skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Bloccato Koobface, flagello di Facebook

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 2012/01/20 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

Koobface, un attacco informatico che imperversa su Facebook sin dal 2008 (il Disinformatico ne aveva parlato in questo articolo), è stato decapitato: i server di comando e controllo hanno smesso di funzionare e i responsabili dell'attacco sono stati identificati mentre stavano cancellando le briciole di Pollicino che hanno maldestramente lasciato nei social network come FourSquare.

Koobface agiva presentandosi sotto forma di annuncio nelle bacheche degli amici su Facebook e si spacciava per un video accattivante: chi vi cliccava sopra per vederlo veniva portato a un sito che imitava Youtube e gli chiedeva di scaricare un aggiornamento per poter vedere il video. L'aggiornamento era in realtà un programma ostile usato dai malfattori per commettere vari reati.

Il blocco di Koobface è il risultato delle indagini effettuate da Facebook e da ricercatori di sicurezza indipendenti, che stanchi del mancato intervento delle forze di polizia locali (quelle di San Pietroburgo) hanno deciso di rendere pubblici i dati dell'indagine, ottenuti sfruttando una falla nella sicurezza dei server dei criminali. Le autorità russe si sono difese dicendo che non hanno indagato sulla gang di Koobface semplicemente perché nessuno glielo ha chiesto.


Fonti: Naked Security, Punto Informatico
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).