skip to main | skip to sidebar
11 commenti

Oggi e lunedì sarò a Spotorno; Luna colpita da meteora

Lunedì mattina alle 10 sarò con gli studenti delle scuole medie di Spotorno, alla sala convegni Palace, per una conferenza-chiacchierata sull'uso sicuro della Rete e dei social network. Se vedete in giro per Spotorno uno che mi somiglia e ha la bocca piena di focaccia, sono io! Come consueto, porterò con me qualche copia di “Luna?” e di “Moonscape”. Se vi va di fare due chiacchiere, coordiniamoci tramite Twitter (io sono @disinformatico).

Segnalo, fra l'altro, che sempre a Spotorno si sta tenendo la prima edizione del premio “Scienza Fantastica”, un concorso letterario per brevi racconti indetto dall'amministrazione comunale: i dettagli sono in questo annuncio del Comune. Il tema è uno di quelli che mi sta particolarmente a cuore: la Luna. Quella che il 17 marzo è stata colpita da una meteora che ha fatto un botto talmente intenso da essere visibile da Terra a occhio nudo. Ecco un video del fenomeno, nel quale l'impatto viene mostrato a circa 1 minuto dall'inizio. Impressionante.

Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (11)
Beato te che te ne puoi andare nella mia Liguria a mangiarti la mia focaccia ;)
Saluti,
Mauro.
Beh, ovviamente ci sarò :-)
Un appuntamento ormai consolidato ma importante per gli alunni della scuola spotornese.
Long life and prosperity, ciao, gl
Scusate ma come si impostano numero caratteri e righe in OpenOffice?
Se apro a default mi fa molte più battute di quelle indicate già in una sola riga...

Qualcuno lo sa? Vorrei partecipare con il mio mio racconto! u.u

Forse è meglio dire colpita da un meteorite, perchè le meteore non lasciano traccia. Paolo sei un grande, grazie per la passione che metti in questo blog, è un piacere seguirti e qualche giorno parteciperò ad uno dei tuoi incontri. Ciao
Mangia un po di focaccia anche per me !!!!
L'impatto sarebbe stato "visibile da Terra a occhio nudo"? Come è possibile, tenuto conto che l'intera luna ha un diametro apparente di appena mezzo grado? Quali sono le fonti? Si hanno testimonianze dirette e attendibili di persone che lo hanno visto senza l'uso di alcuno strumento? È una notizia veramente incredibile!
"L'impatto sarebbe stato "visibile da Terra a occhio nudo"? Come è possibile, tenuto conto che l'intera luna ha un diametro apparente di appena mezzo grado?"

Se intendi dire che la dimensione dell'impatto era troppo "piccola" per essere visibile, considera che una stella è perfettamente visibile, eppure la sua dimensione angolare è molto inferiore ad un arcosecondo (= 1/1800 di mezzo grado). Al contrario di quello che dici, più la sorgente è concentrata (nello spazio e nel tempo) e più, a parità di energia, è visibile.

Per sapere se l'impatto sarebbe stato visibile da terra ad occhio nudo, basta valutare l'energia misurata (con gli strumenti) e scalarla alla sensibilità, ben nota, dell'occhio umano. Non c'è bisogno di una verifica sul campo.

pgc: vero. Le dimensioni angolari delle stelle sono infatti talmente minuscole che sono pochissime quelle di cui riusciamo a distinguerne il disco pure con i più potenti telescopi, e si tratta quasi solo di supergiganti rosse!
Riguardo le dimensioni angolari delle stelle e loro visibilità: che meraviglia si prova ad osservare il cielo notturno anche solo con un discreto binocolo? Quello che ad occhio nudo sembrava solo nero spazio vuoto d'improvviso diventa un tappeto di stelle...

per pgc:
"Se intendi dire che la dimensione dell'impatto era troppo "piccola" per essere visibile, considera che una stella è perfettamente visibile, eppure la sua dimensione angolare è molto inferiore ad un arcosecondo (= 1/1800 di mezzo grado). Al contrario di quello che dici, più la sorgente è concentrata (nello spazio e nel tempo) e più, a parità di energia, è visibile".

Una stella che non sia di elevtissima magnitudine apparente non è perfettamente visibile a occhio nudo se in prossimità del disco lunare; ne trarrei la conseguenza che un fenomeno luminos che ha luogo sulla superficie è ancora meno visibile ad occhio nudo. In effetti hai ragione sul fatto che il problema non è lo scarso diametro della luna (lo dicevo per far capire la differenza fra il filmato fortemente ingrandito, e ciò che si può vedere invece senza strumenti), ma è la sua altissima magnitudine. Se abbiamo difficoltà a scorgere ad occhio nudo elementi della superficie che non siano i mari (neanche crateri come Tychus o Copernicus sono visibili senza almeno un binocolo), non riesco a capire come potesse essere visibile l'impatto della meteora, che anche nel filmato fortemente ingrandito appare quasi puntiforme. Se è necessaria una freccia per indicarlo in un filmato ingrandito e rallentato, come poteva essere visibile ad occhio nudo?
John,
credo che l'impatto sia avvenuto in una zona, mare Imbrium, che il 17 marzo era scura al momento dell'impatto. Questo dettaglio in effetti non è stato notato da nessuno. Sulla luminosità degli oggetti puntiformi, considera che Andromeda ha la luminosità di una stella visibile anche in città, ma la si nota a malapena anche in condizioni ottimali proprio perchè emette luce diffusa.
saluti