skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Antibufala: la catena “sono io a chiedere un favore” su Facebook


Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il [25/01/2013] sul sito della Rete Tre Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.


“A tutti i miei contatti Facebook, ora sono io a chiedere un favore…”: comincia così un appello che si sta diffondendo rapidissimamente su Facebook e mette in guardia contro una presunta novità delle impostazioni di questo social network.
Secondo l'appello, “su FB ora si sentono e leggono cose su persone che non hai tra i tuoi contatti. Solo perché un contatto dei nostri mette un commento o mette un “mi piace”, amici di amici lo vedono”.
Non fidatevi e non diffondetelo: come spiega bene il Gruppo Antibufale, è un appello inutile, perché Facebook non funziona così. Tutti i dettagli sono a vostra disposizione qui.


Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).