skip to main | skip to sidebar
23 commenti

Lacrime di San Lorenzo in cielo? Sono i giornalisti che fanno piangere

Titolo dell'articolo di ADNKronos: “San Lorenzo, aspettando la notte delle stelle cadenti tra oroscopi e scienza”. Seguono interviste ad astronomi e astrofisici, che spiegano cosa sono le stelle cadenti, e poi... l'oroscopo, segno per segno.

A questo punto mi aspetto che nei prossimi articoli sulla maternità venga dato pari spazio anche alle cicogne e ai cavoli. Bah.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (23)
A proposito di giornalismo-spazzatura segnalo questo articolo sul sito del Sole24ore

http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2012-08-09/fusione-fredda-eredita-martin-180919.shtml?uuid=Abh1E5LG

che contiene omissioni (secondo wikipedia, Fleischmann è morto il 3/8/12, ma nell'articolo non c'è mica scritto), bufale, un fantastico strafalcione legale (secondo l'articolo sono stati processati dei denuncianti, non dei denunciati) e, naturalmente, complottismo (chi boicotta la fusione fredda?). Il fatto di prendere cantonate a destra e a manca parlando di più cose in un solo articolo è forse più buffo che deprimente (mettiamola così)
mi correggo: nell'articolo è citata la data di morte; nell'ultima frase.
Penso che l'autore dell'articolo sia ariete..

"Ariete. Vietato contraddirlo, Urano e Giove suggeriscono di tutto e di più, argomenti in punta di fioretto."
E' ora di FERIEEE!!! Paolo, non farti il sangue amaro! Che tra giornalettisti, Facebook e G+ ti sento un po' nervosetto ultimamente.
Sdraio, birra gelate ed un bel cielo scuro per almeno 7 giorni.
Vabbe' ti lascio curiosare i vari siti JPL e Nasa, ma solo quelli mi raccomando!

Angelo, (aka Barze)
"E' ora di FERIEEE!!! Paolo, non farti il sangue amaro! Che tra giornalettisti, Facebook e G+ ti sento un po' nervosetto ultimamente."

Per forza, è della bilancia! :D
veramente, hai bisogno di ferie...
Anche io noto un certo nervosismo ultimamente in questo blog... Gli ultimi post sono tesi come corde di violino! Sembra che vai a cercare ogni giorno qualcuno o qualcosa con cui arrabbiarti... Concordo che qui ci vuole un po' di mare, che ne dici?
A proposito di stelle cadenti, quali sono le previsioni per quest'anno?
"A questo punto mi aspetto che nei prossimi articoli sulla maternità venga dato pari spazio anche alle cicogne e ai cavoli."
Sarebbe ora: è stato dimostrato da un bel po':
http://perfecthealthdiet.com/2012/04/theory-of-the-stork-new-evidence/
:)
be', se i giornalisti italiani mettono sullo stesso piano astronomi e astrologi, leggendo i loro articoli il nervosismo viene, eccome! non è questione di ferie o meno: ricordate cosa dicevano gli antichi romani? "chi controlla i controllori?"
non doveva essere il quarto potere a tenere d'occhio i nostri governanti? se continuiamo con gli oroscopi, siamo davvero in pessime mani…
@Daniele

sito dell uai - sezione meteore:
http://meteore.uai.it/ago2012.htm

un bel video di science@Nasa:
http://www.youtube.com/watch?v=106ne66KAuw&feature=youtu.be

Ciao.
Chettelodicoaffare? I cosiddetti giornalisti sono in ferie tutto l'anno, figurati adesso...
Ultimamente troppi post "nervosetti" caro Paolo: un po' di vacanza e di tranquillità, cosa ne pensi?
@Angelo Rabellotti
Espando la tua risposta per gli altri che leggono.

@daniele
Leggo su "Nuovo Orione" che quest'anno il massimo delle Leonidi cade verso le *2 del pomeriggio*, da noi.
Quindi niente "pioggia" di stelle cadendi.
La rivista raccomanda di osservare sia la notte prima (11-12 agosto) che quella successiva (12-13 agosto).

A proposito di tv e media vari: ho sentito alla RAI una cosa strana per un giornalista generico... raccomanda di osservare nelle prime ore del mattino.
Ed e' vero!

Ciao,
Ermanno
artarea e altri,

veramente, hai bisogno di ferie...

Non capisco. Mica sto istigando a prendere torce e forconi. Ho solo fatto un commentino di tre righe, e invece di criticare chi abbina astronomia e oroscopi ve la prendete con me? Singolare.
Non capisco il discorso "ferie/vacanza" una cazzata è una cazzata, anche ad agosto. Semmai il periodo estivo è un'aggravante, già fa caldo, uno stupido articolo aggrava solo la situazione.
I commenti mi pare che fossero riferiti non solo a questo, ma a tutti gli ultimi post, e non ai contenuti in sé, ma al fatto che traspirano un certo livore e nervosismo. Un po' come quel film dove a un certo punto Nanni Moretti usciva di casa e voleva trovare qualcuno con cui bisticciare. Se poi non è così, non so, ma questo è ciò che noi lettori percepiamo. Fidati un po' di noi.
assolutamente della tua idea. chi mette insieme astronomia con astrofuffe di qualunque genere (vedasi ufo, nibiru, maya & co.) o astrologia è da prendere e mettere alla porta: impossibile ragionare con gente del genere. io stessa come astrofila provo una rabbia a leggere certi commenti su Fb da parte di ignoranti che non so come faccio a mantenere una vaga calma. ti capisco benissimo, l'idea delle ferie comunque non è mica male ;)
bisognerebbe far sapere ai giornalisti che di sciami nel corso dell'anno ce ne sono più di 20 e quello delle Perseidi è uno dei più carenti: i migliori sono quelli del periodo autunnale/invernale, Geminidi e Leonidi :) link ---> http://it.wikipedia.org/wiki/Lista_di_sciami_meteorici
giusto per farsi un'idea ;)
Premetto che considero l'astrologia completamente infondata.

Comunque, prima di criticare l'accostamento di astronomia e astrologia, vorrei ricordare quello che diceva Keplero: non è giusto disprezzare l'astrologia, figlia dell'astronomia, perchè è lei che mantiene la madre. Ricordatevi che sia Keplero, sia altri astronomi, per finanziarsi vendevano pronostici (pur sapendo che erano tutte sciocchezza... ma la gente chiedeva loro quello, e gli astronomi avevano bisogno di soldi).

Il fine giustifica i mezzi? Se ne può discutere quanto si vuole.... ma forse, senza l'astrologia, Keplero non avrebbe potuto compiere i suoi studi.
C'è una differenza fondamentale tra astrologia e astronomia. L'astronomia è una scienza, l'astrologia no.
Per la cronaca: gli articoli sulla maternità sono già ben infarciti di c@zz@te, non serve aggiungere cavoli e cicogne...
A proposito di maternità e di giornalismo-spazzatura, impazza la storia (pardon, notizia) della mamma "disinvolta" cui hanno abboccato (pardon, che è stata ripresa), fra gli altri, da repubblica.it - http://palermo.repubblica.it/cronaca/2012/08/10/news/palermo_nasce_bimba_in_tre_rivendicano_paternita_-40738638/- "Nasce una bambina e si presentano tre papà" e da corriere.it - http://www.corriere.it/cronache/12_agosto_11/palermo-tre-padri-per-un-figlio_c7acbb62-e3ba-11e1-880a-4d5f3517dc36.shtml - "Nasce una bambina ma in ospedale si presenta tre presunti padri" (l'errore di concordanza è nel titolo). Nessuna data, nessun luogo preciso, nessun nome (sia pure di fantasia) e un baco di sceneggiatura (pardon, inverosimiglianza) grosso così (i tre padri si sarebbero presentati mica in sala parto o nella camera della puerpera, ma alle dimissioni; e non è chiaro da chi chiamati).Uno spunto per un'indagine più ...s_canzona_ta?
...il cervello non va mai in ferie.
Tuttavia ci sono dei requisiti; possederne uno, essere disposti a usarlo.