skip to main | skip to sidebar
5 commenti

Podcast del Disinformatico radiofonico

Potete scaricare da qui il podcast della puntata di venerdì scorso del Disinformatico che ho condotto per la Rete Tre della RSI, parlando di Linux Ubuntu per smartphone e tablet, Internet Explorer 8 vulnerabile, soluzioni concrete per comandare il computer con gesti e sguardi, e un metodo per passare facilmente una password Wifi complessa a un ospite Android. La parola di Internet della settimana è data poisoning: la ragione per la quale, per esempio, nelle mappe ci sono vie inesistenti nella realtà.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (5)
Il data poisoning mi ricorda quando insegnavo in un posto in cui ragazzi scaltri riuscivano a procurarsi in antemprima fotocopie del testo dei compiti in classe. Per cui io lasciavo apposta in sala fotocopie dei testi diversi da quelli che avrei effettivamente dato.
Al'epoca di Leonardo Da Vinci gli inventori facevano degli errori assurdi per non permettere a nessun altro di costruire le proprie invenzioni, come il "carro armato" proprio di Leonardo nel quale gli ingranaggi fanno girare le ruote in versi opposti impedendo ogni movimento. Ma ammetto che la tecnica di @martinobri è altrettanto se non più sadicamente geniale!!!
E sottolineo sadicamente :D
Quando ero al liceo copiai un compito in classe. Il professore non si sarebbe accorto di nulla se io e la mia "fonte" non avessimo commesso gli stessi errori.
Credo che questo sia "l'altro lato" del data poisoning.
Per cui io lasciavo apposta in sala fotocopie dei testi diversi da quelli che avrei effettivamente dato.

LOL, you're bastard inside :-)