skip to main | skip to sidebar
3 commenti

Gmail e Mail.app, creare una cartella al livello più alto

A volte l'accoppiata Gmail-Mail.app sa essere fenomenalmente irritante. Per esempio, se provate a creare una cartella (quelle che Mail chiama “mailbox” in modo del tutto ingannevole) al livello più alto, in modo che sia gerarchicamente appena sotto l'icona dello schedario nella barra laterale, Mail vi permette di farlo, ma poi non vi permette di trascinarla al suo posto. Grrr.

Soluzione: andare nelle impostazioni dell'account Gmail e creare un'etichetta il cui nome inizia con INBOX/ e prosegue con il nome che volete dare alla cartella. Per esempio, se la cartella di livello più alto che volete creare si chiama pippo, l'etichetta in Gmail deve chiamarsi INBOX/pippo.

Chiudendo e riavviando Mail.app, la nuova cartella compare magicamente al posto desiderato.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (3)
In realtà io devo riportare una esperienza negativa di tale pratica, cioè un account che aveva parecchie caselle create in tale modo (ma derivate probabilmente da una precedente configurazione fatta da PC con Outlook) che mandavano letteralmente in pallone Mail che continuava a girare all'infinito per sincronizzare il tutto ... è vero che l'utente aveva (e ha tutt'ora) qualcosa come 70.000 messaggi (si settantamila, anzi ora credo siano anche 80mila ...) ma è anche vero che dopo aver eliminato tutti i prefissi INBOX dalle caselle incriminate tutto si è risolto.
Boh ...
Ciao
Marco
Immagino che tu sia connesso a Gmail in IMAPS, in questo caso come alternativa non si fa prima ad amministrare le cartelle via webmail?
Luigi,

non si fa prima ad amministrare le cartelle via webmail?

Sì, sono in IMAP, ma la gestione cartelle di Gmail via web è molto farraginosa. Ci si aspetterebbe di poter usare un trascina-e-molla in Mail.app, ma non è così (però funziona per le cartelle di livello inferiore), per cui ci vuole questo workaround.