skip to main | skip to sidebar
28 commenti

Big Bang Theory, il flashmob esteso

Il video del flashmob organizzato dal cast di Big Bang Theory ha già ottenuto cinque milioni di visualizzazioni su Youtube in pochi giorni:


Ma c'è anche una versione parecchio più lunga e completa in cui si vede meglio il ruolo dei vari attori: buon divertimento!

Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (28)
Posso dire che questa moda dei flash mob mi sembra una boiata pazzesca? Il fatto che 30.000 fancazzisti si radunino in piazza a Roma per ballare Gangnam Style è inquietante: è la prova che si può spingere le persone a fare qualsiasi cosa, anche la più stupida. "Visto che lo fanno gli altri, lo faccio anch'io", spegnendo il cervello: la storia ci ha insegnato di quanto pericoloso possa essere questo meccanismo.....
Grandissimi!!!! :)))))
Sheldon, immobile tutto il tempo e poi... Bazinga !

Mitico !

Grazie Paolo !
....... Baziga!
Kaley Cuoco e sempre la migliore :P
Il bazinga finale non ha eguali!!! :D
Dopo tutto ciò, quello che ho da dire è:
Mah...
@ Luca, ci sono alcuni flash mob davvero carini e divertenti, sopratutto quando ben organizzati, altri sono delle cretinate pazzesche.

quello di Big Bang theory e questo http://www.youtube.com/watch?v=6wjf_lWxqyI invece meritano
Io penso che una forma molto interessante di flashmob sia questa.
Al di là del contesto politico (che qui non rileva), l'idea di un coro polifonico con orchestra orgnizzato interamente in Internet, composto da persone reciprocamente sconosciute, è un esperimento che credo sia stato sottovalutato dagli osservatori dei fenomeni del web.
la storia ci ha insegnato di quanto pericoloso possa essere questo meccanismo

Davvero. E pensa che ogni domenica si radunano anche più di 30.000 persone per gridare cori tutti insieme. Si chiamano "tifosi di calcio" :-)

Se riesci a dimostrare che le grandi adunanze calcistiche, con il loro culto della personalità e l'inculcamento di lealtà incondizionata e acritica, sono l'anticamera del fascismo e pertanto vanno abolite, avrai tutta la mia gratitudine.
Davvero. E pensa che ogni domenica si radunano anche più di 30.000 persone per gridare cori tutti insieme. Si chiamano "tifosi di calcio" :-)

In effetti io ho sempre pensato che il gioco del calcio andrebbe abolito. E' una delle esperienze più irrazionali e animalesche in cui la specie umana possa incorrere (e, tra parentesi, trovo assurdo che ci siano atei che combattano il fenomeno religioso e che poi la domenica si trovino allo stadio a tifare ventidue bambinoni miliardari dopati... più irrazionali di così... chiusa parentesi).
[quote-"Luca"-"/2012/11/big-bang-theory-il-flashmob-esteso.html#c4207170866822213038"]
Posso dire che questa moda dei flash mob mi sembra una boiata pazzesca? Il fatto che 30.000 fancazzisti si radunino in piazza a Roma per ballare Gangnam Style è inquietante: è la prova che si può spingere le persone a fare qualsiasi cosa, anche la più stupida.
[/quote]

Posso dire "CHE PALLE"? Perchè c'è sempre qualcuno che, dal suo divano o dalla sua cameretta, deve sempre criticare questo tipo di iniziative, vomitando rancore e sputando sentenze?
Sicuramente quelli che realizzano i flashmob non cambieranno nè salveranno il mondo. E allora? Non mi pare che questi siano i loro obiettivi. Loro vogliono semplicemente divertirsi e far divertire i presenti, con un momento di aggregazione pacifico e spettacolare. Se a qualcuno non piacciono certi eventi, non è obbligato nè a presenziare nè a visualizzarne i video.

Quando a Roma c'è stato il flashmob Gangam Style, tutti i "salvatori della patria" hanno criticato l'iniziativa, utilizzando la solita argomentazione "Gli italiani scendono in piazza solo per le cretinate, ma non per fare la rivoluzione". Ma allora come mai questi criticoni sono sempre davanti al pc a postare link (e lo erano anche il giorno della manifestazione)? Perchè non pensano loro a salvare l'Italia, ma aspettano che sia qualcun altro a farlo?
Infatti, due giorni dopo, a Roma c'è stata una manifestazione di protesta (segno che un evento non esclude l'altro) ma i criticoni erano sempre a casa a postare link.

[quote-"Luca"-"/2012/11/big-bang-theory-il-flashmob-esteso.html#c4207170866822213038"]
la storia ci ha insegnato di quanto pericoloso possa essere questo meccanismo.....
[/quote]

La storia ci ha insegnato che non si è mai sentita la notizia di un flashmob finito male. Mai una rissa, mai uno spintone, mai atti di vandalismo. Quindi semmai i flash mob possono essere considerati una delle forme di aggregazione più sicure e pacifiche che esistano; la statistica dice che è meno pericoloso partecipare o assistere ad un flashmob che non un evento sportivo o un concerto.

Anzi [romantic mode ON] i flashmob dimostrano che gli esseri umani, quando vogliono, sono in grado di unirsi sotto un obiettivo comune e possono realizzare qualcosa di bello, regalando qualche minuto di gioia ai presenti (che però spesso diventa un ricordo indelebile).

Vi ricordate il celebre flashmob organizzato dai Black Eyed Peas durante lo show di Oprah? Guardate lo sguardo della presentatrice: inizialmente perplessa e preoccupata, dopo un po' diventa un'esplosione di gioia quando si accorge di quello a cui sta assistendo.

E pensate cosa vuol dire essersi trovati davanti a questi coristi che hanno intonato l'"Hallelujah" in un centro commerciale? Ho la pelle d'oca ogni volta che lo vedo.
Caro Paolo, ritengo che l'ultra' sia una sottospecie del genere umano: possibile che ci siano persone che fanno della loro squadra, cioè sostanzialmente degli assoluti estranei che di loro se ne fregano, un ragione per cui vivere o addirittura rischiare di morire? Nei casi meno estremi, tuttavia, ritengo che il calcio abbia una funzione sociale, incanalando e tenendo a freno il desiderio di aggressività delle popolazioni. Cos'é una partita se non una guerra ritualizzata, con i campioni delle due tribù che si sfidano, e tutti gli altri che li guardano, lanciando insulti e minacce agli avversari? Sinceramente, credo che uno stadio pieno di tifosi rappresenti il male minore, perché l'unica alternativa che mi viene in mente sono le guerre tra gangs, sul genere de "I guerrieri della notte". D'altro canto, l'uso politico e propagandistico dello sport non è una novità, ed é stata un'arma usata da molti regimi. Nel campo calcistico penso alle vittorie dell'Italia fascista del 1934 e 1938, o all'Argentina del 1978; in generale possiamo pensare alle Olimpiadi organizzate dalla Germania nazista nel 1936, o ai laboratori di doping dell'Est Europa negli anni '60, ecc..... Evidentemente non solo la religione è l'oppio dei popoli: di occasioni per far spegnere il cervello alla gente ce ne sono tante, ed oggi la TV svolge un ruolo primario.
E comunque, una partita di calciotto con gli amici con successive birre e pizze, resta uno dei piaceri per cui vale la pena vivere: quindi il pallone lasciamelo!
Oddio, ma qual è il problema? E' il cast di una serie COMICA, che ha fatto uno show per il pubblico in sala. Hanno fatto il loro lavoro, e l'hanno fatto bene! La gente si è divertita tantissimo. Perché bisogna essere acidi per forza?
Leggendo certi commenti mi sembra che chi critica lo sport abbia molti più problemi di chi va allo stadio, in realtà.

Take it easy and get a life.
Kuz,

mi sembra che chi critica lo sport abbia molti più problemi di chi va allo stadio

*cough* hooligans *cough* Heysel *cough*

Da Repubblica di oggi: Derby, accoltellato un tifoso romanista
tensione allo stadio Olimpico blindato - Due supporter giallorossi aggrediti. Uno ferito con un coltello al gluteo, l'altro colpito con un pugno. Cariche di alleggerimento della polizia fuori allo stadio tra i lanci di bombe carta e bottiglie dei tifosi.


I rest my case.
Leggendo certi commenti mi sembra che chi critica lo sport abbia molti più problemi di chi va allo stadio, in realtà

io non capisco ancora come si possano fondere due concetti così diversi come "lo sport" e "l'andare allo stadio".
Per me "lo sport" è (basta un dizionario) " L'insieme delle attività, individuali o collettive, che impegnano e sviluppano determinate capacità psicomotorie".
Vi sembra che l'andare allo stadio consista in "attività, individuali o collettive, che impegnano e sviluppano determinate capacità psicomotorie"??? (a meno che uno non mi risponda che va allo stadio esclusivamente per tenersi in forma...)

Io NON critico lo sport (ammesso che lo si pratichi onestamente), critico chi sta seduto a guardarlo, mi pare che siano due cose ben diverse.
Capisco che si possa giocare a calcio, per quanto io preferisca praticare altri sport, ma per quanto mi riguarda tutto si dovrebbe risolvere in partite giocate a porte chiuse... l'unico scopo razionale dello sport, e quindi anche del calcio, è curare la propria salute fisica, e per questo non occorre alcun pubblico. Non capisco quindi perché in una società evoluta debba ancora esistere l'idea di "vedere" il calcio.
E tutto questo tralasciando il piccolo particolare della violenza, a cui giustamente accennava Paolo Attivissimo.
Il tifo calcistico è solo una delle tante manifestazioni di un determinato comportamento umano: quello per cui ci si affida ad una "guida" e si venerano le sue azioni/parole indipendentemente da quello che sarebbe il nostro giudizio se tali azioni/parole fossero opera di altri. E si difende la guida che si è scelto, a costo di diventare aggressivi e violenti, nonostante questa violenza si possa manifestare in forma diversa.

I meccanismi dietro il tifo calcistico sono gli stessi che si celano dietro il "tifo" politico e il "tifo" religioso. E infatti, quando provate a discutere con qualcuno di politica o di religione, quando le sue argomentazioni iniziano a vacillare, spesso si scaldano gli animi e il linguaggio si colora.
Questo perchè l'essere umano ha bisogno di certezze e, quando queste crollano, si sente vulnerabile e indifeso. Quindi, se una persona vede che la sua guida ha un comportamento contraddittorio, incoerente o disonesto, preferirà cercare una giustificazione con cui auto-convincersi che la sua scelta è e rimane la migliore che poteva fare.
Ma in caso di confronto con un interlocutore, l'auto-convinzione non è più sufficiente, perchè c'è un'altra persona che minaccia le nostre certezze; e quando non si riesce ad argomentare, ecco che si sfodera l'aggressività.

Molta gente crede di esserne immune perchè non tifano calcio, non seguono un partito politico e non seguono una fede. Ma magari sono complottisti; sappiamo benissimo che il complottista non tenta di arrivare a una conclusione, ma parte dalla "sua" conclusione e tenta invano di argomentarla.

Oppure sono animalisti, che partono dall'assunto "gli animali sono tutti bravi e non vanno toccati" e che si trovano presto a dover affrontare numerose contraddizioni etiche (come mai gli animalisti non protestano contro quelli che disinfestano i palazzi? se sono contrari alla sperimentazione animale, perchè comprano i vaccini per i loro cani e per i loro gatti?) che scientifiche (le varie panzane sull'uomo non-onnivoro e l'antispecismo), davanti alle quali rispondono solo con insulti e minacce. E non si fanno problemi a postare notizie false o infamanti, se queste possono appoggiare la loro causa.

E che dire dei fanboy di Apple? Non aggiungo altro per evitare flame XD

Ancora c'è gente che dice "per fortuna io non faccio parte di nessuna di queste categorie"? Perfetto. Quanti di questi, ogni giorno, menano il torrone perchè "con tutte le cose a cui pensare, questi vanno a ballare Gangam Style?", partendo dall'assunto che non si può fare niente che non sia salvare il mondo? Quanti sono convinti che su FB si debba pubblicare tutta la loro vita, al punto che, quando fai notare che non è opportuno postare la foto dei loro bambini seduti al cesso, se la prendono con te? Avete mai discusso di musica con un metallaro, ad esempio facendogli notare che il metal nasce come musica mainstream e che negli anni 80 era paragonabile al pop di oggi?

Dai, in qualche modo, molti di noi potrebbero essere "tifosi" di qualcosa, al punto di renderci protagonisti di comportamenti vagamente simili. Ok, i tifosi di calcio sono violenti in senso "fisico"; i fondamentalisti di alcune religiosi o di alcuni partiti anche. Le altre categorie invece utilizzano una violenza psicologica o, semplicemente, "verbale". Forse è preferibile ricevere un insulto rispetto a una sassata, ma sul piano puramente concettuale, sempre violenza è.
Dai Paolo, va bene tutto, ma quando vedo gente che commenta il video di un flash mob tirando in ballo "le vittorie dell'Italia fascista del 1934 e 1938, l'Argentina nel 1978; le Olimpiadi organizzate dalla Germania nazista nel 1936, i laboratori di doping dell'Est Europa negli anni '60", o addirittura parla di abolire il calcio o sostiene che il tifo non sia degno di una società civile (!) mi viene solo da ridere.

"L'unico scopo razionale dello sport, e quindi anche del calcio, è curare la propria salute fisica, e per questo non occorre alcun pubblico". Ma per favore.

Tu questo articolo l'avrai scritto perché una risata te la sei fatta senza troppe paranoie sulla gente che si diverte a organizzare flash mob invece di scendere in piazza a protestare, alcuni invece non ci riescono, e io credo che non riuscire neanche a farsi una risata quando ci vuole sia la cosa più triste del mondo.
Kuz,

quando vedo gente che commenta il video di un flash mob tirando in ballo "le vittorie dell'Italia fascista del 1934 e 1938, l'Argentina nel 1978; le Olimpiadi organizzate dalla Germania nazista nel 1936, i laboratori di doping dell'Est Europa negli anni '60", o addirittura parla di abolire il calcio o sostiene che il tifo non sia degno di una società civile (!) mi viene solo da ridere.

E fai bene. Infatti era umorismo.


Tu questo articolo l'avrai scritto perché una risata te la sei fatta senza troppe paranoie sulla gente che si diverte a organizzare flash mob invece di scendere in piazza a protestare

No, l'ho scritto perché mi piace Big Bang Theory e ho trovato pieno di gioia questo video, per cui volevo condividere un momento di spensierato divertimento. Tutto qui.
@Replicante

questi vanno a ballare Gangam Style?

GANGNAM Style!
Oh, non me lo toccare, eh? :-)


il metal nasce come musica mainstream e che negli anni 80 era paragonabile al pop di oggi

Spiega, è interessante.
[quote-"martinobri"-"/2012/11/big-bang-theory-il-flashmob-esteso.html#c4966499941032104272"]
@Replicante

questi vanno a ballare Gangam Style?

GANGNAM Style!
Oh, non me lo toccare, eh? :-)[/quote]

E invece lo toccherei volentieri con un bastone :)
Della serie: quel tizio mi stava simpatico...la prima settimana. Ora giustificherei una guerra contro la Corea. Anzi, contro entrambe, giusto per essere sicuri di beccarlo.


[quote-"martinobri"-"/2012/11/big-bang-theory-il-flashmob-esteso.html#c4966499941032104272"]
@Replicante
il metal nasce come musica mainstream e che negli anni 80 era paragonabile al pop di oggi

Spiega, è interessante.
[/quote]

Beh niente di che...
Il metallaro si lamenta perchè oggi il metal è un genere bistrattato, che viene snobbato dai masss-media e dal grande pubblico massa, fatta eccezione per alcuni nomi storici del passato o per alcune band borderline (tipo Korn o Linkn Park). E rimpiange gli anni 80, in cui questo genere ha vissuto la sua golden age, in termini di vendite, popolarità e visibilità mediatica.

Peccato che, se in quegli anni il genere funzionava, è propio perchè c'era una "massa" che lo sosteneva, c'erano case discografiche disposte a far uscire un disco all'anno per le principali band che successivamente li promuovevano con videoclip che puntavano sulla "fisicità" del gruppo rock, mostrandoli sul palco con gli strumenti addosso.
Pertanto, quando un genere vive la sua golden age, bisogna sempre ricordare che questo genere è stato supportato, "limato" e spinto dalle case discografiche in modo da farlo piacere alla massa. Insomma, era inserito dentro un sistema prettamente commerciale, che però oggi ha deciso di spingere altri generi musicali. Lo stesso sistema che oggi si disprezza, ma senza il quale non sarebbero esistiti Maiden, Metallica, Motorhead ecc...
Solo che se fai questo discorso al metallaro medio, non vuole accettarlo: preferisce credere al mito di una società musicalmente più acculturata e che ora non c'è più (tranne loro ovviamente, depositari del vero sapere...). Vagli a far capire che era solo questione di soldi.

[NB: questo discorso può essere esteso a tanti altri generi musicali. E non è una critica al genere stesso]
@Replicante Cattivo

Mi pare che pochi mesi fa a Roma ci fu proprio un episodio di teppismo-lampo organizzato via web `finito male`, anche se i partecipanti lo considerarono un successo visto che lo scopo era la rissa.

Nel tuo pistolotto, tra i tifosi, ci metterei anche quelli che inorridiscono alle coreografie di massa Nord-Coreane ma trovano divertenti quelle estemporanee occidentali :-)
[quote-"zio Feng"-"/2012/11/big-bang-theory-il-flashmob-esteso.html#c2375403524192441824"]
@Replicante Cattivo

Mi pare che pochi mesi fa a Roma ci fu proprio un episodio di teppismo-lampo organizzato via web `finito male`, anche se i partecipanti lo considerarono un successo visto che lo scopo era la rissa.[/quote]

Come dici tu, se il fine ultimo di quel ritrovo era una rissa, allora si può comunque dire che il flashmob in questione ha funzionato. Scherzi a parte: è chiaro che non bisogna usare il termine "flashmob" per qualsiasi aggregazione estemporanea di persone. Altrimenti si potrebbero chiamare flashmob anche le incursioni vandaliche dei/nei centri sociali.

Il flashmob ha sempre una natura pacifica. Ma, cosa più importante, al termine dell'evento, non deve rimanere alcuna traccia visibile, se non nella memoria dei presenti e dei loro telefoni cellulari. Quindi, se un giorno ci fosse un gruppo di persone che decide di sommergere Piazza di Spagna con palline colorate o di colorare di rosso la fontana di Trevi (come fece un tizio qualche anno fa), quello non sarebbe un flashmob, anche se tutti i tg lo chiamerebbero così: sarebbe un atto che alcuni chiameranno vandalismo, altri chiameranno arte...ma che comunque richiederà un lavoro aggiuntivo da parte di terzi per ripulire le tracce ed eventualmente mettere in sicurezza la zona.

Anzi, a voler essere pignoli, i flashmob dovrebbero essere caratterizzati dalla segretezza più totale ed organizzati da un circolo ristretto di persone; infatti in passato si trattava di eventi senza alcuna pretesa artistica, ma semplicemente insoliti (come il celebre caso in cui i partecipanti si sono ritrovati in un negozio ed hannoiniziato a porre sempre la stessa richiesta ad un povero commesso). Poi, col tempo, sono usciti i balletti, le coreografie, le canzoni...che per forza di cose hanno richiesto un numero di partecipanti sempre più grande e con un minimo di preparazione alle spalle.
Il fatto è che questi eventi vengono pubblicizzati in maniera massiccia ed esplicita, pertanto si perde l'effetto sorpresa: molta gente andrà in quel luogo apposta per assistere all'evento. Per fortuna, ancora nessuno ha preso l'abitudine di andare ad un flashmob con lo scopo di rovinarlo.

[quote-"zio Feng"-"/2012/11/big-bang-theory-il-flashmob-esteso.html#c2375403524192441824"]
Nel tuo pistolotto, tra i tifosi, ci metterei anche quelli che inorridiscono alle coreografie di massa Nord-Coreane ma trovano divertenti quelle estemporanee occidentali :-)[/quote]

Credo dipenda dal fatto che una coreografia sportiva o artistica porti con sè valori molto più positivi di una coreografia militare. Poi, se dovessi dirti la mia, io ho trovato bruttine anche le coreografie della cerimonia olimpica di Pechino. Magari sono stato condizionato dal fatto che erano ragazzini/e cinesi ("oddio, li avranno obbligati a frustate, si saranno allenati per questo da quando avevano 3 anni....") ma è anche vero che quando le guardi da lontano, non si notano nè il colore della pelle, nè la forma degli occhi.
Dilettanti. La call me maybe dell'orica-green edge è su un altro livello qualitativo!
Io trovo molto divertenti i flash mob organizzati in modo da garantire la sorpresa e scardinare le regole precostituite (per esempio nele piazze, nelle stazioni, in concerti). Questo è stato fatto per divertire il pubblico che assiste alle riprese del telefilm, è carino, simpatico ma un pò addomesticato alle esigenze delle show. Secondo me sarebbe straordinario organizzarne uno "anomalo". Pensate, allo stadio, dopo il gol segnato da qualcuno dei supercampioni, al posto che il boato dei tifosi, il silenzio più assoluto. Magari potremmo utilizzarlo come protesta per lo spropositato spreco di soldi pubblici e privati che gira in questo mondo!! A questo tipo di flashmob potrei partecipare pure io che sono l'antitesi della danza....saluti!!
Posso dire che la cosa più bella del video è sempre quella gran gnocca di Kaley Cuoco? :-D
Wowow fantastico!!!!!! Entusiasmante!! Fico!!!!