skip to main | skip to sidebar
7 commenti

Disinformatico radio, podcast del 2012/06/29

Pronto il podcast del Disinformatico


È disponibile temporaneamente sul sito della Rete Tre della RSI il podcast della scorsa puntata del Disinformatico radiofonico. Ecco i temi e i rispettivi articoli di supporto:

Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (7)
Ma HTTP non stava per Hyper Text Transfer Protocol? o_O
Stepan,

Ma HTTP non stava per Hyper Text Transfer Protocol? o_O

. Errore mio, correggo subito, grazie!
Nell'articolo "Le parole di Internet: HTTP" trovo una grossa imprecisione nell'ultimo paragrafo e la cito.

"La distinzione fra HTTP e HTTPS è importante proprio per motivi di sicurezza: una transazione HTTP è facilmente intercettabile, mentre una sessione HTTPS lo è solo con notevoli difficoltà. Tuttavia i browser e quasi tutti i siti normalmente danno per scontato che si voglia usare il protocollo normale, ossia HTTP, per cui occorre digitare manualmente "https://" quando si desidera usarlo per proteggere la comunicazione via Internet."

Lascia intendere che si possa sempre usare https per ottenere una connessione sicura mentre la realtà è che è possibile farlo esclusivamente se il server ce lo permette. E nella rete c'è ancora una valanga di siti, anche con servizi di autenticazione, che rispondono soltanto in chiaro; per esempio moltissimi forum.
Sicuramente ti riferisci al caso di facebook (insieme a molti altri siti che non mi vengono in mente) che permette di usare entrambe le modalità, ma questa situazione non è universalmente garantita.
Poi a voler fare i sapientini fastidiosi ci sarebbe anche da ridire sull'uso della parola "intercettabile" che andrebbe sostituita con "decifrabile".
Enrico,

Poi a voler fare i sapientini fastidiosi ci sarebbe anche da ridire sull'uso della parola "intercettabile" che andrebbe sostituita con "decifrabile".

Sii pure sapientino fastidioso, grazie! Ho corretto l'articolo in entrambi i punti.
Ogni giorno che passa Facebook si dimostra un sito da evitare se si ha a cuore la sicurezza. CHIUNQUE lavori nel campo nel campo della sicurezza informatica lo sa, per questo molte aziende bloccano l'accesso ai propri dipendenti
Non c'entra niente (assolutamente), ma:
http://www.bbc.co.uk/news/science-environment-18693744
http://idealab.talkingpointsmemo.com/2012/06/cern-higgs-boson-announce-data-july-four.php

Che dopo l'epic fail del neutrino potrebbe essere una ventata di prestigio...
Volevo comunicarti che dei cattivissimi gatti hacker ti stanno gattificando il sito!
http://cat.attivissimo.blogspot.com.meowbify.com/