skip to main | skip to sidebar
22 commenti

OS X Mountain Lion, prova d’installazione

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2012/08/02.

Sto installando OS X 10.8 (Mountain Lion) sul mio Macbook Air 13" (che ha su Lion). Pubblico questi rapidi appunti di viaggio per ricordarmi cosa fare e non fare e per segnalarvi trucchi e magagne della migrazione; se volete una recensione più ampia, consiglio quella di Ars Technica. È sottinteso che prima di un aggiornamento di questa importanza è indispensabile effettuare un backup.

L'acquisto di Mountain Lion è semplice: si avvia l'App Store e si compra OS Mountain Lion a 20 franchi svizzeri (15,99 euro nell'App Store italiano). Lo si può comperare anche senza carta di credito, usando una iTunes Card, da quello che vedo.

Il download è lungo (4,3 gigabyte) e scarsamente segnalato: all'avvio si viene portati automaticamente al LaunchPad, dove compare l'icona di Mountain Lion con la dicitura Trasferimento. Nient'altro. Decisamente poco informativo (immagine qui accanto). Solo dopo un po' mi sono accorto che il puntino bianco sovrapposto all'icona si stava allargando perché era l'inizio di una barra che indicava l'avanzamento del download.

Attenzione a non cliccare sull'icona di Mountain Lion in Launchpad nella speranza di avere maggiori informazioni: se lo fate, l'unico risultato è che la dicitura sotto l'icona cambia da Trasferimento a In pausa e il download si ferma; è quindi facile interrompere inconsapevolmente lo scaricamento. Per avere più informazioni sul download e avere una stima dei tempi previsti bisogna avviare l'App Store e cliccare sull'icona Acquistate.

Le cose vanno meglio se si migra da Snow Leopard: nel Dock compare un'icona di download molto chiara (immagine qui accanto).

Circa due ore dopo. Download completato. Se avete altre macchine da aggiornare, risparmierete molto tempo e molta banda usando la tecnica descritta da 9to5mac per creare una penna USB o scheda SD d'installazione (che comunque può sempre servire in emergenza). Non ho ancora testato questa tecnica; lo farò quando aggiornerò gli altri Mac recenti del Maniero Digitale.

Cliccando su Continua nella finestra che compare a fine download, bisogna accettare la licenza del software, che specifica che c'è una clausola di rimborso come quella di Windows (hmmmm....) e che se avete più di un Mac non è obbligatorio acquistare una copia di Mountain Lion per ciascun computer (punto 2B). Sembrebbe esclusa la possibilità di far girare Mountain Lion virtualizzato su hardware non Apple.

Dando il consenso alla licenza e all'avvio dell'installazione, Mountain Lion macina un paio di minuti e poi riavvia il computer. Macina per altri venti minuti circa, poi riavvia di nuovo. Chiede l'ID Apple (ignorabile se non l'avete o non lo volete usare): dice che la richiesta della data di nascita che compare a questo punto servirebbe anche "per recuperare la tua password nel caso in cui la dimenticassi", ma non mi sembra un buon sistema di protezione, dato che scoprire la data di nascita di qualcuno è assolutamente banale. Potrebbe essere saggio immettere una data fasulla (da ricordare).

Compare una serie interminabile di termini e condizioni da accettare (una copia è sul computer e un'altra è presso Apple qui). Poi è il turno di iCloud, che ho rifiutato di configurare: prima voglio valutarne le implicazioni, e finora ho vissuto benissimo senza iCloud, per cui non ho fretta.

Fatto questo, il Mac è pronto per l'uso di base con Mountain Lion, ma ci possono essere altri aggiornamenti: per esempio, se usate Mail il suo primo avvio chiede di aggiornare l'archivio di posta. Nel caso del mio Air, c'è anche un aggiornamento firmware che richiede un altro riavvio. Poi ci sono le configurazioni di tutte le funzioni nuove di condivisione, come l'area delle notifiche (icona in alto a destra sulla barra menu), fonte di distrazione continua se non la s'imposta in modo meno garrulo del suo default, e l'eventuale pulizia del Dock (nel quale ricompaiono l'App Store e Launchpad – due cose che non uso quasi mai e quindi trovo inutile avere nel Dock – e fanno la propria comparsa Promemoria e Note). Fra l'altro, se dovete rimuovere un'icona dal Dock, ricordate che in Mountain Lion dovete trascinarla più lontano del solito dal Dock per far comparire la nuvoletta di rimozione.

In conclusione. Tutto sommato, l'aggiornamento è stato indolore (almeno per ora) e ha richiesto circa tre ore. Vale la pena di farlo? Per quanto riguarda le novità del sistema operativo, a mio avviso no (magari salterà fuori qualche miglioria poco visibile che scoprirò con l'uso, ma per ora l'impatto è particolarmente blando); per restare aggiornati sul fronte della sicurezza, sì, visto che anche il Mac oggi è preso di mira dal malware e visto anche il prezzo più che ragionevole. Ma non è certo un aggiornamento epocale che invoca di essere installato il più presto possibile.

Per esempio, la novità apparentemente promettente del riconoscimento vocale (attivabile premendo due volte il tasto fn in qualunque applicazione dopo aver attivato l'opzione di dettatura) si smorza per gli italofoni, perché l'italiano non è supportato (attualmente ci sono solo francese, giapponese, inglese in tre varianti e tedesco), e comunque c'è il problema della privacy, perché tutto quello che dite durante la dettatura viene inviato ad Apple per l'analisi. Come se non bastasse, ad Apple "vengono inviate anche altre informazioni, come ad esempio i tuoi contatti". Tutto questo viene indicato molto chiaramente, come mostrato nell'immagine qui accanto, ma è un approccio "alla Siri" che chi ha esigenze di riservatezza professionale difficilmente troverà accettabile. Perché non fare il riconoscimento vocale direttamente sul computer, che non ha le limitazioni di potenza di uno smartphone?

Per quel che mi riguarda, paradossalmente la novità più immediatamente utile di Mountain Lion è un ritorno al passato e al buon senso: la ricomparsa della voce di menu Salva con nome o Salva come, che era stata sostituita dal sistema delle versioni dei documenti in Lion. Era sparita la possibilità di un gesto classico come quello di aprire un documento e poi salvarlo con un altro nome (o meglio, era nascostissima e farraginosa). Ora in Mountain Lion la voce di menu, ribattezzata Salva col nome, è richiamabile tenendo premuto il tasto Opzione quando si sceglie il menu File e circolano già trucchetti (grazie a @l_rsa) per renderla direttamente accessibile.


2012/07/31


Se avete applicazioni che richiedono Java (come per esempio OpenOffice, NeoOffice o LibreOffice), ricordatevi di scaricare e installare il runtime Java più recente anche se l'avevate installato in precedenza. Io l'avevo installato in Lion proprio per LibreOffice, ma l'installazione di Mountain Lion l'ha eliminato.

La procedura è indolore: lanciate l'applicazione che richiede Java e aspettate che Mountain Lion segnali il bisogno del runtime Java (notate il refuso nella finestra di dialogo: runtine al posto di runtime), poi cliccate su Installa mentre siete connessi a Internet.


2012/08/01


Un tocco di piacevole semplicità: se avete più di un Mac collegato allo stesso Apple ID, quando visitate l'App Store per scaricare Mountain Lion di nuovo e installarlo sui Mac successivi al primo non pagate nulla. Cliccando su Acquista compare l'avviso che avete già scaricato una volta Mountain Lion e che gli scaricamenti successivi sono gratuiti. Parte subito il download, senza addebiti. Una bella differenza rispetto alla politica commerciale di Microsoft.

Prima magagnina: l'indicatore di stato delle applicazioni nel Dock mi appare in modo casuale e non indica correttamente se l'applicazione è aperta o no. Nello screenshot qui sotto, per esempio, sono vistosamente aperti e attivi Mail, LibreOffice, Twitter, Namely e Firefox, ma il trattino azzurro sotto le rispettive nel Dock c'è solo per Twitter e Namely. Inoltre facendo Alt-Tab mi risultano disponibili solo Finder, Twitter e Namely. I cinque rettangoli bianchi nel Dock qui sotto erano icone di Firefox, stranamente prive del logo dell'applicazione. Bizzarro. Dopo un reboot tutto ha ripreso a funzionare normalmente.


Migrando da Snow Leopard viene attivato automaticamente quello che Apple chiama “scorrimento naturale”, che potrà anche avere vagamente senso su un touchpad ma che sulla rotellina di un mouse è, almeno per i vecchietti come me, assolutamente contro natura. Per fortuna un giretto nelle Preferenze di Sistema risolve tutto.

Attenzione anche ai driver e alle applicazioni, che potrebbero risultare incompatibili. Per esempio, il driver per monitor supplementare tramite porta USB della Diamond (BVU195, che ho descritto qui) per Snow Leopard smette di funzionare sotto Mountain Lion, e stando alle reazioni iraconde nei forum di supporto i driver versione 1.8 Displaylink per Mountain Lion sono inutilizzabili. L'antivirus di Sophos va aggiornato scaricando l'apposita versione e rimuovendo quella preesistente prima di installare quella nuova.

Altra cosa: perché diavolo in Mountain Lion le applicazioni mi chiedono di poter accedere ai miei contatti? Me l'ha chiesto Camino, e pazienza, perché è un browser e la cosa potrebbe avere un barlume di senso. Ma me l'ha chiesto anche Final Cut, che come programma di montaggio video dovrebbe farsi i fatti propri e non avere nessun bisogno di ficcare il proprio naso digitale nei miei contatti.


2012/08/02


Se avete un archivio di mail piuttosto corposo, possono passare diverse ore prima che Mountain Lion vi consenta di farvi ricerche approfondite, per cui scegliete bene il momento in cui effettuare la migrazione. Sembra infatti che Mail.app di ML reindicizzi tutto l'archivio. Infatti nelle prime ore dopo l'installazione Mail.app mi offriva solo ricerche nei mittenti e negli argomenti delle mail ma non nel corpo del loro testo. Dopo qualche ora è comparsa anche l'opzione di ricerca “il messaggio contiene...”.

Se volete regolare la dimensione del font nella barra laterale di Mail.app, quest'impostazione è stata spostata (già dai tempi di Lion) alle Preferenze di Sistema, sezione Generali, e nascosta con il nome poco intuitivo di Dimensioni icona barra laterale.

Per eliminare l'irritazione e la distrazione della comparsa del riquadrino-banner di notifica ogni volta che arriva una mail si va nelle Preferenze di Sistema e si sceglie Notifiche, Mail, Nessuno.

Mountain Lion ha una nuova funzione di sicurezza, Gatekeeper, che blocca il lancio di qualunque applicazione che a suo parere “proviene da uno sviluppatore non identificato”. Ë una protezione antimalware basata sulla firma digitale delle singole applicazioni, che però tende a bloccare anche applicazioni legittime di sviluppatori molto ben identificati: quelli che non hanno ancora firmato le proprie applicazioni con un certificato digitale fornito da Apple, come nel caso illustrato qui accanto, che mostra il blocco di Dragon Dictate. Per aggirare temporaneamente il problema si può andare nella cartella Applicazioni e Ctrl-cliccare sull'icona dell'applicazione: questo fa comparire l'avviso di blocco come prima, ma con l'aggiunta dell'opzione Apri. Maggiori dettagli sulla sicurezza molto relativa di Gatekeeper sono in questo articolo di Macworld.

Se ti è piaciuto quello che hai letto, vuoi incoraggiarmi a scrivere ancora
e mantenere questo blog indipendente e libero da pubblicità,
considera l'idea di una donazione anche simbolica.

Grazie!
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (22)
articolo sommario e molto superficiale! può scriverlo solo chi nemmeno ha utilizzato ML una sola volta. integrazione con i social network, icloud, safari velocità prestazioni.... dove sono ? questa volta articolo da voto 2
Grazie mille, quello che mi serviva. :)
Per i non vedenti: aggiornate al volo, mountain lion è assistito vocalmente dall'inizio dell'installazione -anche lion- basta fare command + f5 appena si riavvia
partirà una voce in inglese di bassa qualità ma è accessibilissimo! per la serie "come ti installo un sistema operativo da cieco senza aver bisogno di nessuno"
sì perché la cosa vale per tutte le operazioni di sistema, formattazione e ripristino di backup da time machine compresa
cosa che con windows e linux praticamente ci si può scordare
e naturalmente senza dimenticarsi che il prodotto per ciechi più famoso per piattaforma windows, costa come un macbook pro entry level
e linux... lasciamo perdere
si fa prima a fare un rito woodoo prima di veder funzionare le -scarse- opzioni di accessibilità del pinguino
Queste sono cose che più che dirle bisogna viverle
io dopo 23 anni che, in un modo o nell'altro, sono stata costretta al "tira fuori i soldi, tanti, paga, e poi chiedi aiuto" aver la possibilità con il prezzo di una pizza di installarmi il sistema operativo da sola, per me è stata una non so se chiamarla emozione ma comunque una sensazione positiva e a chiunque voglia comprarsi un portatile adesso dico, mac e non discutere
Non vale la pena spendere soldi a palate dandoli ad aziende che speculano sulla pelle di chi ha bisogno: un mac costa tanto, ma costa tanto per me, costa tanto per un vedente, costa tanto per lo zoppo o per chi ha una mano sola (ricordiamo che i tasti permanenti, sticky keys, sono un portento nei sistemi apple, cosa che in windows fanno acqua da ogni dove)
a proposito di disabilità motorie
dettature vocali e siri varie
ma tu, Attivissimo, pensi davvero che freghi qualcosa della "privacy" a una persona con difficoltà alle mani (che può premere 2-3 tasti ma per digitare va a rilento) e che però pur usando il computer è costretta a farsi dar da mangiare in bocca e pulire il sedere in bagno? Pensi che gliene possa fregare qualcosa a una persona così, che quel che detta sul voice dictation va ad apple?
e pensi che soprattutto, ad apple freghi qualcosa di quello che io, te, Piero, Toni, scriviamo a voce o diciamo a siri su iOS? Poi senza andare molto lontano: noi persone con disabilità, visiva e/o motoria, abbiamo molti più problemi "di privacy" col fatto che chi più chi meno per molte cose dobbiamo fidarci degli altri anche quando non vorremmo. Questa obiezione della privacy sulla dettatura vocale la lascio a chi ha tempo e non ha altre preoccupazioni sulle persone a cui affida la propria incolumità fisica perché provvisto di occhi, orecchie, gambe e braccia per poter decidere di fidarsi solo di se stesso.
Tecnicamente, per ragioni di traffico su server, sulla dettatura vocale off line cmq sarei anche d'accordo, ma per quella c'è dragon. e mentre la voice dictation non necessita addestramento, dragon sì.
Fosse off line la dettatura, nuance non venderebbe + dragon...
iCloud: utilissimo se avete uno o più iDevice o uno o più mac, per esempio a casa e in ufficio. se il mac è l'unico dispositivo, iCloud non è così indispendsabile; l'aggiornamento di ml ha portato delle sensibili novità all'assistente voiceover, compresa la lettura della barra menu di terze parti che prima era ingestibile, e le voci sono cambiate basta aggiornare silvia e paolo alla 2.0.
Personalmente penso che anche sullo smartphone sia solo una scusa: l'hardware dell'iphone è perfettamente in grado di effettuare un riconoscimento vocale senza un server di appoggio.
Confermo che l'aggiornamento in questione è il più semplice e trasparente che sia mai stato distribuito in ambiente Apple: ieri ho aggiornato i quattro Mac che uso (gli altri tre, ahimè, sono dei vecchi PowerPC che vivono ormai tranquilli sulle loro super stabili versioni di Tiger), e non ho avuto il minimo problema. Fra l'altro, una cosa che Paolo non dice è che non occorre neanche essere presenti: l'aggiornamento può essere tranquillamente e completamente fatto usando lo screen sharing da un altro posto.
Soprattutto, mi ha colpito la trasparenza del passaggio di tutte le impostazioni, comprese quelle non standard (ad esempio, io uso molto il buon vecchio crontab e molti script, e mi aspettavo che sarebbe stata necessaria qualche reimpostazione). Invece no, tutto funziona come se non fosse cambiato nulla.
Invece, non sono molto d'accordo sul fatto che non ci siano grosse novità rispetto a Lion. Le novità ci sono eccome, come mette in evidenza l'ottima recensione di Ars Technica: il pregio, secondo me, è che si vedono molto poco. E questo, per chi usa i calcolatori per lavoro, è un vantaggio enorme.
Marco Moretti,

"può scriverlo solo chi nemmeno ha utilizzato ML una sola volta"

Infatti è un articolo che descrive la mia prima installazione, per cui per forza di cose non ho mai usato prima ML. Meno male che sono io quello "superficiale" :-)


"integrazione con i social network, icloud, safari velocità prestazioni.... dove sono ?"

Social network e iCloud sono al loro posto: nel bidone delle cose modaiole e improduttive di cui non sento assolutamente il bisogno. Ma non pretendo che tutti la pensino come me. In quanto a Safari: non lo uso. Per velocità e prestazioni, spiegami cortesemente come farei a valutarle, visto che l'ho appena installato.

Questa volta commento da voto 2 :-)
Talksina,

grazie della segnalazione: questo era un aspetto che ignoravo e che personalmente trovo molto più socialmente utile dell'integrazione con i social network.


Riccardo,

ho letto la recensione di Ars e ne ho parlato nel Disinformatico radiofonico di venerdì. Condivido la tua impressione, ma io come utente semplice non ho letto o visto, per ora, cose che mi abbiano colpito particolarmente come innovative e produttive.
@ Talksina
Pienamente d' accordo, purtroppo se il non vedente in questione non conosce l' inglese la serie" come ti installo un sistema operativo da cieco senza aver bisogno di nessuno" non è praticabile.
Sarebbe bello che la tanto ipermegaavanzatissimainnovativafortuna che esiste Apple si degnasse visto il buon mercato Italia di considerare anche la nostra lingua.
i miei due cent
" e comunque c'è il problema della privacy, perché tutto quello che dite durante la dettatura viene inviato ad Apple per l'analisi"

Sì comporta come Flame! :D :D :D
Ciao paolo, speravo in un tuo accenno alla funzione denominata "Power Nap", che se non vado errato il tuo air dovrebbe supportare.
Potrebbe essere molto interessante.
Grazie
Massimo
A me piace molto la politica del prezzo dell'aggiornamento e che si paga una sola volta per tutti i pc (o sono deficiente e o capito fischi per fiaschi?).

Comprendo benissimo che, per adesso, a Microsoft non serve applicare una politica sui prezzi altrettanto aggressiva ma dovrebbe pensarci.

@Talksina
Non dimenticare che Linux è alla base di Apple OS. E non dimenticare che Linux, per quanta strada abbia fatto, non è, e chissà se lo sarà mai, un sistema operativo per tutti.
Infine, le funzioni tipo quelle per non vedenti sono solo dei programmi. E' solo questione di volontà e/o sensibilità da parte di Microsoft o di qualche sviluppatore Linux inserirli o meno.
Una volta tanto, comunque, gli interessi di Apple (strappare fette di mercato consumer in mano quasi interamente a Microsoft) sono coincisi con quelli di tanta gente che altrimenti non avrebbe potuto utilizzare un pc o lo avrebbe fatto con molte difficoltà.

Infine, anch'io non mi spiego perché, ad esempio, un sistema tastiera+display braille possa costare 2000 Euro. Le ho viste; sono senza dubbio di qualità elevata; capisco che si tratti di mercati di nicchia e che la progettazione di simili attrezzature è costosa e complessa, ma 2000 Euro mi sembran tanti.
[quote-"Giuseppe"-"/2012/07/os-x-mountain-lion-prova-dinstallazione.html#c6086002555162588655"]
A me piace molto la politica del prezzo dell'aggiornamento e che si paga una sola volta per tutti i pc (o sono deficiente e o capito fischi per fiaschi?).

Comprendo benissimo che, per adesso, a Microsoft non serve applicare una politica sui prezzi altrettanto aggressiva ma dovrebbe pensarci.

@Talksina
Non dimenticare che Linux è alla base di Apple OS. E non dimenticare che Linux, per quanta strada abbia fatto, non è, e chissà se lo sarà mai, un sistema operativo per tutti.
Infine, le funzioni tipo quelle per non vedenti sono solo dei programmi. E' solo questione di volontà e/o sensibilità da parte di Microsoft o di qualche sviluppatore Linux inserirli o meno.
Una volta tanto, comunque, gli interessi di Apple (strappare fette di mercato consumer in mano quasi interamente a Microsoft) sono coincisi con quelli di tanta gente che altrimenti non avrebbe potuto utilizzare un pc o lo avrebbe fatto con molte difficoltà.

Infine, anch'io non mi spiego perché, ad esempio, un sistema tastiera+display braille possa costare 2000 Euro. Le ho viste; sono senza dubbio di qualità elevata; capisco che si tratti di mercati di nicchia e che la progettazione di simili attrezzature è costosa e complessa, ma 2000 Euro mi sembran tanti.
[/quote]
OT:
Mac OS X non è basato su Linux. E' basato su FreeBSD + NeXT Openstep (NeXT era la società di Jobs quando non faceva più parte di Apple). E' più corretto dire che è basato su Unix, anzi, è uno Unix certificato, quindi si, se devi maneggiare il sistema operativo al 100% non puoi evitare di andare di terminale. Cocoa stesso non ti permette di fare tutto quello che faresti con la bash. Per quanto riguarda il sistema vocale, probabilmente è esattamente la stessa interfaccia di Siri, che si basa su una serie di webservices locali e un collegamento ai server di Wolfram Alpha (che dovrebbero essere alla base anche di altri sistemi vocali come TellMe e Google, il riferimento all'azienda è qui: http://en.wikipedia.org/wiki/Wolfram_Alpha), ovvero di un sistema informatico che si occupa online dell'analisi semantica delle richieste e della preparazione di una lista di risposte non più relative 1:1 su una tabella, ma generate in tempo reale dalla struttura dei dati ricavati dall'analisi sintattica. Non esistem versione offline del software di Wlfram Alpha che io sappia.
IT:
A me personalmente OS X Lion non piace, preferivo Mac OS X Snow Leopard. Ho un mac book Q1-2012 da 17" e sinceramente trovo molto deludenti sia il "pezzo di ferro", sopratutto dopo che fai una diagnostica delle componentistiche a livello di chip che ci sono sotto, sia del Lion, che a mio parere si comporta molto malamente rispetto a Leopard. Visto che il mio target è il lavoro, lo sviluppo software e la produttività (e non Facebook), ero indeciso se passare a Mountain Lion, ma grazie a questo articolo ho deciso di tenere Lion in attesa di qualcosa di veramente migliore che mi dia veramente qualche valore aggiunto al mio lavoro. Grazie per l'articolo.
OS X deriva da FREEBsd e non da Linux, sono due sistemi UNIX diversi.
@Giuseppe
Linux non è alla base di OS X. E Canonical sta dimostrando che, con sufficienti interessi commerciali, anche le distribuzioni Linux possono essere ottimi prodotti per tutti.
Il resto: tutto vero!
Estremamente interessante il commento di Talksina. Concordo con Attivissimo che sì, sono - queste - cose decisamente più interessanti dei vari strumenti social. Grazie.

Una domanda per voi tecnici, smanettoni, informatici, sperimentatori, e-chi-più-ne-ha-più-ne-metta: ho un iMac su cui è installato OS X 10.7.4, mi pare. Posso evitare l'aggiornamento e fare una installazione ad hoc? Avete presente quelle piacevolissime due giornate di attesa fra back-up, formattazione, installazione sistema operativo, programmi, masturbazioni cerebro-informatiche varie del tipo "in vent'anni l'ho usato una volta, può risuccedere...".

A tal proposito, un'altra domanda che certo è poco inerente l'articolo, ma che mi ha sempre picchiettato la testolina: escludendo la creazione di un utente specifico per le prove, è possibile creare installazioni di un applicativo con la certezza di una rimozione *perfetta* e *totale*? Credo - ma ne sono veramente poco sicuro - sia un "sistema" chiamato Sand Box (?) su Linux (?).



grazie tante
dopo aver provato e cestinato lion nel giro di una settimana, l'anno scorso, ero molto molto scettico su questa release.
quanto fatto vedere in presentazione non lasciava presagire nulla di buono.

invece…
surprise!
tutte le cagatone di lion che ti venivano propinate volente o nolente in mountain lion sono almeno disattivabili/modificabili, il che lo rende decisamente più sopportabile.
era un anno che rimandavo l'acquisto di un air11" e stavo ormai rassegnandomi a comprare un samsung con un amd c450 su cui schiaffare un linux a casaccio, ma questi 4 giorni di test del montagnolo stanno andando decisamente bene.

se la prossima versione di onyx mi permette di sistemare le ultime due stupidaggini credo di poter fare definitivamente l'acquisto… :)

(ovvio che dell'integrazione coi social network non me ne può fregare de meno manco a me: il tasto "share" è stato immediatamente defenestrato da qualsiasi barra strumenti, come altrettanto ovviamente la partizione di ripristino, gatekeeper, mission control, lo scroll "naturale"…)
" Visto che il mio target è il lavoro, lo sviluppo software e la produttività (e non Facebook), ero indeciso se passare a Mountain Lion, ma grazie a questo articolo ho deciso di tenere Lion in attesa di qualcosa di veramente migliore che mi dia veramente qualche valore aggiunto al mio lavoro. "

Allora perchè non togli Lion e installi Snow Leopard? o_O
@Alessandro Morvillo
@Fabio Poleggi
@DanieleDS

Scusate il mio errore.
Esso è derivato dal fatto che quando ero "piccolo" giocavo con i sorgenti di molti programmi per Linux. Spesso negli script che poi "si davano in pasto" a make, bastava cambiare qualche flag per compilare lo stesso programma per Linux, Unix, FREEBSD o per Mac OS.
Questo mi ha sempre fatto vedere questi sistemi operativi come parenti molto stretti.
Mah... saro' controcorrente ma a me ML non piace. Inoltre trovo imbarazzante da parte di Apple spacciare per funzionalita' innovative il ritorno di Save As... (200+ new Features - Qui) o iMessages/Notes/Reminders che c'erano gia' (reminders integrati in iCal) o gia' disponibili da terze parti (Evernote, MySMS, Whatsup) e per di piu' cross platform...
Meno peggio di Lion, ma non c'e' una sola feature che mi spinga a fare l'aggiornamento a Snow Leopard. Mentre AutoSlave mi spinge a non farlo...
Una nota sul salva con nome: da quanto vedo su http://www.apple.com/osx/whats-new/features.html#autosave la funzione autosave *non* è andata via; come effetto collaterale, quando si salva con nome, viene modificata *anche* la versione corrente!

http://macperformanceguide.com/MountainLion-SaveAs-data-destruction.html
@ZeD

per disabilitare autosave e version puoi guardare qui.
Purtroppo in diversi programmi (es. iWork) si perde per strada anche Save As... che diventa non piu' disponibile.
Se dovessi essere costretto a usare ML (ad esempio quando dovro' cambiare computer) credo che passero' a MS Office. Non l'avrei mai detto.
Ciao non so se ho letto bene, quindi la Diamond BVU195 non funziona con Mountain lion, e hai percaso provato con Yosemite che a me una scheda cosi mi servirebbe come il pane visto che ne vorrei mettere 3?
Grazie per la risposta.