skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Debutta il “motore di ricerca” di Facebook (prima parte)


Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il [18/01/2013] sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione

Martedì scorso Facebook ha annunciato in pompa magna Facebook Graph Search, un motore di ricerca per trovare informazioni all'interno del gigantesco social network. Anche se non è ancora disponibile a tutti gli utenti (anzi, in realtà è stato attivato, e in versione preliminare o “beta”, soltanto per un piccolissimo numero di utenti privilegiati), è meglio conoscerne subito il funzionamento per capire come cambierà Facebook e come occorre cambiare alcune impostazioni e alcuni comportamenti per evitare situazioni imbarazzanti.

Prima di tutto, ecco i link ai pochi assaggi disponibili per tutti: una ricerca di persone che vivono nella stessa città dell'utente e una ricerca di foto in cui è raffigurato o taggato l'utente e di ristoranti nei quali sono stati gli amici dell'utente. È un po' poco, e c'è anche la limitazione che per essere fra i primi ad avere accesso a Graph Search bisogna usare Facebook in inglese americano, ma dagli esempi è chiaro che non è un rivale di Google: Graph Search cerca soltanto all'interno di Facebook (se non trova nulla, ricorre a Bing per cercare sul resto di Internet) e offre risultati assolutamente personalizzati.

Inoltre le ricerche in Graph Search si formulano in maniera molto naturale: "foto dei miei amici prima del 2010", "amici ai quali piace la cucina giapponese" o “musica che piace ai miei amici”. In sintesi, permette di trovare foto, luoghi, interessi e persone in maniera molto più efficace e approfondita rispetto a prima, anche se per ora le sue ricerche sono soltanto parziali e non includono tutti i dati presenti in Facebook (per esempio mancano quelli di Instagram).


Tutto questo ovviamente ha delle implicazioni di privacy notevoli: volete davvero che qualcuno vi contatti perché ha visto su Facebook che siete single e abitate nella sua stessa località? Vi ispira, o v'inquieta, l'idea di sapere se il vostro nuovo partner ha già avuto relazioni sentimentali con altri vostri amici? (continua)
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).