skip to main | skip to sidebar
130 commenti

Sto meditando di traslocare il blog: cerco idee

Blogger.com è diventato ingestibile: cerco alternative


Quando ho iniziato a scrivere questo blog, ormai otto anni fa (sembra l'altroieri), l'avevo pensato come strumento per essere più efficiente e fornire un servizio migliore ai lettori rispetto al sito Attivissimo.net. Non dover creare a mano pagine Web, link e quant'altro e non dover ospitare su un mio server i contenuti mi avrebbe lasciato più tempo per scrivere e ridotto il tempo speso in manutenzione.

Finora, con l'aiuto impagabile di Axlman e tanti altri, questo blog è stato così: un modo semplice per postare contenuti e interagire con voi senza dovermi curare eccessivamente della parte tecnica. Ma qualche tempo fa Blogger ha annunciato un prossimo cambiamento d'interfaccia che è una totale schifezza, assolutamente ingestibile e per nulla intuitiva. Ed è solo l'ultimo di una serie di problemi che si sono accumulati progressivamente e che Axlman sa raccontarvi meglio di me.

Come spesso accade, le magagne per un po' si sopportano perché il costo del cambiamento sarebbe maggiore dell'onere di sopportare le magagne. Ma quando si accumulano, il costo (anche umano) di sopportarle diventa insostenibile e allora bisogna cambiare.

Per cui cerco una nuova casa per questo blog. Avete idee?

Questi sono i requisiti di base che vorrei (anche a pagamento): se ne avete altri, segnalatemeli nei commenti.

– la possibilità di rispondere ai commenti via mail (almeno per me)
– la possibilità di moderare preventivamente i commenti (meglio se via mail)
– la possibilità di bloccare automaticamente commentatori molesti e spammer
– hosting su un server non mio (anche a pagamento)
– nessun limite significativo di banda
– commenti con URL per ogni singolo commento (come ha realizzato Axlman per il blog attuale)
– nessun obbligo di ospitare pubblicità inserita dalla piattaforma ma (non indispensabile) la possibilità di inserire pubblicità propria
– un editor che non mi imponga di usare BR al posto degli Enter per separare i paragrafi (che è il nuovo, scomodissimo default della futura interfaccia di Blogger.com)
– usabilità anche da smartphone Android
– possibilità di salvare un backup integrale del blog e dei commenti
– (opzionale) migrabilità degli attuali contenuti e commenti di questo blog a quello nuovo (mal che vada, lascio aperto questo blog e posto sul nuovo solo i contenuti e commenti nuovi)
– una versione semplificata per la lettura su dispositivi mobili
– la possibilità di inserire iframe e Javascript, per esempio per poter includere il widget di Google Calendar dei prossimi appuntamenti
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (130)
un qualsiasi wordpress su un qualsiasi hoster a pagamento
Io fossi in te mi sposterei su una piattaforma WordPress. Da vedere se wordpress.com o un'istallazione su hosting (che dà maggiore libertà, praticamente tutte le cose che cerchi sono fattibili con i plugin, se non già implementate nel core).
Wordpress.com IMHO è l'unica piattaforma che sta reggendo benissimo allo sgonfiarsi della bolla blog. Ho un blog lì da anni e continuano a implementare nuove funzioni molto intelligenti e a ottimizzare quelle preesistenti.
Wordpress.
Installato su qualunque hosting un po' grosso tipo bluehost.
Soluzione a bruciapelo: Wordpress. Il pacchetto offerto è meno "pappa pronta" rispetto a blogger.
Mi permetto allora di consigliarle Wordpress, in assoluto la piattaforma migliore per chi fa giornalismo e blogging vero. L'unico requisito di cui non sono sicuro, fra quelli che lei indica, è l'url singolo per commenti
Paolo, senza migrare tutto il blog, gran parte delle tue richieste potrebbero essere risolte da sistemi di commenti terze parti, come disqus.com.

Link diretti ai commenti, moderazione e risposta via email, whitelist, blacklist...

provare non costa nulla, magari su un blog di prova prima e poi decidi!
Ciao, non sono super pratica di blog, ma io con word press mi trovo benissimo. I problemi tuoi (quelli che ho capito) non ce li ho. Ho un tema Elegant a pagamento 39 dollari all'anno. Non so se sia migrabile...
Ciao.
paola
personalmente mi trovo molto bene e perciò lo suggerisco caldamente wordpress (installato su un qualche hosting a piacere)..
ha un'infinità di plug-in e di widget che ne amplificano a dismisura la già grande potenzialità.
Importa di default da blogger e da altre piattaforme.
Se ti va posso mettertelo su dove vuoi..

ciao, Mauri
Wordpress.

Solo per la quantità e la qualità di personalizzazioni ed estensioni, secondo me è la soluzione ideale.
In più, ha una comunità estremamente attiva. Gli aggiornamenti sono continui e costanti.
Wordpress.com ha tutto ciò che cerchi, solo la cosa sui paragrafi non mi è chiara, ma secondo me gestibile. Totalmente gratuito, permette l'importazione dei contenuti da Blogger, pagando meno di 20 euro all'anno si può anche avere il proprio nome di dominio senza rinunciare alla comodità di avere tutto gestito da loro (quindi senza avere un vero hosting una vera installazione del CMS, ecc...).
Wordpress.com con Akismet per lo spam, già installato di default. Personalizzazione a pagamento di tema e eventualmente dominio di secondo livello (si può usare attivissimo.net)
Anche io sono disgustato dalla nuova interfaccia di blogger e, come te, ho cercato delle alternative. Avevo però qualche requisito in meno ma anche due requisiti in più non indifferenti (almeno per me) e cioè:
1. la nuova piattaforma avrebbe dovuto essere gratuita (sono solo un aficionado dei fumetti che scansiona e pubblica nel tempo libero le storie di una volta e non posso permettermi nessun costo)
2. la nuova piattaforma avrebbe dovuto permette di pubblicare post di ampiezza molto larga (migliaia di pixel) in modo da permettermi di includere a pieno schermo le mie scansioni.
Non ho purtroppo trovato nulla di interessante (wordpress soddisfa il mio n. 1, ma non soddisfa invece il n. 2) per cui, mio malgrado, sto continuando ad arrabattarmi con blogger.
A onore del vero devo dire che una delle cose che hai citato non è vera. Anche con il nuovo blogger (così come con il vecchio) puoi sempre scegliere se usare l'ENTER o il BR per andare a capo. Bisogna solo stare attenti che appena entri nella nuova interfaccia ti viene settato per default uno dei due (ENTER o BR, non ricordo adesso), ma se hai l'accortezza di cambiare subito la tua preferenza e scegliere quello che più ti aggrada allora questa tua preferenza continua a funzionare bene e non viene "dimenticata" (ma viene memorizzata con successo) quando esci e poi rientri successivamente in blogger.
Ciao Paolo,
sono un amministratore di sistema, mantengo centinaia di blog e giornali online e mi sento di *sconsigliarti* vivamente wordpress, soprattutto per i suoi gravi problemi di sicurezza.
La gestione delle vulnerabilità in quel pacchetto è quantomai opaca, anche un bug noto da settimane può avere effetti da 0-day se questo viene ignorato come fanno molti, soprattutto fra chi scrive plugin e temi.

Ecco un paio di riferimenti che recentemente hanno dato da pensare:
http://goo.gl/1UVUL
http://goo.gl/7GbYn

Il mio consiglio è quello di cercare una persona/azienda che possa fornirti un prodotto ad-hoc ed evitare tutte le piattaforme preconfigurate.

HIH

Mirko
Vedo che è un plebiscito.

Sarà la legge di Murphy: morto splinder, dovendo scegliere tra blogger e wordpress, sono finito sulla prima.
- Un mese dopo, si è incraccato tutto il sistema mondiale per trenta ore (quando il CEO di google aveva appena finito di decantare il 'cloud')

- E poi hanno assassinato l'interfaccia: che non è 'malissimo', è semplicemente quel tanto più macchinosa per andare a cercare e settare quello che con la 'vecchia' era tutto lì sottomano. E apri e clicca e cerca e spingi.

Mi iscrivessi a feisbuk, le azioni crollerebbero nel giro di quindici giorni...

Mi sto chiedendo se devo chiedere anche io 'a patente.
io ti suggerisco senz'altro wordpress.com: costa mi sembra 20/25 euro l'anno l'hosting presso di loro che ti permette in più rispetto alla versione gratuita di personalizzare il blog ed usare plugin. Ci sono già dei plugin per facilitare l'import, e un domani che volessi invece ospitare il blog su un server tuo (cosa che ti consiglierei) è inutile sottolineare che sia abbastanza semplice :-)

se hai bisogno di una mano, fai un fischio! ;-)
Paolo, è un plebiscito! :) Mi sembra di capire che ti abbiano suggerito Wordpress :)
Ciao, direi che wordpress è una scelta quasi obbligata a questo punto.
Ti consiglio di esaminare wpengine wordpress.com. Il primo è un servizio gestito di cui mi hanno sempre detto gran bene, il secondo non ha bisogno di presentazioni.
Io ho esigenze molto ridotte e mi diverto sempre con vps che sposto piu' o meno regolarmente (attualmente sono in svizzera per molti servizi, presso hetzner)

Ciao, f.
Corrierino,

A onore del vero devo dire che una delle cose che hai citato non è vera. Anche con il nuovo blogger (così come con il vecchio) puoi sempre scegliere se usare l'ENTER o il BR per andare a capo

Ho provato e non mi mantiene il default, che non c'è più nei settaggi ma mi sembra che sia gestito a livello di cookie nel singolo browser.

Mi è capitato di scrivere un post dopo aver settato Enter come separatore di paragrafi nel post e poi editarlo da un'altra macchina e mi ha perso tutta l'impaginazione.

Le mie imprecazioni hanno fatto arrossire gli scaricatori di porto di Rotterdam.
Ciao Paolo, il passaggio a Wordpress renderebbe questo sito estremamente e eccessivamente vulnerabile. Ci sono troppi plugin di terze parti scritti con i piedi e pericolosi. Diciamo che perdere ore di lavoro per via di un 0-day non è il massimo. La cosa più sensata da fare è adattarsi ai cambiamenti e andare avanti. Seven of Nine direbbe la stessa cosa. -Adattati e conformati- :)
anche io segnalo wordpress. una ragazza che seguo su youtube che aveva il blog qui su blogger da tempi immemori ha dovuto anche lei traslocare di recente (problemi di sicurezza, troll, robe varie) ed è approdata con soddisfazione su wordpress con un proprio dominio acquistato. è riuscita anche a traslare tutto il contenuto sulla nuova piattaforma, perdendo però i commenti. io sono solo un'utente, però mi pare che l'usabilità di wp non abbia nulla da invidiare.
[quote-"toto"-"/2012/05/sto-meditando-di-traslocare-il-blog.html#c8402762098399722720"]
Paolo, senza migrare tutto il blog, gran parte delle tue richieste potrebbero essere risolte da sistemi di commenti terze parti, come disqus.com.
[/quote]

Conosco e so anche di lamentele a riguardo. Ci sono molti servizi simili, come per esempio IntenseDebate, ma tutti hanno due problemi di base, insiti nel sistema:
- i commenti sono sui loro server e in pratica roba loro, se il servizio chiude hai perso tutto
- i commenti non vengono rilevati dai motori di ricerca, quindi non si possono fare ricerche su essi

Certo, il primo punto vale anche per Blogger, ma separando post e commenti si raddoppia il rischio. Inoltre la vedo più dura che chiuda un Blogger rispetto a un Disqus, anche se, continuando così...

Credo che l'unica, vera soluzione sia quella proposta da Mirko: avere un sito proprio dove si è padroni di tutto, ma non ho idea dei costi se si vuole il lavoro fatto, bene, da altri.
@Mirko:
entrambi i link che posti non segnalano vulnerabilità di Wordpress, ma del plugin WooThemes (e relativo framework). D'accordo, il fatto che è un plugin molto popolare sia affetto da vulnerabilità scredita in parte anche la piattaforma principale, principalmente perché l'utente è costretto a diffidare di ogni funzionalità aggiuntiva offerta, ma a supporto di una critica così aperta e specifica verso la piattaforma Wordpress in sé sarebbe stato meglio portare delle fonti altrettanto puntuali.
Ma a me non risulta che ci siano casi di vulnerabilità altrettanto gravi pubblicate e lasciate insolute da altrettanto tempo nel framework principale di Wordpress.

Inoltre, dato che Paolo chiede esplicitamente l'hosting su un server non suo (e presumo anche possibilmente non "intestato a lui ma gestito costantemente e a tempo indefinito da una persona di sua fiducia"), nel caso di utilizzo di wordpress dovrebbe ricorrere all'hosting su wordpress.com, non a un'installazione personale. Su wordpress.com non è possibile l'utilizzo di WooThemes, come di nessun altro plugin esterno.

Piuttosto, avendo lavorato in aziende che sviluppano CMS ad-hoc, e in particolare alla loro messa in sicurezza, ti posso garantire che siano quanto di più insicuro e vulnerabile abbia mai visto. Certo, queste vulnerabilità non avranno la stessa probabilità di essere scoperte e rese pubbliche rispetto a prodotti open source molto diffusi, ma rimane il fatto che anche un piccolo errore può causare una grossa vulnerabilità latente.
Io non credo proprio che un utente possa dormire sonni più tranquilli affidandosi a un prodotto proprietario...

Bisognerebbe piuttosto verificare che tutti i requisiti possano essere soddisfatti da un blog hostato su wordpress.com
Paolo, leggo da molti anni ma commento poco :)

Suggerisco anch'io caldamente wordpress, ho appena aperto il mio nuovo blog (in cinese, sulla cucina italiana) e la facilità di utilizzo della piattaforma, unita alla molteplicità di utilissimi plugin, è fantastica!

Come host, ti suggerirei caldamente stablehost.com. Lascia perdere bluehost, hostgator e altri inutili hoster pubblicizzati sui siti di review.

Stablehost fin'ora mi ha sempre dato ciò che prometteva e come gli altri ti concede l'installazione di wordpress in pochissimi secondi. In più, cercando bene, ci sono dei coupon per avere ottimi sconti sull'acquisto dello spazio!
In risposta a Axlman

Conosco e so anche di lamentele a riguardo. Ci sono molti servizi simili, come per esempio IntenseDebate, ma tutti hanno due problemi di base, insiti nel sistema:
- i commenti sono sui loro server e in pratica roba loro, se il servizio chiude hai perso tutto
- i commenti non vengono rilevati dai motori di ricerca, quindi non si possono fare ricerche su essi


Non voglio insistere, per carità. E' vero che i commenti sono sui loro server, ma con Disqus puoi avere la sincronia con blogger, così ogni commento viene forwardato anche su blogger e se disqus chiude, i commenti restano belli belli su blogger.

La versione 2012 di Disqus che è adesso in beta testing allargato alla comunità è SEO friendly. Ovvero i commenti vengono passati agli spiders.
Questa la situazione dell'aderenza ai requisiti di un hosting presso wordpress.com (quindi senza i tanto vituperati plugin):

- la possibilità di rispondere ai commenti via mail



- la possibilità di moderare preventivamente i commenti (meglio se via mail)

, puoi moderarli tutti, in base a filtri, solo per i nuovi utenti ecc ecc...
Le varie notifiche ti possono arrivare tutte via mail.

- la possibilità di bloccare automaticamente commentatori molesti e spammer

Sì, puoi inserire blacklist su contenuto, nome utente, url, e-mail o IP.

Puoi anche usare Akismet, spam detector automatico, che a quanto ne so per siti personali è a donazione.

- hosting su un server non mio (anche a pagamento)

È implicito:) Con ovviamente l'opzione di rimandarci domini (disinformatico.info) come fai con blogger.

- nessun limite significativo di banda

È tutto qui. La banda è illimitata, lo spazio è limitato: 3 GB gratuiti, puoi acquistare pacchetti ulteriori a circa 2$ l'anno al GB.

- commenti con URL per ogni singolo commento (come ha realizzato da Axlman per il blog attuale)

Sì, permalink con deep linking in javascript, esattamente come con blogger.

- nessun obbligo di ospitare pubblicità

La pubblicità è pochissima, puoi eliminarla del tutto con 30 dollari all'anno:

- un editor che non mi imponga di usare
al posto degli Enter per separare i paragrafi (che è il nuovo, scomodissimo default della futura interfaccia di Blogger.com)


Come editor usa TinyMCE, che l'open source più diffuso. Ma qui l'unico modo di sapere se ti piace è provarlo.

- usabilità anche da smartphone Android

Alcuni temi hanno anche la versione mobile, altrimenti per client mobili ne usa uno di default:
C'è anche l'app:

- possibilità di salvare un backup integrale del blog e dei commenti

.

- (opzionale) migrabilità degli attuali contenuti e commenti di questo blog a quello nuovo (mal che vada, lascio aperto questo blog e posto sul nuovo solo i contenuti e commenti nuovi)

Quindi la scelta migliore secondo me sarebbe quella di ricorrere a hosting su wordpress.com, per questioni di affidabilità, comodità e sicurezza.
Non credo che Wordpress puro come strumento di gestione blog (che è quello per cui è nato) possa avere niente di meno di Blogger.

Anche se ovviamente c'è sempre il pericolo che ci sia qualcosa di indispensabile che ora non t'è venuto in mente e che solo provandolo ti renderai conto che manca.
In ogni caso, visto che tutte le caratteristiche fondamentali sono gratuite, puoi tranquillamente aprire un blog di prova, anche se tutto il lavoro di configurazione non è certo una questione di 5 minuti, ma se ormai hai preso la decisione e hai preventivato la pazienza necessaria, è il modo migliore in cui puoi investirla.
Visto che l'importazione e l'esportazione con Blogger sono supportate, nella peggiore delle ipotesi potrai anche spostare il blog in staging per qualche giorno, e poi nel caso peggiore decidere di tornare indietro a Blogger.
Non sono espertissimo in materia, ma credo i requisiti possano essere soddisfatti abbastanza facilmente da un CMS (Content Management System) come il pluricitato WORDPRESS, ma ne esistono davvero tanti come (il per me ottimo) DRUPAL(http://drupal.org/) e JOOMLA(http://www.joomla.org/).

Leggermente diversa è invece la piattaforma per il blog LIVEJOURNAL, che per il blog puro pare andare molto bene, ha un'ampia offerta di account free e a pagamento con caratteristiche diverse. I meiei conoscenti che lo usano si trovano molto bene, ma devo precisare che non lo uso personalmente, loro non hanno sicuramente il traffico di questo blog e non ho controllato se possiede tutte le caratteristiche richieste.
http://www.livejournal.com/support/faqbrowse.bml?faqid=56

Buona migrazione...
Wordpress tutta la vita. Free, open source. È necessario che ti aiuti qualcuno per settarlo e sistemarlo, ma la curva di apprendimento per imparare ad usarlo è dolce. Qualcuno nei commenti suggerisce wordpress.com, ma io ti direi: comprati un domain e un hosting e usa wordpress.org. Se hai bisogno di ulteriori chiarimenti spara pure, questo è il mio mestiere!
[quote-"toto"-"/2012/05/sto-meditando-di-traslocare-il-blog.html#c333177161065335039"]
Non voglio insistere, per carità.
[/quote]

Insisti pure se dai buone informazioni come queste.
Questo articolo serve proprio per segnalarci cose che Paolo e io ignoriamo, non avendo il tempo di testare sul campo la marea di possibilità che esistono.
A parte wordpress, in hosting personale o su wordpress.com, un'altra possibilità, ancorchè non economicissima, è squarespace.com che ha il vantaggio di importare praticamente tutto (qui mostrano come http://help.squarespace.com/customer/portal/articles/10810-importing-blogger-entries)
Salve a tutti,
Wordpress.com è un ottimo servizio ma ha delle limitazioni che probabilmente lo rendono poco adatto ad un blog come il tuo. Tra quelle che io trovo più penalizzanti:
* non accetta codici Javascript o iframe
* inserisce pubblicità a meno di non pagare una quota annuale
* non permette di inserire pubblicità proprie a meno di non ricorrere alla loro piattaforma che però finora è stata accessibili solo per i siti in lingua inglese e con un alto numero di viste.

Tempo fa avevo fatto un test su Typepad. La versione gratuita è inutilizzabile (è intesa come una alternativa a Tumblr) ma quelle a pagamento sono molto complete e potenti. I costi partono da 8.95 dollari al mese e l'assistenza è compresa nel prezzo. Se non ricordo male anche l'importazione da Blogger funziona abbastanza bene.

Ho letto buone cosa anche di squarespace.com, ma non ho esperienza diretta con loro.
La prima cosa che mi viene in mente, considerando che ho un blog clone di "ivabellini" in tanti siti diversi e quindi una certa esperienza...è Altervista con alterblog oppure altersito. Con il primo hai spazio illimitato con WP e aggiornamenti semiautomatici, con il secondo hai spazio limitato, installazione e aggiornamenti manuali di WP ma anche una totale personalizzazione di WP!Addirittura la facoltà di metterci qualsiasi applicazione al posto di WP, un forum ad esempio....
Il clone di blogspot su Altervista è questo: http://ivabellini.altervista.org/
non ho capito cosa intendi per nuova interfaccia di Blogger visto che è così da almeno 6 mesi. preferivo la vecchia ma a parte il look, non ho trovato differenze significative. è gestibile da android, ha la versione mobile, può essere migliorato nella parte commenti che è forse la parte più debole, ma appunto puoi mettere disquis o analoghi. wordpress ci devi smanettare sopra. per te non è un problema ma per uno che vuole scrivere e basta molto meglio blogger
Consiglio una cosa molto molto semplice: andare su wordpress.com e aprirsi un blog di prova.
Girovagare un po' per il dashboard, vedere cosa offre, fare qualche test, ecc. ecc.
Infine decidere se farsi ospitare il blog su un server di terzi o scegliere solo le soluzioni avanzate di Wordpress per qualche decina di dollari l'anno.
Io ho aperto un blog nel 2007
http://millionportalbay.wordpress.com/
dopo aver collaborato qualche mese con
http://scandaloitaliano.wordpress.com/
Poi nel 2009 l'ho chiuso e riaperto qui
http://magicitaly.wordpress.com/
con un semplice post di reindirizzamento.
La piattaforma funziona bene.
Se si vogliono usare plugin particolari l'hosting su terze parti è praticamente obbligato.
Ho sempre parlato bene di blogger per la sua semplicità, in questi anni WordPress è diventato quasi uno standard per blog "seri" ma ho comunque pensato che blogger sia uno strumento professionale anche perché usato da te!
Mi dispiacerebbe se lo abbandoni
Wordpress "self-hosted" secondo me è la soluzione milgiore. Tuttavia una delle tue richieste è proprio che non sia ospitato su un server tuo, quindi ti resta wordpress.com.
Quanto ai problemi di sicurezza, personalmente non he no mai avuti nemmeno sul mio server personale (anche se obiettivamente il mio blog ha un traffico e una visibilità minime).
Devo segnalare che wordpress.com, essendo una piattaforma "pubblica" è molto più controllato delle tante installazioni "personali" di WP: non puoi installare i plugin che vuoi ma solo quelli predefiniti dalla piattaforma, (Jetpack) che son molto pochi. E per emulare Blogger sono perfetti.

Paolo, personalmente ti consiglio di provare a creare un account su wordpress.com.
Wordpress. Non ho esperienza diretta su wordpress.com ma ne ho parecchi hostati su server diversi, chiaramente un blog come quello di Paolo richiede server non entry level.
In merito alle citate vulnerabilità... è vero, ci sono e anche alcuni miei siti ne sono stati vittima. E' evidente che un blog così popolare attirerebbe spammer e cracker come il miele attira le mosche ma, per quel poco che vale la mia esperienza, con pochi accorgimenti in fase di installazione si arginano i problemi legati agli script kiddies, gli aggiornamenti di wordpress sono frequentissimi, al punto da essere fastidiosi ma si installano in un lampo.
Se wordpress sarà consiglio di prestare attenzione al tema anche in merito alla sicurezza, non solo l'estetica.
Per quanto riguarda i plugin, murphy permettendo, si tratta di scegliere bene e mantenerli aggiornati.
Se Paolo non vuole perdere tempo in settaggi e smanettami e concentrarsi solo sui contenuti secondo me Joomla e Drupal NON sono la scelta ideale, il prodotto finale resta pur sempre un blog e la maggior parte delle funzionalità di questi due cms giacerebbe inutilizzata.
ah, questi utenti conservatori che si oppongono ad ogni cambiamento di interfaccia.
per fortuna nessuno li ascolta, altrimenti saremmo ancora fermi agli anni 90 ;-)
wordpress, ma non hostato da wordpress.
[quote-"michele"-"/2012/05/sto-meditando-di-traslocare-il-blog.html#c3108919902153182510"]
Wordpress.com è un ottimo servizio ma ha delle limitazioni che probabilmente lo rendono poco adatto ad un blog come il tuo. Tra quelle che io trovo più penalizzanti:
* non accetta codici Javascript o iframe
* inserisce pubblicità a meno di non pagare una quota annuale
* non permette di inserire pubblicità proprie a meno di non ricorrere alla loro piattaforma che però finora è stata accessibili solo per i siti in lingua inglese e con un alto numero di viste.
[/quote]

Se confermate queste sono limitazioni piuttosto pesanti.
Il widget dei "Prossimi appuntamenti" non si potrebbe mettere, per esempio, senza iframe. Ma soprattutto la faccenda che se uno paga non può comunque metterci le pubblicità che desidera non so quanto sia accettabile per Paolo.
Paolo, forse dovresti specificare se questa è una tua priorità o meno.
Script ed iframe non servono granchè, visto che quelli che ci son già vanno benissimo. :D
Tutti consigliano wordpress e per carità nulla da dire, però io ti consiglio Joomla secondo me molto più flessibile e sicuramente con più componenti, moduli, plug, etc...
Posso capire eventuali grattacapi hardware di server dedicati o in housing, ma valuta anche le VPS.
Quelle di OVH ad esempio: http://www.ovh.it/vps/vps_dinamico_scheda_tecnica.xml
permettono il prepagamento di punti, dopodichè volendo puoi usarli anche per incrementare cpu & ram su base oraria, per sopportare un effetto Slashdot.
Obiettivamente questo dominio tratta solo web, una volta configurato a dovere firewall + Nginx (al posto di Apache) + php5/fpm + Apc & co, la manutenzione è quasi nulla, e la libertà di avere una propria macchina non è irrilevante imho.
In ogni caso, qualsiasi cosa sceglierai, valuta bene che tu possa esportare tutto e migrare ad un server tuo, se mai vorrai.
Ciao
Io ti consiglio Joomla molto flessibile, ha tantissimi componenti, moduli, plug, editor in pratica c'è tutto per fare tutto.
Avete mai pensato a qualcosa tipo "forumfree"?
Axl,

Se confermate queste sono limitazioni piuttosto pesanti.

Vediamo di confermarle.

Il widget dei "Prossimi appuntamenti" non si potrebbe mettere, per esempio, senza iframe.

Sarebbe una scocciatura, ma potrei sostituirlo con un widget analogo (per esempio quello di Blogger che uso su Complottilunari.info).


Ma soprattutto la faccenda che se uno paga non può comunque metterci le pubblicità che desidera non so quanto sia accettabile per Paolo.

Non mi pesa più di tanto. In cambio di una piattaforma che mi fa tutto il resto, sarei ben contento.

Aggiungo il tutto alle specifiche.
[quote-"Paolo Attivissimo"-"/2012/05/sto-meditando-di-traslocare-il-blog.html#c2821290283075972780"]
Il widget dei "Prossimi appuntamenti" non si potrebbe mettere, per esempio, senza iframe.

Sarebbe una scocciatura, ma potrei sostituirlo con un widget analogo (per esempio quello di Blogger che uso su Complottilunari.info).
[/quote]

Che è uguale a quello che sta qui, e funziona sempre tramite iframe.
Mi spiace ma non vedo in che altro modo si possa far visualizzare, qui o altrove, la pagina del calendario senza usare un iframe.
Salve, ecco i link alle politiche di Wordpress.com di cui dicevo (i primi due URL sono accorciati per evitare che si spezzino):
* Script ed iFrame http://ur1.ca/99rrr
* Pubblicità: http://ur1.ca/99rs1
* Caratteristiche gratuite: http://en.wordpress.com/features/
* Opzioni a pagamento: http://en.wordpress.com/products/
Axl & Paolo: in Wp.com è possibile inserire numerosi widget, come potete vedere in questa pagina. Qui la spiegazione di come integrare Google Calendar. Il tutto con la versione gratuita. Pagando puoi avere queste altre cose.

Visto così fa tutte le cose che fai attualmente su Blogger e forse anche qualcosa di più, dato che è integrato con FB e Twitter (quindi se ho ben capito anche gli utenti registrati li' possono scrivere).
Axl,

Che è uguale a quello che sta qui, e funziona sempre tramite iframe.


Scusami, mi sono espresso male: intendevo, in Complotti lunari, il widget di Blogger "Prossimi eventi lunari", che sta sopra l'iframe di Google Calendar.
Una parola sola: Wordpress!
Wordpress tutta la vita!
A me sembra strano che un 'esperto' di informatica faccia questa richiesta. Sembra più una ricerca sui CMS più utilizzati che una vera richiesta di aiuto, una specie di studio da usare come base per un futuro articolo.

Ma volendo credere che la domanda sia realistica partiamo dal
. Credo proprio che Blogger memorizzi la scelta in un 'biscottino', come molte altre configurazioni.

L'unica vera grave pecca di Blogger, a mio parere, e non potere accedere al Data Base, e quindi ti mancano alcune utilità, come, tanto per fare un esempio, scrivere in calce ai singoli post: "letto XX volte". Anche il fatto di dover scaricare il data base con la modalità di blogger è una pecca.

Wordpress.com è valido, perché risponde a molte delle caratteristiche che richiedi, ma anche qui non puoi accedere al data base e per la sua gratuità non puoi 'smanettare' sul codice. Non è altre che la versione multi-utente del Wordpres.

Wordpress ovviamente offre quasi tutto, ma troppo ci mettono le mani con i famosi widget, e per default non è un prodotto protetto. Occorre seguire alcune procedure per renderlo più sicuro.

Sia Wordpress che i successivi CMS hanno la possibilità di copiare/importare il database su un'altra piattaforma senza dover passare dalle forche caudine dell'esportazione/importazione di Blogger.

Joomla è potente, ma il cuore è vecchio, e abbastanza macchinoso per principianti, più adatto ad un giornale on-line che ad un blog.

Il top, tra i prodotti gratuiti è chiaramente Drupal, dove la curva di apprendimento è ripida e scivolosa, ma una volta creato il blog avresti un prodotto efficace, sicuro, potente, abbastanza blindato. Non per niente la Casa Bianca lo utilizza, così come molte testate giornalistiche di peso.

I CMS proprietari, ne esistono di ottimi in italiano, ti legano a triplo filo con il creatore-programmatore, e non c'è comunque la garanzia che offrano una protezione da eventuali attacchi esterni.

Se guadagnassi qualcosa dal mio blog http://ilmosta.blogspot.com sicuramente passerei a Wordpress su server a pagamento e mi dedicherei allo studio di Drupal sul quale trasferire successivamente il blog. Ma visto che non guadagno niente, il buon vecchio blogger, con tutte le sue pecche va ancora bene.
[quote-"astars"-"/2012/05/sto-meditando-di-traslocare-il-blog.html#c6738207933590868337"]
Ciao Paolo, il passaggio a Wordpress renderebbe questo sito estremamente e eccessivamente vulnerabile. Ci sono troppi plugin di terze parti scritti con i piedi e pericolosi[/quote]

Un'affermazione del genere è priva di senso. Wordpress è DI FATTO la miglior piattaforma blog-CMS oggi disponibile senza alcun costo di licenza per l'utente finale. Il vero problema sta nel fatto di SAPER gestire gli strumenti che si pretende di adottare; se sei un professionista specializzato, saprai perfettamente fare fronte alle problematiche di sicurezza connaturate con il sistema (e parlando di informatica, il discorso è davvero universale, non limitato a WP); se invece sei un dilettante che pretende di avere il "tasto magico", quello da premere per avere tutto in ordine, beh, ognuno può vivere di qualsiasi illusione... In ogni caso, pensare di buttar via il bimbo con l'acqua sporca è una stupidaggine. Col tuo ragionamento, NESSUN sistema è utilizzabile.
Ah, comunque, date le richieste di Paolo sconsiglio assolutamente un CMS "generico" come potrebbero essere Joomla o Drupal, anche perchè non mi risulta ci siano servizi che ne curino la manutenzione e l'installazione lasciando solo l'uso (come nel caso di wordpress.com). Come se non bastasse un CMS è un tantino eccessivo per essere semplicemente usato per un blog, e più cose ci sono, maggiore è la possibilità per i malintenzionati di fare danni.
L'equivalente di wordpress.com per Drupal è http://www.drupalgardens.com/
Sbaglio o nessuno ha suggerito Typepad? www.typepad.com

E' un prodotto di classe enterprise usato da diverse società per blog aziendali o personaggi con siti parecchio trafficati.

Wordpress.com è una valida alternativa, ma restano abbastanza nella nebbia la questione advertising e le personalizzazioni grafiche.

Un'ultima possibilità potrebbe essere una installazione personale di Wordpress; Se non vuoi dei server tra le palle (anche gestiti da terzi) puoi affidarti ad un hosting di fascia alta come http://www.rackspace.com/cloud/cloud_hosting_products/sites/ che dovrebbe reggere tranquillamente qualunque tipo di traffico.
Io personalmente consiglierei joomla 2.5, all'avanguardia da molti punti di vista, tantissimi plugins a pagamento e no, facile (non sempre eh ...) da customizzare, ideale per un sito con database vasto e soprattutto e' possibile espandere il sito a piacimento. Ben supportato. Joomla non solo gestisce facilmente blogs ma puo' essere l'ideale anche per portali con numerose sezioni e categorie. E' totalmente open source a differenza di wordpress. Dal punto di vista dei plugins joomla gestisce tutto ed e' gratuito e supportato da una community enorme. Unico neo, se neo si tratta, e' il doverlo aggiornare spesso e volentieri per rispondere alle richieste di aggiornamento del php del server (onde evitare spiacevoli conseguenze quando il provider effettuera' l'aggiornamento) e per questioni di sicurezza, ma quello e' sicuramente un problema che riguarda anche wordpress. Per quanto riguarda i temi joomla e' molto ben supportato da comunita' di designer che offrono temi a pagamento e non e inoltre e' ovviamente possibile personalizzarlo a piacimento mettendo mano al css e al codice. Sicuramente meno famoso di wordpress ma sicuramente piu' professionale dal momento che ci si puo' fare realmente di tutto (dal sito corporate a quello di ecommerce, passando per blog, cloni di youtube, etc). Come hosting, senza dubbio uno americano. Attenzione che a parer mio dal momento che questo blog e' molto trafficato, sara' quasi sicuramente necessario almeno un VPS, ovvero un Virtual Private Server che ha un costo mensile molto piu' alto di un sito normale (dai 15 fino ai 50 dollari al mese). Ovviamente il vantaggio e' che gestisce tranquillamente migliaia di visitatori contemporaneamente. Un server normale non ce la fa e se accade che vi siano 2, 300 visitatori contemporaneamente, il provider lo stacca con spiacevolissime conseguenze e probabilmente senza avviso. Per cui occhio! Meglio spendere 50 dollari al mese e avere un sito che puo' gestire anche 50000 visite al giorno, piuttosto che uno che costa 40 dollari l'anno e' che va giu' al primo articolo virale!
Mi accodo a tutti i suggerimenti su wordpress, ma sconsiglio wordpress.com è molto molto limitante, specie se si intende mettere mano al codice php, usare javascript o iframe.

La versione self-hosted va messa su un hosting o un vps (anche managed se il costo non è un problema), linux (funziona anche su windows, ma lo sconsiglio fortemente), magari con traffico e spazio illimitato. Il server non è tuo, non ne sei responsabile, lo prendi in affitto e una volta installato (servono 10 minuti compreso il download) praticamente non serve fare null'altro sul server. Gli aggiornamenti di wordpress, temi e plugin si fanno dal back end senza dover usare ftp o shell.

Assicurati che il php offerto dall'hosting sia almeno 5.2 (su vps di solito puoi aggiornare alla versione che vuoi, ma serve un sistemista o un vps managed) altrimenti non potrai mettere le ultime release.

Vero, ci sono tanti temi e plugin scritti male che portano a problemi di sicurezza, ma le cose che chiedi (e molte altre) sono fattibili senza usarne nemmeno uno.
Precisazione: "Rispondere ai commenti via email" si può fare senza plugin, ma in questo caso la email è quella che viene scritta dall'utente nell'apposito campo sopra il commento, dunque non verificata (in compenso si conosce l'IP del commentatore). Per avere un sistema simile a questo di blogger, cioè con la scelta dell'account per commentare, o si usa un plugin o si scrive un po' di codice.
In alternativa, sempre senza plugin, si può consentire agli utenti di commentare solo dopo un'iscrizione, in questo caso la email è verificata e se si vuole "buttare fuori" un utente basta cancellargli l'account.

L'usabilità mobile dipende dal tema, quello attualmente compreso non è studiato per funzionare bene col mobile, ma il prossimo (che è atteso a breve) dovrebbe esserlo.

Per un blog così grosso, anche se attivi la moderazione, avrai per forza bisogno di un plugin antispam, o rischi di passare molto tempo a dover rifiutare i commenti di spam. Il plugin Akismet è sviluppato dalla stessa software house di wordpress, è affidabile, sicuro e funziona bene. Per i blog personali è anche gratis.

Se usi il tema compreso nella release (http://twentyelevendemo.wordpress.com), magari con qualche modifica css per personalizzarlo e nessuno (o pochi e affidabili) plugin i problemi di sicurezza sono minimi. Poi se si prendono alcune precauzioni (es. http://wp.tutsplus.com/tutorials/10-steps-to-securing-your-wordpress-installation) è ancora più sicuro.
Mia personale esperienza: ho messo online 64 siti con wordpress in 5 anni, solo una volta ho avuto un problema di sicurezza e la causa era un plugin non aggiornato.

Se di funzioni aggiuntive non si può fare a meno e non si vogliono usare plugin con poche righe di codice PHP si possono fare molte cose senza ricorrere a plugin scritti non si sa come.

L'importazione da blogger funziona bene, ma -in tutta sincerità- non ho mai importato blog così "grossi" non posso quindi portare esperienza a riguardo.
Wordpress su un hosting come bluehost
Io mi trovo molto bene con Webfaction: ti danno in sostanza un host virtuale e ci fai quello che vuoi, l'installazione di wordpress è una bazzecola :)
Wordpress su un qualsiasi hosting. La quantità di plug-in di wordpress ti permette di estenderlo all'infinito e tutte le cose che hai elencato se non implementate nel core hanno sicuramente un plug-in. Non esiste un cms migliore di wordpress per fare un blog.
Pure il mio hosting mi preinstalla tutto, ma la manutenzione e gli aggiornamenti sono a carico mio.
Non credo che Paolo si voglia smazzare il tutto, tantopiù che col traffico che immagino ci sia su questo blog, abbia già il suo da fare per moderare la mole di commenti.
Per esperienza ritengo *molto* più sicuro un host come wordpress.com che mi dà tutto preconfigurato ed è sicuramente gestito da professionisti, piuttosto che un hosting autogestito (e lo dico avendone uno) di cui devi curare personalmente ogni aspetto tecnico. Tempo fa avevo installato Drupal tralasciando alcune impostazioni di sicurezza (non ne ero a conoscenza). Ebbene l'ho trovato infestato da tanto di quello spam da essere costretto a cancellare installazione e database, e un sito con visibilità vicina allo zero.
Wordpress sarebbe l'unica alternativa possibile, come sicuramente già sai, puoi anche caricarlo in un dominio tuo. Se non ricordo male puoi anche trasferire i post di questo blog nel nuovo e qui lasci un redirect. Però secondo me questa nuova interfaccia non è male, magari i primi giorni c'è un po' di smarrimento, ma niente di che.
@Commento #55 Alex Vannini

Il mio commento metteva in guardia Paolo proprio riguardo questi aspetti. A meno che non abbia un collaboratore esperto di sicurezza, non può permettersi di trovarsi il blog sotto attacco ogni giorno. Ricordiamoci che Paolo non è amatissimo e molti, sarebbero felici di vedere il suo blog in ginocchio.
In ogni caso, anche con un ipotetico Wordpress "pulito" su un hosting vulnerabile, il blog correrebbe quotidianamente dei rischi inutili. Quindi resto dell'idea che adattarsi alle novità di blogspot resta la soluzione migliore.
[quote-"Giuseppe Mazzapica"-"/2012/05/sto-meditando-di-traslocare-il-blog.html#c5218475730627692103"]La versione self-hosted va messa su un hosting o un vps (anche managed se il costo non è un problema), linux (funziona anche su windows, ma lo sconsiglio fortemente), magari con traffico e spazio illimitato. Il server non è tuo, non ne sei responsabile, lo prendi in affitto e una volta installato (servono 10 minuti compreso il download) praticamente non serve fare null'altro sul server. Gli aggiornamenti di wordpress, temi e plugin si fanno dal back end senza dover usare ftp o shell.[/quote]

Io continuo a non ritenere adatta la soluzione self-hosted, anche visto che Paolo stesso ha specificato di volerla evitare.
L'hosting lo eviterei proprio perché non credo possa trovare soluzioni che gli offrano a un prezzo decente banda, spazio e prestazioni di cui ha bisogno.
Sicuramente un vps sarebbe una soluzione possibile, ma a parte il setup iniziale necessiterebbe comunque di qualche controllo periodico e di qualche intervento di ricalibrazione, come minimo dal punto di vista delle prestazioni e della sicurezza. E Paolo stesso dice di non essere in condizioni di seguire queste cose da solo, e non credo che voglia costringere qualcun altro a farlo per lui.
Inoltre, per un sito come il suo da 10000 visite al giorno non basta un vps base da 10 euro al mese, ci vuole qualcosa di più, e come minimo ci vuole anche un po' di studio per avere una buona configurazione di Apache e di MySql.

Come altri hanno fatto notare, se ci si vuole installare una piattaforma da sé l'attenzione alla sicurezza dev'essere sempre alta, al punto da dover indagare su ogni singolo componente che si utilizza, anche quelli apparentemente più affidabili (WooThemes). Più variabili hai da controllare, più possibilità hai di sbagliare.
Vogliamo parlare poi delle gravissime vulnerabilità emerse in alcune recenti versioni di PHP? In un vps chi te li gestisce gli aggiornamenti? Nessuno, ci devi pensare tu.

Sicuramente molti di noi hanno esperienza nella gestione di decine di piccoli siti da 100/1000 contatti al giorno, ma quanti di quelli che stanno suggerendo il self-hosting hanno avuto esperienza nella gestione di siti con un volume di traffico e una visibilità paragonabili a questo? E quanti se la sentirebbero di suggerire l'autogestione a una persona che è praticamente alle prime armi nel campo?

Continuo a pensare che la soluzione più adatta sia l'utilizzo di una piattaforma condivisa di buon livello, come wordpress.com o livejournal.
Non mi pare sia ancora stata segnalata nessuna controindicazione seria all'utilizzo di wordpress.com, a parte il falso problema di iframe e javascript: se quello che serve è già supportato, non c'è bisogno di aggiungere nient'altro.
L'unico vero problema è quello della pubblicità, ma d'altra parte su questo sito non mi pare di averne mai vista. Fermo restando che la segnalazione di iniziative personali non credo sia considerata pubblicità.
potresti prendere in considerazione wordpress con Dreamhost.

Io li avevo provati (quando avevo un sito) e il primo anno pagavi pochissimo per via di offerte varie. Poi costicchia, ma come assistenza sono super veloci ed efficaci. Inoltre c'è la possibilità di avere un server dedicato e molte altre cose.

Non sono espertissimo quindi non so dirti se ci siano tutte le cose che chiedi, però ti consiglio di darci un'occhiata se hai tempo ;)
ah Paolo, tieni conto che Dreamhost ha anche il one click install che praticamente ti installa il cms (wordpress, joomla o altri) direttamente lui senza fare quasi nulla a parte le impostazioni base. Buon passaggio! non vedo l'ora di vedere come verrà questo nuovo sito :)
vip.wordpress.com
@Tukler
Io ho provato qualche volta ad usare wordpress.com, ma è frustrante (almeno per me) non poter usare nemmeno un plugin -nemmeno uno che hai scritto tu- oppure dovere pagare 30 dollari all'anno per modificare una riga di css e non poter modificare -nemmeno a pagamento- una riga di php nel tema...

Il mio consiglio era di usare il tema incluso nell'ultima release di wordpress, ed aggiornarlo quando serve ci vogliono 2 click e 60 secondi in totale.
Il che equivale ad avere la stessa sicurezza di un blog su wordpress.com di cui Paolo dovrebbe comunque comprare la versione pro e pagare 99 dollari l'anno.

Per quando riguarda i problemi di php anche wordpress.com essendo scritto in php ne soffre, quindi cosa cambia?
Se ti riferisci all'aggiornamento di php che quelli di wordpress.com fanno in automatico, è vero, io consigliavo infatti (se il costo non è un problema) di usare un vps managed, dove ogni aggiornamento viene fatto da loro in automatico o al massimo sotto richiesta di una mail.
Esistono vps managed espressamente dedicati a wordpress che sono molto ottimizzati in tal senso e ti fanno pure in automatico tutti gli aggiornamenti di wordpress! Il più famoso è page.ly (http://page.ly/plans-pricing) ma credo che con una buona ricerca se ne possano trovare di più economici.
Non è pochissimo, ma hai un sito flessibile, molto veloce e con sicurezza allo stato dell'arte.
alla fine di tutto, qualsiasi opzione scelga di attuare, sarebbe carino se scrivesse un articolo in merito alle opzioni valutate e alle motivazioni delle scelte intraprese, potrebbe essere d'aiuto ad altri blogger :)
Io suggerisco Jekyll o Octopress. Tramite Github puoi usarli come servizi hosted, altrimenti li puoi hostare su qualunque server a tua scelta, e integrarli come meglio credi con qualsivoglia servizio.
consiglio caldamente wordpress e provider aruba.
Risponde a tutti i requisiti (tranne quello sull' "usabilità anche da smartphone Android" di cui non sono certo)
[quote-"Giuseppe Mazzapica"-"/2012/05/sto-meditando-di-traslocare-il-blog.html#c2488812427732886437"]@Tukler
Io ho provato qualche volta ad usare wordpress.com, ma è frustrante (almeno per me) non poter usare nemmeno un plugin -nemmeno uno che hai scritto tu- oppure dovere pagare 30 dollari all'anno per modificare una riga di css e non poter modificare -nemmeno a pagamento- una riga di php nel tema...[/quote]

Non ho parlato di plugin, ho meglio ho parlato di WooThemes ma perché prima Mirko aveva segnalato una pesante vulnerabilità in quel plugin, quindi mi riferivo proprio al fatto che non venendoti data la possibilità di usare plugin non corri neanche il pericolo di scegliere inconsciamente un plugin che per quanto diffuso e apparantemente affidabile ti può portare vulnerabilità.
Tieni conto che Paolo finora ha utilizzato Blogger, e che gli interessa avere accesso più o meno allo stesso insieme di funzioni, non deve fare niente di straordinario. Secondo me, wordpress.com gli basta e avanza per quello che deve fare, e non ha certo bisogno di mettere mano al php, e probabilmente neanche ai css. Certo, se dovesse fare un sito di e-commerce non andrebbe per niente bene;)

[quote-"Giuseppe Mazzapica"-"/2012/05/sto-meditando-di-traslocare-il-blog.html#c2488812427732886437"]Per quando riguarda i problemi di php anche wordpress.com essendo scritto in php ne soffre, quindi cosa cambia?
Se ti riferisci all'aggiornamento di php che quelli di wordpress.com fanno in automatico, è vero, io consigliavo infatti (se il costo non è un problema) di usare un vps managed, dove ogni aggiornamento viene fatto da loro in automatico o al massimo sotto richiesta di una mail.[/quote]

Ovviamente non mi riferivo a PHP in sé ma alla necessità di aggiornarlo. E di aggiornare MySql, Apache, il server FTP ecc ecc... tutte operazioni che su un sito di una certa dimensione non possono essere tralasciate.
È vero, esistono i vps managed, ma quelli seri (visto che ultimamente spacciano per managed qualsiasi cosa) hanno prezzi completamente diversi da quello che può avere un hosting su wordpress.com con i dovuti extra.

E ricordati di considerare che questo non è un piccolo sito, ma fa un numero abbastanza elevato di visite.

Facendo quattro conti al volo, il caricamento dell'home page in questo momento comporta circa 500kb di traffico da server blogspot (più varie immagini da server esterni). Questa settimana il sito ha ricevuto 75000 visite univoche. In 4 settimane sarebbero 300000 visite, per 500kb l'una sono 150 GB al mese. Ovviamente il conto è fatto coi piedi, non è sempre necessario ricaricare l'intera pagina perché anche se è una visita univoca il visitatore potrebbe già avere diversi elementi in cache, ma d'altra parte non ho neanche considerato nel conto le ulteriori page view sul sito, né il traffico sui commenti.

Di sicuro, sul page.ly che hai linkato tu, non si potrebbe fidare del pacchetto da 50 GB al mese, ma per andare sul sicuro dovrebbe partire almeno da 100 GB al mese, quindi scegliere il pacchetto da 150 dollari al mese.
Su wordpress.com, con 90 dollari l'anno avrebbe lo stesso spazio su disco (ammesso che gli interessi) e banda illimitata.

Non credo che abbia veramente bisogno delle possibilità in più che gli offrirebbe una scelta self-hosted, quindi secondo me il gioco non vale la candela.

D'altra parte, può tranquillamente iniziare su wordpress.com e poi migrare tutto se dovesse trovarsi bene con la piattaforma e avesse bisogno di qualcosa in più, no?
Da cliente Dreamhost mi sento di sconsigliarlo vivamente in caso di elevati volumi di traffico. Il server dove sta il mio hosting condiviso si trova molto spesso sovraccarico. Mortalmente sovraccarico. Quando me ne accorgo apro un ticket e i tecnici mi mettono su un altra macchina, e via così, mediamente una volta all'anno.
io uso flatpress, versione senza database di wordpress e mi trovo bene. include akismet di default e si può estendere con plugin con i captcha per i commenti e tema mobile per i telefonini. per tutto il resto basta chiedere sul forum, molto attivo e dove si trova anche quello che non è ufficialmente disponibile sul sito. l'indirizzo del sito è www.flatpress.org. vediamo che ne pensi
io uso flatpress, versione senza database di wordpress e mi trovo bene. include akismet di default e si può estendere con plugin con i captcha per i commenti e tema mobile per i telefonini. per tutto il resto basta chiedere sul forum, molto attivo e dove si trova anche quello che non è ufficialmente disponibile sul sito. l'indirizzo del sito è www.flatpress.org. vediamo che ne pensi
sinceramente vista la mole di articoli, il successo e il numero di visite di questo blog, credo che la soluzione sia non wordpress.com ma wordpress.org. Cioè l'uso della piattaforma wordpress ma su un hosting privato (o meglio trovare qualcuno che ti gestisca l'hosting, il server, ti garantisca banda e accessi in proporzione alle dimensioni del tuo blog - quindi non server condivisi - e ti dia assistenza su quello che ti serve di specifico, dalle modifiche del template a funzionalità particolari che non sono soddisfatte dalla piattaforma standard o dai plugin esistenti). con wordpress.org non ci sono problemi di pubblicità non richiesta e puoi mettere ttutto quello che vuoi (dai banner pubblicitari che vuoi tu ad adsense ad altre forme di gestione pubblicitaria)- secondo me anche javascript e iframe.
io avevo wordpress.com e già mi trovato bene, 4 anni fa sono passato all'org ed è stato un netto miglioramento ( x plugins, template e backup, oltre che per la pubblicità) ora ho sermpre org ma con un servizio di hosting non condiviso e ho notato nettissimi miglioramenti!. vai tanquillo con wordpress. ma gestito per i fatti tuoi!!
Oggi mi sono imbattuto in Serendipity, dal blog di Jim Jagielski, e mi sembra un CMS pulito e funzionale. http://www.s9y.org/
Ciao Paolo,
un amico (ex collega) blogger come te e' piuttosto pratico di queste problematiche.
Prova a contattarlo e chiedi pro e contro delle varie soluzioni.
Il suo blog: http://www.andreabeggi.net/

HTH
Max.
Beh, visto che hai già attivissimo.net installaci pure wordpress no?
C'è chi ha suggerito jekyll e octopress, sono soluzioni davvero interessanti che partendo da dei file di testo generano il codice html del sito web. Di conseguenza il sito è una scheggia e ti metti anche al riparo dal 90% degli attacchi. Esistono tanti progetti simili, bisognerebbe dare una occhiata per quanto riguarda la gestione dei commenti. Male che vada puoi pagare un programmatore per realizzarti la soluzione ad hoc.

Riguardo l'hosting in azienda usiamo webfaction, è uno dei pochi come bluehost che permette la realizzazione di siti con tecnologie "esotiche" e consegna al programmatore anche una shell ssh. Potrebbe essere una cosa che Axlman apprezzerebbe molto.

Wordpress non mi fa impazzire tecnicamente ma è il più utilizzato, al primo schiocco di dita hai 50 programmatori pronti a realizzare qualsiasi modifica al sito web. Per un sito come questo necessita di alcuni plugin per la cache, altrimenti non può andare on-line, e di altre cose per il seo. Wordpress nudo e crudo non va bene.
Già avevo scritto un commento in cui affermavo che questo post mi sembra più una ricerca per capire qual'è il prodotto più usato.

Ma giusto per farti felice vedi questa pagina, dove troverai centinaia di prodotti, All CMS Demos (276), CMS / Portals (160), Lite (23), Forums (18), eCommerce (16), Blogs (14), Image Galleries (12), Miscellaneous (11), Groupware (9), e-Learning (7) l'immancabil emule di Wiki (6).

Divertiti

Giancarlo alias ilMosta
Ciao Paolo,

Come altri mi sento di consigliarti wordpress.

Se sei interessato io ho un'azienda di servizi informatici e facciamo proprio hosting wordpress a livello professionale.

Se vuoi facciamo una valutazone del traffico che fai... se non è elevatissimo (parlo di milioni di pageview mese) magari riesco ad ospitarti free :) ti chiederei al massimo il permesso d'inseriti tra l'elenco dei miei clienti.

Fammi sapere se sei interessato e ti fornisco i miei contatti.
io sono passato da Blogger a Tumblr (quando avevo poco tempo) a Wordpress+Disqus... non posso consigliarti di meglio :)
Qualcuno ha già nominato WordPress? :-)

@ilMosta:
A me sembra strano che un 'esperto' di informatica faccia questa richiesta.

Paolo stesso non si definisce "esperto di informatica". Se vogliamo è un "utente esperto", ma non è un programmatore, fa tutt'altro mestiere.

Anche Jean Todt, pur essendo "esperto di macchine", quando deve riparare una delle sue Ferrari va dal meccanico.
Wordpress!!
Già detto? XD
Turz ha scritto: "@ilMosta: A me sembra strano che un 'esperto' di informatica faccia questa richiesta.
Paolo stesso non si definisce "esperto di informatica". Se vogliamo è un "utente esperto", ma non è un programmatore, fa tutt'altro mestiere.
Anche Jean Todt, pur essendo "esperto di macchine", quando deve riparare una delle sue Ferrari va dal meccanico.


Che Jean Todt sia esperto di macchine e si rivolga al meccanico credo che sia normale, una Ferrari non la si ripara con chiave inglese e martello, ma con una serie di strumenti informatici abbastanza complessi.

In compenso, Paolo, probabilmente non è l'ultimo arrivato, e definirlo esperto di informatica è un giusto titolo alle sue conoscenze, e comunque uno che ha scritto "L'acchiappavirus", "Internet per tutti" e "Da Windows a Linux") oltre a innumerevoli articoli su internet io lo posso solo definire esperto di informatica.

E conoscendolo per quello che scrive, di cui apprezzo particolarmente le scie e l'11, io credo, e rimango convinto, che Paolo sta indagando i gestori di blog più utilizzati.

Paolo se ci sei batti un colpo, e dicci la verità! Ha, non mentire ho passo tra i sostenitori delle scie chimiche (:

il Mosta
Wordpress, senza ombra di dubbio!

La versione free che ti ospita su *.wordpress.com è un pò limitata ma se ti orienti sulla versione pro (http://en.wordpress.com/products/) hai qualcosa in più ma penso che se vuoi libertà assoluta la via migliore è prendere un piano hosting con dominio (hostmonster, bluehost, dreamhost ...) incluso e wordpress lo installi tu così non hai nessun limite e massima libertà di gestione.
Scusate, ma dove si trovano le anticipazioni sul nuovo blog di glogger-blogspot? Ho cercato ma non ho trovato. Perché a questo punto mi attivo per il trasloco...
wordpress.com
@carra: serendipity è estremamente vulnerabile allo spam, lo dico per esperienza diretta. Oltretutto questo blog è trafficatissimo, secondo me bisognerebbe tenere anche conto di questo fatto nella valutazione della piattaforma alternativa: un sistema file-based è improponibile per l'overload che genererebbe sul server, così come, secondo me, qualcosa ospitato in proprio su un hosting condiviso (o anche su un VPS). Non sono però sufficientemente esperto per fare una valutazione più precisa..
Riccardo Paracchini ha commentato: Scusate, ma dove si trovano le anticipazioni sul nuovo blog di glogger-blogspot? Ho cercato ma non ho trovato. Perché a questo punto mi attivo per il trasloco...

In realtà Blogger non è molto amichevole in queste cose, così come il suo papà Google. Ti fanno trovare le novità senza avvisarti (almeno per la versione italiana) ma quando apri il tuo blog dove trovi le voci Panoramica, Post, Pagine, Commenti etc. seleziona Panoramica ed in basso hai un paio di notizie più recenti. Alcune novità le puoi saltuariamente trovare su http://googleitalia.blogspot.it/.

il Mosta
[quote-"Giancarlo Mostachetti"-"/2012/05/sto-meditando-di-traslocare-il-blog.html#c326429434342157457"]
In compenso, Paolo, probabilmente non è l'ultimo arrivato, e definirlo esperto di informatica è un giusto titolo alle sue conoscenze, e comunque uno che ha scritto "L'acchiappavirus", "Internet per tutti" e "Da Windows a Linux") oltre a innumerevoli articoli su internet io lo posso solo definire esperto di informatica.
[/quote]

Non ti offendere, lungi da me darti del complottista, ma questa cosa mi ricorda tanto quando il complottardo di turno sfida Paolo a mostrargli lauree o altri attestati che lo qualifichino a parlare di questo o di quell'altro.
E la risposta di Paolo è sempre la stessa. Cioè che lui in realtà non fa nessuna affermazione propria e che lui non è né si definisce pilota, ingegnere, meteorologo o altro: lui è un giornalista che riporta solo fatti documentati e opinioni verificate di piloti, ingegneri, meteorologi o altri esperti di vari settori.

Allo stesso modo Paolo non si presenta come "esperto di informatica" bensì si definisce "giornalista informatico".
Un "giornalista scientifico" serio è una persona con una conoscenza sopra la media delle materie scientifiche in generale, che le divulga per mestiere. Non è uno scienziato, non ne sa quanto uno scienziato, non è specializzato come lo è uno scienziato: fa da tramite tra gli scienziati e il pubblico che, nella media, non ha la preparazione per capire direttamente il linguaggio della scienza.

Allo stesso modo Paolo non è certo l'ultimo arrivato nel mondo dell'informatica, ma non è e non si definisce un esperto conoscitore di tutto quello che riguarda l'informatica: ne sa un po' su tutto, e su tutto un po' più della media. Se deve parlare di un argomento particolare ha gli strumenti e la preparazione per approfondirlo e poi raccontare i risultati nei suoi libri o articoli, rendendo il tutto digeribile a chi non sa distinguere un mouse da un tostapane.
Se per esempio dovesse scrivere un ipotetico "Da Blogger a Wordpress", per poter raccontare come fare si metterebbe di buzzo buono a capire come funziona la cosa, quali i vantaggi e gli svantaggi, quali gli accorgimenti e così via. Ma per prima cosa chiederebbe informazioni a chi è più esperto di lui.

Qui la faccenda è un po' diversa, ma neanche troppo: prima cosa da fare, chiedere a chi ne sa di più.
Insomma, ciò che Paolo ha chiarito subito è che quello che gli serve è un modo di pubblicare articoli riducendo al minimo, da parte sua, la manutenzione tecnica del sito: che poi è il motivo per cui ha traslocato da attivissimo.net a Blogger.
Se non ha il tempo per manutenere il sito, figuriamoci se ha il tempo per studiarsi e provare i millemila diversi servizi, ognuno dei quali con millemila possibilità, che esistono. E di certo non ha tempo né, presumo, voglia di traslocare tutto per poi accorgersi di essere caduto dalla padella nella brace e dover ricominciare tutto da capo.
Da qui la richiesta di un consiglio a chi ha già provato altri servizi e può, con cognizione di causa, dargli dritte a riguardo.
E considerato che di servizi ne esistono una marea, una richiesta pubblica come questa mi sembra la più sensata, dovendo attingere all'esperienza di molte persone per avere un quadro decente della situazione e sapersi almeno un minimo orientare.

Naturalmente sono cose che penso io: se mi sono sbagliato nelle considerazioni, Paolo mi correggerà.
Io lavoro da anni su Wordpress, ha tutto quello che chiedi e volendo si può aggiungere molto di più.
Non intendo però wordpress.com ma un wordpress installato su server.
Se ti interessa e se hai bisogno sono disposto a darti una mano a impostarlo e poi lasciarlo nelle tue mani.
Dovrei essere tranquillamente in grado di importare tutto ciò che hai su questo blog al nuovo senza particolari problemi.
L'unica cosa è che andrebbe installato su di un hosting a pagamento che puoi tranquillamente scegliere tu o posso suggerirti io.
Faccio alcune considerazioni da un punto di vista sistemistico e di performance generale del sito.

Wordpress.com utilizza tre centri di calcolo in US, il che lo rende relativamente poco adatti ad un'utenza localizzata in Italia. La latenza sarebbe di almeno 140 msec, sufficiente a rallentare percettibilmente la consultazione del sito, a maggior ragione da device mobili e/o su connessioni che hanno perdita di pacchetti (WiFi a 2,4 Ghz, molte ADSL casalinghe...). Questo accade a causa dell'algoritmo di controllo di congestione nel layer TCP, che interpreta la perdita di pacchetti come segnale di congestione di rete e pertanto abbassa la velocità di trasmissione. Suggerirei un server in Europa.

Wordpress (inteso come piattaforma) è certamente molto amichevole dal punto di vista del redattore, ma ha un motore relativamente inefficiente e poco scalabile (per non parlare dei plugin). Mi è capitato di osservare blog con traffico moderato (paragonabile al tuo) che inducevano un carico anomalo sul disco e sulla CPU: si può certamente usare, ma occorre un tuning accurato di PHP e del web server (l'accoppiata più conveniente è PHP-FPM con Nginx, come già segnalato). Il plugin W3 Total Cache aiuta certamente, ma è significativo che una funzione core come la cache non faccia parte del core di Wordpress.

Drupal 7 potrebbe essere usato efficacemente per motorizzare un blog, a patto di avere un buon hardware sotto. E' una sorta di auto di lusso, con alti consumi e alte prestazioni.

Il mio consiglio, considerati i vincoli, è di orientarsi su Wordpress installato e mantenuto su un server in EU. Non faccio nomi particolari perché ogni fornitore ha punti di forza e di debolezza al di là della notorietà e della marca, quindi non esiste una "scelta migliore" in assoluto. Dipende da quali sono i principali vincoli (prezzo, CPU, RAM, ridondanza, necessità di backup off-site...).

My 2 cents.
Si fa un gran parlare di Thumblr, poichè a metà fra un social network ed un blog, permette una maggiore visibilità.

Alcuni dei punti sopra detti ci sono, altri mancano.
Indubbiamente la vecchia interfaccia di blogger era ottima. La nuova pessima.
Ed ancora non si capisce che fine hanno fatto i dynamic layer tanto annunciati da blogger.
Fin'ora si son visti solo i caos-layer di gestione.
da webdesigner quale sono il mio consiglio fermo è duplice:
- Wordpress senza ombra di dubbio
- stai lontano da Joomla!

Ormai uso Wordpress per la maggior parte dei lavori che realizzo e posso dire che ha un livello di customizzazione veramente elevato, lo si può rivoltare come un calzino senza perderne la mantenibilità (leggasi: aggiornamenti della piattaforma con un click). Già di default va a coprire quasi tutte le tue esigenze, e con poco lavoro lo si modella a piacere sia dal punto di vista dell'aspetto sia da quello funzionale.
[quote-"Mirko"-"/2012/05/sto-meditando-di-traslocare-il-blog.html#c1274544711040713980"]Ecco un paio di riferimenti che recentemente hanno dato da pensare:
http://goo.gl/1UVUL
http://goo.gl/7GbYn

[/quote]
la segnalazione che fai non è su wordpress (core) ma sul framework Woo, un componente aggiuntivo ed opzionale. non c'è nulla di nascosto in WP.
axlman ha commentato: "...Non ti offendere, lungi da me darti del complottista, ma questa cosa mi ricorda tanto quando il complottardo di turno sfida Paolo a mostrargli lauree o altri attestati che lo qualifichino a parlare di questo o di quell'altro..."

Purtroppo non sono complottista (occorre informare la Treccani i questa nuova parola), in caso contrario avrei il mio blog con migliaia di accessi giornalieri. Probabilmente ha travalicato il senso di quello che volevo dire, anche se la parola esperto è magari esagerata.

Ma un gionalista, come tu dici, non scrive di politica se non conosce la politica, i personaggi della politica, i fatti salienti della politica. Così come un giornalista informatico serio è una persona con una conoscenza sopra la media delle materie informatiche in generale, che le divulga per mestiere. Non è un'informatico, non ne sa quanto un'informatico, non è specializzato come lo è un'informatico: fa da tramite tra gli informatici e il pubblico che, nella media, non ha la preparazione per capire direttamente il linguaggio informatico. (notare che ho utilizzato le tue stesse parole).

Poi io ho utilizzato la parola esperto perché in confronto a mia madre o a mia zia è sicuramente esperto, molto più esperto di mia madre o di mia zia.

Il mio intervento era sullo scherzoso/semi-serio, allo stesso modo di come potrei rivolgermi al meccanico a cui spiego il difetto riscontrato. Non sono meccanico ma capisco quando la macchina ha un problema, e posso indirizzare il meccanico in modo più esperto di come farebbe mia madre.

Io non chiederò mai al Paolo attestati e lauree, perché con la mia esperienza comprendo che in molti campi è avanti anni luce su di me, e non necessito di documentazione per accettare l sue parole.

Per questo che esperto non vuol dire, in questo caso, profondo conoscitore dell'informatica, ma semplicemente che ha una esperienza superiore alla media.

E quindi rimango dell'idea che Paolo si sta divertendo a leggere i commenti e chissà che in futuro non né faccia un'articolo.

P.S. Per tornare ai complottisti devo dire che molti di loro mi cucinerebbero a fuoco lento, specialmente quelli delle scie chimiche. Credo che abbino messo una taglia sulla mia testa. Chi mi elimina viene pagato con una congrua quantità del famoso nanoalluminio, quando scopriranno di cosa è composto.
Giancarlo,

rimango dell'idea che Paolo si sta divertendo a leggere i commenti e chissà che in futuro non né faccia un'articolo.

No. Ho chiesto perché ho seriamente bisogno. Non mi burlo dei miei lettori.
wordpress con dominio e hosting a pagamento tutta la vita
wordpress e dominio e hosting dove ti pare ma non wordpress.com.
Stavo guardando i volumi di questo blog su Alexa: http://www.alexa.com/siteinfo/attivissimo.blogspot.com#
(Average Load Time: Very Slow...).
Immagino che Paolo abbia dei dati più realistici del traffico, sarebbero interessanti
per valutare un hardware ottimale.

A spanne, per mia esperienza, con un range sui 50-100€ al mese può avere una VPS o un dedicato in grado di reggere il carico.
Ho macchine di quel tipo che reggono una decina di volte il volume di attivissimo.blogspot.com.
Una VPS ha il vantaggio di essere spesso scalabile su base oraria, e di non avere problemi hardware (essendo generalmente su macchine con hardware ridondante).
Un dedicato, a parità di spesa si ottiene hardware più performante.

La maggior parte dei provider "decenti" (es. Leaseweb, Ovh) si paga mese per mese, senza spese di setup o durate minime.
E offrono da pannello di controllo delle statistiche sull'uso della macchina per verificare eventuali colli di bottiglia, evitando di dover installare e configurare dei tools di monitoring.

Mi pare di capire che qui si tratterebbe solamente di un server web, nient'altro.
Con una Debian 6 (e repo aggiornati, particolarmente di nginx/php)
- Accesso SSH (di default in qualsiasi sistema decente a nolo).
- Configurazione di uno script di regole iptables (firewall), in generale tutto chiuso tranne 22 e 80.
- MySql in listening solo localhost (raggiungibile con un tunnel SSH dall'esterno, eventualmente)
- NGInx + PHP5/FPM + APC
- Il software web (WordPress?)
- Metodologia di backup da discutere a parte

Quindi, proposta di lavori:
- Paolo prende una VPS (Debian 6?) da 20€ al mese, che risponde a "dev.attivissimo.net".
- Io pubblico le istruzioni, script e configurazioni che deve eseguire per installare nginx,php/fpm,apc etc. Gli esperti qui li commentano, in barba alla Security through obscurity :P
- Si installa WordPress, si migra il blog attuale, si gioca con i temi e i plugin di WP.
- Qualsiasi danno anche di sicurezza è comunque arginato alla VPS (ammesso che nel db non ci siano dati privati di utenti).
- Paolo pubblica qualche dato sul blog attuale, al fine di scegliere la macchina di produzione.
- Quando tutto il "dev" è soddisfacente, si ripetono gli step sopra sulla macchina di produzione.

My 2 cents.




p.s. non capisco sinceramente la discussione sul termine "esperto".
Non credo proprio che possa esistere un esperto in qualsiasi settore dell'informatica.
Qui si parla di un lavoro di sistemista/programmatore con esperienza.

Saper spiegare ai newbie, quello sì è oltre l'essere esperto: è magia pura.
rimango dell'idea che Paolo si sta divertendo a leggere i commenti e chissà che in futuro non né faccia un'articolo.
No. Ho chiesto perché ho seriamente bisogno. Non mi burlo dei miei lettori.


In questo caso la risposta l'hanno data. Wordpress, senza ombra di dubbio. Pronto in pochi secondi, con una infinità di widget, da usare con parsimonia. Magari Jetpack, SEO e pochi altri.

Dopo un giorno, e anche meno di prove, lo puoi usare quasi professionalmente.

L'importazione da Blogger è casinista. A me spesso ha dato problemi, ma sempre incolpavo Aruba (e grosso e non si lamenta). Se usi immagini durante l'importazione rimangono su blogger, puoi fare un'importazione manuale, una foto alla volta, ma è un lavoraccio.

Io ho usato Wordpress per anni sono passato a blogger solo per ragioni economiche, anche quelle poche decine di euro mi pesavano, e anche per avere un blog che continua ad esistere per anni anche dopo che hai smesso di usarlo.

Insomma: Prendi Wordpress e sarai felice.
Clodo: p.s. non capisco sinceramente la discussione sul termine "esperto".
Non credo proprio che possa esistere un esperto in qualsiasi settore dell'informatica.
Qui si parla di un lavoro di sistemista/programmatore con esperienza.


Non è una discussione, ma un discorso da bar come quando si discute sulle partite di calcio, e tutti diventano allenatori ed esperti, scambiandosi opinioni che lasciano il tempo che trovano.

Ci stiamo solo divertendo, come bambini all'asilo, dove il mio pallone vola fino alle stelle e l'amichetto dice che il suo pallone attraversa le montagne. Chiacchiere per rallegrare la monotonia dei commenti.
@axlman
Paolo (...) ne sa un po' su tutto, e su tutto un po' più della media

Vedrei bene Paolo nel ruolo di Grosvenor il Connettivista, il protagonista del romanzo "Crociera nell'infinito" (The Voyage of the Space Beagle) di Van Vogt!
Però Paolo prendendosi un server così dovrebbe fare una specie di corso accelerato di amministratore di sistema, e non credo ne abbia il tempo.

Oppure potrebbe "sfruttare" l'esperienza dei lettori creando un ”pool" di tecnici che gli fanno manutenzione :D
Non abbandonaci!!! resta con noi.La piattaforma Blogger è la meglio che ci sta sulla rete,ti permette quasi tutto.Tu lo dovresti sapere se hai scelto Blogger non W....non T.....non c'è paragone.
Il lupo della luna
Proprio per quello credo abbiano reso disponibile la possibilità di avere un server dedicato
Penso davvero di essere il meno esperto qui.
Però ti inviterei a fare almeno un passaggio su "iobloggo".
Non so se ha tutte le caratteristiche che ti servono, ma qualcuna l'ho riconosciuta certamente.
Un po' in controtendenza mi sentirei di consigliare una migrazione sul CMS Joomla. Contrariamente al sentore comune Joomla è adattissimo alla gestione di un blog "importante" in quanto consente anche (assolutamente da non sottovalutare) una gestione avanzata dei "privilegi" degli utenti.
Supportato da un'attivissima comunità offre moltissime estensioni anche gratuite e facilmente configurabili, rendendo ancor più agevole l'organizzazione dei contenuti, l'integrazione di evnt. pubblicità, la vendita di libri, la raccolta di donazioni, la gestione di eventi (sia tramite google calendar piuttosto che con moduli dalle funzionalità più avanzate), la versione mobile, ....
Lupo: Però Paolo prendendosi un server così dovrebbe fare una specie di corso accelerato di amministratore di sistema, e non credo ne abbia il tempo

Mah, non si tratta di un server con diversi servizi, avrebbe solo il server web. Tutto si aggiornerebbe roseo con un "apt-get update". E' una configurazione che si realizza in qualche oretta, con gli strumenti e le dritte giuste, che -ribadisco- può essere interessante progettare insieme come community del suo blog.
Il 99% del lavoro è migrare, scegliere plugin e ricreare tutti i layout, cosa che dovrà comunque fare indipendentemente dalla soluzione.
Una cosa è certa: con un server suo non dipenderà più da nessuno, perchè potrà migrare in un'oretta da un server all'altro se sarà stanco di un provider.
> Tutto si aggiornerebbe roseo con un "apt-get update".

Nessun hoster è così folle da lasciare la gestione dei pacchetti aperta. A meno che ti prendi un server in co-location (ovvero ti compri il server, te lo configuri e l'attacchi alla rete dell'hoster).

Su Dreamhost (ok, ho un hosting condiviso, non un server virtuale dedicato) ho l'accesso SSH, comodissimo se devi installare roba tipo Drupal e per manutenzione generica, ma ho delle limitazioni pazzesche: in pratica ho solo l'accesso ai file nella mia homedir: per il resto devo dipendere dagli aggiornamenti centralizzati (e per fortuna, aggiungerei io).

E anche col server virtuale, dubito fortemente che si possa arrivare a personalizzarlo così: tanto per dirne una la configurazione del server web e del database dev'essere centralizzata..

Qualcuno citava Andrea Beggi: ho guardato e lui ha il suo blog (realizzato con wordpress e un tema grafico fatto da lui) su un hosting condiviso italiano, di cui parla bene e lascia un link con un codice sconto in una apposita pagina del blog.

Con la gestione degli aggiornamenti intendo i problemi che ci possono SEMPRE essere quando aggiorni qualche plugin di WP o il motore del blog medesimo. E' anche vero che Paolo non ha bisongo di cose particolari, con Akismet, un plugin per openID, magari Gravatar e Jetpack c'è praticamente tutto quello che serve per emulare le funzioni (almeno quelle visibili pubblicamente) di questo qui su Blogger.

In più c'è il vantaggio che i commenti sono per default a thread, cosa pratica quando ce ne sono molti.
Nessun hoster è così folle da lasciare la gestione dei pacchetti aperta. A meno che ti prendi un server in co-location (ovvero ti compri il server, te lo configuri e l'attacchi alla rete dell'hoster).

Qualche link di servizi che uso:
http://www.leaseweb.com/en/cloud-hosting/express-cloud - VPS da 9€ al mese
http://www.ovh.it/vps/ - VPS da 20€ al mese
http://www.kimsufi.it/ - Dedicati da 15€ al mese (che in realtà sono sempre OVH).
Generalmente si può pagarli di mese in mese, anche solo un mese per provarli.
Le VPS OVH, paghi per dei punti sul conto, poi puoi anche richiedere il quadruplo di ram per solo qualche ora (eventi particolari).
TUTTE le soluzioni che sto citando, si ha a disposizione un SO Linux a scelta con accesso totale alla macchina (root), per cui puoi farci qualsiasi cosa. Le uniche restrizioni, che hanno solo le VPS, sono legate ai moduli del kernel e ricompilazione, cosa che obiettivamente serve solo in ambiti particolari.
ciao, io dispongo di diversi server, quindi se ti serve un host contattami.
scrivimi a max @ spiritix . eu
Wordpress.com anche nella versione a pagamento ha troppi limiti sull'inserimento di codice personalizzato. Wordpress su hosting proprietario mi sembra una buona soluzione ma non saprei dire se gli eventuali bug di sicurezza. Io su Blogger mi trovo bene: dove si può provare la nuova interfaccia?
Buon giorno,

ti consiglio Wordpress, ha praticamente tutti i requisiti da te richiesti, e rispecchia perfettamente le tue esigenze.
l'unica cosa alla quale dovrai fare attenzione e' la scelta del servizio hosting, escludi assolutamente l'opzione Wordpress su qualsiasi Host.
Ecco i miei consigli a riguardo:
- Lascia perdere i servizi Italiani, aruba register ecc ecc... offrono una pessima stabilita', i requisiti per installare wordpress costano troppo, il servizio di assistenza e' a dir poco scandaloso, per installare wordpress devi trasformarti in un webmaster senior con anni di esperienza... :) ... mi sembra di aver detto tutto.

- Consiglio un bel servizio hosting Americano, come InMotion:
Spazio illimitato, traffico supportato sopra la norma, stabilita', assistenza in chat 24/7 (sempre gentili e disponibili, in alcuni casi mi chiamano al cellulare per salutarmi e chiedermi se ho bisogno di aiuto), possibilita' di passare a server dedicati di qualita' ..... WORDPRESS e una miriade di pacchetti installabili con 2 , massimo 3 click (forum, joomla, ecommerce vari ecc.. ecc... ) ... e gia' con questo tiri un grande sospiro di sollievo, come farlo ? vai su inmotion, chat e via, rispondono immediatamente, aperta anche se non sei un cliente. Offrono anche un servizio di Site Building per qualsiasi esigenza.

unica nota, offrono solo estensioni .com .net .org e altri .... essendo in America non possono curare estensioni .it .eu ... non penso sia un problema scegliere un .com o .net

In ogni caso esistono altre compagnie Americane con gli stessi requisiti, la cosa piu' importante e' dimenticarsi di quelle italiane.

Un saluto, complimenti per il blog e le notizie.

Angel
dimenticavo, lascia perdere anche bluhost, in ogni caso cerca una compagnia che abbia la possibilita' di passare anche ad un server dedicato, hanno molta piu' esperienza e competenza nel settore, nonche' un livello tecnologico piu' avanzato ... ho 3 domini con inmotion e vanno come lo space shuttle!
Scusa, continuo a dimenticare pezzi ...
in ogni caso scegli un servizio hosting che offra l'utilizzo del cpanel .... tremendamente comodo .... http://en.wikipedia.org/wiki/CPanel
Mamma mia, se già a te Paolo non piace la nuova interfaccia di blogger, non oso immaginare a chi come il sottoscritto è non vedente! Che schifo!
@Giacomo: dato che hai citato un server di cui mi sfugge il nome, con i captcha per i commenti, esiste anche la possibilità di inserire i captcha audio? Questo sarebbe utile per chi come me non vede, e come me non si è ancora deciso a installare Firefox e Webvisum.
Bye!
Caro Paolo, non sono un esperto, ma ne ho sentite di cotte e di crude su Wordpress e visto che non ci ho capito un c**** voto per Polimorph o Multibrap.
[quote-"pgc"-"/2012/05/sto-meditando-di-traslocare-il-blog.html#c7363361841370068704"]
Caro Paolo, non sono un esperto, ma ne ho sentite di cotte e di crude su Wordpress e visto che non ci ho capito un c**** voto per Polimorph o Multibrap.
[/quote]

Geniale!

:-D
Consiglio di leggere qua: http://www.kalzumeus.com/2012/02/09/why-i-dont-host-my-own-blog-anymore/

Ciao, f.
Mi pare un po' esagerato...
reporting vulnerabilities to the WordPress ecosystem could easily be my full time job.
... non mi è chiaro se "accusa" WP o gli autori di plugin che usa.

Mi pare in generale evidente che non aveva l'esperienza di configurare un server web.

Questo http://wpengine.com che suggerisce, da calcoli a spanne (da dati Alexa), credo che attivissimo.blogspot.it
sia sulle 12000 pageview/daily. Quindi sarebbe vicino alla fascia "400,000/month, $249/MO" di WPEngine.com.

Esperienza personale, ho configurato una macchina per un sito con un traffico almeno di 5 volte questo blog, su un dedicato a nolo sui 100€/mese (0€ setup-fee).

Ma ribadisco,
- Il grosso è scegliere il software e migrare. Passare poi da un hosting ad un server proprietario, o viceversa, è una cosa che si può fare in qualche ora. Si tratta di spostare file, dump db e configurazioni già pronti.
Quindi imho questo discorso "hosting" vs "dedicato" vs "vps" è un dettaglio.
- La cosa carina era l'esperimento di "sharare" qui il know-how per preparargliela e/o dargli una mano con la migrazione.
Paolo d'altro canto non ci ha ancora fornito qualche statisticha tipo le attuali visite, la banda mensile usata mediamente, dimensioni db, e un'idea del budget.
Di questo che ne pensi?
https://www.tumblr.com

l'ho trovato vedendo questa pubblicazione http://xkcd.com/1043/
Consigliano tutti la stessa cosa..
Io non ho mai usato worldpress, quindi non posso giudicare.

Pero', per dire qualcosa di diverso (una voce fuori dal coro), mai sentito parlare di uCoz.com ..oppure jimdo.com
Il primo è un po strano, ma piuttosto interessante perchè puoi inserire praticamente di tutto.
Il secondo è di facile utilizzo, ma non sono sicuro se ti va bene

....bye :)
Quando ho letto il tuo post ho pensato ad una sola cosa: Wordpress. E da uno che programma in Perl, il consigliare la "concorrenza" in PHP la dice lunga.

Riguardo all'hoster non sono daccordo con chi diceva di non affidarsi a provider italiani. Sarò di parte, lavorando per uno di questi, ma ci sono moltissimi hoster italiani seri e con un'assistenza eccellente. Inoltre, la maggior parte dei "piccoli" hoster hanno l'enorme vantaggio che quando contatti l'assistenza stai già parlando (in lingua italiana, cosa che ovviamente non guasta) con qualcuno che può mettere le mani dove occorre senza passare per un helpdesk "stupido" di primo livello.

Non volendo essere di parte, non ti consiglio noi come hoster, ma ti consiglio netsons (http://www.netsons.com/). Fatti un giro e vedi cosa ne pensa la gente.

P.S. Per vedere se sono in qualche modo legato a netsons, cosa che non è, basta una googlata su di me :-)