skip to main | skip to sidebar
13 commenti

Antibufala Classic: ritorna la presentazione PowerPoint letale “La vita è meravigliosa”

Questo articolo vi arriva grazie alla gentile donazione di “memb*”.

Questo gatto è addestrato a graffiare chi allega
PowerPoint inutili alle mail. Giuro.
C'è in giro una nuova variante di una bufala classica: la presentazione PowerPoint che ti distrugge il computer. Eccola:

Fatela girare.Grazie.
Circola attualmente una presentazione di Power Point col titolo: "La vita è meravigliosa", l "Das Leben ist wunderschön", "Life is beautiful", "La vida es bella".Non bisogna aprirla per nessun motivo. Eliminarla subito. Se si apre questa mail compare il testo: "Adesso è troppo tardi, la tua vita non è più così bella".."It is too late now, your life is no longer beautiful", "Jetzt ist es zu spät, dein Leben ist nicht mehr wunderschön","Ahora es tarde, su vida no es mas bella"..Dopo di ci&ograv e; spariscono tutti i dati dal PC e la persona che ha inviato questa mail ha l'accesso a tutte le informazioni, mail, password ed Utente.Questo è il più nuovo virus che circolerà da sabato sera. Non esiste nessun programma anti-virus in grado di debellarlo.Un Hacker di nome "padrone della vita", "Life Owner" lo ha creato e ora vuole distruggere quanti più computers è possibile.Distribuite questa informazione al maggior numero possibile di utenti e il più velocemente possibile !!!

La storiella del “padrone della vita” e del suo PowerPoint ammazza-PC gira almeno dal 2002. Era ed è tuttora una bufala. Non è dal nome che si riconosce un allegato infettante, e se il vostro computer è così vulnerabile che lo si può infettare con una presentazione PowerPoint, buttatelo via e cambiatelo. Se il vostro responsabile della sicurezza informatica basa le proprie strategie di difesa sul nome di un allegato e su una catena di Sant'Antonio, buttate via anche lui.

Quest'appello non serve a niente se non a seminare paure inutili, per cui quando lo ricevete, cestinatelo senza inoltrarlo. Non pensate “metti che sia vero”, “nel dubbio io inoltro” o altre idee pigre come queste. Magari la prossima volta, prima di inoltrarlo, provate a fare una ricerchina su Google e troverete gli spiegoni che avvisano che si tratta di una bufala. È grazie a questa pigrizia mentale che il falso allarme gira da undici anni e rompe l'anima a tutti.

Se vi interessano i dettagli, l'indagine antibufala completa è qui. Da sei anni.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (13)
Al di là dell'appello, se si evitano presentazioni di PowerPoint non è proprio un male... :)

Per citare "Jennifer Morgue" di Charles Stross: "PowerPoint is symptomatic of a certain type of bureaucratic environment: one typified by interminable presentations with lots of fussy bullet-points and flashy dissolves and soundtracks masked into the background, to try to convince the audience that the goon behind the computer has something significant to say. It’s the tool of choice for pointy-headed idiots with expensive suit and skinny laptops who desperately want to look as if they’re in command of the job, with all the facts at their fiddling fingertips, even if Rome is burning in the background. Nothing stands for content-free corporate bullshit quite like PowerPoint. And that’s just scratching the surface"

Nello stesso romanzo c'è una presentazione di PowerPoint che, se seguita dopo la slide 25, provoca una possessione demoniaca nelle vittime.
Luigi,

Nello stesso romanzo c'è una presentazione di PowerPoint che, se seguita dopo la slide 25, provoca una possessione demoniaca nelle vittime.

Questo è niente. Ho assistito a presentazioni PowerPoint che dopo la dodicesima slide di solo testo corpo 8, letta con voce monocorde, hanno trasformato l'intero pubblico in zombi che volevano mangiare il relatore.
Io ho visto presentazioni in PowerPoint di 365 slides sulla medicina legale.

Da quel momento, ho deciso che non avrei mai fatto interventi con più di 40 slides di cui la metà almeno di immagini.
PRIMA ti cancella tutti i dati dal PC,
POI l'hacker ha l'accesso a tutti i dati.

Come hacker è bravo, ma non è tanto furbo -_-
Tempo fa, mooolto tempo fa, trovai una risposta molto divertente di un utente alle catene di sant'Antonio.
Cercando ho trovato che è stata pubblicata anche su questo sito http://www.attivissimo.net/antibufala/humor/romano.htm

Bellissima. Per un periodo l'ho usata in risposta alle email degli amici
Quasi quasi la rispolvero :)
Paolo,
mi hai appena dato una convincente descrizione dell'Inferno! Sappilo! :)
Ti ha pagato la Caterpillar per questa pubblicità gratuita? :-)
Ti è andata bene.
Io ho visto relatori eliminati fisicamente dopo la terza slide di solo testo.
Saluti,
Mauro.
Da più parti è stato notato che l'abuso di PowerPoint presentations alla NASA nel corso del processo decisionale su questioni critiche fu in parte responsabile dell'incidente dello Space Shuttle Columbia.

Ovviamente l'accusa è rivolta al metodo delle "presentations", non al software in particolare. Sta di fatto che in molti ambienti professionali (anche nel mio), non se ne fa uso nel processo di accettazione e commissioning, ma si circolano documenti che devono essere accettati e controfirmati, non lasciando spazio a malintesi e rendendo chi firma responsabile delle sue decisioni.
Ho assistito a presentazioni PowerPoint che dopo la dodicesima slide di solo testo corpo 8, letta con voce monocorde, hanno trasformato l'intero pubblico in zombi che volevano mangiare il relatore.

IL problema non è PowerPoint in sè, è chi parla; c'era anche con le lavagne luminose. Ricordo ancora con noia le esercitazioni di botanica uno.
E probabilmente c'era anche prima con le lavagne e il gesso. E con lal penna d'oca e la pergamena. E cone lo stilo e la tavoletta di cera. E con la pietra e l'ocra. E...
A parte l'appello assolutamente ridicolo, non è un'ipotesi sbagliata che un file di Powerpoint possa infettare un computer tramite una vulnerabilità.

http://blog.trendmicro.com/trendlabs-security-intelligence/malicious-powerpoint-file-contains-exploit-drops-backdoor/
http://www.computerworld.com/s/article/9131040/Attackers_exploit_critical_PowerPoint_vulnerability

Etc.
[accademia mode on:]

e se il vostro computer è così vulnerabile che lo si può infettare con una presentazione PowerPoint, buttatelo via e cambiatelo.

In realtà non è il computer da buttare ma il sistema operativo.
[accademia mode off:]

Se non ricordo male per crashare, fino ad XP bastava un'immagine...
Dall'alto di Slackware non ti dico come si sta bene ;)
@Biggo
PRIMA ti cancella tutti i dati dal PC,
POI l'hacker ha l'accesso a tutti i dati.

Come hacker è bravo, ma non è tanto furbo -_-


sei un genio! ROFL ;)