skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Facebook, messaggi a pagamento alle celebrità?

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 12/04/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.


Ha suscitato notevole scalpore la notizia, pubblicata inizialmente dal britannico Sunday Times, che Facebook sta sperimentando un sistema che permette di inviare messaggi a pagamento alle celebrità, in netto contrasto con lo slogan “È gratis e lo sarà sempre” che campeggia nella schermata d’ingresso del social network.

La tariffa di spedizione varia a seconda del grado di popolarità del personaggio da contattare: per esempio, servono poco più di 14 franchi (circa 12 euro) per mandare un messaggio Facebook a Snoop Dogg o Salman Rushdie.

La sperimentazione, a quanto risulta, coinvolge un numero ristretto di utenti nel Regno Unito e in altri paesi europei; l’intero importo viene trattenuto da Facebook e le celebrità non ricevono nulla.

In realtà è comunque possibile inviare messaggi diretti a chiunque, anche chi non è amico o amico di amici su Facebook, pagando 78 penny (circa 1 franco e 12 centesimi, 92 eurocent); i messaggi di chi non vuole pagare verranno relegati nella cartella "Altri". Facebook aveva già tentato un esperimento analogo negli Stati Uniti a dicembre scorso.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).