skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Antibufala: mettere il cellulare in frigorifero protegge dalle intercettazioni?

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 28/06/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

Secondo un articolo del New York Times, l’ex collaboratore privato della NSA Edward Snowden avrebbe consigliato a un gruppo di avvocati cinesi che gli stavano facendo visita di porre i propri telefonini dentro il frigorifero dell’alloggio in cui Snowden si trovava: questo avrebbe isolato i cellulari dalla rete telefonica e avrebbe quindi reso impossibile usarli come microfoni per captare le loro conversazioni.

Ovviamente questa tecnica ha suscitato un notevole interesse fra chi ha esigenze (reali o meno) di totale sicurezza contro le intercettazioni ma porta comunque con sé un cellulare (un controsenso abbastanza bizzarro, visto che il telefonino consente una tracciabilità molto precisa), anche perché il consiglio arriva da una fonte apparentemente autorevole.

Ma è sempre meglio controllare, ed è quello che è stato fatto per esempio da Michael Colombo, di MAKE, che ha dimostrato in video che un frigorifero in realtà non annulla la raggiungibilità di un cellulare. Uno shaker per cocktail interamente in metallo, invece, si rivela un ottimo schermo isolante, e soprattutto è decisamente più facile da portare con sé.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).