skip to main | skip to sidebar
13 commenti

“Moonscape”, un altro capitolo pronto in italiano

Ho completato la traduzione in italiano di un altro capitolo del mio documentario Moonscape, dedicato al primo sbarco sulla Luna: la discesa di Buzz Aldrin e i suoi primi passi insieme a Neil Armstrong. Tutto il materiale mostrato è originale e restaurato usando le fonti migliori disponibili.

Il capitolo nuovo è visionabile direttamente qui; se vi interessa tutto il documentario, lo trovate qui in inglese e qui (in parte) in italiano. Ringrazio Elena Albertini per l'inserimento dei sottotitoli. Buona visione.

Ho anche aggiornato il mio libro sulle tesi di complotto lunare per tenere conto, con malinconia, della scomparsa di Neil Armstrong. I file EPUB e PDF scaricabili gratuitamente sono qui. L'edizione cartacea è acquistabile tramite Lulu.com.

Meno malinconicamente, oggi è il decimo anniversario di un evento importante nella storia delle missioni lunari: il cazzotto dato da Buzz Aldrin al lunacomplottista Bart Sibrel, che lo molestava e lo accusava di essere un “codardo, un bugiardo e un ladro”. Era il 9 settembre 2002.

Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (13)
Wonderful... anzi, meraviglioso ;-)
Il lunedì dopo la morte di Armstrong, il 27 agosto, ho letto un'articolo su "La Stampa" che parlava della missione Apollo 11. Qualcosa non mi quadrava, ma non capivo cosa. Visto che sono un po' tardo, ci sono arrivato solo ora.

L'articolo dice: "in Italia andava in scena uno sketch tra Ruggero Orlando, che era a Houston, e Tito Stagno, che conduceva la diretta tv dagli studi di Roma. Stagno aveva captato la parola contatto. «Hanno toccato!» esclama. «Non ancora» sillaba Orlando. Imbarazzo generale, poi, disturbate da scariche, si sentono le parole «Engine stop», motore spento, come ha ricostruito Silvia Rosa-Brusin in un suo servizio a quarant'anni dall'evento. Questo è l'atterraggio vero, le luci di contatto, accese da sensori di prossimità simili a quelli che ci aiutano a parcheggiare, non significavano ancora la conquista della Luna".

Sono andato a rileggermi "Luna? Sì ci siamo andati", che la racconta in modo completamente diverso, inoltre il libro riporta il link di approfondimento: tinyurl.com/stagno-orlando

Quindi qui qualcuno ha preso non un granchio, ma granchi multipli. Dalla diversa causa dell'errore di Stagno (la trascrizione di Paolo riporta che Stagno disse "Ha toccato" ben prima del fatidico "Contact light") al fatto che i "sensori" di "Contact light" toccavano il suolo, quindi non c'entrano un tubo con i moderni sistemi di parcheggio delle automobili...
Semplicemente fantastico.

Avrei una domanda per chi sa la risposta:
se durante la camminata uno fosse caduto a terra, magari inciampando su un sasso non visto e fatta salva l'integrità della tuta,sarebbe riuscito a rialzarsi da solo considerando che la tuta limitava non poco i movimenti?
Paolo, segnalo a te ed a tutti gli appassionati del settore :) questa chicca.
E' una parodia simpatica, si chiama "We are The NASA and we know it!". :)
www.youtube.com/watch?v=QFvNhsWMU0c
Paolo ma per la serata che farai a Volterra al convegno del CICAP,moonscape sarà nella scaletta ?
Buzz Aldrin e' uno dei pochissimi che capito qual e' l'unico modo di trattare questa gentaglia.
Didodebunk,

ho respinto il tuo commento per non regalare pubblicità a chi s'inventa provocazioni per attirare l'attenzione.

La sua ultima sparata è un bel sintomo di quanto sia arrivato alla disperazione. A parte questo, non merita alcun commento.
Mauro,

sarebbe riuscito a rialzarsi da solo considerando che la tuta limitava non poco i movimenti?

Sì. E' successo numerose volte e ci sono anche video delle cadute e del gesto usato per risollevarsi. Un sesto di gravità rende parecchio leggeri, anche con su 80 kg di tuta e zaino.


Poggello,

moonscape sarà nella scaletta ?

Sì. Ci saranno dei brani scelti.
Quel cazzotto è pura poesia.
Ahhhh, che goduria!

Ci vorrebbe un video di dieci ore dei tre secondi del cazzotto in loop, dal "liar" del cretino al *WHAM!* della pappina di Buzz sul mento del cretino summenzionato

:)
Avrò visto la scena del cazzotto almeno una trentina di volte finora. Ogni volta scoppio a ridere.

Non posso fare a meno di pensare cosa sarebbe successo se Aldrin avesse avuto, che so, 40 anni?
Aldrin sarà pure il secondo uomo a essere sceso da sulla luna, ma è senza dubbio quello con il destro migliore...
Ora, io dico... Non credi che questo "tizio" sia stato sulla Luna? libero di farlo... Ma devi ricordarti che comunque sia anche alla sua età, è stato comunque sia qualcosa di più che un soldato, con addestramenti alle spalle che tu, pseudo giornalista pantofolaio, nemmeno immagini, quindi non andare a stuzzicarlo perché, ripeto, anche alla sua età è in grado di stenderti.

Comunque ora, per tutti i complottisti, abbiamo la prova, che la disinformazione fa male!!!!

Massimiliano