skip to main | skip to sidebar
26 commenti

Disinformatico radio del 14 giugno

Scusate il ritardo, sto recuperando gli arretrati: ecco il podcast della puntata del Disinformatico di venerdì 14 (la puntata del 21 è saltata causa morbillo), con i rispettivi temi:

Le parole di Internet: metadati. Se ne parla tanto in relazione al cosiddetto “Datagate” o scandalo delle intercettazioni di massa da parte dell'NSA statunitense, ma cosa sono?

Antibufala: la “superluna” del 23 giugno. Non ha nulla di “super” se non nella fantasia di giornalisti che non sanno nulla di astronomia.

Pulp-o-Mizer: poster retrofuturistici personalizzati. Seguite il link e lasciatevi incantare, se vi piace la grafica del futuro come l'immaginavano le riviste di fantascienza dei primi decenni del secolo scorso.

35 anni di Space Invaders. Come passa il tempo: provo a ripercorrere la storia di un classico dei videogiochi.

“Wargames” compie trent'anni. Oggi che si parla tanto di guerra elettronica e informatica, è affascinante vedere come veniva vista la questione tre decenni fa: un giro nostalgico tra accoppiatori acustici e tubi catodici.

Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (26)
Piccolo refuso : la super luna è del 23 GIUGNO e non AGOSTO.
Buona guarigione.
Refuso corretto, grazie!
A me era parsa più grande di altre volte, io manco sapevo di questa cosa comunque, sono ignorante su 'ste cose. Quello che intendo dire è si poteva notare la cosa.
Wargames... visto tre volte! (o quattro?). Sempre affascinante, IMVHO.
Space Invaders!!!!!
Quanti ricordi!

Una partita: 100 Lire.

Il primo trucco!
C'era, infatti, un modo per ottenere sempre 300 punti (il massimo) dall'astronave. Mi ricordo che si sparavano un certo numero di colpi, poi si aspettava l'astronave e la si colpiva.
I più bravi lasciavano 9 o 10 robottini e cercavano di colpire più astronavi possibili. I robottini li sparavano solo quando raggiungevano "quote pericolose."
il fatto che il processore fosse così lento significava che man mano che il giocatore eliminava dallo schermo i nemici, quelli rimanenti si muovevano progressivamente e visibilmente più in fretta perché il processore aveva meno elementi da animare.

Ma non ci credo! LOL!
E io che pensavo che fosse voluto.


Qualche domanda da ignorante:

ma nelle sale giochi (arcade)

In che senso? "Arcade" non mi suona molto come la traduzione di sala giochi. E sì che ne ho frequentate tante.


se lo guardate insieme a degli adolescenti, preparatevi a parecchie pause per spiegare cos'era un accoppiatore acustico, (1)come facevano i computer a collegarsi tra loro se non c'era Internet, come mai i televisori erano così piccoli ma ingombranti e i telefoni avevano un aspetto così bizzarro, (2) che cos'era l'arte ormai quasi dimenticata del wardialing...

L'accoppiatore acustico possiamo anche lasciar perdere, ma (1) e (2) sono curioso :-)

Piccola nota OT: tempo fa ho visto coi miei alunni The Day After, e anche lì il lavoro è stato cercare di far capire che il clima di quegli anni era veramente così.
Una partita: 100 Lire.

Sì, e quando poi le portarono a 200 lire, funzionavano anche con le monete da 5 dinari della Jugoslavia (che al cambio era nulla).

C'era, infatti, un modo per ottenere sempre 300 punti (il massimo) dall'astronave. Mi ricordo che si sparavano un certo numero di colpi, poi si aspettava l'astronave e la si colpiva.

Confermo. E un metodo che ho visto spesso usare era lasciare solo i robottini laterali creando un grande varco al centro; scendevano relativamente veloci, ma c'era ampio spazio per colpire l'astronave.
I più bravi lasciavano 9 o 10 robottini e cercavano di colpire più astronavi possibili.
Giugn... Porca puddinga, ho esattamente l'età di Space Invaders!
Space Invaders: 5 anni fa abbiamo fatto un torneo di Space Invaders in ufficio (tutti sopra i 40 anni, allora), riesumato con il mitico MAME

MetaDati: quanto rumore per così poco! Alla fine non sono altro che "metà" dati!
ho visto coi miei alunni The Day After

Piccola nota OT nell'OT: ricordo ancora che mio zio scherzava sul film con i suoi amici, dicendo che "the day after" racconta la storia del decorso post parto di una vacca Frisona... (the day after = ve dei after, dove "vedei" sta per "vitelli" in veneto).

P.P.S. riguardo i commenti con Chrome: quando la casella di testo non prende il comando, ho notato che si evidenzia il tasto di Facebook "invia" (invia che?), accanto al classico tasto FB "Mi piace". Noto anche che con IE il tasto non c'è. Quando ricarico la pagina in Chrome il tasto appare, mentre quando apro la pagina per la prima volta il tasto non c'è. Sembra apparire al refresh e scomparire se si chiude la pagina e si riapre il link dal menù a destra... Ma che è FB "Invia"?
Mmh... dopo che ho inviato il commento, ecco che anche in IE appare il tasto FB "Invia", salvo scomparire se clicco sulla casella di testo per l'inserimento del commento... Tra l'altro sembra un tasto posticcio, appena un po' spostato verso il basso, non allineato... Adesso provo ad inviare questo e vedo se al refresh riappare sto tasto fantasma.
Tasto tornato. Sono sempre su IE, ma riesco a commentare senza problemi. Ho fatto lo screenshot.... Mapporc... ora il tasto è sparito di nuovo! Ora faccio lo screenshot anche del tasto sparito.
Un appunto sulla bufala della Super Luna Rosa. La "Pink Moon" per gli americani è la Luna Piena di Aprile, quella di Giugno è la "Strawberry Moon". Come mai nella traduzione della bufala sia slittato il calendario andrebbe chiarito (ci sto lavorando)
SuperLuna:
ad occhio nudo non ti accorgi della differenza. Ma accostando due scatti presi nei giorni giusti si ottiene questa foto!. Ok, su internet la si trova (e di qualità migliore della mia) praticamente ovunque, ma volete mettere la soddisfazione di avere la propria.

Wargames:
fantascienza pura: l'hacker secchione che si fà la più bona della scuola ;-)).

Angelo.

P.S. bentornato a Paolo, molto felice che tu stia meglio.
@ Angelo Rabellotti
Wow! Complimenti! Veramente bello l'accostamento. E' vero, se ne possono trovare di miglior qualità, ma comunque ottimo lavoro!
A questo proposito volevo porre, a voi del blog, una questione che mi è stata posto un paio di giorni fa da un mio conoscente che viaggia molto. Lui sostiene che, quando nei suoi viaggi si è trovato più vicino all'equatore, la luna gli appariva "molto più grande" rispetto a quando si trovava alle medie o alte latitudini. Ora, io mi ritengo un buon conoscitore dell'astronomia e ho risposto che mi sembrava molto strano che fosse così, quindi ho optato per la suggestione o il classico effetto ottico di quando la luna è bassa sull'orizzonte. Lui mi ha risposto che però l'ha vista piena e molto alta nel cielo ed era seriamente convinto che fosse più grande. A questo punto, come vuole la prassi scientifica, ho chiesto tempo per verificare le sue affermazioni perché effettivamente non sono mai stato più a sud della Sicilia e perché non potevo portare fonti attendibili che potessero contraddirlo, ma soltanto le mie supposizioni e ragionamenti. Qualcuno di voi sa se tale fenomeno ottico sia effettivamente riscontrato, anche se per quanto mi riguarda non vedo nessun motivo per cui dovrebbe essere così, oppure sa dare una spiegazione logica del perché il mio conoscente vedeva (o credeva dio vedere) la Luna più grande? Comunque gli ho consigliato di misurare il diametro apparente, la prossima volta che se ne andrà a sud...
Grazie a tutti!
@Giskard

Grazie dei complimenti.
Venendo al tuo amico, anche se le mie conoscenze di astronomia sono limitate, dubito che possa aver effettivamente visto la Luna piu' grande. Il raggio terrestre e' di circa 6300 km, la differenza tra vederla a casa nostra, piu o meno 45°N, e all'equatore è di circa 2000 Km (i calcoli fini sull'inclinazione del piano orbitale lunare e sull'eccentricità non uniforme dell'orbita della Luna li lascio volentieri ai professionisti). Forse con un telescopio dotato di oculare graduato, ma è già compito per un'astrofilo esperto. Vediamo se l'argomento intriga o Martinobri o PGC, che sono del "ramo"!
"Qualcuno di voi sa se tale fenomeno ottico sia effettivamente riscontrato, anche se per quanto mi riguarda non vedo nessun motivo per cui dovrebbe essere così, oppure sa dare una spiegazione logica del perché il mio conoscente vedeva (o credeva dio vedere) la Luna più grande? "

Interessante.

Puoi porre un paio di domande al tuo amico? Gli appare più grande dall'aereo mentre transita per l'equatore forse, o anche da terra? E quanto "vicino" all'equatore ha notato questo fenomeno?

Tra l'altro questo fenomeno è difficile da spiegare con la "horizon moon illusion", perchè per forza di cose la Luna in media (temporale) è più lontana dall'orizzonte mano a mano che ci si avvicina all'equatore.

Il fenomeno non può essere oggettivo. Chiaramente la differenza nella distanza osservatore-Luna è trascurabile.
Una possibile spiegazione è che per qualche motivo il tuo amico veda la luna più spesso quando sta nel suo sito all'equatore che in Italia, e che questo accada quando la Luna sta in preferenza vicino all'orizzonte (il che non contraddice necessariamente quello che dicevo sopra). Magari per condizioni di illuminazione, o per orari, o perchè vi sono montagne intorno, o meno inquinamento.

Solo un'ipotesi...

Mah, se l'osservatore non è un astrofilo MOLTO esperto, la valutazone delle distanze e delle dimensioni sulla volta celeste è decisamente soggettiva e soprattutto variabile di volta in volta.
Io regolarmente quando vedo le costellazioni del momento penso "toh, ma ieri mi sembrava più piccola/grande". O meglio, pensavo, perchè ormai non ci faccio più caso. Questo al netto dell'effetto orizzonte.
A questo contribuisce senz'altro il fatto che l'atmosfera più tersa (presumo) e la Luna più alta nel cielo (sicuro) la rendono più luminosa, e forse ciò che è più luminoso dà l'impressione di essere anche più grande.
Per me è un effetto non reale.
"e forse ciò che è più luminoso dà l'impressione di essere anche più grande."

Potrebbe essere anche vero il contrario: un oggetto visto attraverso polvere o nebbia (leggera) viene interpretato dal cervello come più lontano, e quindi più grande a parità di dimensioni angolari. Ma non sono sicuro che quello che conta siano le dimensioni assolute e non quelle angolari.

Per il resto condivido con te il fatto che la valutazione è molto soggettiva. Ho trovato almeno una menzione dell'idea che "vicino all'equatore la luna appare più piccola".
E per finire...

Il cielo prometteva una bella giornata: la luna, in un canto, pallida e senza raggio, pure spiccava nel campo immenso d'un bigio ceruleo, che, giù giù verso l'oriente, s'andava sfumando leggermente in un giallo roseo. Più giù, all'orizzonte, si stendevano, a lunghe falde ineguali, poche nuvole, tra l'azzurro e il bruno, le più basse orlate al di sotto d'una striscia quasi di fuoco, che di mano in mano si faceva più viva e tagliente: da mezzogiorno, altre nuvole ravvolte insieme, leggieri e soffici, per dir così, s'andavan lumeggiando di mille colori senza nome: quel cielo di Lombardia, così bello quand'è bello, così splendido, così in pace.
@Angelo, pgc e Martinobri:
grazie a tutti per le risposte... e per i link ;)
@ Martinobri:
Se fai una ricerca su internet trovi sia la spiegazione di che cosa era un "accoppiatore acustico" sia del termine "wardialer" (o "war dialer"). Ma è meglio che te la legga da solo perché io sono alquanto ignorante in fatto di informatica, elettronica e tecnologia e non sarei in grado di rispiegarti che cosa ho letto (per me il computer è "il cassone").
Su come facessero i computer a collegarsi tra di loro senza internet, invece, ho qualche vaga idea, ma probabilmente sbagliata... se qualcuno desse lumi pure a me ne sarei felice. :-)

Per quello che riguarda la luna invece mi viene in mente:
"Oh moon you che brilling in the cieel/ You are so pallid/ Why you are so pallid?/ Why don't you way un po' al mare/ and don't take un po' of sun?"
(Lupo Alberto)
Ah, beh, allora di Lupo Alberto c'è anche:

Lupo Alberto: Tuuu... pallida Lunaaa... perchèèèè...
Luna: per forza, hai idea di quanto tempo è che sto alzata di notte?
Allora, come dicevo ho indagato un po' per curiosità personale sulla bufala della superLuna Rosa.

Come ricordavo, la Pink Moon è in Aprile. Fonti:
http://en.wikipedia.org/wiki/Full_moon
http://www.space.com/19464-full-moon-names-2013.html

Ho notato che ad Aprile c'è stata anche una eclisse parziale di Luna, quindi proprio in coincidenza con la "Pink Moon". Mi sa che gli scribacchini italici incaricati di scopiazzare le notizie curiose dai giornali esteri, con uso massioccio di Google Translator, hanno fatto confusione tra l'eclisse di Aprile e la Luna al perigeo di Giugno (infatti su qualche sito USA c'era chi tentava di spiegare che l'eclisse non aveva nulla a che fare col termine "Pink").
@MartinoBri
l'accoppiatore acustico era un "culla" su cui appoggiavi la cornetta del telefono. Dove la cornetta aveva il microfono c'era un piccolo altoparlante e viceversa dove c'era l'altoparlante della cornetta aveva un microfono. Si collegava alla seriale o alla parallela del computer (non solo PC, un mio amico ricchissimo aveva quella per il Commodore 64, che invidia!) e come dice il nome accoppiava acusticamente telefono e computer. Un progamma apposito generava due toni sonori che venivano catturati dalle coppie di altoparlanti-microfoni per scambiarsi il flusso di bit. Era il classico "UiiiiUUIIIuIIIUUIIIIiiii" che ancora oggi ti prendi quando per sbaglio telefoni ad un fax, il quale presentandosi ti spacca i timpani!
Normalmente c'erano dei numeri di telefono da chiamare che ti fornivano vari servizi, i piu' usati erano le BBS (bulletin board system) cioe' le bacheche elettroniche, per scambiarsi messaggi ed antesignane dei moderni forum e blog. Ma c'era anche la possibilita' di scaricare file e software. Ai tempi dell'ITIS qualcosa riuscii a fare anch'io.

Per il wardialer devi cercare due parole: blu box e John Draper (aka Captain Crunch) che in pratica sono la stessa cosa!! Il tizio di elettronica ed informatica ne sapeva.
Ciao Angelo.