skip to main | skip to sidebar
3 commenti

Disinformatico radio, podcast del 2012/04/20

Pronto il podcast del Disinformatico


È disponibile temporaneamente sul sito della Rete Tre della RSI il podcast della scorsa puntata del Disinformatico radiofonico. Ecco i temi e i rispettivi articoli di supporto:

Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione: gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo sito. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti.
Commenti
Commenti (3)
Nell'articolo su Isanyoneup si legge:"Ora il sito [...] è nelle mani di un sito ".
Non per fare il pedante, ma pur essendo concettualmente esatta, forse all'inizio non è chiarissima (immagino volessi dire che il dominio/URL in questione, ora ti reindirizza ad un altro sito

Invece, da incorniciare il passaggio "un sito che afferma di lottare contro il bullismo permettendo a chiunque di pubblicare i nomi e le foto dei presunti bulli. Una versione soft della stessa gogna pubblica senza processo, dove chiunque può accusare chiunque senza prove."
La libertà su internet è un grande traguardo, ma questo è il primo modo di abusarne. Basta pensare a Facebook, dove basta prendere una foto qualsiasi e dire "questo è uno stupratore/assassino/torturatore" per vederlo diffondersi a macchia d'olio da parte degli inquisitori da tastiera.
Replicante,

ho riformulato, ora dovrebbe essere meno criptico :-)
Il Google anni '80 è praticamente una demo della libreria termlib, dello stesso autore del sito: http://www.masswerk.at/termlib/
E' davvero da nerdgasm, perché tramite un handler si può realizzare un'interfaccia a caratteri per qualunque tipo di funzionalità, all'interno di una pagina web, e col solo uso di javascript.

Modalità nerdgasm off.