skip to main | skip to sidebar
67 commenti

Il trailer di “Gravity”

Solitamente non faccio pubblicità ai film che non ho ancora visto, e nessuno mi sponsorizza per farlo in questo caso, ma il trailer di Gravity che potete vedere qui sotto è veramente notevole, sia per l'ottimo livello di realismo degli effetti visivi, sia per la sua forte dimostrazione che non c'è bisogno di aggiungere tecnologie futuribili, esplosioni, raggi laser e mostri intergalattici, o di violare le leggi della fisica, per rendere palpabile il concetto che lo spazio è un posto dannatamente pericoloso.


Ma lo spazio è anche la frontiera sulla quale saremo chiamati, prima o poi, a confrontarci con i nostri limiti e con il nostro futuro come specie, per cui sarà meglio abituarsi all'idea.

Nel giorno del quarantaquattresimo anniversario del ritorno sulla Terra di Michael Collins, Neil Armstrong e Buzz Aldrin dopo la missione Apollo 11 che sbarcò per prima sulla Luna, è un po' triste pensare che la promessa di esplorazione dello spazio profondo che all'epoca sembrava facile e imminente da mantenere è rimasta in sospeso per decenni e vi resterà ancora per qualche anno, fino a quando saranno pronti i nuovi veicoli per il trasporto di equipaggi oltre l'orbita terrestre e la Stazione Spaziale ci avrà fornito l'esperienza di lunghe permanenze nello spazio che ci serve per qualunque destinazione planetaria. Nell'attesa possiamo anche permetterci un po' di fantasia spaziale hardcore, basata su veicoli reali e situazioni reali (o quasi): è un buon modo per educare divertendo.


2013/07/26


È stato pubblicato un altro trailer decisamente vivace: lo potete vedere qui sotto. Stavolta c'è di mezzo la ISS. Non sarà iperrealistico, ma il livello di libertà che ha oggi un regista grazie agli effetti speciali è meraviglioso, se lo confrontiamo con quello che aveva, per esempio, Stanley Kubrick per 2001 Odissea nello spazio.

Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (67)
Beeeellloooo!!! Uff...dovremo aspettare più di un mese per vederlo...
L'idea dello zainetto con i propulsori è stata mai sperimentata? Esiste un prototipo? Oppure anche se è tecnicamente realizzabile non è pratico?
spero che agli astronauti sulla ISS non venga in mente di vedersi il trailer, altrimenti non so quanto bene possano poi dormire...
Scusate, sono di corsa e non ho il tempo di vedere il trailer, ma così a naso direi...
Los Angeles, 1984, cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici estivi...
Zainetto con propulsori:
si esiste ed è gia stato sperimentato da tempo. Già durante le missioni Skylab si effettuavano prove all'interno della Stazione Spaziale (che era molto spaziosa). Successivamente nel 1984 l'astronauta Bruce McCandless divenne famoso come primo uomo ad effettuare attività extraveicolare in completa libertà, cioè senza rimanere agganciato al veicolo spaziale mediante qualche sistema di sicurezza. La missione fu la STS-41-B.
Ho avuto la fortuna di incontrato Bruce nel 2008 a San Diego e mi ha confermato che la sua esperienza è paragonale a quella di Neil Armstrong quando posò il piede sulla luna. Mi ha detto: "Vedere lo Shuttle lontano e la Terra che ti ruota sotto... un'esperienza incredibile!"
Non mi convince il clima di panico. Gli astronauti ricevono addestramenti severi e vengono scelti solo dopo approfonditi test psicologici. Credo che mantenere il sangue freddo riesca del tutto automatico per loro, Parmitano ne è stato buon esempio. Più accettabile una reazione emotiva da parte del personale di terra.
Dal trailer sembra assurdamente bello, oltre che assurdamente aderente alla realtà (niente esplosioni ne rumori, quando avvengono gli impatti)... credo che andrò assolutamente a vederlo.
Ops... mi sa che si parlava di zainetti simili nello spazio e non a terra... sorry,,,
Acc.. la fretta :-(
Ehm... A me questo trailer non è piaciuto molto. Mi sembra infarcito di errori, poco "verosimile", con CGI di scarsa qualità... Ma il film me lo vedo lo stesso naturalmente :)

Riguardo lo zainetto con i propulsori, tutti gli astronauti impegnati in una EVA dalla ISS lo indossano. Si chiama SAFER ed assicura il ritorno alla "base" nel caso l'astronauta dovesse perdere per un errore o per un guasto la connessione con la ISS.
S P E T T A C O L A R E. Mi si perdoni le maiuscole!
hum fammi indovinare 90 minuti di flash back e introspezione fino alla morte della protagonista per fine dell'ossigeno.

Come Buried, ma nello spazio! (e senza zippo)
Paolo vorrei una tua opinione, se ti fa piacere e se ti va di darmela, in merito all'esplorazione spaziale. Sarò breve. Voglio dire: non siamo nell'universo di Star Trek o Star Wars o in tutti i racconti e/o film di fantascienza, con tutta la tecnologia avanzata di cui godono per percorrere spazi siderali in poco tempo. È quello il problema vero e proprio dell'esplorazione dello spazio. Tralasciando raggi cosmici ed effetti della gravità. Come possiamo esplorare oltre il sistema solare se anche l'astronave più veloce creata dall'uomo impiegherebbe mesi per arrivare ad esempio su Marte, considerando che è solo ad "un tiro di schioppo" da noi?! E che la velocità della luce è un limite irraggiungibile ed invalicabile per legge di natura (Da quel che ne sappiamo!). Secondo te ci arriveremo un giorno a tecnologie del genere o questo resterà solo fantascienza? Questo per dire che non vedrò mai un motore a curvatura! :)
Francesco,

posso solo darti un'opinione personale da cultore del settore ma non da addetto ai lavori.

I tempi di viaggio dentro il Sistema Solare sono riducibili se si è sufficientemente motivati. Non è questione di tecnologia (la propulsione nucleare, per esempio, esiste dagli anni Sessanta), ma di quanto ci teniamo e quanto vogliamo spenderci.

Sul futuro sarebbe pretenzioso mettere ipoteche in merito a cosa si potrà o non potrà fare, per cui è anche possibile che si trovino soluzioni tecnologiche oggi inimmaginabili.

Una cosa è certa: se non impariamo a viaggiare nello spazio, prima o poi faremo la fine del pollo allo spiedo, perché il Sistema Solare non è eterno e un asteroide cicciottello può sempre annientare l'intero ecosistema terrestre. Per cui l'astronautica è in sostanza un imperativo biologico.
Mi permetto di aggiungere un piccolo dettaglio al commento di Luigi P.

Lo zainetto progettato e collaudato da McCandless, con annessa storica foto scattata dal Challenger, e` il MMU, Manned Maneuvering Unit, diverso dal backpack adoperato nelle EMU odierne, ovvero il SAFER (come gia` indicato da pgc)

E` stato usato complessivamente per sole 3 missioni, cioe` quella di McCandless, piu` altre due per la cattura/riparazione/recupero di satelliti "guasti" - si trattava del periodo in cui i booster che avrebbero dovuto portarli nella loro orbita corretta fallivano quasi sistematicamente, e quindi spesso toccava recuperarli e riportarli a terra.

Da allora, lo MMU e` stato via via abbandonato (se non ricordo male, in tutte le missioni intercorse tra il primo test fino al disastro del Challenger addirittura smisero di trasportarlo per risparmiare peso, trattandosi di quasi 150 kg di armamentario)

Il SAFER e` l'erede diretto dello MMU, piu` economico, *molto* piu` leggero (circa 40 kg) e piu` affidabile del MMU (fin'ora l'unico incidente operativo e` stata la disconnessione accidentale dalla EMU durante un EVA, risolto nelle EVA seguenti con del nastro adesivo per bloccare la levetta onde evitarne lo sgancio accidentale).


Comunque, tornando in topic, concordo anch'io con pgc, il trailer mi ha lasciato abbastanza perplesso, probabilmente non sara` come il vecchio Armageddon (con una CGI e una fisica *davvero* scandalose), ma ho il vago sentore che potrebbe essere un buon candidato per quel giochino che NASA fa proprio con Armageddon

Naturalmente lo guardero` anch'io :)
...ma soprattutto, Paolo, non potevi usare "Europa Report" per esprimere gli stessi concetti, visto che quello è *veramente* considerato uno dei film di sci-fi più realistici e accurati scientificamente? Non é che hai sbagliato trailer??? :)
pgc,

non potevi usare "Europa Report" per esprimere gli stessi concetti,

Non l'ho ancora visto. Spero di poterlo fare.
Per prima cosa, esiste il trailer anche in italiano. Vabbé che fa tanto fico far vedere che si conosce l'inglese però sempre italiani restiamo. La nostra lingua non disdegnamola. Qua il trailer in italiano: http://www.youtube.com/watch?v=3zta4DwHq0I

Riguardo la qualità del trailer, non mi ha colpito particolarmente. Anche qua, a differenza di alcuni commenti, io ho sentito fin troppi "impatti" e "rumori spaziali". Anche questo film, come tutti quelli ambientati nello spazio, non credo sarà molto scientifico.
Paolo, la tua risposta mi hai ricordato questa frase da Babylon 5:
"Whether it happens in a hundred years or a thousand years or a million years, eventually our Sun will grow cold and go out. When that happens, it won't just take us. It'll take Marilyn Monroe, and Lao-Tzu, and Einstein, and Morobuto, and Buddy Holly, and Aristophanes…[and] all of this…all of this…was for nothing. Unless we go to the stars."
Paolo non sono d'accordo quando dici che se non esploriamo lo spazio prima o poi faremo la fine di un pollo allo spiedo a causa di qualche meteorite e che l'astronautica è un imperativo biologico...quando accadrà un evento del genere (tra circa qualche milione di anni) ci saremo già estinti da un pezzo.
Questo trailer mi ha davvero colpito, come da tempo non accadeva.
Andrò sicuramente a vedere il film!
E guardate che il regista, Alfonso Cuaron, è un Maestro che ha fatto un film come Children of Men, che, se non avete ancora visto, è tempo di rimediare a questa grave mancanza!
Un regista eclettico, che ha fatto anche un Harry Potter e Y Tu Mamá También (altro capolavoro).
Sto guardando il sito ufficiale/virale di "Europa Report" http://www.europaventuresllc.com/
Ma ho dei dubbi sulla verosimiglianza. Quella scena in cui gli astronauti pranzano... mah, sembrano in una abitazione terrestre, con la gravità terrestre. Mi sbaglio? ho perso qualche spiegazione sulla trama?

Per quanto riguarda il trailer di "Gravity" invece ci sono troppe stelle nel cielo, vero Paolo? :-)
Molto bello il trailer, però accidenti, sempre tragedie pazzesche!

@alexandro

Appunto, sono preparati a gestire problemi gravi , non all'apocalisse spaziale come si vede nel trailer. :D
Vabbé che fa tanto fico far vedere che si conosce l'inglese però sempre italiani restiamo.

Non ho segnalato il trailer inglese perché voglio fare il fico e far vedere che conosco l'inglese. L'ho segnalato perché io sono madrelingua inglese. Magari prima di criticare potresti informarti.

A parte questo, sinceramente preferisco i film in originale. Tutto qui.

Grazie, comunque per la segnalazione del trailer doppiato in italiano.
morby,

quando accadrà un evento del genere (tra circa qualche milione di anni) ci saremo già estinti da un pezzo.

Come fai a esserne così deprimentemente certo? Hai una macchina del tempo? Sei chiaroveggente?

E poi dicono che sono io quello che mena gramo... :-)
Diego,

Per quanto riguarda il trailer di "Gravity" invece ci sono troppe stelle nel cielo, vero Paolo? :-)

Sempre troppe per il realismo, ma necessarie per dare profondità. Del resto, se ce le mise Kubrick, ce le può mettere anche Cuaron :-)
Scusate l'OT ma se velete vedere e/o avere info su Europa Report (anche per italofoni puri) vi segnalo questo link:

http://leganerd.com/2013/07/25/europa-report/

Gravity comunque è da tempo sulla mia checklist!
Bello ma ... sono troppo fresco dall'aver visto le EVA vere di Parmitano per dire che questo è realistico.
Massimo rispetto per il bravissimo Alfonso Cuaròn, ma la cosa che ho maggiormente apprezzato del trailer è la musica di Arvo Pärt sui titoli di coda. Peccato ci sia solo l'inizio, è un brano bellissimo.
Musica che mi ha fatto ricordare un bel film di qualche anno fa, Heaven. C'entra nulla con Gravity, ma lo consiglio a tutti.
Il rumore, secondo me, è invece dosato al punto giusto.

Infatti i rumori si sentono sono le sono dovuti a un contatto con la tuta (per esempio dovuto a dei detriti, o al moschettone del cordone di sicurezza).

PURTROPPO non sono mai stato nello spazio per potervelo confermare ( :'( ) ma me la sento di ipotizzare che questo tipo di rumori siano possibili.

Se proprio volete essere pignoli, allora anche le voci non dovrebbero sentirsi, ma solo quando l'inquadratura rispecchia il punto di vista di un astronauta...
A me questo trailer piace molto e non vedo l'ora di vedere il film e non solo perché c'è George Clooney, ma perché il regista è Alfonso Cuaron, che, come ha già detto Fiz, ha diretto un film memorabile come "I figli degli uomini" e, se non ricordo male, aveva messo mano pure alla sceneggiatura de "Il labirinto del fauno", diretto da Guillermo del Toro (vado a memoria: se mi sbaglio mi corrigerete!).
Per la cronaca, per quello che riguarda Guillermo del Toro, è pure il produttore di "Pacific Rim", che invece è un film di fantascienza molto fracassone "de menare" (pure se godibile e divertente), consigliato ai fan di Go Nagai e della saga di "Evangelion".

Per quello che riguarda l'esplorazione spaziale ricordo che già Rubbia aveva progettato nuovi modelli per viaggiare nello spazio, ad esempio in direzione di Marte, senza dover dipendere dalle cosiddette finestre gravitazionali. Sono cose che avevo letto già più di dieci anni fa.
Tra i possibili sistemi di propulsione all'interno del sistema solare si era pensato pure a sfruttare la spinta del vento solare ("ecologici" velieri solari! ;-D).
Per quello che riguarda viaggi più lunghi oltre il sistema solare l'ipotesi forse più accreditata ai giorni nostri (almeno da quello che avevo letto) è quella di creare intere "comunità" viaggianti: grandi astronavi con una struttura cilindrica che ruota sul proprio asse in modo che la forza centrifuga simuli quella gravitazionale sulle pareti che ospitano intere comunità (oltre che a sistemi di coltivazione e allevamento per rifornirle del cibo necessario) destinate a partire ma a far giungere a destinazione i loro discendenti.
Io poi non sono per nulla esperta di tecnologia e di esplorazione spaziale: avevo letto notizie di questo genere su Airone (quando ancora era la risposta italiana al "National Geographic". Sono già un po' di anni che non lo compero più, da quando la qualità è sceduta miseramente).

Per quello che riguarda la durata delle specie sul pianeta terra è vero che ogni forma biologica prima o poi va incontro all'estinzione, ma alcune specie (o gruppi di specie) sono decisamente più "durature" di altre. Basti pensare a tutte quelle specie apparse prima dei dinosauri e rimaste sino ai giorni nostri.
Il genere umano, per come sta (mal)trattando il pianeta che lo ospita (l'unico luogo in cui, fino ad ora, può vivere) dà l'idea che sia destinato ad una estinzione piuttosto rapida, ma è anche vero che la nostra specie ha anche grandi potenzialità, ad esempio la capacità di immaginare, che potrebbero portarlo a superare i propri limiti. L'esplorazione, la colonizzazione e la terraformazione di pianeti più o meno vicini, potrebbero essere una delle delle possibili soluzioni che il genere umano potrebbe attuare per superare problemi come quelli determinati dalla sovrappopolazione mondiale e dalla carenza di risorse.

Tutto sta a vedere quanto impegno e risorse potranno essere messe a disposizione di simili progetti.
cacchio ancosciante...

voglio vederlo!!!
Sarà che ho visto in diretta l'EVA di Parmitano, ma nonostante qualche perplessità sulla CGI (e qualcuna "a posteriori", quando ho letto "Sandra Bullock" ;-P ) questo trailer mi ha piuttosto angosciato (per quanto possa angosciare il trailer di un film).
curiosissimo, dato che "Children of Men" mi è piaciuto tantissimo
Sai Paolo, spero come te che il nostro prossimo confine sia lo spazio. Ma disgraziatamente dobbiamo risolvere rogne che ci assillano su questo infimo puntino blu. Quel che è peggio rogne che ci creiamo noi. Ma pensare che sia quello quello che ci aspetta e cominciare subito a provarci aiuta tanto.
Caspita, ho letto adesso tutti i commenti! Solo io ho scritto un bel po' di banalità! Abbiate pazienza... Troppi spritz stasera.
ma questa è la realtå:

[img]http://www.nasa.gov/images/content/124650main_fd9_s114e6642_hi.jpg[/img]
Paolo dixit:
"cacchio ancosciante..."

Commento di due parole di cui una è una parolaccia, l'altra è scritta sbagliata, la lettera iniziale è scritta in minuscolo e l'interpunzione è mancante...
RECORD MONDIALE!!!
:-)
[quote-"Michele/ENERGIA"-"/2013/07/il-trailer-di-gravity.html#c3827729861542682470"]Per prima cosa, esiste il trailer anche in italiano. Vabbé che fa tanto fico far vedere che si conosce l'inglese però sempre italiani restiamo. La nostra lingua non disdegnamola.[/quote]

Da quando ho iniziato a guardare film e telefilm in lingua originale, non sono più riuscito a guardarne mezzo in italiano, tanto è abissale la differenza nella resa dei dialoghi. Sarà anche la nostra lingua, ma non è la lingua in cui certe opere vengono pensate e realizzate.
Poi che non sia alla portata di tutti è un'altro discorso, ma di motivi per disdegnare l'italiano nell'industria cinematografica ce ne sono eccome: basti vedere quanti personaggi diversi sono stati doppiati sempre dallo stesso Luca Ward per esempio, o al contrario quanti doppiatori diversi ha avuto Samuel L. Jackson. Per quanto buone possano essere le performance, si perde troppo della caratterizzazione degli attori.
@Diego Cuoghi

--------------Sto guardando il sito ufficiale/virale di "Europa Report" http://www.europaventuresllc.com/
Ma ho dei dubbi sulla verosimiglianza. Quella scena in cui gli astronauti pranzano... mah, sembrano in una abitazione terrestre, con la gravità terrestre. Mi sbaglio? ho perso qualche spiegazione sulla trama?---------------

La nave dispone di un braccio rotante alle cui estremita' si trovano i moduli abitativi. La gravita' artificiale risulta dalla forza centrifuga generata dalla rotazione.
Nella realta' (come poi ho guggolato), perche' abbia senso, un sistema del genere dovrebbe avere dimensioni ben maggiori di quelle della nave del film, ma se non lo si sa non disturba :-)

"Whether it happens in a hundred years or a thousand years or a million years, eventually our Sun will grow cold and go out. When that happens, it won't just take us. It'll take Marilyn Monroe, and Lao-Tzu, and Einstein, and Morobuto, and Buddy Holly, and Aristophanes…[and] all of this…all of this…was for nothing. Unless we go to the stars."


Beh, anche se andremo to the stars, the stars non sopravviveranno al Big Crunch o alla Morte Termica.
Non ce la scamperemo... è solo questione di tempo.
Un astronauta che ruota velocemente su se stesso può avere lo stimolo al vomito? Non so come interagisce l'orecchio a questa situazione ma, ipotizzo, se uno chiude gli occhi non ha alcuna idea di roteare. Come fa, quindi l'astronauta del film a dire che sente di dover vomitare? (E' ovvio che in quel momento stia a occhi ben aperti nel tentativo di risolvere il problema...)
Michele/ENERGIA, in realtà è più un effetto dovuto alla forza centrifuga che alla gravità. Roteare su sé stessi anche in assenza di gravità può provocare sensazioni spiacevoli, tipo il "mal di mare".
"in realtà è più un effetto dovuto alla forza centrifuga che alla gravità."

Forza centrifuga e gravità sono la stessa cosa localmente (principio di equivalenza), ma non su spazi abbastanza ampi. La rotazione intorno ad un raggio "piccolo" provoca forze che sono differenti a seconda dell'area del corpo. Inoltre, se si ruota o ci si sposta si provocano forze di Coriolis. Entrambi questi fatti ingannano il labirinto e provocano nausea.

Ho letto da qualche parte che infatti soluzioni alla "2001" provocherebbero problemi analoghi all'assenza di gravità. Ovviamente se la struttura fosse abbastanza grande, invece, funzionerebbe.
Nel nostro piccolo cinema di provincia (Varazze ) lo diamo il 03/10/2013 ....quasi sicuramente l'ultimo film su pellicola, dato che passeremo dal 15 al digitale... :)
Filmone...peccato poca gente...
Cmq Filmone
Visto ieri sera. Capolavoro assoluto, entrato dritto come un fuso nella mia personalissima top five dei film più belli mai visti!
Visto ieri sera in 3D, film destinato a diventare un cult. Bellissimo! E se anche Cameron dice che è "il miglior space movie mai realizzato" ci sarà un motivo! Consiglio di vederlo in 3D.
Mah... sicuramente notevole, sicuramente sopra la media, ma, fisico di Sandra Bullock a parte, non mi ha entusiasmato.
A mio parere ci avrebbe guadagnato esagerando un po' meno. Sopra le righe il personaggio di Clooney, eccessivi tutti i saltelli, i rimbalzi, gli appigli afferrati all'ultimo, che fanno tanto Rambo nello spazio.
In particolare mi lascia perplesso la citazione da WALL-E.
Da vedere, eh, però non andrei a rivederlo. Che è il mio metro per capire se un film è veramente bello.
Per intenderci, La Sposa Cadavere solo al cinema l'ho visto 18 volte.
Visto in 3D e vale senz'altro la pena, però (come del resto nel caso di "Avatar", e di molti altri film contemporanei) gli effetti visivi, straordinari quanto vi pare, IMHO prendono troppo il sopravvento non dirà su quello che una volta si chiamava il "messaggio", ma anche solo sulla storia da raccontare. Alla fine, uno (o almeno il sottoscritto) si interroga, "bello, bellissimo... ma cosa diamine [espressione eufemistica] vuol dire?"
Film visto! Fotografia spettacolare (grazie NASA) e carino, anche se mi sa che ci sono un paio di castronerie... :D
Film visto l'altroieri. Molto molto bello visivamente, estremamente curato nei particolari "hardware" (ISS, Shuttle, Soyuz) fino alla definizione maniacale dei dettagli, meno per quanto riguarda il "vestiario" (l'esterno delle tute è realistico al massimo, anche qui maniacalmente definito, ma manca completamente tutto il sottotuta ...). Per quanto riguarda la storia invece non voglio spoilerare, per cui mi limiterò a dire che tanto è positivo il voto delle ricostruzioni tanto è negativa la plausibilità di varie cose.
>(l'esterno delle tute è realistico al massimo, anche qui maniacalmente definito, ma manca completamente tutto il sottotuta

Meglio
Ossignù...
http://video.corriere.it/gaffe-reporter-col-regista-gravity-sono-state-difficili-riprese-spazio/92e4650c-37dc-11e3-91d2-925f0f42e180
@martinobri
>(l'esterno delle tute è realistico al massimo, anche qui maniacalmente definito, ma manca completamente tutto il sottotuta

Meglio


Ok, Sandra Bullock "è bbona" (come direbbero nel Lazio), ma personalmente vederla in canotta e pants non è proprio il massimo, considerando che si è pure pompata la muscolatura per fare questo film.
Poi comunque è sempre meglio vedere lei in tuta che Clooney in canotta e pants (e per nostra fortuna lui non appare mai in quelle condizioni ...)
Vittorio
vederla in canotta e pants non è proprio il massimo

La perfezione non è dei film americani :-)
Come diceva il saggio oratore, "quando credi che il tuo discorso sia perfetto, devi ancora togliere, togliere e togliere".
Faber re del mondo!
Ma se invece andassi io al cinema a vederlo in canotta e pants? E sciabbatte, naturalmente...
Sandra Bullock dopo avere tolto tutto, ma veramente TUTTO.
@martinobri. urca anche a me è piaciuto moltissimo la sposa cadavere ma 18 volte..... :)
Visto.... mah... bello è bello... avvincente è avvincente... spettacolare è spettacolare... profondo è profondo...

Potrei continuare per ore a decantare i lati positivi di questo grande film. Ma non mi ha colpito. Sono contento di averlo visto, ma una volta finito sono tornato al solito tran tran. Qualche pensiero è andato solamente ad alcune cose che di scientifico hanno ben poco. Ma nulla più.

Da rivedere sicuramente.
>anche a me è piaciuto moltissimo la sposa cadavere

A proposito, ieri era l'ottavo anniversario dell'uscita in Italia. Gaudeamus.
Anche a Chris Hadfield ha qualcosa da ridire sul film.

O forse no? ;)
@pgc

LOL !

Comunque la gravita' e' cosi last week...il futuro e' "Intelligent Falling":

http://www.theonion.com/articles/evangelical-scientists-refute-gravity-with-new-int,1778/
martinobri, ma ti piace in generale tim burton o proprio la sposa cadavere e basta?
@ Riobaldo

.... ecco... mancava l'Intelligent Falling... C'era qualcuno che non era d'accordo sul fatto che l'uomo è bravissimo a cacciare sempre iddio nei meandri ancora oscuri della scienza? Eccallà...

:D
>ma ti piace in generale tim burton o proprio la sposa cadavere e basta?

Amo Tim Burton in genere, salvo qualche passo falso che capita a tutti. Poi, nell'ambito della sua produzione, c'è il top: La Sposa Cadavere, Big Fish, Edward Mani di Forbice, Ed Wood, Il Mistero di Sleepy Hollow, La Fabbrica di Cioccolato...


...già, li ho detti quasi tutti :-)