metri, mentre misurando in piedi e pollici, potremmo valutare alcune cose con scarti minimi.

@Paolo: Oggi l'ora legale ci costa, a voi del nord sopratutto, un risparmio di 10 euro a testa, un tempo era ben diverso, quando ci si svegliava presto per andare in fabbrica, e le fabbriche sfruttavano al massimo la luce del sole.
Oggi è a tutti gli effetti un orpello inutile.
E magari superiamo un calendario con i mesi di 30, 31, 28 o 29 giorni per un bel calendario universale di 13 mesi di 28 giorni (+ 1 giorno di festa a capodanno, 2 nei bisestili: soppia festa!).

tutti i mesi iniziano di lunedì e finiscono con la domenica.

Le feste non cambiano ogni anno (a parte la Pasqua o il Ramadan): Natale è di giovedì. Anche il 25 aprile è di giovedì. Tutti i 25 sono di giovedì.

Al limite perderemo un po' di donnine nude sui calendari: ma mi sembra una moda che ha fatto il suo tempo.
Anche gli inglesi hanno pian piano iniziato ad accorgersi che simili sistemi complicavano non poco la vita.

Prima del '71 una sterlina era composta da venti scellini ed uno scellino valeva dodici penny; quindi 240 penny valevano una sterlina.
Sono esistiti (in epoche diverse) anche i Tanner (6 pence d'argento), i Groat (4 pence), il fiorino (2 pence), l'halfpenny (1/2 penny) ed il farthing (1/4 di penny).

Prima o poi inizieranno anche a guidare l'auto dalla parte giusta della strada :-)))
Non sono d'accordo con l'abolizione dell'ora "legale".
Il risparmio di energia è sempre una buona cosa al prezzo di un disagio minimo... addirittura due volte all'anno!!! :)
e cosa fare con quelli che guidano a sinistra?

tanto più che hanno il coraggio di dire che siamo noi che guidiamo on the wrong lane!
NOn ho capito cos'intendi per "un'ora uguale per tutti i fusi orari" col successivo riferimento a ante e post meridiane...
Intendi per caso dire che adesso sono le 9.45 (di mattina a a.m.) in Italia, e dovrebbero essere le 9.45 a.m. anche a Nuova Delhi?

Per le date: preferirei a dire il vero introdurre il... sistema inverso, ovvero anno/mese/giorno, passando dal più grande al più piccolo. Mi pare assai più funzionale (almeno se sento una data, partendo subito dall'anno riesco a collocarla nel corretto contesto temporale, invece partendo dal giorno devo aspettare la fine per capire anche solo di che secolo si sta parlando)

Tastiere: a questo punto, più che una uguale distribuzione delle lettere suggerirei prima di tutto:
- uguale distribuzione nelle tastiere di pc e macchine da scrivere, con uguali convenzioni (vedi numeri e quant'altro)
- uguale alfabeto per tutti
Il problema principale è che non sono mai passati dalla versione soft [1 lb (453,6 g)] a quella hard [500 g (1,102 lb)] della transizione.

Inoltre hanno alcune misure non proprio definite come i Fathom ed i Furlong.
Ricordo un "piccolo" errore occorso tra i vari tecnici della missione "Mars Climate Orbiter" (vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Mars_Climate_Orbiter ) dal costo modesto di qualche milione di dollari... un bel Big FAIL
Vogliamo parlare anche della temperatura misurata in gradi fahrenheit ;)
In realtà è un piano preciso dei rettiliani: farci perdere un sacco di tempo dietro alle cose banali, mentre loro mettono a punto la conquista dell'universo.
Tu lo sai, caro Paolo, che c'è una parte neanche troppo piccola dell'economia mondiale che campa grazie alla necessità di adattare una cosa ad un altro paese? :)

Poi, per il resto, sono abbastanza d'accordo con te, anche se non mi fa perdere il sonno la faccenda.

PS Quoquotu? In GB non usano anch'essi alcune loro singolari unità di misura? E poi guidano contromano! :D :D :D :D
Una piccola precisazione, il sistema di misura anglosassone è usato anche in marina, non solo in aeronautica, con l'eccezione del miglio nautico...

Infatti il miglio terrestre e miglio nautico non sono uguali... E che dire sulle miglia nautiche delle quali ne esistono di ben tre diverse misure? E della velocità misurata in nodi, ne vogliamo parlare?
A dire il vero le date in stile anglosassone hanno una loro praticità nell'informatica.

MMDDYYYY è un insieme già ordinato naturalmente, cosa non vera per DDMMYYYY.

Le unità di misura, invece, non hanno giustificazioni pratiche!
Un paio di anni fa, parlando con un ragazzo di Chicago, ho scoperto che gli americani fanno uso abituale anche del sistema metrico decimale, al pari del loro sistema spannometrico. L'unica problema è che ogni cosa ha la sua misura. Se per esempio il latte viene venduto in confezioni da un litro, allora useremo il litro. Se invece il succo d'arancia viene venduto in piccole confezioni da mezzo gallone, due litri scarsi, allora vai con il sistema spannometrico.
In Russia lo han già fatto.
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/mondo/2011/03/26/visualizza_new.html_1531203127.html
un geometra a caso che abita a Sanremo

La gente normale usa l'espressione "la casalinga di Voghera", noi "il geometra di Sanremo" :D :D

A parte gli scherzi, c'è da dire che l'ora solare convenzionale indicata dal nostro fuso orario è davvero presente in alcuni posti d'Italia, essendo quella del 15esimo meridiano a Est di Greenwich, che passa per l'Italia. E nella maggior parte d'Italia l'ora solare convenzionale si discosta dall'ora solare reale di una manciata di minuti.

Cosa ben diversa è per tanti altri Paesi: per esempio la Spagna ha la stessa nostra ora solare convenzionale, ma è molto distante dal 15esimo meridiano Est. Anche la Polonia orientale, la Serbia, la Macedonia, non se la passano troppo bene, come si evince da questa cartina.

L'ora legale, o ora estiva, che anche io preferisco come definizione, quando applicata rende l'ora solare locale di qualsiasi posto in Italia lontana di parecchie decine di minuti...
Se anche i tuoi padroni Rettiliani non ti ascoltano, siamo messi male!

con quello metrico decimale utilizzato nel resto del mondo

Ma quando abitavi in UK, dicevi "Tutti usano ancora piedi e pollici, libbre e iarde", anche se in teoria il Regno Unito dovrebbe essere passato al sistema metrico decimale negli anni settanta (se ricordo bene, non ho googlato)... sono ancora così cocciuti i britannici?
Chiacchierando con Charlie Duke (l'astronauta) mi diceva che loro sulla Luna e per buona parte della missione ragionavano in metri. Quarant'anni fa.

Sarebbe incredibile in effetti che anche in una missione lunare si sia ragionato in piedi e pollici.
Quando ho letto questo post mi è venuta in mente la prima vignetta di questa pagina:
http://theoatmeal.com/comics/senior_year
Oserei replicare al "Rest of the world". Vogliamo parlare del Regno Unito?
E' per questo che contano UNO DUE TRE partendo dal mignolo? :P
Comunque non dobbiamo gongolare troppo...
In Europa, come credo in tutto il Mondo, l'anno è scandito in:
12 mesi
30-31-28 giorni per mese (senza alcun ordine)
24 ore per giorno
60 minuti per ora
60 secondi per ora

Un ginepraio assurdo al quale, almeno parzialmente, si potrebbe porre rimedio, per esempio mettendo 100 secondi per un minuto e 100 minuti per un'ora.
Eh eh, anche noi abbiamo i nostri scheletri nell'armadio.
Misuriamo gli angoli a colpi di 360 gradi, eredità dei babilonesi che usavano la base 20 e 60 per cui avevano "adattato" l'anno solare a 360 giorni (da cui lo standard per l'angolo giro).
Ragionando in base 10, sarebbe senz'altro più comodo un angolo giro di 100 gradi ma siamo abituati così, e le abitudini, si sa, sono dure da sradicare.
E dopo questo breve excursus, ho da provi una domanda che mi attanaglia da tempo a proposito delle convenzioni. :
perché i punti del tennis sono 15-30 e 40? Qual è l'origine di ciò?
Secondo Terna nel 2007 il risparmio in Italia è stato di 650 milioni di kWh, ovvero neanche 11 kWh pro capite. Quindi circa 1 euro a testa. Però le giornate lunghe d'estate sono belle, quindi se dovessi scegliere un solo orario durante l'anno, sceglierei l'ora legale (estiva) non quella solare (invernale).
Già, pazzesco...

Ancora più pazzesco sarebbe sentire gridare da un terrazzino "0,969 miglia ripeto 0,969 miglia!" (che così sembra più basso che gridare "5118,033 piedi ripeto 5118,033 piedi!")
:D
L'anno scorso ho fatto la stessa la fatidica domanda a un inglese: perché usate un sistema così confusionario? Mi ha risposto ricordandomi che il sistema metrico decimale è stato introdotto per la prima volta in Francia in epoca napoleonica e, come tutti sappiamo, i francesi non avevano un rapporto roseo con gli inglesi. Questi ultimi se ne sono bellamente infischiati (insieme agli americani, innegabilmente influenzati dalla madrepatria), così siamo arrivati ai giorni nostri con l'America che non ha mai adottato il SI e la Gran Bretagna in cui è stato adottato ma non è ancora molto utilizzato.
Per girare ancora di più il coltello nella piaga, da apprendista idraulico posso affermare che i diametri dei raccordi e dei tubi in generale sono espressi in pollici...
Perchè gli americani se ne fregano perchè tanto fanno credere che loro sono i migliori e hanno sempre ragione.
Gli americani non pagano la loro quota all'ONU, alla FAO e con il pretesto della Palestina hanno tolto la sovvenzione all'UNESCO.
Gore si fa paladino del riscaldamento globale ma gli USA sono l'unico paese al mondo che non ha ratificato Kyoto e le loro induastrie se ne fregano delle emissioni.

Sì, Attivissimo lo dica pure ai suoi padroni 'rettiliani' che è ora che risalgano sulla terra a vedere come è il mondo.

Albino
Bisogna lanciare la campagna: "Una Terra, un sistema di misura", che tra l'altro esiste già, il Sistema Internazionale

Ah, il Sistema Internazionale! Il mio prof di Fisica all'università lo amava talmente che avrebbe volentieri proibito per legge l'uso dei "chilometri all'ora"!
Nooooo!! Non si puo' cancellare il calendario anglosassone!!!
Il marzo 14 di ogni anno e' il Piday. Se mi togli questa geek-festivita' mi devi come minimo dividere l'anno in 14 mesi da 26 giorni!!! (non la piu' pallida idea di come calcolare il bisistele ma qualcuno bravo che sa come fare lo troviamo ;-))

Angelo
Per quanto riguarda gli angoli, in ambito di rilievo topografico viene quasi esclusivamente usata la misurazione centesimale. In matematica spopola il radiante. A parte per l'indicazione delle coordinata geografiche, non so esattamente dove venga ancora fatto largo uso dei gradi sessagesimali.
Si tratta di un fattore culturale e sociale.

Io sono britannico e anche noi usiamo il sistema anglosassone, tra l'altro con qualche differenza fastidiosa. Tutti sanno che il sistema decimale è migliore, più semplice, più logico, ma tutti sono abituati a lavorare così e quindi continuano a farlo.

Certo, ogni tanto ne vediamo succedere delle belle per via del suddetto sistema: mi ricordo il Beagle2, doveva essere il primo Mars Rover al mondo, completamente britannico, è arrivato su marte e si è schiantato perchè qualche idiota aveva impostato il sistema di navigazione in miglia anziché in km.

Sembra stupido, lo so, ma anche qui in Italia, in altri campi, non si adattano protocolli semplici o logici perché si preferiscono i metodi a cui tutti siamo abituati. C'è anche da tenere conto dei costi. Su un giornale ho letto di recente un interessante articolo sul perché il regno unito non si decide a cambiare senso di marcia sulle strade. Il costo, SOLO per girare tutti i cartelli, era nell'ordine dei miliardi di sterline.

Perchè gli americani se ne fregano perchè tanto fanno credere che loro sono i migliori e hanno sempre ragione.
Gli americani non pagano la loro quota all'ONU, alla FAO e con il pretesto della Palestina hanno tolto la sovvenzione all'UNESCO.
Gore si fa paladino del riscaldamento globale ma gli USA sono l'unico paese al mondo che non ha ratificato Kyoto e le loro induastrie se ne fregano delle emissioni.


Sono tutti dei Satana...
come tutti sappiamo, i francesi non avevano un rapporto roseo con gli inglesi. Questi ultimi se ne sono bellamente infischiati (insieme agli americani, innegabilmente influenzati dalla madrepatria), così siamo arrivati ai giorni nostri con l'America che non ha mai adottato il SI e la Gran Bretagna in cui è stato adottato ma non è ancora molto utilizzato.

Direi che questa è la prova che è FALSO che la nostra sia una specie intelligente...
Dimentichi i nodi e le miglia nautiche. A terra abbiamo il sistema metrico, in mare le miglia nautiche.
Le miglia, come puoi vedere qui, hanno una lunghezza diversa a seconda che sono terrestri, nautiche, inglesi o americane:
http://it.wikipedia.org/wiki/Miglio_%28unit%C3%A0_di_misura%29
@ pianetax

Non mi pare che gli USA non paghino la loro quota ONU.
Nel 2010 hanno versato
517.133.507 $
L'Italia ha versato
105.708.890 $

Fonte: la Rappreentanza italiana presso l'ONU
http://tinyurl.com/3m7pq84
L'infinita guerra tra Inghilterra e Francia è anche causa del nostro senso di marcia.
Fino a Napoleone tutti guidavano come gli inglesi, dato che furono i Romani a standardizzare il senso di marcia, poi però i Francesi, proprio per distinguersi dagli Inglesi, decisero di guidare al contrario (e in quell'epoca di carri e cavalli questo stravolgimento non fu particolarmente complicato da realizzarsi), il resto d'Europa seguì la Francia.
Non so invece perché in USA si guida come da noi e non come gli Inglesi....
Si, non sarebbe mica male utilizzare l'UTC un tutto il mondo come orario standard.
Succederebbe che ad esempio in Italia il giorno è fra le 8 e le 20, mentre a New York il giorno è fra le 2 e le 14. Basta abituarsi... alle 18 a New York tutti a letto!
Abolire i fusi orari sarebbe una scelta epocale, ma non credo molto utile. Anzi.
Il fatto è che i fusi orari consentono di uniformare gli orari allo stile di vita standard in tutto il mondo. Per cui sappiamo che alle 7.00 inizia la giornata ed è mattino; che alle 12 siamo a metà giornata e che alle 24.00 è notte fonda. E, in linea di massima, sappiamo che la maggior parte degli esseri umani sta sveglia di giorno (cioè dalle 7 alle 22) e dorme di notte. E che la maggior parte delle attività produttive avviene di giorno, cioè in quella specifica fascia oraria.-
E noi regoliamo l'interazione con gli altri sulla base di questi orari. Sulle brevi distanze (Trieste Sanremo) la differenza è sostanzialmente irrilevante, ma sulle grandi no.
Abolendoli invece cambierebbe tutto.
Qualcuno dovrebbe abituarsi a svegliarsi alle 22.00 (che per lui sarà mattina), e andare a dormire, chessò, alle 12.00 (tarda serata).
Alle 22.00 altri andrebbero a dormire ed altri ancora si troverebbero a metà pomeriggio, magari davanti ad un bel piatto di pasta.
Il dramma sarebbe quello di memorizzare a che punto della giornata sono in altri Paesi, perché l'orologio non ci sarebbe più di alcun aiuto.
Immagino che confusione.
Tanto per fare un esempio banale: se io devo telefonare al mio avvocato di Los Angeles adesso, grazie al fuso orario, capisco immediatamente che sono quasi le 4 di notte, e che quindi è meglio aspettare.
Se avessimo tutti lo stesso orario (ipotizziamo il nostro) saprei che a Los Angels sono le 11.00 ma non potrei capire immediatamente se per loro è notte o giorno: dovrei informarmi in altro modo.
E che utilità potrei avere a sapere che atterrerò a Pechino alle 14.30? Sarà notte, giorno, pomeriggio? Boh! Come mi regolerò con l'hotel e con i taxi?
Per i sistemi automatici poi diverrebbe complicatissimo regolarsi.
(con gli esempi ci sarebbe da sbizzarrirsi)
PABLO nel commento 17 ipotizzava un calendario con 13 mensilità, lamentando un calo di donnine nude... al contrario ne avremmo una in più.!
Succederebbe che ad esempio in Italia il giorno è fra le 8 e le 20, mentre a New York il giorno è fra le 2 e le 14. Basta abituarsi... alle 18 a New York tutti a letto!

Classico bias percettivo. Non fai a letto perché sono le 23 (o le 22 o le 00), ma perché è l'ora di andare a letto.

Se questa ora la chiamassimo 23, XXIIIo Paolo Sgomberonte, non cambierebbe nulla, mi segui?

Adottando un orario unico questo perderebbe il "valore percettivo sostitutivo" di cui ti fai alfiere.

In altre parole stai dicendo che la cena è tale non perché è il pasto della sera ma perché è il pasto che si chiama cena...
Non mi pare che gli USA non paghino la loro quota ONU.

Servo americano! È universalmente risaputo, senza tema di smentita, che gli usa sono Satana...
Ma visto che i rettiliani hanno 16 dita, non sarebbe il caso di introdurre per tutti la numerazione esadecimale?
Pablo R. disse:
"E magari superiamo un calendario con i mesi di 30, 31, 28 o 29 giorni per un bel calendario universale di 13 mesi di 28 giorni."

Wikipedia disse:
"Un anno del Calendario Rivoluzionario era diviso in 12 mesi di 30 giorni ciascuno (360 giorni) più 5 (6 negli anni bisestili) aggiunti alla fine dell'anno per pareggiare il conto con l'anno tropico. Ciascun mese era diviso in tre decadi; in ciascuna decade vi erano 9 giorni di lavoro e uno solo di riposo." http://it.wikipedia.org/wiki/Calendario_rivoluzionario_francese

Evidentemente non è un'idea originale. Non è nemmeno una buona idea, a mio parere.
Però... ci hanno rifilato l'euro senza chiedercelo, potrebbero farcela anche con l'anno Napoleonico.
A proposito di date... :D
@ Jotar

Non so invece perché in USA si guida come da noi e non come gli Inglesi....

Azzardo un paio d'ipotesi:

Gli americani guidano come gli Europei continentali perché le prime auto vennero prodotte proprio dall'Europa continentale. Essendo l'America un paese relativamente "cciofane" e nato a ridosso dell'avvento dell'auto e divenuto il paese-simbolo dell'auto stessa, dico che sia probabile che abbiano mantenuto il senso di marcia delle prime automobili importate.

Oppure risalendo agli albori della società americana, la Guerra d'Indipendenza (nella quale fu coinvolta anche Francia a supporto dei coloni), diede uno strappo decisivo tra le usanze inglesi e quelle americane, al punto di decidere di viaggiare tenendo la destra.

Interessante anche il punto dello scarto dei binari. Il problema sarebbe quello che una volta arrivati ad una misura univoca, chi deve adeguarsi avrà i soldi per sostenere una ricostruzione totale del parco ferroviario e di tutta la rete ferroviaria? Mica pizza & fichi...

Ancora, riguardo al fuso orario, perché fermarsi al concetto di suddivisione in 24 ore e per località non geografica bensì politica? Meglio adottare, come già detto, un sistema decimale anche per il tempo ed una suddivisione decimale/geografica ristretta per i fusi orari.
Sarebbe comunque un cambiamento non da poco, dato che il sistema di riferimento per i fusi orari è quello dei meridiani bisognerebbe rivoluzionare anche il sistema di rilevamento di posizione geografica dei GPS... Ad oggi sarebbe anche "facile", riprogrammando i satelliti con delle semplici conversioni, ma credo costerebbe comunque un bel po' di quattrini...
Scusate, ma se andava bene per l'Impero Romano, perche' cambiarlo?
Già, poi abbiamo le dozzine, le grosse e le risme e cioè 12, 144 e 500. Io personalmente adoro il duodecimale, quando progetti una pagina hai più possibilità di frazionarla. E non dimentichiamo che in tipografia ci sono i punti e i pica.
perché i punti del tennis sono 15-30 e 40? Qual è l'origine di ciò?

Perché un tempo si teneva il punteggio usando un orologio, ed inizialmente i punti erano 15-30-45-60; poi il 45 fu "accorciato" a 40 per risparmiare tempo a pronunciarlo.

Fonte: Rino Tommasi.
Una chicca di stamattina: vetrina di un'agenzia immobiliare, tra gli annunci spicca: "Villetta così e così con terreno di 20 pertiche milanesi...
Ooops... scarto dei binari = scartamento dei binari...
Ho lavorato nella produzione di valvole - in cui il guazzabuglio tra misure imperiali e metriche è complicato dai vari stanrard - ovvero i Francesi hanno filetti che son non proprio metrici perché so'francesi, e gli americani si sono inventati una standardizzazione di robe in 7/16 UNF, 5/8 UNS, in frazioni di pollici con un pacco di tabelle grosso come un dizionario e errori di somme tra frazioni ovunque (legge di Murphy).
Quando un filetto metrico, essendo con la cresta a 60°, è banale matematica da infilare in un Controllo numerico senza stare a calcolare che un 1/2"Gas ha 14 passi per pollice, e quindi c'è daf fare il conto di quanto distanti sono le singole creste a 55°.

Insomma, le so.

In questo, due cose: i militari USA e Britannici usano i metri e il sistema metrico - accordi NATO Stanag.
Poi ogni tanto barano, danno le correzioni d'artiglieria in yarde e pare che ogni tanto qualcuno muoia perché la salva è corta.

Io, nel mio piccolo, sto combattendo una guerretta privata nella Rebel Legion: non si può fare il modello di un costume da han Solo o da Pilota di X-wing usando misure imperiali - anche se non è quell'Impero.
Ma non sto andando lontano, in questo senso.
Mi lamento anche che, come membro onorario di dello squadron da caccia Britannico ho difficoltà a volare a sinistra e non nel modo giusto (right).
Ma anche qui, vedo occhi smarriti a ragionare in metri.
Aggiungo che, come risulta da "Le Vie d'Italia" (organo del Touring Club Italiano) nr. 1 del gennaio 1924, solo in quell'anno fu ratificata la destra come unica "mano" per la circolazione dei veicoli.
Credevo sinceramente che ci si fosse arrivati molto prima.
Misuriamo tutte le lunghezze in anni-luce. Io sono alto 1.896475e-16 anni luce. Fantastico...
Qui un comodo convertitore se siete un po' lenti con i calcoli a mente ;)

http://www.scienzita.it/tabelle/misure/distanze_astronomiche.html
Vogliamo anche accennare al fatto che nel sistema metrico decimale le varie unità di misura di peso, capacità e lunghezza sono collegate tra loro?
Un decimetro quadrato è pari ad un litro ed un litro di H2O pura pesa un chilogrammo. :)
Chiedo scusa, volevo dire che un decimetro cubo è pari ad un litro, non un decimetro quadrato...! :-s
dove vivo io usiamo le nostre unità di misura che fanno tanto cool.

per esempio: quando vado al pub mi faccio dare un sestero di birra (mezzo litro). Percorro 4 stadi per andare da casa a lavoro e non meno di 3 leghe per andare a fare la spesa.

ho una casa con un terreno di circa un eredio (5000 metri quadrati) e non mangio mai meno di un quarto di mina di pasta al giorno.
non so esattamente dove venga ancora fatto largo uso dei gradi sessagesimali.

Nooo, non mi metto a 90 gradi per farti piacere!


Un retaggio tutto anglo: i treni viaggiano tenendo la sinistra come conseguenza del fatto che furono gli inglesi a creare il sistema di trasporto ferroviario e ad esportarlo.
Sul formato delle date è molto più logica la loro formattazione.
Qualsiasi informatico la preferisce per questioni di ordinamento (come per altro ho letto nei commenti)
Abolire l'ora legale e imporre l'uso di un'ora uguale per tutti i fusi orari (senza am e pm).

L'idea non è nuova e qualcuno ci aveva già pensato, come il compianto e visionario Nicolas Hayek:

Swatch Internet Time
[quote-"Maurizio"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/11/gli-usa-e-il-sistema-metrico-decimale.html#c1628990007490197396"]
Però... ci hanno rifilato l'euro senza chiedercelo, potrebbero farcela anche con l'anno Napoleonico.
[/quote]

E se adottassimo invece il Calendario Rivoluzionario della Magna Romagna?
a maleberto che ha commentato usando il termine sistema spannometrico:

tanto per semplificare esiste la spanna greca pari a ½ cubito ( o 12 dita) che nel sistema ateniese è pari a 0,222 metri e in quello alessandrino corrisponde a 0,231 metri; e la spanna assiro-babilonese che corrisponde a 15 dita cioè ½ cubito.

Poi c’è lo spanna che esprime tipicamente un titolo alcolometrico di 13 gradi e va consumato a 18-20 gradi C, alle ore 20:00, ora locale solare, avendo come fonte luminosa una potenza di 24 candele (in cera) a illuminare un solido geometrico morbido in posizione a noi contrapposta, con misure (SI) pari a 90/60/90 cm.
oserei dire che Kalimer ha centrato il problema dei fusi orari.. è decisamente più facile informarsi sul fuso orario e regolarsi di conseguenza che non trovarsi in una località straniera e doversi calcolare con quel fuso orario il cambiamento dei propri orari di vita.

Per il SI: vabbé, vogliamo andare a vedere il completo ginepraio dei settori specialistici? basta prendere degli esami del sangue, sulla stragrande maggioranza dei valori puoi trovar g o mg, o mcg o moli o millimoli o micromoli o milliequivalenti o Unità su litro, decilitro, millilitro, mm^3, microlitro, femtolitro..
trovandoti poi anche sui testi che finisco per incasinarsi e cannare (e spesso ce ne metti per accorgertene, troppi dati per pensare di sapere l'ordine di grandezza di ogni componente)
[quote-"Da un altro Mondo"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/11/gli-usa-e-il-sistema-metrico-decimale.html#c2641474010417212661"]
Aggiungo che, come risulta da "Le Vie d'Italia" (organo del Touring Club Italiano) nr. 1 del gennaio 1924, solo in quell'anno fu ratificata la destra come unica "mano" per la circolazione dei veicoli.
Credevo sinceramente che ci si fosse arrivati molto prima.
[/quote]

E a Roma c'è anche il Ponte Inglese, dove la circolazione segue la convenzione anglosassone:
http://it.wikipedia.org/wiki/Ponte_Palatino

(in realtà c'è anche Ponte Umberto organizzato allo stesso modo ma chissà perché il Ponte Inglese è solo il Palatino)
D'accordo su quasi tutto. L'unica cosa su cui ho seri dubbi e' l'abolizione dell'ora legale (quella dei fusi orari credo sia solo frutto di un'interpretazione sbagliata da parte di alcuni).

A quanto mi risulta le conseguenze del DST vanno molto al di la' di quello che Paolo riporta. Ci sono effetti sulle vendite, ma anche, per esempio, sui reati che, a quanto pare, avvengono in prevalenza di sera e quando e' buio, per cui se si va a dormire non troppo piu' tardi del tramonto c'e' una decrescita delle attivita' illegali non compensata da quelle che avvengono di mattina presto. Al punto che alcuni paesi hanno pensato di spostarsi di fuso orario, invece di adottare il DST solo d'estate.

Sull'ora legale ne so parecchio proprio perche' quest'anno il Governo ha deciso all'ultimo momento di estendere l'ora legale di diversi mesi rispetto a quanto pianificato in passato. Il risultato e' stato un disastro. Computer, Ipod, blackberry etc. non hanno per qualche motivo aggiornato gli automatismi, per cui era necessario usare un trucco (spostarsi di fuso orario, disinstallare gli automatismi e settare manualmente l'ora, etc.), cosa che non tutti tra l'altro sapevano fare. Ma quel che e' peggio una volta fatte, le modifiche sono state dimenticate... Come risultato ogni tanto gli orologi impazzivano, per esempio quando il fuso orario prescelto cambiava a DST (nel mio caso... Bogota') l'ora cambiava di nuovo e senza preavviso... Per mesi (ancora adesso in alcuni casi come il pc di mia moglie) computer e smartphone hanno continuato a saltare l'ora da un momento all'altro e in modo francamente imprevedibile, con effetti tragici su appuntamenti, meeting, voli aerei, etc. Al punto che molti hanno rispolverato la vecchia radiosveglia, che puo' sbagliare di un paio di minuti ma non di un'ora intera.

Quando si dice che il progresso non esiste...
Beh dai ormai il 99% degli orologi si auto-regolano. Io l'unico orologio che ho dovuto sistemare è stato quello dell'auto. :-)

Si auto-regolano un corno. OK, i tre PC, un telefonino e l'orologio radiocontrollato si sono regolati da soli. L'orologio da parete PUGG®, le tre sveglie da comodino, tre telefonini su quattro, l'orologio da polso, il contapassi e la bilancia da cucina li ho dovuti regolare personalmente.

Per non parlare delle phone conference saltate ogni anno perché in Giappone e in India poverini non si ricordano che qui c'è questo buffo sistema e quindi il 31 marzo si collegano un'ora dopo.

E comunque, a tutti quelli che vogliono l'ora di luce in più la sera: bene, stabiliamo che d'ora in poi abbiamo l'ora legale anche d'inverno.

"E sistemare la disposizione delle lettere sulle tastiere."

Anche qui dovresti spiegare cosa intendi. Sistemare come?


Già uniformare QWERTY/QWERTZ/AZERTY e la posizione dei caratteri speciali sarebbe un bel progresso.

Idealmente, Dvorak per tutti.

MMDDYYYY è un insieme già ordinato naturalmente, cosa non vera per DDMMYYYY.

Veramente l'unico insieme ordinato naturalmente è YYYYMMDD.

Tanto per fare un esempio banale: se io devo telefonare al mio avvocato di Los Angeles adesso, grazie al fuso orario, capisco immediatamente che sono quasi le 4 di notte, e che quindi è meglio aspettare.

Sono d'accordo che ci sarebbero comunque problemi, ma non più di quelli che ci sono adesso.
Altrimenti dovremmo ribattezzare i mesi nell'emisfero meridionale, perché se devi andare in vacanza in Australia devi poter capire, grazie al calendario, che quando qui è agosto là è febbraio e quindi è meglio aspettare :-)
Poi c’è lo spanna che esprime tipicamente un titolo alcolometrico di 13 gradi e va consumato a 18-20 gradi C, alle ore 20:00, ora locale solare, avendo come fonte luminosa una potenza di 24 candele (in cera) a illuminare un solido geometrico morbido in posizione a noi contrapposta, con misure (SI) pari a 90/60/90 cm.

Uhm... un ubriacone con il bicchiere in mano talmente squattrinato da farsi tagliare la corrente, seduto in terra a fissare un pouf?

Terribile... :D
L'unica cosa in cui vedo logica nell'avere diversità tra varie regioni del mondo è la disposizione delle lettere sulle tastiere, alcune lettere sono usate molto in determinate lingue e non usate mai in altre, penso ad esempio alle lettere accentate.
Qualsiasi informatico la preferisce per questioni di ordinamento (come per altro ho letto nei commenti)

"La preferisce" è una affermazione esagerata: "è costretto ad usare" mi sembra più azzeccata :D :D :D
Pazzesco per chi non sa che ogni tanto è necessario fare qualche veloce calcolo a mente per non ammazzarsi ;-)
Ho una 60 di ore sul mio logbook, e non mi è mai successo.
Tutti parlano la stessa lingua (ovviamente). Ovvero distanze in miglia nautiche, velocità in nodi (miglia nautiche all'ora), altitudini in piedi. Lunghezze di pista e visibilità in chilometri o in metri. Tempi in minuti. Pressione in millibar.
Un controllore mi darà una quota in piedi, che io leggerò sull'altimetro, settato in piedi.
Quando mi chiederà una posizione, risponderò con la distanza in NM che leggo sul DME, e lui capirà dove sono.
Incidentalmente la cosa è comoda: i livelli di volo sono espressi in centinaia di piedi. 5 o 10 livelli di volo sono una buona distanza verticale per due aerei che si incrociano, e poi la vita di un aeroplano è molto più lunga della vita di molti altri mezzi di trasporto, quindi il ricambio è basso e cambiare sarebbe fonte di problemi, e quindi di possibili incomprensioni e quindi di possibili incidenti.
@Turz:
no, quella dei mesi è molto più veloce -> basta "ricordarsi" le stagioni invertite per una volta sola per ogni viaggio. (diversamente dai nostri cronisti sportivi, vedi scorsi mondiali)

mentre se ti fai un viaggio a manila, ti troveresti tutta la vacanza a doverti fare il calcolo o ricordarti a che ora lì si cena, si pranza, aprono i negozi... e con il jet lag a non renderti troppo furbo, la cosa si complica :D
Secondo un aneddoto raccontato da James Randi, negli stati uniti i conservatori si oppongono al sistema metrico decimale con la scusa che è un invenzione del diavolo, perché introdotto dagli illuministi francesi, notoriamente atei.

Per quanto riguarda le date: esiste uno standard, l'ISO 8601. Che giustamente scrive la data a partire dall'anno.

se dovessi scegliere un solo orario durante l'anno, sceglierei l'ora legale (estiva)

Che poi è del tutto equivalente a anticipare di un'ora gli orari degli uffici e delle scuole...

Magari è una bufala pure questa, ma avevo sentito che l'esercito americano usa già l'ora senza am e pm e i chilometri (che abbreviando chiamano clicks).

Per i km non so, ma la cosa dell'ora è vera. Pronunciano le quattro cifre di seguito, senza usare espressioni approssimative. Le nove di sera diventano le "due-uno-zero-zero".

Per non parlare delle frazioni di pollice. Nei disegni tecnici c'è di che divertirsi a convertirli in mm... si trovano amenità come "2 pollici e 13 trentaduesimi" o "1 pollice e 15 sessantaquattresimi". Una pacchia...

Beh, almeno fino al diciassettesimo secolo chiunque, persino un matematico, si sarebbe trovato meglio con quel sistema (Galileo, per esempio).

Questione annosa ma con una risposta pratica, in caso di calamità non sapremmo misurare in metri, mentre misurando in piedi e pollici, potremmo valutare alcune cose con scarti minimi.

Uhmmm... nemmeno tenendo conto che un braccio è circa un metro?

Prima o poi inizieranno anche a guidare l'auto dalla parte giusta della strada :-)))

Invece io in questo li invidio: se incrocio un malintenzionato mentre guido una carrozza, vorrei potermi difendere usando la destra. :-)

'Ora legale' è una terminologia errata.

Ma io direi di no, in base a cosa sarebbe errata? Quella che tu chiami ora solare (in quanto indicata dal sole), è indicata univocamente col nome di tempo locale.

MMDDYYYY è un insieme già ordinato naturalmente, cosa non vera per DDMMYYYY

In che senso?

L'unica problema è che ogni cosa ha la sua misura.

Beh questa è una costante in qualunque luogo del mondo ed in qualunque ambito. Per esempio in astronomia coesistono più o meno felicemente anno, secondo, metro, parsec, anno-luce; e si sceglie l'unità di misura in base al settore particolare in cui si opera, adattandosi alla tradizione. Ancora oggi tutti gli astronomi esprimono la costante di hubble in km/s/Mpc, nonostante sia semplicemente l'inverso di un tempo. Per non parlare dei fisici, che hanno inventato il SI, per poi usare sempre l'elettronvolt al posto del joule.

Un ginepraio assurdo al quale, almeno parzialmente, si potrebbe porre rimedio, per esempio mettendo 100 secondi per un minuto e 100 minuti per un'ora.

Questa ed altri frasi simili mi hanno fatto tornare in mente quell'episodio dei simpson in cui il MENSA incomincia a dettare legge a Springfield. Senza offesa eh! :-)

Mi ha risposto ricordandomi che il sistema metrico decimale è stato introdotto per la prima volta in Francia in epoca napoleonica e, come tutti sappiamo, i francesi non avevano un rapporto roseo con gli inglesi.

Queste cose un tempo erano all'ordine del giorno, il calendario e l'unità di misura erano stabilite da un'autorità. Non a caso ancora oggi c'è chi festeggia il Natale in ritardo rispetto al resto del mondo, pur sapendo che con quel calendario finirà per festeggiare il Natale a primavera, solo perché per loro è impensabile adottare un calendario indetto originariamente dal papa romano...
Se per quello anche il nostro formato di data è errato. Se i numeri li usiamo con un sistema posizionale, anche le date dovrebbero esserlo, quindi
anno/mese/giorno ora:minuti:secondi
Pensa positivo:
un pouf di nome Wanda,
più di mezza bottiglia l’ha bevuta lei,
quindi non sei tu ad essere ubriaco,
e le misure sono quelle...
"E avanzi di questa follia persistono in aviazione, dove per esempio le quote si misurano ancora in piedi...."

Magari fosse solo quello.

Le quote in piedi, le velocita in nodi e le distanze in miglia. Ma su un aereo da turismo, tipo un PA28 non troppo recente, l'anemometro può anche indicare le miglia terrestri per ora.
La bulloneria è tutta in pollici salvo per i prodotti tedeschi e francesi. Pollici che naturalmente si dividono in ottavi, sedicesimi ecc.. Le copie di serraggio sono espresse naturalmente in libre*piede o libre*pollice.

A complicare il tutto ci pensa l'internazionalizzazione dei fornitori.
Ad esempio posso trovarmi a lavorare su un elicottero di produzione italiana, nei cui manuali le misure, le copie di serraggio ecc.. sono espresse con il sistema metrico decimale, la bulloneria ed in generale gli elementi di giunzione sono però in pollici (standard AN o NAS)cosi come la maggior parte delle guarnizioni. Se però il costruttore ha deciso di utilizzare un motore di costruzione francese ed un kit sanitario con sedili tedeschi, ecco che nel mezzo mi trovo anche un bel po' di dadi e bulloni in millimetri. In pratica mi trovo costretto a raddoppiare la cassetta atrezzi in dotazione al mezzo o alla base introducendo non poche possibilità d'errore per il povero tecnico che deve occuparsi del mezzo.
L'ora solare è l'ora indicata dal sole, quindi gli abitanti di Trieste hanno un orario differente da un geometra a caso che abita a Sanremo. Il sole è in due posizioni differenti rispetto al suolo.
Per questo è stata adottata l'ora legale, che è stabilita, appunto, per legge ed è uguale in tutta Italia.


Attenzione a non far confusione tra Tempo Vero Locale (l'ora vera della località) e Tempo Civile (un'ora convenzionale, valida per tutta la nazione o una sua parte); quest'ultima poi può essere regolata sull'ora solare o sull'ora legale

E magari superiamo un calendario con i mesi di 30, 31, 28 o 29 giorni per un bel calendario universale di 13 mesi di 28 giorni (+ 1 giorno di festa a capodanno, 2 nei bisestili: soppia festa!).


Certo, e perchè non dare ai mesi un nome che abbia relazione con le stagioni? Non so, Brumaio, Vendemmiaio, Pratile...
posso affermare che i diametri dei raccordi e dei tubi in generale sono espressi in pollici...

Anche quelli dei floppy disk buonanima

Il marzo 14 di ogni anno e' il Piday.

E allora il giorno della talpa?
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Uhmmm... nemmeno tenendo conto che un braccio è circa un metro?

Attenzione, manca solo un passo a finire NSFW
Certo, e perchè non dare ai mesi un nome che abbia relazione con le stagioni? Non so, Brumaio, Vendemmiaio, Pratile...
prendiamo a prestito i mesi del calendario ceco allora, anche se temo che pochi sappiano quando i cervi sono in calore XD
Le quote in piedi, le velocita in nodi e le distanze in miglia. Ma su un aereo da turismo, tipo un PA28 non troppo recente, l'anemometro può anche indicare le miglia terrestri per ora.
Sì, però è una questione "interna" all'aeroplano, visto che dubito che su un PA-28 un controllore ti chieda di mantenere una velocità...
L'orologio da parete PUGG®, le tre sveglie da comodino, tre telefonini su quattro, l'orologio da polso, il contapassi e la bilancia da cucina li ho dovuti regolare personalmente.

@Turz: quanta pignoleria... la mia bilancia da cucina, il mio lettore DVD, le mie console e qualsiasi altro attrezzo che segni l'ora come "funzione aggiuntiva" completamente superflua all'uso per cui l'ho acquistato, normalmente ha un'orario completamente sbagliato e non viene mai regolato. Se qualcuno a casa mia per controllare l'ora si mettesse a guardare la bilancia della cucina al posto dell'orologio digitale da parete che si autoregola verrebbe preso in giro per le successive tre settimane. :-D :-D

"La preferisce" è una affermazione esagerata: "è costretto ad usare" mi sembra più azzeccata :D :D :D

@Adriano: da informatico, io non uso ne' l'YYYYMMDD, ne' altre astruse notazioni da comuni mortali. Tutte le date sono salvate in unix time.
Naturalmente qualsiasi cosa avvenuta prima del primo gennaio 1970 non è mai esistita. :-D :-D
Paolo:

"Abolire l'ora legale e imporre l'uso di un'ora uguale per tutti i fusi orari (senza am e pm)"

a grande richiesta: intendi con questo abolire veramente tutti i fusi orari o imporre l'uso di un FORMATO comune per l'ira (24 h per esempio)?
MMDDYYYY è un insieme già ordinato naturalmente, cosa non vera per DDMMYYYY.

Veramente l'unico insieme ordinato naturalmente è YYYYMMDD.


Giusto, mi sono confuso da solo.

In che senso?

Premessa la correzione di Turz, significa che le date scritte come anno-mese-giorno (YYYYMMDD) sono ordinate: più è grande il numero, più recente, o più in là nel futuro, è la data. Quindi, con una semplice operazione di maggiore (o minore) puoi ordinare un insieme di date.
@martinobri
Certo, e perchè non dare ai mesi un nome che abbia relazione con le stagioni? Non so, Brumaio, Vendemmiaio, Pratile...
A dir la verità ho sempre trovato molto simpatico il calendario della Rivoluzione francese, l'unico problema che è troppo incentrato sulle stagioni dell'Europa continentale. In Guayana Brumaio e Vendemmiaio non avrebbero senso. A pensarci però non ha senso neppure avere dei mesi dedicati al Dio Giano o a Caio Ottavio Turino.
A pensarci però non ha senso neppure avere dei mesi dedicati al Dio Giano o a Caio Ottavio Turino

A rigore per quelle latitudini non ha molto senso neanche festeggiare il solstizio d'inverno
Riguardo i fusi orari,

che ne pensate di adottare i .beats come unità di tempo? :)

http://www.swatch.com/ch_it/internettime/itime_howitworks.html
Ho scoperto abbastanza recentemente, e con somma sorpresa, che anche molti quadratissimi tedeschi usano abitualmente il "pfund". E gli inglesi hanno anche la "stone", che sono circa 6 Kg e che mi pare non siano né sotto, né multiplo di alcun'altra misura. D'altra parte, io stesso sono abituato a "pensare" la potenza di un motore in cavalli, i Kw non mi dicono nulla, mi parrebbe di guidare una lavatrice. Per dire che le vecchie abitudini mentali sono molto difficili da perdere: pare che, prima dell'Euro, ancora molti francesi anziani ragionassero sui prezzi in vecchi franchi (mi pare che abbiano tolto due zeri negli anni '60). E qui in Piemonte i campi si misurano in "giornate", il vino in "brente", che non ho proprio idea di quanto siano.
Per gli americani è impossibile, cambiare sarebbe un suicidio!!!

Dovrebbero fare un'altra guerra civile tra la confederazione dei piedi,nasi,pollici e l'unione dei metri,decimetri,centimetri e forse, dico forse, se vinceranno i metricidecimali allora nel giro di 50 anni ce la faranno.

Però che bello dopo, le misure che fanno Mythbuster saranno immediatamente comprensibili.
Beh, io che tratto materiale idraulico (non so se ne avete già parlato), ho a che fare con misure in pollici tutti i giorni. Solo che sono convenzionali, tutte slittate in avanti, in millimetri; Ad esempio, il pollice idraulico è 32mm, il 3/4" è 25 e il 1/2" 16, quando teoricamente dovrebbero essere 25, 16 e 12,5, che invece si chiama, ovviamente, 3/8". Non ho la minima idea di perchè, ma è così. (anzi, se qualcuno lo sapesse, magari....)
http://goo.gl/II8xx
In questo caso per un errore di conversione su un aereo si è sfiorata una tragedia.
You're missing a few distance measurements:

22 yards to a chain
10 chains to a furlong
8 furlongs to a mile.

Weight and volume are also missing: the Americans use different measurements (with the same names) for liquids than the English. Very odd.
Una volta chiesi a un americano che logica avesse utilizzare il sistema Customary americano. La sua risposta fu tanto semplice quanto spiazzante.

Egli sosteneva che il centimetro è "troppo piccolo" per misurare, ad esempio, le piastrelle. "Una piastrella da 12 pollici è una piastrella da un piede. Per voi sono ben (!) 30 centimetri o 0,3 metri. È decisamente più conveniente il nostro sistema. Conti le piastrelle e sai quanto è lunga in piedi la tua cucina".

Mi parlò poi delle ricette. "Voi dovete aggiungere 250 millilitri di latte alla torta, noi 1 cup. Prendiamo una tazza dalla credenza ed è fatta".

Cercai di spiegarla che "1 cup" non corrisponde alla tazza nella sua credenza, ma non ci fu nulla da fare.

Credo che sia una questione di mentalità. Come disse il nonno Simpson in un episodio della celebre serie "La mia auto fa 40 pertiche ogni quarto d'ora, ed è così che mi piace!"
Per dire che le vecchie abitudini mentali sono molto difficili da perdere: pare che, prima dell'Euro, ancora molti francesi anziani ragionassero sui prezzi in vecchi franchi (mi pare che abbiano tolto due zeri negli anni '60). E qui in Piemonte i campi si misurano in "giornate", il vino in "brente", che non ho proprio idea di quanto siano.
Ah bè se parliamo di abitudini dure a morire dove abito io non è impossibile sentire ancora che un tale terreno è di tot biolche, una unità di misura agraria che penso non abbia più valore legale da almeno 150 anni, anche perché può variare da località a località.
Il problema del S.M.I. è che è sempre stato troppo razionale e poco "umano". Un piede, un passo, un pollice, un braccio, un cavallo sono tutte misure delle quali abbiamo un'idea. Se dicessi, per esempio, a un aborigeno che un posto si trova a 600 passi da dove è lui in quel momento, l'aborigeno mi capirebbe immediatamente e avrebbe subito un'idea della distanza da percorrere, non importa più molto se il passo misura 68, o 73cm effettivi.
Al posto del metro (che rappresenta l'inutile (e inesatta) 40 milionesima parte dell'equatore avessimo preso il passo (chiamandolo "passo standard internazionale") son sicuro che ora anche gli inglesi lo userebbero.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Il fatto è che cambiare un sistema di misura comporta il superamento di problemi che sono maggiori di quelli causati dall'adozione di un sistema diverso da quello comune. È come voler cambiare il senso di marcia delle vetture nei paesi anglosassoni oppure uniformare le prese di corrente in tutto il mondo.
Si può, ma ha dei costi tali, sociali e/o economici, che non ne vale la pena.
Ci riflettevo quest'estate in Scozia, durante la (faticosa) guida di un'auto britannica. Se ci pensate, invertire il senso di marcia delle vetture è talmente complesso che è meglio lasciare le cose come stanno.
Bisognerebbe cambiare nello stesso istante per tutti (mica si può fare gradualmente), previa modifica dell'intera cartellonistica e segnaletica stradale di un Paese intero, modifiche alle strade (tutti gli accessi e le uscite autostradali andrebbero rifatte), mobilitare le forze dell'ordine per regolare il traffico per (almeno) qualche settimana, preventivare l'aumento dei sinistri stradali per un periodo più o meno lungo e via dicendo. E poi per bel po' di tempo molti dovrebbero guidare con i mezzi con il volante a destra. Provate ad immaginare cosa potrebbe accadere nel caotico traffico di Londra.
Rebus sic stantibus si chiede solo agli stranieri che guidano in UK di far attenzione e di abituarsi (cosa che si fa piuttosto in fretta) ad una guida diversa.
Molti problemi in meno
Non trovo ragioni per cambiare.

Per Adriano Esposito: non hai compreso bene quel che ho detto a proposito dei fusi orari. Il momento della cena, o del pranzo o del sonno, sono sempre gli stessi, a prescindere dal sistema che utilizzo per misurare il tempo. Ma proprio perché il tempo è misurato con un sistema convenzionale, quel sistema mi aiuta a comprendere, se pur per convenzione, in quale momento del ciclo della vita si trovano altre persone in altri luoghi.
Se io so che in un certo posto sono le 3 di notte, allora so che le persone che si trovano in quel posto si trovano in uno specifico momento del ciclo del giorno (la notte: dormono).
Abolendo i fusi orari potrei soltanto sapere che in quel posto, come in un qualsiasi altro, sono le 3, senza che ciò mi consenta di capire in quale momento del ciclo giornaliero si trovano le persone di quel posto. Se sono le 3, contemporaneamente, a Los Angeles, Roma e Sidney, come faccio a conoscere il momento del ciclo giornaliero di ciascun luogo? Chi sta dormendo? (non perché sono le 3, ma perché è notte). E chi sta lavorando (non perché sono le 3, ma perché è giorno)? Avrei bisogno di altre informazioni che oggi, grazie ai fusi orari, cioè ad una convenzione, non mi servono.
A rigore per quelle latitudini non ha molto senso neanche festeggiare il solstizio d'inverno
Mai festeggiato in vita mia il solstizio d'inverno a meno che non si intenda la sincretizzazione cattolica del 25 dicembre :D
@ Gwilbor

Beh, almeno fino al diciassettesimo secolo chiunque, persino un matematico, si sarebbe trovato meglio con quel sistema (Galileo, per esempio).

E dove starebbe la comodità nei 64esimi di pollice nella meccanica, od in qualsiasi attività costruttiva, dato che non sono segnati manco sui calibri? (Eccetto quelli centesimali. In quelli standard troviamo i 16esimi ed il collimatore dei 32esimi). Anche un "metro" in pollici è suddiviso in 16esimi. Io lavoro il marmo, per me fare pezzi da 1 cm o da 1 inch non cambia molto a livello di programamzione macchina (ovvio, cambia il costo del materiale e quello di lavorazione) ma quando ricevo dei disegni in pollici, guardacaso, non sono quasi mai "tondi", bensì sempre dei sottomultipli che "tirano molto vicino" alle misure tonde in cm. Ed allora ditelo che i cm vi piacciono di più, no? Oppure disegnate in pollici "pieni" e vivaddio!!! :))

Uhmmm... nemmeno tenendo conto che un braccio è circa un metro?

No, è la iarda che è circa un metro, un braccio invece è la misura di due iarde, che non si usa quasi più tra l'altro. Veniva usato in marina per le profondità, ora sostituite dai più comuni piedi.

@ martinobri

Anche quelli dei floppy disk buonanima

O quello degli hard disk, (3,5" per i Desktop e 2,5" per i portatili) che forse diventeranno buonanime pure loro grazie agli HD a stato solido...

Attenzione, manca solo un passo a finire NSFW

Curioso che sia sempre tu quello che legge "maliziosamente" i commenti altrui... :D

@ Myollnir

E qui in Piemonte i campi si misurano in "giornate", il vino in "brente", che non ho proprio idea di quanto siano.

Esiste anche la misura "campo" per misurare un campo ossia: 1 campo = dai circa 3000 mq del veronese ai circa 5.200 mq di Pordenone. La "giornata piemontese" è l'equivalente piemontese del "campo" del nord est. Per capire meglio, un ettaro sono circa 2,6 giornate piemontesi (fonti Wiki).

La brenta è invece... la brenta, ovvero il tino svasato che serviva per contenere liquidi. Chiaro che ne esistono di varie misure, ma l'unità di misura fa riferimento a circa 50 litri.

Per capirci, la brenta è un tino tondo di legno come questo.
Uniformare le lettere sulle tastiere non ha alcun senso. Le lingue son diverse, o vuoi uniformare anche quelle? Parleremo tutti il terrestre standard?
Ieri alle ore 10011010101 mi sono recato in salumeria per comprare 111100010 quantita di prosciutto. Visto che ero li, ho preso anche un 10101 quantita di latte per il mio gatto. Mi sono poi ricordato di avere un appuntamento e sono corso a casa percorrendo in bici 1100111 distanza in soli 1011 Tempo.

Ecco come dovrebbe essere un sistema di misurazione serio, comprensibile a tutte e 10 tipi di persone, quelle che lo comprendono e quelle che non lo comprendono.
Spacesurfer: dei clicks non so niente, ma l'ora non ha AM e PM perchè in genere i militari usano l'ora Zulu, che per noi è l'ora GMT (ora di Greenwich). Si chiama così non perchè c'entra ocn l'Africa ma perchè è indicata con una Z: le 14.40 sono indicate come 1440Z.

Per chi proponeva i Beat... se non c'è riuscito Swatch a introdurli, non ci riuscirà nessuno. :D
@Stupidocane 58
Uhmmm... Ti dice qualcosa breton ?

@Thhh
Ti ricordo che È fondamentale la differenza fra moli e grammi :-)

@Tutti
E ricordatevi che il kWh NON esiste, che è solo per traviare le vostre menti. Esiste solo il J (joule) e relativi multipli.
Parleremo tutti il terrestre standard?

Sarebbe pure ora...
@ Kalimer
La Svezia passò alla circolazione stradale a destra nel settembre 1967.
Superando tutti i problemi da te ricordati, ai quali aggiungo anche la modifica o sostituzione di autobus e tram per consentire la salita/discesa sulla destra, la modifica dei fari dei veicoli (il faro sinistro punta più in basso del destro per evitare l’abbagliamento) anche per le auto già con guida a sinistra, oltre che la sostituzione graduale dei veicoli.
La modifica fu preceduta, e seguita, da anni di preparazione e sostegno anche psicologico; malgrado l’assistenza molti non si adattarono e rinunciarono a guidare, specie tra la popolazione anziana.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Dimenticavo: avevo partecipato ad una discussione simile sull' International Movie Data Base riguardo alla serie TV 'Band of Brothers' sui parà della 101ma americana- in un passaggio il tenente usava i chilometri e ci si chiedeva se era un errore o cosa.
Riprende alcuni dei temi trattati.

Poi, si, in idraulica i pollici non sono pollici: ovvero un tubo da un pollice non è diametro 25,4 ne dentro ne fuori, ma è sui 32.

E, se cambiare dall'oggi al domani alcune cose, tipo il senso di marcia, sarebbe una cosa impossibile, introdurre man mano le misure 'giuste' si sta già facendo, dove si vuole farlo.
Lentamente ma fermamente, i cavalli sono stati soppiantati dai Kw sui documenti, la presisone sui manometri è indicata 'anche' in Pascal.
Le etichette dello yogurth ci dicono quanti Kjoule contengono (anche se un po' tutti si guardano le '(kilo)calorie' a fianco)

Certo, le abitudini son dure a morire - E, appunto, non vogliono morire neppure le misure obsolete a prescindere.
In una ditta avevamo tabellina in officina che traduceva una flapà, 'na frisa', n'decimott, na pialladina, 'na barlicà e tutti i termini che usava il capo.

Resta che gli ameircani proprio non ci stanno neanche provando da lontano.
I britannici ci provano, in ossequio infastidito alla Unione Europea - oppongono tutta la resistenza che possono, ma anche i loro documenti ufficiali usano i joule ed i millimetri - e non lo ammettono ma ragionano ormai in millimetri che poi convertono in pollici che poi riconvertono in millimetri, come dice Stupidocane.
E pensano che noi dalal parte sbagliata del Canale non ce ne si accorga, credo.
Molte differenze tra paesi e paesi sono una forma di protezionismo nei confronti delle aziende locali.
Mi riferisco a sensi di guida e spine elettriche. I formati europei non sono adottati in UK in parte per abitudine, in parte per proteggere -tra tutti- produttori di automobili ed elettrodomestici locali, scoraggiando la concorrenza estera, che dovrebbe adattare progetti ed impianti per entrare nel mercato anglosassone.

(Questo almeno, in base ai ricordi vaghi su un corso di Marketing Internazionale di un po' di tempo fa)
@Claudio Fe
sì sì, lo ben so :D il problema è che quando chiedi a un laboratorio la quantità di una determinata sostanza, lui può legittimamente dartela in moli o in grammi o in equivalenti (e tutti i relativi sottomultipli), tu hai tutti i dati per tradurteli da uno all'altro, e soprattutto ti danno anche i loro valori di normalità...
ma continua a essere cosa carina se si uniformassero, vivaddio.

-tra l'altro, in questo caso specifico non è nemmeno gravato dai problemi che Kalimer indicava per la standardizzazione di altre situazioni: si decide a livello nazionale o globale quali sono le unità di misura e si fan convertire dalla macchina (o da quelle nuove anche), non credo sia impensabile.
allo stato attuale nemmeno tra i laboratori di una stessa ULSS c'è omogeneità
@ Stupidocane 58

Quello da te illustrato è un tino che può misurare una brenta.
La brenta vera e propria per il trasporto di vino, uva e vinacce è questa.

Esiste anche una versione più piccola, solitamente in alluminio e chiusa superiormente con un coperchio a scatto, detta “brentin” cioè piccola brenta, usata per il trasporto del latte quando la lattaia, ‘brentin’ in spalla, girava casa per casa a vendere il latte fresco appena munto, direttamente dalla stalla.
A rigore per quelle latitudini non ha molto senso neanche festeggiare il solstizio d'inverno
Mai festeggiato in vita mia il solstizio d'inverno a meno che non si intenda la sincretizzazione cattolica del 25 dicembre


Ecco, appunto. Volevo sottilmente affermare che un bimbo che nasce è una cosa che può essere compresa immediatamente da tutti i popoli, il Sole che torna a rialzarsi, magari simbolegguato da un sempreverde pieno di luci, no. Tantomeno un vecchio sovrappeso vestito di rosso. :-)



Attenzione, manca solo un passo a finire NSFW
Curioso che sia sempre tu quello che legge "maliziosamente" i commenti altrui... :D


Curioso anche che sei tu a tenermi bordone ;-)
Se le scie chimiche non mi hanno fritto quel poco di cervello che mi rimane, l'accenno a Charlie Duke mi fa ricordare che ragionavano sì in metri, ma per le temperature usavano i gradi Fahrenheit anziché Celsius.
Rammento male? Chiedo conferma :-)
> Gian Piero Biancoli
> Eh eh, anche noi abbiamo i nostri scheletri nell'armadio.

Un problema opposto a quello delle misurazioni degli angoli lo abbiamo nell'insegnamento della lingua latina. Fino al XVIII secolo l'aggettivo è considerato come sottoclasse del nome nelle grammatiche, in seguito diviene classe autonoma avendo come conseguenza: "Degli aggettivi di prima classe, ovvero come imparare a confondersi declinando in orizzontale ciò che si è fino ad ora imparato in verticale"*

Giusto per fare un esempio, Marco Terenzio Varrone nel De Lingua Latina utilizza un aggettivo della II classe ('levis') per identificare la III declinazione: "nam eius casuis litterarum discriminibus facilius reliquorum varietate discerner e poterit, quod ei habent exitus aut in A ut hac terra, aut in E ut hac lance, aut in I ut hac levi, aut in O ut hoc caelo, aut in U ut hoc versu."**

Inoltre il buon Varrone, morto nel 27 a.C., nel testo sopra citato non utilizza le uscite del genitivo ma quelle dell'ablativo per classificare in serie le declinazioni; 'lance' è un sostantivo della III declinazione e non della V.

Chiudo linkando due letture 'tanto per farsi del male':
- Antonietta Scarano, Storia grammaticale dell’aggettivo. Da sottoclasse di parole a parte del discorso > http://www.unifi.it/unifi/dipita/ling-lab/homepage.htm
- Daniel J. Taylor, Latin declensions and conjugations: from Varro to Priscian.
http://www.persee.fr/web/revues/home/prescript/article/hel_0750-8069_1991_num_13_2_2334


*Luigi Miraglia, Come (non) si studia il latino
**Marco Terenzio Varrone, De Lingua Latina X,62
E dove starebbe la comodità nei 64esimi di pollice nella meccanica, od in qualsiasi attività costruttiva, dato che non sono segnati manco sui calibri?

Mica ho detto che è più comodo oggi. Ho solo detto che non è un usanza fuori dal mondo, e fino a qualche secolo fa era perfettamente naturale in quanto non esistevano le cifre decimali. In ogni caso, per indicare una misura in 64esimi, è appunto sufficiente che siano indicate le tacche fino ai 32esimi, che, come mi sembra di capire dal tuo messaggio, sono effettivamente presenti.

No, è la iarda che è circa un metro, un braccio invece è la misura di due iarde

Dicevo braccio nel senso di braccio umano, dalla spalla alla mano, non di braccio unità di misura. La quale giustamente è circa il doppio perché, quando si raccoglie la corda "a braccia", ad ogni presa si raccoglie la lunghezza che separa una mano dall'altra (almeno è così che immagino sia nato il nome).

Ah, visto che poi stiamo parlando di unità di misura, lasciatemelo dire: nelle abbreviazioni la k di kilo va minuscola, mentre la W di watt va maiuscola. Quindi non si scrive Kg e Kw ma kg e kW.

kjoule

O si scrive per esteso, kilojoule, oppure abbreviato, kJ, evitiamo le vie di mezzo!

Sulle unità di misura non transigo, vi faccio rimpiangere Accademia :-)
Anche in Europa ci sono alcune divergenze. Lo vedo quotidianamente nel mio lavoro nel settore degli impianti di climatizzazione.In Germania la portata d'aria si misura in litri al secondo mentre in tutto il resto d'Europa la si misura in metri cubi ora. Il fattore di conversione è 3,6. Parimenti in Francia la perdita di carico (differenza di pressione) si misura in millimetri di colonna d'acqua mentre in tutto il resto d'Europa la si misura in Pascal. Il fattore di conversione è 9,81. Ci sono poi alcune altre stranezze, come il modulo standard dei controsoffitti che è ovunque 600mm tranne che in Germania dove è 625mm. Viva l'Europa Unita!
al mondo ci sono 10 tipi di persona,quelli che conoscono il codice binario e quelli che non lo conoscono.
é vecchia,lo so.
[quote-"Paolo Attivissimo"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/11/gli-usa-e-il-sistema-metrico-decimale.html#c1944115642147683619"]
Sarebbe giusto chiamarla quindi era estiva e non ora legale

Sarebbe ancora più giusto sbarazzarsene una volta per tutte.

Se non ricordo male, il risparmio economico pro capite dell'ora estiva era di una decina di euro. Io pagherei volentieri dieci euro per non farmi sballare due volte l'anno tutti gli orari dei pasti e per non dover fare il giro di tutti gli orologi di casa (e dell'auto) due volte l'anno.
[/quote]

Il "giro degli orologi" finirà quando saranno tutti dotati di connettività ipv6 e client ntp.

Ah, no: a quel punto sarà necessario fare il "giro degli orologi" per assicurarsi che non si siano "piantati"...
Un paio di note in ordine sparso:

Farenheit e Celsius: attenzione a quando si misurano DIFFERENZE di temperatura. Se fuori c'è la stessa temperatura che dentro, la differenza è "0 gradi celsius" ma anche "0 gradi Farenheit", mentre 0°C corrisponde a 32°F. Come se ne esce? Bisogna usare un sistema di riferimento con l'origine coincidente: i K kelvin o R rankine, senza il segno del °. Quindi "oggi ci sono 15°C" e "ci sono 5 K di differenza con l'interno".

Attenzione poi ad autoincensarci: anche noi siamo ben lungi dall'applicare il S.I.: calorie, bar, gradi sessagesimali, kWh, km/h, cavalli vapore, chilogrammi per misurare le forze sono tutte unità di misura più o meno gravemente fuori dal sistema e possono indicare errori concettuali, non solo cattive abitudini.

Ora legale/estiva: quoto Paolo, secondo Terna nel 2010 abbiamo risparmiato 90 milioni di euro, cioè due euro scarsi a testa, comprensivi delle spese indirette come negozi e luoghi di lavoro. Sono un fanatico del risparmio energetico, ma i miei bioritmi valgono più di due euro.

Fari delle auto: non è proprio che il faro sinistro è più basso del destro, è che il campo di illuminazione di entrambi i fari è più alto/profondo a destra che a sinistra. Quando si va in Inghilterra, bisogna coprire quella parte di faro che genera questo "dito" di luce più profonda con un adesivo.
Viva il Volo a Vela che è tutto metrico S.I.!
@ Jotar

Al posto del metro (che rappresenta l'inutile (e inesatta) 40 milionesima parte dell'equatore

In realtà rappresentava la decimilionesima parte di un meridiano dal Polo Nord fino all'equatore. :D Ora ha a che fare con la velocità della luce, che stando a wiki è la definizione è così formulata: un metro è definito come la distanza percorsa dalla luce nel vuoto in un intervallo di tempo pari a 1/299 792 458 di secondo.

@ harlemblues

Ieri alle ore 10011010101 mi sono recato in salumeria per comprare 111100010 quantita di prosciutto. Visto che ero li, ho preso anche un 10101 quantita di latte per il mio gatto. Mi sono poi ricordato di avere un appuntamento e sono corso a casa percorrendo in bici 1100111 distanza in soli 1011 Tempo.

Si devono però trovare dei sostituti per il termine "quantità" dato che un liquido ha massa diversa da un solido. Nessun problema per la differenza tra prosciutto e latte, ma tra acqua solida, gassosa e liquida come la mettiamo? :)

@ Claudio Fe

Non ho mai avuto Breton. Se per certi macchinari erano i migliori, ora sono nel mucchio come tanti altri. Parlo di frese a ponte CNC. Il fatto è che su questi macchinari, la differenza la fanno le carpenterie in primis (più solida è la macchina, più "corre") e subito dopo il CAM. Al momento Alfacam è quello più completo (ed anche quello più complesso) nonché l'unico che io sappia in grado di gestire i robot antropomorfi a 6/7 assi interpolati (ebbene sì, nel marmo si comincia ad usare pure quelli).
Per una comune fresa a ponte a 5 assi spezzo invece una lancia (Dedra) in favore di DDX, softwarehouse tutta italiana che produce un ottimo CAD/CAM, EasySTONE. (marchettona dovuta!) Al momento è uno dei pochi CAM (con Alfacam) in grado di gestire 5 assi interpolati su una macchina ad assi cartesiani, anche se ancora con qualche limite.
@ granmarfone

Beh, qui in Veneto la foto da te postata è quella di una zerla (la zeta come la esse di osare). La brenta, sempre qui da noi, invece è proprio il tino. :D Paese che vai, buoi che ... ammogli... ???... bah...

@ martinobri

Ehi, io non ti tengo un bel niente!!! Ma che credi che sto qua a tenere i bordoni altrui?? Ka zkifo! :D

@ Gwilbor

Riguardo alle frazioni non posso che darti ragione, almeno per quanto riguarda i decimali. Oggi sono un impedimento, anche perché i misuratori in pollici (es. i flessometri) hanno al massimo le suddivisioni dei 16esimi. Solo i calibri hanno le tacche dei 32esimi. Capirai che è difficile beccare la misura perfetta, soprattutto quando la suddetta misura "tira più vicino" al cm pieno che al pollice. Se nel marmo il mezzo millimetro di differenza è più che tollerato (in alcune realizzazioni però sono richieste precisioni al decimo di mm), nella meccanica 5 decimi di differenza possono essere un disastro, cosa che sono appunto i 64esimi (1/64 = 4 decimi scarsi, ovvero 0.397). Non so se esistano anche i 128esimi. Ad esempio il CNC del mio vecchio tornio da marmo è un Fagor da meccanica adattato, con tolleranza al millesimo di mm (inutile per me, anche solo per il fatto che la macchina stessa non arriva oltre al decimo di precisione), ma in meccanica il millesimo tra un foro ed un albero è la differenza tra il "ci passa" ed il "non ci passa".

Riguardo al "braccio" penso che tu immagini giusto (mii che rigore nelle affermazioni!), dato che in tempi antichi, quando i navigatori si avvicinavano ad isole dai fondali sconosciuti, prima dell'avvento del sonar, misuravano il fondale con un peso attaccato ad una corda, per cercare d'intuire la pendenza del fondo, quanto repentinamente salisse e capire quanto potevano avvicinarsi all'approdo. Il "metro di misura" era l'apertura di braccia del marinaio prodiere addetto a questa operazione. (fonte... ehm un fumetto della Disney... non ricordo se Topolino o Zio Paperone).

Piccola curiosità: l'apertura delle braccia corrisponde alla vostra altezza, con differenze di pochi cm.
Meraviglioso post
Il "giro degli orologi" finirà quando saranno tutti dotati di connettività ipv6 e client ntp.

Ah, no: a quel punto sarà necessario fare il "giro degli orologi" per assicurarsi che non si siano "piantati"...



ahrahrahrahr sghignazzo :)

Tra l'altro fatico a capire come mai ancora gli elettrodomestici non siano TUTTI dotati di connettività. È una cosa vergognosa :(:(:(
L'ora Zulu non corrisponde all'ora GMT ma all'ora UTC (La Wikipedia italiana si sbaglia), che corrisponde all'ora GMT senza tenere conto dell'ora legale. Dunque il nostro fuso orario è UTC +1 in inverno, UTC +2 in estate.

In Islanda l'ora è sempre UTC, perché non hanno l'ora legale :)
[quote-"Jotar"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/11/gli-usa-e-il-sistema-metrico-decimale.html#c3801613837805160622"]
Un piede, un passo, un pollice, un braccio, un cavallo sono tutte misure delle quali abbiamo un'idea.
[/quote]

Ma il mio libro di fisica osservava che un cavallo (l'animale) non durerebbe a lungo ad un cavallo (di potenza)... come dire che l'unità è un po' sovradimensionata rispetto alle capacità dell'equino!

[quote-"Spinoza"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/11/gli-usa-e-il-sistema-metrico-decimale.html#c1828496603668612084"]
Uniformare le lettere sulle tastiere non ha alcun senso. Le lingue son diverse, o vuoi uniformare anche quelle? Parleremo tutti il terrestre standard?
[/quote]

Ottima idea! ma una volta stabilito il "Basic terrestre", il problema sarà imparare lo "Swahili marziano"! (Cercasi robot telepatico per agevolare l'apprendimento...)

[quote-"martinobri"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/11/gli-usa-e-il-sistema-metrico-decimale.html#c1624246023532177276"]
Il marzo 14 di ogni anno e' il Piday.

E allora il giorno della talpa?
[/quote]

ROTFL!!!
L'ora decimale era stata anche introdotta dalla Rivoluzione Francese, e nei musei si trova qualche esemplare di Orologio Illuminista, ma non attecchì mai come sistema di misura e fu abolito da Napoleone.
Insomma, ci avevano provato già molto tempo prima del Beat :)

Per quanto riguarda i sensi di marcia, mi risulta che l'Inghilterra avesse mantenuto il suo per astio contro la Francia.
Ma poichè il senso di marcia a destra è una usanza della Rivoluzione Francese, anche i neonati Stati Uniti, che avevano appena fatto la loro rivoluzione, adottarono lo stesso sistema (al contrario delle colonie inglesi rimaste fedeli all'Impero).
[quote-"Paolo Attivissimo"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/11/gli-usa-e-il-sistema-metrico-decimale.html#c1944115642147683619"]
Sarebbe giusto chiamarla quindi era estiva e non ora legale

Sarebbe ancora più giusto sbarazzarsene una volta per tutte.

Se non ricordo male, il risparmio economico pro capite dell'ora estiva era di una decina di euro. Io pagherei volentieri dieci euro per non farmi sballare due volte l'anno tutti gli orari dei pasti e per non dover fare il giro di tutti gli orologi di casa (e dell'auto) due volte l'anno.
[/quote]


Attivissimo for president!!!

Mi basterebbe questa tua iniziativa e ti eleggerei a vita :-)
In Svezia nel 1967 però, come anche in Islanda l'anno dopo, gli incidenti diminuirono perché i guidatori a causa del cambio diventarono più prudenti. Due anni dopo, tornarono spericolati come prima :-)

@Marco, @Spinoza:
L'unica cosa in cui vedo logica nell'avere diversità tra varie regioni del mondo è la disposizione delle lettere sulle tastiere, alcune lettere sono usate molto in determinate lingue e non usate mai in altre, penso ad esempio alle lettere accentate.

Uniformare le lettere sulle tastiere non ha alcun senso. Le lingue son diverse, o vuoi uniformare anche quelle? Parleremo tutti il terrestre standard?

Lasciamo per un attimo arabo, cinese e altre lingue che non si scrivono con caratteri latini o latinizzabili.

Per tutte le altre non è che ci siano molte differenze, le 26 lettere sono sempre quelle.
E soprattutto: molte delle differenze fra tastiere sono del tutto arbitrarie, tipo se i numeri si fanno con o senza Shift, oppure la posizione dei caratteri speciali #?$%&\^|.

Il qui presente pasticciere poliglotta, che scrive quotidianamente in 3 lingue (di cui una ha èéÈàòìù e un'altra ha ÄÖÜäöüß), usa la Unified Turz Keyboard® che utilizza il sottovalutato AltGr per fare tutti i necessari caratteri speciali (e anche i meno usati åøłśćęščžã) e ormai si è abituato a quella (a tal punto da aver incollato la Y e la Z sui tasti Z e Y di quella italiana).

Anche per le tastiere, l'unico problema È switchare continuamente da una all'altra, non tanto imparare a usarne una diversa una volta per tutte.

È assurdo, tra l'altro, che nella tastiera italiana manchi la diffusissima È.
Riguardo alle lingue non latinizzabili (il russo e il greco sono latinizzabili, tant'è che lo stesso Winzozz latinizza il greco col font "Symbol").

Il mio collega cinese mi ha detto che per scrivere al PC i cinesi scrivono sulla tastiera in pinyin (cioè con la traslitterazione in caratteri latini) e automaticamente il software converte tutto in caratteri cinesi.

Per esempio lui scrive nihao premendo proprio 'N','I','H','A','O' e appare 你好. E se la parola non è quella che voleva, sceglie da un menu a tendina quella giusta. Un po' come il T9.

Anche perché l'alternativa per il cinese sarebbe avere una tastiera con 2000 caratteri :-)
un pouf di nome Wanda
Ma non era un pesce? :-)
Bello questo thread!
P.S. Perché gli schermi (TV, PC, ecc.) si misurano in pollici?
Proprio in questi gg ho dovuto cambiare il fuso di un sito WordPress da UTC +2 a UTC +1
Ho avuto degli ospiti canadesi. E ho scoperto che loro usano ENTRAMBI i sistemi, per cose differenti.
Esempio, usano i gradi centigradi per le temperature ambiente. Quindi mi han detto che a Firenze era abbastanza caldo, 10 gradi, mentre in questa stagione da loro siamo intorno allo zero, e si arriva facilmente a -20. Ma poi dovevano infornare una pentola, e mi han chiesto a quanto corrispondono 400F. Perché le temperature DEL FORNO si misurano in Farenheit.
La statura in piedi, la lunghezza di un tavolo in centimetri. E così via.

E pensavo di essere solo il il disgraziato che deve mettere nello stesso circuito un componente con piedini spaziati di 0,05 pollici e un altro con spaziatura di 1 mm.
Ah dimenticavo, gli astronomi sono geniali nell'inventare nuove unità di misure. La densità di materia in una galassia si misura in "masse solari per parsec cubo". La costante di Hubble (che è l'inverso di un tempo, 1/(13 miliardi di anni)) si misura in "chilometri per secondo per megaparsec". Le distanze si misurano in unità astronomiche nel sistema solare, in anni luce o in parsec su scala galattica. I metri? E che sono?
[quote-"oui, c'est moi"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/11/gli-usa-e-il-sistema-metrico-decimale.html#c1260353744475532477"]
Perché gli schermi (TV, PC, ecc.) si misurano in pollici?
[/quote]

E perché gli inglesi, secondo Paolo, li misurano in centimetri?
P.S. Perché gli schermi (TV, PC, ecc.) si misurano in pollici?

In Germania si misurano in centimetri.
@ oui, c'est moi

un pouf di nome Wanda
Ma non era un pesce?


Decidete voi per un pouf o un pesce o altro, importante che sia Wanda, morbido, 90/60/90.


Perché gli schermi (TV, PC, ecc.) si misurano in pollici?

Perché gli schermi non sono mai posti dietro di noi ma davanti, cioè opposti, opponibili.
I giornali e i libri, anche se si leggono davanti a noi, cioè opposti, non sono misurati in pollici perché i pollici sono già impegnati a tenerli aperti.
@Stupidocane 58
Troppa grazia.
Mi chiedevo soltanto se eri di quelle zone, visto che parlavi di macchine taglio marmo e campi veronesi o pordenonesi.
[quote="QSJesus"]
Questione annosa ma con una risposta pratica, in caso di calamità non sapremmo misurare in metri, mentre misurando in piedi e pollici, potremmo valutare alcune cose con scarti minimi.[/quote]

La maggior parte della gente che conosco è capace di misurare gli oggetti a spanne, non solo in senso di "in modo approssimativo", ma anche nel senso di contare il numero di spanne e moltiplicarlo per 20 o 25 centimetri a seconda delle dimensioni della propria mano.

Molti sanno anche che allargando un braccio, la distanza tra la punta delle dita e la spalla opposta è di circa un metro; altri stimano le misure ad esempio di una stanza facendo passi particolarmente lunghi.

Per contro, non conosco molte persone il cui pollice sia largo circa due centimetri e mezzo, per non parlare di quanto diversa possa essere la lunghezza di un piede reale rispetto al piede unità di misura.
Non conoscevo la lista di buoni motivi per trasferirsi in UK: http://www.attivissimo.net/me/motivi_italia_uk.htm.

La trovo condivisibile quasi al 100% (il resto fa quasi sempre parte del settore "de gustibus"...).

L'unica cosa che ho imparato e che vorrei aggiungere, essendomi spostato di qua e di la' parecchie volte, disseminando delle mie stronzate 5 continenti e un po' piu' Paesi (da residente, non da turista, che e' diverso, nel bene e nel male), e' che molti di quei buoni motivi non sono dovuti al fatto di stare in UK, ma di avere abbandonato l'Italia, un paese veramente assurdo per tanti e tanti versi, soprattutto quando si vive in certe regioni e in citta' come Roma.

Ora che vivo in un paese considerato dai piu' del Terzo Mondo (ancora due giorni fa ho sentito la Gabanelli, peraltro notevole caso di eroe mediatico, dire in senso negativo "paese dell'america latina"), mi rendo conto che anche qui, nonostante i tanti problemi, tante delle assurdita' che lamentavo quando vivevo in Italia sono diventati non-tanto-cari ricordi.... Se vuoi Paolo te ne faccio una lista...

Assurdo. Veramente.
@ Claudio Fe

A che mi son de Verona (bestemmia in chiusura)... :)

@ granmarfone

Capisco le tue intenzioni col pouf di nome Wanda, ma lo stesso non riesco a farmene una ragione...

:DDD
In merito al sistema sessagesimale conosco una bella ipotesi sulla sua nascita ovvero che anticamente i pastori con la mano libera contavano col pollice le falangi delle altre dita (12) e con la mano che reggeva il bordone* (e dagli! :-D) contavano fino a 5 dozzine ovvero 60.
Non ho alcuna certezza che vi sia anche solo un fondo di verità ma non approfondisco perché la storia mi piace tanto e non vorrei che fosse una bufala
:-)
* lo so che è un pastorale ma ci stava così bene il bordone...
[quote-"Federico"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/11/gli-usa-e-il-sistema-metrico-decimale.html#c8061654818493269572"]
e cosa fare con quelli che guidano a sinistra?

tanto più che hanno il coraggio di dire che siamo noi che guidiamo on the wrong lane!
[/quote]

Guidare a sinistra, aveva un suo motivo all'epoca in cui si andava ancora a cavallo, incrociando qualcuno che veniva in senso opposto, avendolo sulla destra, in caso di un attaco, si era dal lato giusto per usare una spada.

Comunque tra i tanti errori che si possono citati nella trasformazione delle misure, spicca quello subito da una squadriglia di spitfare, che dovendo effettuare un trasferimento dalla madre patria a Malta ed essendoci di mezzo il mare, avevano chiesto la distanza in miglie alla marina, quando poi sono partiti purtroppo non si sono ricordati che le miglie marine sono superiore alle miglie terrestri, su cui avevano calcolato il consumo di carburate, con il risultato di finire il carburante in mare aperto.
Comunque, gira voce che il bordone di Martinobri sia comparabile a quello di alcuni antichi strumenti
http://www.eufonia.eu/images/schede/liutoeleliete/liuto2.jpg

Inutile anche aggiungere che, come tutti i bordoni degli strumenti a corde, anche quello di martinobri vibra per simpatia.
:-P
Elena ``of Valhalla'' dixit:
"La maggior parte della gente che conosco è capace di misurare gli oggetti a spanne, non solo in senso di "in modo approssimativo", ma anche nel senso di contare il numero di spanne e moltiplicarlo per 20 o 25 centimetri a seconda delle dimensioni della propria mano."

Io, io!!! 20 cm giusti... la spanna... purtroppo...
:-)
ah, sulla questione 60 secondi per minuto: motivo probabile può anche essere quello che un secondo corrisponde (grossomodo) a un battito del cuore -stante quello che si muovevano i nostri antenati, immagino fossero pure un pelo più allenati della media della nostra di popolazione!-
quindi posso fare una misura approssimativa avendo nient'altro che me stesso.

ovvio, corse e mille altri motivi di tachicardia a parte :D
Un secondo è 60 miliardi di volte il tempo che ci mette un fotone ad andare e tornare sullo specchio di partenza in un orologio a luce di 15 centimetri.

Così è deciso, l'udienza è tolta.

:D:D:D:D:D
Promemoria per le lettere accentate.

Tastiera QWERTY (Apple):
tutte le vocali si possono ottenere con accento grave o acuto, sia minuscole che maiuscole

á é i ó ú à è ì ò ù

Á É Í Ó Ú À È Ì Ò Ù

con Alt/Opz + 8 per l’accento acuto oppure + 9 per il grave
seguito dalla vocale minuscola o maiuscola.

Posto un file con le varie combinazioni di tasti, magari viene utile a qualcuno.
@Thhh:
ah, sulla questione 60 secondi per minuto: motivo probabile può anche essere quello che un secondo corrisponde (grossomodo) a un battito del cuore

Effettivamente un senso ce l'ha. Ma non credo che sia quella l'origine perché questa roba del 24 e del 60 mi sembra tanto parente dei 360° della geometria, e credo che sia nato prima l'angolo di 60° che il minuto secondo.

Però allora trovo personalmente più comodo dividere il minuto in 50 secondi :-)
A scuola, quando insegnano la storia parlano sempre di progresso dell'umanità o di facilitazione nelle relazioni commerciali, la riunificazione delle unità di misura di due o più popoli.
Per ginogino

Tra spit e fare c'è di mezzo il mare
:-P
Epsilon,

a proposito di Spitfire, aggiungo solo che non hai veramente ascoltato la musica finché non hai sentito il suo motore Rolls-Royce V12 in azione durante un passaggio a bassa quota. Stradivari si sarebbe commosso. Io ho i brividi al solo ricordo.
Dunque il nostro fuso orario è UTC +1 in inverno, UTC +2 in estate

Che io ssappia, il fuso orario e l'ora adottata in un certo paese di quel fuso sono due cose diverse. Il nostro quindi è sempre +1, solo che il nostro Tempo Civile d'estate aggiunge un'ora

Io, io!!! 20 cm giusti... la spanna... purtroppo...

Che vi avevo detto?..

ma tra acqua solida, gassosa e liquida come la mettiamo?

Ah, basta portare tutto alla stessa temperatura, tipo 20 gradi.
Già, ma Celsius o Fahrenheit? O Reaumur? O Kelvin? Mumble...
Piccola curiosità: l'apertura delle braccia corrisponde alla vostra altezza, con differenze di pochi cm.

E per sapere se le calze sono della tua misura devi avvolgerle attorno al pugno. Fonte: manuale delle giovani marmotte.
A proposito, -VANITAS MODUS ACCENSUM- la mia statura è 165 cm; con ombelico a 102 cm da terra.
Sì, è proprio il rapporto aureo... ho proporzioni perfette.
-VANITAS MODUS EXTINCTUS-
Per Paolo

Non vorrei ricordarmi male (parliamo di una ventina di anni fa) ma mi sembra proprio di averlo sentito in occasione di un air-show.
Se non erro, però, nella sua storia lo Spitfire ha montato vari tipi di motori Rolls-Royce di potenze (e quindi suono) estremamente diverse l'uno dall'altro.
Hai per caso visto la puntata di Toys Stories in cui James May con l'aiuto di una scolaresca assembla un "modellino" Airfix di uno Spitfire in scala 1:1?
Sì, non è un refuso: 1 a 1 :-)
Aggiungiamo anche l'unificazione dei voltaggi? Tanto, danno più danno meno... abbiamo due macrozone con due voltaggi differenti a frequenze differenti (USA, Canada, Messico e Brasile con 110-127V/50Hz e resto del mondo con 220-240V/60Hz) ed altre due microzone divise in due differenti frequenze (110-127V/60Hz e 220-240V/50Hz). Ma passare tutti al 220/240V/60Hz, dato che già oggi è il voltaggio più diffuso?

E Già che ci siamo, magari standardizzare le spine/prese ad una schuko e buonanotte alle prese L16A che non solo sono sempre nei punti sbagliati, ma per le quali non esistono nemmeno più in commercio gli adattatori!!! Ho comprato delle ciabatte con la L16A ed ho dovuto cambiare la spina con una L10A perché non fanno più (mi dicono per legge) le riduzioni da 16A a 10A...

Per non parlare dei vari elettrodomestici (o computer) che si comprano... Tutti schuko, dove tocca sempre comprare anche l'adattatore schuko/L10A... Per i caricabatterie dei cellulari invece sopravvive la L... strano...
Dovremmo passare tutti quanti al sistema FFF basato su furlong, firkin e fortnight: quello ha il vantaggio di avere praticamente solo svantaggi e causare confusione a tutti :)
Che io ssappia, il fuso orario e l'ora adottata in un certo paese di quel fuso sono due cose diverse. Il nostro quindi è sempre +1, solo che il nostro Tempo Civile d'estate aggiunge un'ora

Stiamo facendo confusione.

Il tempo UTC non è soggetto ad arbitrarie modificazione di orario stagionali.

Per cui UTC per esempio NON coincide con l'ora britannica estiva. L'ora britannica estiva è UTC+01:00. L'ora britannica invernale è UTC±00:00. E via discorrendo per gli altri orari nel mondo. In Italia d'estate è UTC+02:00
Dovremmo passare tutti quanti al sistema FFF basato su furlong, firkin e fortnight: quello ha il vantaggio di avere praticamente solo svantaggi e causare confusione a tutti :)

ROTFL
tant'è che in informatica la data la si salva in YYYY-MM-DD proprio per evitare l'ambiguità, altro che MMDDYYYY

cmq concordo, unificare unificare unificare. In teoria bisognerebbe unificare anche la lingua, ma per quello c'è l'inglese. Dovrebbe diventare lingua ufficiale di tutte le nazioni e lasciare le altre lingue al livello di "dialetti"
martinobri dixit:
"Che vi avevo detto?.."

Ma che hai capito?!? Vorrei avere 20 cm di piede ovvero calzare il 29 che vorrebbe dire essere di nuovo bambino!
E quindi ecco la nuova frontiera delle misurazioni: la taglia delle scarpe
http://it.wikipedia.org/wiki/Misura_delle_scarpe
e quella dei vestiti:
http://en.wikipedia.org/wiki/Clothing_sizes
Per le ferrovie c'è un altro problema di unificazione, oltre al già citato problema sullo scartamento, è quello dell'alimentazione.
In Francia si viaggia con 1500 V, In Italia con 3000 mentre in Inghilterra (in alcune sue parti) con 750 V.
Quindi un bel casino
Mi correggo: calzerei un 31; avevo preso la misura della scarpa invece di quella del piede.
martinobri, tu pensi sempre male! Mi ricordi il protagonista di quella barzelletta che, interrogato dallo psicologo in merito alle macchie di Rosciarsh... Rosciscirasc... Rho Pero... (quello lì, insomma: Rorschach!) rispondeva sempre di vedere orge su orge e di rimando all'osservazione secca del terapeuta "Eh ma lei è proprio un maiale" rispondeva sbottando "Ma dottore! Se lei continua a farmi vedere immagini pornografiche..."
:-)

PS un dubbio per gli etimologi che frequentano il blog: "pornografica" è ovviamente la composizione di due parole; la seconda l'ho capita ma "pornogra" che vuol dire?!?
:-)
Gli americani non hanno grande fama nell'essere "smart" (non ha una traduzione letterale, sarebbe "intelligente con praticità" ma non rende). A parte il sistema metrico, da loro il diesel non sfonda perché sono abituati a considerare solo i cavalli, ignorando la coppia, col risultato che i pochi diesel, ad esempio su un F-150, sono grandi la metà come cilindrata, ma assicurano la stessa coppia.

In merito alla disquisizione informatica sulle date: a livello di LP ad oggetti come Java, la differenza è nulla. Se poi andiamo su altri linguaggi di scripting come javascript e PHP beh, idem. Non so su altri linguaggi, magari di più basso livello (come il C), che problematiche ci siano, però non vedo sto grande problema a scrivere una funzione capace di interpretare a dovere una data, con i computer odierni non sarà questo il problema. Vale invece il discorso della confusione di una persona umana, 10/9 che data è? Boh, chi lo sa!
Quello che sono veramente incasinati sono gli ingegneri invece. Di fatto un mio amico in un corso di 6 mesi, uno fu letteralmente perso per via dell'apprendimento di queste unità di misura inutili! Il professore dovette quindi correre sul programma! Insomma, un danno continuo!

Per l'ora legale. Io lascerei gli orologi un'ora avanti per sempre, oppure si ritorna a ritmi diversi (es. anziché alle 21.30 la prima serata è alle 20.00, si finisce di lavorare alle 16.00, ma si comincia alle 7.00). Ora come ora, d'estate si finerebbe di lavorare con il sole alto nel cielo, se non ci fosse l'ora legale. Visto che la vedo dura imporre questo "ritorno al passato" tanto vale spostare un'ora avanti le lancette e saluti.
Sulle prese di corrente - qualcuno abita in un condominio 'magic'?
Qui negli anni 60 andava per la maggiore questa presa non standard, nera a zigzag.
MAi capito pecché,
e, Se interessa, la Comunità europea stava macinando l'idea di una persa europea: ma và?
E voleva usare una versione un po' differente dalle prese svizzere, a tre perni disassati. (IEC 60906-1 – presa standard internazionale 230 V)

Che, metti che la Shuko tedesca va per la maggiore, e che Fracesi, belgi, cechi, polacchi usano la versione francese (che è una shuko con la terra disassata e sporgente e la maggior parte degli elettrodomestici va in entrambe), e che entrambe queste prese 'tonde' accettano l'eurospina piatta a due poli, si poteva partire da lì.
Ma sembrava troppo facile.

Non lamentiamoci degli americani, và.
PS un dubbio per gli etimologi che frequentano il blog: "pornografica" è ovviamente la composizione di due parole; la seconda l'ho capita ma "pornogra" che vuol dire?!?

Eh, ma lei è un maiale! :-)
@martinobri
Ah, basta portare tutto alla stessa temperatura, tipo 20 gradi.
Già, ma Celsius o Fahrenheit? O Reaumur? O Kelvin? Mumble...

Ahi ahi ahi, mi cadi proprio sui fondamenti (ovvio che scherzo).
Le unità di misura, scritte per esteso, non iniziano con la maiuscola, anche se sono il nome di una persona.
Ma soprattutto, non esistono i "gradi kelvin", ma solo i "kelvin" (K).

http://www.bipm.org/en/CGPM/db/13/3/
http://www.bipm.org/utils/en/pdf/CI-2005-2-EN.pdf
L'unica vera bibbia.
ma lei è un maiale!

Semmai un mai-a-letto.
@ Locomotiva
Sulle prese di corrente 'magic'

Mio zio, centralista Enel, decenni orsono, ristrutturando casa, aveva installato tutte prese magic; il motivo, mi spiegò, era perché l’Enel, in quella zona aveva messo a terra il neutro.

Con quel tipo di presa, nella quale potevi innestare la spina solo in posizione obbligata, poteva collegare la presa centrale di terra sempre al neutro ottenendo la messa a terra di ogni aggeggio.

Non so molto di impiantistica ma mi è sempre parsa una spiegazione nebulosa oltre che lacunosa e pericolosa, anche se per la verità nessuno si è mai fulminato pur toccando aggeggi sotto neutro.

Poteva essere questa la ragione?
@Santino83:
l'unificazione della lingua mi fa' rabbrividire..
e poi, perché proprio l'inglese allora?
-almeno stando alle fonti che riesco a rintracciare in un paio di minuti di ricerca- quella più parlata (tra native speakers e non native speakers) è il mandarino, dovremmo uniformaci su quella.
La risposta "beh ma da questa parte del mondo non la si conosce granché" è non valida :P
@lufo88:
Per l'ora legale. Io lascerei gli orologi un'ora avanti per sempre, oppure si ritorna a ritmi diversi (es. anziché alle 21.30 la prima serata è alle 20.00, si finisce di lavorare alle 16.00, ma si comincia alle 7.00). Ora come ora, d'estate si finerebbe di lavorare con il sole alto nel cielo, se non ci fosse l'ora legale. Visto che la vedo dura imporre questo "ritorno al passato" tanto vale spostare un'ora avanti le lancette e saluti.

A tenere le lancette un'ora avanti sono d'accordo. Avremmo il famoso risparmio di energia di 10 euro durante l'estate (mentre d'inverno è uguale) e i programmatori potrebbero fare cose più utili che arrovellarsi su come automatizzare il cambio dell'ora su un PC australiano.

D'estate in realtà si finisce di lavorare col sole alto nel cielo proprio grazie all'ora legale.

Ah, e in Germania la prima serata inizia alle 20:15 e finisce alle 21:45. Poi c'è il telegiornale e inizia la seconda serata.
Forse perché molta gente entra al lavoro alle 8 ed esce alle 16:45.
Fra l'inglese e il mandarino vince indubbiamente l'inglese in termini di facilità d'uso. Il mandarino tra ideogrammi e miriadi di espressioni per riferirsi agli amici, ai parenti, ai colleghi, ai superiori, ai cani, ai gatti, ai topi :D :D :D non c'è dubbio che è poco immediato...

E poi fino a prova contrario il mandarino si mangia e basta...
[quote-"Thhh"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/11/gli-usa-e-il-sistema-metrico-decimale.html#c6745150083635547789"]
@Santino83:
l'unificazione della lingua mi fa' rabbrividire..
e poi, perché proprio l'inglese allora?
[/quote]

Qualche anno fa era il francese la lingua internazionale e l'inglese era "solo" la lingua dell'aereonautica.

Comunque anche lo spagnolo e il portoghese non scherzano.

Sta di fatto che da noi (Ticino) non è raro che per un posto di lavoro richiedano le tre lingue nazionali principali più l'inglese e lo spagnolo, oppure il russo.

Altro che torre di Babele...
No i klick servono per le distanze.
1 klick = 1km o 0.62 miglia

per il tempo si utilizza l'UTC o come viene chiamato in gergo, zulu time
Allora, al momento siamo messi così:

- Via l'ora legale;
- Uniformare le unità di misura al sistema metrico decimale;
- Uniformare la lingua all'inglese;
- Uniformare lo scartamento dei binari a quelli americani;
- Uniformare i voltaggi e spine/prese a quelle tedesche;
- Uniformare la misura del tempo al sistema metrico decimale, con conseguenza di uniformare le date;

Aggiungo: una sola moneta, un solo governo, un solo obiettivo... ♪♫ imagine all the people ♫ living life in peace ♬♫...

BANG! BANG! BANG! BANG! BANG!

E si ricomincia daccapo...
Locomotiva quaerebat:
"Sulle prese di corrente - qualcuno abita in un condominio 'magic'?"

Io, io!!!
Nell'appartamento di mia mamma (Stesso condominio, grande trasloco il mio) ce ne sono ancora mentre nel mio avendo ristrutturato le ho cambiate tutte.
Personalmente non sarei contrario all'unificazione della lingua (almeno in Europa) nel senso che si cerchi di far diventare bilingue le nuove generazioni, cioè Inglese più la lingua nazionale per esempio.
@Luca Favro:
Personalmente non sarei contrario all'unificazione della lingua (almeno in Europa) nel senso che si cerchi di far diventare bilingue le nuove generazioni, cioè Inglese più la lingua nazionale per esempio.

Non solo in Europa. Ormai il lavoro ha uno "scope" :-) mondiale.
ok, bilingue è un'altra cosa.
Sapere leggere e scrivere e parlare (e pensare) in inglese concordo che sia indispensabile... nonché economico -i miei libri vengono 160€ edizione nuova inglese, 310€ edizione vecchia italiana.

E, tra l'altro, non è decisamente un obiettivo irraggiungibile per il singolo.
Si dicesse "almeno quattro lingue a testa" allora un po' annasperei :D
Egregio Signor giudice,

Ho visto perfettamente il segnale di limite di velocità: era bianco con bordo rosso e portava all'interno ben visibile la cifra 50, senza alcuna altra indicazione di unità di misura. Lei ben sa che il Regio decreto 23 agosto 1890, n. 7088 rende obbligatorio l'uso del Sistema Metrico Decimale in Italia, e che la Direttiva del Consiglio CEE del 18 ottobre 1971 71/1354/CEE modificata il 27 luglio 1976 (76/770/CEE), ratificata successivamente dal governo italiano, prevede l'obbligatorietà di applicazione di tale sistema SI. Orbene, per tale sistema metrico, le unità di misura da considerarsi sono, per la lunghezza, il metro, e per il tempo, il secondo. Di conseguenza, signor giudice, risulta evidente come la unità di velocità debba legalmente considerarsi il metro al secondo. Non oso neppure immaginare che il Ministero preposto non applichi le leggi della Repubblica.
Pertanto, per quanto sopra esposto, 50 metri al secondo corrispondono esattamente a 180 Km/h. La Polizia afferma che la velocità della mia vettura - rilevata da apparecchiatura elettronica omologata - era di 177 Km/h, e questo non lo contesto. Semplicemente, faccio rilevare, viaggiavo a 3 Km/h al di sotto del limite autorizzato. Per quanto sopra esposto, chiedo pertanto l'annullamento della contravvenzione e la restituzione della patente.


Distinti saluti.

Carson
Un buon motivo per non utilizzare il sistema anglosassone, basato su multipli di 2 e 3 rispetto al sistema basato su multipli di 2 e 5, è che le frazioni di unità generano numeri periodici (basti prendere numeri primi diversi da 1,2,3 e dividerli per un multiplo di 2 e 3) al contrario dei multipli di 2 e 5 (numeri primi diversi da 1, 2, 5 divisi per multipli di 10 danno sempre numeri finiti).

Ciò ha importanti riprercussioni nell'errore di troncamento di tutti i sistemi di calcolo basati su un numero finito di bit ed incapaci di rappresentare numeri periodici.


PC win, anglosassone lose

^_^
Come ulteriore stranezza, aggiungerei le "fluid ounces" o fl.oz. Una misura di peso per indicare un volume.

Quando vado in America, mi tocca sempre soffrire, soprattutto al ristorante. Le bistecche hanno il peso in once, le bibite sono misurate in pinte o fl.oz. E i camerieri non sanno mai l'equivalente in unità metriche. Devo sempre tirare fuori la calcolatrice. E poi i prezzi sono tasse escluse (che variano da stato a stato).
[quote-"Turz"]Per non parlare delle phone conference saltate ogni anno perché in Giappone e in India poverini non si ricordano che qui c'è questo buffo sistema e quindi il 31 marzo si collegano un'ora dopo.[/quote]

Problema simile con gli USA. L'ora legale inizia e finisce in date diverse rispetto all'Italia, per cui in alcuni periodi la differenza di fuso orario (ad esempio con la costa atlantica) è di 5 ore invece di 6. Questo mi ha fatto saltare una phone conference.
"granmarfoneMio zio aveva installato tutte prese magic; perché l’Enel, in quella zona aveva messo a terra il neutro.

Con quel tipo di presa, nella quale potevi innestare la spina solo in posizione obbligata


Ok, la terra sul neutro era una roba che si faceva, negli spericolati anni 60.
E in effetti le prese tedesche ed italiane non hanno una direzione, puoi mettere gli spinotti giusti o sbagliati (e per la legge di Murphy...)

Il punto è la stessa delle misure, però: dovendo attaccare le spine nelle prese in una direzione sola, esistevano già gli standard francesi (con la terra sporgente disassata), credo quello svizzero (tre perni disassati) e le terrificanti spinone britanniche con i pioli quadri e il fusibile.
la BTicino, invece, si inventa di punto in bianco uno standard tutto suo, il Magic, così a capocchia.

Allo stesso modo, gli amerragani, dopo un secolo di filetti fatti a muzzo e su mille disegni, decidono che i filetti metrici a 60° sono meglio e si inventano una tabella UNF coi filetti calcolati come quelli metrici ma in frazioni di pollici, così di punto in bianco.
UTS e sottovarianti.
Che, ovviamente, un filetto 3/4-10UNC-2A è una denominazione chiarissima: una roba brutta tipo M20x1 non la capisce nessuno, no?

(per chi se lo chiedesse: un M20x1 l'avete in casa. É quel filettino a denti fini fini che tiene la ghiera dell'areatore attaccato al rubinetto miscelatore in bagno)
Perché l'inglese? Beh, non perché sia la lingua madre della maggior parte delle persone, ma perché è la lingua più conosciuta dalla maggior parte delle persone! Ovvero, se io vado in Danimarca e parlo inglese riesco a cavarmela, la stessa cosa non posso dire del mandarino :-)

Unificare le unità di misura è, a mio parere, fondamentale, perché unità di misura diverse, possono provocare grossi disastri, ad esempio un quasi disastro aereo fu causato dall'errata conversione chili-libbre, per cui fu caricato metà del carburante necessario!

Per la lingua: sarebbe un passo fondamentale per l'umanità! Immaginate una lingua planetaria, immaginate con che facilità si potrà comunicare con chiunque. Sarà un motivo in più per favorire l'integrazione tra culture diverse. Io ci vedo solo aspetti positivi nell'avere una sola lingua.

Per le spine: qua si va anche sul tecnico, però se ho ben capito la proposta attuale di una spina "unificata" sarebbe una spina simile alla nostrana, con la messa a terra "non allineata" costringendo ad inserire la spina in un solo modo. Questo dovrebbe portare a un vantaggio tecnico (cosa che la tedesca non avrebbe, perché si può inserire in due modi), ma non ho capito quale.