skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Antivirus per smartphone, serve veramente?

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 26/04/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.


Visto che i telefonini evoluti, come iPhone e i vari modelli Android, somigliano sempre più a computer che a telefoni, viene facilmente il dubbio che possano essere oggetto di attacchi da parte di virus come succede per i computer, e che quindi possa essere necessario un antivirus.

Il rischio di essere infettati da un virus vero e proprio è molto basso, specialmente se si prende la precauzione di installare solo applicazioni provenienti dalle fonti standard (App Store per iPhone e Google Play per Android), che fanno una verifica di sicurezza sulle app prima di offrirle, anche se ogni tanto qualche app Android malevola sfugge ai controlli di Google e finisce su Google Play. Chi ha l’iPhone “craccato” o in altro modo installa app di provenienza dubbia si espone al rischio del trojan, o “cavallo di Troia”, app apparentemente innocue (per esempio giochi) il cui vero scopo è principalmente rubare dati personali o causare addebiti in bolletta.

Quello che succede molto spesso, invece, è che il telefonino venga rubato insieme al suo prezioso carico di dati personali o che venga installata una app legittima che però ottiene accesso alla rubrica degli indirizzi. Per questi casi ci sono degli “antivirus”, sia per iPhone, sia per Android, che possono essere utili. Per esempio, in caso di furto o smarrimento è possibile rintracciare il telefonino oppure bloccarne l’uso o cancellarne il contenuto tramite SMS, per evitare che cada in mani sbagliate; vengono inoltre segnalate e bloccate le app che cercano di accedere alla rubrica o ad altri dati riservati o tentano di causare addebiti.

Alcuni avvisano anche se un SMS o una mail contiene un link a un sito pericoloso, permettono di bloccare telefonate o SMS indesiderati, fanno una copia di sicurezza dei dati o bloccano il telefono se viene cambiata la SIM. Ecco una breve carrellata di “antivirus” per smartphone, gratuiti e a pagamento e con prestazioni più o meno articolate. Ce ne sono molti altri, ma questi sono un buon punto di partenza:

Per iPhone: Lookout, Trend Micro, Intego, McAfee.

Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).