skip to main | skip to sidebar
4 commenti

Disinformatico radio, podcast del 2012/01/20

Pronto il podcast del Disinformatico


Scusate il ritardo, ma sono in catalessi e afono a causa di un raffreddore atomico e quindi sto lavorando al rallentatore (è dura usare il riconoscimento vocale quando non si ha voce). Volevo segnalare che sul sito della Rete Tre della RSI è disponibile per qualche tempo il podcast della scorsa puntata del Disinformatico radiofonico. Ecco i temi e i rispettivi articoli di supporto:

Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (4)
Refuso nell'articolo "Megavideo chiuso dall'FBI".

Ultimo capoverso :"I gestori di Megavideo, inoltre, avevano inoltre ..."

Se già segnalato mi scuso.

Salumi
Refuso sistemato, grazie!
Buongiorno!
Non volevo disturbare eccessivamente ma ho un quesito da porre che mi ha lasciato abbastanza perplesso. Mi e' capitato tra le mani un articolo dal nome "100 bufale a cui credono tutti" su wired.it del febbraio 2011, dove si parla del libro di Severino Colombo e si cita tra l'altro anche il nostro Paolo Attivissimo. L'articolo fotografico affronta diversi temi, molto discutibili tra l'altro, dal momento che si afferma tra le altre cose che la SARS e tante altre patologie sono notizie gonfiate (916 morti secondo i dati ufficiali! per cui mi pare un tantino di cattivo gusto bollarle come patacche). Ma al di la' di questo, si afferma che la famosa foto del primo passo di Armstrong sulla Luna è stato un falso ...
Onestamente, ripeto che molte delle bufale, bufale non solo (vedi snuff movies - magari non esiste un mercato degli snuff ma esistono video di torture e massacri, dal momento che in vari episodi giudiziari sono state confiscate videocassette ritraenti omicidi, stupri o atti di cannibalismo come nel celebre caso del cannibale tedesco Armin Meiwes che ha scosso la Germania a inizio millennio - The whole scene was recorded on the two-hour video tape e non e' il solo caso ovviamente). L'articolo e' davvero confuso e inadeguato a mio modesto parere, e per assurdo e' davvero facile confutare alcune delle psuedo patacche al contrario (vedi la droga dello stupro, magari non esiste una droga che si chiama cosi', ma casi di stupro di ragazze inebedite da sostanze stupefacenti o alcolici fornite da terzi ce ne sono stati a bizzeffe; basta aver frequentato un campus universitario durante le festivita' ... ). Insomma articoli cosi' fanno bene o male?

Cosa ne pensi? Ho letto e interpretato male oppure qualcosa non va davvero?

Link all'articolo: http://daily.wired.it/foto/101-bufale.html
Gnome: il problema è che tu alla fine vuoi crederci, alle bufale. Dici "E se ci fosse un fondo di verità?", ma è una cosa che bene o male facciamo tutti. In questo caso si ricorre al proverbiale "rasoio di Occam", che trovi descritto qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Rasoio_di_Occam che è un sistema "filosofico" se mi perdonate il termine, per capire quanto c'è di vero in una qualsiasi affermazione.

Certo, ci saranno sicuramente (ma bisogna vedere quanti) video di stupri e violenze, ma dubito seriamente che vengano venduti, anche perchè permetterebbero di idenfiticare le persone coinvolte. Non solo, se delle persone venissero uccise per realizzare il film, ben presto si smetterebbe di realizzarli.

Quanto alle droghe, esistono sostanze che provocano la cosiddetta "amnesia retrograda" ovvero portano il soggetto a dimenticare le cose accadute a partire da qualche minuto prima dell'assunzione: molti anestetici di uso ospedaliero hanno questa caratteristica, ma hanno anche quella di far addormentare chi li assume.

Sullo sbarco sulla Luna puoi avere ogni spiegazione cliccando qui accanto ------>