skip to main | skip to sidebar
62 commenti

Attenzione: ragni virtuali

Ragni sulla scrivania con la realtà aumentata? MA ANCHE NO


Da oggi Adrian Clark e i suoi colleghi del Human Interface Technology Lab presso la University of Canterbury in Nuova Zelanda occupano un posto speciale nella mia Lista Assoluta dei Peggiori Usi della Tecnologia Avanzata. Cos'hanno fatto? Hanno inventato un metodo per far passare l'aracnofobia. O almeno così dicono loro, che non ne soffrono. Che personcine adorabili.

Con un Kinect generano una mappa istantanea della scrivania dell'utente e degli oggetti che si trovano su di essa e poi usano software di realtà aumentata per generare ragni virtuali tridimensionali che interagiscono con la scrivania quando il malcapitato aracnofobo si sottopone alla “terapia” sedendosi alla scrivania mentre indossa gli appositi occhiali digitali, che gli fanno vedere grossi ragni che corrono sulla scrivania, si infilano sotto i fogli e gli si arrampicano sulle braccia. Così:


Ma con tutte le cose belle che si possono fare con un Kinect e con questo software, dovevano proprio fare questa? Bleah.

Questo articolo vi arriva grazie alla gentile donazione di “raeli”.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (62)
c'è anche la possibilità di schiacciarli con la paletta?
E' bellissimo! :)
Tecnicamente si chiama desensibilizzazione, spesso funziona. Però se manca la giusta gradualità può peggiorare il disturbo. Capisco le perplessità di Paolo.
Fa schifo anche a me che non sono aracnofoba :-/
Speriamo che non se ne inventino altre...
Ma che carini! ^_^
Eccoo come pagheranno il mio prossimo stipendio: sostituiranno le banconote col ragno e mi pagheranno con quelle.
...Ops... intendevo il ragno con delle belle banconote fruscianti.
"Ma con tutte le cose belle che si possono fare con un Kinect..."
Tipo?
:-)
Adoro i ragni per cui comprerei il kinect solo per questo scopo. Però sul realismo dei simpatici animaletti c'è molto da lavorare, come anche sul loro movimento che è troppo meccanico e ripetitivo.
Però un gran bel connubio la mappatura ambientale di kinect unito con la realtà aumentata, tanto di cappello
Impressionante. Comunque, lo vado dicendo da quando si è iniziato a parlare di occhiali per realtà aumentata: secondo me, qualcuno sta già lavorando per tirare fuori la versione definitiva e realmente funzionante dei pornocchiali a "raggi X" che si trovavano negli annunci delle riviste tipo Intrepido negli anni 70
Manca il ragno che, stufo di essere importunato, salta e ti morde la mano. :-)
Al di la dello scopo discutibile, devo dire che a livello tecnico è una delle più avanzate e ben riuscite dimostrazioni di realtà aumentata che ho visto, senza nemmeno l'utilizzo dei soliti "marker"
"Ma con tutte le cose belle che si possono fare con un Kinect..."
Tipo?


Tipo questo:

http://ildisinformaticonsfw.blogspot.it/2011/01/kinect-e-la-fisica-delle-masse-non.html




PS, Biancoli: so che sai, ma è solo per farsi due risate
Mmmh… un toccasana per la mia aracnofobia!!!
Ho il forte sospetto che sia uno scherSo...
E così abbiamo scoperto che Paolo è aracnofobo... ihihihihihihih :)
Non provo neanche a guardare il video,.. Le terapie d'urto mi sono sempre sembrate un'idiozia per menti semplici.
Arkantos,

E così abbiamo scoperto che Paolo è aracnofobo... ihihihihihihih :)

Non è la prima volta che ne parlo qui :-)
Invio un commento a nome di tutti gli aracnofobici:
i ragni camminano sopra i fogli, vengono spostati dai fogli, interagiscono con i fogli...
Allora la mia domanda,che coincide con il mio istinto è: se appoggio il foglio sopra il ragno e tiro una manata sopra il foglio di carta cosa succede?
Segnalazione obbligatoria: http://www.ilpost.it/2012/04/17/lultimo-volo-del-discovery-su-washington/
Sara' che sono amante dell' Horror e degli effetti speciali ma io la trovo una "figata".
Esistono anche ragni di cui nessuno ha paura:

http://www.ragnilecco.com/
Fossero stati gatti non avresti avuto niente da dire... E dove è finito il nerd che è dentro di te?! Sta cosa è veramente... COOOL :-)
Mi sto già sentendo male....

:-(
...la mia Lista Assoluta dei Peggiori Usi della Tecnologia Avanzata

L.A.P.U.T.A.?
Spero non sia un acronimo spagnolo...
...la mia Lista Assoluta dei Peggiori Usi della Tecnologia Avanzata

L.A.P.U.T.A.?

Geniale! :-)
Un nesso tra Paolo e Miyazaki? :-)
AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAaAAARGHHHHHHHHHHHHH!

Certo che mi passa la paura: crepo dopo pochi istanti!!!

Tecnicamente affascinante, ma mi venivano i sudori freddi solo a vederlo... (e sono ancora scioccato dal mega ragnone sul rotolo di carta igienica di un tot di mesi fa...)
Teribbile!! PECCATO (ahahah!) che non ho una kinect, davvero, oh che peccato...

"Ciao, vuoi una kinect, te la regalo"
"NO!"

:-)
@ martinobri

mi aspettavo più qualcosa su questo genere ;-)
Un nesso tra Paolo e Miyazaki? :-)

Più che altro con i Viaggi di Gulliver.
I ragni sono dei fighi, i serpenti son dei morti di freddo. XD
Prevedo che verrà fornito con un sistema di getti d'aria per simulare la sensazione delle zampette sul braccio...
>> Un nesso tra Paolo e Miyazaki? :-)

> Più che altro con i Viaggi di Gulliver.

Ma no, chiaramente hanno copiato da Miyazaki :-PPPPPP
Roberto.
<< Fatelo a Julia! Fatelo a Julia! A Julia, non a me! >>
Non sono amante dell'horror, ma è una figata.

Ho seri dubbi però che possa curare l'aracnofobia.
Macché Miyazaki, il nesso è chiaramente col Dottor Stranamore :D
Non si gioca coi ragni! (almeno non con quelli veri)

http://www.youtube.com/watch?v=bRV4d9LCawU&feature=player_embedded
I ragni li sopporto, anzi, mi piacciono pure, come del resto gli scarabei. Ma le cavallettone... AAAGGH...

Io odio la loro tendenza a zompare random, quando meno te l'aspetti. Ed il loro battito d'ali mi inquieta. Ciò nonostante non credo mi farebbe alcunché "giocarci" col Kinect. Anche perché, cercando di combattere questa mia fobia, a forza di brividi freddi ad oggi riesco persino a toccarle. Se me la mettono in mano, sudo 25 camicie ma non mi muovo (di prenderla io NON SE NE PARLA NEMMENO!!! Non ancora almeno...)

Se pensate che fino ai 15 anni sapevo che c'era una cavalletta in casa, non entravo nemmeno dal portoncino dell'androne, direi che qualche passo avanti l'ho fatto... :)

Certe fobie si possono superare, lo so per certo. Chiaro che uno come Paolo non può "cominciare" da una tarantola pelosona e cicciotta. Magari comincia per gradi con i "ragnetti ballerini" comuni e poi passa a specie sempre più grosse... :D

Tanto per dirne una, ieri sera ho bevuto il Mezcal con vermone cicciotto e molliccio e dato che era l'ultimo goccio l'ho mangiato... Masticato, non deglutito intero. Se si può fare e non fa male, perché non provare? :D

P.S. Niente di che. Sa di Mezcal. No. Niente allucinazioni. :) Prima o poi arrivo a tiro anche ai grilli glassati ed alle cavallette fritte... :DDD
Tanto per dirne una, ieri sera ho bevuto il Mezcal con vermone cicciotto e molliccio e dato che era l'ultimo goccio l'ho mangiato... Masticato, non deglutito intero. Se si può fare e non fa male, perché non provare? :D


Ma che schifo!
@ oui

Ma che schifo!

Il bello è quando lo metti sotto i denti e SCIACCK! Ti inonda la bocca di... boh?!... mezcal più denso? :DDD
Guardando questo post m'è venuta nostalgia del disinformatico NSFW...Paolo, fa qualcosa, resuscitalo!
Smettila Stu!
Se possibile i vermi mi fanno più schifo degli scarafaggi!
Bleah :-/
@stupidocane: sto per vomitare... :X

Seriamente, ho visto (e non trovo il link, uffa) un sistema sperimentale per tradurre il Linguaggio dei Segni col Kinect.
Si va be ma Stu trolla!
Io morirei d'infarto!
@Stupidocane

Ho mangiato i bachi da seta e devo dire che sono una truffa; praticamente non hanno sapore nè carattere, ma mi è venuto da chiedermi: come mai il baco da seta che mangia solo foglie di gelso fa impressione mentre i crostacei, che mangiano esclusivamente schifezze... sono apprezzati?

Immagino che il baco da seta o il verme del metzcal siano perfettamente intercambiabili.
@Stupidocane

pensa che la mia adorabile gattona, pace all'anima sua, innamorata di mia mamma un giorno le portò un gentile omaggio sul letto, che consisteva in una zampettante moribonda cavalletta...

mia mamma era in una situazione molto simile alla tua riguardo le cavallette...

puoi immaginare come si sia offesa la gatta quando mia mamma è saltata dal letto urlando istericamente... ;-)
@ puffo

Sì, credo che le due larve siano perfettamente intercambiabili. L'unico motivo per cui si sceglie la larva del Mezcal, che Wiki mi ricorda è la larva di Hypopta agavis, è che appunto è un parassita naturale dell'Agave, molto comune.

Poi credo vi sia una sorta di legge del contrappasso: "Te, oh vermones blanco e molliccios, me rovini les piantagiones de Agave por la Tequila? Bene, jo allora me enviento un otro liquores e ti ci ficcos dentros come aromaticos. Olè".

Per quanto riguarda i crostacei hai ragione, ma che dire allora delle cozze, veri e propri filtri viventi di nequizie et lordure marine? E quanto buone sono in un'impepata*?

*Rigorosamente senza pomodoro!!!
come mai il baco da seta che mangia solo foglie di gelso fa impressione mentre i crostacei, che mangiano esclusivamente schifezze... sono apprezzati?

In moltissime societa' gli insetti si mangiano eccome. Dipende se conviene o no farlo rispetto ad altre sorgenti di proteine e calorie.

Ti consiglio di leggere Good to Eat, di Marvin Harris, che raccoglie le risposte che da' la scienza a questa e a tante altre domande sulla nutrizione. Per esempio perche' in molti periodi della storia e in molte societa' mangiare carne di cavallo veniva visto con orrore, o perche' il cannibalismo non e' molto apprezzato dalle nostre parti. Eppure una volta che ammazzi qualcuno in guerra perche' non mangiarselo visto che e' sano e... facile da catturare?

La risposta (breve) alla tua domanda e' data per esempio dall'Optimal Foraging Theory: per gran parte delle comunita' umane mangiare insetti non e' la scelta piu' efficiente. Puo' sembrare strano ma esistono lavori che lo dimostrano quantitativamente, misurando quanta energia ricavi e quanta ne spendi per catturare diversi tipi di animali. Nel caso del baco presumo che sia molto piu' conveniente usarlo per produrre seta che per mangiarselo, ma non ho prove in merito.

In generale, confrontando molte culture diverse si arriva alla conclusione che non e' che non mangiamo le cose perche' ci fanno schifo, piuttosto che le cose che ci fanno schifo sono quelle che, per qualche motivo, non ci conviene mangiare .
@ Patafrulli

quando mia mamma è saltata dal letto urlando istericamente... ;-)

Cosa che faccio anch'io tutt'ora se mi succede di soppiatto... naturalmente gridando sulle stesse frequenze sonore di tua madre, nonostante la voce baritonale. :D

So che sembra assurdo, ma se vedo la cavalletta per tempo, mi ci avvicino e la vado a toccare. Invece se me la trovo addosso di sorpresa... GGGHHHAAAAKKK!!! (Brividi)
@Pgc
Del baco da seta mi hanno spiegato che in Thailandia è una sorta di status symbol, roba da pochi. Comunque penso che l'avversione per bruchi o spinaci, così come aracnofobia e ofiofobia, siano retaggi ancestrali, mi riesce facile immaginare che $$mila anni fa i bambini che giocavano con ragni, alveari, serpenti e si infilavano in bocca ogni cosa che riuscivano a staccare non raggiunsero l'età fertile.

Scherzando sui cinesi col mio capo (nord-vietnamita) ho espresso l'ipotesi (ironica) che la cultura cinese ha il repertorio culinario più vasto del pianeta perchè i nobili usavano i peones come cavie per stabilire cosa sia commestibile, cosa no, e cosa diventa commestibile se cucinato a dovere.

@Stupidocane

Impepata di cozze col pomodoro?

Mondo rotondo!, ma c'è qualcuno che, se si ritrova un'impepata di cozze col pomodoro nel piatto, non taglia la gola al cameriere contro lo schienale di una sedia tirandogli la cravatta?
@Stupidocane: per i tuoi inquietanti e vermiformi post sarai punito quando meno te l'aspetti con lo stesso scherzetto che propinai tanto taaanto tempo fa ad un simpaticone con il terrore dei grilli. Glie ne feci trovare uno nel letto. (Che poi, non avevo la consulenza di un martinobri, magari ho sbagliato insetto ed era proprio una terribile, mostruosa cavalletta...)
un'impepata*?

*Rigorosamente senza pomodoro!!!


C'è qualcuno che fa l'impepata di cozze col pomodoro? O_O
Orrore!
@ puffo & oui

Ebbene sì, c'è anche questa ricetta con il sughetto di pomodoro ed è anche abbastanza diffusa qui al nord. Non è affatto male, ci si "pucciano" i crostoni di pane mentre si mangiano le cozze, ma quella senza è tutta un'altra storia.

@ Van Fan

EEEEHKKKK!!!! AITA!!!
"Scherzando sui cinesi col mio capo (nord-vietnamita) ho espresso l'ipotesi (ironica) che la cultura cinese ha il repertorio culinario più vasto del pianeta perchè i nobili usavano i peones come cavie per stabilire cosa sia commestibile, cosa no, e cosa diventa commestibile se cucinato a dovere."

Non mi risulta che sia cosi'. Mi pare di ricordare che in Cina non ci fosse grande abbondanza di grandi mammiferi (al di la' di quelli utili al lavoro nei campi e al trasporto) per cui i modi per procurarsi proteine erano molto variati.

La teoria dell'optimal foraging prevede che uno non si fermi alla prima sorgente disponibile di proteine ma cerchi quella che garantisce il maggior rapporto tra energia spesa e guadagnata. Vedo che anche il mio Labrador, sempre pronto a scenette strappalacrime pur di rimediare qualcosa da noi, non e' che mangi insetti. Piu' che altro a volte ci gioca. Preferisce sperare che arrivi qualcosa piu' tardi che perdere tempo ingoiando libellule.

Ricorda comunque che qualcosa come l'80% delle culture del mondo mangiano insetti, in genere solo quelli grandi e facili da catturare. Parlo di integrazione nella dieta, non di esperienze esotiche per ricchi occidentali. Fattori come igiene, schifo, etc. non hanno alcun ruolo ma sono un modo di sbarrare la strada ad eventuali tentativi potenzialmente pericolosi (credo come per tutti i taboo).

I cani invece erano parte della dieta in molte regioni incluse alcune la Cina, l'antica Roma e le isole del pacifico dove venivano allevati coccolati e alla fine mangiati. A parte le ragioni di sopravvivenza come in Antartide dove sono forse hanno causato una delle tante tragedie a causa dell'altissimo contenuto di Vitamina A nel fegato. Non a caso gli Inuit li mangiano ma il fegato lo scartano.
ci si "pucciano" i crostoni di pane mentre si mangiano le cozze
Ma allora è la zuppa, buona sì, ma è tutta un'altra cosa...
@ pgc

Il link porta alla pagina dell'oZZo polare e l'ipervitaminosi è citata di striscio solo nelle note. Tra l'altro riferita proprio all'alto contenuto di vitamina A nel fegato degli orsi, non dei cani. Che intendi con tragedia?
@ pgc ed a tutti quelli che hanno letto il mio commento precedente. Dimenticatelo. Ho fatto un casino con i link IO...
@Pgc

Stando a Pearl S. Buck i contadini cinesi (Per lo meno nelle regioni che ha visitato)avevano orrore all'idea di mangiarsi un bue.
L'altro giorno mi è saltato un ragno su una lente degli occhiali.
Mentre stavo guidando.
Mi sono subito chiesto cosa sarebbe successo se fosse capitato a Paolo.
Ma almeno lui non porta gli occhiali!
Van,

Mi sono subito chiesto cosa sarebbe successo se fosse capitato a Paolo.
Ma almeno lui non porta gli occhiali!


Grazie, adesso avrò gli incubi all'idea di un ragno che mi balza in un occhio mentre guido.

Vado a comprarmi un paio di occhiali.

Da saldatore.
Mi farò perdonare portandoti la focaccia il 23 !