skip to main | skip to sidebar
9 commenti

Disinformatico radio, podcast del 2012/07/20

Podcast del Disinformatico radiofonico


Tra poche ore andrò in onda sulla Rete Tre della RSI per una nuova puntata del Disinformatico. Intanto segnalo il podcast della puntata precedente, con gli articoli di approfondimento:

Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (9)
Vabbè. Brain ci può stare: è stato il primo (ma non era cattivo se non ricordo male).
Hanno, però, saltato virus per DOS come, ad esempio, Jerusalem (versioni A e B), Cascade o Tequila significativi perché fecero penare non poco ed ebbero una diffusione notevole e che durò a lungo (in base al "tempo informatico"), superiore a quella di Michelangelo, nonostante all'epoca il contagio avvenisse solo attraverso i floppy.
Paolo, anche se tu non ami parlare di politica (ma ami segnalare la malainformazione) avresti il tempo di dedicare una veloce antibufala riguardo la raccolta firme, ora in corso, del c.d referendum "anti-casta"? Questo referendum propone di eliminare il rimborso di soggiorno ai parlamentari, ma purtroppo le firme raccolte in queste settimane sono perfettamente inutili, in quanto devono essere depositate entro 90 giorni dalla loro raccolta. Ma poichè a marzo 2013 ci saranno le elezioni, per tutto il 2012 non si possono depositare firme (e questo accade sia che si consideri l'anno solare, sia che si considerino i 365 giorni precedenti, in quanto le elezioni si svolgono solitamente a marzo o ai primi di giugno).
Allo stesso modo, si dice che questo referendum, se mai dovesse passare, dovrebbe costare fino a 8 volte di più del risparmio che consentirebbe in un solo anno. E in 8 anni, prima di riuscire anche solo a pareggare i conti, può succedere di tutto.

Intendiamoci: a meno che la Cassazione non stravolga i termini di legge e decida di ammetterle, le firme raccolte a luglio sono fuori dai termini consentiti. Senza "se" e senza "ma". Ma un articolo antibufala, con la tua capacità di sintesi e di chiarezza, potrebbe servire:
1) a sbatterlo in faccia a quei tizi che accusano i "dubbiosi" di voler essere disfattisti e di voler affossare questa "nobile" iniziativa;
2) a mettere un freno a tutti quelli che vedranno un complotto dietro il sempre più probabile annullamento delle firme. E tra questi ci saranno, sicuramente, anche i promotori della raccolta firme.
3) a far capire, a chi ha firmato in buona fede, che è stato preso in giro da un partito incompetente e/o in malafede
4) a far capire alla gente che il concetto di "firmo lo stesso, anche se è inutile", oltre ad essere pericoloso, è anche controproducente. E, soprattutto, non è migliore di chi ha scelto di non firmare perchè si è informato.

So già che ci sono tanti link in giro per la rete che parlano della vicenda, ma purtroppo si perdono in mille arzigogoli burocratici e spesso non sono propriamente neutrali, essendo link che si riconducono ad altri partiti e movimenti politici.
Social DRM: in alcuni ebook (acquistati su ibs se non ricordo male) nell'ultima pagina del libro viene inserito una sorta di ex libris con nome cognome e indirizzo dell'acquirente.
Riguardo all'invio di spam da parte di utenti hotmail il problema (secondo la mia esperienza 'professionale') più che dal PC infetto potrebbe derivare dalla compromissione diretta dell'account che viene usato appunto per inviare spam e virus a tutti i contatti hotmail. Perciò consiglierei innanzitutto di modificare la password di accesso.
Ora il tribunale olandese ha condannato l'agenzia Stemra per negligenza, irrogandole una multa di 20.000 euro e il risarcimento delle spese legali di Rietveldt. La Stemra dovrà inoltre continuare a investigare sull'entità della diffusione abusiva della musica in questione,
Ben gli sta! Magari iniziassero a indagare pure sulla SIAE...
Non vorrei sbagliare ma anche la White Wolf qualche anno fa ha usato lo stesso tipo di DRM social per il manuale di "Vampire: The Masquerade" del ventesimo anniversario.
Holy accento del conduttore, Batman!
Alexandre,

Holy accento del conduttore, Batman!

Dici il mio?
nono, dell'altro tizio, il tuo ormai lo conosco bene :D