skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Le parole di Internet: RATter

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 15/03/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

RATter. Persona che usa del software per amministrazione remota di computer per entrare nei computer di altre persone a loro insaputa e spiarne il contenuto, controllarne l'attività, commettere estorsioni o fare scherzi.

In inglese “ratter” significa “cacciatore di topi” e “RAT” è l'acronimo di “remote administration tool”, ossia “strumento per l'amministrazione a distanza”: un programma che è di per sé legittimo se usato con il consenso dell'utente amministrato ma si presta anche a usi illegali.

Esistono sia ratter criminali, ossia persone che usano illegalmente le funzioni dei software di amministrazione remota, sia ratter ufficiali, per esempio gli agenti delle forze dell'ordine che infettano i computer dei sospettati o sorvegliati con un software che consente loro di monitorare anche i microfoni e le webcam collegate ai computer in questione.


Esempi di RAT sono Teamviewer (prodotto commerciale), il malware Flame (creato per l'uso da parte delle forze anticrimine) e DarkComet (gratuito).
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).