skip to main | skip to sidebar
10 commenti

Disinformatico radio, podcast del 2012/01/27

Pronto il podcast del Disinformatico di ieri


È disponibile temporaneamente sul sito della Rete Tre della RSI il podcast della scorsa puntata del Disinformatico radiofonico. Ecco i temi e i rispettivi articoli di supporto:

Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (10)
Anche per gli oggetti fisici si può parlare di copyright? O è meglio usare il termine brevetto?
Peccato che il signore di Copenaghen non sia più tra noi.
Ciao, hai scritto che io pezzo è stato stampato con una stampante 3D in acciaio inox. Non credo che sia corretto; penso piuttosto che sia stato realizzato con le macchine a controllo numerico tornendole o fresandole dal pieno.
La stereolitografia (in linguaggio più comprensibile stampa in 3D) è possibile solo con alcuni materiali plastici.
Non so se è il posto giusto... ma stanno già nascendo le teorie del complotto intorno all'affondamento del Concordia...

http://affaritaliani.libero.it/culturaspettacoli/iperbole-moderna-costa-concordia.html
News:
non so quanto verificate, ma circola questo annuncio con i provvedimenti adottati dai cyberlocker
http://www.djstrobe.com/blogs/filesharing-update/

bbye
Perdonatemi l'ignoranza...
Ma le stampanti 3D "stampano" oggetti in acciaio ???
Io pensavo adoperassero un qualche tipo di resina...
La vera vergogna di Symantec è che un'azienda seria possa basare la sicurezza dei propri prodotti sul concetto di "Security through obscurity" un principio per cui la sicurezza del sistema dipende fortemente dal fatto che un aggressore non conosce il sistema di sicurezza stesso. La filosofia closed/open source dovrebbe riguardare solo il copyright, ma non influenzare la sicurezza dell'utente. Un sistema di sicurezza deve essere progettato partendo dal presupposto che l'aggressore conosce perfettamente il sistema stesso, altrimenti sarà un sistema fallace!
A proposito di stampanti in 3d vi segnalo un progetto di abbattimento di costi.
http://www.kickstarter.com/projects/printrbot/printrbot-your-first-3d-printer
Tra meno di due anni, secondo me, ne avremo tutti una nel nostro piccolo laboratorio...
@lufo88

Non sono certa di capire il tuo ragionamento: intendi dire che un'azienda che produce antivirus e sistemi di sicurezza in generale dovrebbe rendere pubblici i suoi sorgenti, in modo da ovviare il rischio di un furto degli stessi?
Conosci un produttore di AV commerciali che lo faccia, es. sono pubblici i sorgenti di Avast, Antivir, Avg, Bitdefender, G Data, Kaspersky, McAfee, Nod32, Panda, ... ?
Se ben interpreto il tuo pensiero allora la tua critica è rivolta a tutto il sistema del software di questa tipologia, non semplicemente alla Symantec, che non ne esce comunque bene per ovvie ragioni.
Ma sparare così sulla Symantec perché tiene nascosti i sorgenti mi sembra eccessivo.
Se non ho capito, spiega pure ...
È il princicio di base che è sbagliato. Un conto è il closed source (che personalmente non condivido), un conto è basare la sicurezza del proprio sistema sul fatto che nessuno conosce come funziona il software.

Basta che una persona, per bravura o fortuna, scopra una falla (che è li e non corretta, tanto nessuno può conoscerla) per mettere in ginocchio chissà quanti sistemi.

La cosa più grave è che a subire la cosa non è un software generico, ma un software di sicurezza.

È come se una base militare basasse la sua sicurezza sul fatto che nessuno conosce hli ingressi. È inutile sorvegliarli, tanto non entra nessuno.
Ovviamnete il primo che entra si trova al lunapark....
Frangrav,

Ma le stampanti 3D "stampano" oggetti in acciaio ???

Alcune, come quelle citate, sì. Lavorano per sinterizzazione, se non ricordo male.