skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Quanto sono stupide le TV intelligenti?

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 07/06/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

Si parla tanto di “smart TV”, o “televisori intelligenti”: in pratica si tratta di computer a forma di televisore. Essendo computer, hanno gli stessi problemi di sicurezza, con l’aggravante che chi vende televisori non ha la stessa esperienza, in termini di sicurezza, di chi commercializza da anni computer tradizionali.

Un ricercatore tedesco, Martin Herfurt, ha ampliato il lavoro iniziato all’Università di Darmstadt e dimostrato che le lacune di sicurezza di questi televisori consentono la sorveglianza remota e permettono anche agli aggressori di prendere il controllo del computer integrato nelle “smart TV” tramite la rete WiFi.

Il problema riguarda in particolare le cosiddette HbbTV, o Hybrid Broadcast Broadband TV, televisori ibridi che usano le tecnologie di Internet per fornire contenuti aggiuntivi o consentire servizi supplementari rispetto alla normale ricezione dei programmi televisivi.

Il flusso di dati WiFi di questi apparecchi può essere analizzato per scoprire quali programmi vengono visti da un utente e anche per fornire allo spettatore informazioni fasulle. Le Smart TV usano infatti un browser Web che supporta Javascript, e questo rende molto facile dirottare le navigazioni dell’utente, per esempio portandolo a un sito-trappola per rubargli password o per altri raggiri, come l’inserimento di notizie false sullo schermo del televisore.

Herfurt ha sottolineato che le emittenti che usano l’HbbTV non hanno adottato le funzioni di base per la sicurezza (non usano cifratura e autenticazione SSL), per cui falsificarne i contenuti spacciandoli per autentici è molto semplice.

Il rimedio, per ora, è limitare l’uso di questi televisori a siti che non richiedono password e non raccolgono dati personali, oppure evitare del tutto l’uso del WiFi da parte delle Smart TV. Non è un granché, ma è tutto quello che si può fare in attesa che i fabbricanti di questi apparecchi rendano più sicure le tecnologie che ci vendono.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).