skip to main | skip to sidebar
8 commenti

Archeoinformatica: l’origine del Ctrl-Alt-Canc

Probabilmente l’abbiamo usata tutti almeno una volta nella nostra vita informatica, magari accompagnata da un’imprecazione, e abbiamo capito perché viene chiamata “saluto a tre dita” (alludendo al noto gestaccio a due dita): la combinazione di tasti Ctrl-Alt-Canc che serve solitamente per riavviare un computer Windows che fa le bizze.

Ma da dove viene, come è stata scelta e chi l’ha creata? I dettagli sono qui.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (8)
Se non ricordo male, la combinazione Ctrl-Alt-Canc è detta anche riavvio a caldo per distinguerlo dal riavvio hardware ottenuto con la pressione del tasto reset.

Questa combinazione divenne famosa con le prime implementazioni del plug 'n play. Infatti le "schermate blu della morte" erano quasi sempre causate dall'hardware malfunzionante o male installato e/o configurato.

L'installazione delle prime periferiche di questo tipo prevedeva tre fasi:

Prima fase, detta dell'ottimismo, era il momento più bello perché si collegava la scheda per la prima volta e... non funzionava subito, ma si sapeva e si tentava con il cuore pieno di gioia, pregustando il momento in cui tutto avrebbe funzionato per bene.
Il nome tecnico di questa fase era: "plug 'n try"

Seconda fase, detta della fede, era la fase a cui giungevano, dopo numerosi tentativi falliti, solo pochi ostinati che avevano fede in questa, all'epoca, nuova tecnologia.
Il nome tecnico di questa fase era: "plug 'n pray"

Terza e ultima fase, detta della disperazione. A questa fase giungevano solo coloro i quali avevano proprio bisogno della periferica che tentavano invano di collegare e, di conseguenza, non potevano mollare.
Il nome tecnico di questa fase era: "plug 'n cry".
Grazie per averci ricordato questa simpatica curiosità informatica... L'articolo di Wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Control-alt-canc contiene altre interessanti informazioni in merito al "three fingers salute" (LOL). In particolare l'equivalente combinazione sotto Linux (CTRL+ALT+PrtScr+B), che non conoscevo (prima di provarla consiglio caldamente di salvare eventuali lavori in corso).

Per la cronaca, su Ubuntu Linux CTRL+ALT+CANC fa comparire la richeista di terminare la sessione in corso.

Da non dimenticare poi il pratico accessorio, indispensabile quasi come un cacciavite fino all'avvento di Windows NT/2000. :-D
è che senza Windows non funziona ;)
@Guastulfo
ma perché il gestire gli IRQ a mano? Che tempi ;)
Beh dai, diciamo che da un bel po' di anni la combinazione riesce a far partire il task manager, che a volte ti consente di non riavviare :D
A me invece piacerebbe sapere quale genio ha avuto l'idea di trasformarla da un comando di reset pressoché immediato a un'apertura di finestra di opzioni (che, "stranamente", se il PC è seriamente bloccato non si apre...), nonché di usarla come combinazione di accesso per Windows XP se si è attivata la protezione con password.
nonché di usarla come combinazione di accesso per Windows XP se si è attivata la protezione con password.

Per impedire il funzionamento di programmi di login fasulli. L'articolo su wikipedia ha maggiori dettagli.
Bellissimo il commento finale dell'autore (nel post originale) :

“I have to share the credit,” Bradley joked. “I may have invented it, but I think Bill made it famous.”