skip to main | skip to sidebar
72 commenti

Il Corriere colto a violare il copyright: due pesi, due misure

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Internet è il covo dei pirati; i giornali sono santi, puri e casti, ligi alle leggi e alle regole. Mai e poi mai i Ggiornalisti si abbasserebbero a violare il diritto d'autore, come fanno invece quei pezzenti dei blogger. Nooo. I Ggiornali ospitano strali delle varie case discografiche e cinematografiche che piangono perché Internet ha rubato loro foto, film e musica. Lo chiamano proprio così: rubare (c'è persino lo spot apposito, fatto – sublime ipocrisia – con musica di un artista olandese, usata senza il suo permesso). Internet, sei brutta e cattiva: vai dietro la lavagna.

Poi capita di aprire un quotidiano e scoprire perle come questa, a pagina 18 del Corriere di oggi (grazie a Luigi per la segnalazione e lo screenshot):


La mappa è stata “rubata” (il termine è quello che usano i discocinematografici) al suo autore, Vincenzo Cosenza, che l'ha pubblicata qui nel proprio sito:

Stessa idea, stessa scelta di colori (non sempre legata al colore del social network, come nel caso di Cloob e Qzone). Il Corriere non indica la fonte dalla quale ha prelevato i dati e non indica come li ha elaborati: Vincenzo sì, e contesta la copiatura, segnalando che non è la prima volta.

Ho chiesto a Vincenzo se per caso il Corriere aveva il suo permesso di pubblicazione. Mi ha detto di no. In altre parole, il Corriere ha violato il diritto d'autore. Forza, SIAE e altri numi tutelari, così pronti a intervenire e rovinar famiglie quando la violazione la commette un privato cittadino: fate vedere che le leggi valgono per tutti, anche per la redazione del Corriere, e fate notare che il Ggiornalismo copia e ruba. Fate risarcire Vincenzo per la violazione dei suoi diritti (il diritto d'autore è un diritto automatico), esattamente come chiedete a chi scarica o imita una canzone di risarcire il suo autore. Le regole son regole, giusto?

Altrimenti tutti i vostri discorsi sul diritto d'autore sono aria fritta; le prediche, quando vengono da un pulpito che razzola male, fanno solo scappare i fedeli. La chiesa è già quasi vuota. Vedete voi.

Aggiornamento (15:40): su Twitter sono comparse le scuse di Daniele Manca del Corriere: “@vincos @elvira_serra Ciao! Scusa per l'uso del grafico! Vorrei far mettere una precisaZione come posso scrivere come credito? scusa ancora”.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (72)
Basta guardare la sezione Video di Repubblica.it: per quanto i video vengano presi evidentemente da YouTube, MAI una volta indichino la pagina del sito da cui l'hanno presa.
Non capisco se "Ggiornalisti", "Ggiornali" e "Ggiornalismo" sono volutamente scrittì così o se sono degli errori. Ma mi sembra molto strano che qualcuno possa commettere degli errori del genere in così poco spazio (a parte il portale di news Ticinonline ovviamente che qui http://ohmiotio.blogspot.ch/ viene sbeffeggiato a dovere :-) )

La legislazione sul diritto d'autore va riformata a livello mondiale.
Nel prossimo secolo parleranno dell'attuale situazione come del medioevo digitale: stiamo applicando le leggi create all'epoca di Gutenberg per regolamentare Internet.
Il problema è che i politici non sono proprio quelli che chiameremmo "nativi digitali". Quindi si deve aspettare ancora qualche generazione per
avere gente che quantomeno si ponga il problema.
Ineccepibile...
"I Ggiornali ospitano strali" :)
Se non ricordo male anche per la musica che fa da sfondo alla pubblicità anti-pirata, che danno nei cinema prima di un film e che mettono nei DVD, non erano stati pagati i diritti all'autore.
Non è una novità che in quel settore ci siano due pesi e due misure.
si tratta di una mappa politica del mondo con i colori distintivi dei singoli social network usati per colorare ogni singolo paese. Volendo andare a vedere tra le due mappe non viene neanche lo stesso punto di colore in molti casi.

I dati sulla penetrazione dei diversi social nei paesi sono di dominio pubblico...dove sta il plagio?

Bisognerebbe dire a Corriere che forse era il caso di disegnare il pianeta in modo diverso, tipo aggiungendo un nuovo continente! Oppure usando qualche proiezione diversa da quella di Mercatore.
Nulla di nuovo, han fatto la stessa cosa con una mia foto pubblicata su Flickr e croppando anche il logo. In questo caso però il quotidiano era Repubblica.
Peraltro, a meno che Vincenzo non sia iscritto alla SIAE, non sussiste nessun motivo per cui la SIAE debba occuparsi della faccenda. Sta quindi a Vincenzo eventualmente contattare il Corriere per farsi risarcire, o in alternativa sporgere denuncia.
È comunque una pratica piuttosto comune dei quotidiani: rubare foto, video, eccetera. Prendono spesso filmati da YouTube scaricandoli e inserendoli nei loro siti (vietato dall'EULA di YouTube). Ci sono tuttavia le leggi sul diritto di cronaca che, credo, in qualche misura legittimano questo comportamento; ci vorrebbe un esperto di diritto.
S*
Ovviamente con questo non giustifico assolutamente, anche perché come minimo avrebbero dovuto riportare la fonte.
Che i giornali spesso prendano testo e immagini da internet fregandosene è indubbio (mi capita spesso di trovare mie foto in giro senza uno straccio di attribuzione), ma questa volta ho lo stesso dubbio di davide. Dovendo fare una battaglia per il rispetto dei diritti d'autore da parte delle redazioni sceglierei un caso più sicuro.
si in effetti a me non sembra copiata, ci sono similitudini perché i dati sono quelli, la terra è quella, e i colori sono quelli.

però non mi pare che abbiano copia-incollato.
Attenzione, non sto dicendo che è un copiaincolla: sto dicendo che hanno copiato l'idea e l'esecuzione.

Il che rende ancora più paradossale il "furto", dato che avrebbero potuto semplicemente chiedere a Cosenza il permesso di usare i suoi dati.
Effettivamente, essendo un po' critici, le due mappe risultano leggermente diverse. Ovvi che i dati di penetrazione dei vari social network, essendo i medesimi, comportano la medesima colorazione degli stati. Probabilmente viene naturale anche usare gli stessi colori (è maggiormente identificabile se per Facebook si usa il blu).
E' comunque facile pensare che a Il Corriere abbiano preso spunto dalla mappa di Vincenzo Cosenza per la loro...
Fin dove si spinge il copyright??
il corriere ha usato la proiezione di Mercatore, mentre nell'"originale" ne viene usata un'altra, quanto meno non è un copia-incolla, no?
continuo a non essere sulla stessa linea.
- idea: un'infografica relativa alla penetrazione dei social network realizzata usando la mappa del mondo e i colori dei social? Non è un'idea, è una mappa; è "old" ancora prima di iniziare; è come se disegnare un cerchio a mano libera violasse il copy di Giotto.
- esecuzione: come sopra, si tratta di un planisfero con dei colori!!! E' possibile "eseguirlo" in modo diverso a parità di pianeta, Era, proiezione e scala cromatica.
Anche secondo me la somiglianza è quantomeno "sospetta".
Certo, il disegno del Corriere è diverso, è schiacciato orizzontalmente (la base del mappamondo non sembra la stessa ma dovrei sovrapporle e deformare quello sopra per verificare).

Difatti si parla di plagio: il plagio è quando utilizzi una cosa altrui per farne una nuova versione dicendo che è tua. Sono i discografici ad equipararlo al furto.
Davide,

in un mondo nel quale si va in lite legale perché qualcuno "ruba" la tua idea di fare un telefonino rettangolare con gli angoli stondati, direi che si può decisamente parlare di due pesi e due misure. Che è il tema del mio articoletto.
Non credo sia questione di copia ed incolla, ma del fatto che il corriere ha preso il lavoro altrui, e lo ha copiato, quantomeno non ha fatto nemmeno lo sforzo di differenziarsi.

I colori, fondamentalmente sono gli stessi, non c'è stato nemmeno il minimo sforzo di cambiarli.

Questo rende evidente, che se non nell'elaborazione grafica, al 100%, almeno nell'idea si sono basati sul lavoro di Vincenzo.
Per me tutto quello che viene messe in rete dovrebbe essere di dominio pubblico, altrimenti che serve condividere. poi se mai diamo il giusto all'autore, citandolo.
Francamente mi pare un po' tirata la "copiatura": sarebbe come se mi lamentassi colla Gazzetta se usasse le stesse tabelle che faccio io per le coppe europee colle squadre suddivise per federazione di appartenenza o per il ranking UEFA; d'altronde i dati sono i medesimi e liberamente reperibili.

Certo, fosse un lavoro di rappresentazione grafica su dati che ho raccolto solo io personalmente, il discorso cambia.

Grazie a tutti. Per dovere di cronaca devo dire che il vicedirettore Manca si sta mostrando sensibile al problema su Twitter https://twitter.com/Daniele_Manca/status/247998171777753091
@Paolo
credimi sono assolutamente lontano da ogni polemica ma, "il telefonino rettangolare con gli angoli stondati" era il primo e RADICALMENTE diverso da ogni altra cosa mai vista (dal punto di vista del design).
Il mondo, invece, è uno e uguale a se stesso da sempre!

Posso al massimo seguirti sul "plagio" dell'idea.
Corriere ha preso spunto dal blog per pensare di fare una mappa dei social. Ma anche questo punto ha almeno un paio di debolezze:
1. [rude]è un'idea del c..o![rude] Insomma non ha niente di innovativo, è vista e rivista, è banale. Ne han già fatte migliaia di mappe dei social, dei search engine, delle bibite zuccherate... di tutto.
Non stiamo parlando dell'infografica iper-innovativa ma di una mappa...potremmo ritrovarcela anche nel pacchetto grafici standard di Office un giorno!
2. "..e allora?" - Mi spiego meglio: quante news, quanti post, quanti video (pensate solo al filone dei loop di youtube), quanti meme, quanti pietosissimi link di FB, quante campagne pubblicitarie da milioni di dollari nascono da un'idea "rubata" a internet? E' così che funziona, per questo dico..e allora?

E' assolutamente normale lasciarsi contaminare da c'ho che si legge e, se davvero l'idea è stata presa dal blog di Vincenzo, ti chiedo: perchè il plagio vale per Corriere e non per Vincenzo che sicuramente ha a sua volta "copiato" l'idea a qualche altro blog/portale?
Un'altra *gloriosa* testata che si appropria di beni altrui è Repubblica Non so quante volte l'ho scritto (ormai,inascoltata)in particolare nel settore della fotografia che : "immette nel suo circuito con il divieto di copiare" - e il #copyright (non suo) Ma tu guarda!!!
Paolo a volte non ti capisco proprio. Ho un parente giornalista e l'ho pregato per il tuo bene di non leggere questo articolo altrimenti arriverebbe una denuncia verso di te.
Tanto per cominciare la carta è stata presa da un sito in inglese e poi chi l'ha scritta è un perfetto sconosciuto.
esiste poi l'etica professionale che impone un certo comportamento nel pubblicare queste carte. se nessuno rivendica il diritto d'autore questo passa a chi pubblica per primo quindi al corriere della sera.

Davide,

perchè il plagio vale per Corriere e non per Vincenzo che sicuramente ha a sua volta "copiato" l'idea a qualche altro blog/portale?

Ammesso che Vincenzo abbia copiato, direi che la risposta è che Vincenzo non la vincola con il marchio "(C)" e l'intimazione "riproduzione vietata".

Vincenzo prende un'idea comune (mappamondo con colori per rappresentare valori regionali) e la offre con licenza Creative Commons: in altre parole, "l'ho presa dalla cultura comune, la elaboro mettendoci del mio e la restituisco alla cultura comune".

Il Corriere prende l'idea di Vincenzo (non semplicemente "mappamondo con colori per rappresentare valori regionali", ma "mappamondo con gli stessi colori scelti da Vincenzo per rappresentare i numeri dei social network come Vincenzo) e la fa propria, vietando agli altri di riprodurla.
Rado,

i dati sono i medesimi e liberamente reperibili.

Certo, ma l'elaborazione dei medesimi no: è opera di Vincenzo, che ha lavorato per creare la mappa. La scelta dei colori no: è opera di Vincenzo.

Il Corriere ha fatto lo stesso lavoro? Non lo dice. Non indica le fonti, non indica chi eventualmente ha fornito il grafico già fatto. Teniamo presente che il Corriere è stato capace di pubblicare una "Luna blu" (doppio plenilunio in un mese) prendendo una foto della Luna e tingendola di blu. Il dubbio è perlomeno lecito.
Adal1274,

Ho un parente giornalista e l'ho pregato per il tuo bene di non leggere questo articolo altrimenti arriverebbe una denuncia verso di te.

Denuncia per cosa? Ho esposto dei fatti.


la carta è stata presa da un sito in inglese

Perdona la mia curiosità, ma tu come fai a saperlo? E se è esatto, come mai il Corriere non ha citato la fonte? Che sia Vincenzo o il sito inglese cambia poco o niente: è sempre una violazione del copyright, se non c'è il consenso alla ripubblicazione.


chi l'ha scritta è un perfetto sconosciuto.

La celebrità non ha nessuna importanza nel diritto d'autore. Cfr. The Lion Sleeps Tonight.
@Adal1274 @Paolo

Perfetto, allora in attesa di chiarire se anche Vincenzo ha plagiato da un sito inglese, sarebbe corretta qualche modifica a questo articolo. A cominciare dal titolo:
da: "Il Corriere colto a violare il copyright: due pesi, due misure"
a: "Vincenzo e Il Corriere colto a violare il copyright: due pesi, due misure"

Su twitter intanto sono comparse le scuse del vicedirettore Manca (https://twitter.com/Daniele_Manca/status/247998171777753091).

Tutto TREMENDAMENTE patetico, perfetta metafora di come l'informazione in Italia si stia goffamente accartocciando su quella sconosciuta scatola nera che il resto del mondo chiama Internet.
Davide dixit:
"lasciarsi contaminare da c'ho che si legge"
...
...
...
Accademia?!?
...
...
...
Occhio Paolo, che lo dico a miocuggino che poi ti viene a menare sottocasa che racconti certe cose contro i poteri forti!!!!eleven!

#sarcasm
[quote-"adal1274"-"/2012/09/il-corriere-colto-violare-il.html#c1183608281101433449"]Paolo a volte non ti capisco proprio. Ho un parente giornalista e l'ho pregato per il tuo bene di non leggere questo articolo altrimenti arriverebbe una denuncia verso di te.
Tanto per cominciare la carta è stata presa da un sito in inglese e poi chi l'ha scritta è un perfetto sconosciuto.
esiste poi l'etica professionale che impone un certo comportamento nel pubblicare queste carte. se nessuno rivendica il diritto d'autore questo passa a chi pubblica per primo quindi al corriere della sera.

[/quote]

Anche mio cuggino
Mi accodo a chi dice che l'idea in se non è particolarmente originale, cose del genere si fanno da diversi anni. http://www.cytrap.eu/files/ComMetrics/2008/image/2008-02-16-WorldMapSocialNetworksHowAlexaSeesIT-valleywag.jpg
I dati sono facilmente reperibili.
L'elaborazione grafica è identica nei colori ma diversa nelle proiezioni del planisfero e nella legenda.
Dov'è il plagio?
in un mondo nel quale si va in lite legale perché qualcuno "ruba" la tua idea di fare un telefonino rettangolare con gli angoli stondati, direi che si può decisamente parlare di due pesi e due misure.
Cosa c'entra? Non è un mondo, sono gli USA, in altri paesi la causa non esisterebbe e poi è stata la Apple a fare causa mica la RCS.
A quanto pare l'elaborazione dei dati pubblicamente reperibili l'ha fatta Vincenzo. E ha messo un bel loghino Creative Commons, con attribuzione / non commerciale che vale sia per la grafica sia per i dati. Quindi quelli del Corriere hanno violato la Creative Commons due volte: primo perchè non hanno scritto da dove son presi i dati, secondo perchè li hanno usati a scopo commerciale.

Il discorso che fa Paolo del "telefono rettangolare con angoli stondati" non è così diverso, una delle due aziende coinvolte sostiene di essere stata copiata, l'altra dice di no. Il risultato sono comunque due apparecchi molto simili se non praticamente uguali esteticamente... e faccio i complimenti a davide per essersi fatto riconoscere subito come fanboy (o addetto PR, che è uguale) di una certa marca.

Il problema, qualora non si fosse capito, non è la mappa "per se", ma è il contenuto della medesima. Vediamo come si evolve la cosa.
Il sito in inglese è quello di Vincenzo, se non ho capito male. Chissà, se fosse stato in Italiano forse quelli del Corriere si sarebbero posti il problema di essere sgamati.
S*
UAHAHAHAHAHAHAHAH
che figura di ... (si può dire merda?)
Ciao Paolo, volevo provare se mi riesce di accedere
@Il Lupo della Luna @Paolo
1. http://jem499.blogspot.it/2012/04/facebooks-global-dominance.html, le due mappe nel post (fonte oxyweb.co.uk) sono datate 2008 e 2011. Idea e esecuzione paionmi abbastanza simili, ergo: "Vincenzo e Il Corriere colti a violare il copyright: due pesi, due misure"
2. sgamato! Sono addetto pr di giorno, topo gigio di sera, Osama Bin Laden il we e mi travesto da Angela Lansbury.

@Epsilon
...non si direbbe ma ho un lavoro, poco tempo per scrivere e ancor meno per rileggere. Capita. Chiedo scusa.
C'HO che importa ad ogni modo è la sostanza :)


"se nessuno rivendica il diritto d'autore questo passa a chi pubblica per primo" Interpretazione interessante. Quindi io posso prendere una canzone dei Beatles, dire che l'ho fatta io e visto che i Beatles non mi dicono niente diventa mia?
L'elaborazione grafica è identica nei colori ma diversa nelle proiezioni del planisfero e nella legenda.
Dov'è il plagio?


Certo.
Allora io posso scrivere "Questa collina solitaria mi è sempre stata cara, e anche questa siepe che chiude lo sguardo" e pretendere di essere originale.
Davide,

Idea e esecuzione paionmi abbastanza simili

Ma nella coppia Corriere-VinCos i colori sono uguali; nell'esempio che citi i colori sono differenti.

Cosa più importante, sono arrivate le scuse con ammissione: "scusa per l'uso del grafico". Non credo serva altro.
Cosa più importante, sono arrivate le scuse con ammissione: "scusa per l'uso del grafico". Non credo serva altro.

Attivissimo colpisce ancora... :D
quindi è un tema squisitamente cromatico?
Tolta l'ovvio facebook azzurro e l'altrettanto ovvia cina rossa siamo a discutere di plagio per la scelta dei restanti 3 colori?
Secondo me è ridicolo.

Cosa più importante, sono arrivate le scuse con ammissione: "scusa per l'uso del grafico". Non credo serva altro.
Come ho già detto sono scuse patetiche, fatto solo per paura di come questo caso avrebbe potuto montare...in sostanza ve stanno a cojonà, paladini della giustizia! ;)

ps. potresti per cortesia pubblicare il mio commento che citi nel tuo ultimo post?
ne ho vista una simile su un "focus" di quest'anno..
davide,

il tuo commento è stato appunto pubblicato.

La tua interpretazione delle scuse del Corriere mi sembra poco plausibile. Dubito che un giornale come il Corriere abbia paura dell'effetto di un articolo di blog.

Se così fosse, dopo che l'ho colto a pubblicare la foto falsa della Luna "blu" la redazione si sarebbe dovuta coprire di pece e piume per espiare il peccato deontologico...
Rado,

i dati sono i medesimi e liberamente reperibili.

Certo, ma l'elaborazione dei medesimi no: è opera di Vincenzo, che ha lavorato per creare la mappa. La scelta dei colori no: è opera di Vincenzo.


Ehm, forse ho fornito un esempio che per chi non è appassionato di calcio non è di così facile comprensione.
Vediamo un po' se così sono più chiaro: io non parlerei di "copiatura" se, per es., nella Gazzetta trovassi una mappa dell'Europa coi paesi colorati in rosso o in blu a seconda se dopo Euro2012 hanno peggiorato o migliorato la loro posizione nel ranking UEFA, mooolto simile a quelle che faccio (o posso fare) anch'io. Dopo tutto i dati del ranking sono pubblici, rappresentare graficamente le federazioni via mappa geografica non mi pare una grande novità, così come abbinare il rosso ai numeri negativi e il blu/nero ai numeri positivi.

Parlerei di copiatura se invece beccassi la Gazzetta che pubblica una misera tabella word coi club europei classificati per prestazione individuale (di tutti i tempi, degli ultimi 5 anni, di quell'arco temporare che volete), giacché quei dati sono una mia (scrupolosa e personale) elaborazione di dati pubblici.


Mia moglie mi dice sempre che sono un capoccione e che voglio sempre avere ragione, oggi mi sento più tranquillo, c'è gente che mi supera di gran lunga....(Paolo anche io ho un cugino, stai attento..jajajajajajaja)
Sapevo che questa mappa non mi era nuova... l'avevo già vista anche io su Focus (come commenta anche Unknown)precisamente non ricordo il mese o l'anno ma ricordavo di averla vista da qualche parte. Mi aveva colpito in modo particolare (anche l'articolo sulla pipi in piscina della stessa pagina) Indovinate di chi è?? http://vincos.it/2012/03/30/su-focus-la-mappa-mondiale-dei-social-network/
L'autore dell'opera (dell'ingegno) ha subito un chiaro danno a causa della condotta della testata giornalistica, esprimibile quanto meno in termini di mancato guadagno.
Tale danno merita risarcimento e se tale tutela non è offerta da autorità come la SIAE, la stesa può essere domandata al giudice ordinario che è competente a conoscere dei danni anche in materia di diritto d'autore.
@Adal1274,
esiste poi l'etica professionale che impone un certo comportamento nel pubblicare queste carte

Premessa interessante. Persino condivibile.

se nessuno rivendica il diritto d'autore questo passa a chi pubblica per primo quindi al corriere della sera.

Prego?? Esiste un'etica professionale, per cui ... chi prima arriva, prima ruba? Data la premessa, una conclusione sorprendente. Complimenti.


Trovo sinceramente patetiche le scuse del Corriere...Del tipo:"porc...mi hanno pizzicato sto giro, vabbè mo mi scuso"; ma che cosa vuol dire? Se nessuno diceva nulla la cosa passava sotto silenzio. Che bella fonte di informazioni.Mah...
Ecco come il Giornale di Brescia e Bresciaoggi.it riusano una mia foto del cartello del wifi libero nella piazza del mio paese, modificandole e spacciandola per una piazza di Brescia.

http://blog.ebruni.it/blog/2012/02/foto-plagio-wireless.html
Ma certo! Ma perché non ci hanno pensato prima gli avvocati di mamma Jammie? Bastava chiedere scusa e domandare cosa scrivere per dare il credito agli autori! Pensare, tante spese processuali per nulla.
Batsa: se il principio "massacrarne uno per educarne cento" vale per la massaia con il figlio scaricone (e neanche tanto), deve valere per TUTTI.
Sotto con i risarcimenti iperbolici! Magari il Corriere dovra' tagliare un tantino l'edizione online, che forse tornera' a somigliare piu' a un giornale e meno a un rotocalco di gossip.
Concordo in pieno col fatto che si usano spesso due pesi, due misure. Onore a Daniele Manca per le scuse.

Chiedo scusa per andare fuori tema: volevo solo pignoleggiare su una questione che ho scoperto l'altro giorno. Per "luna blu" (cfr. Commento #27) sembra si debba intendere la terza di quattro lune piene che capitano in una stagione (solstizio-equinozio o equinozio-solstizio) e non la seconda luna piena in un mese:

http://space.about.com/od/astronomynews/a/bluemoon.htm

anche wikipedia riporta la stessa versione. Ammetto che le fonti non sono granche' quindi ben vengano le smentite.
già il fatto che la colonna sonora dello spot sul diritto d'autore violi lo stesso diritto d'autore la dice lunga...
E chissà che tremendo danno economico ha procurato il Corriere della Sera al povero Vincenzo "violando il copyright" della sua mappa (non coperta da copyright)
La tua interpretazione delle scuse del Corriere mi sembra poco plausibile. Dubito che un giornale come il Corriere abbia paura dell'effetto di un articolo di blog.

Oddio, ho visto interrogazioni parlamentari basate proprio su articoli di un blog e se n'è parlato anche qui. E poi quante bufale hai documentato propagate e inventate proprio da blog e forum internettiani?

Be', se Vincenzo versasse annualmente una somma alla SIAE per tutelare le sue opere, depositate regolramente, allora *forse* la società sarebbe intervenuta.
Resta da vedere dove Vincenzo Cosenza ha "rubato" quella mappa. In Internet si trovano letteralmente migliaia di copie di quel grafico:

http://www.tineye.com/search/189cb51df27d342f3c69c9cdb0390b4d3bc67217/?page=1&sort=score&order=desc
Come Repubblica, che prende i video da YouTube, ci appiccica il logo RepubblicaTV e li spaccia per suoi...
Preciso: lo schifo massimo e' metterci su il logo RepTV come se fossero loro gli autori.
temo che tanti facciano confusione..il problema non è nè il danno economico subito da vincenzo nè che il corriere abbia usato quel grafico...é che il corriere l'ha presa, non ha chiesto permesso, ma anzi l'ha "chiusa" a tutti tramite proprio copyright..le scuse seguenti sono la chiusura a tutta la vicenda..se non ci indigniamo per queste cose lo prenderemo smepre nel fracco
Scuse anche sul Corriere cartaceo di oggi, nella pagina delle lettere (dev'essere la 53).
Mauro, secondo me invece il problema più importante è il danno morale (non economico) che deriva dal disconoscimento del diritto d'autore.
Preciso che sto parlando del diritto inalienabile (al contrario dei proventi economici che da esso possono eventualmente derivare) a essere riconosciuto come autore di una creazione artistica.
Non sono un esperto di violazione del copyright...
Penso che un qualsiasi lavoratore, però, debba comunicare se il risultato di un lavoro sia stato possibile grazie all' aiuto/collaborazione di un' altra persona..
ed eventualmente ringraziare...si chiama correttezza...

Questo ha preso il lavoro di un' altro (che sia Vincenzo e Grnnaro) c' ha aggiunto due/tre cose e l' ha fatto suo...
si chiama paraculaggine...ho il mio capo che campa di rendità in questo modo..
scusate lo sfogo!!!....
@luke

Non è chiaro se i siti ritornati da tineye abbiano fatto più o meno ciò che ha fatto il Corriere o se Vincenzo Cosenza abbia copiato l'immagine a sua volta.

A titolo di esempio, uno dei link che compaiono nella prima pagina fa riferimento proprio al post di Cosenza:

http://www.nevillehobson.com/2010/12/13/facebook-dominates-globally/
OT OT OT

Ma per una ottima ragione.

HANNO SCOPERTO GLI ALIENI SU MARTE!!!

E costruivano PIRAMIDI, ecco la spiegazione di quelle terrestri.

http://www.repubblica.it/scienze/2012/09/20/foto/il_sasso_fotografato_da_curiosity-42906908/1/?ref=HRESS-23

...

...

...

...

Ok ok, la smetto. :D
Ai ai "Corrierino", sei stato pizzicato tu che dovresti dare il buon esempio come giornale più letto d'Italia (credo, non ho un grafico da rubare per verificarlo).
Ma aimè gli esempi si sprecano. Ecco che tipo di notizia rimbalza da un paio di giorni su Internet: "Astronomia: scoperta la galassia più lontana di sempre" e nell'articolo si legge questa chicca: [...] una galassia che dovrebbe addirittura risalire al periodo successivo al Big Bang [...]. CASPITA! Vuol dire che la regola sarebbe quella di vedere galassie ante Big Bang? Forse dopo un bel bicchiere di vino.... Interessante teoria, piuttosto e anzicheno.
Siti che (tra l'altro) citano questa "notizia" sono 3bmeteo.com e informazione.it.
Parlando di "rubare" e diritti d'autore, Paolo cosa ne pensi della notizia che le FFS vogliono intentare causa alla Apple per l'utilizzo del design dei loro orologi?

Da amante di questioni di copyrigt, utente Apple e abitante in Svizzera, ti reputo in obbligo morale di dire la tua :P
on a related note (e sempre che non sia una bufala) su repubblica dicono che apple ha copiato l'orologio delle ferrovie svizzere. fosse vero, sarebbe una giusta nemesi
forse a qualcosa è servito..guardando un video sul corriere prima accanto al titolo c'era - youtube.....
Le scuse si possono ottenere se si è procurato un danno involontariamente. Se io vado a casa di un tizio e gli svuoto l'appartamento, ho poco da chiedere scusa.