skip to main | skip to sidebar
58 commenti

La dissonante sinfonia della follia atomica

Questo articolo vi arriva grazie alla gentile donazione di “alemarzaro”.

Questo video dell'artista Isao Hashimoto mostra in forma grafica, al ritmo di un mese al secondo, tutte le bombe nucleari fatte esplodere dal 1945 al 1998.


L'inizio è lento ma terribile, con quel singolo test ad Alamogordo seguito prontamente dalle due bombe su Hiroshima e Nagasaki. Poi il conteggio inizia pian piano a crescere e accelerare, dapprima ad opera esclusiva degli Stati Uniti. Poi si aggiungono le altre potenze nucleari. Verso gli anni Sessanta c'è un parossismo di esplosioni che rende bene la disinvoltura e la follia di quel periodo.

Se qualcuno stava osservando il nostro pianeta da lontano, avrà pensato bene che non era il caso di prendere contatto con dei selvaggi che giocavano coi fiammiferi dentro una tinozza piena di benzina.


Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (58)
Uh, nei fumetti le spie delle nazioni ostili (in generale tipi loschissimi che anche al mercato della droga di Faliraki verrebbero tenuti a distanza) che si intrufolano per constatare gli esperimenti sullo sviluppo di un´arma vengono intercettati ed allontanati, presumibilmente incarcerati ed uccisi.

Questo filmato fa pensare che fuori da fumetti e film, nel mondo reale... vengano cordialmente invitati a prendere visione dell´evento su comodissime poltrone e vengano congedati con un cordiale: "Spero che vorrá riferire ai suoi capi quanto ha visto oggi."
manca il test di vela, sembrerebbe.
@puffolottiaccident

Beh anche se forse all'inizio non era questo l'obiettivo, avere l'atomica è servito
come deterrente alla guerra, quindi avere l'atomica e non dirlo era/è un controsenso.
Al massimo si vuole nascondere un esperimento andato male, ma se funziona non c'è bisogno
delle spie lo si dice in prima serata in diretta mondiale.
Questa è la ragione per cui sono sicuro che nazioni come l'Iran non hanno l'atomica,
lo avrebbero fatto sapere all'umanità.

Comunque il filmato è un'opera d'arte.
Certo che i Francesi sono dei bei petomani, in proporzione a tutti gli altri...
"Silly asses, he muttered."
Isaac Asimov

Dovremmo ricordare più spesso ai giovani nati dopo gli anni 90 che cosa è stata la lotta per il disarmo nucleare. visto che a distanza di 20 anni si ricomincia a parlare di armi nucleari vedesi nazioni come L'Iran ed il suo programma Nucleare e come da più di 60 anni la questione Medio Orientale non è stata risolta. L'altra considerazione/domanda dopo aver visto questo video è: quante morti hanno causato questi esperimenti, i cui responsabili non verranno mai giudicati e di conseguenza tali morti non verranno mai risarciti neanche moralmente?
Ricorda "Razza di deficienti!" di Isaac Asimov.
Nel 1957 Isaac Asimov pubblicava il racconto "Razza di deficienti".

http://digilander.libero.it/dlpasquale/deficienti.pdf
Ricordo tuttavia che Asimov suggeriva di farli nello spazio gli esperimenti nucleari...
Io però non ho capito una cosa: a cosa servivano TUTTI quei test di armi nucleari? Secondariamente, che fine fanno i terreni su cui si svolsero i test? Venivano abbandonati?

Li hanno fatti nello spazio, li hanno fatti...
E' probabile che gli impulsi elettromagnetici delle esplosioni siano ben più visibili delle nostre trasmissioni radio-televisive ... gli alieni non vengono perche pensano che siamo già tutti morti! :)
Terribile! Sembra un conto alla rovescia più che un conto degli anni che passano. Fino ad oggi non avevo mai concepito le dimensioni del problema...
Gli esperimenti servivano per testare di meccanismi di funzionamento, e gli ultimi sono serviti per ottenere dati per la simulazione delle esplosioni nucleari tramite computer, per continuare lo sviluppo delle armi nucleari senza doverle realmente testare.

Tra parentesi, se stavamo ad aspettare la lotta per il disarmo nucleare gli esperimenti sarebbero ancora continuati, l'unica cosa che li ha veramente bloccati e' stata la bancarotta dell'URSS, che le ha rese (temporaneamente) inutili.
Vien da pensare: "si sono bombardati da soli". Certo, non su obiettivi militari e civili, ma quante bombe!
@Il Lupo della Luna
> Io però non ho capito una cosa: a cosa servivano TUTTI quei test di armi nucleari?
Avevano molti scopi "pratici": collaudo di strutture/edifici per vedere come resistevano ad esplosioni atomiche, comportamento e resistenza di mezzi blindati e non, test su animali per studiarne le conseguenze all'esplosione, verifiche di schemi tattici (due esempi: esplosione di un ordigno e poi far uscire i soldati dalle trincee; oppure il test "Grable"), collaudi di varie configurazioni del materiale nucleare (modello ad implosione (alla Fat Man), il boosting, impiego dell'idrogeno (prima liquido poi in forma solida con lo stirene) per la bomba H) etc...

Addirittura venne svolto un test per valutare il rilascio di gas metano da giacimenti non convenientemente sfruttabili con altre tecnologie dell'epoca. L'idea venne poi abbandonata, fino a qualche anno fa. Adesso si impiegano acqua ed esplosioni chimiche: il fracking insomma.

Un buon documentario sugli esperimenti atomici americani è "Trinity and Beyond".

@Mauro
> quante morti hanno causato questi esperimenti,
> i cui responsabili non verranno mai giudicati e di conseguenza
> tali morti non verranno mai risarciti neanche moralmente?
Adesso non mi ricordo bene, ma negli Stati Uniti si è mosso qualcosa per gli abitanti delle Christmas Island, Eniwetok, Bikini e di alcune zone del Nevada che sono stati sloggiati a forza o contaminati dagli esperimenti effettuati.

Per noi, il resto del mondo, possiamo pure continuare a preoccuparci dell'inquinamento chimico che ci spargiamo a due passi.
Domanda per sapere:
Corea del Nord e Israele non hanno mai fatto scoppiare nulla?
Sono considerate potenze nucleari lo stesso?
sono perplessa
@martinobri

Corea del Nord e Israele non hanno mai fatto scoppiare nulla?

Israele ha fatto scoppiare una bomba, o almeno si sospetta che lo abbia fatto, nel 1979 in Sudafrica.

http://it.wikipedia.org/wiki/Incidente_Vela

Il Sudafrica ha comunque rinunciato da tempo a dotarsi di armi atomiche.

Comunque le potenze nucleari sono solo quelle che hanno aderito al "Trattato di non proliferazione nucleare", India, Pakistan, Corea del Nord e Israele non sono considerate delle potenze nucleari.

Si vis Pacem, para Bellum.
Ha funzionato.
@Motogio

Grazie
L'avevo già visto ma mi pare che c'è ne sia uno con la Corea del nord ma senza Israele, provo a cercarlo poi lo riposto qua
Oltre alle esplosioni nucleari sulla superficie di tutto il pianeta che hanno provocato in tutto il mondo l'aumento di nati malformati, tumori, leucemie e di tante altre malattie (ricordo un articolo di Bertrend Russel in cui ne venivano riportati i dati dopo "l'esperimento" di Bikini) e oltre a territori che resteranno inquinati per moltissimi anni, sebbene esista un trattato di non proliferazione nucleare, abbiamo ancora moltissime armi e residui di queste che nessuno ha mai pensato di smantellare. Anche senza esplosioni e senza nazioni con programmi nucleari abbiamo ancora una brutta spada di Damocle sulla testa.
Ho controllato, ricordavo male non avrà messo quello della Corea del Nord e d'Israele/SudAfrica perchè erano dubbi soprattutto il secondo.
@Danilo

Il ringhiare dei cani in generale (ma non sempre) serve ad evitare il combattimento e ad intimorire l´avversario nel caso non si possa evitare il combattimento, in quest´ordine.

Trovo possibile che la strategia M.A.D. avesse lo scopo di evitare di fronteggiarsi in scenari resi sanguinari dalla distanza burocratica fra generali e sergenti.
@Martinobri

il mio istinto mi suggerisce che a Dimona succedano cose irriferibili, ma mi pare di ricordare che Israele ha sempre negato di avere la propria bomba atomica.

Credo che Israele non abbia mai fatto tuonare bombe nucleari perché avrebbe guastato la strategia dell´ambiguitá.

Ma non ho alcuna informazione a riguardo perché non mi é mai sembrato un argomento di ricerca.
la logica alla base del mio disinteresse si puó riassumere in:

"qualunque cosa abbia realmente in cantina, uno non si fa pizzicare a giocare con qualcosa che dice di non possedere."
@puffolottiaccident

ma mi pare di ricordare che Israele ha sempre negato di avere la propria bomba atomica.

Non sempre; una volta ammise, indirettamente, di averle.

Fu quando Moshe Dayan pronunciò queste parole:

"This is the end of the Third Temple".

Narra la leggenda che la sera del 7 ottobre 1973 Dayan abbia pronunciato quella frase al cospetto della signora Golda Meir e la signora in questione ordinò di preparare i "confetti" che tenevano in cantina.

Non è la prova del fatto che Israele è in possesso di armi atomiche e che le tenga nelle basi di Tel Nof e di Hirbat Zachariah e comunque Israele ha sempre giocato su questa ambiguità ma quella sera Dayan non era in vena di giocare.

Fatto sta che da quella sera mezzo mondo occidentale corse in aiuto di Israele e l'altro mezzo mondo minacciò di annichilire lo stato ebraico se solo avesse osato impiegare armi non convenzionali.

Fortunatamente la situazione poi si stabilizzò e vissero tutti felici e contenti; più o meno.
@Motogio

Buh... apparentemente é come dici, ma credimi: personaggi come Moshe Dayan, Ehud Barak, Ariel Sharon, Moyshe Kaplinskji hanno un buon controllo di palla e perdere distrattamente quaderni (magari anche spaventando chi li raccoglie per fugare il dubbio che siano stati consegnati invece che persi) o sparare dei lapsus mostruosi é parte del loro mestiere.

é anche possibile che mandare mezzo miliardo di dementi a giocare su facebook per ore ed ore senza far niente di concreto fosse lo scopo preciso di Golda Meyr*.

*entrambe le traslitterazioni dall´ebraico sono corrette.
I test venivano fatti per testare efficienza, potenza ed effetti: con il secondario e gradito effetto di mostrare che le proprie bombe funzionavano. La cosa scioccante è che, per quanto molti test siano stati sotterranei, molti altri sono stati effettuati in superficie, o sott'acqua.
Il fatto che siano noti i vari test si spiega con le rilevazioni simografiche: gli Stati Uniti ad esempio conoscevano i test russi perchè a dirglielo erano i sismografi, da cui era possibile dedurre anche la potenza della bomba usata. Sono stati capaci si sentire, e poi persino localizzare, un sottomarino russo esploso nell'oceano (o meglio, lo hanno sentito implodere mentre precipitava verso il fondo dell'oceano), figuriamoci se non rilevavano esplosioni nucleari.
La Corea del Nord ha fatto test nucleari (ha cominciato sul finire degli anni 90' credo) ma è solo accusata di averli fatti dati sismografici alla mano: di fatto non ha mai ammesso nulla. Su Israele si sa poco: ma d'altronde non ha bisogno di fare test, è probabile che gli Stati Uniti condividano molte informazioni proprio per evitare che ricorra a test propri. Ad ogni modo la Germania ogni tanto gli regala un paio di sottomarini, e loro li modificano sempre perchè siano in grado di lanciare missili stand-off a medio raggio... o è un gran bluff, oppure qualcosa ce l'hanno davvero come deterrenza di distruzione reciproca assicurata (ed avere un sottomarino lontano, al sicuro, pronto a vendicare la patria è una bella spina nel fianco per chiunque anche solo pensi di provare a distruggerti prima che tu possa reagire).
Oggi alcuni tra i più potenti supercomputers al mondo passano il loro tempo a calcolare dati nucleari invece che fare cose più utili, immagino ci si debba accontentare.
@Motogio

Comunque non sto dicendo che per me Israele non dispone di armamenti nucleari, é una cosa che ignoro del tutto, e penso sia impossibile stabilirlo finché non ne tirano una.

Quello che sto dicendo é che mi pare improbabile che Israele abbia mandato a pallino la strategia dell´ambiguitá firmando esperimenti in tal senso.

Comunque c´é poco da dire, i ministri israeliani son leggermente piú furbi del fumato fancazzista medio, ed é ridicolo che questo si aspetti che non gli leggano nel diario.
Credo che alcuni si suiciderebbero se scoprissero in che modo sono stati messi a trastullarsi con dei diversivi.
@puffolotti

Come ho detto è poco più di una leggenda quindi tutto è possibile.
Non si usano solo dati sismici per rivelare esplosioni nucleari, ma anche, per esempio, rivelatori gamma in orbita. Famosa la prima rete satellitare, parte di Project Vela, che quando venne accesa rivelo' la presenza di un numero esorbitante e poco credibile di esplosioni nucleari quotidiane, che portarono in seguito alla scoperta dei Gamma Ray Burst, trai i piu' potenti fenomeni che accadono nell'Universo. Uno dei tanti "by-product" di attivita' militari che hanno portato a risultati scientifici (ma ricordiamoci che se avessero dato gli stessi soldi agli scienziati il risultato sarebbe stato probabilmente molto migliore...).

Vela Hotel (nome della rete satellitare) porto' anche alla rivelazione di uno strano fenomeno avvenuto nell'Oceano Atlantico. Alcuni sostengono che si tratto' di un esperimento atomico Israeliano, anche se ci sono ipotesi diverse per spiegarlo. Molti ritengono che avesse origine naturale. Conosceremo la verita' tra qualche decina d'anni. Forse.
Mi sono venute le lacrime agli occhi
a pensare che per questa scelleratezza umana
centinaia di milioni di persone sono morte e ancora moriranno.
Se poi aggiungiamo l'inquinamento radioattivo prodotto anche da questi incidenti nucleari :
- 1945, 4º livello INES, (Los Alamos, Nuovo Messico, USA)
- 1946, 4º livello INES, (Los Alamos, Nuovo Messico, USA)
- 1952, 5º livello INES (Chalk River, Canada)
- 1957, 5º livello INES, Windscale (Gran Bretagna)
- 1957, 6º livello INES, Majak (Urali dell'URSS)
- 1969, 4º livello INES, Lucens (Svizzera)
- 1973, 4º livello INES, Windscale (Gran Bretagna)
- 1979, 5º livello INES, Three Mile Island (Pennsylvania, USA)
- 1980, 4º livello INES, Saint-Laurent-Nouan (Francia)
- 1986, 7º livello INES, Černobyl' (URSS)
- 1987, 5º livello INES, Goiânia (Brasile)
- 1999, 4º livello INES, Tokaimura (Giappone)
- 2006, 4º livello INES, Fleurus (Belgio)
- 2011, 7º livello INES[7][8], Fukushima (Giappone);
comprendo meglio il motivo per cui anche i miei genitori sono morti di cancro.
Beh, calma. Non sono solo le radiazioni a provocare i tumori. Purtroppo è solo una delle forme di inquinamento di cui dovremmo preoccuparci.
Dovessimo guardare solo le statistiche degli incidenti credo che chiuderemmo tutte le industrie chimiche e smetteremmo di uscire di casa. Anzi no, perché ci sono molti incidenti domestici.

E' veramente impressionante, comunque, vedere con quale "leggerezza" son stati fatti tutti questi esperimenti nucleari. E quanto poco si sapeva all'inizio.

Tempo fa vidi dei filmati della protezione civile americana, realizzati negli anni '50 su "come sopravvivere ad un attacco nucleare", che visti con le conoscenze attuali fanno a dir poco sorridere.
Conosceremo la verita' tra qualche decina d'anni.

Puoi fornire qualche dettaglio?
Grazie.
@Graziano
Il livello 5 della scala INES di Goiânia e Three Mile Island nasconde le grosse differenze nelle conseguenze che ci sono state nel primo e nel secondo incidente. A Goiânia ci sono stati molti contaminati e anche vittime, nel secondo la tragedia è stata economica.

Ritorno a ripetere: prima di provare a collegare tumori e vittime con la dispersione di cobalto radioattivo in Brasile, con i tre protoni che abbiamo visto arrivare da Fukushima, con la fusione parziale di un reattore costruito all'interno di una caverna in Svizzera e con l'esposizione di un lavoratore di un impianto di sterilizzazione in Belgio, sarebbe meglio preoccuparsi della dispersione di diossina a Seveso, degli scarichi del petrolchimico di Marghera e delle acciaierie sparse un po' dappertutto.

Altrimenti ricominceremo a dare la caccia alle streghe.

P.S.
Mi dispiace per i tuoi genitori, ma mi dispiace anche per chi ha dovuto poi convivere decenni con impianti ad olio combustibile per paura del nucleare.
Beh, a dire il vero il parossismo di esplosioni continua fino al 1993.

Video eccezionale, andrebbe diffuso in tutte le scuole.
Mi dispiace molto per i genitori di Graziano, ma non possiamo dare la colpa del cancro alle sole radiazioni nucleari (anche se le statistiche mostrano un sensibile aumento dei casi dopo esplosioni o incidenti nucleari): ci sono anche altri agenti inquinanti che possono provocare tumori o altre gravi malattie, c'è una certa ereditarietà e ci sono anche stili di vita scorretti; ne so qualcosa perché abito in un paese con alti tassi di tumori al colon dovuti in buona parte a cattive abitudini alimentari.
Ciò non toglie che abbiamo il deretano poggiato su qualcosa che sarebbe meglio non avere...
@Claudio Fe

Le acciaierie sono pericolose solo se non rispettano le leggi, infatti utilizzando le giuste tecnologie gli inquinanti si abbattano moltissimo quasi a zero.
@Luca Favro
Qualunque attività, se rispetta le leggi e impiega le dovute tecnologie, non è pericolosa per la salute dell'uomo e dell'ambiente.

Ma le acciaierie non sono per niente le prime industrie che hanno tenuto in considerazione il loro impatto sull'ambiente.
Qualunque attività, se rispetta le leggi e impiega le dovute tecnologie, non è pericolosa per la salute dell'uomo e dell'ambiente.
Affermazione un po' discutibile. Diciamo che si rispettano leggi lungimiranti e si impiegano le dovute tecnologie si può limitare l'impatto sulla salute dell'uomo.
A questo proposito non sono proprio la stessa cosa i test nucleari in atmosfera, sotterranei, subacquei o al di fuori dell'atmosfera.
Sarebbe interessante uno studio sugli ioni radioattivi presenti in atmosfera negli anni dal 57 al 63 paragonati a quelli presenti dopo gli incidenti di Chernobyl o Fukushima.
centinaia di milioni di persone sono morte e ancora moriranno.

Quante scusa? A Hiroshima e Nagasaki sono morte circa 300000 persone, e il computo dell'incidente nucleare più grave, quello di Chernobyl, seppur dibattuto si aggira intorno alle decine di migliaia; l'unico altro incidente nucleare di livello 7, Fukushima Daiichi, ha fatto zero morti dirette più un certo numero di possibili sviluppi di cancro futuri che va da 0 a 100. Quindi, di cosa stiamo parlando?
Sapevo che le varie nazioni avevano eseguito dei test, ma 2048?????? *BIIIIIIIIIIIIIP*! Com'era il discorso? Unica specie intelligente sul pianeta terra? Giàààààààà...........
La corea del nord ha effettuato un test nel 2006, ben documentato. Si trattò di un ordigno piccolo e probabilmente mal funzionante, ma non ci sono dubbi sulla capacità nordcoreana di costruire armi atomiche, come non ci sono molti dubbi sull'esistenza di un arsenale atomico israeliano, comprensivo anche di vettori efficaci.
http://nuclearweaponarchive.org/DPRK/index.html
http://nuclearweaponarchive.org/Israel/index.html

Quanto agli incidenti nucleari, credo sia opportuno non fare confusione tra nucleare civile e nucleare militare. Sono ambiti separati, anche se in certi casi contigui. Three miles island (peraltro incidente ampiamente sopravvalutato nella percezione comune) ha poco a spartire con le esplosioni a Bikini, per dire. E' un po' come paragonare gli incidenti stradali con l'impiego del carro armato in guerra: stiamo parlando in ambedue i casi di tecnologie basate sul motore a scoppio, ma le analogie finiscono lì.
Come dimenticarsi della più potente arma nucleare esistente che ha raggiounto lo stadio operativo, ovvero gli SS-18 Satan ?
Puoi fornire qualche dettaglio?

Non volevo dire niente di particolarmente acuto.. Mi riferivo solo al fatto che spesso ci vuole qualche decennio perche' alla verita' sia concesso di venire a galla. Magari il Freedom of Information Act, ma non si applica a tutti i docuemnti. Qualcuno hav visto il bel film Argo?

Impe,"Quindi di cosa stiamo parlando?" ...

DI MORTI, VITTIME DELL'INQUINAMENTO RADIOATTIVO!!!
Da 50 anni, l'attività umana ha portato una contaminazione radioattiva sull'insieme del pianeta, che è cumulativa poiché gli effetti delle radiazioni si accumulano nel corso del tempo.
È principalmente dovuta alle ricadute degli esperimenti atomici e dei disastri nucleari.
Secondo il CERI [Comitato Europeo sul Rischio radioattivo) 61 milioni di morti possono essere imputati a questa contaminazione.
Sarebbe responsabile di gran parte dei cancri «inspiegati», il cui numero non ha smesso di aumentare fin dagli anni '60.
Le valutazioni di questo comitato si basano su un modello che tiene conto degli effetti di un'irradiazione interna, contrariamente a quello adottato dal CIPR(Commissione Internazionale per la Protezione Radiologica).

Numero di vittime dovute all'esposizione alla radioattività artificiale
Estimazioni secondo CERI il totale morti di cancri sono 61 milioni. Impe!
Totale cancri anche se non mortali sono 123 milioni. Impe!
Mortalità infantile 1,6 milioni. Impe!
E poi c'è la sindrome di Down per l'inquinamento radioattivo.
Alcune ricerche hanno messo in relazione l'incidenza della sindrome di Down con l'esposizione delle gestanti a livelli di radioattività più elevati della norma, causati da fughe radioattive o incidenti.

Nei 123 milioni di vittime del cancro ci sono anche i miei genitori e molto probabilmente ci saremo anche io e te prima o poi.
Impe
Ecco di che cosa stiamo parlando!

@marcov
"Sarebbe interessante uno studio sugli ioni radioattivi presenti in atmosfera negli anni dal 57 al 63 paragonati a quelli presenti dopo gli incidenti di Chernobyl o Fukushima."

Degli studi ci sono.
Tanto che sono stati utilizzati i dati storici per poter verificare l'annata dei vini:
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0168900207009606

Su un numero di Le Scienze di qualche anno fa c'era un articolo, breve, da una pagina, proprio su questo argomento, con riportato un grafico che mostrava ben chiaramente i due picchi. Ma non ricordo quanto fosse "qualitativo" e "quantitativo".
E poi c'è la sindrome di Down per l'inquinamento radioattivo.
Alcune ricerche hanno messo in relazione l'incidenza della sindrome di Down con l'esposizione delle gestanti a livelli di radioattività più elevati della norma, causati da fughe radioattive o incidenti.


Questo è impossibile.
Gli individui malati di Down hanno l'anomalia genetica fin dallo stadio di zigote. Non è possibile che l'esposizione a radiazioni durante la gravidanza (questo vuol dire se usiamo il termine "gestanti") faccia sorgere una malattia già presente.
@Martinobri
Che io sappia la probabilitá che un individuo sia afflitto da tale sindrome cresce con l´etá della gestante, il fatto che il modello economico occidentale porta a decidere di affrontare la gravidanza sempre piú tardi man mano che si afferma, produce la falsa correlazione secondo la quale l´anomalia sarebbe stimolata dall´inquinamento elettronico.

Bé, piú che una correlazione errata é un sillogismo un pochino vago, ma la funzione gode della proprietá transitiva.
@Graziano

Nei 123 milioni di vittime del cancro ci sono anche i miei genitori e molto probabilmente ci saremo anche io e te prima o poi.

Probabile ma dove hai preso quei dati?

Da questa pagina di Wiki ?

E perché hai preso solo i dati forniti dal CERI: Comitato Europeo sul Rischio radioattivo.

Una commissione indipendente voluta dal partito dei Verdi Europei nel 1997 senza nessun legame con enti ufficiali e accusata di fornire dati senza solide basi scientifiche, quando non falsi, dalla Health Protection Agency inglese.

A critical examination of the ECRR report

Che il nucleare sia pericoloso non lo mette in discussione nessuno ma non esageriamo.
@Graziano
Mi sai indicare il sito del CERI-ECCR ? Vorrei leggere in prima persona le loro valutazioni, i loro modelli etc..
Un comitato con un nome così altisonante dovrà avere sicuramente un sito pieno di documentazione (gratuita), no ? In fondo si tratta della salute di tutti.

Comunque il CIPR considera _anche_ il contributo dall'irradiazione interna, basta andare a leggere le loro pubblicazioni.
E parlando sempre di organizzazioni riconosciute, sul sito dell'EPA è anche possibile scaricare un programma per calcolare la dose sul corpo e quindi il rischio sulla salute.

P.S.
Copiare direttamente il testo da wikipedia italia non da l'impressione di aver studiato seriamente l'argomento. Perdona il tono, ma bisogna mettere in chiaro certe cose.
@ pgc:
L'ho visto! L'ho visto!!! :-D Bellissimo!!!!!!
Scusate: chiudo subito l'OT.
PGC dixit
"Conosceremo la verita' tra qualche decina d'anni. Forse. "

Questa frase mi fa pensare alla barzelletta del tipo che viene tradito dalla moglie...

Dunque, un tipo che teme di essere tradito dalla moglie fa le sue indagini e decide di coglierla in flagrante.
Il giorno stabilito chiede di uscire prima dal lavoro, torna a casa di corsa, apre la porta e trova la moglie nel letto, ansimante etcetera, non c´é da sbagliarsi, fino a pochi minuti prima era con qualcuno.

Allora ruggisce: "...Ma non puó essere andato lontano, adesso lo trovo e lo butto giú dalle scale a calci."

Guarda sotto il letto e ringhia: "qui non c´é."

Guarda dietro alla tenda e ringhia: "qui non c´é"

Apre l´armadio e si trova davanti un energumeno alto 30 cm piú di lui, estremamente muscoloso, atletico e dall´aspetto minaccioso, chiude le ante dell´armadio e mormora: "Qui c´é, ma non é lui."
Estimazioni secondo CERI il totale morti di cancri sono 61 milioni. Impe!

Eh beh certo, prendiamo per buone le affemazioni di chiunque, anche se basate su correlazioni inesistenti e calcoli alterati da fattori arbitrari messi lì a bella posta per far venire fuori i numeri che servono. Atteniamoci alle fonti affidabili, grazie.

E poi c'è la sindrome di Down per l'inquinamento radioattivo.

Assai improbabile, considerando che la sindrome di Down è causata dalla presenza di un cromosoma in più e non da un danno subìto dal DNA.

Nei 123 milioni di vittime del cancro ci sono anche i miei genitori

Mi spiace dirtelo ma questa non è una buona ragione per abolire completamente l'uso di energia nucleare a scopi pacifici. Gli incidenti automobilistici, per esempio, provocano ogni anno tantissimi morti a livello globale: se fossero morti per un incidente in auto avresti proposto di rottamare tutte le automobili del pianeta?
> avrà pensato bene che non era il caso di prendere contatto con dei selvaggi che giocavano coi fiammiferi dentro una tinozza piena di benzina.

Parafrasando Voltarie: "Il mito del buon alieno è una fregnaccia" o qualcosa di simile :D
Qualcuno hav visto il bel film Argo?
Io! Bellissimo! E che ansia verso la fine... :-)
"selvaggi che giocavano coi fiammiferi dentro una tinozza piena di benzina."

Personalmente questa visione non l'ho mai condivisa, e mi da' pure un po' noia. Non sappiamo quali possano essere i processi mentali di un'eventuale razza aliena, quindi difficile ipotizzare le loro reazioni osservando il periodo dei test nucleari.

E' probabile che anche un civilta' aliena passi attraverso la fase nucleare dello sviluppo tecnologico; se sarebbero piu' o meno bellicosi degli umani non poassiamo saperlo.

E comunque se pure il genere umano ha senza dubbio difetti macroscopici, rimane il mio genere e non mi mettero' a disprezzarlo.
O voi di "La Repubblica": sempre sul pezzo, eh?

L'hanno pubblicato oggi