skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Antibufala: il PowerPoint che aiuta Qian Hongyan, bimba senza gambe

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 24/05/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

“Qian Hongyan ha perduto entrambi gli arti inferiori in un incidente. La sua famiglia cinese è molto povera e non si può permettere di pagare le protesi, per cui usa una palla da basket per muoversi da un posto all’altro. Qian usa dei supporti in legno. Non si lamenta mai. Ha già utilizzato sei palloni. Va a scuola... Sorride sempre... Sempre positiva... Con la pressione di pochi tasti sul vostro computer potrà avere le gambe. Due protesi. Se inoltri questa presentazione ai tuoi amici, AOL pagherà 10 centesimi di dollaro per ogni e-mail che invii.“

Questo è il testo di una presentazione PowerPoint che sta circolando da qualche tempo, inoltrata da una casella all’altra da parte di chi ci crede o semplicemente sceglie, nel dubbio, di inoltrarla comunque. Ma la presentazione è bugiarda: inoltrare l’appello non fa arrivare neanche un centesimo alla bimba. Il sito antibufala Hoax-Slayer.com segnala però che Qian Hongyan è una bambina reale che ha davvero perso entrambe le gambe in un incidente stradale nel 2000, quando aveva tre anni; le foto mostrate nell’appello sono autentiche. Ma gli inoltri degli internauti non servono, perché la bimba ha già delle protesi, fornite dal governo cinese otto anni fa.

L’appello è quindi inutile come colletta e mostra immagini obsolete: il suo unico aspetto positivo è che fa circolare una storia vera di coraggio e determinazione. È un peccato, però, annacquare la lezione di vita di Qian Hongyan appiccicandole una raccolta di fondi fasulla che spinge molti a dubitare dell’autenticità della vicenda.

Per chi volesse saperne di più senza affidarsi a un Powerpoint ingannevole, la vicenda è ben documentata dalle immagini di Boston.com, dal People’s Daily Online, dalla BBC e da Weird Asia News.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).