skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Le parole di Internet: googledork

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente l'1/2/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

googledork. Utente il cui comportamento inetto o incompetente viene rivelato da una ricerca in Google, ma anche uso di Google come strumento per scoprire vulnerabilità in servizi accessibili via Internet.

Ricerche in Google appositamente confezionate, come quelle citate a proposito di stampanti e telecamere di sorveglianza vulnerabili, permette a un aggressore di effettuare una perlustrazione a distanza di sicurezza di un potenziale bersaglio di un attacco informatico. Dato che Google fa da tramite inconsapevole, il bersaglio non sa chi lo sta scandagliando e non si accorge neppure di essere sotto attacco.

Alcuni esempi di googledork, da usare con cautela e buon senso, per verificare che un sito militare o governativo anglofono non esponga pubblicamente documenti riservati:

"top secret site:mil"

"confidential site:mil"

filetype:txt site:gov top secret”

"allintitle: restricted filetype:doc site:gov"

Ulteriori esempi sono disponibili presso Googlebig.com ed Exploit-db.com.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).