skip to main | skip to sidebar
58 commenti

Mascherare le foto non basta più: il caso della presunta “escort” ticinese [UPD 18:40]

Escort di lusso o vittima di hacker? Meglio ripensare le regole di privacy per le foto


Per tutelare la privacy non basta più oscurare i volti nelle fotografie. Stamattina Tio.ch ha pubblicato la storia (uscita anche in prima pagina sul giornale gratuito 20minuti di oggi) di una donna del Luganese che dice che le sue foto provocanti “sono finite in un sito internazionale di escort. La ragazza ha giurato a 20minuti di non saperne nulla e ha riferito di essere vittima di hacker” che “hanno creato questa falsa identità” e ora è in corso una lotta “per far cancellare questi siti”.

Al momento in cui scrivo, l'articolo è corredato da una di queste fotografie della donna, con il volto debitamente oscurato in modo da renderlo in teoria irriconoscibile (qui sopra ne vedete un frammento). Idem dicasi per la foto pubblicata su 20minuti. Gli articoli non fanno nomi o usano pseudonimi. È quindi salvo l'anonimato della sedicente vittima? Secondo le usanze del giornalismo sì.

Ma siamo nell'era di Internet e dei motori di ricerca per immagini. In due minuti ho trovato la foto non mascherata, il sito internazionale di escort in questione e il probabile numero di cellulare della donna. Tutti questi dati, insieme agli altri che ho raccolto con un uso ragionato degli strumenti online e che per ora non pubblico, mi hanno permesso di aggirare il mascheramento della foto. Inoltre sembrano indicare che gli hacker abbiano ben poco a che fare con la pubblicazione delle foto intime della donna in un sito di escort e che il lavoro di fotoritocco estetico sia davvero encomiabile. Caveat emptor.

Ho scritto a Tio.ch alcune ore fa invitando a rimuovere la fotografia per evitare riconoscimenti analoghi al mio e ho contattato la donna via mail per avere chiarimenti. Per ora tutto tace [v. aggiornamenti qui sotto]. In attesa di chiarire la situazione, non pubblicherò commenti che rivelino dettagli sull'identità della persona in questione. Non è importante la storia in sé, che è solo gossip locale: quello che conta è la dimostrazione del concetto che le regole tradizionali di tutela della privacy non bastano più. Utenti e giornalisti farebbero bene a tenerlo presente per evitare danni, disagi e imbarazzi.


Aggiornamenti


18:40. Sono stato contattato dalla redazione di Tio.ch, che ha chiarito riservatamente molti aspetti della vicenda, che risulta molto più intricata di quanto sembrasse inizialmente (ma non è il caso di entrare qui nei dettagli). Fra l'altro, chiarisco che non intendevo criticare Tio.ch per il suo operato, che è pienamente in linea con le prassi consolidate e ritenute sufficienti, ma volevo semplicemente segnalare un problema nuovo.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (58)
grande paolo, come sempre.
L'immagine su Tio.ch è ancora presente ed anch'io, il che è tutto dire, ci ho messo circa 30 secondi per recuperare l'immagine non censurata.
M.,

ho respinto il tuo commento perché rivelava l'identità della persona. L'avevo scritto che non avrei pubblicato commenti che rivelassero l'identità. Grazie per aver letto attentamente il mio articolo.
io un po' meno..... :)
Se è la stessa che ho rintracciato io, ha pure un sito personale tranquillamente accessibile.
Che senso ha dunque parlare di privacy quando è tutto allegramente pubblico?
Beh, in base ad un articolo online del 30/09/2011 (in cui lamentano un bidone al BergamoSex) sembra che si diletti anche nel porno...
Mi sa che ti hanno letto anche a TicinoOnline, dato che la foto e' sparita, ma si puo' ancora estrarre tramite copia e incolla dalla versione Acrobat di 20Minuti.
Trovato tutto.
Certo che forse qualcuno dovrebbe spiegare alla signora (la madre) come presumibilmente stanno le cose...
In questo caso però aiuta molto il fatto che si tratti di un personaggio abbastanza noto e attivo sul web (da quello che ho capito).
Ottimo esercizio comunque.

Paolo, mi mancano i tuoi quiz per indagatori di bufale. Potresti ripristinare la rubrica?

Salutoni a tutti.
Foto (e intero sito della ragazza) trovato anche dal sottoscritto!
Mi sa che ti hanno letto anche a TicinoOnline, dato che la foto e' sparita

No, è ancora lì. Io la vedo ancora adesso.
per robinet

Perché io, per amor di completezza dell'indagine, ho impiegato 29 di quei 30 secondi per esaminare a fondo le parti non censurate della foto originale.
:-P
Bah, confermo che la si trova veramente al volo. Le prove? Beh, nel sito personale della "povera" signorina si ritrovano sia la foto di Tio.ch (nello specifico l'ottava della prima delle due colonne della gallery) che quella di "20minuti" (prima della colonna di destra)...
[Paolo, direi che non è abbastanza per svelarne la (poco) segreta identità]
Ma la foto in camicetta? TinEye non mi trova niente.

Per la foto in intimo presa da 20Minuti invece ho trovato tramite Google Immagini.
Vorrei dire che si fa anche senza strumenti chissà quali avanzati o da "hacker", ma un semplice Google immagini!
in effetti con google ci vuole un secondo..
tineye stranamente non restituisce risultati, ma vabbè
Troppo facile recuperare la foto originale e poi questa è decisamente un gran **oione. Chissà la mamma cosa penserà quando vedrà il sito della sua bambina. Ovviamente a meno che non si applichi la regola "tale madre, tale la figlia"
Questa mi pare pubblicità gratuita, non mi pare ci sia nulla da chiarire, è una escort!
Mi avete messo la pulce nell'orecchio...scusate l'ignoranza, ma come si riesce a trovare un'immagine utilizzandone una simile? A parte la boccacesca questione di cui sopra, potrebbe venirmi utile in futuro anche per lavoro.
Ora voglio sapere come avete fatto, che tineye non mi aiuta.
Ad essere onesti la foto è anche nella bio.... :D Ma forse sarò l'unico ad averla letta (la bio) ;)
Accipicchia...ci sono riuscito anche io in men che non si dica, pur essendo prima della lettura dell'articolo completamente all'oscuro di come fare...you can run but you can't hide!
Due click e si scopre presto l'arcano. Io chiederei al fotografo che le ha realizzato il sito di chiarire alla mamma che nessuno ha rubato nulla e che nessun hacker ha abusato dell'identità della pulzella... ;-)
La storia mi lascia quantomeno dubbioso.
La signorina ha dei problemi con nomi e foto pubblicati in internet e NELLO STESSO NUMERO di 20minuti alle pagine 6 e 7 compare un articolo dal titolo "Scheletri nel web? C'è chi li può celare" in cui si parla di una azienda SPECIALIZZATA nel risolvere situazioni come quella della signorina in prima pagina.

Ciao

Carson
di segreto direi che c'e' veramente poco.. altro che 30 secondi ci vuole veramente un attimo per trovare le informazioni.. e da li al sito personale e'ancora piu' rapido
è stata faticoso trovarlo, invece. il plugin dell'occhio di latta non trovava niente, ho dovuto ricorrere a gogolo...
Non mi sono messo a cercare, mi basta la foto di Ticino on line per capire che la tipa ha due poppe da urlo.... e probabilmente siliconate.
@epsilon. bravo, io invece onestamente ci ho dedicato i 10 minuti successivi :P
Motogio,

ho respinto il tuo commento perché la tua critica all'articolo era ingiusta. Non per colpa tua: non sei al corrente di dettagli che la redazione mi ha comunicato in via riservata.
Immagino la scena: la madre piomba in casa:
- Marisa, il figlio della Pina dice che ci sono sull'internet delle tue foto sbiottata, te se mata?!?
- Ma no mamma, le mia pusibil, tel giuri!
- Le ho viste anca mi!
- Ho capì, saran stà gli hacker!!
- Pora fiola mia, vittima di sti accher.

Il dialetto è stato modificato per proteggere l'identità della (?) vittima.
paolo, scusa, parli di informazioni che ti hanno dato in via riservata. cercando nome e cognome della signorina, si arriva a diversi siti che parlano di lei, parlano di una saltata presenza al bergamosex e un annullato film porno che la vedeva protagonista. a quanto pare di capire, così, è una che si dimostra particolarmente disinvolta ed esibizionista, ma al contempo la prendono in giro perchè avrebbe paura che il padre la scopra.
a questo punto la domanda è: lo scippo di identità è perpetrato ormai da lungo tempo, creandole questa fama in rete, oppure si tratta di una storia come quella della ragazza che si era fatta tatuare la faccia piena di stelle e poi ha tirato su quel casino per giustificarsi davanti ai genitori?
[quote-"Stefano"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/11/mascherare-le-foto-non-serve-piu-il.html#c2069659944399740423"]Due click e si scopre presto l'arcano. Io chiederei al fotografo che le ha realizzato il sito di chiarire alla mamma che nessuno ha rubato nulla e che nessun hacker ha abusato dell'identità della pulzella... ;-) [/quote]

Di qualcosa si è abusato, si è abusato di Photoshop.
@Paolo

Nessun problema; se il dettaglio che ignoro è quello che penso nulla aggiunge e nulla toglie allo scopo che volevi raggiungere con il tuo articolo.
Tripponzio,

a questo punto la domanda è: lo scippo di identità è perpetrato ormai da lungo tempo, creandole questa fama in rete, oppure si tratta di una storia come quella della ragazza che si era fatta tatuare la faccia piena di stelle e poi ha tirato su quel casino per giustificarsi davanti ai genitori?

Per deontologia non posso risponderti pubblicamente. Ci sono di mezzo delle questioni legali. Non posso, per ora, dire altro.
Emanuele,

ho respinto il tuo commento. Niente informazioni personali. Grazie.
Paolo, quello che volevi comunicare è abbastanza chiaro; la privacy non è al sicuro se non si prendono le docute precauzioni ed i giornalisti devono sapere queste cose ... In questo caso però si tratta di gossip puro, poiché la signorina in questione è esattamente quello che dice di non essere ...
Dopo 2005 YU55, i prossimi obbiettivi di Goldstone e Arecibo saranno le pop.. ehmmmm!!! ;-))) le meteore della signorina!!!
E ci vuole poco per trovare anche una bellissima video-intervista della fanciulla (realizzata prima di diventare imprenditrice di se stessa) proprio a tio.ch !!! Quanta ipocrisia !!! :D
Nel suo sito si definisce una "private luxury model", non sanno piu' come chiamarsi fino poco tempo fa andava di moda escort...
A me sembra anche questa una trovata pubblicitaria per far parlare di se'. Altrimenti perche' gonfiarsi tanto le tette se non per esibirsi?
Che ticinonline non ne faccia una giusta non è una novità.... :-)

http://ohmiotio.blogspot.com/
Io sono convinto che si tratti di pubblicita', vista anche l'intervista che la signora ha concesso allo stesso sito quando aveva un'altra "identita'" sul web. Il sito da escort risulta aperto a settembre di quest'anno, mi sembra un ottimo modo per lanciarlo viralmente.
Pare che la signorina sia molto nota sul web con più di un'identità.
Oh no... ho beccato le foto senza photoshop....
Niente con Tineye; a sto punto sono curioso anch'io di sapere come fate!
Niente con Tineye; a sto punto sono curioso anch'io di sapere come avere fatto!
Rettifica, trovata. In effetti era semplice, e la storia sembra tutt'altro che cristallina...
Lo spiegate anche a me?
Con una breve ricerca saltano fuori almeno tre idendità passate della donzella, e le prime due sembrano "bruciate" causa incompatibilità caratteriale con il proprio adorante pubblico.

Questa quindi è la terza... three is a charm?
Paolo, non per chissà quale morbosità (donnine nude sul web ce n'è a bizzeffe) ma per il fatto che hai ripetutamente detto che la situazione è ben contorta, ora sono estremamente curioso.

La domanda è: quando tutto si sarà risolto (a livello legale) sarà possibile raccontare com'è andata veramente la storia?

Non per altro, perché il tuo "c'è altra roba dietro" lo rende veramente interessante. Senza queste aggiunte, ci saremmo tutti fermati a pensare "è stata scoperta e ha finto di essere stata hackata", ma se c'è dell'altro è decisamente una storia meno banale di quanto ci potremmo attendere!
Paolo, che Vaso di Pandora hai scoperchiato! Comunque, più mi informo a riguardo, più la cosa mi sembra essere una grande trovata pubblicitaria o campagna virale creata dalla persona interessata per resettare il proprio quarto d'ora di celebrità.
Se Paolo dice che la situazione è complicata, allora quello che abbiamo trovato in rete (2 secondi con google) si presta a molte interpretazioni. Si può anche ipotizzare che tutte le sciocchezze e attacchi personali a questa ragazza siano proprio ciò di cui si lamenta lei stessa, ovvero un vero e proprio furto di identità con il quale si sono create queste storie squallide utilizzando le sue foto. Alcuni toni usati sembrano suggerire che di mezzo ci sia qualcuno con del rancore...
In effetti si trova facilmente. Nel sito della signora vedo una gallery di foto provocanti più o meno photoshoppate, la pubblicità delle sue misure, la parola escort e altro. Mah.

A proposito di ricerca per immagini: la ricerca per immagini di Google non compare su Opera, in cui la pagina appare in maniera ridotta; ma se si maschera Opera da Firefox (e magari si cancellano anche i millemila cookie di Google) funziona perfettamente, esattamente come Firefox o Chrome. Non è la prima delle cose del genere che fa Google. E meno male che il suo motto era: "Don't be Evil".
Aspettavo che qualcuno con competenze più tecniche rispondesse alle varie suppliche ma visto che qui si latita rispondo io.
Il metodo che ho utilizzato io (e penso quasi tutti) è stato quello di copiare l'URL della foto censurata (da tio.ch) e darla in pasto a google immagini; il resto vien da sé.
Mi sembra molto più interessante (e divertente) ciò che c'è nel resto della prima pagina.
Se ci sono riuscita anche io in 5 secondi con un braccio solo (l'altro non è legato, sorregge la piccolina di 3 mesi che dorme :)) allora la cosa è veramenre grave :/
Bisogna sul serio cambiare sistema di offuscamento delle immagini...
Detto questo, forse sarò la solita inguaribile credulona... Ma se davvero la ragazza non sapesse nulla dei siti? Le foto può anche averle fatte per qualche book di poco gusto e a poco prezzo... Ma se poi qualcuno le avesse usate per creare la fantomatica studentessa/modella/escort chesoio?
[quote-"martinobri"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/11/mascherare-le-foto-non-serve-piu-il.html#c2991970891366655614"]
Lo spiegate anche a me?
[/quote]

Paolo nell'articolo non l'ha voluto spiegare per ora, quindi non sarebbe giusto scriverlo nei commenti...
Ma se glielo chiedi via mail secondo me ti risponde :)
[quote-"martinobri"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/11/mascherare-le-foto-non-serve-piu-il.html#c2991970891366655614"]
Lo spiegate anche a me?
[/quote]

È una campagna pubblicitaria fatta per salvare l'onore di una figlia agli occhi di sua madre; ma solo ai suoi.

C'è chi può...
[quote-"Theon"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/11/mascherare-le-foto-non-serve-piu-il.html#c2718857421917115207"]
Nel suo sito si definisce una "private luxury model", non sanno piu' come chiamarsi fino poco tempo fa andava di moda escort...
A me sembra anche questa una trovata pubblicitaria per far parlare di se'. Altrimenti perche' gonfiarsi tanto le tette se non per esibirsi?
[/quote]

Beh, veramente sul sito personale a fondo pagina, c'è scritto Luxury International Escort ... Questa si vuol solo fare pubblicità ...
È una campagna pubblicitaria fatta per salvare l'onore di una figlia agli occhi di sua madre; ma solo ai suoi.

Non quello: come si trova la foto